GPM!

galassia

Il nostro C/S ha “scovato” alcuni scritti interessanti di Ron degli anni 60, volentieri li pubblichiamo, siamo certi possano essere utili ai ricercatori di verità del condominio,

Buona lettura!

DATI SULL’R6 DAL SHSBC

 

Questi sono estratti presi dalle conferenze del SHSBC. Lo scopo è dare una visione del significato originario di R6. Come noterete sono cose abbastanza dimenticate e poco conosciute, ma sono di grande valore. Altra cosa che vi invito a notare è l’incongruenza tra questo R6, ed il significato che ne viene attribuito in seguito su OT III.

BACKGROUND

Queste conferenze si collocano tra il ’64 e il ’65. In questo periodo il più alto livello di auditing era l’R6 GPMI che sta per: R6 percorrere GPM per Items. E’ un procedimento poco conosciuto e si trovano poche informazioni a rigurdo. I GPM di questo R6 sono formati da 18 items, in un line plot specifico, al quale si aggiunge una End Word. Ogni EW va su tutte le linee del line plot e forma un GPM, l’EW è il comun denominatore del GPM. Questo è completamente differente dal materiale che verrà trovato in seguito, il quale è più semplicemente una coppia in opposizione senza line plot… mi riferisco al Clearing Course, il quale è stato ricercato tra la fine del ’65 ed il ’66. Altra cosa da ricordare, è che prima si pensava che nel core del bank ci fossero implant, poi la cosa è cambiata dicendo che invece erano i GPM Reali (quelli formati dal PC), poi è cambiata ancora. Alla fine, con il Clearing Course, si è affermato che il core è formato da GPM implants. Inoltre, per Ron, quando uno ottiene la Clear COG tutte queste cose spariscono. In queste conferenze viene detto più di una volta. Ma è davvero così? Questo è per darvi una comprensione della cosa, spero vi sia utile.

1) Estratto dalla conferenza del SHSBC – Clearing, che cos’è

Omissed

Ora sta percorrendo cose chiamati GPMs. Essi sono intimamente associati con cosa fa (crea) una mente. Come mai fa tutte queste cose? Perché è sulla traccia del tempo? Vedete, sta maneggiando altri tipi di problemi. (…) Abbiamo un individuo che appare come un individuo e attraverso la comprensione di cosa è attorno a lui, gli esatti maneggiamenti di masse e significanze attorno a lui, il suo graduale riemergere e le COG su cosa sta accadendo, stiamo cancellando il suo intero concetto di esistenza per rimpiazzarlo con una totale knowingness sull’esistenza. (…)Le aberrazioni che state togliendo dal R6, non sono aberrazioni datate. Questo è ciò che le rende così dure. Non sono un qualcosa che, quando datate sul meter, se ne vanno. Provate a datare un GPM sul meter un giorno. Data come “ora” perfettamente. Vedete, non è un qualcosa che è accaduto nel anno 2681 A.C o simile. Questo è piuttosto differente da un implant, qualcosa che è avvenuto dentro l’universo. Potete datare un implant, non mi importa se sapete il line plot o meno, ma lui andrà via bzzzz. Voi l’avete messo sulla traccia del tempo, in altre parole avete adeguato la cosa in relazione al tempo. Bene, l’avete messo contro il GPM in relazione al tempo e, ovviamente, accadono alcune cose molto interessanti. Ottenete ogni engram o esperienza, del genere di cui stiamo discutendo riguardo al clearing, e dovete solo datarlo per far sì che tenda ad andarsene bzzzz. Trovate l’esatta esperienza che state cercando e la datate bzzzz. Il PC non avrebbe possibilità di riavere la cosa indietro. Ok, ma da dove viene questo tempo in cui lo state datando? Ho reso l’idea che siamo in un campo totalmente differente? Ora ci stiamo ponendo questa domanda: “da dove viene il tempo che state datando durante il clearing?” Ah, bene, ora siamo nel campo del R6, siamo nel campo di OT. Siamo nel campo della ri – creazione del individuo, siamo nel ambito del individuo che sale su fino a causa totale. E’ una strada molto molto lunga e ardua, anche allora. Non è una strada breve

2) Estratto dalla conferenza del SHSBC – Anatomia del bank e della traccia (confidenziale)

C’è una cosa chiamata mente reattiva. La composizione totale della mente reattiva consiste nei seguenti fattori: ci siamo? (ride) Bene, ha lock, secondari ed engrams. Capito? Bene, in aggiunta a questi lock, secondari ed engram, una delle cose più di nota che possiede e che appare una volta che iniziate, sono gli implant, i GPM implants con le loro diverse forme e varietà, essi creano piccole masse nere con cui è piuttosto interessante scontrarsi. Possono essere percorsi su quasi chiunque e questi GPM implant sono compresi nel Classe V. La vecchia Dianetics aveva a che fare con locks, secondari ed engram e ora il Classe V ha a che fare con gli implant e le sue varie ramificazioni.

Omissed

Ora, in ultima analisi, un GPM è composto di massa e significanza è localizzato e così via, ma non dovete preoccuparvi troppo del fatto che ha del tempo, perchè non ci importa davvero nulla a che tempo è datato perchè è tempo. Una delle ragioni per cui è molto difficile trovare la cima o il fondo del bank, è perchè esso è il tempo stesso. Quindi voi provate a trovare la cima del bank ed essa sarebbe la parte che è stata fatta per ultima. Si, come potrebbe esserci un “ultimo”, quando la cosa di cui è fatta è sia primo che ultimo. In altre parole, le caratteristiche che normalmente assegnate agli oggetti nella loro posizione, localizzazione ed età, queste cose spariscono quando entrate nei GPMs. Ora, voi potete dire, si percorre in quest’ordine. Oh si, lo fa e sarà meglio che lo percorriate in quell’ordine, così voi dite: inizia qui, va lì e così via. Questa è semplicemente una specie di basic, è più facile iniziare qui ed andare lì. Vedete? Perché non c’era nessun inizio e nessuna fine. Ma c’è una significanza di iniziare e fermare in esso, e se non era per i GPMs, non ci sarebbe alcuna significanza sul iniziare e fermare. Come vi pare questo? Vedete? La cosa esiste nello spazio, ma il GPM si crea lo spazio in cui esistere. Ha un età, ma esso stesso si crea la propria età (risata). Pertanto diciamo: questa è la prima End Word (Parola finale – EW). Bene, abbiamo detto che questa è la prima cosa della cosa che crea un “primo”, vedete. Non sarebbe necessariamente un primo engram. Non ci potrebbe essere realmente un primo EW. Questo è il motivo per cui è molto difficile coglierlo a prima vista, perché tutti cercano di afferrarlo ma sono tremendamente influenzate da esso. E le considerazioni che le persone hanno sulle cose, sono causate dalle considerazioni e significanze che sono nei GPMs. Vedete? Un serpente che si morde la coda, è questo genere di problema. Un serpente che si mangia e poi sparisce. Questo è ciò che avviene quando percorrete un GPM. Ora la considerazione del tempo, dello spazio, energia e tutte le varie cose di cui è composto un GPM sono contenute come significanza nel GPM. Molto, molto enigmatico. Quindi qualcuno prova a capire la vita sedendosi in cima ad una montagna o in qualche posto nella bassa Jesus… Gerusalemme, scusatemi, e lui inizia a contemplare il suo ombelico o qualcosa del genere e vi dà ogni genere di cose. Se inizia ad avvicinarsi alla verità, allora le cose che dice paiono essere idiozie. Se si avvicina alla verità. Come: “non c’è alcun universo” – Mary Baker Eddy (NDT. Fondatrice statunitense della Scienza Cristiana). Non c’è alcun universo, tutto è mente infinita. Non è forse vero? E’ molto, molto, molto, molto vero ma questo non previene alla Scienza Cristiana di essere la fede religiosa che trovate dentro ai manicomi. Vedete, è una verità che non è abbastanza vera da salvare la fede della persona dal fallimento. La verità dev’essere tutta la verità. (…) Non c’è sostituto per la totalità della verità, in altre parole dovete conoscerla tutta. (…) Avendo iniziato, smettere di andarci è una delle cose più fatali che potete fare. Ora voi guardate a questa cosa con tristezza, perché è davvero un azione fatale. Lasciate che richiami la vostra attenzione su una cosa, avete iniziato quella strada molto tempo fa. (…) Avete iniziato sulla strada della verità e avete speculato in quella particolare direzione: qual è la verità su questa cosa? Qual è la vera composizione del universo? Qual è la mia vera identità? Chi sono io? Da dove vengo? Ovviamente quasi tutti si sono fatti queste domande da piccolo. Avete iniziato sulla strada della verità e questo è pericoloso, a meno che non la percorriate tutta. Quella strada deve essere percorsa, perché la natura stessa dei GPMs non ammette mezze misure. Fate key in uno di questi GPMs e farete key in una serie di GPMs, dunque li ottenete tutti agitati e se poi non fate niente a riguardo, sarete nei guai. Essi contengono la fine di tutte le spiegazioni. Contenute nei GPMs ci sono tutte le spiegazioni del universo in cui viviamo. La loro identità, tutto ma proprio tutto di ciò che è composto, l’impeto. Tutte queste cose.

Omissed

Quindi, nello studiare l’ R6, la prima cosa di cui dovete rendervi conto è che avete a che fare con il pasticciere, non con la torta. Abbiamo a che fare con le cose che la fanno, non di che cosa è fatta. (NDT. Il pasticciere sarebbe il PC, in relazione alla Clear COG) (…) Un individuo è un individuo e ora trovate questo inerente ai primi insegnamenti di Scientology, dove era spiegato più istintivamente che fattualmente. Era insegnato più su una base di conoscenza generale, sapevo come erano queste cose. Scoprite che l’essere, l’individuo, ha generato l’universo e parte di quel universo è il GPM. Il GPM nella sua generazione, lo trattiene e lo costringe a continuare a fare il resto del universo inconsapevolmente; ed è anche costretto a continuare a fare il GPM. Quindi quando voi date uno sguardo alla cosa non si capisce bene in che modo è messo. E’ il carro che traina il cavallo o il cavallo che traina il carro. Quando date una prima occhiata alla cosa dite: “Wow la scienza moderna dice che è tutto torta e non c’è alcun pasticciere.” Vedete. (NDT. Al giorno d’oggi con la fisica quantistica la cosa è cambiata) (…) Il punto è qui, deve diventare sempre più causa sul GPM. Ogni volta che vi scontrate con una reale significanza o qualcosa che dovete assolutamente fare riguardo a qualcosa, beh, vi state scontrando fortemente con i GPMs. Capite? Vi state scontrando con la significanza di un GPM in qualche modo, condizione o forma in qualsiasi azione umana, ed in qualsiasi parte di azione riguardo a questo universo. Non importa a quale angolo della vita o del livingness vi approcciate, visto che queste due cose sono create dall’individuo via GPM. (…) Naturalmente ogni angolo del esistenza è gia ricoperto da un GPM, perché se non lo fosse non sarebbe lì. Quindi, uno improvvisamente pensa un pensiero, uno qualsiasi. Bene, o è un lock su una Root Word (NDT “Parola Radice” sarebbe la prima parte del GPM esempio: “creare mela” –“Creare” è la Root Word e Mela è la End Word) oppure un lock su una EW. Uno o l’altro, questo è tutto. Non mi importa che pensiero abbiate fatto, o se avete pensato o no. Ora, non dovete usare qualche sistema per non pensare in un certo modo, solo per cercare di non restimolare un GPM, questo non è possibile.

Omissed

(NDT. Qui stava parlando di come si drammatizzano le EW quando vi scontrate con esse) E poi, improvvisamente, mi sono scontrato con il prossimo Goal che stavo per percorre, era “Creare problemi”. Ed ero semplicemente lì a temere i problemi. Ho riso di me ed ho percorso il prossimo paio, era la cosa che uscita in quel momento. E stavo creando problemi COME UN MATTO (ride). Capite cosa intendo? Non puoi aspettarti dinon farlo. Se non lo fareste, non sareste parte del universo. Vedete? Il vostro avanzamento, è in un certo modo misurato dal riconoscere ciò che voi state facendo. Ed un reale riconoscimento avviene quando realizzate che state facendo (creando) queste cose e, ovviamente, quando lo fate cessate di crearle. (NDT. Sempre Clear COG)

Omissed

Quindi, il rundown di base qui è lo schema. Lo schema è stato trovato ed è la cosa più importante di tutte, perché avremmo potuto avere trilioni di possibili schemi. Il bank è così carico. E’ così pieno di lock che quasi qualunque cosa può essere percorsa, quasi tutto legge. E’ la trama e l’ordito della vita.

Omissed

E non c’è nient’altro nel bank di cui dovete preoccuparvi perchè tutti gli engram, lock, secondari, implant, trappole per theta e tutto il resto di queste cose, sono dei locks sui GPMs. Ora voi dite, potremmo andare avanti e trovare che i GPMs sono dei lock su qualcosa. Si, sono dei locks su una cosa chiamata Thetan.

Grazie mille.

3) Estratto dalla conferenza del SHSBC – Il modello del bank (confidenziale)

Attorno ai bordi troviamo una specie di nebbia, questi sono locks. Gli engram sono locks sul bank reattivo, sono agganciati su di un materiali più significativo. Poi c’è un contorno di secondari. Questi incidenti contengono misemozione che dipende dalla presenza e persistenza di un momento di dolore fisico ed incoscienza. Poi viene una banda precedente, gli incidenti e strati della traccia intera. La ragione per cui la gente si mischia (PC che era Cesare) è che la civilizzazione segue un modello. Ci sono stati altri diciassettesimo secolo ecc… è come il bank, segue un modello, queste civilizzazioni sono abbastanza identiche. Nel bank, il PC deve confrontare una terribile quantità di incoscienza e dolore, così ottenete il fenomeno noto come “boil off”. Non gli fa troppo bene fare boil off, sta semplicemente drammatizzando, non facendo AS-IS. Potremmo dire che è l’accumulo di incoscienza che oscura la traccia, perchè lui prova a confrontarla e se ne va fuori. O lui contatta qualcosa e una lancia gli trafigge lo stomaco. I GPMs hanno come prima manifestazione il fatto che c’è presente massa e significanza ed è terribilmente nero, troverete molti PC che non possono confrontarla, sono dentro questa nerezza. Quando li approcciamo, o una terribile significanza o molta massa si muove sul PC. Quindi ci sono due vie nell’aberrazione: significanza e massa. E questi sono anche i due fenomeni che incontrate come auditor.

(…) La gente drammatizza significanza o massa. Quello che è nelle istituzioni sta drammatizzando significanza totale, in altre parole il “pensiero” è così schiacciante che lui è solo quello. Quello in ospedale con mali e dolori sta drammatizzando massa. La primaria è la significanza e la massa è secondaria, ma la verità è che la massa urta contro l’individuo. Se non ci credete andate contro un muro. La vera strada nel bank è tramite massa e significanza, familiarità e cancellazione di massa e significanza. Anche quando state cercando di destimolare qualcosa, non è possibile fare a meno di cancellarne un pochino. (…) Serve familiarità e cancellazione. Se voi portate il PC al punto dove ha familiarità con il bank, ma non ne ha cancellato nulla… beh alla fine si bloccherà dopo essere arrivato così lontano. Quindi una persona deve essere portata verso il bank su un gradiente di maggiore familiarità, confronto e abilità di maneggiare la massa nel bank. Se questo non viene fatto avrete un caso fallito.

Omissed

Bene, vediamo cosa vede un individuo quando entra in contatto con questi (il bank, i GPM). Ottiene un orribile confusione e con questa può prendere una significanza. E’ poco probabile che entri in contatto con la massa, anche se la massa lo farà alterare (arrabbiare) nel caso ci entri in contatto. Il suo primo contatto sarà sconcertante, non è una semplice passeggiata nel parco.

Omissed

Tutte le volte, lo portiamo attraverso grandi masse e l’unico motivo per cui ne usciamo è perchè stiamo cancellando. Se trovate qualcuno che sta andando nel bank senza movimento di TA o azioni del ago, state attenti, perchè non state ottenendo alcuna cancellazione. E’ molto pericoloso se giocate con i GPMs senza alcun TA. Guardatevene bene. Tutto ciò che state ottenendo è significanza. Se state percorrendo il bank linearmente (e non dovreste con questo metodo) e andate giù di sei items senza alcun TA, beh ci sono sei masse che stanno per far saltare la testa al PC. Non li avete cancellati, è necessario avere TA.

(…) I dati sono conosciuti, perchè non darglieli? C’è solo un GPM per EW, questo è tutto. Quindi voi guardate al vostro GPM da 18 items interamente. C’è una EW per 18 items. La prossima è il positivo di quel negativo, con 18 items, una differente EW ed una differente radice (Root word). Questa ha una radice e una differente EW, la stessa radice del primo ma con una differente EW, quest’altra ha la stessa radice della seconda ma una diversa EW e quest’altra ancora ha la stessa radice ma una diversa EW, questo è ciò che sono le vostre dicotomia. Si alternano. Si alternano una all’altro giù sulla linea, quindi potete percorrere il bank in 3 mesi in questo modo. Ora, ci sono solo due radici ed esse si alternano giù lungo la linea, ma dovete sapere che quella in cima si unisce a quella in fondo per sembrare una dicotomia. Non vi disturberò dicendovi quali sono le EW. (…) Quali sono le parole radice? Ci sono due parole radice e centinaia di EW, per via di questo e per via della compulsione dell’item e tutte queste cose, si ha la tendenza a fare GPMs da percorrere. Quindi, per via di quello, vi muovete fuori e fate tutti i generi di GPMs da percorrere, ma dovete percorrerli perchè il secondo è “Distruggere”. Non è orribile? Ora questo vi shockerà. Tutte le cattive EW hanno “Creare” su di esse e tutte le buone EW hanno “Distruggere”. Questo prova la mia teoria che l’uomo è fondamentalmente buono, perchè non drammatizza questa cosa il 100% delle volte. (NDT. Dunque queste Root Word erano Creare e Distruggere, ma è possibile che ci fosse anche dell’altro nei 18 items. Comunque, questo particolare line plot non si trova da nessuna parte)

4) Estratto dalla conferenza del SHSBC – Stadi di Release

Omissed

Ora, R6 è l’unico procedimento che ha a che fare con la cancellazione totale, tutti gli altri procedimenti riguardano locks sul R6. Ora, se guardate ai vari livelli di processing vedrete che iniziano fondamentalmente con il bank R6. C’è solo il tipo e suppongo che il fondamento di questo, è la possibilità che lui possa diventare aberrato. Suppongo che sia la prima possibilità e su di questo si costruisce il bank. E poi sul bank R6 si costruisce una tremenda quantità di cose che noi conosciamo come EW e così via. Su questi si erge un intera serie di incidenti della Whole Track e altri tipi di GPMs conosciuti come implants. La gente si chiede il perchè non si resta Release. In realtà, sono questi implants che furono fatti contro il bank originale che lo restimolano e buttano giù la persona. E’ solo una ripetitiva restimolazione. Gli implant che vengono dopo sono il nulla, ma essi restimolano il bank R6 di base. E questo è il perchè siete sempre meno frequentemente release. Capite che il vostro più alto stato che avete avuto in questo universo non era più alto di un Release? Eravate temporaneamente Key out. Avete fatto ancora Key in tramite qualche implant o esperienza. Bene, in cima a questi implants ecc… ci sono molti engrams. La Whole Track. Ci sono impilati gli engram della Whole Track e sono inseriti tra gli implants. Il prossimo pezzo della torta sono i secondari, i quali sono esperienze di mis-emozione seduti in cima a questi engrams. Gli engram contengono dolore ed incoscienza, mentre i secondari contengono soltanto mis-emozione. Ora, in cima a questi secondari siedono ciò che chiamiamo locks. E i locks sono semplicemente momenti di restimolazione di engram e secondari. Gli engram sono, di fatto, restimolazioni delle EW e queste sono restimolazioni del bank R6. Voi potete tirar fuori una terribile quantità di EW dal R6, senza realmente andare nel bank R6 a prendere le reali parole. Questo è il piccolo “spettro” che troviamo qui. Quindi se tirate fuori troppa roba di tipo R6 dal vostro R6EW, siete soggetti a mettervi un pò nei guai vedete? Non aggiungete quei giusti finali (parole), prendete solo ciò che c’è. Questo è il trucco per percorrere la R6EW, prendete solo ciò che ottenete! Ed in realtà state percorrendo via i locks dal bank, vedete? Avete visto quali sono questi strati? Attorno a tutto questo c’è una cosa chiamata Universo Fisico. Ora, forse l’avete notato attorno a voi. Se c’è un ulteriore bank dopo l’R6 sarebbe l’universo fisico, consideratelo un bank. E’ difficile considerarlo un bank, ma in qualche modo potreste considerarlo come tale capite? Dunque, ciò che state facendo con un PC dall’inizio fino a giù sulla Whole Track, è togliere questa pila di roba. Consiste di significanza, massa, energia e spazio. E’ anche tracciato contro il tempo (NDT. Traduzione incerta). Non c’è nient’altro al suo interno. Ora voi dite c’è “una macchina”. Si, c’è una cosa chiamata “una/la macchina”, poi ci sono cose chiamate circuiti, ma queste in realtà sono specializzazioni delle cose che ho detto prima. A volte, vedete un tizio a cui gli sta parlando un circuito ed è da ridere. Questa è una valenza, ma è semplicemente una combinazione di energia e significanza, vedete? E questo comprende una massa che si trova lì e questa rete si trova nel proprio spazio auto-costruito, ed è tracciato contro la traccia di esperienza del PC, conosciuta come tempo. Questo è tutto ciò che c’è nel bank. Se pensate che ci sia dell’altro nel bank e così via, che Dio vi aiuti! Quello che avete qui è che c’è una parte del bank che vi dice che c’è qualcos’altro lì, vedete? E c’è una lunga esperienza su questa linea, ed ogni volta che qualcuno pensa che ci sia qualcos’altro nel bank, oltre agli items che ho detto qui, sarà nei guai da quel momento in poi.

Omissed

Ci sono tracce di persona che hanno attaccato il loro bank R6 e, occasionalmente, troverete un GPM che è stato mangiucchiato. Vorrebbe non averlo fatto! Perché è come fomentare il fuoco con un candelotto di dinamite, vedete? Non è un buon modo di cucinare. Ma a volte troverete queste cose – non troverete ampie porzioni di traccia sparite, non abbiate questa idea. A volte trovate qualcuno che prova a dirvi: “Oh bene, il mio bank R6 fece blow nel otto…” “Beh, cosa ci fai dentro un corpo?” Questa sarebbe la vostra domanda immediata. Qualcuno vi dice: “Bene, mi sono sbarazzato del mio bank R6 89 trilioni di anni fa e…” “Cosa stai facendo con un corpo?” L’avete beccato, vedete? Non ne ha cancellato neanche un pò di esso. Ma la gente è andata in collisione con esso. E loro hanno rosicchiato un item o due dal GPM. E a volte troverete un item o due nel GPM che hanno un grosso buco a lato. Francamente, è solo questo. Sapete, uno dice: “cos’è questo? Sono stanco di questo!” E prende un paio di raggi o qualcosa di simile o lo sbatte via! E vorrebbe non averlo fatto. Questo non è il modo giusto per farne as-is.

Omissed

Uno: c’è un bank reattivo. Ed è composto di certi esatti e definiti elementi. E non c’è nient’altro. Quando disconnettete il PC da queste classi di elementi lui smette di essere effetto di quegli intenti e scopi, potete considerarli come “andati”. Ora, o sono temporaneamente disconnessi o sono spariti. La cosa che non sparirà finché non è tutto fatto (percorso), sono i GPMs del R6. Ed essi non verranno fatti sparire da qualcuno semplicemente cambiando il postulato. Perchè sono la più stravagante concatenazione di postulati con cui qualcuno si sia mai impigliato. Qualsiasi postulato che tu possa fare è intrappolato dentro. Ma non ci sarebbe nessun altra cosa nella mente se non ci fosse il bank R6! Non ci sarebbe più nulla nella mente. L’individuo sarebbe capace di confrontare, essere familiare, essere quello, essere altre cose, vedete? Sarebbe queste cose. Ma non ci sarebbe nulla qui, non ci sarebbe alcuna Isness. Mi seguite?

Omissed (NDT. Spiega nuovamente la composizione del bank come sopra)

Bene, questo è il bank. Ora, succede che l’individuo è anche circondato dal universo fisico. Non so se l’avete mai notato, ma è qui attorno. E l’universo fisico può generare cose come i problemi. Sei tu verso di esso o viceversa. E con l’universo fisico c’è anche l’universo degli altri. E l’altro tizio possiede anche lui un bank, con una traccia di esperienza diversa da quella degli altri, ma basata sullo stesso esatto bank R6. E’ fondamentalmente lo stesso bank, ma l’altro tizio ha vissuto diversamente. Ha vissuto una traccia diversa, quindi, ad una prima occhiata, hanno bank differenti. Ma non è così, il loro bank di base è identico. Quindi, abbiamo l’universo degli altri e l’universo fisico. Ora, l’altro tizio, nel suo universo, può causarti problemi mentre comunica con te tramite l’universo fisico e il MEST può causarti problemi anche lui. Così otteniamo una cosa chiamata PTP che non ha nulla a che fare con le immagini mentali. Non ha niente a che fare con il bank reattivo, ma può restimolare il bank reattivo e rende più difficile risolvere il PTP. Ma un PTP può esistere, questa è una delle cose che gli auditor non sempre notano. (NDT. Poi spiega che una persona con un PTP non riuscirà ad audire il bank, poichè non può metterci l’attenzione. Dunque blocca i guadagni di caso)

bg

 

 

 

 

 

6 commenti

Archiviato in Casa Minelli

Perche’ L’essere umano e’ uno Schiavo ?

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la Vostra Testa !

11074720_1432149153744324_5525936805140581572_n.jpg

 

Ciao Ragazzi !

E’ un po’ che non ci si sente, Guido sta facendo un ottimo Lavoro gestendo il Blog mentre il sottoscritto e’ impegnato nell’universo Mest a sputare sangue sudore e Lacrime per una pessima paga che il mio datore di Lavoro ( IO ) non mi da’ mai !😀

Vi sento sempre volentieri al telefono, i vostri successi sono grandiosi, continuate così !

Recentemente sono stato a trovare Ignazio, sarà’ merito della Sardegna ( splendida in tutto ) ma avere del tempo da passare con Lui e’ paragonabile a cercare un ago nel pagliaio !

Sta facendo un ottimo ed abbondante Lavoro, come tanti altri Auditor del campo e questo ME GUSTA MUCHO !

Ah…. Recentemente ( relativo in base alla storia dell’uomo ) ho attestato Solo Nots, quindi volevo dare un grosso riconoscimento pubblico al mio Gran CS, Er Mejo…. Paolo Facchinetti.

Grazie di Cuore.

Volevo ringraziare Richard per tutto ciò’ che ha fatto e Reg ( Team ) per i materiali di OTVIII .

Dovro’ proprio meritarmeli prima di dare lo start ( in quale altro modo lo stai giustificando ? ) hahaha…

Beh… dopo la Teoria devo dire che al primo miracolo mi sono fermato e sono restato ad osservare come un bambino di 2 anni osserva una giostra per la prima volta in un Luna Park…. Fantasticooooooo .

Questa sera volevo condividere con voi questo articolo che ho trovato grazie ad una amica nel Web, si ricollega ad uno dei compiti a casa che Richard mi diede, le letture di Carlos…

Beh, non voglio annoiarvi, ma vi chiedo di dargli una letta e di commentarmi il post nella versione Scientologese di questo breve scritto.

Buona Lettura e buon viaggio !!!

Francesco

 

——————————————–

“I bambini si portano dentro una magia naturale, che a poco a poco, crescendo, sono costretti a distruggere ed allora cominciano a pregare: la santissima Trinità, i santi, la Madonna, una grande Madonna azzurra con gli ori e gli incensi. Dobbiamo imparare a respirare e riscoprire gli alberi, le pietre, gli animali e tutta la macchina della Terra: hanno un respiro interno, come noi. Hanno ossa, vene, carne, come noi.” – Giordano Bruno –
Esseri Oscuri posti sullo sfondo del Campo Energetico Umano
Perché desideriamo che qualcuno ci guidi quando possiamo fare da soli?»
“Gli sciamani dell’antico Messico scoprirono che abbiamo un compagno che resta con noi per tutta la vita, un predatore che emerge dalle profondità del cosmo e assume il dominio della nostra vita.» don Juan Matus
Rispetto a quanto riferito fino ad ora della concezione tolteca *, le considerazioni che seguono possono apparire ancora più sconcertanti e possono generare una varietà di reazioni nel lettore: di difesa come il rifiuto o di consapevolezza profonda come angoscia, senso di schifo, paranoia. Rivolgo per questo al lettore lo stesso invito che il Nagual Carlos fece alla conferenza di Santa Monica, in California, nel 1993 – la sua prima apparizione pubblica dopo decenni di totale anonimato:

“Il mio nome è Carlos Castaneda. Vorrei pregarvi di una cosa. Vi prego di sospendere per oggi il giudizio. Vi prego di aprirvi – anche solo per un’ora – alla possibilità che sto per presentarvi. Per trent’anni sono stato irreperibile. Non sono solito rivolgermi alla gente e parlare. Ma ora, per un momento, sono qui. È nostro dovere ripagare un debito a coloro che hanno fatto la fatica di mostrarci certe cose. Questo sapere noi lo abbiamo ereditato. Don Juan ci disse che non dobbiamo difenderlo. Vorremmo farvi capire che ci sono opzioni, possibilità insolite che non sono fuori dalla vostra portata.»

*I Toltechi (o ToltecToltecas nello spagnolo) erano un popolo nativo americano dell’epoca precolombiana che dominò gran parte del Messico centrale tra il X ed il XII secolo. La loro lingua, il nahuatl, era parlata anche dagli Aztechi.

Questa popolazione nomade e guerriera era giunta nell’altopiano del Messico verso il IX secolo d.C. Nel 1168 la loro capitale, Tula, fu distrutta dalla popolazione settentrionale dei Chichimechi. La relativa unità politica si frammentò: seguirono circa due secoli di caos, imbarbarimento ed emigrazioni fino al Nicaragua. Al termine di questo periodo di crisi, gli Aztechi imposero il proprio dominio. Alla fine del X secolo il leggendario re Quetzalcoatl aveva portato i Toltechi nello Yucatán: ne derivò uno stato maya-tolteco con capitale Chichén Itzá e una cultura maya-tolteca che durò fino alla conquista spagnola (1544). La cultura dell’altopiano con centro a Tula fu invece obliata. Si era sovrapposta a quella di Teotihuacán, raffinata ma già in decadenza, portando nelle manifestazioni artistiche uno stile scarno ed esuberante, con il gusto per le grandi costruzioni. Dai Toltechi gli Aztechi presero l’usanza di razziare uomini per i sacrifici alle divinità.

 

 

Gli antichi stregoni si accorsero per primi che qualcosa non andava per il verso giusto. Essi videro che nei bambini, le Emanazioni Luminose – tenute insieme da una forza agglutinante nella forma di un uovo – erano anche ricoperte da una patina di straordinario splendore. Videro che alla crescita del bambino questa patina, anziché svilupparsi anch’essa di conseguenza, diminuiva drammaticamente. Videro che questo involucro di luce era direttamente correlato alla consapevolezza dell’individuo e lo chiamarono lo Splendore della Consapevolezza.
La consapevolezza non si sviluppava come sarebbe stato naturale.
Inquietati da questa incongruenza estesero le loro indagini e scoprirono la presenza di esseri oscuri posti direttamente sullo sfondo del campo energetico umano e per questo difficilmente individuabili.
Gli stregoni videro che questi esseri oscuri si cibavano della lucentezza della consapevolezza di ogni individuo, riducendone sempre di più la patina luminosa. Le entità oscure sono particolari esseri inorganici, coscienti e molto evoluti e poiché si muovono saltellando o volando come spaventose ombre vampire furono chiamati los Voladores, ovvero quelli che volano.
Don Juan: “Sei arrivato, e con le tue sole forze, a ciò che per gli sciamani dell’antico Messico era la questione suprema. Per tutto questo tempo non ho fatto che menare il can per l’aia, insinuando in te l’idea di un qualcosa che ci tiene prigionieri. Ed è davvero così!» Carlos: “Perché questo predatore ci avrebbe sottomessi nel modo che stai descrivendo, don Juan? Dev’esserci una spiegazione logica.» Don Juan: “Una spiegazione c’è ed è la più semplice che si possa immaginare. I predatori hanno preso il sopravvento perché siamo il loro cibo, la loro fonte di sostentamento. Ecco perché ci spremono senza pietà. Proprio come noi alleviamo i polli nelle stie…I Voladores si nutrono solo di un determinato tipo di energia e, come vedremo, noi produciamo molta di quella energia. Questo ci fa essere le prede ideali da mungere quotidianamente. Il danno energetico che questa azione predatrice ci arreca è immenso.
Siamo esseri magici dotati di possibilità infinite condannati a brandelli di consapevolezza: i Voladores consumano regolarmente la patina luminosa – che torna a crescere per sua natura – e come impeccabili giardinieri tengono l’erba rasa sempre allo stesso (misero) livello. Gli sciamani vedono che la patina di luminosità rimastaci è una piccola pozzanghera di luce sotto i piedi, che non arriva nemmeno agli alluci. Questa consapevolezza rimastaci è davvero poca cosa e ci permette giusto di interagire nel mondo quotidiano fissato dalla socializzazione, ma certo non ci dà modo di comprendere la nostra reale situazione o di riconoscere che condividiamo lo stesso destino degli animali che alleviamo.
Come inconsapevoli schiavi ci identifichiamo nei nostri predatori e riproponiamo i loro nefandi comportamenti con la natura in generale inquinando, disboscando, distruggendo e “sfruttiamo noi stessi senza ritegno i nostri animali: li mungiamo, li tosiamo, prendiamo loro le uova e poi li macelliamo o li rendiamo in diversi modi sottomessi e mansueti. Li leghiamo, li mettiamo in gabbia, tagliamo loro le ali, le corna, gli artigli ed i becchi, li ammaestriamo rendendoli dipendenti e gli togliamo poco a poco l’aggressività e l’istinto naturale per la libertà.
Ci manca l’energia, non possiamo fare altro che specchiarci, nella pozzanghera di consapevolezza, in un limitato e illusorio riflesso di sé, una falsa personalità. “La coscienza delle suole rispecchia la nostra immagine, la nostra superbia e il nostro ego, i quali alla fine non sono altro che la nostra vera gabbia.
L’esigua pozzanghera di consapevolezza è l’epicentro dell’egocentrismo in cui l’uomo è inconsapevolmente intrappolato. Ci hanno tolto tutta l’energia, ma ci hanno lasciato proprio quella che ruota intorno all’Ego! E proprio facendo leva sul nostro egocentrismo i Voladores creano fiammate di consapevolezza che poi voracemente consumano. I predatori alimentano l’avidità, il desiderio smodato, la codardia, l’aggressività, l’importanza personale, la violenza, le emozioni forti, tutti gli eccessi, l’autocompiacimento ma anche l’autocommiserazione. Le fiamme energetiche generate da queste qualità “disarmoniche” sono il loro cibo prediletto. I Voladores non amano invece la qualità vibrazionale della consapevolezza, dell’amore puro, dell’armonia, dell’equilibrio, della pace, della sobrietà… in una parola aborriscono la qualità energetica della crescita evolutiva, e hanno ogni vantaggio nel boicottare ogni nostro incremento di coscienza.
“La nostra mentalità da schiavi, che nella cultura giudeo-cristiana ci promette consolazione nell’aldilà, non porta alcun vantaggio a noi stessi, bensì ad una forza estranea, che in cambio della nostra energia ci fornisce credenze, fedi e modi di vedere che limitano le nostre possibilità e ci fanno cadere nella dipendenza.
Secondo don Juan sono stati proprio i Voladores a instillarci stupidi sistemi di credenza, le abitudini, le consuetudini sociali, e sono loro a definire le nostre paure, le nostre speranze, sono loro ad alimentare in continuazione e senza ritegno il nostro Ego.
Sono stati proprio i voladores a instillarci stupidi sistemi di credenza, abitudini, consuetudini sociali, e sono loro a definire le nostre paure, le nostre speranze, sono loro ad alimentare in continuazione e senza ritegno il nostro Ego.
Carlos: “Ma come ci riescono, don Juan? Ci sussurrano queste cose all’orecchio mentre dormiamo?» Don Juan: “Certamente no. Sarebbe idiota! Sono infinitamente più efficienti e organizzati. Per mantenerci obbedienti, deboli e mansueti, i predatori si sono impegnati in un’operazione stupenda, naturalmente dal punto di vista dello stratega. Orrenda nell’ottica di chi la subisce. Ci hanno dato la loro mente!
CI HANNO DATO LA LORO MENTE!
Mi ascolti? I predatori ci hanno dato la loro mente che è la nostra. La mente dei predatori è barocca, contraddittoria, tetra, ossessionata dal timore di essere smascherata. Benché tu non abbia mai sofferto la fame, sei ugualmente vittima dell’ansia da cibo e la tua altro non è che l’ansia del predatore, sempre timoroso che il suo stratagemma venga scoperto e il nutrimento gli sia negato. Tramite la mente che, dopotutto, è la loro, i predatori instillano nella vita degli uomini ciò che più gli conviene…
Le nostre meschinità e le nostre contraddizioni sono il risultato di un conflitto trascendentale che affligge tutti noi, ma di cui solo gli sciamani sono dolorosamente e disperatamente consapevoli: si tratta del conflitto delle nostre due menti. Una è la nostra vera mente, il prodotto delle nostre esperienze di vita, quella che parla di rado perché è stata sconfitta e relegata nell’oscurità. L’altra, quella che usiamo ogni giorno per qualunque attività quotidiana, è una installazione estranea.» Carlos: “Ma se gli sciamani dell’antico Messico e quelli attuali vedono i predatori, perché non fanno nulla?» Don Juan: “Non c’è nulla che tu e io possiamo fare se non esercitare l’autodisciplina fino a renderci inaccessibili. Ma pensi forse di poter convincere i tuoi simili ad affrontare tali rigori? Si metterebbero a ridere e si farebbero beffe di te, e i più aggressivi ti picchierebbero a morte. Non perché non ti credano. Nel profondo di ogni essere umano c’è una consapevolezza ancestrale, viscerale, dell’esistenza dei predatori.
Non c’è da meravigliarsi dunque del fatto che i bambini hanno spesso paura di demoni, mostri, spiriti o strane ombre (l’Uomo Nero) che secondo loro si nasconderebbero sotto il letto, dietro le porte, negli armadi, etc. I bambini piccoli vedono e solo quando hanno raggiunto una certa quota di socializzazione smettono di vedere, e ciò che prima era visibile si manifesta come inconscia presenza, come inquietudine, paura, disperazione, depressione…

“La mente di quello che vola non ha rivali. Quando si propone qualcosa non può che concordare con se stessa e indurti a credere di aver fatto qualcosa di meritevole. La mente di quello che vola ti dirà che qualsiasi cosa dica Juan Matus è solo un mucchio di sciocchezze e quindi essa stessa concorderà con la sua affermazione, “ma certo, sono sciocchezze” dirai tu. È così che ci sconfiggono.» Don Juan Matus

Il recente film The Matrix dà forma in maniera efficace a queste tematiche castanediane: il Tonal dei toltechi – ovvero il mondo quotidiano frutto della socializzazione e mantenuto dall’attività della mente – è Matrix, una terrificante trappola che consente a delle entità (in questo caso macchine) di depredare l’energia degli esseri umani. I pensieri che attraversano la nostra mente sono certamente “nostri”, ma la mente, attraverso la socializzazione, ne dirige il percorso in modo tale che essi sono “liberi” non più di quanto lo sia un treno su delle rotaie. I dati sensoriali sono i nostri, ma il software che guida il pensiero è estraneo.
Il pensiero ricrea costantemente il mondo così come lo vediamo (o meglio, così come ci è stato insegnato a vederlo. Fermare il pensiero per gli sciamani toltechi significa “fermare il mondo” e vedere le cose come sono veramente: pura energia.
Don Juan spiega che gli sciamani possono sconfiggere l’installazione estranea attraverso una vita di impeccabilità (uso strategico dell’energia) perché la disciplina strema in modo incommensurabile la mente aliena. La disciplina e la sobrietà sono qualità della consapevolezza che rendono la patina di splendore dell’uovo luminoso sgradevole al gusto dei Voladores. Ogni volta che si interrompe il dialogo interiore e si entra nel silenzio interiore si affatica la mente del predatore in modo così insostenibile che l’Installazione Estranea fugge. Successivamente essa ritorna, ma indebolita. Attraverso ripetuti stati di silenzio interiore l’Installazione Estranea prima o poi viene sconfitta e non torna.
Ogni volta che si interrompe il dialogo interiore, il mondo così come lo conosciamo collassa e affiorano aspetti di noi del tutto straordinari, come se fino a quel momento fossero stati sorvegliati a vista dalle nostre parole. Don Juan sostiene che il giorno in cui la Mente Estranea ci abbandona è il giorno più triste e difficile, poiché siamo costretti a contare solo sulle nostre forze e non c’è più nessuno a dirci cosa dobbiamo fare. Dopo un’esistenza di schiavitù, la nostra vera mente è molto debole e insicura e deve ritrovare la sua identità.

Per modificare la realtà (presente/passato/futuro) è necessario che un certo numero di co-creatori (individui che esprimono un intento comune) si focalizzino su un obiettivo e condividano sentimenti-pensieri comuni…
Non è sufficiente che una persona esprima l’intento di qualcosa affinché quel qualcosa si realizzi…
E’ l’inter-azione tra più soggetti il tassello principale per il mutamento della realtà.

Carlos Castaneda.

38 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Richard

Consapevolezze …

Full-Face-Japanese-Noh-Hand-Painted-Koomote-Demon-Cosplay-Mask-Masquerade-Kabuki-Party-Carnival-High-Quality
Ecco un’altra testimonianza di cosa puo’ fare
l’auditing di Scientology,
libera dalle pastoie di una organizzazione
perversa e fuori scopo.
Maggio 2016 
Caro C/S,
sul procedimento che sto facendo, vedo di giorno in giorno il quadro della mia
realtà cambiare continuamente, come i fondali di un  palcoscenico in una
rappresentazione d’arte. Tutto sta diventando più fluido, più veloce, meno impastato di inutili dubbiose considerazioni.
La mia percezione del tempo si sta facendo di volta in volta più dinamica e al
tempo stesso più serena, meno frenetica. È come se stessi vivendo una nuova
stagione della mia vita, in un’altra realtà.
Prima, nonostante gli sforzi da parte mia di cercare di avere una maggiore coordinazione, tutto sembrava sfuggirmi di mano.
Ora non è più come prima. Le mie giornate non scorrono più come una melassa
che cola in modo estenuante da un barile, e al tempo stesso ti dice: “Non c’è più
tempo, non c’è più tempo”. È una senzazione nuova, alla quale mi sto abituando.
E anche i rapporti con gli altri sono cambiati, c’è una nuova capacità di
comprensione da parte mia. Non sono più difensiva’ cercando di capire gli altri
per controllarne le intenzioni e in qualche modo gli effetti su di me, temendo uno
sgradevole eventuale ARC break: Un atteggiamento, il mio, tutto sommato
propiziatorio e calcolato.
Revisionando le bozze di stampa di un libro, che mi aveva creato un grosso
problema di rapporti con una mia amica, m’era venuto in mente quella volta che
durante una session (credo alla fine del grado I), avevo detto all’auditor,  senza quasi rendermene conto in quel momento dell’ importanza, che mi ero scocciata di schizzare continuamente vita dopo vita, da un terminale all’altro, da una valenza all’altra senza sosta, che volevo finalmente essere io a decidere, liberarmi da questo meccanismo.
La percezione che ora ho avuto è stata quella di essere stata sbattuta
inconsapevolmente da una valenza all’altra nel corso delle vite in una totale
dipendenza. Qualcosa che era una realtà fissa, definitiva e incrollabile, che
consideravo l’unica possibile, quasi divina e senza appello.
Ora ho visto più chiaramente gli effetti di queste valenze: due terminali e i thetan
che si dibattono da un punto all’altro come falene attratte dalla luce.
Una vita passata da intellettuale, cercando di negare la forza neanche per
schiacciare una formica o un bagarozzo e, quella dopo, usando la forza per
ripristinare un ..rigore etico, a volte con imposizioni violente, magari per riparare ai torti subiti nella vita precedente. Nel primo caso avevo ritenuto di aver fallito
miseramente, ma poi, nonostante l’uso della forza, il fallimento s’era ripetuto anche nell’altro caso, e in modo forse peggiore.
Analizzando il mio rapporto con la mia amica e la mia avversione e il mio disagio
e timore di offendere, tutto sommato la mia incapacità di pormi sulla sua lunghezza d’onda, ho visto che si può uscire dal meccanismo della dicotomia, confrontare il rovescio della medaglia, perché questo è un gioco che è andato avanti anche troppo.
Ho capito che si diventa alla fine due facce della stessa medaglia, essendone effetto.
Grazie,caro C/S, per l’aiuto che mi stai dando, insieme a quello del Sup e a Ron
che mi ha indicato la via per sconfiggere i miei fantasmi.
Anna

 

 

49 commenti

Archiviato in Casa Minelli

Ah … il profumo dei tigli!

viale tigli

Un profumo, un’ immagine, quanti ricordi e sensazioni.

Ecco a voi un bellissimo successo di B. che si sta audendo su OT II.

Scientology funziona?

Direi di si!

20 maggio 2016

Caro C/S.

L’altro ieri, tornando a casa dopo le session, sono passata per un viale con ai lati lunghe file di tigli. In quel momento ho pensato che stavano fiorendo con il loro profumo particolare. La prima volta che l’avevo notato diversi anni fa c’era stato come un Déjà vu accompagnato da una sensazione di giovinezza e di grande gioia, subito però seguita da qualcosa di oscuro, quasi impastata ad amare considerazioni sull’epilogo di tutte quelle rosee speranze, che s’erano poi concluse con grandi sofferenze fisiche e spirituali, in una tragica e prematura morte. In passato, tutte le volte che guardavo quei tigli, mi veniva in mente quel momento, ma c’era sempre quel retrogusto amaro nella cosa. Guardando quegli alberi l’altro ieri, ho capito che potevo riabilitare quei momenti di felicità, di estroversione e di espansione quando volevo, come se fosse qualcosa che non dovesse dipendere necessariamente dal concetto di dicotomia, e dai suoi effetti, tipo: vita-morte, vivere-non vivere. Era come se, riabilitando quei momenti di felicità e di grandi speranze postulate nel futuro, avessi sganciato tutto quello che poi era accaduto a infrangere quelle aspettative, che aveva in qualche modo invalidato la mia apertura alla vita. Mi sono resa conto che era come applicare la riabilitazione nei casi di overrun. Ho visto che la cosa la potevo fare e potevo applicarla a ogni episodio della traccia passata. E così sganciarla da quel meccanismo della dicotomia e renderla nulla, quella dicotomia che ti dice che quando succede qualcosa di bello, poi ci sara’ sempre, inevitabilmente, qualcosa di brutto e viceversa. In sostanza, ho capito di poter recuperare, se avessi voluto, tutto il theta che c’era in quegli episodi felici. e che poi era stato enturbulato e negato dai contraccolpi della vita. In passato tutte le volte che guardavo quegli alberi fioriti, e sentivo quello speciale profumo, provavo gioia mista a perdita e sconforto, e una grande nostalgia. Ora ho scoperto che se guardo quel momento e decido di riabilitarlo, il resto che viene dopo e’ un’altra realtà, e scompare, e quelle cose dolorose avvenute dopo si sganciano. Ho la consapevolezza che i momenti belli sono sempre disponibili, che non si puo’ farne as-is, che il senso di perdita e la nostalgia di qualcosa che non c’è più sono dovuti al vettore inverso del meccanismo di questo universo, ruotato di 180°. I momenti belli, anche se li percorri migliaia di volte non si scaricano, non si cancellano mai, quindi non si perdono. Quelli brutti, invece, se li percorri si cancellano. Non ha senso questa dicotomia, e’ solo un tipo di logica. Credo di aver avuto una bella vittoria, perche’ mi sento piu’ causa e piu’ bendisposta verso la vita. Ora e’ tutta un’altra cosa. Caro C/S, ti ringrazio moltissimo per l’aiuto che mi stai dando.

B.

4 commenti

Archiviato in Casa Minelli

Clear Indipendenti

ali

Bene bene, è con grande piacere (e un pizzico di orgoglio) che annunciamo l’attest dello stato di Clear da parte di tre persone nel campo indipendente.Questi risultati dimostrano ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, che Scientology è funzionante e piu’ viva che mai al di fuori della corporazione di Miscavige & C. Una ulteriore evidenza che c’e’speranza di liberta’. Questo nostro blog non e’ che la punta dell’iceberg. Complimenti a queste tre persone, per la loro perseveranza, per non essersi arrese davanti alle difficolta’, siete di esempio per tutti noi!  

Ma lasciamo spazio ai Successi!     

simbolo-di-infinito-(1c)

E’ fatta, dopo così tanto tempo ho finalmente verificato, confermato e attestato che “di Clear si trattava”.

Già…, ho attestato…

Grazie 1000 al mio auditor e al mio C/S, due amici meravigliosi.

Devo dire che… beh, “così  era già da un po’ di tempo”; ma la cara chiesetta su questo argomento mi aveva fatto un bel po’ di confusione e/ma… anche un bel po’ di stolking (uso una parola poco espressa nel nostro ambito, ma di questo si è trattato… e questo stalking se non è vera e propria evidente soppressione ne è l’espressione strisciante).

Per prima cosa devo fare un grosso elogio al mio auditor che con grande pazienza, certezza e determinazione “che si può e che si deve fare”, mi ha ripreso e rimesso in carreggiata.

Il mio auditor nonostante “un PC un po’ difficile” (all’inizio parecchio in protesta e diffidente, un PC da riparare e risistemare), mi ha fatto attraversare il Ponte; che adesso, guardandomi indietro, devo dire è stato magnifico e vitale.

Guai se non lo avessi fatto e guai se mi fossi limitato solo a star li a lamentarmi di come la chiesa mi avesse maltrattato (in auditing e con le sue negazioni), attraverso le sue tipiche forzature e storture: “non pensare con la tua testa”.

Nell’auditing di questi ultimi mesi ho avuto veramente un sacco di guadagni e di ripristino di consapevolezza, un sacco di realizzazioni, un sacco di sistemazione dei paradossi, che una vita difficile, e la chiesetta con tutti i suoi dati e tech alterata, avevano creato.

Ma è anche vero che di per sé “un Clear è in pericolo”, ovvero dovrebbe/deve andare velocemente avanti. L’ho capito molto, molto bene, cioè: io ho veramente rischiato molto.

Devo proprio confessare che in questa spirale di tanti anni me la sono vista proprio brutta… ero arrivato dal mio auditor con un bel po’ di guai (di caso) in corso; ma la tech ben gestita, insieme alla sua ferrea determinazione (del mio auditor, che non nomino per rispettare la discrezione e la richiesta di riservatezza), hanno fatto la differenza ed hanno portato al risultato che io solo immaginavo.

Mi ero infatti rassegnato che “beh si, “si può fare”, ma per me succederà forse in un altro momento, chissà quando…”

Ecco questo è soprattutto il messaggio insito in questo mio successo: “il Ponte, la tech, quella onesta (e oserei dire, quella di buona intenzione), scarica veramente la carica (gioco di parole) e dopo un po’ la nebbia comincia a diradarsi.”

Perché questo è quello che è successo: session dopo session, alle volte velocemente, alle volte un po’ più lentamente, ma sempre di lavoro si tratta, cominci a vedere sempre più verità, molto spesso la semplice verità, ovvero si comincia ad intravedere della luce.

 

Naturalmente c’è stata anche la mia determinazione a continuare “nonostante tutto ciò che era successo precedentemente”… devo dire che l’acutezza di sapere e intuire che “non può essere che questa la strada!”, mi è stata molto di aiuto: sapevo che nonostante le difficoltà e la ritrosia che mi assaliva a momenti alterni, dovevo andare avanti.

Questo pensiero è stato quello vincente: “devo andare avanti, lo so che alla fine vedrò la luce in fondo al tunnel”.

Ed alla fine è successo: mi è stato verificato lo stato di Clear e… “ma guarda un po’“, era così come immaginavo fosse: ho riabilitato lo stato raggiunto tempo fa.

Ringrazio molto il C/S che alla fine mi ha verificato e confermato: “sei Clear”.

Ora, in questo momento, mi sono messo in uno stato di semplice osservazione, guardo e percepisco i cambiamenti, le sistemazioni che stanno succedendo nel mio universo: pensieri e considerazioni, statiche per anni, che cambiano. Sono riabilitazioni in corso… ovvero rimozione di valutazioni e invalidazioni, molte delle quali fatte by self (auto invalidazione: “la somma delle invalidazioni ricevute”).

Se non che: “un Thetan ottiene ciò che postula”, ma anche “ciò che considera”, di sé e degli altri.

Questi postulati e considerazioni, mettono li una specie “linea guida” per il comportamento e l’andamento nella vita (come e cosa si pensa di se e degli altri, con conseguente comportamento ed atteggiamento); beh, in questo momento io ho in corso molte modifiche di pensieri ed atteggiamenti nei miei confronti e nei confronti di altri. Si stanno “mettendo per il meglio” molte cose nel mio universo. E questo mi sta piacendo molto.

Sul Ponte ho rimosso moltissime considerazioni e postulati e calcoli (con mitico “nuovo” Grado 4  (un’esclusività del movimento Indipendente, in realtà solo l’originale grado 4 di LRH), ho rimosso tanti  SF (n.d.r. Facsimili di Servizio), in modo molto ampio e “devastante” (rispetto al grado 4 della chiesetta che a paragone è solo un sbuffo di fumo). Ma qui con questa attestazione di Clear, una certezza che ho sentito molto precisa nel mio ciclo di attestazione, semplicemente si stanno risistemando “cose” (pensieri, considerazioni, conclusioni inesatte per mancanza di certezza e verità… tutto ciò solo per questa attestazione e certezza. Tali sistemazioni sono possibili grazie anche “solo” alla forza di un riconoscimento.

Finisco dicendo che “La certezza di Clear” è veramente cosi tanto importante: un punto ben determinato per poter progettare poi il nuovo percorso che c’è da fare, verso sempre maggior libertà. Libertà che ha questo punto considero semplicemente essere “sempre più verità”.

Grazie a tutto il movimento Indipendente, che è ben simboleggiato dal “nostro” blog La Reception, per la costante presenza, per il costante messaggio di speranza: “si può fare e lo stiamo facendo”.

Grazie a me stesso e grazie a tutti; a questo punto posso dire: “Very, very good well done!”

 

M.

simbolo-di-infinito-(1c)

 

Perché Clear?

 

Mi sento in pace con me stessa, nel rispetto delle richieste del mio body: cenetta tranquilla e rigenerante, relax a letto già da ora. Regalo energia chimica e fisica al mio mezzo di azione in questa vita. Il mio corpo che ora ascolto di più perché mi occorre per le mie missioni.

 

Tutto è così meravigliosamente naturale: riscopro una condizione che ho già vissuto in altra vita, o forse in questa, appena nata, non so. Mi sento libera e in pieno potere delle mie abilità. Felice e curiosa di poter scolpire il mio futuro godendomi il presente!

 

Eccomi sono Clear! Lo sono dal……. Ho riscoperto oggi come sono libera dalla mente reattiva, come sia bello decidere di voler “provare le emozioni” per rendere onore al mio body e rispettarlo, e contemporaneamente poter creare io la realtà che voglio attraverso i miei postulati. Decisi e senza incertezze, con date precise e azioni immediate.

Molto semplice, naturale e potente!

Ora voglio tenere alto il mio tono e divertirmi!

Grazie al mio Auditor! (kiss)

A.

simbolo-di-infinito-(1c)

 

Tumultuose le onde che governavano i mari ignoti della mia mente, mentre all’orizzonte una nebbia di paure e dubbi rendeva incerto il mio presente.

Poi d’un tratto la scarica che attendevo da tempo.   Adesso il silenzio.   Adesso la quiete.   Adesso la pace.   Estasi.

Non mi soffermerei oltre su tutte queste belle condizioni di esistenza.   Mi focalizzerei sull’ADESSO!   Credo non esista dono più potente dell’essere radicati nel tempo presente.  Mi sento finalmente stabile!  Sono il punto fermo in mezzo al caos.

Immobile dal mio punto di vista, mentre la vita si evolve davanti a me quasi fosse la pellicola di un film.   Tutto scorre mentre io sono fermo, concentrato e capace di delineare i contorni di ogni evenienza, riuscendo così ad averne il controllo.

Dentro di me percepisco tanto amore e, quando mi trovo solo con me stesso, mi sento cullare da un profondo sentimento che potrei definire quale un misto tra gratitudine e gioia.

La testa è così leggera che sembra di non averla più.

Mentre gli altri si focalizzano sui rischi e rimangono bloccati dalla paura, la mia mente viaggia ad alte velocità, fornendo soluzioni in base ai diversi possibili scenari, delineando così la strategia più efficiente.

Dovessi riassumere lo stato attuale in poche parole, lo definirei così:   essere completamente presi e totalmente distaccati allo stesso tempo.

PS:  Un grandissimo ringraziamento a Guido e Marisa che hanno sempre creduto in me nonostante fossi un ragazzino che sentiva parlare di Scientology per la prima volta, senza aver mai messo piede in una chiesa ufficiale. Tanta gratitudine nei confronti del mio Auditor R. che stimo molto e in cui ripongo completa fiducia.

Grazie a La Reception per avermi messo in contatto con il mondo indipendente e Paolo per il suo ruolo di timoniere del caso. Un caro saluto anche ad altri amici che mi hanno sempre ascoltato e che ho provveduto personalmente ad aggiornare su ogni mio successo ottenuto.

M.

the bridge (2)

 

 

 

11 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, Scientology indipendente, SUCCESSI, Tecnologia Standard

Paletti reali, virtuali e metaforici

bird fly out

Cari amici, lettori, osservatori, condomini, esegeti, apologisti, denigratori, trolls e astanti indefiniti e/o indefinibili; mi rivolgo indistintamente a tutti voi.

Dopo questi 6 anni di blog, nato per un’esigenza di libertà e indipendenza, anche dal campo “indipendente”, da un’idea o meglio esigenza di mio figlio Francesco, è mio personalissimo desiderio fare il punto della situazione, valutando risultati e aspettative. Rinfrescherò anche alcune regole, dettate dal buon senso, che desideriamo ( giusto per usare un verbo morbido ) vengano rispettate.

Sto esprimendo il mio punto di vista, senza pretese di dogmatismi  ( che fanno così tanto chiesa ), anzi vi invito fin da subito ad esprimere il vostro, nei limiti della decenza, intelligenza e buon gusto, i “ paletti “appunto, del titolo.

Il primo punto che desidero sottolineare è che qui si parla e si discute di SCIENTOLOGY, non di giardinaggio, yoga, pnl, la madonna, musica o quant’altro; per esempio a me piace la musica, a Marisa il giardinaggio, ma di questi argomenti ne parliamo in altre sedi. Non ci interessa fare pubblicità progresso ad altri argomenti, per quanto interessanti possano essere e per quanto ci possano essere più o meno graditi. Sono semplicemente fuori dallo scopo del blog LaReception.

Potete leggere per esteso lo scopo qui: https://lareception.wordpress.com/scopo/

Perciò, come scritto nei classici annunci economici: “astenersi perdi tempo”.

Molto spesso i gruppi indipendenti e i loro blog di riferimento soffrono di quella fastidiosa malattia chiamata “intolleranza” che non fa di certo bene a Scientology in senso lato e neppure alla crescita del movimento stesso.

La ricerca di una presunta perfezione tecnica non è una scusa per non fare nulla di concreto e di fatto ferma. Fa parte del DNA stesso di scientology evolversi nel tempo facendo tesoro di esperienze e risultati. Ricordate cosa scrisse LRH alla fine del libro uno a proposito del costruire un ponte migliore?

A differenza della chiesa, dove la libertà di pensiero è un vuoto slogan in quanto, se non ti adegui alla “intenzione del comando”, vieni mandato in etica e ti è impedito proseguire sul ponte finché non ti allinei, nel campo indipendente esiste il potere di scelta e il diritto sacrosanto di avere le proprie opinioni.

Ritengo che il nostro sia un blog tra i più tolleranti, a detta almeno di tante persone che seguono noi e altri siti che trattano di scientology.

E’ bene che una persona possa valutare liberamente e farsi la propria opinione, che determinerà poi il cammino che vorrà intraprendere.

Per tolleranza intendo il rispetto dei punti di vista, il concedere di essere e la capacità di valutare una persona in base alle sue proprie motivazioni, alle sue azioni e ai risultati di queste.

Dato il carattere stesso di un blog, dove la comunicazione avviene attraverso un via e non direttamente, è facile costruire un’immagine di sè idealizzata, che affascina o che attira rendendosi “interessante”. Un contatto il più possibile diretto permette valutazioni più accurate.

Perciò, quando una persona si rivolge a noi per avere Scientology, vogliamo conoscere le sue vere motivazioni e intenzioni, e lo stesso potrà fare lui nei nostri confronti.

Sappiamo che possiamo aiutare, abbiamo i mezzi e le persone per farlo, c’è un sacco di gente consapevole del valore di scientology ma che evita la chiesa “ufficiale” perché ha capito quanto perversa sia diventata.

Quando incontro una persona nuova, e vedo rinascere in lui la speranza di libertà con una scientology non più negata, mi si riempie il cuore di felicità e questo mi ripaga per i tanti travagli che io e la mia famiglia abbiamo dovuto attraversare durante il processo di emancipazione dalla chiesa.

Sarebbe certamente stato più comodo e indolore defilarsi quietamente, come tantissimi hanno fatto e continuano a fare, ma forse quell’orgoglio o senso dell’onore insito nei nostri animi ribelli ci ha spinto a non arrenderci ma, al contrario, darci da fare per riportare in esistenza le condizioni originarie per avere una Scientology disponibile per chiunque sia di buona volontà .

E i risultati ci sono e si vedono, auditor indipendenti stanno operando in varie zone d’Italia; quotidianamente ci sono persone che si siedono su “quella” sedia e, dopo il fatidico: ”Questa è la session!”, si avventurano in quel magico reame che sta un centimetro dietro la loro fronte, … o più in là. E c’è anche chi si addestra, gruppi si stanno formando.

Il Blog è una porta d’ingresso a tutto ciò, sta a chi è interessato varcarne la soglia e scoprire cosa c’è dietro!

Buon proseguimento!

Guido Minelli

78 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, OT, Scientology indipendente, Tecnologia Standard

Buon Compleanno Ron

Ron e family

10 commenti

13 marzo 2016 · 09:05

PROCEDIMENTI DI GRUPPO

SIETE SCIENTOLOGIST INDIPENDENTI ? PENSATE CON LA VOSTRA TESTA !

Da “Dianetics di gruppo” nel libro – Note sulle Conferenze.

“Questi principi di linea di fatto costituiscono una scoperta sui gruppi paragonabile alla scoperta degli engram negli individui.

Il chiarimento di tali momenti di turbamento viene fatta semplicemente esponendo tutti i suoi aspetti aspetti alla vista generale di tutti gli individui che compongono il gruppo.

Questo sforzo di dare procedimenti sarà completamente vanificato se l’auditor prestasse una qualsiasi attenzione alla considerazione che il pubblico o che altri gruppi possono avere del gruppo, la reputazione di ogni individuo coinvolto nel momento di emergenza, o qualsiasi idea che possa turbare fortemente i membri del gruppo stesso alla scoperta di certi fatti riguardo i suoi membri.

Il  punto Caratteristico di questa agitazione o turbolenza, l’engram del gruppo, è che contiene informazioni soppresse o fuori vista.

Se in un qualsiasi momento l’auditor del gruppo sopprimesse informazioni o le colorasse in un qualsiasi modo, una parte di quell’engram rimarrà, e alla fine si entrerà in una situazione dove l’engram stesso viene lasciato in uno stato di stimolazione in cui potrà fare più danni di quelli che avrebbe fatto se non fosse mai stato percorso.

Gli auditor del gruppo, devono essere composti di persone completamente addestrate sugli ideali, la razionalità e l’etica del gruppo, e la cui integrità non sia messa in discussione dal gruppo. Il punto focale dell’auditor del gruppo è l’onestà e la verità, e dati non soppressi, non colorati, non patinati.

Solo in questo modo si può fare un buon lavoro di auditing. L’auditor del gruppo sta scoprendo cosa è stato fatto al gruppo e lo sta percorrendo.

Non c’è bisogno di passare più volte su questi engram, al di là di esporre le informazioni con competenza e completamente alla vista di tutti, e permettendo a tutti i membri del gruppo di discutere quelle informazioni come desiderano”.

L . RON HUBBARD

 

 

È ovvio che abbiamo bisogno di audire il nostro engram di gruppo.

Perché non ci prendiamo responsabilità per gli engram che abbiamo inflitto a una società in nome di Scientology?

È sufficiente dire “è stato il GO” o “è stato il CMO“.

Alcune persone sentono che è sufficiente semplicemente addestrarsi e audire.

La maggioranza lo dovrebbe fare, ma c’è anche l’obiettivo difficile di ottenere l’accettazione del pubblico e riparare al danno che e’ stato causato.

Non si fa infiltrando le agenzie governative, e nemmeno adottando un’attitudine superiore ai “WOG”, e nemmeno maltrattando lo staff.

Dobbiamo ammettere che il gruppo a cui appartenevamo ha avuto una rottura psicotica di terza dinamica, e anche se la Chiesa dicesse “non lo faremo più” non ci sarebbe di grande aiuto.

Probabilmente l’unica soluzione e’ come sempre, maggior comunicazione e comprensione.

L’essere da Esempio e’ un ottimo modo per rendere l’ambiente intorno a noi, un luogo bello dove stare…..

331 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, Scientology indipendente

Buon Natale

Buon Natale a tutti voi, siate da esempio… Sempre.

Much Love

Francesco 

2 commenti

Archiviato in Casa Minelli

Una tesi da 110 e lode, bibliografia e sitografia

Bene, eccoci giunti al termine della pubblicazione della Tesi di Eleonora, siamo decisamente soddisfatti della visibilità che ha ottenuto e crediamo che abbia contribuito a fare un pò più di chiarezza su cosa sia Scientology e sulla differenza esistente tra la Filosofia di Scientology e la Chiesa che pretende di averne il monopolio. Crediamo che questo sia un documento prezioso e che continuerà ad essere di riferimento anche nel futuro per tutti gli appassionati ricercatori di verità.

Le Mete di Scientology

“Una civiltà senza pazzia, senza criminali e senza guerre, in cui le persone capaci possano prosperare e gli esseri onesti possano avere dei diritti, in cui l’uomo sia libero di innalzarsi a più elevate altezze.”  L.R.H.

 

bibliografia

BIBLIOGRAFIA

Pietro Aldi, Una nuova mania degli americani: la DIANETICA, in “Selezione Scientifica”, a. III, n. 2

 

Campbell A. Heidi, Introduction, in Campbell A. Heidi, Digital Religion, Abingdon, Routledge, 2013

 

Campbell A. Heidi, When Religion Meets New Media, Abingdon, Routledge, 2010

 

Dorthe Refslund Christensen, Scientology an Self-Narrativity: Theology and Soteriology as Resource and Strategy,  in Lewis R. James, Scientology, New York, Oxford University Press, 2009

 

Douglas E. Cowan, Researching Scientology: Perceptions, Premises, Promises, and Problematics, in Lewis R. James, Scientology, New York, Oxford University Press

 

Grieve G., Religion, in Campbell A. Heidi, Digital Religion, Abingdon, Routledge, 2013

 

Hubbard L. Ron, Dianetica, Roma, Gherardo Casini, 1951

 

Hubbard L. Ronald, Dianetics, Scienza moderna della salute mentale, Milano, Editoriale ARC, 1982

 

Krüger Oliver, “Discovering the invisible Internet”, in “Online – Heidelberg Journal of religions on the Internet 1.1”, 2005

 

Lewis R. James, Introduction, in Lewis R. James, Scientology, New York, Oxford University Press, 2009

 

Lövheim Mia, Identity, in Campbell A. Heidi, Digital Religion, Abingdon, Routledge, 2013

 

Melton J. Gordon, The Church of Scientology, Torino, Signature Books, 2000

 

Origlia Dino, Dianetica, la <<scienza nuova>> di Hubbard, in “Epoca”, a. II, n° 59, pp. 28-30

 

Pace Enzo, La comunicazione invisibile, Torino, Edizioni San Paolo, 2013

 

Pauline Hope Cheong, Authority, in Campbell A. Heidi, Digital Religion, Abingdon, Routledge, 2013

 

Poggi Isotta, Alternative Spirituality in Italy, in Lewis J, Melton G., Perspectives on the New Age, New York, State University of New York Press, 1992

 

Urban C. Hugh, The Church of Scientology. A History of a New Religion, Princeton, Princeton University Press, 2011

 

Vecoli Fabrizio, La religione ai tempi del web, Bari, Laterza, 2013

 

SITOGRAFIA

D’Agostino Fabrizio, http://www.romanotizie.com/2011083124045/scientology-ci-scrive-fabrizio-d-agostino.html, 12 giugno 2014

D’Agostino Fabrizo, http://guide.supereva.it/i_ching_e_tarocchi/interventi/2007/02/285457.shtml, 4 giugno 2014

 

http://en.wikipedia.org/wiki/Advanced_Ability_Center, 13 gennaio 2014

 

http://eticaeverita.wordpress.com/, 3 febbraio 2014

 

http://indipendologo.wordpress.com/, 20 novembre 2013

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Mauro_Biglino, 20 ottobre 2014

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Xenu, 4 dicembre 2013

 

http://italian.scientologyhandbook.org/sh4_1.htm, 3 agosto 2014

 

https://lareception.wordpress.com/, 8 marzo 2014

 

https://lareception.wordpress.com/chi-ce-dietro-miscavige-e-la-chiesa-di-scientology/, 28 dicembre 2013

 

https://lareception.wordpress.com/dichiarazioni-di-indipendenza-

italiane/, 28 dicembre 2013

 

http://maurobiglino.it/info/, 1 ottobre 2014

 

http://ronsorg.ch/buecher/miraclesforbreakfast.pdf, 20 febbraio 2014

 

http://settore9.jimdo.com/, 17 agosto 2014

 

http://www.antisectes.net/usa-vs-msh-appeal-memorandum.htm, 15 ottobre 2014

 

http://www.eticaeverita.org/, 16 febbraio 2014

 

http://www.freezone.org/reports/e_mayool.htm, 20 ottobre 2014

 

http://www.ronsorg.com/, 5 ottobre 2014

 

http://www.ronsorg.com/english/chartaenglish.html, 17 ottobre 2014

 

http://www.ronsorg.com/english/linksenglish.htm, 17 ottobre 2014

 

http://www.ronsorg.com/images/ronsorgengl.pdf, 17 ottobre 2014

 

http://www.scientology.it/faq/scientology-and-dianetics-auditing/what-is-auditing.html, 5 luglio 2014

 

http://www.scientology.it/what-is-scientology/basic-principles-of-scientology/eight-dynamics.html, 5 luglio 2014

http://www.video.mediaset.it/video/verissimo/servizi/321959/i-padroni-dellanima.html, 20 novembre 2013

http://xenu.com-it.net/trib.htm, 6 maggio 2014

 

http://xenu.com-it.net/txt/diventarestaff.htm, 5 marzo 2014

 

http://xenu.com-it.net/txt/narconon_aiutospa.htm, 4 febbraio 2014

 

http://xenu.com-it.net/txt/oca.htm, 30 gennaio 2014.

 

https://lareception.wordpress.com/corsi-auditing/, 20 dicembre 2013

 

Introvigne Massimo, http://www.cesnur.com/i-movimenti-dei-dischi-volanti/corrado-malanga-e-il-coordinamento-stargate-italiani/, 10 settembre 2014

 

Introvigne Massimo, http://www.cesnur.com/religioni-e-movimenti-del-potenziale-umano/la-chiesa-di-scientology/, 21 settembre 2014

 

Introvigne Massimo, http://www.cesnur.org/2001/scient_01.htm, 12 settembre 2014

 

Lewis R. James, https://www.academia.edu/6735974/Free_Zone_Scientology_and_Other_Movement_Milieus_A_Preliminary_Characterization, 18 novembre 2014

 

Morena, http://guide.supereva.it/i_ching_e_tarocchi/interventi/2009/05/285162.shtml, 4 giugno 2014

 

Paderni Pier, http://www.andromedalibrary.org/eventi/iiideg-festival-artistico-il-ritorno-di-re-arcobaleno, 24 giugno 2014

 

Paderni Pier, http://www.youtube.com/results?search_query=pier+paderni, 3 novembre 2013

 

Paderni Pier, http://www.youtube.com/watch?v=JLgoeuHalvs&list=UUxtEr5CJjuwgqga87A6fuRw, 3 novembre 2013

Rinder Mike, http://www.mikerindersblog.org/ot-ix-x-promises-promises/, 2 giugno 2014

Roson Elisa, http://www.news-forumsalutementale.it/l%E2%80%99osceno-comitato-dei-cittadini-per-i-diritti-umani/, 24 settembre 2014

 

https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20110522120119AAdGM58, 20 novembre 2014

 

http://indipendologo.wordpress.com/2010/09/29/david-mayo-una-lettera-aperta-a-tutti-i-scientologists/, 4 novembre 2014

 

http://indipendologo.wordpress.com/2012/02/23/e-la-stampa-italiana-scopre-gli-indipendenti/, 21 giugno 2014

 

Colonna Federica, http://www.libertiamo.it/2012/04/28/benvenuti-in-italia-dove-il-web-e-ancora-una-novita/, 13 settembre 2014

 

Ortega Tony, http://tonyortega.org/2013/04/13/the-saga-of-david-mayo-scientologys-banished-tech-wizard/, 14 luglio 2014

 

B.A. Robinson, http://www.religioustolerance.org/acm1.htm, 21 ottobre 2014

4 commenti

Archiviato in Casa Minelli