CHE FINE HA FATTO HEBER JENTZSCH ?


SCRITTO DA JEFF HAWKINS, LA SUA VERSIONE DI CHE FINE ABBIA FATTO HEBER, PERSONA CHE FU IL PORTAVOCE DELLA CHIESA DI SCIENTOLOGY E CHE ATTUALMENTE RISULTA SCOMPARSO.

TRADOTTO DA SIMONETTA PO.

LINK ORIGINALE: http://xenu.com-it.net/txt/heber_jentzsch.htm

BUONA LETTURA E BUONA NOTTE !!!

Che fine ha fatto Heber Jentzsch?

Jentzsch  è stato il presidente della Church of Scientology International per anni e probabilmente lo è ancora, almeno a livello formale. Ma di lui non si sa più nulla da anni. Scomparso.

Di © Jeff Hawkins, 14 giugno 2010.

© Traduzione a cura di Simonetta Po, luglio 2011.

 

In un mio post precedente ho parlato delle «cose che gli scientologist devono dimenticare.» Dovremmo ora aggiungere anche «le persone che gli scientologist devono dimenticare.»Una di quelle persone che dovremmo cancellare dalla nostra memoria è Heber Jentzsch. Heber entrò in Scientology lo stesso anno in cui lo feci io: il 1967. Quest’anno fanno perciò 43 anni di fedele servizio. Ora Heber ha 76 anni. Per molti anni è stato il portavoce principale di Scientology e sebbene abbia spesso discusso e combattuto con i giornalisti, si è anche guadagnato il loro rispetto. Nel 1982 fu designato presidente della Church of Scientology International e per molti diventò il volto pubblico di Scientology. Parlava spesso agli event e grazie al suo senso dell’umorismo e al suo fascino, in Scientology era diventato una figura popolare. Non c’era scientologist che non sapesse chi era Heber.

Ora però è scomparso dal mondo di Scientology. Sparito.

Gli scientologist si chiedono mai: «Ma Heber, che fine ha fatto?». No. Tutti sanno che quando qualcuno scompare bisogna non accorgersene e non fare domande. Qualcuno chiede di vedere il documento di rimozione dall’incarico di presidente della CSI? Naturalmente no. Qualcuno chiede a chi è stato ora assegnato quell’incarico? Naturalmente no. Qualcuno chiede perché il nome di Heber è scomparso dai siti web della chiesa? Ancora, e ovviamente, no. Qualcuno chiede perché non compare più agli event? La risposta è la stessa: naturalmente no.

Conoscevo Heber. Ci siamo incontrati a Flag negli anni ’70; negli anni ’80 entrambi lavoravamo al Complex. Quando vivevo e lavoravo alla Base, Heber veniva ogni tanto in visita da Los Angeles per una conferenza o una riunione. Ogni volta che ci incontravamo facevamo due chiacchiere e ci raccontavamo le ultime novità. In Scientology Heber era amato da tutti. Non ho mai conosciuto qualcuno a cui Heber non piacesse.

Salvo uno: David Miscavige.

Miscavige odia Heber. Miscavige odia chiunque si mostri competente, intelligente e popolare. Lo vede come una minaccia al suo potere.

Perciò: che ne è stato di Heber? Mike Rinder [ex capo dell’Ufficio Internazionale degli Affari Speciali, OSA Int. – N.d.T.], una delle persone che recentemente ha lasciato la Base, ha raccontato come Miscavige trattava Heber. Tra le altre cose, Mike dice:

«Nel corso degli anni Heber ha retto il colpo dell’ira di Miscavige. Ho visto Miscavige prenderlo a botte in almeno dieci occasioni diverse. Miscavige si era fatto fare dei pupazzi con le sembianze di Heber (e di me). Erano riproduzioni parecchio elaborate che sembravano pupazzi ventriloqui. Miscavige faceva sedere Heber con il pupazzo in grembo e parlava al pupazzo, invece che rivolgersi direttamente a lui. Era la dimostrazione del “fatto” che Miscavige riteneva Heber “legnoso” e “a-reattivo” (chiunque conosca Heber può confermare quanto ridicole siano queste affermazioni). Questi comportamenti facevano parte della sceneggiata di Miscavige chiamata “Burlarsi & Denigrare” e della perenne denigrazione di cui Miscavige fa oggetto chi gli sta accanto, in particolare chi ritiene sia una minaccia (e agli occhi di Miscavige la popolarità di Heber tra staff e pubblico era una vera minaccia).

«I pupazzi furono addirittura spediti nel Regno Unito per l’event della IAS in cui Miscavige provocò crudelmente Heber. Ho visto quest’ultimo scattare una volta soltanto, quando Miscavige, dopo ore di commenti di scherno e tentativi di sminuirlo, spruzzò il volto di Heber con il liquido delle lenti a contatto e poi gli spalmò sulla faccia del latte in polvere. È questo il livello di comportamento a cui scende il “leader” di Scientology.

«Ma a quell’event della IAS non accadde soltanto questo. Heber, assieme a me e a Guillaume Lesevre, venne assegnato al lavoro MEST. Era veramente una scena surreale… prima in smoking per un evento internazionale e poi in tuta da lavoro a fare lavoro MEST nei boschi vicini al lago di Saint Hill Manor. Per poi essere gettati completamente vestiti nel lago stesso, ed era novembre. Poi Miscavige decise che stare “nascosti” nella boscaglia non era sufficiente e ci ordinò di fare lavoro MEST vicino alle stalle, proprio là dove tutti gli staff di Saint Hill passano per andare a mangiare. C’ero anche io quando Heber scivolò su un tronco, cadde a terra e si fece davvero male. Naturalmente Miscavige incolpò Heber stesso di essere “fuori etica” (e come nota finale sull’Inghilterra, anche se non veramente in argomento: io e Guillaume Lesevre ricevemmo l’ordine di pulire i gabinetti e di spazzare tutte le sale di AOSHUK, guardati a vista dal personale della sicurezza – un sacco di persone del pubblico ci hanno visto).

«Miscavige ha proibito a Heber di apparire in pubblico e non può più partecipare agli event di Int. Perciò è diventato una “non persona” e alla Base INT è tenuto fuori vista.

«Heber fu la prima persona esterna alla Base INT ad essere spedita nel Buco. Era ancora lì quando io me ne andai nel marzo del 2007 e, per quanto ne so, c’è ancora. So che NESSUNO da anni sente più parlare di lui. E mentre stava nel Buco, indipendentemente dai suoi anni di servizio e dall’età, Heber era trattato come tutti gli altri: viveva nella casa mobile di CMO Int assieme a un centinaio di altre persone, dormiva sul pavimento, mangiava in piedi in ufficio, senza tavoli e sedie, e poteva disporre di soli 20 minuti al giorno per una doccia in comune nel garage (a meno che Miscavige non fosse nei paraggi, nel qual caso non si poteva fare la doccia perché nessuno voleva rischiare che DM vedesse tutti quei “soppressivi” che marciavano insieme, accompagnati dalle guardie di sicurezza, verso il garage. Quella visione avrebbe “inturbolato” Miscavige – sebbene lui stesso volesse avere rapporti quotidiani per tenere traccia delle ammissioni “succose” estorte alla gente). Heber venne tenuto in piedi davanti a un centinaio di persone e costretto a confessare (attività a cui ho preso parte anche io, ed è una cosa di cui ora mi vergogno molto) e poi deriso per il fatto di essere cresciuto in una famiglia mormone, e ancora per i suoi rapporti con altri leader religiosi (Heber venne etichettato come “squirrel” per questo). Heber non si lamentò mai anche se nel Buco era la persona di grado più alto e quelle condizioni di vita hanno chiesto a lui un prezzo più salato che a chiunque altro.

«E come chiunque altro, nemmeno lui era autorizzato a comunicare con chi stava fuori dal Buco. Nemmeno con la sua famiglia. E forse quella, per Heber, era la cosa più dura da sopportare.»
Si dice che Alexander, il figlio di Heber Jentzsch, abbia lasciato la Sea Org. Alex non vede il padre da quattro anni. Spero che vada su Google e cerchi il nome di suo padre, e scopra da solo come Heber sta venendo maltrattato dall’attuale dirigenza di Scientology.Ecco, questo è il modo in cui vengono trattate le figure più senior di Scientology. Con alle spalle oltre quattro decenni di fedele servizio alla chiesa, oggi Heber dovrebbe godersi un meritato pensionamento, godersi con la famiglia e gli amici tutto il bene che ha fatto alla chiesa. LUI dovrebbe essere quello festeggiato e premiato agli event, non chi versa tonnellate di denaro nei fondi neri di Miscavige.

Per quanto riguarda le persone del pubblico di Scientology: non pensate che sia venuto il momento di tirar fuori le palle e di fare tutte quelle domande ovvie sulla vostra chiesa che non avete mai fatto? Oppure continuerete a nascondere la testa sotto la sabbia?

Da 1984 di Orwell:

… chi era uscito dalle grazie del Partito semplicemente scompariva, e di loro non si sentiva più parlare. Nessuno aveva nemmeno il minimo indizio su che cosa fosse loro successo. In alcuni casi potevano non essere nemmeno morti…

10 commenti

Archiviato in Uncategorized

10 risposte a “CHE FINE HA FATTO HEBER JENTZSCH ?

  1. silvia chiari (calla)

    CIAO! Come spesso mi ritrovo quando leggo cose del genere…non ho parole !!! …… Per quanto riguarda la frase “..oppure continuerete a tenere la testa sotto la sabbia ?..” SI , purtroppo per molti di loro si perchè si sono “DIMENTICATI” di avere una testa !!!! e quindi non possono usarla ….
    Ieri curiosando mi sono imbattuta in due frasi dette da ADOLF HITLER :
    “La propaganda non deve servire la verità, specialmente perchè questa potrebbe favorire l’avversario ”
    “Le masse sono abbagliate più facilmente da una grossa bugia che da una piccola ”
    Ogni commento a similitudini con D.M. è superfluo !!!
    ML Silvia Chiari
    ( forse d’ora in poi mi chiamerò si.chi visto che abbiamo un’altra grande Silvia e sono molto contenta che possa esprimersi liberamente in questo blog !)

    • Ciao Silvia, ritengo che questo sia un Blog libero e pertanto lascio parola a chiunque voglia esprimerla.
      Come ho già espresso in passato,non in questo blog ma sull’Indipendologo, ritengo che la Cof$ stia facendo benissimo il suo lavoro per Autoledersi, quindi questa ( la Reception ) e’ una porta dove chiunque puo’ entrare e scoprire che esiste una Scientology libera, dove non ti dicono come pensare e cosa pensare, dove puoi scoprire che se uno lo volesse può proseguire il proprio cammino verso la liberta spirituale.
      La Reception se necessario smista le linee di comunicazione e connette le persone alle linee tecniche necessarie, sia per auditing che per studio.
      Lo scopo e’ ” il credo di Scientology” , nessun ingrediente aggiunto.
      KSW1 e’ fondamentale in questo gioco, ma deve essere responsabilità di ognuno di noi, assicurarsi che sia cosi’.
      Non esiste un ” Reg” nel campo indipendente come siamo stati abituati a conoscerlo nella CofS, esistono pero’ i risultati .
      Quindi quando ognuno di noi ha deciso il prossimo passo da fare ed ha ” trovato” il suo Auditor o Supervisore, sara’ solo la sua intenzione a farlo che lo fara’ proseguire.
      La ” censura” rende chi la causata persecutore di un regime che io ho mollato da tempo, A=A rende bene, ma può essere frainteso.
      Comunque ho liberamente e volutamente dato piena liberta’ a Silvia poiché LRH mi insegna, ed io ho provato che e’ vero per me, che se hai uno scazzo con qualcuno, te lo risolvi con l’ ARC che porta alla comprensione.
      Opinioni diverse esistono,anche perche’ non siamo dei cloni di un Dio maggiore,si e’ Fede.
      Se qualcuno ha qualcosa da discutere con lei, che lo faccia liberamente, io l’ho fatto e di persona gli ho parlato scambiandoci i nostri punti di vista , disaccordi e accordi.
      La disconnessione esiste nella CofS anche se il portavoce l’ha pubblicamente negato.
      LRH la ha tolta perche’ la tecnologia attuale ci permetteva di stare di fronte a qualsiasi cosa.
      Quindi gliela lascio volentieri alla CofS co e gli lascio pure i loro scheletri nell’armadio e la loro caccia alle streghe.
      Io Fiorisco e prospero
      E sarei felice che chiunque di voi lo facesse
      Come vuole
      Se lo vuole.
      Buona Domenica Silvia e grazie di avermi ascoltato.

      Francesco

  2. Diogene

    Francesco, apprezzo la tua decisione di concedere libertà di espressione a chiunque (e non ne avevo dubbi) in quanto rimarca la tua padronanza dello Stare di Fronte e di altri attributi annessi. Il punto di vista da me espresso sull’Indipendologo riguardava la capacità di proteggere chi conta sulla riservatezza per potersi esprimere liberamente. Con i modi opportuni si incentiva la partecipazione attiva di un maggior numero di persone interessate al dialogo. Non è una mia affermazione, ma è LRH ad insegnarci che c’è Libertà soltanto quando ci sono ben definite Barriere e Scopi… sicuramente sai dove leggere i dati su questo “triangolo”. Per quanto mi riguarda, sono disposto a parlare di qualsiasi cosa con chiunque indipendentemente dal suo quoziente di intelligenza, “altitudine” e attitudine… anche in diverse lingue :)) ma la “barriera” che io metto è che il colloquio avvenga a quattr’occhi oppure che io sappia chi è il mio interlocutore… altrimenti (come dicevi tu riguardo allo scrivere su un blog) la corretta formula della comunicazione non può aver luogo. E sempre concedo il diritto di replica, ma io mi riservo il diritto di terminare la comm.

    Il tuo post di oggi dovrebbe essere ripubblicato su tutti i siti Indi (e su tutti quelli che si interessano di Diritti Umani) almeno una volta alla settimana finchè Heber non sia effettivamente libero di parlare, di muoversi e di ricongiungersi con i suoi famigliari… o, se malauguratamente fosse malridotto e irretito, finchè la chiesa stessa non lo restituisce al mondo.
    Anche nell’improbabile ipotesi che fosse lui stesso ad aver scelto o accettato di rendersi irreperibile, sarebbe un gesto di misericordia dovuta nei confronti della moglie che almeno lei lo potesse constatare.
    Questo tipo di malvagità non ha scusanti… ma mi piace pensare che Heber sia consapevole di diventare prima o poi, da vivo o post mortem, la bomba H che disintegrerà Miscavige e la perversione dei suoi aguzzini…

    Ciao… il tuo blog sta diventando interessante…

    • In gergo popolare della zona franca ti dico ” ca bel che ta set ! ” (ndr. che bello che sei)
      Condivido in pieno cio’ che mi dici e aggiungo che credo che la piu’ grande barriera dell’uomo sia l’uomo stesso.
      Se fossimo in piena capacita’ come esseri,ossia intorno a 40.0 sulla scala del tono, questo universo avrebbe dei seri problemi.
      Sicuramente si potrebbe leggere il “postulato” dietro ad un flusso entrante esattamente per quello che e’ .
      Qui’ in questo gioco abbiamo delle percezioni di quale sia lo scopo riguardante a cio’ che ci arriva.
      Valutiamo in base ai nostri dati,le nostre esperienze , ma sopratutto in base a cio’ che e’ vero per noi .
      La Reception o Casa Minelli , in questa epoca dove lo spazio ed il tempo puo’ essere “fregato” con la tecnologia, puo’ comunicare liberamente con ogni angolo del pianeta nel tempo di un click, ma e’ altrettanto se non maggiormente importante marcare che La Reception o Casa Minelli ha una posizione ben definita nello spazio.
      Via V. Veneto 154 Ospitaletto (BS)
      C’e’ ne e’ di via vai da queste parti e da buoni padroni di casa accogliamo chiunque ci venga a trovare.
      La capacita’ di stare di fronte viene anche validata in coloro che si presentano qui’, a casa .
      Effettivamente il ” guardarsi negli occhi ” mentre ci si scambia opinioni, permette alle “percezioni” di fare il loro dovere
      cosa che non puo’ avvenire attraverso un VIA come le parole scritte od un telefono
      Un bravo oratore od un eccellente scrittore potrebbero ingannare le percezioni
      Ma solo perche’ stanno passando da un VIA
      Era il 1982 quando a Salo’ (BS) i miei genitori mi portarono al cinema a vedere BLADE RUNNER, fantascenza pura per l’epoca .
      Mi ricordo che mi rimase impresso vedere Harrison Ford che si videochiamava nella sua casa con un’altra persona…
      Ora, con 50 euro ti compri un cellulare con Skype e ti fai le videochiamate gratis in tutto il mondo.
      Se puoi pensarlo puoi farlo , o forse lo hai gia’ fatto ,molto molto tempo fa’.
      Ma e’ un’altra novella…..
      Le distanze si annullano,in Casa Minelli ringraziamo profondamente Skype, perche’ in questo modo possiamo avere una comunicazione a due sensi e quattro occhi anche con l’altro lato del mondo. Senza VIA letali.
      Noi siamo sinceri con il prossimo e credo che i vecchi detti popolari siano veramente saggi.
      Delle Verita’ rivelate……?
      Quel che semini raccogli…
      Fai del bene e scordalo , fai del male e pensaci ( squirrerellerei in scrivilo ( tempo luogo forma e avvenimento)) 🙂
      Per Heber e per sua moglie noi facciamo il tifo
      E’ correto informare
      come e’ corretto che le autorita’ competenti si prendano la responsabilita’ di assestare un colpo efficace ad un sistema corrotto e perverso.
      Proteggere la riservatezza e’ d’obbligo poiche’ se vogliamo vederla da questo punto di vista, una persona che per i suoi motivi si esprime dietro ad un nick name ma che ha rivelato agli agenti del traffico delle comunicazioni la sua vera identita’, e’ come se avesse fatto una Confessione e da tale deve essere coperta da segreto confessionale.
      Reputo l’azione di rivelare , per un presunto presentimento, dati sensibili agli sciacalli , un’infamia .
      Che in gergo stretto e’ una condizione di tradimento.
      Sono contento che tu ritenga Interessante il Blog
      e rinnovo l’invito a chiunque lo voglia fare
      di partecipare vivamente
      scrivendo anche dei post ,
      inviandomeli alla mia mail
      johnmina@libero.it
      ed io li pubblichero’.
      Grazie Diogene sei sempre too much !

      Francesco

      P.S. Il Plus Point di venire a Casa Minelli di persona e’ che qui’ abbiamo il Salame di Montisola per gli ospiti e via Skype non si sente ne l’odore ne il sapore !!!!

      • Diogene

        Vade retro… demonio tentatore!!!! (ce l’hai nel retrobottega il salame, vero?)… Va de re’…te satanasso!!!… Nom de drè cum salamorum…
        pax et vinum ad abundantia… ego te absolvo, panem et circensis tua!

        • Lo sai Diogene che il Diavolo fa le pentole e non i coperchi…….
          Il vinum ad abundantia ghe l’ho mia , me vo’ en session tetc i de so OT du e bee mia ( il vino in abbondanza non ce l’ho, io vado in seduta tutti i giorni su OT2 e non bevo )
          E piuttosto di bermi il vino analcolico o acqua de pom che mi sono bevuto varie volte a Flag festeggiando l’ultimo dell’anno, mi prendo direttamente il Guttalax che ha lo stesso effetto ma e’ piu’ concentrato !!!
          Cordialmente
          Il coperchio.

  3. Simon Bolivar

    Già, che fine ha fatto? Mi ricordo di quanto era carismatico il vecchio Rev Heber, di quanto bene gli voleva la gente e quanta perseveranza metteva nella lotta. Una figura che non di poteva far altro che amare.
    Purtroppo ha ceduto anche lui alla soppressione, è sparito.
    Speriamo solo non ritorni cosi messo male come Guillame all’event del compleanno. Uno zombie che camminava e completamente nella valenza di DM. Parlava anche come lui.

    • Guillame ha dato tutto se stesso per la chiesa, per quanto mi riguarda piu’ che dargli dello Zombie, gli auguro che trovi la forza ed il coraggio di chiamare il 911 (113 americano) e gridare ” venite a prendermi ! ”
      Questo potrebbe accadere solo se lui ricercasse in se’ la sua integrita’ e non si uniformasse a cio’ che gli dicono di essere……
      Ma queste sono mie supposizioni e valutazioni ……
      Un dato di fatto invece e’ che LUI, Guillame era sposato con Vannella ,si sono conosciuti a Brescia molti lustri fa, da qui sono partiti ed hanno avuto 2 figlie.
      Sua moglie, anzi EX, ogni tanto si vede girare per Brescia e quindi e’ a circa 7.500 Km da dove lui si trova……
      Le sue 2 figlie ora sono ” WOG ” ossia non Scientologhe , ANZI ……..

  4. Tony Pacati

    ciao Francesco,
    mi ricordo di Heber JENTZSCH negli event di molti anni fa, a parte la barriera liguistica ed il cognome impossibile, ricordo una forte personalità e un elegante senso dell’umorismo piacevole e colto che non si adatterebbe agli event fracassoni e lampeggianti con veline e colonne di polistirolo verniciate oro di oggi.
    La cosa che mi sconvolge di piu’, e lo dico con vergogna, e’ che fino a quando non l’ho letto nella lettera di Garcia, io non mi ero accorto che tutti i protagonisti degli event passati erano spariti ed era rimasto solo lui, David!
    E mi chiedo come e’ possibili non aver fatto caso ad una cosa cosi’ evidente! Se io ho raggiunto un tale stato di rincoglionimento, come posso stupirmi di chi ancora lo segue con ceca fiducia.
    E, come ha commentato qualcuno sull’indipendologo, anch’io l’ho pure applaudito!

    Avevo già voglia, un giorno, di approfittare della tua ospitalità, ed adesso che c’è anche l’incettivo del salame di Montisola, la cosa diventa un dovere!

    ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...