ANONIMO VENEZIANO, UN’ANALISI ……Parte 2

ECCO LA SECONDA PARTE DELLA MAIL DI ANONIMO VENEZIANO.

DAL MIO PUNTO DI VISTA , QUANDO ALLA FINE TUTTO IL SUO POST SARA’ PUBBLICATO , AVREMO UNA PERSONALE MA REALE VISIONE DEI FATTI.

GRAZIE DEI VOSTRI CONTRIBUTI !!!

—————————————————————————————————————————————————–

………..Posso solo proseguire con il fatto che quello che è “il più giusto” o il “più sbagliato” è solo valutabile su una scala gradiente, dove al 51% troviamo il livello minimo di sopravvivenza diciamo “positiva” sotto di questo si inizia a soccombere, tenendo poi conto di un fattore importantissimo, gli assoluti non esistono, e, una cosa o migliora o peggiora, non può rimanere sullo stesso livello troppo a lungo.

Per mettere ancora i puntini sulle “i” direi di affrontare un soggetto molto discusso, avendo stabilito la scala gradiente tra giusto e sbagliato, ora, dobbiamo vedere che se io faccio una cosa positiva e poi una sbagliata, il fatto che abbia fatto una cosa positiva, non deve giustificare la cosa sbagliata fatta, ma l’assumersi la responsabilità e non la colpa e qui andiamo su altre scale.

Quindi torniamo al fatto che vivere con “le mani pulite” è una scelta di vita. Potrei citare la “Magia del Buon Management” e citarne la sezione D ma mi limito a dare modo di andare a vedere di cosa parla… (HCO POLICY LETTER DEL 27 DICEMBRE 1963

– LA “MAGIA” DEL BUON MANAGEMENT

” o

HCO POLICY LETTER DEL 23 FEBBRAIO 1970 QUALITÀ DEL SERVIZIO dove Ron è chiarissimo sul soggetto.

Aggiungo una conferenza dove Ron è più che chiaro.

DIRIGERE L’ATTENZIONE

Una conferenza tenuta il 14 febbraio 1962

Quattordici febbraio. S. Valentino. Vuoi essere la mia Valentina?

Non ho sentito nessuna volontaria.

Molto bene. Molto bene.

Non ho specificato l’anno della data. AD 12. Corso di Istruzione Speciale di Saint Hill.

Abbiamo appena avuto un buon esempio di come distrarre un pc mandandolo fuori seduta e facendogli crollare il bank sulla faccia. L’avete notato?

Non era un esempio interessante? E notate che ha fatto cadere l’havingness immediatamente, hm? Interessante, vero? L’attenzione del pc… un rumorino e bang!

Naturalmente, ci si mette una pezza eliminando subito la rottura di ARC. Se non riuscite a eliminare la rottura di ARC, percorrete un po’ di Havingness ed eliminate la rottura di ARC. Capite?

Se non riuscite facilmente a rendere release una rottura di ARC o a mettere IN un rudimento, andate sul sicuro supponendo che l’havingness sia out. Non so se avete fatto attenzione a quell’esempio. Basta il rumore di un po’ di carta che viene girata e bang!… L’attenzione del pc è fuori seduta.

Il trucco che avete visto a proposito dell’illustrare: dovrei menzionare qualcosa in proposito. Probabilmente farà parte dei vostri flussi. Vedete, la 3D Incrociata – come si ottiene una lista e quel genere di cose – in origine era stata ideata prima che avessimo i flussi. Quindi quello sarebbe solo un trucco speciale per i flussi. Ma potremmo ampliare la cosa e dire che… beh, fate definire al pc da che cosa fate derivare la lista, in modo che il pc lo capisca. Facendo così non incorrereste nella difficoltà in cui vi siete imbattuti in precedenza sulle liste “piace e non piace”.

Voi non sapete se al pc piace o se non gli piace o… sapete, il pc alla fine dice: “Beh, in effetti non c’è qualcosa che non mi piace. Io odio tutto!”. Capite?

Subito voi dite: “Beh, facciamo una lista delle cose che odi”.

Assicuriamoci però, come passo ulteriore, che il pc capisca a partire da che cosa abbiamo intenzione di fare listing, ossia che stiamo per fare un Assessment di Prehavingness o un assessment di flussi o prendere un item arbitrario. In ogni caso, assicuriamoci che il pc comprenda fino in fondo da che cosa stiamo ricavando la lista prima di iniziare a farlo. D’accordo?

Un’altra indicazione che è molto interessante è questa: se avete il flusso corretto otterrete dell’azione di tone arm; e quando non ottenete più azione di tone arm sulla lista, non avete più item.

Se tenete il pc all’E-Meter durante un listing, se siete sulla giusta strada vi ritrovate con dell’azione di tone arm. Raggiungerà valori fino a circa una divisione di tone arm… da 3,0 a 4,0, da 2,5 a 3,5 o qualcosa del genere. Come minimo raggiungerà quei valori. Sarà in quella fascia. Il tone arm si muoverà su e giù e, finché avrete movimento di tone arm, la vostra lista sarà incompleta. Ho dovuto fare un po’ di lavoro su questo semplicemente perché ci occorreva qualche altro indicatore. Leggero cambiamento: tenete il pc all’E-Meter mentre fate listing.

Se tenete il pc all’E-Meter durante il listing e tenete il pc all’E-Meter durante la differenziazione, vedrete l’item stesso liberare della carica. Avendo centrato l’item carico su una lista, potete ottenere un’eliminazione di carica di due o tre quadranti. L’item che alla fine troverete facendo l’assessment, nel momento in cui comincerete a fare nulling è già stato scaricato. È piuttosto interessante il fatto che se l’item è carico otterrete una fall di due o tre quadranti. Farà proprio vum, vum, vum. Tutt’a un tratto… il modo in cui probabilmente lo noterete durante la differenziazione è che il vostro tone arm improvvisamente si trova molto distante dalla sua posizione originale. L’ago è lì, appoggiato a un lato del quadrante; è possibile che non lo vedrete neanche muoversi e, dato che non state con gli occhi attaccati all’E-Meter, all’improvviso noterete che dopo aver letto quell’item, dovrete abbassare il tone arm di circa una divisione o due.

Dovete concludere che l’item di cui vi siete occupati doveva essere un item davvero molto carico se non vedevate l’ago muoversi. Avete afferrato l’idea? Poiché nessuno si aspetta che voi fissiate l’ago, come fa il gatto con la tana del topo, mentre fate listing e differenziazione. Semplicemente tenetelo al centro e cercate di mantenerlo su set. Tenete una sensibilità molto bassa, poiché non fa una gran differenza.

Vedete, più è bassa la sensibilità, più il vostro ago rimane sul quadrante… e meno dovete risistemare il tone arm. Naturalmente, facendo i rudimenti… gente, quell’ago va proprio dappertutto con i rudimenti; dappertutto. Regolate la sensibilità 16 e… rrwow! Non mi importa quanto banali possiate apparire. Avrete notato che preferisco che sembriate banali e distratti, o qualcosa del genere, ma che siate accurati, piuttosto che imprecisi. Non trascurate mai di verificare il rudimento due volte. Vedete? Accertatevene sempre. Accertatevene sempre.

C’è probabilmente qualche caratteristica che avete colto nel mio auditing, poiché c’è un’enorme quantità di accuratezza riguardo alle letture e quel tipo di cose. Se non le ottengo la prima volta, ripeterò la domanda una seconda volta. Non provocate mai una rottura di ARC, poiché naturalmente siete interessati al caso del pc. E se non le ottenete la seconda volta – non siete ancora sicuri – beh, ritornate indietro e…

Naturalmente, a sensibilità 16 il vostro ago volerà a una velocità talmente sfrenata attraverso il quadrante che talvolta arriverà sul lato sinistro dell’E-Meter, prima che voi abbiate finito la domanda, vedete. Vi ritrovate nella posizione molto imbarazzante di aver formulato la vostra domanda fino alla fine, mentre l’ago è lì, parcheggiato e illeggibile.

Non preoccupatevi se succedono cose come queste. Non fate grossi sforzi quando succedono cose del genere. Quello che voglio è che puntiate a stare terribilmente attenti.

Sembra che l’ago abbia avuto una leggera accelerazione. Sapete, sembra che subito dopo che avete parlato, ci sia stata una leggera accelerazione, ma non potreste dirlo con certezza, sapete? Era così indefinibile. Chiedetelo ancora e vedete se c’era effettivamente qualcosa.

Poi lo guardate, e l’ago semplicemente… state facendo una domanda su una fall o qualcosa del genere. Lavorate con un ago volante – va benissimo – ma lavorateci con attenzione.

C’è una cosa: per favore, come auditor, non anteponete mai il fatto di apparire bravi all’essere dei buoni auditor. Per favore.

Potete fare in modo di apparire terribilmente bravi a volte, sapete? Il pc è molto felice perché avete trovato un item, mentre voi non l’avete trovato. Non ditegli che avete un item, a meno che non l’abbiate. Non dategli speranze, perché ci deve essere qualcosa di sbagliato. Ci deve essere qualcosa di sbagliato che va sistemato. Il vostro pc semplicemente avrà una rottura di ARC su quella cosa, questo è tutto, se dite: “Oh, sì. Bene, siamo molto contenti… Abbiamo un item”, e così via.

Siate invece molto accurati e mettete sempre l’accuratezza al di sopra dell’apparire bravo. E se vi muovete in modo impacciato, muovetevi in modo impacciato, perdio! Non mi importa quanto vi muovete in modo impacciato; fate un buon lavoro e basta. Fate un buon lavoro che si prenda cura di tutti i dettagli. Non cercate di apparire bravi. Poiché l’unica persona che perde, vedete, è il pc. Il pc perde davvero.

Potete sbagliare in molti modi nell’auditing, tutti sotto l’aspetto della reputazione, dell’apparire bravi, dell’essere gentili… principalmente così. L’estate scorsa è stata tenuta una conferenza sull’essere gentili che è stata abbastanza aspra. Potete uccidere le persone con la gentilezza, gente; potete ammazzarli.

Mancare di dirigere l’attenzione del pc, permettere a un pc di percorrere e percorrere all’infinito… essere gentili, sapete? “Facciamo attenzione a non provocare rotture di ARC.” Ebbene, vi dirò che cosa causa una rottura di ARC: nessun auditing. Ecco che cosa causa una rottura di ARC.

Finché sarete interessati, finché farete il vostro lavoro e finché continuerete a ripulire gli “avrebbe dovuto sapere”, non avrete rotture di ARC con il pc. Il modo di avere rotture di ARC con il pc, invece, è di essere gentili e poi non fare il proprio lavoro, per paura di turbare il pc o qualcosa del genere.

Non l’avete ancora visto nelle mie dimostrazioni, ma si sa che ho detto a dei pc di tacere e piantarla. Oh, l’avete visto? No, no, questo non l’avete visto. No, perché era una dimostrazione; non era in onda. Sono rimasto ingannato un attimo perché ricordo che tutte le apparecchiature erano accese. Io accendo tutti gli apparecchi lassù e mi abituo ad audire in quelle circostanze. È un po’ scomodo perché l’E-Meter non è nella posizione in cui di solito uso un E-Meter, e così via e devo adattarmi a quella esatta circostanza di auditing. Il pc aveva detto: “Sai, questo risale a una vita passata… e io so che questo ha le sue radici in una vita passata”, mentre noi stavamo cercando un withhold in questa vita.

Così ho detto: “Bene. Lascialo perdere per un momento; ci torneremo su più tardi. Su, dai”. E così via.

E il pc è apparso subito più contento e ha sorriso. Lei sapeva quando stava per farla franca con qualcosa. E come c’era da aspettarsi, c’era un withhold scottante proprio lì. Bum-bum-bum! Saltò fuori praticamente nelle venti parole successive. Ma stavamo per sentire tutto su questa vita passata, sapete?

Esaminate i vecchi moduli delle verifiche di sicurezza e in quei punti in cui la persona stava per contattare un withhold e l’auditor non glielo faceva contattare, la persona andava immediatamente in una vita passata. Non è un meccanismo per evitare di contattarlo… Il fatto che quel withhold venga contattato, però, restimola la vita passata. Quindi la cosa disponibile più vicina è la vita passata. A voi non interessa. A voi interessa solo farne key-out.

Voi guardate attentamente ed è una cosa molto, molto divertente. Guardate attentamente e vedrete il withhold mancato, la domanda che ora dovrete pulire col Sistema dei withhold, può essere trovata su questi vecchi moduli, semplicemente localizzando dove l’auditor ha annotato che il pc si è tuffato in una vita passata. Prendete quella domanda e pulitela per questa vita, e avrete il withhold più esplosivo che vi sia mai capitato di incontrare. È un piccolo trucco interessante del mestiere.

È assolutamente vero che i withhold delle vite passate causano tutte le difficoltà reali del pc, capite? Quindi non invalidate questo fatto e non piombategli addosso schiantandolo e dicendo: “Le vite passate non ci interessano. Non stiamo audendo vite passate. Al diavolo le tue vite passate”. Sarebbe il modo sbagliato per affrontare la cosa, capite?

Il modo giusto per affrontarla è dire al pc: “Va bene. Ogni cosa a suo tempo. Quello che sto cercando adesso è che cosa hai fatto a questo gatto… ora, in questa vita. Ci occuperemo del resto più tardi nella 3D Incrociata. Adesso però vogliamo sapere che cosa hai fatto a questo gatto in questa vita, al gatto di nome Joe” qualunque cosa fosse.

Molto bene. Quella è la cosa che ci interessa. Se sei in grado di evitare che il pc ci si tuffi, sei in grado di controllare l’attenzione del pc. Se sei in grado di controllare l’attenzione del pc, sei in grado di evitare che ci si tuffi. E se stai controllando l’attenzione del pc, il pc grrr… crenk… crenk hmmrrr… hmmrr. E lui: “No, no. Non voglio guardare lì”.

L’auditor dice: “Eccolo lì. Eccolo lì. Guarda”.

Il pc dice: “Hmpf. No, no! Davvero…”.

L’auditor dice: “Mnnn-nnn”.

Il pc dice: “Però! Ciò è molto più interessante ora”.

L’auditor dice: “Mh-mm”.

Il pc tutt’a un tratto fa dissolvere 15 megatron di carica su questa cosa.

Il pc non vi perdonerà mai se lascerete che la sua attenzione sia distolta da lì.

Non è benevolo; è da suicida! Il pc non vi perdonerà mai se gli permetterete di abbandonare la cosa, o se le permetterete di abbandonare la cosa.

Non mi importa cosa dice il pc in seduta. Non mi importa quali ragioni avanzi il pc. Lo si legge proprio in fondo alla colonna di destra sul rapporto dell’auditor: “Mete” e “Miglioramenti”. Se voi non avrete diretto l’attenzione del pc, vedrete “Mete raggiunte: nessuna. Miglioramenti: nessuno”. Ogni volta. Dovete dirigere l’attenzione del pc.

Ora, se permettete al pc di vagare in un mucchio di overt…

Questa sembra una conferenza generalizzata, ma non è una conferenza generalizzata. Vi sto dicendo come audire il pc sul Prepchecking, come dirigere l’attenzione del pc nel tirar fuori overt e così via… cosa ci si aspetta da voi.

Pensate che avrete una rottura di ARC, se sarete sgarbati con il pc. Voi credereste a prima vista che, se sarete sgarbati con il pc, avrete una rottura di ARC.

Ascoltate bene. Non ha niente a che fare con l’essere carini o scortesi con il pc. Questo non influenza la seduta in alcun modo. Non influenza i miglioramenti che si hanno in seduta o l’atteggiamento del pc nei vostri confronti dopo la seduta. Non ha niente a che fare con questo. Semplicemente lasciate perdere la cortesia e la gentilezza, l’essere sgarbati col pc o l’essere gentili col pc. Il vostro atteggiamento nei confronti del pc? Semplicemente cancellatelo per bene. Vedete, non potete cancellarlo completamente, ma potete… il fatto che siate sgarbati o gentili col pc non ha neanche lontanamente lo stesso peso sulla situazione quanto l’essere o meno efficaci col pc. Potete avere il pc che strilla come una sirena nel mezzo di una seduta, che pare in preda a una totale rottura di ARC ed è impegnato a darvi una gran lavata di capo. Voi non dite: “Oh, beh, mi spiace di aver toccato questo argomento”. Voi dite: “Va bene. Che withhold ho mancato?”.

E il pc dice: “Beh, sei l’auditor più schifoso con cui abbia mai avuto a che fare!”.

Voi dite: “Forza, quale withhold ho mancato? Quando?”.

E il pc dice: “Beh, la faccenda è un’altra. Non c’è bisogno che tu ti arrabbi” e cose di questo genere. “Già.”

Voi dite: “Non mi sto arrabbiando. Voglio sapere! Quale withhold ho mancato?”.

“Oh beh, ovviamente proprio all’inizio della seduta non hai scoperto che ho un impegno alle tre e adesso sono le tre e mezza.”

“Ah, va bene. Continuiamo con la seduta.”

E quel pc andrà in giro a giurare che non c’è un auditor migliore di voi: “Oh gente, quello è l’auditor che fa per me, sapete? Un auditor fantastico. Oh, fantastico. Non mi permette di farla franca su niente! Mh-mh-mh”.

Quando invece l’auditor è carino e non dirige l’attenzione del pc, il pc va fuori dalla seduta e dice: “Natter, natter, natter, natter, natter, natter, natter, natter, natter, natter, natter, natter. Beh, è discreto. Ci prova”. Sareste sorpresi. Potreste essere l’auditor più educato e gentile del mondo, sapete, e non far mai avere un miglioramento al pc, poiché non è questa la cosa che produce i miglioramenti: è il fatto di controllare o meno l’attenzione del pc.

Sareste sorpresi di vedere quanto lontano andreste. Non vi sto chiedendo di sopraffare il pc, perché in effetti non si sopraffà un pc con il proprio temperamento. Ciò con cui si sopraffà il pc sono la valutazione e l’invalidazione: il fatto che si invalidi, il fatto che si valuti. Voi dite: “Non penso che la lista sia quella. Penso che non c’entri niente. Quell’item non c’entra con la lista. Il tuo item, in effetti, è ‘uno spendaccione’. Ti ho osservato per giorni e lo so”. Questo sopraffà un pc. Vedete?

E: “Beh, in effetti tu non sai a cosa stai pensando, veramente. Questo è ciò che non va nella seduta. Se solo tu sapessi a cosa stai pensando… ”. Sapete, un’invalidazione di qualche tipo. È questo ciò che rovina un pc.

Il temperamento non rovina un pc. Una volta ebbi un pc che improvvisamente schizzò dalla sedia di auditing; lo presi e lo ributtai sulla sedia di auditing e dissi: “Maledizione! Stattene seduto e fatti audire”.

Il pc dopo la seduta: “Seduta meravigliosa”. Non fu neanche necessario ripulirla come rottura di ARC. È molto affascinante. Questa è la sola cosa che dovreste imparare. Sì, siate carini, allegri come siete, eccetera, ma dirigete l’attenzione del pc. Vi sto insegnando a essere un auditor sgarbato e a non prestare alcuna attenzione a quel fattore.

Se siete auditor efficaci, se fate quello che deve essere fatto e se dirigete l’attenzione del pc, arriverete più lontano dirigendola in modo rude e scortese e misemotivo che non dirigendola affatto. Ve lo garantisco. Naturalmente, dopo un po’, diverrete delle vecchie volpi. Vedete che quel pc quando comincia è in seduta e poi va da una parte o dall’altra – fa zing, bang, paff; voi intraprendete l’azione efficace e così via, ed ecco fatto.

Ciononostante, capiterete di tanto in tanto in mezzo a una bufera. Direte: “Da dove diavolo salta fuori questa roba?”. Questo vi capiterà sul Sistema dei withhold, Prepchecking, più e più volte, perché ogni volta che il pc s’avvicina al withhold chiave, il pc tende a diventare di malumore con l’auditor. Ora, quello è il rischio della Preverifica e di questo Sistema dei withhold.

Cominciate ad andare in quella direzione… È un indicatore; un indicatore. Il pc, proprio in quel momento cruciale, ottiene qualche tipo di… è il meccanismo del withhold mancato, ma leggermente inverso. Appena un po’ più ingannevole. Dite al pc – molto innocentemente – dite: “Bene, chi non ne era al corrente? Chi avrebbe dovuto saperlo?”. Qualunque cosa diciate come terza domanda… potete dire: “Chi non ne era al corrente?”, tanto per dare sapore alla cosa. Potete dire: “Chi ti sei assicurato che non lo scoprisse?”. Questo pone la cosa nel futuro, vedete? Potete giocarla sui tre tempi se volete. Vi darò una lista delle cose permesse. A quel punto potete fare una qualunque di queste domande. Quella standard è semplicemente “chi avrebbe dovuto saperlo e non l’ha scoperto”. Però potete immediatamente variare le parole di questa canzone in qualunque modo vogliate e semplicemente ce la farete.

In ogni modo, comunque continuerete questa azione e arriverete al “Bene, è tutto?”.

“Oh, per amor del cielo, certo che è tutto! Effettivamente, mi sto stufando di questo. Tu no?”

No gente, siete proprio lì sulla soglia. Ci state proprio arrivando. Questo è tutto ciò che è. Non significa rottura di ARC; non significa proprio niente. Il pc sta diventando misemotivo.

Va bene, avete indirizzato il pc per quel viale. E se non dirigete il pc lungo quel viale, il pc finirà per dire che siete l’auditor peggiore, più schifoso, più scadente di cui abbia mai sentito parlare.

Beh, naturalmente non l’avete torturato a morte con… Bisogna fargli affrontare quel withhold, il vostro lavoro è tutto qui.

Il pc è seduto lì… Io… Lasciate che vi racconti alcuni dei primi e principali errori con i withhold.

Il pc diceva: “Beh, non penso molto a Joe. Joe… Joe non avrà… non ha mai avuto molto a che fare con me e così via, e davvero io non penso molto a lui. Infatti, un giorno mi ha scaricato dalla sua macchina e così via. Non ha nemmeno… non mi ha nemmeno accompagnato alla porta”.

Auditor: “Cos’altro ti ha fatto Joe?”.

“Beh, mi insultava spesso, mi insultava molto.”

E via di seguito, così. Accettate un motivatore, accettate un motivatore, accettate un motivatore. E ora che la seduta finisce, le mete e i miglioramenti… mio Dio, il povero pc è sprofondato sotto terra. Quel che avete fatto è stato di fargli accumulare un mucchio di nuovi overt, la seduta è stata usata solo per fargli accumulare nuovi overt. Dunque, questo è ciò che caratterizza in generale una cattiva seduta che aveva lo scopo di tirar fuori withhold. Consiste solamente nel permettere al pc di continuare ad accumulare overt nuovi di zecca sulla cosa. In altre parole, lui sta tirando fuori motivatori, lui sta facendo affermazioni dannose, o lei sta facendo affermazioni dannose, e cose del genere. Alla fine avrà accumulato ulteriori overt. Bene, quella era una cosa comune.

Tirar fuori i withhold degli altri. Quella è la cosa che affronterete ogni volta che cercherete di addestrare un auditor di Classe II. Prima o poi, non appena si addentrerà in questa cosa, lo coglierete seduto lì a tirar fuori dal pc withhold di altra gente: perché è così intrigante; è così interessante; è come leggere un giornaletto scandalistico. Sapete?

È tutto così vero. E mentre dice queste cose vi denigrerà in modo nascosto, dicendovi quello che ha sentito dire di voi, quello che il pc ha sentito dire di voi. Quelli sono withhold di altre persone, vedete?

Il pc ha sentito dire da Pietro che voi… eccetera. Quello è il withhold che ha con voi – eh, eh; eh, eh, eh, eh, eh – e quello è il withhold che ha con voi. Ragazzi, non spenderei tre secondi di tempo di auditing per quella cosa. Non spenderei una briciola di tempo per questo. Perché se permettete al pc di continuare a tirar fuori withhold di altre persone, inclusi i withhold che lui ha sentito raccontare sull’auditor – qualsiasi cosa del genere – finirete per leggere in fondo a quella colonna di destra: “Mete: nessuna. Miglioramenti: nessuno”. Ogni volta. È una seduta sprecata e basta. Vedete, è inefficace. Questo era uno degli errori comuni, ai vecchi tempi.

L’altro – ce n’è un altro su questo soggetto – è il meccanismo del pensiero critico. Anche quello è stato completamente bandito, perché io userò i pensieri critici – oh, oh, oh – nella verifica di sicurezza stile vecchi tempi. Datemi una serie di pensieri critici e io vi mostrerò la più bella sfilza di overt di cui abbiate mai sentito parlare.

È solo un indicatore. Perciò dite a qualcuno: “Hai avuto un…?”. È una trappola, sapete? È una grossissima sporca trappola che avete piazzato proprio nel bel mezzo del viale. E loro stanno correndo su questo viale a 110 all’ora e ci passeranno accanto senza ottenere nessuna meta né alcun miglioramento per la fine della seduta.

Uno dei modi per porvi fine è di dare loro un’imbeccata tipo: “Hai mai avuto pensieri critici riguardo a qualcuno?”. Loro vi racconteranno subito tutti i pensieri critici che hanno avuto su Angela. Quell’unico pensiero critico che ascolterete su Angela è sufficiente a farlo familiarizzare con l’argomento Angela. È qualcosa di più o meno… direi che quindici-venti secondi siano un tempo adeguato. Lasciate che si familiarizzino bene con Angela e poi dite in modo calmo e tranquillo: “Bene, che cosa hai fatto ad Angela?”. E ne troverete uno ogni volta. Troverete un withhold ogni volta. Troverete un overt che vi viene trattenuto.

Questo non è un trucco che usiamo particolarmente oggi, ma dovreste conoscerlo. È una cosa molto utile. Dovreste conoscerla, perché quando cercherete di addestrare qualcuno su cos’è un overt e cos’è un withhold, lui si imbatterà in pensieri critici e sprecherà ore.

Ascoltatemi bene. Ho visto andare in fumo cinque ore di auditing spese a tirar fuori pensieri critici – assolutamente nessuna meta, nessun miglioramento, niente, assolutamente nessun miglioramento – andate in fumo così, tirando fuori pensieri critici. E in un minuto – cinque ore contro un minuto, vedete – l’auditor disse: “Che cosa hai fatto a… ?”, ed ecco che il canale del pensiero critico semplicemente esplose a questo punto.

“Oh no! Non ho fatto niente. Uhuuuuuuua!” Orrore. Beccato. E dall’asfalto finiscono dritti nella trappola. Oh, eccoci qui. Oh, beh. Non sapevamo nemmeno che lì ci fosse qualcosa. “Oh, huhm… loro… sì, beh, in effetti, non gli ho fatto niente. Non gli ho veramente fatto niente. Ho rubato la sua macchina e gliel’ho sfasciata e non gliel’ho mai detto. Ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah, ah.”

Ora, col vostro attuale Sistema dei withhold, probabilmente verrebbe fuori che quella volta c’era anche sua moglie a bordo. Porterebbe alla luce ulteriori cose. Si andrà avanti e avanti e avanti e avanti e avanti col Sistema dei withhold, ma in effetti tirerete fuori degli overt.

La ragione per cui oggi non è così importante è che ogni tanto otterrete un pensiero critico. Questa cosa è stata già risolta col meccanismo del Sistema dei withhold. Quindi ora sapete che non sarà di nessuna utilità (questo è un buon indicatore; è giusto qualcosina che dovreste conoscere), che non sarà di nessuna utilità continuare a tirar fuori tutti questi pensieri critici, ma va perfettamente bene accettarli come la vostra domanda “Cosa” numero uno.

“Bene…”

State tirando fuori qualcosa; withhold mezzi rivelati o qualcosa del genere.

“Beh, ho avuto un pensiero critico riguardo all’auditor e l’auditor non l’ha tirato fuori.”

Voi dite: “Va bene”. E vi fate dire di che auditor si tratta. “Cosa mi dici del fatto di avere un pensiero critico riguardo all’auditor e non tirarlo fuori?” è la vostra domanda uno.

Con questo andrete avanti come treni, perché direte: “Quando?”. E poi direte: “È tutto, questo?”. E naturalmente quella è la trappola dentro la trappola su questa autostrada, perché il…

“Bene, questo è tutto?”

“Naturalmente, ho tutte le ragioni di questo mondo di avere un pensiero critico sull’auditor, dopo tutto quello che l’auditor mi ha fatto” e così via.

Dovreste ricordare in questa fase che nessuno vi ha detto che nel Sistema dei withhold è proibito persuadere il pc a dirvi tutto. Potete farlo standovene semplicemente seduti, senza dire praticamente nulla al pc, ma quanto tempo spendete!

Quindi, anche questi piccoli trucchi si inseriscono bene nel sistema.

Voi dite: “Bene, tutto, questo? Gli hai fatto qualcos’altro?”. Questa è una buona domanda da far scivolare alla fine di questa cosa. “Gli hai fatto qualcos’altro?”

“Hmmmmmm. Gli hai fatto qualcos’altro? Hm. No. Cioè, sai com’è…” L’ago sta avendo una fall talmente grande da uscire dal quadrante. “Beh, ho sfasciato la sua… eh, eh… preso la sua macchina senza il suo permesso.”

E voi dite: “Bene. Va bene. Hai preso la sua macchina senza il suo permesso… molto bene. Bene. Bene. Bene. Chi non l’ha scoperto?”.

“Beh, lui non l’ha scoperto, naturalmente. Eh, eh, eh, eh.”

“D`accordo. Perfetto.”

Ebbene, perché verificarlo? Perché verificarlo. State andando avanti come treni. E dite semplicemente: “Beh, è per una questione di formalità, sai. Allora, cos’hai da dirmi sul fare quel pensiero critico riguardo all’auditor?”, e così via.

“Beh, io…”

“Quando è stato?”

“Beh, era… non nel 1954, era il 1958.”

“Oh, va bene. Dunque, è tutto su questo?”, e così via. “Hai detto che gli hai fatto ancora qualcosa?”

“Beh, sì. C’è qualcosa su… beh, sulla macchina. Non ti ho detto della macchina. Ma l’ho distrutta. Ah, ah.”

Ora, se volete che le vostre domande 2, 3 e 4 procedano bene su qualcosa collegata, dopo che avete preparato il terreno usando la domanda 1, usando un pensiero critico, quel pensiero critico non si pulirà veramente finché non ne ricaverete altro materiale. Vedete la difficoltà che avete messo in piedi? È una difficoltà interna. Avendo tirato fuori il pensiero critico, ottenete un vero withhold.

Va bene. Le vostre 2, 3 e 4 stanno in effetti funzionando col vero withhold e la vostra domanda sul pensiero critico funziona con un pensiero critico. In realtà, però, la vostra domanda sul pensiero critico non si pulirà totalmente finché non avrete pulito le altre.

Quindi dovete essere abbastanza acuti da capire che voi non lavorate sulla domanda che riguarda il pensiero critico. Non lavorate su quella. Si tratta solo di un item di prova. In realtà non lavorate mai troppo intensamente sulla 1. La 1 è il vostro strumento di prova. L’altro materiale, però, verrà fuori dopo la 1 e se la 1 appartiene alla variazione o alla varietà di un pensiero critico, dovreste sapere che c’è un overt vero dietro a esso. E quando arrivate a: “Questo è tutto?”, alla fine metteteci: “Che cosa hai fatto”.

Beh, è la perdita di tempo più comune. Il fallimento a dirigere l’attenzione del pc, però, può avvenire più o meno in questo modo: il pc va avanti, avanti, avanti e ve lo dice. Cioè, finite in un auditing stenografico… auditing totalmente stenografico. Se voi non dirigete per niente l’attenzione del pc durante una verifica di sicurezza, il pc non raggiunge alcuna meta e non ottiene nessun miglioramento, perché ha perso tutta la sua havingness parlando, è turbato, è turbato con voi; permettendogli di parlare l’avete cacciato in un buco, e questo è tutto. Avete permesso al pc di accumulare un mucchio di nuovi overt di qualche tipo. Di fatto, il pc ha probabilmente danneggiato qualcuno durante la seduta.

Voi dovete veramente controllare l’attenzione di quel pc; dovete controllarla fermamente. Il vostro Sistema dei withhold lo fa per voi a un livello notevole. Esso controlla l’attenzione del pc mettendo l’attenzione del pc su ciò su cui l’attenzione del pc dovrebbe essere. Quello è il vostro 2, 3 e 4. L’attenzione del vostro pc è su questo withhold ed esso non si è pulito, continua a dare delle fall: perciò la sequenza 2, 3 e 4 sulla cosa è l’ordine giusto delle domande. Non dovete uscire e ficcarvi in un mucchio di altre cose che non c’entrano. Queste domande, però, devono comunque essere fatte in modo intelligente.

Non potete dire semplicemente: “Bene, hai rubato la macchina di Beppe. Va bene. Quand’è stato? Va bene. È tutto? Va bene. Ahhh… va bene. Chi non l’ha scoperto?”.

“Beppe.”

“Okay. Hai rubato la macchina di Beppe. Bene. Quando? Bene. È tutto? Bene. Chi non l’ha scoperto?”

“Beppe.”

“Bene. Va bene.”

“Hai rubato la macchina di Beppe?”

Sapete, funzionerà quasi in quel modo. La cosa affascinante è che funzionerà quasi così. Ma voi state lavorando su un’area dalla quale potete ancora cavare qualcosa con profitto.

Se non state prestando molta attenzione all’E-Meter, se non per vedere con la coda dell’occhio se l’ago comincia a schizzare verso destra, o qualcosa del genere, sul vostro 2, 3 e 4, beh, sapete che state lavorando su qualcosa che scotta, il vostro interesse è diretto al pc e state guardando il pc, state parlando al pc… non siete chini a scrutare l’E-Meter. State facendo domande al pc. Beh, per favore, metteteci un po’ d’invito a rispondere, eh? Metteteci un po’ di persuasione, un po’ di aiuto. E a questo aggiungete un po’ di insistenza perché lui guardi la cosa.

Si sa che ho detto: “Non è un problema rimanere qui seduti per il resto della notte, perché è chiaro che non andremo a casa finché questo particolare withhold non sarà saltato fuori. Non è per niente un problema, ma penso che sarebbe molto più veloce se tu semplicemente guardassi e cercassi di vedere che cos’era”.

La persona dice: “Stare seduti qui tutta la notte…”. Mi guarda e dice: “Per la miseria, è veramente disposto a star seduto lì, quel (puntini, puntini) è disposto a rimanere seduto lì tutta la notte finché non spiattello questo withhold”.

“Beh” (è disperato, sapete?) “Lavoriamoci su! Lavoriamoci su!”

“Va bene. Guarderò. Ehi!”

Potete permettere che una seduta si addormenti. Potete permettere che una seduta si addormenti, che sia semplicemente da-na-giagn-gna-gna. Tutti si addormentano durante la seduta. Io non sosterrei che si tratti di buon auditing.

Ciò che volete fare è, dopo aver ottenuto il vostro “Cosa”, cercare di pulire quel “Cosa” e, quando arrivate al punto 2, dire: “Quando è stato? Più o meno quando è stato?”. Insomma, interessatevi! “Quando è stato?”

Questa è la differenza, se voi volete sapere quando è stato – questo è ciò che vi stiamo chiedendo di fare – se voi volete sapere quando è stato. Non chiedetelo solo per amor della forma.

A parte quello, volete sapere quando è stato. Bene, scopriamo quando è stato. Se non si è chiarito dopo aver percorso due volte 2, 3 e 4, ci deve essere qualcosa che non va con la data. C’era qualcosa di sconosciuto da qualche parte, e così via.

A questo punto diventiamo terribilmente interessati. Datiamolo fino a una frazione di secondo sull’E-Meter. Oh, non vi ho mostrato come si fa? Beh, imparatelo e basta. Sappiamo da anni come si fa. Non aspettatevi che io vi insegni tutto.

Si tratta effettivamente del metodo “prima del/dopo il”. “È stato prima del 1936 o dopo il 1936? Va bene. È stato dopo il 1936”… reazione dell’ago più grande. Localizzare, sapete?

Il pc tutt’a un tratto scopre che cosa successe nel 1936, pensava che fossero accadute nel 1957. La sua traccia tende a ingarbugliarsi, perché i withhold raggruppano la traccia. Correte il rischio di ottenere pressoché qualsiasi data da un singolo withhold.

Se però questo è fatto anche con lo spirito di aiutare il pc a guardare, troverete che farete molti più progressi. Il vostro rancore (se mai lo userete) dovrebbe essere usato soltanto allo scopo di far sì che il pc guardi. Non dirigete mai la sua attenzione pensando: “Dannazione, sarà meglio che tu me lo dica o mi arrabbierò davvero con te!”. No. Il pc non lo sa, vedete?

Potete benissimo dire: “Accidenti. Puoi guardare per favore e scoprirlo?”. Potete farla franca con una cosa del genere.

L’altra enunciazione, però, è falsa. C’è una bugia collegata a essa. Sinceramente, l’E-Meter sta reagendo, ma il pc non sa la risposta. Potete sbattere il pc fuori seduta e farlo finire in una condizione di giochi a una velocità vertiginosa, se insistete che lui vi dica qualcosa che non sa. Finisce in apatia.

No, il motivo per cui usate il Sistema dei withhold è per far sì che il pc guardi. Qualunque chiacchiera in più di cui vi occupate dovrebbe avere lo scopo di dirigere la sua attenzione in modo che lui scopra di più. Persuadetelo a dirigere lì la sua attenzione. Dirigetela con un’ascia; dirigetela col miele; dirigetela con musica tzigana… ma dirigetela, perdio! Non m’importa come lo fate… specialmente alcune di voi, ragazze, hanno un’abilità enorme nel dirigere l’attenzione. Un’abilità tremenda. Usatela fino all’ultima briciola.

Beh, ci potrebbe essere qualche dettaglio salace che potrebbe essere interessante sentire: “Perché non guardi lì, se c’è qualcosa di un po’ più interessante?”.

Il pc dice: “Sai cosa? È vero. Potrebbe esserci qualcosa di interessante in questo?”. Non mi importa che stratagemma usiate. Potete usare qualunque stratagemma sia mai stato usato da chicchessia. Potete usare qualunque persuasione mai usata da chicchessia. Ma non fatevi cogliere da me a non dirigere l’attenzione di un pc.

Se vedo pagine e pagine piene di withhold non consequenziali, che, uno dopo l’altro, non hanno a che fare con la stessa cosa, so per certo che l’auditor non sta dirigendo l’attenzione del pc. Dovete pulire quello che dovete pulire. Quello è ciò che dovete pulire. Farete meglio a decidere che la cosa è pulita o non è pulita, e farete meglio a continuare a dirigere l’attenzione del pc fino a quando decidete che la cosa è pulita. Continuate a dirigere la sua attenzione. State ancora avendo una reazione all’E-Meter.

Di tanto in tanto verifico per vedere se c’è una rottura di ARC. È più o meno l’unica volta in cui uso ancora la rottura di ARC o l’espressione “rottura di ARC”, sapete? Si chiede semplicemente al pc: “D’accordo. La ripetizione di questa domanda sta causando una rottura di ARC?”. Uso questa domanda abbastanza spesso quando vedo un movimento brusco e irregolare dell’ago e non riesco a concludere niente. Chiederò al pc: “Questa domanda sta causando una rottura di ARC?”.

Nella 3D Incrociata, usatela così: “Ti ho chiesto di dirmi più item. Questo ha causato una rottura di ARC?”. Non ottengo la stessa reazione. Se non ottengo proprio nessuna reazione alla domanda sulla rottura di ARC, devo presumerlo. L’E-Meter, però, può confondere quelle due cose. Può confondere i dati del bank con una rottura di ARC. È qualcosa che l’E-Meter effettivamente confonde, perciò sta a voi sistemare quella confusione.

Voi chiedete ulteriori informazioni sul withhold e potete effettivamente essere così insistenti – mandare il pc mezzo fuori seduta – da creare una rottura di ARC; avrete una fall o un rock slam, oppure qualcosa inizierà a succedere. Dite: “Oh, beh, su questa terza domanda, qui, non mi ha detto tutto”. E invece sì, l’ha fatto. Il guaio è quello e basta. Lui vi ha detto tutto e voi non l’avete accettato. Perciò, in effetti, state creando una knowingness mancata, sapete. Ecco quindi che cosa ottenete come rottura di ARC. Si tratta solo di knowingness mancata.

Quindi dite: “D’accordo. C’è qualcosa che non ho scoperto, qui?”.

Ottenete la stessa reazione che ottenevate su: “C’è dell’altro riguardo a questo withhold?”.

Il pc risponde: “Oh, beh sì, c’è”.

“Bene, quando l’ho mancato?”

“Beh, parecchi minuti fa.” E così via.

E voi dite: “Benissimo. D’accordo. C’è una rottura di ARC?” e adesso non c’è più nessuna reazione, e via dicendo.

A questo punto fate la stessa domanda. Dite: “Non ti spiace se te lo chiedo ancora, tanto per essere sicuri che è pulita? Questo è tutto?”.

“Mh-mm.”

State arrivando al punto in cui non c’è assolutamente alcuna reazione sulla cosa. Pulitela, tiratela a specchio. Diverse persone hanno fatto percorrere liste di terminali e di mete fino a centinaia e migliaia di item perché ora che chiedevano: “C’è un altra meta?”, oppure: “C’è un altro terminale?”, il pc era così in rottura di ARC e così fuori seduta su questo, che c’era una reazione dell’ago. Così dicevano: “Beh, è ovvio che ci sono altri item”.

L’abbiamo imparato scottandoci le dita. Se avete anche il minimo sospetto che la vostra domanda – a proposito è sempre una domanda ripetuta – la richiesta di altro, abbia di per sé creato una rottura di ARC, cercate sempre di pulirla, semplicemente drrrrrr. Pulitela rapidamente, tanto per assicurarvi che la vostra reazione non sia una reazione da rottura di ARC. A quel punto avrete una reazione genuina.

Di solito la rottura di ARC appare, sparisce e ricompare. Questo ha più a che vedere, ha molto, molto, molto più a che vedere con questo Sistema dei withhold.

Il pc ha una rottura di ARC e anche altro da dire. Perché è a quel punto che superate questo piccolo scoglio. Il pc diventa misemotivo quando si avvicina a un punto molto carico nel bank. Non ha niente a che fare con la qualità dell’auditing. Di fatto, quanto migliore è l’auditing, tanto più certamente il pc assumerà un atteggiamento da rottura di ARC. Non un atteggiamento da rottura di ARC; è un atteggiamento misemotivo.

Comincia ad arrabbiarsi con l’auditor, perché l’auditor in quel momento è un sostituto di tutte le persone che avrebbero dovuto saperlo e non lo sono venute a sapere. Naturalmente, gli state chiedendo di dirvi un “chi avrebbe dovuto saperlo” e vedrete quella cosa riattizzarsi. Non sarà molto. Sarà solo un po’ di “Mgn-mgn-gn-ma-ma-m-m-mu-mn” ecc. ecc., e poi eccolo lì. Tutto è bello e splendente.

Sarà lì in un modo o nell’altro, anche se terribilmente sfocato. Può ingrossarsi fino a diventare un tonante temporale. Gli avete chiesto di dirvi che cos’era. Avete detto: “D’accordo. Che cosa… che cosa non so?”, oppure: “Che cosa non ho scoperto su di te in questa seduta?” – lo chiedete in modo perfettamente innocente – e il pc dice: “Gruuuuu-au, gruuu-uu-clac!”.

Voi dite: “Che cosa non so su di te? Che cosa non ho scoperto su di te? Che cosa? Cos’è successo qui? Quale parte della seduta…?”. Apritevi in qualche modo un varco attraverso tutto quel blaterare e ottenete la risposta a quella domanda.

Scoprirete che questo diventerà il segnale di un’azione di routine nel fare il Sistema dei withhold. Quindi potete anche imparare a fronteggiarlo e a farlo bene. Non tiratevi mai indietro.

Il pc è arrabbiato con voi: tirate fuori il withhold. Tirate fuori il withhold mancato. Tirate fuori l’“avrebbe dovuto sapere”. Di solito sarebbe così. Nel Sistema dei withhold, però, continuate dritti dritti a fare il Sistema dei withhold e basta, perché dopo una o due domande salterà fuori.

Il pc dice: “Beh, non vedo perché mi fai quella domanda. Te ne sei già occupato. Te ne sei occupato e lo hai fatto più e più volte. Non riesco a pensare a nient’altro su questo. Non c’è più niente. Conoscevo il tipo. E allora? Io… e allora? Conoscevo il tipo. Te l’ho detto tante volte, io… io lo conoscevo! Non è abbastanza? Naturalmente ho omesso di dirti che ho anche vissuto con lui per cinque anni senza sposarlo. Sai che non me ne ero mai resa conto?”.

Fateci caso, e vedrete che si tratta di un grafico abbastanza tipico per i pc. Se non succedesse affatto, mi preoccuperei per il pc. Sapete? Non concludiamo niente con questo pc. Non è possibile che concludiamo alcunché con questo pc. Perché non stiamo concludendo nulla col pc? Beh, non è possibile concludere nulla col pc perché il pc non si è mai infuriato una volta contro di noi durante l’intera seduta, e quindi non ci siamo mai avvicinati a niente che il pc non abbia mai scoperto prima.

Evidentemente stiamo scavando in una miniera che è stata sfruttata parecchie centinaia di sedute di auditing or sono. E quella miniera deve essere stata completamente sfruttata, fino in fondo. Il pc se ne sta lì; vi dice tutti i withhold, ve li lascerebbe pubblicare sul giornale… la cosa non lo turba minimamente. Withhold… chi se ne infischia dei withhold? Che roba è questa? D’accordo. Ve li dice. Ve li ripete tutti un’altra volta. Il pc non si infuria mai con voi, il pc è contentissimo di te, il pc non cambia, il tone arm non si muove.

Potreste andare avanti così, vedete, probabilmente per centinaia di ore. Ciò significa che state evidentemente scavando in una miniera che è già stata sfruttata. Non è possibile che sia avanzata neanche una briciola sul fondo.

Tuttavia, quello non è lo stato in cui si trova un pc che ha qualcosa sul fondo della miniera. Un pc così fa: “Grrrrrrr” e si sente “Aaaaahhh”. E il pc comincia a diventare grigio; il pc comincia ad avere le occhiaie; comincia a deperire sulla sedia di auditing. Dà un’occhiata alla cosa, finalmente ci arriva vicino, alla fine ti guarda, decide che tu devi essere il withhold o qualcosa del genere. Alla fine dice: “Beh, ero come sempre e… proprio così giusto, non penso che ci fosse niente, quando ero lì. Io… io… io… io no, niente è giusto. Haaaahhh. Zt-zt. Accidenti. E naturalmente, ho avuto cinque figli da lui. Non ne ho mai fatto parola con nessuno. E perdio, non ci ho mai neanche pensato!”. Beh, si tratterebbe di un withhold abbastanza nascosto, ma… tutt’a un tratto si illuminano e dicono: “Eh, eh! Ma guarda un po’”. “Eh, eh. Eh, eh, eh. Beh, sai che non ci avevo mai pensato. Quella è la cosa più sorprendente. L’ho sempre saputo. Ero sicura di saperlo, però… non lo sapevo. Beh, sei piuttosto in gamba. Ah, ah; ah, ah. Sei piuttosto in gamba. Sei un auditor veramente in gamba. Mio Dio, sei stato davvero bravo a scoprirlo. Come hai fatto a trovarlo? Ah… incredibilmente bravo. Ah, ah.”

Guardate il pc: le occhiaie se ne sono andate, i cerchi sono spariti, la carnagione cambia, il colore degli occhi cambia, il volto smunto che ha ereditato si rimpolpa molto misteriosamente. Fateci caso. E all’improvviso ha una realizzazione.

“Sai, mi chiedo… mi chiedo se il fatto di perdere tutti i miei denti, cosa che avevo dimenticato… ah, ah!… mi chiedo se il fatto di avergli spaccato tutti i denti e averglieli cacciati in gola abbia qualcosa a che fare con il mio problema dentale. Caspita! Penso proprio di sì, sai?”

E semplicemente comincia ad avere realizzazioni a non finire. Naturalmente potete spremere queste realizzazioni facendogli percorrere ancora un po’ di Sistema dei withhold. Gliene fate percorrere ancora un po’ sulla stessa cosa e improvvisamente si libererà di qualcos’altro, perché il suo intenso interesse significa che sono rimaste solo alcune briciole.

Di solito si scaricheranno, se il pc raggiunge quello stato, nelle ventiquattr’ore successive. Ci penserà mentre andrà a letto la sera o qualcosa del genere, ma in effetti voi potete rimuoverle tutte con questo Sistema dei withhold. È molto divertente da osservare. Se però vedete che questo ciclo non ha luogo, sapete che il Sistema dei withhold non sta funzionando o che sta succedendo qualcosa.

Il pc se ne sta lì: è raggiante, colorito, tutto va bene, non c’è niente che non va; voi come auditor siete fantastici, lui sta rispondendo alle domande, è molto felice di fare qualunque cosa, non c’è cambiamento di tone arm. Lui arriva alla fine della seduta… e nella colonna di destra scrive: “Mete: No, nessuna meta. Non ne ho raggiunta nessuna. Eh, eh; eh-ehm”. La rottura di ARC arriva dopo la seduta. Dopo che avete detto: “Fine della seduta”, lui va nell’atrio e dice: “Beh, è stato un inutile pasticcio”.

Dev’essere successo perché l’auditor non ha mai diretto l’attenzione del pc durante l’intera seduta, vedete?

Di fatto, potete avere un pc molto felice che, quattro ore dopo la seduta, è capace di procurarsi un fucile e spararvi. Sapete? Il pc non è stato affatto disturbato dalla seduta. È semplicemente qualcosa che ha a che fare con le meccaniche di ciò che state facendo, vedete?

Non dovreste aspettarvi, nel fare il Sistema dei withhold – non dovreste aspettarvi per un solo momento – che il vostro pc proceda secondo una scala graduale di “stare meglio”. Il vostro pc non procede secondo una scala graduale di “stare meglio”. Il vostro pc procede secondo una scala graduale di “stare peggio”. Ha un aspetto peggiore. Appare più grigio. È più preoccupato. Le cose sono più tetre. Improvvisamente la vita ha cominciato a incombere come una faccenda seria, che non si può prendere sotto gamba. La vita è tetra.

Può darsi che segua quell’andamento ed esca da quello stato con una veloce realizzazione, o può darsi che inizi a seguirlo per tre o quattro sedute consecutive. Può darsi che inizi a seguirlo e che poi se ne esca dopo venti minuti. Può darsi che inizi a seguirlo e che se ne esca durante una serie di quattro sedute. Tutto dipende da ciò che state cercando di ottenere.

Se fate il Sistema dei withhold usando la vostra domanda Zero – la vostra domanda Zero è ben scelta – e se quella è una domanda bella sostanziosa, una domanda di quelle maliziose sul soggetto del… (tutt’a un tratto siete entrati in contatto con qualcosa che è un bottone molto carico di qualche tipo, l’ago ha una fall che esce dal quadrante e la vostra domanda Zero come tale, è stata del tutto evitata dal pc) allora è una di quelle faccende che possono durare quattro sedute.

In altre parole, più scottante è la domanda, più lungo è il ciclo d’azione nel percorrere il procedimento. Più scottante è la domanda, più lungo è il ciclo d’azione nel percorrere il procedimento. Naturalmente c’è molta più carica da far uscire dalla cosa prima che il pc riesca a tenervi testa. Più leggera è la carica, più breve è il ciclo d’azione.

Il ciclo d’azione non è il nostro ciclo d’azione. È un ciclo d’azione diverso per il Sistema dei withhold, ovvero: il pc viene messo in guardia, deperisce lentamente, tocca completamente il fondo, e poi niente linea sul grafico, ma in su, totalmente verticale. Capite, scende così sempre più giù, poi su totalmente verticale, ben oltre il punto di partenza. Va molto più in alto rispetto all’inizio del ciclo. È una curva buffa, ma quella è la reazione di un pc a cui si stanno tirando fuori i withhold nel modo corretto.

Non diventano sempre e sempre più allegri e nemmeno si sentono sempre e sempre meglio. E se il pc sta lì e ha un aspetto sempre e sempre più allegro e voi non state avendo azione di tone arm o altro, sapete che alla fine della seduta sarà: “Miglioramenti: nessuno. Mete: nessuna. Niente. Ah, ah. Basta. Che auditor schifoso che sei”. E sarà anche la verità, se siete arrivati così in basso. Poiché l’attenzione del pc non è stata diretta a nessuna cosa a cui avrebbe dovuto essere diretta.

Tutta la forza di un’aberrazione mira a tirar dentro l’attenzione e allo stesso tempo respingerla. In effetti non dovete attirare l’attenzione del pc nel mezzo di nessuna aberrazione, perché è già fissata lì. Ma ogni aberrazione ha un respingente. Questo significa che, mentre il pc ha l’attenzione fissata su A, l’ultima cosa al mondo che ammetterebbe è di avere la sua attenzione su A.

In altre parole, sta guardando in entrambe le direzioni allo stesso tempo. Guardare significa rimbalzare. La ragione per cui la pallina da tennis è per terra è perché è sull’albero. Una cosa del genere, sapete? La ragione per cui la bomba cade è perché sta salendo. È una cosa fissa.

In altre parole, il pc non ha un flusso entrante o un flusso uscente in relazione a questo punto. Non è un flusso uscente pulito; non è un flusso entrante pulito. Tuttavia, il pc rimbalzerà contro questa cosa. Cominciate ad avere a che fare… cominciate ad avere a che fare con le aree che hanno a che fare con essa e il pc rimbalzerà più e più volte contro di esse. E se non continuate a spingervelo dentro, voi non state facendo ciò che la mente sta facendo, cioè non vi state concentrando al cento per cento su di esse.

In effetti, la mente è totalmente concentrata, al cento per cento, su quello. Più il pc vi si avvicina, più rischia di apparire pallido. Questa è una delle vostre massime. E più rischia di apparire in rottura di ARC.

Non voglio che le vostre aspettative si limitino a questo, cioé: si tirano fuori dei withhold, si tira fuori un piccolo withhold alla persona e si sente un po’ meglio. Poi le si tira fuori un altro piccolo withhold e si sente un po’ meglio. Poi le si tira fuori un grosso withhold e si sente molto meglio. Poi le si tira fuori un altro withhold e si sente molto meglio. No, il ciclo non è affatto così.

Al contrario, prendete una domanda scottante, il pc comincia subito a star male. E peggiora sempre e sempre più. Ho visto un pc rimanere lì nel massimo sconcerto per qualcosa di cui ero completamente al corrente.

“Ma è possibile che fossi io? Cioè, non può esserci stato niente su questa cosa. Vedi, vivevamo a Fordham e…”

“Va bene. Quando è stato?”, e così via.

“È stato a Fordham,” e così via. “No. No. No, non è successo niente a Fordham. Proprio niente. Potevo aver… non può essere successo niente a Fordham. Non conoscevo nessuno a Fordham. Difatti, non ricordo nessuno di Fordham. Non c’era nessuno a Fordham.”

Tutto questo ha origine da qualcosa… il tipo dice: “Beh, ho rubato una mazza da cricket una volta, sai?”

“Bene, quando è stato?”

“Beh, è stato quando vivevamo a Fordham.”

“Bene, Questo è tutto?”

E rischiate di ottenere un fantastico: “Beh, guarda… a chi avrei potuto… Ho rubato una mazza da cricket, ma a chi? Fordham, Fordham, Fordham. Chi? No, non può essere stato a Fordham. Non può essere stato. Oh beh, non ha nessuna importanza”.

Finite nel not-is. “Non ha nessun… una mazza da cricket costa molto poco, e così via. È davvero ridicolo che abbia fatto una cosa del genere e senza dubbio gliel’ho restituita il giorno dopo.” Dub-in, dub-in, dub-in, dub-in. “No, no. Non è nemmeno così. Fordham. Deve essere successo a Fordham. Però non può essere successo niente a Fordham. Guarda, ho vissuto a Fordham solo tra i sette e gli otto anni. Non avrei mai potuto farlo… vedi?”

Ottenete una risposta. Dovete ottenere una risposta alla vostra domanda di auditing. Questa è una delle massime fondamentali dell’auditor. Se però il vostro pc comincia a parlare di cose del genere… Oh, no! Beh, aiutatelo più che potete a uscirne. Non suggeritegli delle cose… non aiutatelo così. Fategli invece delle domande pertinenti.

“Bene, era una mazza lunga o corta?” “Che tipo di mazza da cricket? Un vera mazza da cricket?”

“Beh… beh, era una… solo una piccola mazza da cricket. Cioè, era solo… era solo un giocattolo, sai?”

E voi dite: “D’accordo. Bene”.

È sufficiente. Non tartassatelo a morte in quella fase. Mantenete in movimento il Sistema dei withhold.

“Va bene. Bene, chi non l’ha scoperto?”

“Beh, io… io. Avevo completamente dimenticato che si trattava di una piccola mazza da cricket. Non era per niente una canna grande.”

“Va bene. Benissimo. Non c’è male. Non c’è male.” Non datevi la pena di fare qualcosa in proposito. “Bene, e sul rubare questa… cosa mi dici sul rubare questa mazza da cricket?” e via dicendo.

“Non saprei proprio dirti. È… è molto buffo. È molto confuso perché deve essere stato a… Fordham? Fordham? Non può essere stato a Fordham. Dev’essere stato a South Chichester, ma a South Chichester… Non può essere stato a Fordham” e così via.

Bene, aiutatelo. Dite: “Bene, quando è stato? Quando è stato? Quando è stato?”.

“Beh, è stato nel 1957. Però non può essere stato nel 1957, perché dev’essere stato nel 1932. No, non ero ancora nato nel 1932. Dev’essere stato nel 1941. Beh, allora dev’essere stato durante la guerra e le mazze da cricket erano limitate” eccetera, eccetera.

Voi dite: “Beh, dimmi quando è stato, all’incirca”.

“Io… davvero non so dire.”

“Va bene. Bene, aspetta un attimo e dateremo questa cosa con l’E-Meter e vedremo se riusciamo ad andarci più vicini.” Rendo l’idea? Aiutatelo. Aiutatelo. Aiutatelo. Sterminate quel withhold. Aiutatelo a morire. Dite: “Bene. È tutto, questo?”.

“Se questo è tutto? Non so assolutamente niente di questa cosa. Ora abbiamo datato la cosa e stabilito che è successa nel 1945 e io ero sotto le armi nel 1945. Oh, mio Dio! Oh, sì! Eh, eh.” E centrate qualcosa… “Oh, no! No. Beh, no. No.” Ed è probabile che a quel punto lo vediate rinascere.

Ebbene, quando imboccate il ripido sentiero che porta a quegli ultimi frammenti, dovete davvero aiutare il pc, perché lui è impietrito! Semplicemente non riesce a rivolgere l’attenzione al withhold.

Quindi, permettere che l’attenzione del pc vaghi dappertutto, significa in realtà permettere al pc di essere effetto di questo withhold e di questa carica. E lui non ve lo perdonerà mai. Dovete assumere il controllo dell’attenzione del pc e dovete tenerla rivolta a quel withhold e dovete tenerla su di esso ancora più saldamente. Lui dice: “Beh, non possiamo occuparci di qualcos’altro? Ci sono molti withhold succosi. Ne ho alcuni sul sesso… ho un paio di withhold di sesso, che sono molto buoni. Passiamo a quelli. Ero una sirena, una volta. Potrei darti un withhold di quel periodo.” Una cosa qualunque. “Una cosa qualunque. Oh, questa mazza da cricket.” “Ahimè.”

Arriva alla fase: “Oh, mio Dio!”. Più si avvicina a: “Oh, mio Dio! Oh, quello no!”, oppure: “Sarebbe terribile!”, o: “Ma lo sai? Non me lo ricordavo più”, ogni volta che si avvicina alla fase della realizzazione, l’attenzione è più difficile da portare lì. Finalmente il pc scopre che si trattava di una piccola mazza da cricket che lui aveva intagliato personalmente per un bambino italiano in un paesello italiano. E tutto ciò che era rimasto del villaggio era la mazza da cricket. Questo perché lui non aveva dato ordine al suo plotone di andarsene da lì e i Tedeschi l’avevano bombardato, riducendolo a un mucchio di macerie e uccidendone tutti gli abitanti. Lui si era ritenuto responsabile di questo e da allora aveva risolto la cosa immaginandosi che tutto ciò gli fosse successo in gioventù. E l’unico indizio che ha è una mazza da cricket.

C’è questa… ma una mazza da cricket, naturalmente, si adatta a “quando uno era giovane”. Quindi lui ha dato una spiegazione “logica” alla cosa. Non ha ricordato nessuna parte dell’episodio. Lui ha un bellissimo copione, che non ha niente a che fare con la realtà.

E naturalmente, non riesce proprio a far fronte a quella cosa, dato che non è riuscito a far fronte a essa all’epoca, e quindi l’ha occlusa, come se niente fosse. Ha detto: “Beh, adesso basta!”. Adesso può vivere.

Eppure sin da allora faceva questo calcolo in qualche angolo della sua mente: “Se solo avessi ordinato al plotone di uscire dal villaggio quella mattina… i Tedeschi arrivarono il mattino dopo, non l’avrebbero mai bombardato e avrebbero lasciato tutti vivi… La verità è che avrei dovuto abbandonare l’area prima. Non avrei dovuto trascinare nessuno in una cosa del genere, perché non aveva senso. Non aveva nessuno scopo. In ogni caso i Tedeschi si ritirarono il giorno dopo. È successo tutto in un giorno. È impossibile che io abbia commesso un overt come questo. Dev’essere stata colpa delle alte sfere del comando e dev’essere stato causato da… e dev’essersi trattato di una mazza da cricket durante la mia infanzia.”

Rinnega ogni responsabilità per la cosa, così ovviamente non rimane più niente. Non può star di fronte al fatto di aver causato la morte di 150 civili e vzzz. Qualcosa che non esamina.

Vedete come funziona? Non appena la sua attenzione viene rivolta alla cosa, se ne allontana. E parte di quell’allontanarsi è rappresentato dal fatto di infuriarsi con l’auditor, di mostrare di avere una rottura di ARC, di turbarsi e cose del genere.

Ma dovete saper distinguere un pc che ha davvero una rottura di ARC perché siete entrati in una condizione di giochi con lui, da un pc che ha una rottura di ARC semplicemente perché si è introvertito e quindi risponde acidamente a qualunque cosa. Detto per inciso, appaiono diversi. Appaiono molto diversi, l’uno dall’altro.

Dirigere l’attenzione del pc. Se usate questo Sistema dei withhold, lo aiutate a dirigere la sua attenzione; se siete su un soggetto che scotta, beh, vedrete il pc ritornare completamente in vita. Nessuno ha mai messo le dita su bottoni del genere nella mente di questo tizio. Nessuno, come voi, ha mai liberato la sua attenzione.

E al contrario, al contrario, se non dirigete la sua attenzione, lo gettate nella disperazione, perché ha il bank che lo sta prendendo a calci in testa; questo perché non c’è nessuno che aiuti il pc a tenerlo a freno, capite?

Beh, dovete lavorare sodo per quanto riguarda questa cosa in particolare, ma in verità non dovete sgobbarci come schiavi o sudarci sopra. Ciò su cui dovete tenere gli occhi aperti è la tendenza del pc a generalizzare i withhold… generalizzare e non tirar mai fuori niente di specifico, non dirvi mai dati di alcun genere, passarci sopra con superficialità e così via.

Dopo un po’, insomma, svegliatevi e dite: “Bene, guarda qui. Sembra che qui ci sia qualcosa. Stiamo continuando a esaminare questo terreno. Diamo un’occhiata, d’accordo? Eh, eh. Diamo un’occhiata. Diamo un’occhiata”.

Ho detto: “È tutto, questo? Ora, ecco cosa voglio dire. Voglio dire… voglio dire, è proprio tutto qui? Dai un’occhiata e vedi se non c’è nient’altro”.

No, l’unica cosa che non abbiamo scoperto, è un camion della Iveco… sapete, qualcosa di quelle dimensioni. Poiché, di certo, non appena il pc si avvicina a una di queste cose, comincia a generalizzare e a passarci sopra, mentre voi cominciate a spingerlo verso di essa e lui comincia a fare: “Grrrr. Beh, non so se mi piacerebbe guardare questo camion Iveco. Ahgrrrrr.” Finisce così con qualsiasi withhold. “Beh, non hai bisogno di arrabbiarti tanto, per questo. Non hai bisogno d’insistere tanto. Guarderò. Sono un pc dispostissimo a collaborare. Hm. No. No. Grr-psss-sst-ssst… non c’è niente. Non c’è veramente niente. Non c’è niente… non c’è nient’altro. È tutto lì. È tutto lì.” L’ago ha una fall che esce dal quadrante. “È tutto lì.”

Voi dite: “Bene. Bene. Che cos’altro c’è dentro a quel ‘tutto’?”

“Niente; a parte il Secondo Corpo d’Armata.”

Gli era uscito di mente qualche dettaglio insignificante del genere. Dovete farlo guardare.

Il lavoro dell’auditor non è di far sì che il pc parli. Sì, il pc vi parlerà e sarà meglio che lo faccia. Non fraintendete quanto vi sto dicendo, per sostenere che il pc non deve rivelare il withhold all’auditor. Non fraintendetelo. Per dirla francamente, apertamente e direttamente, se il pc lo sa, ve lo dirà. Questo è ciò che dovete comprendere e su cui dovete decidervi.

La riluttanza del pc a dirvelo deriva interamente dal fatto che non è a conoscenza della cosa. Le cose saranno molto facili per il pc, se voi capite questo punto del Sistema dei withhold, poiché usandolo lo aiuterete a scoprire delle cose, lo aiuterete davvero a scoprire delle cose.

Se lui dice: “Beh, proprio non lo so”, rispondete: “Va bene, scopriamolo”.

Lui dice: “Beh, proprio non lo so”.

Non dite: “Forza, dimmelo”. È una risposta sbagliata. Fatevi rispondere in modo diverso. Se il pc dice: “Proprio non lo so”, e voi rispondete: “Bene, parlamene”, è una risposta sbagliata.

La risposta corretta è questa. Lui dice: “Beh, non lo so proprio, non sembra che ci sia altro” e via dicendo.

Voi rispondete: “Beh, guarda. Diamoci un’occhiata. Forza, portiamolo alla luce ancora un po’. Devono esserci dei pezzi che spuntano da qualche parte. Non spuntano forse due vecchi talloni alati tra quelle macerie laggiù? Dove… dove sono? Portiamolo alla luce. Su… Portiamolo alla luce”.

E lui: “Oh sì, ci sono un paio di persone. Non me n’ero reso conto. Beh sì, c’è qualcosa”. D’accordo. Prendetela come una risposta. Accettate i dati del pc e continuate a far funzionare il sistema.

L’errore che potete fare è di pensare che il pc non ve ne parlerà. Il pc ve lo racconterà, sa che ve lo racconterà.

L’altro errore che potete fare è, quando il pc inizia ad arrabbiarsi col bank, di pensare che lui sia veramente arrabbiato con voi e quindi di cominciare a farlo a pezzi.

Un altro errore che potete fare è di non controllare l’attenzione del pc… di non interrompere il pc. Il pc continua a parlare e a parlare, dicendo: “Avevo un cane che si chiamava Rover. Correva sempre su e giù per strada. Saltava sempre di qua e di là della siepe, eccetera, eccetera. Ero io che gli insegnavo a saltare la siepe. Aveva un grosso collare. Aveva un collare meraviglioso, eccetera, eccetera. Poi un giorno un ragazzo rubò il collare e io lo picchiai, ricuperai il collare e lo rimisi a Rover, il cane. Beh, come ti stavo dicendo, questo cane, Rover, di solito lo tenevamo nel garage perché era un cane molto grosso. Avevamo un grande garage, quindi lo tenevamo in questo grande ga… un grosso cane in un grande garage, capisci? Le cose stavano così”.

Perdio! Se volete che un pc si arrabbi con voi, permettetegli di fare questo… fatelo continuare a parlare e non fatelo smettere. Come si fa a far tacere un pc? Beh, se non vi viene in mente altro, ditegli: “Sta’ zitto”. Una cosa del genere lo turberà di meno. Una cosa del genere lo turberà di meno.

Imparatelo. Se imparate questi piccoli punti e li mettete in pratica, fare verifiche di sicurezza diventerà facile come bere un bicchiere d’acqua. Ve lo garantisco.

Non è niente di particolarmente complicato. La stiamo chiamando non troppo precisamente verifica di sicurezza. In realtà oggi è Prepchecking. Riceverete i materiali di cui avete bisogno per questo… le piccole verifiche e così via che percorrete come domande Zero. Ora come ora, come ho detto prima, la fonte più fruttuosa è trovare… se aveste qualche vecchio modulo, qualche vecchio modulo da qualche parte, su cui il pc ha ricevuto una verifica di sicurezza, trovereste uno dei suoi item che è carico (una domanda su di esso che sia carica), e l’usereste come domanda Zero e la verifichereste più e più volte.

E se non avete un modulo del pc, per il fatto che state audendo un pc del campo e così via e non avete alcuna documentazione, potete chiedere: “Quale withhold hai continuato a raccontare a un auditor? Quale withhold hai continuato a raccontare a un auditor per un lungo periodo di tempo?”. Cercate poi di scoprire quale domanda ha rivelato l’esistenza di questo withhold e cercate di riformulare quella domanda. A quel punto otterrete la vostra domanda Zero e da lì potrete decollare. Non vi resterà ovviamente che sfruttare la miniera, perché vi muoverete da quel punto in avanti. Questo è qualcosa da fare quando dovete occuparvi di pc dell’HGC che sono stati auditi da un auditor del campo e non sapete bene da dove cominciare in una circostanza del genere: se non aveste un modulo standard per verifiche, potreste usare quello come punto di partenza e ottenere molti risultati. Una persona che ha ricevuto molto auditing e sembra avere facilmente rotture di ARC e così via… beh, qualcuno l’ha cacciato in una di queste cose e poi non l’ha tirato fuori.

Quindi la cosa più vantaggiosa che potreste fare in tutta questa faccenda sarebbe chiedere: “Allora, quale withhold hai detto a vari auditor?”, oppure: “Quale withhold hai detto varie volte agli auditor?”. “Bene… Bene… D’accordo. Molto bene. Quale domanda farebbe saltar fuori questo withhold? Qual è stata la domanda che l’ha fatto saltar fuori?” Cercate di ricomporre una qualche domanda che avrebbe fatto venir fuori quel withhold e poi sfruttate la miniera usando questa domanda.

E… cielo! Santo cielo! Sentirete il bank ruggire. Perché questa persona, durante una verifica di sicurezza, è stata mandata dritta dritta in fondo a un binario morto. È stata mandata dritta dritta lì. È stato restimolato qualcosa che non è stato tirato fuori. Questo è ciò che conosciamo come withhold ricorrente. Il withhold ricorrente.

Un withhold è stato lavorato come con un aratro molto, molto, molto a fondo, perché è come se qualcuno ci avesse già piazzato sopra uno schermo radar, un paio di bussole, della segnaletica geofisica, una bandiera americana alta tre metri con l’aquila in cima e avesse detto: “Qui sotto giace un item di cui il pc non sa niente”. Questo segnale o sintomo è il withhold ricorrente.

L’altro segnale è la lamentela ricorrente. “Di chi ti sei lamentato di più? Di che cosa ti sei lamentato di più?” Alla fine riuscite ad avere la cosa nel mirino e scoprite che si è lamentato costantemente e continuamente della sua famiglia. Bene, potreste usarle come domande per trovare withhold.

C’è però un piccolo avvertimento da dare su questo. Se conoscete la 3D Incrociata, sarete molto cauti per quanto riguarda darci dentro per raggiungere degli obbiettivi. Non ci date dentro per raggiungere obiettivi che non sapete se siano terminali, terminali d’opposizione o, addirittura, se facciano parte della 3D, perché sapete che potete ingrossare l’intera Scala di Prehavingness percorrendo un terminale sbagliato.

Dunque uno dei modi mediocri di occuparsi della cosa è questo. Una ragazza ha sempre avuto problemi con suo marito, quindi diciamo immediatamente, senza fare assolutamente alcuna domanda: “Lei deve avere dei withhold con suo marito. Perciò, bang! Diamoci dentro su questo e usiamo la domanda Zero: ‘Che cosa hai fatto a tuo marito?’” o qualche scemenza del genere.

Usiamo questo… marito, vedete? Marito. Oh, oh, oh, aspettate un momento. Lei ha sempre avuto problemi con il marito. Il marito, o è nel bank o non lo è, oppure dovrebbe essere nel bank; c’è qualcosa che non va, in relazione alla 3D Incrociata, per quanto riguarda il terminale “marito”. Quindi, ovviamente, non ci date affatto dentro fino in fondo.

Le vostre domande generalizzate – le vostre domande Zero – dovrebbero essere molto generali sul soggetto della doingness o della knowingness, ma non dovrebbero avere troppo a che fare con la beingness. Potrebbero aver qualcosa a che fare con la havingness. Lasciate però perdere la beingness in quelle domande Zero e andrete bene, perché tutta questa roba di solito viene percorsa prima della 3D Incrociata e voi non ne sapreste niente.

A proposito, qualunque item della 3D Incrociata – questo non è consigliato – ma qualunque item di 3D Incrociata che è risultato essere il terminale del pc, potrebbe probabilmente essere inserito come domanda Zero del Sistema dei withhold. Ora, che faccia esplodere o meno parte dell’universo o parte della testa del pc, non lo garantisco perché non è stato provato.

Probabilmente è una cosa eccessiva e probabilmente è una cosa troppo irreale. Era solo per darvi un’idea che se aveste voluto usare delle beingness, sarebbero quelle le beingness che usereste nel Sistema dei Withhold, lasciando perdere altre beingness.

Potete prendere in considerazione tutto un argomento… potreste prendere in considerazione qualsiasi argomento. Fate attenzione, però, all’aspetto beingness. Potreste prendere il soggetto del “matrimonio”. Ma per l’amor di Dio, non prendiamo come soggetto i mariti o le mogli, afferrate il concetto? O le famiglie. Vedete, questa è beingness. Possiamo prendere come soggetto “essere al verde”, ma non ne possiamo prendere altri. Okay?

Grazie.”

Lunghetto, ma ne valeva la pena di metterlo tutto, giusto?

Ho messo tutto il nastro (anche del nastro che seguirà sarà integrale) in modo da non estrapolare significati arcani, Ron parla chiaro, inutile vedere di trovare cavilli tecnici, quello che dice è chiaro e tondo, limpido e cristallino, diretto e doloroso, ma è la verità, non è per rendere qualcuno sbagliato ma solo per, come si dice spesso, bisogna mantenere KSW 1 in, in, in.

Poi non voglio così male a nessuno da augurargli di rimanere attaccato ai propri overt.

TO BE CONTINUED……….

6 commenti

Archiviato in Casa Minelli, LRH, Uncategorized

6 risposte a “ANONIMO VENEZIANO, UN’ANALISI ……Parte 2

  1. Bellissima conferenza,ho avuto realizzazioni mentre leggevo e compreso cio’ che avviene nelle sedute e nella vita e la relazione di O/W.
    Ciao Adriano

  2. La conoscenza non è mai troppa!
    Questa conferenza mi ha aiutato a capire ancora di più sul comportamento umano in relazione ai Withholds (mi raccomando, scrivetelo sempre con due acca, altrimenti vi potrebbero tacciare di ignoranza), ho rinfrescato le definizioni di Preverificare/Prepchecking, di Routine 3D incrociata, ho riletto la sezione D dell’HCO POLICY LETTER DEL 27 DICEMBRE 1963 –
    La “Magia” del buon Management, che potete trovare a pag. 52 del Volume 1 della Serie sul Management ed anche l’HCOPL DEL 23 FEBBRAIO 1970 – La Qualità del Servizio, che ho in Inglese sul Volume 6 dell’OEC (Organization Executive Course), pag. 548.
    Insomma, ho fatto i compiti a casa!
    Il dato che ” WHITHHOLDS ARE ONE PRIMARY CAUSE OF BYPASSED CHARGE ” (i whithhold sono una causa primaria della Carica Oltrepassata) può portarci veramente a capire il Perchè di certi comportamenti della gente e, di conseguenza, porci a Causa nel caso volessimo maneggiare delle Situazioni che ci stanno a cuore.
    Grazie Anonimo Veneziano per questo tuo Post, per uno Scientologo degno di tal nome la conoscenza del soggetto è importante ed indispensabile per poter riuscire nella propria strada verso la Libertà; per noi Indipendenti poi lo è ancora di più in quanto abbiamo abbandonato il comodo alibi di una Conoscenza ” prêt-à-porter ” pre-digerita disponibile nelle Orgs di Dave Miscavige.

    A presto

    Guido Minelli

  3. Francesco

    Beh oggi ho scritto agli Anonymous di etica e verità …..
    Ha proprio ragione la mia mammina a darmi del Donchisciotte ….
    O come diavolo si scrive , sicuramente ci Sara qualcuno che mi correggerà …. 🙂

    Oh ragazzi , ma chi ha detto che non leggiamo etica e verità ? Beh io parlo per me e vi dico che vi leggo tutti i giorni …
    Se volete , sapete dove trovarmi , almeno potete buttar giu la maschera e venirvi a fare un giro alla reception ….
    Un caffè non si rifiuta a nessuno …..
    Poi, visto che mi date dell’sp, portatemi il mio foglietto giallo , ne faro’ buon uso !
    Francesco Minelli
    Via Vittorio Veneto 154
    25035 Ospitaletto
    Brescia
    393965635
    Johnmina@libero.it

    • Francesco

      🙂 l’ho fatto ancora……

      Mai rinfacciare l’aiuto dato, se di aiuto si tratta, non vi e’ secondo fine.
      Ho grande stima sia di Matteo che di Grillo, quindi per cortesia non storpiate i messaggi.
      Nonostante tutto, non vi sto mancando ne di rispetto , ne sto usando 1.1 social ……
      La Reception e’ già indaffarata di suo….
      La Moka e’ sempre pronta ! 🙂

      Se fossero coerenti con quello che dicono, potrebbero rispedire al mittente ( me) quei soldoni sporchi di SP per la quale la placchetta dorata sulla lista dei donatori piazzava me e Luana al quarto posto…….
      A caval donato non si guarda in bocca ?
      Boh !

      • Mirko

        Ciao Francesco,
        mi inserisco brevemente su quello che scrivi “dell’agenzia soppressioni e soprafazioni Osa” .
        Non ho ancora letto l’articolone di Anonimo Veneziano, ma conto di farlo nei prossimi 2 giorni.

        Mi è venuta voglia di sottolineare e sottoscrivere quello che chiedi riguardo a questa repressiva ed illogica agenzia politica OSA diretta dal loro regnante COB Miscavige: perché se etichettano una persona SP, non gli restituiscono poi le donazioni che “questo SP” ha loro elargito?
        Non è una incoerenza di una mostruosa illogicità non restituire il denaro a chi è stato censurato prima, “buttato fuori” poi , e anche esposto al pubblico ludibrio!?

        Quello che penso io, caro Francesco, è che loro, la Cof$ by DM, sono motivati dal denaro (la più bassa delle motivazioni, sulla scala delle motivazioni di LRH), che gli serve sia per creare il loro impero immobiliare, sia come risorsa per sopprimere (vedi le spese per investigatori, avvocati e spie) i dissidenti e o chi li denuncia per quello che sono: quanto meno dei ladri (e forse questo comportamento da ladri, nel panorama dei loro comportamenti da biasimare, è la loro caratteristica migliore).

        È evidente che questa organizzazione settaria, la Cof$, di cui poi Osa è il loro braccio armato, etichetta coloro che dissentono da queste loro perverse “strategie” ormai evidenti … o meglio sarebbe dire, in quest’ambito della enorme richiesta di denaro, etichettano coloro che si accorgono della loro reato di MALVERSAZIONE: “Sussiste il reato di malversazione quando un soggetto riceve finanziamenti per determinate opere o attività, ma non li utilizza per tale scopo”.

        Ma naturalmente da una organizzazione che come suo normale agire ruba, occulta, corrompe, delinque, malversa denaro, oltre che, con quel denaro, sopprimere (come è natura dei veri SP) gli individui che cercano libertà spirituale, ci si può aspettare che restituisca il maltolto?

        Beh, lo sai Francesco che l’SP non si corregge e non comprende le illogicità che perpetua… se così facesse, sarebbe veramente incoerente con se stesso… in quanto SP.

        Non c’è possibilità che questi si ravvedano, almeno fino a quando non eliminano il loro grande capo DM, un SP planetario di ottimo livello…
        Lo sai Francesco che l’influenza di un vero SP è ampia e di forte presa… quanto meno con gli sprovveduti che gli stanno intorno e che hanno perso la loro integrità e capacità logica.

        Ciao
        Mirko

  4. Diogene

    Ciao Mirko… commento ottimo ed abbondante…
    Alla fine la loro cupidigia sarà la loro rovina, e sai perchè?
    Perchè questa nostra società presta la massima attenzione ai soldi e dato che questa è l’unica filosofia funzionale su cui opera la Chiesa del Soldino ci sarà inevitabilmente il momento dove il flusso si invertirà a favore di altri predatori. E’ accaduto anche alla Chiesa Cattolica che regnava su mezza Italia… ma al giorno d’oggi i flussi monetari sono più rapidi e instabili, non per nulla Dammy Moneta investe come un pazzo in immobili (con i nostri soldi e operazioni sotto copertura)… In realtà ha un esubero di liquidità che fa pensare a Gheddafi e altri dittatori ormai polvere nella storia, molto ricchi
    e MOLTO morti…
    Ma i sudati risparmi che abbiamo affidato con fiducia alle Org verranno mai resi a chi, sentendosi in un certo qual modo defraudato, ne farà debita richiesta pur rischiando la mannaia della scomunica eterna?
    Io, senza saper nè leggere nè scrivere, direi che se esiste una possibilità di vincere in qualcosa nei confronti della Chiesa, questo qualcosa riguarda i soldi (non certo la comprensione o la tranquillità) per il semplice fatto che l’argomento soldi è ben recepito nel nostro ordinamento legislativo ed è di grande interesse per tutti, dai curiosi agli avvocati…
    Magari bisogna prima informarsi, organizzarsi… tempo al tempo, insomma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...