Archivi del giorno: 8 ottobre 2011

RIFLESSIONI DA RIFLETTERE ….

Ho ricevuto in forma privata questa mail da uno Scientologo, lo chiameremo Tesla, in onore del genio quale era e delle sue invenzioni – che tuttora sono probabilmente nascoste e chiuse in un cassetto – poiché lui aveva sviluppato le sue invenzioni per il bene dell’umanità.

E questo era scomodo per alcuni interessati al proprio portafoglio, piuttosto che al benessere comune.

Oltre alle sue riflessioni veramente saggie, vengono poste delle domande direi più che appropriate e di alto livello.

Dopo aver risposto a questa mail, ho chiesto se fosse stato possibile renderla pubblica, in modo che fosse spunto per ampliarne i contenuti decisamente validi e per dare la possibilità a voi, amici miei, di rispondere pubblicamente a Tesla.

Beh, visto ciò che vi è qui sotto, la risposta e’ stata affermativa .

A voi il piacere di leggere, commentare, costruire …..

—————————————————————————————————————————————————-

Ciao Francesco,

mi permetto di commentare il tuo post tradotto da Geir Isene.
Quello che lui sostiene non è altro che il livello di osservazione ed integrità che ci si aspetterebbe da una persona estremamente razionale.
Permettimi però una provocazione:
da molto tempo oltre ai “testi ufficiali” di LRH mi piace leggere testi di altre discipline, dalla fisica quantistica, al pensiero positivo, Yogananda e chi piu’ ne ha piu’ ne metta… tra l’ altro il nostro amico norvegese ha organizzato un seminario di due giorni dove si tratteranno queste e altre discipline di “illuminazione spirituale“.
Ebbene, attraverso la conoscenza di scn e con l’ aiuto di queste altre pratiche sono giunto a determinate conclusioni.
La prima è che non esiste una sola “verita“, non ce l’ ha scn, come non ce l’ha l’Induismo, lo Yoga ecc ecc, eppure il compito che dovrebbe avere uno spirito libero è proprio quello di investigare per conto proprio e trovare le proprie “verita”.
Sono caduto anch’io vittima della presunzione che Scn avesse tutte le risposte ai quesiti dell’esistenza, e forse a livello potenziale può essere che sia così, a patto però che il singolo alleni la sua mente alla ricerca e all’osservazione, cosa non molto popolare della chiesa ufficiale.
La seconda è che se assumiamo che una persona sia veramente causa della sua condizione (e sono sicuro che sia cosi) non può cadere nella trappola del biasimo o dell’incolpare qualcun altro, o perlomeno non può non capire che di trappola si tratta.
Portiamo la cosa all’estremo e vediamo il rapporto vittima carnefice e cerchiamo di vedere la scena un po’ più distante, cosa fa la vittima per diventare tale? Cosa succede a una persona “vittima” di un incidente, o di una malattia ecc ecc.
Perchè se io incolpo mia moglie di qualcosa dovrei cercare quale whitthold mi ha mancato, ma se divento “vittima” di DM allora lui è la colpa di tutto?
La terza (intelligente vero?) è che solo un atteggiamento di assoluto amore (o chiamala affinità, ammirazione) può invertire questo dannato circolo vizioso.
Concedere beingness la chiama Ron, ma verso cosa??? Facile concedere beingness quando sei in affinità con qualcuno, oppure quando sei d’ accordo con lui.
Ma cosa mi dici del concedere beingness ad un nemico, un avversario o al proprio carnefice?
Ricordo un film (non ricordo però il titolo) dove nella scena finale la vittima di un “mostro”, prima di morire lo perdonava, sciogliendo in qualche modo il rapporto che li legava e li rendeva schiavi.
Ok si tratta di un film, finzione, ma se poi fosse questa la SOLA VIA D’ USCITA??
E se il trucco per sciogliere una volta per tutte l’incantesimo che ci tiene in catene fosse
l’azione di perdonare (anche noi stessi) e amare in modo incondizionato ??
Meditate gente… meditate, diceva Arbore in uno spot di qualche annetto fa… vabbè Francesco ti lascio con l’ardua sentenza.
Spero di non averti tolto l’appetito con queste badilate di saggezza ;-))))
Un abbraccio fortissimo a te e Luana.
Firmato:
P.S. ti lascio con una strofa di Max Pezzali…
… e se invece fosse il solo senso di essere qui
l’unica ragione per cui valga la pena di
fare tutto il viaggio e comprendere
quello che comunemente noi chiamiamo Amore …

38 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, Uncategorized