Risolvere Dubbio…

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la vostra testa !

Noi, come Scientologist, abbiamo un’incredibile quantità di strumenti chiamati Formule delle Condizioni, che usiamo per risolvere i conflitti con le identità, le attività e i risultati. Queste ci rendono capaci di esprimere i nostri talenti e innescano il nostro entusiasmo verso specifiche scene ideali.

Questi strumenti non sono invenzioni di L. Ron Hubbard. Queste formule sono leggi naturali che lui ha semplicemente osservato e annotato per una nostra osservazione e valutazione. Sono il modo in cui l’Universo opera. Io le ho usate per anni con risultati sorprendenti.

Naturalmente, queste formule sono la radice dell’essere uno Scientologo, un termine definito come; “Una persona che migliora le sue condizioni attraverso l’applicazione della Tecnologia di Scientology”. Le Formule e la loro corretta applicazione sono gli strumenti che noi usiamo per incidere sul potenziamento fondamentale.

Ma questa non è una conferenza sulle Formule delle Condizioni. Si tratta di un consiglio alla loro corretta applicazione – che è stata carente riguardo alla nostra scena attuale.

Come esempio: La formula di Dubbio richiede l’esecuzione di un certo numero di passi, molti dei quali vengono inibiti nella Chiesa odierna.

La Formula richiede che le vere intenzioni e attività di tutti gli aspetti dell’area in Dubbio vengano esaminati scrupolosamente, senza pregiudizi, e che vengano valutate le statistiche. Una volta presa la decisione, questa deve venir annunciata pubblicamente per poter avvisare i giocatori di entrambi gli schieramenti e, si spera, portare un alto livello di attenzione a chiunque partecipi al gioco.

La mia personale esperienza dello scorso anno alla Flag Service Org, fu che le mie domande riguardo alle intenzioni e alle attività e statistiche dei vari programmi che stavo valutando venivano deviate con contro-domande del tipo; “Perché fai questa domanda?” o “Con chi hai parlato?” o “Perché vuoi vedere le statistiche?” o “Sei in disaccordo con il management?

In altre parole, mi stavano affibbiando un pregiudizio, il che avrebbe garantito, se glielo avessi permesso, che la condizione non si sarebbe potuta applicare in modo standard e il Dubbio non si sarebbe risolto – ma sarebbe peggiorato!

Le mie domande allora divennero; “Ma il management è in dissacordo con la Formula di Dubbio?

Dissi al mio MAA che avevo delle domande e non avendo avuto risposte, quindi avevo dei Dubbi e per risolverli dovevo applicare la Formula.

Questo fondamento logico cadde inascoltato, realizzai allora che non stavo più trattando con una scena etica standard. Visto che tutto questo sta alla base di ogni cosa che facciamo, realizzai che sia la Tech che l’Admin, senza dubbio, erano allo stesso modo compromesse.

Chiunque faccia una FORMULA di DUBBIO, completa e accurata, uscirà da Dubbio. Tuttavia, se non si ricevono risposte alle proprie domande si dovrà cercarle laddove nella nostra Chiesa è illegale guardare – Internet.

È beninteso che il 98% della nostra cultura guarda nella rete per trovare le risposte su qualsiasi cosa che attiri il loro interesse.

Sono finiti i giorni dove le nuove persone si avvicinavano con la preoccupazione che “La mia ragazza dice che ha un amica e ha sentito dalla madre del suo ragazzo che un cugino le ha detto che pensa che Scientology sia una setta”.

Era una cosa facile da risolvere. Con una semplice frase del tipo; “Ma tu credi ad ogni cosa che senti?” ci si poteva fare su una risata e dimenticarsene. Spesso io stesso ero solito dire cose del tipo: “Sì, tutto questo è vero. Ma vi assicuro i sacrifici di pollo non sono obbligatori e le cerimonie sono solo per chi ha la calvizie avanzata come me! ” Si facevano una risata e la loro assurda preoccupazione si chiariva..

Se non è vero per voi, non è vero.

Oggi, la scena è molto diversa, quando la gente entra con i nostri stessi documenti scaricati dalla rete – come la rivista Freedom, tutta improntata a difendere il COB dalle accuse di percosse, documentando alla stampa che queste percosse accadevano davvero, ma per mano del vice del COB, non sue!! Ci si chiede “COSA!”

Con questo articolo hanno gettato in pasto alla stampa Scientology per proteggere uno dei suoi membri dello staff, e questo nuovo pubblic si fa delle domande su questo. E pure io me le faccio!

Questi rapporti sono momenti di verità, dove la nostra tunica collettiva viene sollevata da un colpo di vento rivelando cose che la congregazione non sapeva stessero succedendo. In seguito vengono smentite come “le bugie di un SP” e nessuno le può confermare perché anche guardare è un atto da nemico.

Le nostre linee di comunicazione sono così tagliate da perdere ogni previsione e sicurezza  e diventare un effetto totale di coloro che ci impongono con cosa possiamo o non possiamo comunicare? Quando guardiamo ci sentiamo male perché “Non dovremmo”, e questo diventa mangime per il Confessional successivo

LRH ci ha detto che il nostro unico crimine in questo universo è essere lì e comunicare, oggi l’atmosfera che c’è nella Chiesa è la prova di questo dato. Sembra che il tipo di auditing più frequente pare siano le Verifiche di Sicurezza.

In questo modo, oggi la Formula di Dubbio viene interpretata e applicata allo stesso modo per tutti: Dovrai guardare ai dati che ti vengono forniti e decidere basandoti su quelli. Se guardi altrove sei “PTS” oppure “SP”.

Questa è estorsione spirituale, e di per se è un problema etico molto serio.

Se applicate correttamente, queste Formule possono far resuscitare i morti. Oggi, dentro alla nostra Chiesa ci sono molti morti perché non riescono a completare in pieno una Formula di Dubbio.

Se avete dubbi e non applicate la Formula di Dubbio, scenderete le Condizioni.

Studiatele e chiarite le vostre confusioni, applicatele correttamente e alla fine avremo un mondo dove le persone oneste possono avere diritti e innalzarsi a più alti livelli.

C’è LIBERTÀ in queste formule quando vengono correttamente applicate.

Pancho

Dal sito: http://markshreffler.wordpress.com

59 commenti

Archiviato in Casa Minelli

59 risposte a “Risolvere Dubbio…

  1. Tony

    Buonasera.
    Ahh ma allora siamo alle solite…ci rinuncio.-)
    Prima di andare a dormire volevo condividere una bella cosa che mi è successa stasera.
    Qualche volta mi sento con una persona che nonostante sia ancora sulle linee della chiesa,ha mantenuto l’amicizia con me.
    La stima tra noi è altissima nonostante diverse opinioni..una persona e scientologist ammirevole!!!
    Mi ha scritto delle cose che mi hanno fatto un piacere enorme…di fatto mi ha fatto salire il tono a manetta.-)
    Che bello quando la filosofia viene applicata per davvero.
    W i filosofi operanti.-)
    Notte

  2. Luigi Cosivi

    Mi è capitato, davanti all’ufficiale d’etica della mia ex org, di guardare ostentatamente sotto la scrivania della stessa. Alla domanda ovvia, ma cosa fai?, risposi: stò cercando l’etica. Ancor più ovviamente quella disse: ma è tec di Ron! Ah si? risposi: penso allora che non sia stata ben capita, altrimenti a quest’ora dovremmo aver chiarito il pianeta.

  3. Paolo F.

    Come detto in altre occasioni, se una persona è davvero in una condizione di dubbio, applicando la formula dovrebbe arrivare facilmente a risolvere quel dubbio. Se invece non ci riesce, farebbe meglio a considerare le condizioni più basse.

    • Paolo F.

      x AUDITOR = Prova a fare un demo kit (ti risparmio il clay table) su: differenza fra non essere capace di applicare fino in fondo la condizione di dubbio (dopo aver deciso con chi o che cosa stare) e rimanere costantemente in una condizione di dubbio senza riuscire a decidere con chi o cosa stare. Poi: Cosa succede quando uno rimane a lungo in una condizione senza risolverla? PS. Se L’Org di Milano mi pagava i contributi magari potevo davvero andare in pensione come tu auspichi! Un saluto!

      • marisa

        Paolo credo che ignorare e non conoscere il soggetto dell’etica, seppur sbandierando la propria “magnificenza” e far sparire commenti da autogol sia non solo ridicolo ma anche controproducente per il proprio “prestigio”, così prezioso per l’ego di qualcuno. Ecco qua, giusto per chiarire, un riferimento tratto dal libro Introduzione all’etica di Scientology :

        “C’è una legge che si dimostra vera in questo universo, secondo la quale
        se non si stabilisce correttamente la condizione in cui ci si trova e non si applica
        alle proprie attività la relativa formula, oppure se si assegna e si applica
        la condizione sbagliata, succederà quanto segue: inevitabilmente si cadrà
        di una condizione rispetto a quella in cui ci si trova effettivamente. Quindi
        se si ritiene scorrettamente di essere in Potere e si cerca di applicare quella
        formula, mentre in realtà si è in Non Esistenza, inevitabilmente si cadrà in
        Rischio. Se si afferma scorrettamente di essere in Normale Operatività, mentre
        in realtà si è in Emergenza, si cadrà in Pericolo. Quindi è importantissimo
        appurare con precisione e onestà la condizione in cui ci si trova, applicare
        la formula relativa e, di fatto, eseguirla. Altrimenti può succedere che ci
        si trovi a scendere le condizioni fino in fondo, senza nemmeno capire il
        perché. Intere nazioni lo fanno e questa è una delle ragioni del declino
        delle civiltà. E, anche se un individuo non è una nazione, egli è pur sempre
        abbastanza importante perché si occupi appropriatamente delle condizioni.
        E ricordate che non è sufficiente farlo a mo’ di semplice esercizio amministrativo;
        si devono realmente eseguire le formule, se mai ci si aspetta di
        migliorare la propria condizione.” L.R.H.
        Marisa

  4. Tony

    Buona domenica a tutti.
    Ho riletto le vostre risposte e comprendo davvero tutti i vostri punti di vista.
    Ripensando poi alla domanda avrei voluto aggiungere;
    “nonostante sembra ci siano parecchie centinaia o forse migliaia(non credo)di persone che leggono senza commentare i vari blog che non sono della chiesa”.
    Ci sarà un motivo per cui non si dichiara più nessuno…almeno qui in Italia.
    Ma chi commenta CHI sono davvero?
    Quale è il loro VERO scopo e qual è quello di chi gestisce le cose?
    Le loro stats a riguardo come stanno andando?
    Certo motivi ce ne sono tanti come testimoniato anche da voi…tutti legittimi,infatti con il senno di poi,non sono sicuro se rifarei la stessa cosa.
    Molto probabilmente mi dichiarerei ugualmente ma magari in modo diverso e qui mi riferisco soprattutto al DOPO dichiarazione con commenti che non farei più.
    Tornando al discorso sullo scopo,io ne avevo uno ed è la verità,la MIA verità.
    Quando lessi la lettera di Garcia posso certamente dire che ebbi finalmente un sacco di risposte…una volta finito di leggerla praticamente avevo già deciso da che parte stare.
    Poi l’andare attraverso gli articoli del blog indipendologo ha fatto il resto.
    Molti articoli devo dire che mi hanno davvero portato ad una condizione di conoscere la verità cancellando istantaneamente tanti di quei dubbi che ripensandoci ora,era come all’inizio con DN e SCN.
    Sapete cose del tipo..”ho scoperto la via che porta fuori”,”la libertà”,ecc.ecc.
    Quando iniziai DN e SCN la prima cosa che feci fu di parlarne con più persone possibili(io Antonio Amodeo e con la mia faccia),senza temere critiche,attacchi ecc.
    Mi sembrava la cosa più logica che potessi fare,aiutare gli altri a conoscerla…ci tenevo davvero tanto a farlo.
    Questo è il mio modus operandi su tanti fronti,se provo che qualcosa funziona non facevo altro che parlarne ,far conoscere,far provare ecc.
    Quindi posso certamente affermare che per certe cose,non sono cambiato affatto…con la mia dichiarazione,lo scopo era sempre lo stesso ma mi sa che ora è giunta l’ora di apportare qualche cambiamento.
    Ora ci sarà chi avrà da ridire,da criticare,da invalidare ma è un problema suo,questa è la MIA verità.
    Pensavo davvero che anche altri potevano pensarla come me ed insieme far tornare le cose a posto…ma come mi è stato già detto LA MIA E’ PURA UTOPIA.
    Certo…per forza,se non si usa la tech!!!
    Scn è o no la tech che può risolvere qualsiasi cosa???
    Io non ho tutta la tech ma quello che mi aspetto da chi DICE di averla,(chiesa o non chiesa)è che la USI e risolva la situazione per il maggior bene per il maggior numero di dinamiche,altrimenti PER ME vorrà dire che ancora nun ce stà!!!
    Ad ogni modo ripeto rispetto tutti vostri punti di vista espressi e volevo aggiungere solo una paio di cose.
    1)Non vorrei mai che la “PAURA”di venire attaccati,sputtanati anche per gli O/W CONFESSATI in session,invalidati ecc,la facesse da padrona.
    Sappiamo molto bene a cosa serve confessare e farlo funziona davvero,se qualcuno usa quelle cose probabilmente non lo ha capito e sono davvero certo che questa non è parte della chiesa voluta da Ron e nemmeno parte della maggioranza che ancora frequenta quella attuale.
    Se fosse diversamente allora non oso immaginare come QUEI POCHI potrebbero considerare le persone che al momento stanno andando in session nella chiesa confessando O/W o che hanno delle situazioni fuori etica sulla 2D o sulle finanze o chissà in quale altro settore della loro vita.
    Ma Ron non ci ha spiegato da dove le nostre aberrazioni provengono?
    Se qualcuno mi darà l’evidenza che Ron ha fatto o avrebbe fatto la stessa cosa con le confessioni dei PCs,allora lo prometto me ne andrò per un’altra strada e di corsa pure!!!
    Per ora sto ancora cercando di risolvere alcuni dubbi fondamentali per me e come disse Charles Bukowski;
    “Il problema è che le persone intelligenti sono piene di dubbi mentre le persone stupide sono piene di sicurezza”.
    Non voglio dire che sono intelligente ma stupido di certo no.-)
    2)Per me è vero che gli esseri sono composti di ARC(chi è andato in session lo sa).
    Sinceramente non mi aspettavo che il dichiararmi pubblicamente mi avrebbe fatto passare attraverso a quello che sono dovuto passare attraverso…è stata dura lo ammetto ma ripensandoci l’unica cosa che ci ha segnato molto soprattutto la mia compagna e le mie figlie(spero non in modo indelebile…per ora ancora lo è),è stata la disconnessione da parte di amici e amiche e dei loro figli/e amiche delle mie.
    Ma questa è la REALTA’ cari amici…se così non fosse,non sarebbe successo.
    QUESTA è LA REALTA’!!!
    Si può venire attaccati,sputtanati,invalidati?
    QUESTA è LA REALTA’…LA VUOI RIFIUTARE?
    Potrebbe essere un PROBLEMA?
    NON LO VUOI AFFRONTARE?
    TE LO VUOI PORTARE DIETRO?
    O potrebbe essere pure un O o un W?
    Può darsi di si come no… sta a TE vedere!!!
    Io quando e se andrò di nuovo in session di sicuro non mi dovrò maneggiare certe cose… e nemmeno sono così importanti.
    PER ME ALTRE COSE SONO PIU’ IMPORTANTI!!!
    ML a tutti

    • Tony

      Dimenticavo;
      Alcune delle cose a cui sono dovuto passare attraverso sia quelle contro di me sia quelle ME contro gli altri,me le sono maneggiate così;
      E’ SOLO UNA SITUAZIONE VIRTUALE!!!
      E vi spiego un attimino.
      Per esempio la situazione avuta con il C/S Patrizia Pierobon.
      Quando lei mi chiamò al telefono è stata gentilissima con me e io con lei.
      Era una comunicazione a voce e non da tastiera quindi un pò meno un VIA.
      NESSUNO DI NOI E’ MALVAGIO DAVVERO!!!
      Le cose poi degenerano quando non si usa la razionalità di cui siamo capaci,sia dentro che fuori la chiesa.
      Caspita ma è così difficile comprendere che ognuno ha un proprio punto di vista e che combatterà sino alla morte per proteggerlo??
      Qualcuno per favore ha una soluzione che non sia la guerra soprattutto quella aberrata virtuale??
      Non ne abbiamo avute già abbastanza?
      Ha ragione chi scrive;
      “Le frasi estratte da HCOB o Policy Letter devi accantonarle sullo scaffale dove solitamente tieni le munizione che usi per dar ragione a te e torto a qualcun altro.

      Devi smettere di denigrare altri con le parole Squirrel o Persona Soppressiva, il “MERCANTE DI CAOS” sta facendosi delle GRASSE RISATE osservando la lotta fratricida che è riuscito a creare, termina ORA di alimentarlo”.
      Grazie

      • i puntini di Diogene...

        Tony,
        Riprenditi il diritto di darti tutti i riconoscimenti che pensi di meritarti, e non aspettarteli da nessun altro.
        Se qualcosa ti disturba, fattene una ragione e non un problema. Se lo vedi, un flusso lo puoi ribaltare o ridefinire o ammirare… insomma ci giochi.
        L’aiuto non ha nè volto nè nome: è qualsiasi cosa renda la vita più vivibile, è un moltiplicatore di vita.
        Il vero aiuto va ben oltre il flusso dell’intenzione… fiorisce anche dove e quando nessuno se lo aspetta.

      • Marco

        Estratti da:

        “SCIENTOLOGY E LA CONOSCENZA EFFICACE”
        una conferenza tenuta il 15 luglio 1957

        Spero comprendiate che Scientology ha qualcosa di diverso da qualunque altra organizzazione planetaria d’informazione, o conoscenza, che sia mai esistita. C’è una differenza. La parola scienza, come sapete, è una parola semplice che significa niente più che “verità”. Scientology vuol dire “conoscere”: scio.
        Scio, però, ha un significato piuttosto interessante. Non vuol dire semplicemente “conoscere”; vuol dire “conoscere nel senso assoluto della parola”.
        Scientology è un mirare ad una conoscenza totale.

        Le persone incontrano un bel po’ di difficoltà, nel descrivere Scientology agli altri, per un’ottima ragione, e cioè che cercano di farla rientrare in un quadro di riferimento che comprende anche altri tipi di conoscenza. Scientology però è diversa in quanto è un mirare a una conoscenza totale; e non esiste nessun’altra conoscenza totale. Quindi, qualche volta, vi trovate in difficoltà a descriverla e ad accostarla a dati di importanza paragonabile.
        Non ci sono state altre conoscenze totali.

        …sulla Terra vi è stata un’unica organizzazione dedita alla conoscenza che abbia avuto una simile meta (cioè la meta della liberazione, dell’esteriorizzazione, di essere in grado di uscire dalla trappola e dalla confusione, di poter fare un passo indietro ed ottenere una visione generale del mondo) e questo fu il Buddismo, che fu sviluppato da Gautama Siddhartha, meglio conosciuto come “il Buddha”, in modo tale da assumere una struttura molto formale, ma che esisteva già molto tempo prima.

        Per quanto riguarda la nostra consapevolezza, però, dovremmo renderci conto che ci siamo imbarcati in qualcosa in cui non si è mai imbarcato nessuno negli ultimi duemilacinquecento anni. E questo conferisce alla cosa un significato piuttosto interessante.
        Non è che quello che stiamo facendo sia tanto importante quanto il Buddismo. Non è che il Buddismo sia tanto importante quanto Scientology. Entrambi, però, hanno cercato di individuare le cose importanti (una scelta degli elementi importanti della vita) e di colmare il vuoto di conoscenza dell’uomo per mezzo di osservazioni accurate.

        Ora, la prima cosa che dobbiamo sapere, riguardo a Scientology, è che raggiungendo la semplicità otteniamo un beneficio. Raggiungendo la semplicità otteniamo un beneficio.
        Attraverso l’invito alla complessità, o il coinvolgimento in essa, otteniamo l’insondabile e creiamo un mistero: facciamo sprofondare l’uomo nel sacerdozio, nel culto.

        Le cose che io vi dico che sono vere, non sono vere perché ve lo dico io. E se si scoprisse che qualcosa che io vi dico, o abbia mai detto, differisce dall’osservazione individuale (purché si tratti di un’osservazione corretta), allora quel qualcosa non sarebbe vero! Il fatto che io dica che sia vero o meno non ha importanza. Capite?

        Abbiamo una terminologia complicata in Scientology. Ci sono circa 475 o 480 parole, tutte con un significato speciale. Per fortuna più del 50 percento di esse sono semplici chiarificazioni del loro equivalente inglese.
        Abbiamo però un vocabolario di termini specializzati. Ha valore nella misura in cui spiega le cose. È tutto il valore che ha.
        Non permettete però che l’uso specializzato delle parole scombussoli la comunicazione con i vostri simili. Imparate queste parole sufficientemente bene da poter usare delle frasi sostitutive, … Siate in grado di farlo così bene da usare o non usare la terminologia a seconda di chi vi trovate di fronte: così non incoraggerete la cecità.
        Perché un’etichetta è solo un’etichetta. Quello che c’è nel vasetto di marmellata è marmellata, a prescindere dalla scritta “sottaceti” incollata davanti.

        Noi non stiamo cercando di far entrare la verità nella testa di qualcuno a colpi di martello.
        Non stiamo cercando di domarli per farti scendere ancora più in basso.
        No, stiamo facendo del nostro meglio per farli comunicare, guardare, rallegrarsi. Siamo gentili e amichevoli e tutto va bene.
        Il tipo migliora, migliora, e migliora, e scopre di essere sul fondo. E solo a questo punto può salire.

        Una volta audivo un preclear che si intorpidiva sempre. E un giorno mi disse: “Sai, io mi intorpidisco sempre”. Beh, l’aveva sempre detto, aveva sempre detto: “sai mi intorpidisco. Mi sento semplicemente intorpidito. Sono intorpidito. Divento intorpidito”. E un giorno mi guardò con aria molto intelligente e disse: “Sai, mi intorpidisco sempre!”. E io dissi: “Certo” , e stavo per lasciare perdere dato che la cosa più ovvia del suo caso era il fatto che si intorpidisse! E sapete cosa? Fece per lui una differenza enorme. Non è che non si intorpidisse più, dato che gli succedeva ancora di tanto in tanto: ma se n’era reso conto.
        Sono queste le cose favolose di Scientology.

        Affinché un uomo veda, quando non può, dovrebbe prima rendersi conto di essere cieco.

        Perciò vi compatirò il giorno in cui vi ritroverete nei paraggi (sbattuto li da un progetto del governo o qualcosa del genere), il fatto che il vecchio psichiatra o psicologo, o qualcosa del genere, sarà nominato membro del vostro particolare progetto e a voi sarà richiesto di addestrarlo….
        Cosa c’è che non va in lui? E perché non può essere addestrato?
        Perché è nel mezzo di questa tremenda finzione. Sta guardando fissamente una conoscenza immaginaria che non ha mai creato nessun beneficio a lui o a qualsiasi altro essere umano, e che tuttavia suona molto dotta.
        È così impressionante avere 18.000 nomi invece di 472. Penserà che sei un verme, dato che non conosci questi 18.000 nomi e dirà a tutti che sei un ciarlatano e un disonesto perché non sai questi 18.000 nomi.
        Ma voi sapete qualcosa che lui non sa. Sapete che è cieco.

        Esiste una condizione peggiore della cecità, ed è credere di vedere qualcosa che non esiste.

        Questo vi dice in modo piuttosto adeguato che c’è una zona enorme, un enorme paese delle meraviglie al di sotto della cecità. Vi dice che c’è un enorme Valalla confuso col regno di Plutone, confuso con le fiabe, confuso con le opere di Menninger, tutte cose che giacciono al di sotto del livello della verità.

        La verità è una cosa semplice, che chiunque potrebbe vedere. E perché non la vedono? Perché vivono in questo splendido paese delle meraviglie, che non esiste e non esisterà mai.
        Ma ecco come stanno le cose, tutto questo sapere immaginario. In altre parole c’è una condizione peggiore del non poter vedere, ed è immaginare di vedere.

        Che cos’è tutto questo? Lo conosciamo come una dispersione.
        Una persona guarda qualcosa, questa lo abbaglia e lui non riesce più a guardare in quella direzione. Lo prende a calci in faccia. Lui pensa che continuerà a prenderlo a calci in faccia.

        Perciò non deve guardare in quella direzione. Deve guardare da un’altra parte. E alla fine impara perfettamente a non osservare mai niente, anzi, se gli casca l’occhio su qualcosa, impara ad usare immediatamente un via e a guardare nella direzione opposta. Vedete?

        Questo è l’esatto meccanismo in base al quale fu creato un paese delle meraviglie di conoscenza finta che si tramutò nelle scienze sociali.
        Qualcuno non riusciva a stare di fronte all’uomo, quindi si girò dalla parte opposta e sviluppò una teoria sull’uomo. Disse che l’uomo era qualcosa creato dal diavolo a immagine di Dio o qualcosa del genere, un mito di questo genere.
        Tutti i popoli primitivi, persino quello americano, hanno avuto miti sull’origine dell’uomo; gli Aleutini Tlingit. Vedete, hanno avuto cose di tutti i tipi.
        Certamente non poteva aver guardato molto bene, se non ha mai riconosciuto l’esteriorizzazione in quanto tale… Deve essere stato cieco per secoli per non averla mai inclusa nella sua letteratura. Non è affascinante?
        Se qualcuno mai ne seppe qualcosa, non osò parlarne perché nessun altro ne sapeva niente, capite?
        Rimase lì come una piccola isola di conoscenza che presto morì, e inventò cose di tutti i generi sul paradiso, l’inferno e l’aldilà.

        Cos’è questa cosa aggiuntiva, questa cosa del tipo “complicalo”?
        Beh, cerchiamo di guardare qualcosa e poi, dato che non vogliamo più guardarla, ci giriamo, guardiamo da un’altra parte e diciamo a qualcuno tutte le ragioni per non guardarla.
        Diciamo a qualcuno quanto sia pericoloso guardare in quella direzione. O magari un giorno ci sentiamo maliziosi e inventiamo una direzione verso cui non guardare.
        Diciamo: “Tutti quelli che guardano a nord-nord-est, verso quel passo lì su, corrono il rischio di vedere l’uomo nero” e nessuno potrebbe sopportarne la vista, perciò nessuno guarda mai in quella direzione.
        E dopo che avete sistemato tutti i punti della bussola, uno è completamente cieco.
        Dopo di che ha davvero delle teorie.

        Non ci sono teorie tanto torreggiami quanto quelle di una persona che ha vissuto la sua vita in una torre d’avorio. Queste teorie sono splendide. Hanno il fascino meraviglioso di non avere niente a che fare con la realtà, il che è, naturalmente, il non plus ultra.

        Un thetan, partendo dal nulla, ha come suo maggiore dono l’abilità di creare, formare e mantenere un universo. Quando ha l’abilità di creare un universo ovviamente questa si affievolisce…, cosicché non lo costruisce più molto intelligentemente.
        Inoltre vede nell’universo un sacco di cose che non vuol guardare, ne subisce una dispersione…: così combina queste due incapacità. Dopodiché l’universo che crea è al di sotto del livello dell’universo in cui si trova attualmente. E devi rifarlo salire verso l’alto perché si renda conto di essere in trappola.

        È una cosa fantastica, ma sono sicuro che voi potreste andare nei penitenziari e scegliere carcerati… dei carcerati che siano stati rinchiusi lì per molto tempo, percorrere l’8-C su di loro, ottenendone all’improvviso una realizzazione impressionante, sapete?
        Il tipo andrebbe in giro toccando i muri e tutto a un tratto direbbe: “Sbarre d’acciaio? Sbarre d’acciaio?”. Ci si è aggrappato ogni giorno negli ultimi 25 anni. “Sbarre d’acciaio? Mio Dio, temo di essere in prigione!”
        Bene, dovremmo capire questa cosa in relazione a tutta la conoscenza. Dovremmo capire la conoscenza inventata.
        La maggioranza dei nostri dati è fondata sulla solida base dell’osservazione.
        E la vostra abilità di conoscere il soggetto è la vostra abilità di guardare. Né più né meno.

        Ora l’unica cosa che qualcuno può veramente fare per voi è darvi un esempio di osservazione…, e magari darvi una piccola mappa dicendo: “Viaggiando lungo questa strada si vede un bel panorama”. Afferrate? “E se guardi questa scena con intensità, non ti morderà.”
        Può essere offerta un po’ di rassicurazione, possono essere offerti degli esercizi che mostrino ad un individuo come lui possa osservare, guardare e stare di fronte, scambiare “comunicazione con” o “comunicare a”.
        Queste cose si possono fare. L’osservazione può aver luogo.

        Sto cercando di mostrarvi qualcosa. Sto semplicemente cercando di mostrarvi che ogni volta che abbiamo avuto successo è stato nella direzione di una comunicazione diretta. E quando il processing e l’addestramento hanno successo, portano a una comunicazione più diretta.

        Perciò la via di uscita è caratterizzata da semplicità e osservazione diretta. E l’intrappolamento è sempre, e sempre più e più via, via, via, complessità, complessità, complessità.

        L’uomo, prima di innalzarsi e scoprire dove si trova, prima di cominciare a guardare nella direzione giusta e scoprire di essere cieco, e quindi dire: “Ehi, aspetta un attimo…”; prima di sollevarsi il velo dagli occhi e dare effettivamente un’occhiata, ha una tendenza a continuare ad immergersi nelle complessità.

        Perciò c’è solo una cosa su cui si insiste continuamente in Scientology. Quell’insistenza finora è stata messa sul soggetto, mi spiace dirlo, soprattutto da me. E la cosa su cui si è insistito è: maggiore semplicità significa maggiore comunicazione. E mi sono opposto con tutte le mie forze, nelle organizzazioni, a qualsiasi tendenza a complicare un’osservazione semplice.

        Ascoltate bene ora: che si possa fare è ovvio. Voglio dire… ho l’assoluta certezza che si possa fare.
        A Washington, abbiamo semplificato l’Organizzazione Centrale a un punto tale che ci siamo resi totalmente conto che essa non esiste più! Questo vi dice che dobbiamo averla guardata, perché se n’è fatto as-is.

        Sappiamo che non c’è un’organizzazione a Washington, DC. Sappiamo che ci sono diverse persone a Washington, DC, che portano certi hat; sono in comunicazione con certa gente per certi fini e scopi e questa è la prima volta che abbiamo uno spettacolo in funzione che non fa venire mal di testa a tutti, ventiquattro ore al giorno.
        Abbiamo scoperto che la terza dinamica è un accordo. Va bene: manterremo l’accordo. Ma nell’accordo non facciamo questa fine.
        Non facciamo as-is di ogni persona presente semplicemente perché siamo d’accordo che ci sia li un’organizzazione. Non lasciamo che si crei un mostro mangiatutto come in Alice nel paese delle meraviglie. Capite?

        Siamo saliti abbastanza da renderci conto che la terza dinamica, per quanto desiderabile e reale possa essere nelle più alte sfere di esistenza, a questo livello di esistenza è composta interamente da prime dinamiche che cooperano.
        Perciò non è possibile per un’organizzazione tenere in vita il gioco indipendentemente dall’individuo. E se un individuo sta tenendo vivo il gioco in quell’organizzazione, rischia di scontrarsi con uno che non lo sta facendo.
        E l’organizzazione non lo potrà mai aiutare. Forse può rifugiarsi, in un modo o nell’altro, nell’opinione comune che c’è un’organizzazione. Capite? Ma dato che sta cercando tale rifugio, non dovrebbe essere così disonesto e cieco da credere che lì ci sia qualcosa quando in effetti non c’è niente, proprio niente.

        Le organizzazioni non sanguinano, non respirano. Si comportano, abbastanza stranamente, come un organismo singolo, abbastanza stranamente.
        Ma quando gli individui in esse smettono di comportarsi come individui, smettono di avere i loro pensieri, smettono di essere capaci di iniziativa propria, smettono di essere capaci di intraprendere azioni proprie: l’organizzazione si riduce a un individuo soltanto, ed egli è l’unico che possa prendere una decisione, l’unico che possa fare qualcosa, l’unico che possa intraprendere azioni.
        Non importa se si tratti di una monarchia illuminata, di un fascismo o di qualsiasi altra cosa: stiamo solo dicendo che alla fine si riduce tutto a una persona sola.

        Se crediamo incondizionatamente nell’organizzazione, abbiamo una situazione come quella in cui ogni gerarca fascista in Italia doveva chiamare Mussolini a Roma per prendere una decisione.

        Perciò la prima cosa che devo dirvi su questo soggetto è che si tratta di un soggetto, che dipende dall’organizzazione solo nella misura in cui la comunicazione viene favorita, nella misura in cui è composta da individui che osservano e guardano.

        E se all’organizzazione venisse mai chiesto di guardare, dovremmo in questo caso riconoscere una cosa: ci staremmo raccontando delle fiabe; e questo è il fatto che l’organizzazione deve di conseguenza essere totalmente cieca.
        Perciò comprendiamo la condotta di governi che sono totalmente ciechi.

        L’intero soggetto diventa immediatamente comprensibile fin dall’inizio semplicemente così: la semplicità di osservazione, la semplicità della comunicazione stessa, ed essa solo, è funzionale e porterà l’uomo dal fondo alla vetta.

        E l’unica cosa che sto cercando di insegnarvi è: guardare.
        Grazie.

        • Semplicemente fantastica ! Grazie Marco !

          • i puntini di Diogene...

            Il fascino degli scritti di Ron (un valore aggiunto alla forza dei suoi messaggi) deriva dal fatto che molto difficilmente si potrebbero riformulare in una forma migliore di quella da lui usata. Ma con le sue eccelse capacità di comunicatore non fa altro che invitarci a comprendere e a fare nostra la sostanza del suo messaggio…
            “La semplicità di osservazione, la semplicità della comunicazione stessa… porterà l’uomo dal fondo alla vetta”.
            Il ripristino di un naturale TR0 e la corretta applicazione della Formula della Comunicazione basterebbero a risollevare le sorti dell’Umanità… Però, se il TR0 (cioè la capacità di essere lì a proprio agio e di osservare o percepire) dipende solo da me, le meccaniche della comunicazione presuppongono – oltre alle deviazioni Mest – un altro o altri terminali senzienti. Lì purtroppo casca l’asino… e l’asino si può rialzare solo se non si stanca di osservare la sua propria comunicazione e quella degli altri per comprendere quale parte della Formula della Comunicazione non è andata a buon fine, così da poterla correggere o ripristinare.
            L’Uomo è ancora lontanissimo dal saper duplicare una semplice comunicazione, eppure già ai nostri giorni riesce a far dialogare perfettamente tra di loro strumenti elettronici posti a distanze enormi ed in continuo movimento. Oltre che a superare barriere fisiche, gli scienziati hanno stabilito dei linguaggi specifici per far comunicare tali strumenti… L’essere umano è assolutamente più raffinato di qualsiasi congegno elettronico, ma è proprio per questo che dovrebbe riuscire a concentrarsi su un codice di comunicazione che appartenga alla sua specie: solo così potrà evolversi con relativa sicurezza. Gli artisti e i cultori delle varie arti si sono prodigati nel cercare i giusti mezzi, ma di primo acchito a me pare che solo due sentimenti accomunino tutti i terrestri attraverso i millenni, due cose che ognuno riconosce intimamente in sè e negli altri senza bisogno di capirne il senso che le differenti società impongono:
            l’Amore e la Sofferenza.
            A nessun meccanismo l’Uomo cederà mai questi suoi privilegi…

          • Guido Minelli

            Anche io voglio ringraziarti, Marco. In questa conferenza Ron spiega chiaramente che fine fa una organizzazione dove la libera comunicazione viene impedita. Le persone sono naturalmente portate a ricercare la propria essenza spirituale, a meno che siano già pesantemente degradate, e la libertà di pensiero e di comunicazione ne sono condizioni essenziali ed imprescindibili. A proposito, oggi ci hanno contattato anche dalla Bielorussia, e con questa salgono a 74 le nazioni da cui il nostro blog viene visto.

            вітаем Беларусі ( benvenuta Bielorussia ) by Google traduttore

            Guido

  5. Tony

    Ciao a tutti.
    Caro Diogene…che fatica farsi comprendere!!!
    Penso che nemmeno se avessi la capacità di scrivere bene come la tua o di Spartacus ci riuscirei…o forse si chissà.
    Per chiarire,nessuno mi disturba,salute,lavoro e famiglia vanno fin troppo bene.
    La cosa che mi disturba sono alcuni fondamentali dubbi che ho.
    Non lo sa a volte questa situazione mi sembra un brutto sogno per non dire incubo!!!
    La sit è, (come nel post di Marco),Ron dice;
    “Scientology vuol dire “conoscere”: scio.
    Scio, però, ha un significato piuttosto interessante. Non vuol dire semplicemente “conoscere”; vuol dire “conoscere nel senso ASSOLUTO della parola”.
    Scientology è un mirare ad una conoscenza TOTALE”.
    A me questi dati come tantissimi altri,fanno pensare ad un qualcosa di così potente ma così potente che con essa si sarebbe in grado di fare e ottenere qualsiasi cosa (cose buone spero..) e se penso a cosa l’uomo è od è stato in grado di creare sia in ere antiche che in quelle moderne,mi si permette che da questo uomo o thetan che ha questa conoscenza…mi aspetti qualcosa di GRANDE???
    (domandina che non c’entra nulla)
    Voi del blog “La reception”,ci uscireste insieme per una pizza e fare quattro chiacchiere con quelli de “l’Indipendologo”
    Continuo con la sit;
    Evidenze su evidenze che la chiesa di Scn non è più quella di Ron,ciò nonostante e mi ripeto,la stragrande maggioranza degli scientologist ancora sulle linee secondo me sono persone intelligenti,abili,su di tono,ecc.ecc.ecc.
    Svariati blog indipendenti che attaccano la “CHIESA”,altri che non lo fanno,freezone,Ron’s org,e altre ramificazioni di Scn che magari hanno qualche nome che nulla potrebbe far pensare a Scn ma che in definitiva traggono le proprie origini da essa,ecc,ecc.ecc.
    C’è da aggiungere che “all’interno” di questi gruppi c’è un certo numero di persone che vanno avanti sul ponte..IN TUTTI(è non è una generalizzazione ma un dato di fatto almeno credo)
    MA QUANTI PONTI CI SONO??
    Questa è la scena che mi disturba!!!
    Nel senso…
    Innanzitutto una persona dovrà anche fare delle scelte come può anche darsi che scelga di rimanere dov’è,com’è,umanoide e buonanotte al secchio.
    Poi alla sit c’è da aggiungere che esistono anche svariati gruppi”umani”che stanno cercando di fare qualcosa a riguardo una situazione MONDIALE di crisi economica,crisi di valori,mancanza di lavoro,di diritti umani ecc.
    Sulla rete si possono trovare tanti di queste informazioni.
    Per esempio prendiamo il nostro bello STATO ITALIA.
    C’è chi lo attacca ferocemente e c’è chi stà cercando di fare qualcosa di concreto usando LA RAZIONALITA’.e quello che di buono c’è.
    Non credo che nessuno qui dei lettori del blog abbia mai pensato che nello stato siano TUTTI dei criminali,ladri,ecc.
    Qualcosa dello stato SERVE e FUNZIONA e non sono tutti dei fannulloni.
    Quello che voglio dire è L’ORGANIZZAZIONE STATO non è tutta da demolire e vorrei proprio vedere se tutto fosse demolito,come manderebbero avanti la baracca e finchè noi italiani non facciamo qualcosa di concreto per davvero…buonanotte…vale la stessa cosa scritta altre volte..IL MERCANTE DI CAOS… GRASSE RISATE ECC.
    Ora mi piacerebbe continuare per far comprendere cosa questo a che fare con la situazione ma sono stanco e mi vado a fare un doccia e poi andrò a cena ma sono sicuro, chi legge questo blog e ha ha capito quello che ho scritto ultimamente un pò di analogie le troverà.
    Ora per sdrammatizzare un pò forse qulcuno di voi starà pensando
    “ma che cazzo vuole davvero questo qui che pure non fa parte del gruppo”
    HAHAHAHAHAHA
    Ciaoooooo

    • Butterfly of Belen

      Presente! Io sono una di quelli che non ha capito cosa vuoi, non dal gruppo ma in generale (e senza cazzo, con serenità). Sei partito dicendo che ti allontanavi da un gruppo per entrare in un altro, quello dei wog (esseri umani), probabilmente migliore, tirando in ballo addirittura una strage nazista. Ma già da lì la cosa mi puzzava di confusione, i wog non sono un gruppo inteso come terza dinamica, semmai rappresentano la quarta. Poi hai continuato con esternazioni di varia natura, alcune delle quali da me condivise, ma senza un vero e proprio filo conduttore. Hai criticato il fatto che quelli che si sono affrancati dalla Chiesa si siano divisi in varie fazioni, ok, è vero ma cosa possiamo fare? più che seguire ciò che è reale per noi non possiamo se vogliamo essere integri. In seguito hai chiesto perché alcuni di noi rimangono anonimi, hai ricevuto delle risposte non solo cortesi, ma piene di ARC e con spiegazioni che forse nemmeno ti erano dovute (posso motivare ma non voglio dilungarmi troppo), ma insisti come se non avessi letto nulla, oltre tutto proprio con Tony Pacati che si è fatto in quattro per spiegarti un determinato punto di vista (eddai!). Salto alcuni passaggi che ora non ricordo ma la sensazione generale è che tu ti stia rivolgendo a questo forum (che è l’unico che lo permette e che allo stesso tempo dà visibilità) in maniera provocatoria, come se volessi a tutti i costi giustificare il tuo essere fuori dai giochi ed avere ragione su tutto. Qui fuori tutti stiamo facendo qualcosa, c’è chi mette in piedi un blog, chi studia per diventare auditor, chi va in session, chi si fa il mazzo per trovare outness di DM, chi si fa il mazzo per confutare queste outness, insomma ognuno di noi, e parlo di noi in senso generale, cioè di tutte le “fazioni”, nel suo piccolo o grande sta “lavorando” su qualcosa a cui crede. E tu cosa fai? Dall’alto del tuo esilio francese fai le pulci a tutti e fai il critico cinematografico. Ce l’hai un’idea? Sviluppala e svolgila. Ce l’hai un disagio? Maneggialo. Ce l’hai un successo? Fanne tesoro. Ma ti prego, fai qualcosa a riguardo altrimenti non ne vieni fuori. I casi sono due, o continui ad essere uno scientologist, in qualunque forma, o ne esci. Quel che fanno gli altri non è affar tuo, ognuno segue la propria strada, ci si può aiutare nel percorso ma la scelta finale è individuale. Probabilmente sei stato prosciugato dei tuoi beni e alla fine buttato via come uno straccio vecchio, e mi dispiace molto se ciò è successo, ma ormai è andata e non torna più. Non è colpa di Ron, non è colpa tua, non è colpa di DM, non è colpa di nessuno o forse è colpa un po’ di tutti, chi lo sa. Fattene una ragione e ricomincia da tre! Con affetto
      B.o.B.
      P.s.: per La Reception: sono uscita fuori un attimo dal mio letargo perché ci sono cose che non riesco a trattenere, chiedo scusa per la durezza della comm, se la ritenete troppo entheta non pubblicatela, non me ne risentirò

      • Tony

        Ciao BoB.
        Scusa ma non avevo letto la tua risposta.
        Hai ragione…un pò di confusione c’è nella mia testa riguardo la scena su Scn,la chiesa,gli indi ecc.la puoi comprendere?
        Quello che fanno gli altri non è affar mio?
        Ok allora anche quello che faccio io non è affare di nessuno?
        Non è proprio così che PER ME funziona gruppo.
        Io mi sto solo informando e cercando di avere delle risposte…certo che leggendo la tua se i casi sono due…me ne potrei anche uscire senza esserci neppure rientrato….forse anche per te chi non fa nulla ORA in scientology,non è nessuno?
        Con Tony Pacati come del resto con gli altri non mi sembra di avere fatto le pulci a nessuno e tanto meno criticato.
        Comunque grazie la tua risposta mi è stata comunque utile e per la cronaca non sono in esilio ma a lavurè.-)
        Notte

        • Butterfly of Belen

          Caro Tony, so che sei in Francia per lavoro, l’hai detto tu qualche commento fa, il mio era un modo per dire che forse, se fossi in Italia potresti avere maggiore realtà di quanto sta succedendo qui, incontrandoti fisicamente con chi sta lavorando dall’una o dall’altra parte. Comprendo molto bene la tua confusione, è stata e per certi versi è ancora la mia, ma ad un certo punto si tirano le somme, si fa obnosis e serenamente si decide dove andare. Lo so, non è semplice ma dal tuo modo di esprimenti sembra quasi che chi prende una posizione nello spazio stia facendo uno sbaglio. Questa è solo una mia impressione dovuta magari ad una lettura non attenta dei tuoi scritti. Non mi sembra che tu ti stia informando, stai facendo domande sul perché gli altri non abbiano fatto come te e, nonostante le risposte siano arrivate copiose tu continui, come si evince anche dall’ultimo commento rivolto a Tony Pacati. Per me va bene, se ti dico queste cose è solo per distoglierti da quello che SECONDO ME, è un falso problema. Io non ho detto che chi non fa nulla ora in scn è nessuno, dico semplicemente che fare domande domande domande (sempre le stesse a cui peraltro si riceve puntuale risposta) e velate critiche (che sono sacrosante) senza “sporcarsi le mani” entrando dentro l’impasto non porta a nulla. Ma poi per me fai quel che ritieni opportuno, ho voluto esprimere un parere a modo mio. Spero di non risultare tropo antipatica. Notte

          • Tony Amodeo

            No tranquilla/o nessuna antipatia.
            Lo so che certe volte sono pesante quindi non ti preoccupare.
            Non voglio che altri facciano come me ma magari MEGLIO di me e sai per cosa?
            Perchè credo che sia una soluzione…quanto ci scommetteresti che se gli italiani si unissero e facessero per esempio quello che hanno fatto gli islandesi con le tasse,si vivrebbe meglio anche in Italia?
            Ma giustamente chi sono io per permettermi solo di pensarle queste cose?
            Un italiano…ma mi sa che me ne vado in Australia va che è meglio.-).-)
            Notte

  6. Un successo fresco fresco.

    Ieri sono venuto in session da te e ho avuto una bella cog su un aspetto della mia vita che non avevo mai considerato, dopo 30 anni ho capito che tutto quello che ho fatto a me per danneggiarmi l’ho fatto per fare un dispetto ad altre persone. Non so come spiegare dico che senza accorgermene mi danneggiavo per fare dispetto a qualcuno. Forse sono stato confuso nel dire cosa ho provato ma sono sicuro che tu mi capisci. Oggi mia moglie mi ha detto che si è spianata una ruga che avevo in mezzo alla fronte. Grazie sei stato forte ci vediamo presto per nuovi rospi da sputare e nuove rughe da spianare. Queste cose già le sai ma mi piace scrivertele che non si cancellano. Bruno N.

  7. Tony Pacati

    volevo cogliere l’ennesima occasione per ringraziare Marco e per fargli i complimenti per la sua sensibilità e la capacità di tirare fuori la policy giusta al momento giusto, bravo!
    Questo è il Ron che preferisco, quello degli anni ’50.
    Questa conferenza è bellissima nella sua semplicità “zen”, ma al contrario di tante storie zen, non contiene nessun enigma, ma è di una semplicità sconcertante e quasi mistica e mi fa fare la pace con l’idea che scientology sia una religione (cosa che a volte, invece mi disturba un po’).

    Per Tony, a me queste cose più che farmi pensare a qualcosa di potente fanno pensare a qualcosa di SEMPLICE, ma forse, in questi casi potente e semplice sono sinonimi.
    Stando alla conferenza citata, se ho capito bene, l’organizzazione Italia non esiste, le organizzazioni non sanguinano e non pensano, sono le singole persone che la compongono che la rendono viva, se loro sono vive, cioè pensano discutono agiscono e si interessano al loro prossimo. Se non lo fanno, finisce che l’organizzazione si riduce con l’identificarsi in una persona sola, in Italia c’è stato Mussolini e più recentemente Prodi, berlusconi e ora Monti, domani?… magari il Gabibbo!
    Per finire, stasera mi sento un po’ zen e ti do una risposta alla tua domanda che non è una risposta sensata ma non ci riesco a tenermela.
    Quanti ponti ci sono?…..Uno solo….il tuo!
    ciao.

    • Tony lo schietto

      Ciao Tony P.
      Secondo me hai ragione sono sinonimi.
      Non me ne volere ti prego..ti faccio una domanda semplice ma potente;
      Sei proprio sicuro che restando anonimo non possa trattenere tutto quello che potresti dare in PIU’?
      E non rischi anche tu che qualcuno pensi di te la stessa cosa di chi si “nasconde” dietro uno pseudonimo?
      Vedi i gestori di altri blog?
      Te lo ripeto non me ne volere…non ti conosco di persona ma già mi sembri uno con le palle quadrate e degno di amicizia solo per il fatto che sei QUI…figuriamoci poi!!!
      ML Tony

      • Tony Pacati

        ciao Tony Schietto,
        non te ne voglio, perchè dovrei? anzi ti ringrazi per la domanda, alla quale rispondo SI! sono sicuro!
        Più che anonimo mi sento appunto pseudonimo ed in questo momento la cosa mi “sfizia” moltissimo (come dicono a Napoli). Gioco a fare quello che scrive su un blog ed è l’unica distrazione che ho, tra pagare l’IVA e i contributi e cercare di riscuotere da quelli che si “dimenticano”.
        Mi fa piacere se gli amici pensano bene di me e se lo fanno è per quel che comunico ed esprimo, non per il mio nome o la mia faccia che non sono granché (chiedi a Francesco!). Di quel che pensano gli “altri” me ne stropiccio gli zebedei, che non sono ancora diventi così quadrati come dovrebbero.
        Francesco e gli altri della “banda” mi conoscono di persona, e se un giorno ci incontreremo per una pizza (o una fetta di salame), e ci conto, mi presenterò con il mio bel faccione, senza occhialetti e nasone finto alla Groucho Marx.
        Non ho segreti per gli amici, ma non mi alletta apparire sul web, figurati che non ho nemmeno una pagina su face book (penso che ci siamo rimasti solo io ed una tribù di boscimani degli altipiani dell’Australia ad non esserci).
        Non ci sono motivi particolari, in questo piccolo spazio faccio un po’ il misterioso perchè mi piace e mi diverto, ragioni più serie non ci sono.
        Non credo che sarà la mia faccia a salvare il mondo….magari bastasse!
        Ma mi riservo il diritto di cambiare opinione, tra 3 giorni o 3 anni…chissà!
        Magari un giorno passo a farmi offrire un caffè.
        Ciao… e continua a far domande, mi sembra l’azione giusta!
        Tony Anonimi

        • Tony

          hahahahaha alla Groucho poi.-).-)
          Come dicono in Rumagna…ci propri fort burdel!!!
          Non credo cmq che quello che comunichi ed esprimi cambierebbe con il tuo nome e la tua faccia.
          Io ti posso solo dire che a me ha cambiato…e il motivo non è cambiare o salvare il mondo…secondo me è solo una questione di passarci attraverso e solo chi lo ha fatto lo sa…tutto qui.
          Un altra domanda allora tanto lo so che non me ne vuoi;
          Saresti qui a commentare se fossimo tutti ma dico tutti anonimi?
          Nel senso che proprio non sapresti con chi staresti interagendo?
          Ci conto cmq anche io e prima o poi spero che capiti…magari con quello spirito che c’era all’inizio.
          PS:Invito a chi si fa le paranoie di andarsi a fare una passeggiata va là!!
          Notte atutti

          • Tony Pacati

            risposta: SI.
            C’è parecchia gente che scrive e che non conosco ne di nome ne di faccia, ma mi piace quello che scrivono e li leggo volentieri e magari loro leggono volentieri me. Questo è un blog e penso che funzioni così, scambio di idee.
            Alle grigliate invece brindisi, pacche sulle spalle e ci si guarda in faccia.
            ciao

  8. Tony lo schietto

    Post scrittum:
    Mi è arrivata una mail da uno scientologist non so se ancora sulle linee o meno ma non ho potuto fare altro che ringraziarlo.
    Oggetto “azioni intelligenti”…che mi abbia voluto dire qualcosa???Mah!!
    Non c’entra quasi nulla con SCN ma fà riflettere “qualcosa si può fare a riguardo”…spero solo non sia una bufala.-)
    Salve, l’ho aperto per leggerla con un certo scetticismo, come dire cosa abbiamo da imparare dai francesi, ma lo confesso. Holland mi ha sorpreso, la domanda successiva è come mai queste cose succedono solo fuori dall’ Italia, ma noi italiani siamo i furbi dell’europa oppure i …. ad ogniuno di voi ardua sentenza.
    saluti e fatela girare.
    MA HOLLANDE VERREBBE IN ITALIA ?

    Ecco cosa ha fatto Hollande in 56 giorni di governo.

    17 luglio 2012

    ha abolito il 100% delle auto blu e le ha messe all’asta; il ricavato va al fondo welfare da distribuire alle regioni con il più alto numero di centri urbani con periferie dissestate.

    Ha fatto inviare un documento (dodici righe) a tutti gli enti statali dipendenti dall’amministrazione centrale in cui comunicava l’abolizione delle “vetture aziendali” sfidando e insultando provocatoriamente gli alti funzionari,

    con frasi del tipo “un dirigente che guadagna 650.000 euro all’anno, se non può permettersi il lusso di acquistare una bella vettura con il proprio guadagno meritato, vuol dire che è troppo avaro, o è stupido, o è disonesto. La nazione non ha bisogno di nessuna di queste tre figure”. Touchè.

    Via con le Peugeot e le Citroen. 345 milioni di euro risparmiati subito, spostati per creare (apertura il 15 agosto 2012) 175 istituti di ricerca scientifica avanzata ad alta tecnologia assumendo 2.560 giovani scienziati disoccupati “per aumentare la competitività e la produttività della nazione”.

    Ha abolito il concetto di scudo fiscale (definito “socialmente immorale”) e ha emanato un urgente decreto presidenziale stabilendo un’aliquota del 75% di aumento nella tassazione per tutte le famiglie che, al netto, guadagnano più di 5 milioni di euro all’anno.

    Con quei soldi (rispettando quindi il fiscal compact) senza intaccare il bilancio di un euro ha assunto 59.870 laureati disoccupati, di cui 6.900 dal 1 luglio del 2012, e poi altri 12.500 dal 1 settembre come insegnanti nella pubblica istruzione.

    Ha sottratto alla Chiesa sovvenzioni statali per il valore di 2,3 miliardi di euro che finanziavano licei privati esclusivi, e ha varato (con quei soldi) un piano per la costruzione di 4.500 asili nido e 3.700 scuole elementari avviando un piano di rilancio degli investimenti nelle infrastrutture nazionali.

    Ha istituito il “bonus cultura” presidenziale, un dispositivo che consente di pagare tasse zero a chiunque si costituisca come cooperativa e apra una libreria indipendente assumendo almeno due laureati disoccupati iscritti alla lista dei disoccupati oppure cassintegrati, in modo tale da far risparmiare soldi della spesa pubblica, dare un minimo contributo all’occupazione e rilanciare dei nuovi status sociale.

    Ha abolito tutti i sussidi governativi a riviste, rivistucole, fondazioni, e case editrici, sostituite da comitati di “imprenditori statali” che finanziano aziende culturali sulla base di presentazione di piani business legati a strategie di mercato avanzate.

    Ha varato un provvedimento molto complesso nel quale si offre alle banche una scelta (non imposizione): chi offre crediti agevolati ad aziende che producono merci francesi riceve agevolazioni fiscali, chi offre strumenti finanziari paga una tassa supplementare: prendere o lasciare.

    Ha decurtato del 25% lo stipendio di tutti i funzionari governativi, del 32% di tutti i parlamentari, e del 40% di tutti gli alti dirigenti statali che guadagnano più di 800 mila euro all’anno.

    Con quella cifra (circa 4 miliardi di euro) ha istituito un fondo garanzia welfare che attribuisce a “donne mamme singole” in condizioni finanziarie disagiate uno stipendio garantito mensile per la durata di cinque anni, finchè il bambino non va alle scuole elementari, e per tre anni se il bambino è più grande.

    Il tutto senza toccare il pareggio di bilancio.

    Risultato: ma guarda un po’ SURPRISE!!

    Lo spread con i bund tedeschi è sceso, per magia. E’ arrivato a 101 (da noi viaggia intorno a 470).

    L’inflazione non è salita. La competitività e la produttività nazionale è aumentata nel mese di giugno per la prima volta da tre anni a questa parte.

    Ma non solo, queste sono solo alcune delle norme in vigore, le altre anche i bambini possono comprenderle

    Hollande è un genio dell’economia? E’ soltanto un uomo dotato di buon senso

    • i puntini di Diogene...

      Vive la France! Libertè Egalitè Fraternitè… e poi subito dopo la ghigliottina!… Francamente, la notizia è strabiliante ma i numeri fanno fatica a stare in piedi, n’est-ce-pas Monsieur Hollande?
      Venendo a noi, se tu ti firmassi Tony Amodeo saresti per questo più credibile? Allora fallo, per favore…

      • Tony Amodeo

        In effetti quei numeri….ma la speranza è sempre l’ultima a morire.-)
        Mi sono firmato ma non è per la credibilità…era per altre intenzioni buone che per valeva il FARE QUALCOSA ma noto ed osservo che molto probabilmente sono state travisate e non capite senza offesa o critica,da chi non si firma.
        Eeeeva bè che ci vogliamo fare,pazienza
        Notte Diogene

      • i puntini di Diogene...

        Grazie per aver usato “Tony Amodeo” nella tua risposta a BofB…
        E’ un buon dato stabile… ora mi sento meno confuso…
        Scusa l’ora tarda, ma ho visto che sei ancora bello sveglio…
        E’ già l’undici settembre e i dubbi riaffiorano…

    • Stellabruna

      Purtroppo l’elenco di prodigi di Hollande è noto essere una bufala colossale alimentata da Facebook… peccato!

      Stella

  9. Tony Amodeo

    La Belen è così bbona che mi ha tolto il sonno ziucan.-).-)
    11 Settembre???
    Già..mi sa che tra un pò crollo pure io…..

  10. Marco

    CONGRESSO SULLA CAPACITÀ

    “E il buffo è che ciò che aumentate con l’ARC è : il desiderio di aiutare, la volontà di essere aiutati, il desiderio di aiutarvi.
    È questo che aumenta.

    Forse vi siete detti, o forse qualcuno vi ha detto:
    “C’è qualcosa che proprio non va in me, perchè voglio aiutare il mio prossimo”.

    A malapena…penso ci sia a malapena una persona, qui, che non si sia mai posta questa domanda, tra sè e sè:
    “Che cosa mi prende, che voglio aiutare tutti i cani randagi?”
    “Che cosa mi prende, che ogni volta che vedo questo, questo tipo al lavoro, con il mal di testa o qualcosa del genere, voglio dargli una mano?”
    “Che cosa mi prende, che mi faccio sempre avanti?”

    “Già, che cosa mi prende?”

    Finche nutrite del desiderio di aiutare il vostro prossimo, probabilmente la vostra salute è buona, e quando lo perdete, vi ammalate.

    Dovrebbe essere tradotto ogni volta in : “Che cosa mi prende che non desidero più aiutare il mio prossimo?”.

    Questo è il punto di fortuna-rovina di un caso: “Non voglio più aiutare!?”.

    LRH

  11. Marco

    29 December 1957,
    “ESPERIENZA – RANDOMITY E CAMBIAMENTO DI ANDATURA”

    Bene, se vivrete la vostra vita senza sentimenti senza sensazioni, comunicazione, ARC, comprensione ed altre piccole cose, allora perchè vivere? Perchè vivere?
    Allora perchè non essere semplicemente… tirate semplicemente fuori dal macchinario l’ingranaggio che siete ed andate a sdraiarvi su un prato da qualche parte…?
    Perchè non c’è alcun senso altrimenti. Perchè le cose che ho detto prima sono la paga che ricevi per vivere e non c’è nessuna altra paga.

    La paga per vivere è la comunicazione, le sensazioni, l’ARC, la comprensione, il lavorare insieme, l’entusiasmo verso il raggiungimento degli obbiettivi, o dell’attività che uno svolge; quella sensazione che si ha sapendo che fai una cosa e nel farla.
    Questi sono gli unici pagamenti che ricevi per vivere.

    Ci sono cose che si cerca di usare come sostituti a questo: le pellicce di visone, le Cadillacs, e dei bei grossi conti in banca.
    La persona dice a se stessa: ” se solo riuscissi a fare un paio di miliardi, allora mi sentirei ripagato.” Sia io che tu sappiamo la risposta a questo.

    Abbiamo visto alcuni di questi tizi che sono restati schiavi di questa cosa per 20-25-30 anni, hanno lasciato che tutto andasse a rotoli tranne quei primi due miliardi, od una cosa del genere, ed eccoli lì seduti sulla sedia del prechiaro con una ulcera.

    Sono stati pagati, almeno apparentemente, apparentemente sono stati pagati; pagati in contanti, ma non sono stati pagati con comunicazione, sensazione, comprensione, con la sensazione che hai quando sai di aver fatto un buon lavoro, con l’ARC.

    Quel tipo di pagamento non l’hanno avuto, e questo li ha fatti ammalare!

    Quindi c’è qualcosa di reale che riguarda il vivere, e quel qualcosa di reale è la vita.

    L Ron Hubbard

  12. Luigi Cosivi

    BoB bravissima, hai interpretato il mio pensiero sul Tony bloccato a dubbio, aggiungo solo alcune cosette, anch’io , quando mi rendo conto di aver fatto una domanda non proprio onesta dico: ma chiedo per sapere! Riguardo le statistiche a casa mia ci sono e non sono nascoste come quelle delle org. Mi è capitato casualmente qualche volta di vederle, roba da sotto tradimento, le mie non saranno gran che, ma sono in normal, esprimono aiuto, anche per una bottiglia di vino se il PC non ha altro, posso dire con piacere che la mia paga è proprio l’aiuto e, anche se sono un po vecchio, spero proprio di portarli tutti anche sopra OT VIII. Almeno ci provo,visto che mi sento bene in compagnia di persone capaci di aiutare anche più di me e che fraquentano questo Blog. Per gli altri ci mangerei volentieri una pizza, anche se hanno la botta della perfezione, fanno anche loro un buon lavoro e ce nè sempre bisogno. Negli altri comprendo anche quelli che son rimasti a farsi cucinare, ho qualche problema soltanto con le zanzare, se becco quello che le ha create gli faccio….

  13. i puntini di Diogene...

    Tony Amodeo (tra l’altro porti un bel cognome) ma hai visto quanta gente ti vuole bene anche se non conosce la tua faccia e il tuo passato?
    Sei entrato in questo nostro negozio di chincaglierie cinesi brandendo una mazza da baseball e ti abbiamo accolto con un sorriso ma non certo con indifferenza… E’ stata dura, ma abbiamo capito: sei preoccupato dal FARE QUALCOSA e tu lo stai facendo e vorresti che anche gli altri lo facessero ma non sai bene cosa e perchè…
    Beh, lo scopo del blog è dichiarato in prima pagina e chi si ritrova qui non lo fa tanto per sovvertire le regole di un gioco diventato asfissiante, ma piuttosto per rinnovare la possibilità di ricrearsi un gioco di Libertè Egalitè Fraternitè senza dover ricorrere a nessun tipo di ghigliottina e senza promuovere qualche irritante napoleoncino da dover poi esiliare, parbleu!
    Sì, ma CHE FACCIAMO?
    Confesso le mie lacune nell’arte del copia-incolla e sono costretto a ricorrere al magico intervento di Marco, inesauribile fonte di stupendi brani che ci tramandano il pensiero di LRH…
    Marco, ci mandi qualcosa su Scientology Zero? Grazie fin d’ora…

    • Marco

      Ciao Diogene, in effetti hai detto bene quello che quoto di Ron è per lo più coppia/incolla… sono tanti scritti di LRH che ho archiviato in una cartella da un po’ di anni. Ma è vero anche che spesso mi capita di leggere una conferenza… e se cade ad uopo con un argomento trattato nei commenti, la scannerizzo e la post-o. Questo per dirti che mi spiace, ma non ho archiviato ne mai scannerizzato qualcosa su Scn zero. In futuro se mi capita sotto mano l’archivierò sull’ hard disc per futuri momenti di dialogo.

      • i puntini di Diogene...

        Marco, il mio voleva essere un riconoscimento al tuo validissimo e puntuale contributo con ampie citazioni di Ron e dato che tu lo fai magnifcamente ho pensato di tirarti in ballo. Spesso sentiamo proprio il bisogno di essere confortati dal pensiero di Source, quando ci avventuriamo in considerazioni personali e magari sappiamo di aver letto qualcosa di Ron al riguardo ma non abbiamo il testo sottomano… LRH è inimitabile e non può che essere fonte di ispirazione (lui l’autorevolezza non la considerava un feticcio a cui prostrarsi)…
        Peccato che Scientology Zero non sia nel tuo archivio… è qualcosa che merita di essere rispolverato e rimesso in evidenza. Le cose fondamentali non possono sparire…

  14. Tony Amodeo

    Buonasera a tutti.
    Appena rientrato dal lavoro e come si dice nel nostro gergo…stasera sono proprio “aperto”(stanco)…ma in altro senso sto preparandomi a “chiudermi”la bocca/tastiera.
    Vi voglio bene anche io ci mancherebbe.-)
    E’ stata dura capirmi?
    Non so bene il cosa e il perchè?
    Prima di andare in doccia e a cena vi posso solo dire;
    Ambè..per esempio se per far comprendere che per fare fuori un dittatore(bersaglio corretto) ci vuole molto coraggio e si usa come riferimento il gruppo della rosa bianca e non lo si capisce ma anzi questo fa confusione…se permetti non è colpa mia.
    Sicuramente ora non c’è bisogno di farsi ammazzare…i tempi,il contesto ecc. sono molto differenti!!!
    Buona serata a tutti

  15. Tony Amodeo

    Doccia fatta.
    E facciamoci due risate(chissà quante ne starà facendo il mercante di caos).
    Ma forse quel gruppo non avrebbe fatto meglio a farsi li affari sua come dicono a Roma,fregandosene di tutti i tedeschi sia PRO che contro il nazismo?
    Scrivo anche PRO perchè secondo me anche molti di loro erano brave persone ma…..ma no va là mettiamoli TUTTI sullo stesso piano che è quello che si meritano!!!
    Ovviamente scherzo.-)
    Stasera pizzaaaaaa e me la faccio pure da solo ormai mi tocca pure fare la scuola di pizza in Francia.-)

    • i puntini di Diogene...

      Tony Amodeo, mi spiace per te ma hai sbagliato indirizzo…
      C’è qualcosa di strano nella tua pizza alla francese… io preferisco quella del mio pizzaiolo di fiducia… di FIDUCIA eh!
      Au revoir, mon ami…

    • Tony Amodeo, questo si e’ un blog che non censura, ma credo che rimanere nel contesto ( Scientology libera, progressi sul ponte, far andar bene le cose, confronto, successi ) sia per lo meno dovuto da chi commenta.
      Questo credo che sia dovuto a tutte le persone che in questo contesto cercano evoluzione, confronto e condivisione.
      Francesco

    • Butterfly of Belen

      Caro Tony, non commettere l’errore di sottovalutare la nostra capacità di duplicazione e comprensione. La tua dotta metafora, per quanto mi riguarda, era stata compresa ma la ritenevo fuori luogo nel presente contesto. Avrei tante cose da dire su quel drammatico episodio, ma me ne guardo bene perché siamo su un blog che ha un oggetto diverso ed anche per non scandalizzare. Però lungi da me l’idea di “quel gruppo non avrebbe fatto meglio a farsi li affari sua?”, il tuo giochetto di “interpretare” un altrui (ipotizzato) pensiero e poi “dissociarsene” con un allegro “ovviamente scherzo” lo trovo degno di belle signorine dai facili costumi.
      Con questo ho esaurito definitivamente l’argomento
      B.o.B.

    • Marco

      Tony , lascia che io sia franco e schietto con te…
      Non ti si riconosce più, tempo fa tu non avevi questo tono (leggermente burlone/denigratore)… cosa è successo nel frattempo?

      Deve essere successo qualcosa che tenti di dire, ma che non si capisce bene…
      Io apprezzo che stai tentando di comunicare qualcosa, la comunicazione è il solvente… : se c’è una onesta volontà di risolvere.

      Il punto è che non si capisce bene “dov’è il capo e dov’è la coda” delle tue argomentazioni.
      Io capisco di certo che vuoi dire delle cose… , ma non capisco benissimo cos’è che vuoi far duplicare: ti sei pentito di esserti dichiarato? Hai capito che era meglio che ti facevi i cavoli tuoi perchè adesso hai dei contraccolpi? Oppure sei stato ricontattato da “qualcuno” e hai avuto dei pentimenti postumi? Sei arrabbiato con…? Il lavoro non va bene? Ti manca qualche amico? E’ tutta colpa di Ron?

      Capirai che non si può fare un assessment via blog… per cui armati di sincerità, rifletti e di veramente cosa ti è successo o cosa hai realizzato o quali sono i tuoi dubbi veri….
      Qualsiasi cosa sia se vuoi comunicare per farti comprendere: parla come dovessi far capire la cosa ad un bambino.

      Ciao Marco

      DIANETICS 55
      Comunicazione

      “Quando un individuo ha atteso per lunghissimo tempo risposte che non sono arrivate, qualsiasi tipo di risposta da qualunque parte provenga sarà attirata da lui, verso di sè, nel tentativo di porre rimedio alla propria penuria di risposte.

      Non è molto importante quali siano le risposte o cosa/quali potrebbero essere: purché si avvicinino vagamente all’argomento saranno accettate. “

      LRH

      COMPLESSITA’ E STARE DI FRONTE

      ” Il grado di complessita’ e’ proporzionale al grado di non stare di fronte.

      Nella navigazione l’uomo basa l’intero soggetto sulla supposizione che uno non e’ in grado di stare di fronte al punto da dove e’ venuto, o dove sta dirigendosi, o dove si trova.
      Il soggetto suppone che la persona si e’ persa.

      …Per analizzare un problema e’ soltanto necessario stabilire
      a che cosa non si riesce o non vuole stare di fronte…

      La cosa fondamentale a cui l’uomo non riesce a stare di fronte e’ il male.”

      LRH

  16. Tony Amodeo

    Ciao Francesco.
    Hai ragione ma avevo preso sul serio il tuo sms di scfivere pure così ci facciamo due risate come pure le risposte di qualcuno,chiedo scusa.
    Ad ogni modo dubbi risolti(in realtà non ne avevo,volevo solo avere delle conferme dopo che ho letto le comunicazioni private tra Spartcus e i gestori dei due italians indi blogs e non do ragione nè a lui nè a voi,avevo cose mie da capire a maniera mia.
    Per rimanere nel contesto vi posso dire che qualche mese fà ho fatto una seduta con un auditor di cl V e OTV e sono rimasto davvero contento.
    Non fà parte di nessun gruppo indi e il suo aiuto è aiuto… fine.
    Per chiudere vi ringrazio ancora tanto per le risposte e le non/risposte,sono servite tutte quante.
    Volevo anche capire se serviva davvero dichiararsi indipendenti e ora ho capito di più e cioè che non serve proprio a nulla.
    Era meglio se rimanevo anonimo e scrivevo qualche commento quà e la.
    Certo che se l’attitudine di chi è ancora nella chiesa(la maggioranza BUONI))che ci credono davvero così tanto al chiarimento del pianeta,che si fanno un mazzo tanto nelle org CREATE DA RON ecc,(parlo di attitudine e credere non che siano dalla parte della verità)ci fosse anche nel campo indipendente,saremo a posto,ci sarebbero poche cose da sistemare.
    Per me queste realizzazioni sono un successo personale se volete invalidarle fate pure con comodo…ci sono abituato.
    Visto che mi preparo a chiudere volevo ringraziare tutti i terminali della mia ex org che in passato mi hanno validato come essere,encomiato per l’aiuto ecc.
    Forza e coraggio ce la farete anche senza di me e gli altri persi lungo la strada…forse chissà un giorno qualcuno che applicherà la tech dell’organizzazione ci chiamerà per tentare di recuperarci.
    la prochaine

    • Tony, il chiarimento planetario non passa solo per le org. Passa attraverso tutti gli strumenti che Ron ha creato per raggiungere questo scopo; mission, gruppi ecc… ma sopratutto Auditor del campo, e, perché no! anche tu col tuo minimo aiuto puoi realizzarne una parte.
      L’enfasi sulle org ideali è talmente ampia che si sono dimenticati di dire che per ogni org,perchè lavori bene, ci dovrebbero essere 10 o più mission nel campo circostante e molti auditor del campo. Ormai questo è un sogno, non esiste un org così in tutto il mondo o si contano sulle dita di una mano. In quanto ad auditor del campo vedi un po’ tu, i numeri li conosci.
      Facendo un minimo di calcoli matematici anche un fesso capirebbe che per quanto possa essere gigantesca un org, da sola non riuscirebbe a fare un granché. Solo le forze combinate di tutti gli strumenti può arrivare alla meta di Scientology.
      Ora noi non ci poniamo come coloro che andranno a sostituire le org o Scn, creando un nuovo Moloch, In attesa di tempi migliori diamo il nostro contributo e facciamo del nostro meglio per rendere meno grama la vita di chi circonda. Amen

  17. Luigi Cosivi

    nobilmente triste

  18. Tony Amodeo

    oooPS finale:a scanso di equivoci il forza e coraggio è indirizzato a chi ha la verità e utilizza la vera tecnologia…non si sa mai qualcuno abbia mal compreso.-)

  19. Tony Amodeo

    oooPS finale2:e l’auditor che mi ha audito non è nemmeno della Chiesa…non si sa mai anche qui..scusate tolgo il disturbo davvero.
    ML

    • marisa

      Credo che di spazio te ne sia stato dato anche troppo, molti ti hanno risposto e hanno cercato di entrare dentro le tue comunicazioni. Voglio farti sapere che cala la mannaia adesso, su tutto ciò che non rispetta la netiquette , è off topic OT e tutto quanto è un chattare così per fare, al di fuori dell’argomento, ci sono sempre i messaggi privati, il telefono e le mail private per tutto il resto. Rileggiti lo scopo del blog e abbi l’idea che anche se non c’è un regolamento scritto per gli utenti il buon e caro senso comune in questo caso è applicato. Un consiglio, anche se non richiesto le formule delle condizioni funzionano ma vanno fatte e applicate nell’universo fisico, è evidente a tutti noi in che condizione tu sei, l’unico che pare non esserne consapevole sei tu, ma ci vuole abbastanza coraggio per ammetterlo, io ti ho avvisato.
      Marisa

  20. Candido

    mamma mia… questo fantomatico Auditor… non è nemmeno della Chiesa ed è talmente indipendente che non è nemmeno Indipendente, caspita… bisogna inventare un’altra definizione perché “indipendente dagli indipendenti” non suona bene!:)

  21. Luigi Cosivi

    o tristemente nobile? mi confondo sempre. Au revoire.

  22. silvia chiari

    Bene Tony Amodeo, a parte il capire se è meglio dichiararsi indipendenti o meno ( mentre io penso sia importante per il rispetto verso me stessa di dichiarare il mio nome e cognome )….. non era più semplice,invece di tutta questa tiritera, che dicessi subito apertamente di essere stato in session con qualcuno che si è dichiarato a te auditor e che comunque il procedimento è andato a buon fine ? I miss-withHold sono pesanti vero ? Ti fanno avere dei comportamenti poco congeniali alla propria e altrui salute mentale ………
    sono certa che dopo un piccolo periodo di silenzio ritornerai a comunicare alla grande con chiunque tu ti senta e il – ci sono abituato – della tua frase ……Per me queste realizzazioni sono un successo personale se volete invalidarle fate pure con comodo…ci sono abituato ……..vediamo di cancellarla ———- Se una cosa è vera per te … è vera ! punto e basta , se cerchi approvazione dagli altri riceverai chi te la da e chi ti invalida … questo è il gioco della vita .
    Un abbraccio Silvia

    • Paolo F.

      Non ho tempo di rileggermi il tutto, però voglio comunicare una piccola riflessione che ho fatto andando attraverso gli interventi di e per Tony. A me piace quando uno origina e come auditor sono abituato a dare un riconoscimento alle originazioni. Ad un certo punto il tono era piuttosto alto, Tony ha espresso delle sue considerazioni, a cui bastava dare un bel riconoscimento, invece sono state commentate e “considerate” (perfettamente legittimo in un blog sia chiaro) e da lì il tono generale del thread è inesorabilmente sceso. “Candido” ha fatto un commento un po’ sarcastico per vedere se si riusciva a dargli un po’ di energia in salita. Posso terminare dicendo… se qualcuno scrive o origina qualcosa per un blog è sempre una cosa positiva, quindi ben vengano i Tony Amodeo che hanno qualcosa da scrivere, e poi.. cerchiamo di applicare il riconoscimento quando è il caso. (Quando è il caso? ehehehe A volte lo si capisce prima, a volte lo si capisce dopo. L’importante è capirlo!)

      • i puntini di Diogene...

        OK Paolo…
        Ma la 2way comm fra più persone (per giunta distanti in tempo e spazio come nel caso di un blog) sarebbe un esercizio di ordine metodico assai difficile da tenere in progress…
        Ogni risposta sottintende un riconoscimente (“ti ho sentito”) ma il proseguo del discorso deve essere consequenziale e, aggiungerei, intellettualmente onesto. E’ chiaro che una session di auditing ha un’altra funzione (per fortuna)…
        Non è stato un tutti contro Tony, ma un andargli incontro… e nessuno gli ha indicato la porta, ma si è giustamente preteso – come per chiunque – che non fosse una semplice invasione di campo ma piuttosto un civile contributo per una discussione tutt’altro che inutile…
        Grazie Tony Amodeo, ti abbiamo sentito e ci sei stato d’aiuto.

        • Paolo F.

          Certo Diogene, sono d’accordissimo, un blog è un blog e non è una session.
          Aggiungo due riflessioni:
          1) “Scarsità ed abbondanza”: In montagna ci si saluta perché si è “scarsi” mentre in città no perché si è “abbondanti”. In questo blog c’è grande abbondanza di ascoltatori e e scarsità di comunicatori per cui tendo ad apprezzare a priori chi scrive.
          2) Consiglio: Se un intervento è considerato off-topic o non meritevole di essere pubblicato mi pare sufficiente che il moderatore non lo pubblichi scrivendone privatamente i motivi all’estensore piuttosto che pubblicarlo facendo seguire una ramanzina al malcapitato.

  23. Luigi Cosivi

    Il mondo è bello perchè è vario, ma esiste veramente nel panorama Scientologico un Auditor, anzi un gruppo, che particolarmente bravi e con ottima produzione di Clears, riescono a farsi rispettare, ad essere anche d’esempio per l’interno della chiesetta, nonostante il management fumi al solo pensiero che ci sono. A mè fa piacere ed hanno tutta la mia ammirazione che riescano, in punta di fioretto, a produrre, a resistere, a dar esempio per come dovrebbe essere. Pochi, come forse noi, ma buoni, non importa dove si collocano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...