Archivi del giorno: 17 gennaio 2013

PROCEDIMENTO PER I GIORNI DURI

 Siete Scientologist indipendenti? Pensate con la vostra testa!

sumo

Scientology è una Filosofia Religiosa Applicata,  ce l’hanno detto e ce lo siamo detti chissà quante volte, quasi che fosse un Mantra. Magari oggi non è più così; nelle alienate organizzazioni di DM, prima di avere la “licenza di uccidere”, vale a dire poter praticare, cioè APPLICARE i procedimenti al fine di ottenerne dei benefici, bisogna sottostare alle geniali invenzioni della GAT (età d’oro della tech) che prolunga all’infinito l’ottenimento della “patente” di Auditor.

Ebbene, sappiate che ora possiamo USARE la tecnologia, non c’è bisogno dell’approvazione nè della mamma nè del Big Brother.

Alla faccia di chi ha paura che le persone migliorino!

Leggete e, se volete, applicate gli arguti consigli del nostro Pilot, presi dagli scritti di Ron Hubbard, e, nel caso qualcuno lo avesse fatto, smetterà di considerarvi uno “Smiling Men with Bad Reputations”!

************ O ************

Stavo passando un paio di giornate molto brutte, ero molto carico riguardo ad alcune cose (vi risparmio cosa) e provando a fare alcuni procedimenti ordinari nell’area di difficoltà non riuscivo a far breccia.

E naturalmente, borbottavo qualcosa senza pensare alla cosa ovvia.

La cosa ovvia era che stavo utilizzando un procedimento su di un Problema del Tempo Presente che era diventato una grossa massa fissa.

Quindi, brillantemente, inventai un problema di grandezza paragonabile. Mi immaginai perso nel bosco, al buio, al freddo e solo, senza cibo ne bussola, e fu come accendere la luce. La carica sull’altra area (che non aveva nulla a che fare con questa) semplicemente sparì.

Veramente straordinario. Nulla che avrei previsto in modo logico. Semplicemente il procedimento funzionò, bang, su un solo comando.

Nonostante tutta la mia esperienza con il processing, ancora mi sorprendo quando succede qualcosa di questo tipo. E tendo a dimenticare che può succedere perché sono più incline a cercare  di scoprire qualcosa di nuovo piuttosto che contare sull’effetto key out. Ma, se c’è troppa carica che scalcia su qualcosa, probabilmente non si è capaci di vedere il basic o di risolvere l’intera cosa perché la carica continua a deragliare i vostri processi di pensiero.

Quindi, per prima cosa cercate l’effetto key out, e poi, se ve la sentite, tornateci sopra e scavate per il basic dell’area. Ma il key out è il primo, perché poi potrete scavare agevolmente.

Ci sono molti procedimenti affidabili, che sono dei cavalli da lavoro molto validi per questo genere di cose.

Per un Problema del Tempo Presente, il miglior trucco per il key out da usare in Solo è proprio Problemi di Grandezza Paragonabile. E funziona anche avendo zero abilità a confrontare o scoprire il problema in cui siete bloccati.

Non è di certo il modo migliore per imparare a sistemare le cose affinchè quel problema non si ripresenti più domani, ma è il modo più veloce per togliere tutta la carica dal piatto.

Potrete sempre in seguito adottare i procedimenti sui problemi per sminuzzare la cosa per far sì che non si ripresenti.

Per le proteste, il migliore e più veloce è il procedimento protesta/ammirazione (alternativamente protestate e ammirate la cosa che state protestando).

Ancora, funzionerà anche senza confronto o conoscenza e funzionerà bene, anche alla faccia di grande carica. Per i Devo Avere, fare il Mock Up di un modo per cui sprecare è buono. Ce ne sono molti. Quale funzioni meglio potrebbe variare da persona a persona. Annotate quale funziona bene per voi e tenetelo a portata di mano.

Auguri,

The Pilot

9 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, Scientology indipendente