Storie INDIPENDENTI di Successo ….. ( Mentre la Cof$ viene affossata in BELGIO )

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la Vostra Testa !

luce-spirito

Il campo Indipendente prosegue senza sosta nella continua creazione

di una comunità Organizzata e libera da qualsiasi monopolio

affinché  le persone possano Vivere ed avere successi nella

vita .

L’interesse non e’ legato ai soldi,

piuttosto ad Aiutare il Prossimo….

La Cof$, noncurante dei suoi modi operandi

aberrati, si sta scavando la fossa, una lunga fossa

con la sua pala d’oro, con le sue stesse mani.

Guardare per credere qui  .

Ma ecco un Breve stralcio , prima del fantastico successo, di cosa sta accadendo in Belgio.

PUO’ IL BELGIO AFFOSSARE SCIENTOLOGY ?

“Dopo anni di lunga battaglia legale, i procuratori federali in Belgio ora credono che la loro indagine sia abbastanza completa per accusare la Chiesa di Scientology e i suoi leader come una organizzazione criminale con l’accusa di estorsione, truffa, violazioni della privacy, e  pratica illegale della medicina.”

————————————————-

SUCCESSO

Andare in seduta con Luigi è stata la cosa migliore che potevo fare per il miglioramento della mia condizione spirituale… era parecchio tempo che  la mia serenità era alla deriva, e devo confessare che lo era in modo drammatico.

Per certo posso dire che Luigi mi ha stupito per la sua spontaneità, per la sua naturalezza e per la sua certezza, ma non solo riguardo alla sua elevata capacità di padroneggiare gli strumenti di auditing, in primis il meter (un metering veramente di grande abilità), ma anche per la sua grande sicurezza che la tech per certo risolve: in lui non c’è nessun dubbio e questo suo atteggiamento e carattere mi ha, praticamente, maneggiato e riabilitato le considerazioni sull’auditing.

Da quando sono in seduta con Luigi ho migliorato così tanto che faccio fatica ad esprimermi, troppa roba da descrivere….

Per esempio, semplicemente stando in seduta con Luigi, senza fare nessuna azione di riparazione di auditing, ho ripulito moltissimo l’auditing del passato: le delusioni, le incertezze, le paure che mi tenevano guardingo e che mi impedivano di andare avanti (spesso nel passato  mi ritrovavo a “stare di fronte all’auditor”, e questo non ti permette di fare molto altro…).

In centinaia di ore nella “chiesa ufficiale” (un’organizzazione che io adesso considero una setta) ho accumulato moltissimi successi (evidentemente con le parti di Scn sane, quelle parti che ancora sono in funzione, che nonostante tutto fanno presa sulla persona; evidentemente non tutto può essere soppresso senza renderlo evidente), ma anche aberrazioni notevoli che mi impedivano di avanzare sul Ponte. Un paradosso?

Già, ma sembra che a me, confrontandomi con altri scientologist che hanno avuto danni più gravi, sia comunque andata bene.

Nel constatare che l’auditing era quello, questo di Luigi, sincero, non robotico, di abilità, di consapevolezza, tutte qualità  acquisite con grande lavoro ed esperienza, e non “l’altro”, gli errori e le sopraffazioni del passato, con grande mia sorpresa e meraviglia venivano a galla e comunicandole se ne andavano, si sistemavano da sole, con ampi e persistenti F/N.

Semplicemente nel fare questo auditing, differenziare questo con quello era inevitabile, il paragone era inevitabile, ed il paragonare metteva in rilievo le scorrettezze del passato, che una volta viste scomparivano.

Quello che ho notato in modo molto evidente all’inizio, è stato quest’aspetto di trasformazione del mio disagio in seduta: con grande stupore e soddisfazione ho visto la mia tipica diffidenza dello stare in seduta, trasformarsi pian piano e scomparire del tutto.

Adesso desidero andare in seduta perché so che otterrò per certo un qualche guadagno, mentre prima semplicemente mi “costringevo” ad andarci solo per un calcolo analitico.

Analiticamente (grazie allo studio e comprensione della comunicazione) sapevo che l’auditing, questa comunicazione altamente specializzata, è il solo modo, tecnologia, che può liberare un Thetan… quale altro modo?

Ma è una tech altamente specializzata e deve avere alcune condizioni specializzate in funzione, condizioni/caratteristiche che devono essere ben comprese, realizzate ed allenate.

Ecco Luigi è una persona che ha realizzate queste caratteristiche e peculiarità.

Inoltre, determinante, ho capito bene il fatto che Luigi: “è li” con la corretta intenzione di far migliorare il Pc. E per me questo è un altro  grosso, non secondario, vantaggio per andare bene.

Infatti dopo qualche ora di auditing me ne sono accorto e questo grosso Plus Point ha aperto le porte alla fuori uscita di una grande quantità di consapevolezza latente, ma soffocata.

Quello che è successo è che sciogliendosi la mia circospezione, il mio essere guardingo, o solamente la mia preoccupazione riguardo “a cosa può succedere in auditing” (di negativo), la  preoccupazione formatasi in altri luoghi e situazioni e che faceva da diga di contenimento della consapevolezza “ha ceduto” , così la riabilitazione è dilagata.

Essere in seduta con Luigi è diventato poi una situazione del tutto naturale e rilassata e questa tranquillità è stata una condizione che ha aperto la porta a grandi ulteriori miglioramenti, realizzazioni e consapevolezze.

Realizzazioni e consapevolezze di grande portata, che hanno causato evidenti miglioramenti nella mia vita corrente.

Questo è ciò che questa attività di comunicazione specializzata può realizzare, quando a praticarla è una persona abile, cosciente, con il corretto scopo di ottenere il prodotto: un thetan sempre più consapevole e libero.

Tank you Luigi, you are the best.

22 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, Scientology indipendente, SUCCESSI

22 risposte a “Storie INDIPENDENTI di Successo ….. ( Mentre la Cof$ viene affossata in BELGIO )

  1. Marco

    Ottimo successo/post…

    Questo successo comunica che nel campo Indipendente ci sono degli auditor di grande valore,,, per cui si può andare avanti in modo sicuro nell’attraversata del Ponte.
    Perchè l’auditing è amministrato da grandi Esseri, che non sono andati dispersi a causa della disfatta della Cof$.

    Nel campo indipendente l’auditing può essere di grande efficenza, perchè senza Ptsness che arriva dall’alto (dal DofP, dal C/S che sono in contatto con RTC, che è in contatto con l’SP planetario…), dunque è auditing onesto, senza secondi fini, senza scopi nascosti… “la session è per il benessere del Pc”

    Sono d’accordo con il Post: con la Tech non alterata e con le giuste intenzioni (dell’auditor) tutto può tornare a risplendere.

  2. Dave

    Già tutti in ferie?…..Mare….Montagna….Lago….Agriturismo……a Flag??
    ahahahhahahahahahha…..un saluto a todos…..

  3. Marco

    Minchi…a , veramente tutti in ferie.
    Beh un buon segno… di prosperità e possibilità altre…
    Oppure l’estate concilia solo riflessioni By Self, “tra se e se” ?

    Forza dai, anche da sotto l’ombrellone… un qualche segno di esistenza…
    E facciamolo uno sforzo… credo sia dovuto: e per l’impegno di mantenere in vita il blog e per un comunicare qualche insegnamento a chi ci legge incuriosito. Io ho potuto venirene a capo sopratutto grazie ai blog.

    Naturalmente capisco anche che sia stato raggiunto un flat di qualche tipo… ma comunque ogni tanto in estate… solo ogni tanto (circa il… 20% della solita attività comunicativa): “Batti un colpo se ci sei!”.

    • Silvia Chiari

      Batto un colpo !!! e subito ritirata —per me periodo di grande semina per il mio lavoro, è un pò che voglio postare qualcosa ma contiene riferimenti extra Scn …in più dovrei scrivere tanto e sapete sono molto stringata ( non si direbbe oggi)e pigra ……
      Intanto continuo a leggervi volentieri ,chi può continui GRAZIE !!!!
      Un abbraccio di luce

  4. roberto antonio

    Ferie? Vacanze? Personalmente, se dovessi scegliere, preferisco il paradosso di trascorrere bene 11 mesi di lavoro invece di 1 mese in ferie, mi pare mooooolto più conveniente… passatemi la battuta.
    Sono un ex isolato, non ho contatti con nessun ex e se mi aggrappo al blog lo faccio con molto piacere.

    P.S. Se qualche toscano si fa vivo io ci sono

  5. Guido

    Rassicuro i condomini: Il blog è come un Iceberg, di cui si vede solo la punta…
    Le visite che riceviamo sono numerose, il trend è ottimo.
    Chi scrive è solo una piccola parte dei nostri aficionados, abbiamo delle nuove entrate e nuove persone che hanno iniziato il loro “RD della Verità” e c’è chi ha già iniziato in questo periodo a studiare per proseguire il suo Ponte da Indipendente.
    Un abbraccio
    Guido

  6. i puntini di Diogene...

  7. roberto antonio

    Allora aspettiamoci le macerie…e speriamo un nuovo edificio.

  8. Marco

    Vuoi vedere che alla fine il Tom rinsavirà!? Può essere che ce la faccia ancora a riconoscere gli errori…

    Ora sono diventato curioso… : chissà come il management (DM) giustificherà l’uscita di scena della grande, grandissima medaglia per la libertà Tom Cruse?

    E cosa penserà il pubblico più sfegatato della setta?
    Mah, si sa molti anche di fronte all’evidenza negano… fino alla fine.

    TU PUOI AVER RAGIONE

    Quello di aver ragione è l’ultimo sforzo consapevole di un individuo che sta soccombendo: “Io ho ragione e loro hanno torto” è il concetto più basso che un caso inconsapevole possa esprimere.

    Ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, non sono necessariamente definibili per tutti allo stesso modo. Variano in funzione dei codici e delle discipline morali del dove si vive.

    Dallo studio approfondito della questione emerge una definizione più precisa. E tale definizione è diventata anche la vera definizione di “overt”.

    Un atto o comportamento scorretto non consiste semplicemente nel danneggiare qualcuno o qualcosa:
    > un comportamento scorretto è un atto di omissione o commissione, che causa il minor bene per il minor numero di persone o aree, aspetti della vita coinvolti.
    > Oppure il maggior danno per il maggior numero di persone o aree della vita coinvolte.

    Tanto l’idea del non danneggiare nulla, quanto il concetto del sostenere tutto e tutti sono piuttosto folli.
    La convinzione che aiutare gli schiavisti sia un’azione benemerita sarebbe discutibile, e altrettanto discutibile sarebbe il considerare la distruzione di una malattia un atto overt.

    Nell’“aver ragione” c’è qualcosa d’irrazionale che spiega anche il motivo per cui certe persone fanno cose molto sbagliate, ma insistono nell’aver ragione.

    La risposta si trova nell’impulso di cercare di aver ragione: si tratta di un’ostinatezza che ben presto diventa separata dall’azione corretta ed è accompagnata dal tentativo di mettere gli altri nel torto.

    La maggior parte delle spiegazioni sul comportamento, non importa quanto siano tirate per i capelli, sembrano perfettamente giuste a chi le dà, visto che sta semplicemente asserendo la propria ragione e il torto degli altri.

    Un thetan cerca di avere ragione e combatte l’aver torto.
    Questo non ha niente a che vedere col fatto di aver ragione riguardo a qualcosa o di compiere realmente le cose giuste.

    Si tratta di un’insistenza che non ha niente a che fare con la correttezza della condotta.

    Si cerca di aver ragione sempre, fino all’ultimo respiro. Invece di correggere lo sbaglio commesso (che implicherebbe l’avere torto), si insiste nell’affermare che l’errore era in realtà un’azione giusta, e così lo si ripete.

    Questo perché l’aver ragione costituisce l’essenza della sopravvivenza.

    L’ultima difesa di qualsiasi essere è “io avevo ragione”. Questo vale per chiunque.

    Quando questa difesa crolla, calano le tenebre.

    Per cui ci troviamo di fronte alla spiacevole scena “dell’aver ragione” a dispetto del torto più flagrante.

    E qualsiasi successo nel far sì che l’essere riconosca il suo torto ha come risultato un’immediata degradazione, incoscienza o, nel migliore dei casi, una perdita di personalità.

    Far sì che il colpevole ammetta di aver torto significa andare incontro ad ulteriore degradazione e perfino incoscienza o la distruzione di un essere.
    Perciò lo scopo della punizione è vanificato e la punizione ha un’efficacia minima.

    Ma facendo in modo che il colpevole cessi di sbagliare ripetutamente in modo compulsivo, allora lo si guarisce.
    Ma come?

    Riabilitando l’abilità di avere ragione!

    Esempio: una moglie brucia continuamente la cena. Nonostante i rimproveri, le minacce di divorzio, qualsiasi cosa, la compulsione continua.

    Si può mettere fine a quest’agire sbagliato facendole spiegare che cosa c’è di giusto nel suo modo di cucinare.

    Questo, in alcuni casi estremi, potrebbe benissimo provocare una furiosa filippica, ma se si rende flat la domanda, tutto ciò si smorzerà e lei allegramente smetterà di bruciare la cena.

    … si recupererà un momento del passato in cui lei accidentalmente bruciò una cena e non fu in grado di riconoscere di aver fatto qualcosa di sbagliato, poi per essere nel giusto da allora in poi dovette continuare a bruciare la cena.

    Va’ in una prigione e trova un carcerato mentalmente sano che dica di aver sbagliato. Non ne troverai. Solo i relitti umani lo diranno, nel terrore di essere danneggiati.
    Ma neanche loro credono di aver sbagliato.

    Le anime caritatevoli si scontrano continuamente con questo tipo di cose e a ciò sono dovuti i loro fallimenti.

    Ma il matrimonio, la legge, il crimine, non sono gli unici settori della vita per cui vale questo principio.

    Questi dati di fatto abbracciano tutti gli aspetti dell’esistenza.

    Lo studente che non riesce a studiare, il lavoratore che non riesce a lavorare, il capo che non riesce a capeggiare, sono tutti presi da uno dei lati della questione “ragione e torto”.
    Sono completamene unilaterali. Sono quelli che hanno ragione “fino all’ultimo”.

    E, contrapposti ad essi, quelli che vorrebbero impartire loro un insegnamento, sono fissati sull’altro lato: “ammetti di aver torto”.

    E da ciò deriva non solo una situazione senza cambiamenti, ma laddove questo “vince”, avviene anche una vera e propria degradazione.

    Ma non ci sono vittorie in questo squilibrio, ci sono solo fallimenti per entrambe le parti.

    I thetan che si trovano sulla via del declino non credono di aver torto perché non osano crederlo. E perciò non hanno cambiamenti.

    Più di un preclear, nel processing, sta solo tentando di dimostrare che ha ragione e che l’auditor ha torto… e quelli che non intendono essere auditi affatto, sono così totalmente fissati sull’asserire la propria ragione e sono così vicini ad una condizione disperata, che se si mettessero in discussione le volte in cui in passato hanno avuto ragione, loro pensano che ciò li distruggerebbe.

    La giusta strada è fargli spiegare quanto lui sia nel giusto, senza che spieghi quanto Scientology sia sbagliata.

    “Che cosa c’è di giusto riguardo alla tua mente?”, produrrebbe più cambiamenti di caso e ti farebbe ottenere più amici di qualsiasi valutazione o punizione allo scopo di metterli dalla parte del torto.

    Tu puoi aver ragione.
    Come?
    Facendo sì che un altro ti spieghi in che modo lui ha ragione fino a che, essendo ora meno sulle difensive, egli può assumere un punto di vista meno compulsivo.
    Non devi necessariamente concordare con ciò che pensa. Devi dare solo riconoscimento a quello che dice. E, d’improvviso, ecco che lui può avere ragione.

    Si possono fare un sacco di cose con la comprensione e l’uso di questo meccanismo.

    Tuttavia ci vorrà un po’ di studio di questo articolo prima che tu possa metterlo in pratica agevolmente; perché tutti noi siamo in una certa misura reattivi su questo soggetto.

    Come Scientologist, ci troviamo di fronte ad una società impaurita, che pensa che avrebbe torto, se si scoprisse che noi abbiamo ragione.
    Abbiamo bisogno di un’arma per rimediare a questo. Ce ne abbiamo una qui.

    E tu puoi avere ragione, sai. Probabilmente sono stato il primo a crederlo, meccanismo o non meccanismo.

    La strada verso l’aver ragione è la strada verso la sopravvivenza.
    E ogni persona si trova in un qualche punto di questa scala.

    Puoi metterti dalla parte della ragione, tra altri modi, mettendo gli altri dalla parte della ragione in maniera sufficiente perché si possano permettere di cambiare opinione.

    A quel punto un numero ben maggiore ci arriverà.

    LRH

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...