Richard parla di Esteriorizzazione ……

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

1993-Miserabile sognatore-cm 223x50                Paolo Buzi – 1993 – del Volo o dell’anima – CM. 223×50 – Miserabile Sognatore 

Ho chiesto a Richard l’autorizzazione a pubblicare queste poche righe tratte dal suo OT X.

Da sempre l’Esteriorizzazione è uno dei principali soggetti di discussione fra Scientologist indipendenti e ortodossi. Ed è anche una meta agognata da chi intraprende il ponte col desiderio di diventare OT.

Quello che scrive Richard non è nuovo in senso assoluto, perché lo si può trovare in nastri registrati e materiali di Ron dei primi anni 50, sommerso però in mille altri dati a volte contraddittori.

Ma qui Richard, nel suo consueto modo chiaro e limpido, esprime il suo punto di vista sull’Esteriorizzazione ponendosi una domanda a cui risponde nelle righe successive.

Sarebbe stato interessante pubblicare solo i primi due paragrafi con le domande e poi leggere i vari interventi, ma ci è parso giusto scrivere anche la risposta che Richard si dà. Per molti di noi questa risposta può avere l’effetto di un “reset”. Per me è stato così. (pf)

Un ringraziamento particolare a Paolo Buzi per averci concesso l’autorizzazione a pubblicare una sua Opera che per il sottoscritto era “accordata” a “pennello” allo scritto di Richard.
                                                                                                              Francesco

Richard parla di Esteriorizzazione

…se l’Universo MEST è un illusione perché un Thetan esteriorizzato dovrebbe percepire l’Universo MEST?

 

O meglio, perchè dovrebbe tentare di percepirlo così come lo vede attraverso gli occhi del proprio corpo?

 

Su questo fatto poggia un trucco molto particolare che va a discapito del Thetan stesso.

Esteriorizzandosi e percependo il MEST esattamente come lo vede con gli occhi del proprio corpo altro non fa che andare sempre di più in accordo con l’Universo MEST e questo lo porta a diventare più solido, più pesante e di conseguenza faticherà sempre maggiormente a sganciarsi dal corpo sino a trovarsi nuovamente bloccato al suo interno…

63 commenti

Archiviato in OT, Richard, Scientology indipendente

63 risposte a “Richard parla di Esteriorizzazione ……

  1. Luc

    ehehe semplicemente geniale e di una semplicità pazzesca… Come si può pretendere di percepire il MEST per ciò che è attraverso altro MEST? Impossibile… Come riabilitiamo un Thetan nel MEST? Tramite il dirigere e gestire illusioni…

    ARC
    Luca

  2. Hello… I am in total agreement with Richard. I too have had many sessions on the same subject because I wanted to know what EXTERIOR going exterior means Such a mistake LRH made when he has written on that subject. I have written 3 or more post in my blog and I post here one of them, might be interesting to read my reality also.

    Here is my take on being interior or exterior.

    By now I have expressed my own reality-experience what is exteriorization. That is impossible to do because we as Spiritual do not move: only matter shifts.

    We CONSIDER: I am inside the house: with that consideration the person “SEES” inside the house.

    I am outside of the house: the person ‘’SEES” the portion of the house which can be observed with the EYES.

    The Looking Bit, using the EYES is the confusing factor because the being looks at object inside or outside therefore believes the being inside or outside of the house.

    Having the mental picture of the house that picture automatically gives the person all the considerations which the house is made up from.

    When one mention: inside the picture of the inside pups up.. But please understand that picture is not real, it is there because it was considered agreed to that its exist because the ‘’eyes’’ can take the photograph of it. There is a picture is called inside, there a picture called wall, stairs, celling hallway etc.. and the other concept added: Inside wall, inside stairs, outside wall, outside stairs etc..

    The Spiritual can see observe without the use of the optical lenses Holographic pictures.

    As the person erases more and more of the existing pictures which are barriers: seeing them only by that person gotten stuck, since long as they are in place the person cant observe other pictures. So more of them are removed the wider range of pictures can be seen.

    The interesting thing is…. Long as one beliefs he sees inside, only that can be seen. After eraser of this planet all the considerations-agreements going with it, plus when one erases the need to use the eyes to see with. The being will be able to see anything which will be THE NEW REALITIES GAINED, now he can see holographic pictures of anything he wants to.

    All he needs is put his attention on the subject.. and He will view that item.. Full perception and have not moved one inch… Objects moves since they are energy.. but not the viewer.

    Example: view inside the Sun… good one.. when viewing the Sun the Viewer will also have total understanding when the Sun was created how it become as it is now and what will happen how it will end up.. since all matter sooner or later will change shape.

    One can look inside a boulder and see interesting things-pictures and these pictures are not available for the optic lenses to view.

    Here one little piece from other post.

    FREE FLOATING … not being connected, letting go, not within the fixed –stationary unmovable boundaries: being EXTERIOR.
    I had sessions on LRH’s definition out-body experiences on exteriorization or interiorization. I have had many wins but today I realized I never looked at the concepts of FLOATING or FREE FLOATING and now having session on this and related areas I had new understanding of what we do when we decide to let go of being anchored to any object: which include having a human bodies.
    I have found many many reasons why the person sticks to the body and why it is so difficult to let it go: we use illnesses, old age, violence: like hearth attack, heavy stroke, all sort of accidents, being shut, committing suicide, overdosing on drugs, we do all sort of things in order to severe the connection and to be able to float freely once more.
    I also concluded that just looking at the concept which LRH has used on the subject do not cover all our believes because we believe in GHOSTS therefore there is a GHOSTLY STATE WE ENTER AFTER THE BODY IS DROPPED AND THAT STATE TOO means also “GOING EXTERIOR”.

  3. 🙂 good for you Richard! Good to know that we are more than few who are becoming aware that MEST is just a large puddle of electric energy-mass. 🙂

  4. Questions can be asked and I have asked these questions and I am sure Richard done the same to find out if we dont SEE DONT USE THE EYES and SEE WITH THE EYES THAN HOW WE SEE, HOW WE KNOW? The answers to those questions what we find are reality which is the Spiritual Universe.

    • LIBERO

      Elizabeth, dal mio piccolo posso dirti di essere uscito dal corpo durante una seduta di book one… Non vedevo, ero come cieco ma percepivo allo stesso modo come quando ero nel corpo. Infatti all’inizio non mi rendevo conto che ero fuori dal corpo. L’unica cosa mi mancava la vista. Penso che l’accordo di essere un corpo è cosi profondo e inculcato nel thetan da non potersene separare. Probabilmente è un gioco, un accordo è un contratto.

      • Hi.. there are tens of thousands reasons we went into agreement and every one of these reasons become a wall of which we cant see through:WHEN LOOKING WITH THE EYES.
        Example: when you look a tomato with the EYES you only SEE that tomato, its shape and color and by agreement -understanding=belief that that is all you can see and what you see that picture is a wall.
        THE EYES CANT SEE THROUGH THE WALL ONLY SPIRIT who DO NOT USE THE EYES CAN SEE THROUG PICTURES. Humans believe they only san see with eyes therefor that is all they can see what that optical instrument shows.
        All pictures =thoughts are walls and the eyes can only see these colorful images.
        Now when the person closes the EYES rarely can see pictures outside of MENTAL IMAGES.
        When closing the EYES the person becomes BLIND that means dont see pictures.
        The same person can take these BLINDNESS how it feels and all thoughts, believes she or he has about this ”blindness” plus all the agreements which has been made over the eons =ARCB’s she or he had on the Track plus all the problems were caused by seeing to much or not seeing anything at all and confront all that.
        PLUSS the same person has to confront the period of times when not being in the body and could SEE differently or could not see at all as a spirit.
        When all those beliefs : which are mostly postulates and counter postulates have been confronted in sessions which would take many intensives the Spirit will regain the ability to SEE without the EYES.
        This Ability is will manifest is self as ”KNOWINGNESS”” when the SPIRIT KNOWS do not need to see… do not need to look… JUST KNOWS WHAT IS EXPERIENCED.
        I have regained this ability and that is the reason I can write in detail what happens. Best to you. Elizabeth.

        • Marco

          SCRIVE ELSABETH:
          “When all those beliefs : which are mostly postulates and counter postulates have been confronted in sessions which would take many intensives the Spirit will regain the ability to SEE without the EYES.
          This Ability is will manifest is self as ”KNOWINGNESS”” when the SPIRIT KNOWS do not need to see… do not need to look… JUST KNOWS WHAT IS EXPERIENCED.
          I have regained this ability and that is the reason I can write in detail what happens.”

          TRADUZIONE GOOGLE:
          “Quando tutte queste credenze, che sono per lo più postulati e contro postulati, sono stati confrontati in sessioni, prendono molti intensivi, lo Spirito riacquisterà la capacità di vedere senza gli occhi.
          Questa capacità si manifesterà come auto “knowingness”; quando lo spirito conosce non ha bisogno di vedere … non c’è bisogno di guardare … sa solo ciò che viene sperimentato.
          Ho ritrovato questa capacità e questa è la ragione per cui posso scrivere in dettaglio ciò che accade.”

          Molto interessante Elisabeth, grazie per questa spiegazione.

          Ma… ma questo conferma che ci vogliono molte ore di auditing per riottenere le/delle capacità del Thetan…

          Per fortuna… per fortuna riusciamo ad intuire queste capacità del Thetan… intuito che ci spinge verso l’auditing.

          Quello che voglio evidenziare sono alcune cose: A) meno male che c’è questa Tech, ma anche questo intuito che ci spinge ad usarla. B) Meno male che ci sono questi Esseri, come Elisabeth, che sono arrivati ad una certa quantità di auditing e ci possono raccontare le loro meravigliose esperienze. C) E’ evidente, come dice Elisabeth, che ci vuole una certa quantità di auditing (tante ore) per riavere riabilitate delle peculiarità del Thetan perdute… per cui, ci vuole un pò di pazienza e tanto lavoro…

          Come dicevo in altre occasioni, questa è la conferma che non si può essere ad un certo livello di consapevol3ezza e sapere cosa c’è, come si sta, ad un livello più in alto… ad un livello ipotizzato più in alto; si può solo intuire.
          E/ma questo intuito è già una grande cosa, forse purtroppo per il momento limitato ad una parte della popolazione… ma senz’altro facilmente ampiabile (uno dei grandi lavori su cui LRH si è impegnato moltissimo).

          Dovremmo fare in modo che questa percezione delle possibilità dell’auditing, sia un pò più diffusa e portata ad un livello accettabile di Realtà.

          Mi sovviene ora ora, un moto di ringraziamento ad LRH, per questo modo (auditing) che ha scoperto e spinto, che ci permette di ottenere sempre più libertà… libertà dai corpi. In cui è evidente siamo parecchio intrappolati.

          • DEAR MARCO…many hours of auditing?????? 🙂 no, not at all, what is one or two or even 3 lifetimes to spend confronting the Universe when it has taken EONS= millions of different bodies-lifes on different Planets to get into this condition. I have spent this life is session 41 years and I have achieved much, but there is more to this Universe what Humans can see and understand while only have human understanding.
            LRH’s TECH is incredible, because while the person confronts 1 item in session at the same time great amount of other smaller items which were connected to this also blows.. So LRH’s TECH works like a Magic Wand.
            I know I have not finished yet, there is more to come the adventure exploring the Universe continues!

  5. tony

    Richard lascia spesso senza parole, o… senza commenti!
    La domanda sembra un indovinello ZEN. Più ti sforzi di dare una risposta intelligente e più rischi di fare la figura dello stupido.
    Meglio tacere?

    • 🙂 so Zen teaches how to evaluate self…and not in the good way but putting the person down… not allowing the beingness, by that I mean is that you are fine as you are, how you are, how you think, what you believe in is your universe.
      It should be the SELF’s and no one elses reality- judgement which should be listened to!

  6. Marco

    Probabilmente quando si è fuori del corpo… ma, un Essere che non ha massa può essere in un punto preciso? Beh, contrariamente a tante supposizioni, evidentemente si.

    Se un Thetan vede, percepisce, si orienta, ecc. ecc. , da un corpo (definito anche “terminale di comuncazione”),… beh deve per forza aver deciso di essere in un qualche punto di questo Universo Mest…
    Mi pare che Scn si basi su questa evidenza (non è solo un assunto): il Thetan è nell’universo Mest.

    Richard chiede: “…se l’Universo MEST è un illusione perché un Thetan esteriorizzato dovrebbe percepire l’Universo MEST?”

    Beh, io credo che l’universo Mest esiste… cioè di questa domanda dovremmo definire bene “illusione”, perchè in questo caso non si intende “illuṡióne s. f. [dal lat. illusio -onis «ironia» (come figura retorica) e nel lat. tardo «derisione», der. di illudere: v. illudere]. 1. In genere, ogni errore dei sensi o della mente che falsi la realtà” , ma una creazione che esiste… perchè c’è incorporata una bugia. Credo Illusione come termine sia legato a questo dato “l’universo Mest esiste perchè è una bugia” (dunque è un’illusione).
    E credo questo sia tutto ciò che c’è da dire dell’universo Mest (in modo sintetico).

    Riguardo alla domanda: io non ne so moltissimo… potrei azzardare però a dire che: -finchè un Thetan non rimuove gli implant che lo costringono nel Mest… beh, lui non riesce ad andarsene da nessun’altra parte.-

    Oppure potrebbe anche essere: -finchè il Thetan non arriva alle sue considerazioni iniziali (e che ora non ricorda più), nelle quali decise di entrare nel Mest… , non riesce a trovare la porta d’uscita”-

    O meglio: -finchè il Thetan non torna consapevole… ad un livello tale da poter decidere dove stare (in quale universo… visto che probabilmente ne esiste uno in cui può esistere “con un pò meno stress”)-

    Va beh, ma per essere concreti direi che: -finchè non arriva a rimuovere un bel pò di considerazioni, bugie (quelle iniziali) e implant, non puoi prescindere dall’universo Mest…- io credo…

    Ma si potrebbe anche dire: se si dice -esteriorizzazione-, si intende esplicitamente che -sei fuori dal corpo-. Se sei fuori dal corpo… vuol dire che prima eri dentro… e quando esci se vedi il tuo corpo… sei ancora nell’universo Mest.

    D’altra parte, per esempio, come potrebbero “beccarti” gli implantatori nell’area tra le vite (dove non hai un corpo, mentre Loro invece si), se il Thetan non fosse ancora nell’universo Mest?
    Il fatto che “ti beccano/catturano” vuol implicitamente dire che hai ancora un piccolo residuo di Mest (anche se sei per forza fuori dal corpo… che nel frattempo è morto) che ti porti dietro (la mente?), altrimenti come ti individuerebbero gli implantatori?

  7. Marco

    I TRE BOTTONI PRINCIPALI DELL’ ESTERIORIZZAZIONE
    Una conferenza tenuta il 4 giugno 1955

    “Otteniamo così la caratteristica suprema della vita: la capacità di assegnare e rimuovere un significato presso altre unità di vita, forme di vita, spazi, energie, oggetti e tempo: nell’attività del vivere, quella è la cosa migliore che la vita fa.

    Naturalmente, fa anche qualcosa’altro, al disopra di quello: e cioè i postulati. Fa un postulato (schiocco) e lo fa concretizzare; (schiocco) o lo disattiva.

    Abbiamo qui l’attività del vivere, il gioco chiamato vita… e il gioco chiamato vita ha, come sua manifestazione più alta, una manifestazione più alta della logica.
    È interessante, ma con Scientology, oggigiorno, siamo andati oltre la logica… e perciò ne abbiamo superato la definizione, in quanto scienza.

    Vedrete quello che succede quando percorreremo il Processing sui significati… vedrete quello che succede alla vostra logica. E’ meraviglioso…
    Assegnare e togliere significato alle cose, agli oggetti, agli spazi, alla gente, alle situazioni, al tempo, alle energie e alle masse: questa è la cosa più importante che fa.

    In realtà una delle battaglie totali della vita, è la battaglia per stabilire chi metterà dei significato in qualcosa.
    È l’unico motivo per cui i giudici siedono sui loro scranni. Devono
    essere loro a mettere un significato in quella cosa.

    L’unico modo di imparare qualcosa dalla vita è di essere disposti a lasciare che anche qualcun altro assegni significati.

    Una cosa del genere trascende il concedere beingness.

    Stiamo davvero raggiungendo i nostri obiettivi…
    Questo è un procedimento che conduce più lontano e fa di più, di gran lunga, del concedere beingness, e va al di là della logica; quindi dobbiamo essere arrivati da qualche parte in Scientology.

    La scoperta di questi principi e verità e il loro uso nel processing è il punto più alto raggiunto dall’attuale ricerca ed indagine.
    In quest’esatto momento è un lavoro che è stato completato per bene.

    Ma che cosa ha a che fare con la Scala del tono? Ha moltissimo a che fare con la Scala del tono.

    Abbiamo sempre saputo che esisteva un livello della Scala del tono che andava oltre la logica; poiché la logica è uno schema di pensiero, sul quale ci si è accordati, che procede in sequenza – bing bing bing – tramite una scala graduale che va da un argomento a un altro, producendo un’associazione di significati. Quella è la logica.

    Perciò credevamo che, man mano che ci fossimo innalzati sulla Scala del tono, salendo verso 40 sulla Scala del tono, saremmo usciti da quel trucchetto associativo. E ne siamo usciti.

    Il Processing sui significati fa saltare questo trucchetto associativo e rende la persona capace di associare o non associare a proprio piacimento…

    Perciò il Libro Uno a questo proposito aveva piuttosto ragione… a questo proposito aveva piuttosto ragione: la Scala del tono aveva un punto in cui la differenziazione era molto, molto più alta e più efficace dell’associazione.

    Sulla Scala del tono esiste un punto in cui si esiste indipendentemente…: semplicemente si fa un postulato e qualcosa succede; si fa un altro postulato e la cosa smette di succedere.

    Quello è un livello inimmaginabilmente alto; è quasi inafferrabile per un preclear medio.

    Ma il Processing sui significati è comprensibile, si trova al disotto di quel livello.

    Così stiamo costruendo un ponte che, partendo dal Processing sui significati, arriva a quell’alto livello in cui si può fare (schiocco) un postulato, (schiocco) disfarlo, e così via.

    Parte di tale schema di postulati è il fatto che poi, non appena arriva lì, si scende al livello dei significati… e così abbiamo questo livello inferiore.

    Nella scala del tono abbiamo l’altisonante livello della serenità, straordinariamente fantasioso, in cui la persona, esteriorizzata e non ubicata in nessun universo, semplicemente dice: “Luce sia” e… bang! Appare la luce. “Voglio il buio”… bang! Ecco il buio, come qualcosa di diverso rispetto a quello che aveva prima, vedete.

    Una persona ha tutto quello che le serve e può procedere con la creazione di un universo. Ma siamo a un livello molto alto.
    Stiamo parlando di un principio così alto che l’uomo ha assegnato quell’attributo solo a Dio.

    D’accordo. Scendiamo lungo la scala e arriviamo tra noi… e che cosa abbiamo? Il primo livello scendendo dalla cima è: “significati”.

    Se avete un oggetto, che significato possiede? È quello che dice di voler dire; è quello che voi dite che vuol dire: siete voi la cosa che assegna il significato… comunque vogliate giocarvela…

    Poi, scendendo lungo la scala, arriviamo a un insieme di significati su cui ci si è accordati, ottenendo così la logica.
    Ecco il nostro primo livello di pensiero, tal quale ci è noto.

    Il pensare è un’associazione d’idee sulla quale ci si è accordati…
    Un accordo su un’associazione d’idee che conduce a certe scale graduali, e che sfocia nella produzione di certe risposte e conclusioni.
    In altre parole è un modo lento di fare un postulato.
    Ed è un buon modo di giustificare il fatto di averne fatto uno.

    Appena si scende al disotto di quel punto e si scende al disotto della logica, si entra nel merito di un altro procedimento interessante, che è trattato in modo piuttosto adeguato in Dianetics 55 , quel procedimento è semplicemente: la comunicazione.

    Che si tratti di ‘”Ciao e okay” oppure di “Ecco com’è”, o di un procedimento simile, la comunicazione è ciò che sta al di sotto della logica.

    In effetti non dipende in alcun modo dalla logica; ma ciò nondimeno si colloca al di sopra di qualsiasi livello di energia, spazio, tempo e massa.

    Se aveste una persona, diciamo che il tipo abbia una gamba che gli fa male. Sappiamo che, se spostiamo qua e là le masse e cerchiamo di associare a questa gamba che gli fa male delle operazioni e dei tubi d’acciaio e altri rimedi medici… sappiamo che avremmo una persistenza della condizione.
    Concepiamo che questo sia piuttosto inevitabile.

    Ma se facciamo sedere il tipo e facciamo sì che la sua gamba gli dica “Ciao” e lui dica “Ciao” alla gamba… se facciamo solo questo tipo di esercizio, niente di più sofisticato… la persona sperimenterà dei cambiamenti nella gamba, gamba che non ha in sé una gran responsabilità del cambiamento, vedete.
    La gamba cambierà. Qualcosa succederà alle masse di quella gamba. È poco ma sicuro.

    Quindi siamo al disopra del livello del comportamento delle masse, degli spazi e delle energie, se il pensiero da solo li controlla.

    Quindi, guardate quanti livelli abbiamo ora al disopra degli universi?
    La comunicazione è al disopra degli universi… perché li distrugge, perciò deve essere superiore ad essi.
    La comunicazione li crea o li distrugge, quindi dev’essere superiore agli universi.”

  8. In poche righe Richard ci spiega il soggetto esteriorizzazione in riferimento a Theta come assoluto e da come diversi stati di essere si arriva fino a un essere composito come l’uomo sapiens.
    La maggior parte delle persone intendono come esteriorizzazione essere fuori dal corpo e poter andare dove si vuole senza di esso , con la capacità di vedere e percepire a piacere l’ambiente, ma con questo può avvenire tramite un suo accordo, accordo Theta-mest. qui non abbiamo un Thetan exterior ma come è già avvenuto nel passato per es. al momento della morte del corpo, in operazioni e con droghe che poi sono veleni, con svariate tecniche tecniche con cui ci si porta al distacco del corpo, nel primo periodo della traccia, sono situazioni che per l’uomo possono sembrare stupefacenti , ma rappresentano stadi theta – mest e l’origine dell’ intrappolamento.

    “Esteriorizzandosi e percependo il MEST esattamente come lo vede con gli occhi del proprio corpo altro non fa che andare sempre di più in accordo con l’Universo MEST e questo lo porta a diventare più solido”

    Quindi penso che il significato di un Thetan esteriorizzato stabile lo si può definire un essere che in un certo momento è li dove ha disinserito il suo macchinario di ritrasmissione che si chiama mente, quando questo avviene si assapora il vero grado di esistenza fino a un punto non descrivibile non tanto perchè segreto ma perchè parole e simboli mest non ne danno una ragione , e adesso guardiamo i vari stadi di esteriorizzazione intermedi dove era presente questo macchinario che si chiama mente, si osserva da un punto di vista che si può definire verità e cadono i surrogati del theta -mest, qui diventa anche molto diversa la condizione exterior, fondamentalmente è uno statico che vive nella sua apparenza MEST.

    A questo punto chiederei a Richard qualche sua riflessione sulle abilità OT .

    Thanks you

    • Luc

      Bellissimo commento David. Sono molto d’accordo con il tuo pensiero.

      Il vero exterior come dici tu, è uno statico senza MEST aggiunto e quindi senza mente e si può dire fuori dal MEST perchè in effetti non è ne dentro ne fuori… L’exterior di più “basso” livello, è un essere che “esce” dal corpo e andarsene in giro, ma sempre con del MEST attaccato ed idee di posizione ed individuazione…
      Ciao

      ARC
      Luca

      • Grazie dell’ apprezzamento Luc, quindi la migliore condizione per un thetan exterior con un corpo sarebbe essere LI ( stato o condizione senza M-E-S-T) ma nello stesso momento essere sempre li a percepire l’ illusione, infatti abitualmente adoperiamo il MEST come unità di misura
        ( illusione o bugia ) e questo ci crea un pò di confusione.

        Da questo si può comprendere lo scopo del ponte.

  9. You people haven’t noticed that Richard has to come to the same conclusion on the same subject to which I have had the cognition few years back. This has a vital importance.

  10. Marco

    Un commento di Richard del 18 ottobre 2013, che riguarda l’esteriorizzazione. Direi che qui cio sono alcune risposte…

    “Riguardo all’Esteriorizzazione ne sappiamo ben poco.
    Argomento estremamente affascinante ma piuttosto sconosciuto.
    Il Dizionario Tecnico ci indica che si tratta dello stato del thetan che è al di fuori del proprio corpo, ma a memoria, non ricordo niente di scritto da Ron dove dia delle informazioni più dettagliate su questo fenomeno, quindi ritengo che cercare di spiegare una cosa del genere sia del tutto impossibile.

    Magari esistono gradienti di esteriorizzazione, magari l’Esteriorizzazione segue passo passo la scala di Consapevolezza così come descritta nel quadro dei gradi e man mano che la persona progredisce ne ottiene una percezione sempre più nitida e tangibile.

    A) Vediamo…il primo passo potrebbe essere quello in cui una persona, durante il proprio percorso, si estroverte sempre più facilmente sino a scoprire di occupare uno spazio esterno ben più ampio di quello delimitato dal proprio Corpo Fisico.
    Non è staccato dal proprio Corpo ma ne è sicuramente fuori, anzi, il Corpo è un costante pungolo che attrae l’attenzione del Thetan con un cumulo variopinto di sciocchezze.
    A questo proposito ricordo una simpatica descrizione data in Comprendere L’Elettrometro, in cui Ron descrive una scheggia o una spina in un pollice dove il pollice rappresenta il Thetan e la spina il Corpo.

    B) Potremmo anche speculare sul fatto che due Esseri in perfetta armonia e con un elevato grado di Affinità possano “sentire” di trovarsi nel medesimo posto benchè i rispettivi Corpi si trovino in due differenti localizzazioni geografiche.
    Ma questo fenomeno lo classificherei sotto il nome di “Comunicazione Telepatica”, il primo Thetan vede, sente e percepisce sia il secondo Thetan che l’ambiente a lui circostante.
    Vede quello che fa, e prova quello che l’altro stà provando.
    Il secondo Thetan è consapevole della “presenza” del primo Thetan.
    Se l’affinità tra i due è particolarmente alta, questo tipo di “esteriorizzazione” è possibile, ma ripeto, la giudico meglio sotto l’aspetto di una perfetta intesa Telepatica.

    C) Un differente gradiente su questa ipotetica scala potrebbe essere quello in cui adagi il Corpo in una comoda posizione e senti “click”, il corpo diventa incosciente oppure si addormenta e tu ti ritrovi accanto a lui.
    In quel caso non lo degni di uno sguardo ma ti interessi immediatamente all’ambiente che ti circonda….e di solito la cosa ti frega perchè nel farlo consumi qualche tonnellata di energia.
    Questa condizione, quando capita dura sino a cinque minuti circa, poi ti addormenti e sogni (alla base di questo fatto esiste un ben preciso fattore tecnico).

    D) Potrebbe poi esistere quella particolare Esteriorizzazione che avviene ogni volta che una persona si addormenta, ma che solitamente non viene riconosciuta.
    Il Corpo si addormenta e tu sei li vigile come non mai e ti rendi conto che ti sei appena staccato dal Corpo.
    Normalmente questo tipo di esperienza si trasforma in quello che oggi viene definito “sogno lucido”, sei completamente consapevole come Essere e sai perfettamente che possiedi un Corpo che sta dormendo da qualche parte.
    In questo caso sprechi solo poca energia, quindi l’esperienza dura più a lungo, sei convinto che si tratti di un sogno e quindi non presti molta attenzione al cambiamento di ambientazione al suo interno.
    In questa condizione riesce a sperimentare diverse cose, rispolveri abilità che credevi di aver perduto ed in generale è un ottimo campo di addestramento per il passo successivo.

    E) Quello che definirei l’ultimo passo (sempre su questa ipotetica scala) è quello di staccarsi completamente dal Corpo ed uscire dall’Universo MEST.
    Questa è di gran lunga l’esperienza più proficua per un Thetan, perchè scopre che non solo non ha la necessità di avere un Corpo in un Universo che LRH ha definito (non ricordo più dove, scusate) “non più grande di una scatola di fiammiferi”, ma sa che lui possiede “Sapienza” e “Sapienza Totale”.

    Ma dopo una simile varietà di ipotesi, mi viene da domandare: “Ma dove diamine si trova quel fantomatico Thetan che è appena uscito anche dall’Universo MEST”?
    E chi lo sà…potrei azzardare l’ipotesi di un Universo Theta…

    So per certo che, se vuole mantenere il proprio Corpo ancora in vita, deve fare in fretta a rientrare perchè il tempo al di fuori del MEST passa molto diversamente…anzi, qualcosa mi suggerisce che lì, in quell’improbabile luogo, il tempo non scorra affatto…ma questo è ben differente all’interno del MEST.

    Perciò…. : non saprei proprio dove indirizzarti per trovare questo tipo di informazioni.

    L’unico consiglio veramente utile che posso fornire è quello di proseguire sul prossimo gradino del Ponte, non importa che tu sia su Grado uno o su OT 7, con il massimo della serenità prosegui.

    La regola fondamentale è sempre la stessa ed è sempre valida: “L’ammontare di Carica eliminata dal proprio Caso determina……la fine della frase la lascio a voi perchè sicuramente la conoscete”.

    Con Amore e Ammirazione
    Richard

  11. Richard

    Ciao ragazzi.
    Ciao David Effe, se puoi fatti vivo oppure semincosciente 🙂 devo farti un paio di domande.

    Con Affetto Richard

    • David F.

      Semicosciente.

      Pubblicamente oppure in privato?

      • P.S.
        Bello David Effe.
        Grazie dell’idea =)
        (Così non ci confonderemo più con David)

        • Diogene

          Ti cedo il brevetto, David Effe… (non sono Richard, ma soltanto Cesare).

          Ottimo per aver corretto quell’infelice “semincosciente” (che mi aveva quasi disturbato) nel più favorevole ed esatto “semicosciente”.
          Non sono dettagli da poco per chi ama andare nel dettaglio.
          Ciao.

          • Candido

            DIZIONARIO ITALIANO HOEPLI:
            Stato crepuscolare: stato psichico di SEMINCOSCIENZA

            …Nel giro di secondi o minuti solitamente i parametri vitali ritornano nella norma, mentre dura più a lungo la stato di incoscienza o di SEMINCOSCIENZA (TRECCANI)

          • David Effe

            Ciao Cesare.
            Grazie per la concessione ☺.
            Ti confesso però di non essermi davvero accorto di quell’ “infelice” “semi-incosciente”, ma di aver letto e capito invece “semi-cosciente”.
            E quella (semi-cosciente), era soltanto la mia risposta, non una correzione!
            Beh, forse hai davvero ragione che amo la precisione dei dettagli, ma soltanto quando mi spiego, non riguardo al mio “ego”.
            Davvero, chi mi conosce sa che non sono molto suscettibile sul piano personale ☺.
            Sono altre invece le cose su cui faccio fatica a passare allegramente…
            Per esempio… visto che ormai siamo in argomento, sono giorni che ho un sassolino o due nella scarpa, e riguarda alcune affermazioni di Elizabeth sul fatto che Ron fosse terrorizzato dalle entità, e che fosse morto nel terrore… O sul fatto che lei abbia fatto molto più auditing di Ron, e che quindi lei si ritenga in qualche modo “più in gamba, più intelligente, o coraggiosa, o superiore” a LRH (lo so che questo non lo ha espressamente detto, ma lo si può facilmente dedurre…). Beh, non so se ridere o piangere… Ad ogni modo se vorrà controbbattere allora tirerò fuori un po’ della mia “suscettibilità” 😊.

            Infine dico a Richard di contattarmi qui per le domande: davidferra@hotmail.it
            Dai che sono curioso!
            (di vedere in che stati versa la mia telepatia…)

  12. silvia

    Bellissimo il quadro di Buzi…. e bellissimo questo silenzio.
    Per chi ha sperimentato una determinata situazione sa che non si può spiegare il … nulla/pieno …. tutto il resto è MEST e Theta gioca col MEST che crea man mano in tempo presente a livelli diversi.

  13. Diogene

    hallo everybody!
    Sono appena uscito da un cinema dove ho visto l’ultimo film di Luc Besson: LUCY.
    E’ esattamente il film che mi aspettavo di vedere e non mi ha deluso. E’ ovviamente una parabola filmata con un linguaggio moderno che può comunicare qualcosa anche ai più sprovveduti. A chi è piaciuta la saga di Matrix, penso che gli gusterà anche questa pellicola in cui, fatta la tara degli stereotipi e del necessario filo narrativo, il messaggio va dritto al sodo. Per lo meno penso che possa arrivare agli scientologist intelligenti e sufficientemente umili da riconoscere che non sono gli unici su questa Terra ad avere una visione di una realtà che va ben oltre il credibile.
    Nel poco spazio di un film Luc Besson illustra un’accelerazione da zero a cento che deve far riflettere su quanto invece sia lungo e imprevedibile il percorso evolutivo.
    Ripeto, è una parabola, ma vi ritroverete (come è successo a me) molte delle vostre cognitions e vi auguro di sfornarne ancora. Dopotutto, questo è pane per i nostri denti.

  14. Richard

    Ciao Ragazzi

    Grazie Diogene per la dritta sul film, comunque, personalmente preferisco il vocabolo “semincosciente”, lo trovo più ridicolo.
    Ma forse questo fa parte della mia innata e molto infantile voglia di giocare.
    Ad ogni modo apprezzo l’appunto.

    Ciao David Effe, voglio solo farti un paio di domande e spero che non ti senta infastidito a rispondervi.
    A che punto sei sul Ponte? Dove e quando prevedi di fare il tuo prossimo gradino?
    (nota bene quanto io sia disinformato su cose di vitale importanza)

    Queste sono le domande, in base alle tue risposte, se vuoi darle, vorrei darti un paio di consigli nella speranza che questi possano venirti in qualche modo utili.

    Con Affetto

    Richard

  15. Ciao Ragazzi, pubblico qui un commento di Alberto che cerca un Twin…..

    Ciao Francesco.
    Volevo sapere se conosci qualcuno che desidera fare il twin e salire il bridge qui nella bassa friulana?,per il resto un saluto a te e famiglia e ci sentiamo via telefono.

    Fra

  16. Ciao Richard,
    il mio livello di caso è Scn Drug RD.
    Leggo ora il commento di Francesco, riguardo Alberto che cerca un twin. La tua domanda ha a che fare con ciò?

    Idealmente vorrei fare il vecchio Ponte con Dianetics prima, ed i Gradi di Scn poi (com’è infatti alle Ron’s Org).
    Purtroppo non penso ci siano auditor italiani addestrati su quel percorso (e questo è il motivo per cui ho dato il via alle traduzioni. Lo so, è un progetto a lungo termine, ma da qualche parte dovevo pur iniziare). Per cui se ci fosse qualche opportunità di arrangiarsi in qualche modo fino almeno a Clear, allora ci penserei su.

    Ad ogni modo preferisco discuterne in privato via mail, oppure usare Francesco come tramite, che ha vari miei recapiti.
    Grazie!

    • paolo facchinetti

      Quando ho cominciato la mia avventura in Scn e il mio auditing, nel ’75, alla base del Ponte vi era proprio Dianetics. Dopo i TR’s, gli Oggettivi e un po’ di Self Analisi si cominciava il Dianetic Drug RD. Anche per ciò che riguardava il training uno prima diventava auditor di Dianetics e poi poteva addestrarsi per diventare auditor di Classe IV. Per quel che mi ricordo, prima dell’avvento del Dianetic Clear e del Natural Clear, nessuno a Milano Org aveva completato il Dianetic Dr RD. Bastava aver preso un paio di aspirine e bevuto un paio di wisky per avere davanti a sé qualche decina di intensivi di auditing da fare. Auditing fantastico ben inteso! Per alcuni il miglior auditing che fosse possibile ricevere. Poi ci fu la nuova versione del ponte che metteva Dianetica dopo i Gradi ma consentiva di fare solo i procedimenti principali di ogni grado (i cosiddetti Gradi Quad) dando la possibilità poi di fare tutti i procedimenti dei gradi (i Gradi Espansi) dopo OT III X (al tempo NED per OT non esisteva ancora). In realtà non ho mai visto nessuno fare i gradi dopo OT III X perché l’attenzione del pre OT a quel punto era sull’andare avanti e fare i gradi sembrava un tornare indietro. Quindi, sebbene tutti questi percorsi abbiano avuto e hanno tutt’ora una loro logica, considero che sia buona cosa fare i Gradi prima di Dianetica, altrimenti si corre il rischio di non farli mai più e i gradi sono fondamentali per consentire un effettivo cambiamento in questa vita. Inoltre come gradiente di confronto i gradi tendono a riguardare soprattutto episodi di questa vita e lock mentre con l’auditing di Dianetica si percorrono secondari ed engram, vite passate e (ahi! ahi!) molto spesso implant!

      • Paolo… I am with you on your reality. I did the OLD WAYS my self and it worked wonderful… 🙂

      • Molto interessante.
        Questi sono proprio gli aspetti che desidero indagare.
        Sono “leggermente” ossessionato dal concetto di Verità.
        Ed nel mio modo di vedere, la verità è una linea retta, che scorre pulita, senza alcun sobbalzo: l’esatta sequenza degli avvenimenti, senza alcuna distorsione, senza alcun alter-is.
        Questo è il mio fine ultimo: comprendere esattamente che cosa sia successo in Scientology. Per filo e per segno.

        Grazie.

        P.S. Riguardo ai Gradi, può essere vero che di solito sono orientati alla vita attuale.
        Non dimentichiamo però che in molti procedimenti troviamo la dicitura: “Non limitare il pc alla vita attuale usando terminali specifici (ad esempio “Paolo”). Usa invece terminali generici. Scopri cosa “Paolo” sia per il pc: un marito, un insegnante, ecc…”
        (Sono andato a memoria, perdonate se la citazione sia imprecisa).

  17. Tony Pacati

    ciao Paolo,
    alla luce della tua lunga esperienza, oggi, cosa pensi del fatto di fare i gradi dopo ot3, per chi non li ha mai fatti prima?
    Anche io una volto lo vedevo come un tornare indietro, adesso mi sembra che mi manchi un pezzo importante di ponte e che potrei averne dei guadagni che non troverei da nessuna altra parte, salvo magari farli in solo (non so se sia tecnicamente possibile e se qualcuno mai ha provato una cosa del genere)
    mi interessa molto un tuo parere.
    grazie e ciao

  18. paolo facchinetti

    consiglio vivamente di farli; non necessariamente tutti i procedimenti per ogni grado, ma… quanto basta! Se auditi da un auditor andiamo sul sicuro… in solo non so, si può provare

    • Marco

      Riguardo a quanto chiedi Tony, se posso aggiungere la mia esperienza…

      I gradi fatti ad un livello di conoscenza e consapevolezza superiore, superirore rispetto al livello di una persona neofita che entra in Scn e subito comincia il Ponte facendo i gradi senza molto studio o competenza, devo dire che sono un’altra cosa.

      I gradi trattano vari argomenti (comunicazione, Problemi, O/W, ecc.) e se fatti con un punto di vista… “consapevole di essere consapevole” già raggiunto, beh, danno dei guadagni e raggiungimenti molto, molto più elevati, che non fatti da un “persona green”.

      I gradi sono senz’altro dei procedimenti che nel dare guadagni, si adattano, si modellano, in base al livello di consapevolezza della persona.

      Quello che voglio dire è che i gradi non sono per niente inferiori a qualcos’altro… ma invece “rannano” ciò che c’è li da rannare… al livello di realtà del rannato (e non sto parlando di rane 😉

      Bellissimo l’articolo di David Mayo su questo argomento:
      https://lareception.wordpress.com/2013/01/28/pensieri-sulla-carta-dei-gradi-e-abilita/

      • Tony Pacati

        grazie Paolo, grazie Marco,
        le vostre risposte confermano il mio pensiero e penso che mi muoverò in quella direzione, con un buon auditor naturalmente.
        Ho riletto molto volentieri l’articolo di David Mayo in, come si dice? “una nuova unità di tempo”. E’ molto bello ed interessante.
        Sono sicuro che una stesa domanda di auditing, rivolta ad un criminale, ad un “green”, ad un nuovo scientologo, ad un “vecchio” scientologo od ad un santo, produce risposte e cognition molto diverse. E lo stesso penso accadrebbe se posta alla stessa persona ma a distanza di anni, specie se durante questi anni la persona sia progredita nella sua evoluzione spirituale.
        Mi sono fatto l’idea che nel progresso sul ponte, non si incontrino cose “nuove”, che siano oltre l’ARC, la comprensione, l’etica, la responsabilità, la conoscenza, l’estetica ed il buon senso. Si possono trovare e sperimentare sorprendenti tecniche nuove, alle quali nessuno aveva mai pensato, ma le cose verso cui andare resterebbero le stesse elencate sopra. Il cambiamanto, l’evoluzione, sarebbe nella quantità.
        Non credo che nessun guadagno sia definitvo e “per sempre”, pensate solo ai rudimenti. Non è che una persona li percorre bene una volta e poi è ok per sempre. E perchè questo dovrebbe succedere per altri tipi di auditing?
        Più si sale in alto è più si vede lontano, in tutti i sensi.
        Prendendo spunto da quanto dicono Paolo e Richard, pobabilmente i gradi andrebbero ricevuti, poi studiati poi dati ad altri. A quel punto, proseguendo anche con tanti altri rd, una persona potrebbe essere in grado, un giorno, anche di usarli, non dico “in solo” ma “da solo”, quando necessario, e penso che nella vita reale possa essere necessario MOLTE volte.

  19. lion

    Esattamente cosi spiegato. Io sto operando da un piano diverso dal vostro, non è più quantizzabile in termini vostri umani ciò che vedo. Un abbraccio di luce a voi cari amici. E mi sto staccando sempre più anche da questo.Al prossimo contatto

      • Marco

        lion puoi spiegarti meglio?

        A cosa ti riferisci quando dici “esattamente cosi spiegato”; spiegato cosa?
        E quando dici “non è più quantizzabile in termini vostri umani” ; queal’è l’argomento?
        E “mi sto staccando sempre più anche da questo” ; da cosa?

        Insomma puoi “esplodere” (termine tecnico) un pochino di più il tuo pensiero?

        Grazie

      • lion

        ..non siete soli…nessuno è solo. Ma lo sapete già. Much love And a powerful ray of light

    • Ognuno opera secondo il suo punto vista, su ” Io sto operando da un piano diverso dal vostro, non è più quantizzabile in termini vostri umani ciò che vedo”
      su questa tua affermazione mi farebbe piacerebbe conoscere qualcosa di più sulla tua esperienza.
      Sono d’ accodo con te quando affermi ” Non sono solo”

  20. Richard

    Ciao Lion, benvenuto.

    Veniamo a noi David Effe, preferisco scrivere sul blog perché quanto ho da dire coinvolge altre persone e preferisco che abbiano la possibilità di commentare ciò che scrivo.

    Le domande che ti ho posto servivano per definire un punto di partenza ed andare un poco più a fondo alla faccenda che riguarda il tuo interesse nei confronti delle Ron’S Org.

    Sei libero di non accettare questa comunicazione o di rifiutare di rispondere, é un tuo sacrosanto diritto.

    Ti chiedo di lasciar stare i sassolini nelle scarpe che ti infastidiscono, Elizabeth ha espresso una sua opinione riguardo a Ron, potrebbe essere giusta o sbagliata ma resta sempre un opinione e non credo che qualcuno possa sapere a quante ore di Auditing si sia sottoposto LRH.

    Credo che l’unica certezza da mantenere riguardo al Fondatore di Dianetics e Scientology sia quella che senza il suo lavoro, senza la sua opera di ingegno, oggi non avremmo quelle discipline e non potremmo star qui a parlarne.

    Hai scritto un bell articolo, in precedenza, riguardo lo studio e l addestramento, ma non ho potuto fare a meno di notare una piccola incongruenza.
    Hai scritto che ti sarebbero bastati circa due mesi per insegnare ciò che sai, riguardo a Scientology, ad un amico ma…saresti stato in grado di trasmettergli anche l’esperienza che hai accumulato nei tuoi dieci anni di studi? E sopratutto, quel tuo amico avrebbe raggiunto, al di là di ogni ragionevole dubbia, la Consapevolezza che tu stesso hai raggiunto?

    Ma credo di sapere già le risposte.

    Ora, é vero che il Ponte ha subito vari cambiamenti nel corso della storia ed il cambiamento, forse, più insignificante è proprio quello di spostare i Gradi di Scn prima dell’ Auditing di Dianetics.

    In parte sono daccordo con Paolo su ciò che afferma ma devo ammettere che i risultati maggiori, ottenuti nella parte inferiore del Ponte, li ho conseguiti con l’ Auditing di Dianetics, sopratutto con il suo Drug Rundown.
    E devo anche dire che i risultati maggiori sui Gradi li ho ottenuti audendoli ad altri Pcs; ma ho trovato nei Gradi inferiori un perfetto gradiente verso i Livelli OT.

    Ma in questo caso non saprei come consigliarti, puoi solo rimetterti alla programmazione del tuo C/S.

    La mia curiosità é diretta verso il fatto che tu abbia deciso di intraprendere il percorso proposto da Bill Robertson e non riesco a capirne bene il perchè.

    Esiste un Ponte Standard che và da Clear sino a Solo NOTs, questo percorso é riconosciuto dalla Chiesa di Scientology e dalla Free Scientology, perchè non cominciare con quello?

    Certo, devo ammettere che a volte siamo degli emeriti zucconi, anche il nostro Senior C/S appare esserlo mentre invece é un personaggio amichevole, un ottimo Auditor ed un ottimo C/S, poi abbiamo Ignazio che sarebbe disposto a legarti alla sedia di Auditing per farti finire NOTs Audita nel minor tempo possibile.

    Quello che voglio farti capire é che abbiamo abbondanza di personale qualificato in grado di aiutarti proprio qui in Italia.

    Francesco ti può essere di grande aiuto nell’indirizzarti verso i terminali giusti.

    Ci sono un paio di cose che voglio portare alla tua attenzione:
    Da quando è apparso il Livello OT 3, questi ha subito diversi cambiamenti.

    Il primo vero EP di questo Livello (senza parlare di nulla che possa essere confidenziale) era EXTERIOR.

    Il Thetan doveva aver conseguito la capacità di Esteriorizzarsi a piacimento dal proprio Corpo, e non solo per una fugace visita all’esterno.

    Questo EP si verificava solo in pochi casi.

    Venne allora introdotto il Rundown dell’ intenzione di OT 7 e la persona veniva rimessa su OT 3 Espanso che consisteva nel ripassare attraverso all’intero Livello in una nuova unità di tempo, nella maniera più completa.

    Anche in questo caso le percentuali riguardanti ai Fenomeni Finali pienamente raggiunti era molto bassa.

    A questo punto è avvenuto un ulteriore cambiamento, cioé, dopo che si fosse ritenuto che il Pre OT avesse concluso OT3 ed OT 3 Espanso, anche se l’ Esteriorizzazione non aveva avuto luogo, il Pre OT veniva indirizzato su OT 4 e la prima azione che doveva compiere, con l’ausilio di un Auditor di un Classe 8 era quella di riverificare conmpletamente il materiale di OT 3 sino a raggiungere l’agognata Esteriorizzazione.

    I Livelli OT dal 4 al 6 erano stati designati per un Thetan Exterior, ma a quanto pare questo si verificava solo nel 2 o 3 per cento dei casi.

    Devo farti notare che le tecniche di Auditing utilizzate in quei periodi erano molto più professionali, il Caso veniva scavato molto più in profondità e su OT 3 c’era sempre disponibile un Auditor di Classe 8 per aiutare il Pre OT in determinati casi che erano considerati cruciali.
    Questo era lo Standard del tempo.

    Oggi OT 3 contiene solo il 25 % dei dati originali, molti sono stati tolti, OT 3 Espanso è sparito dalla circolazione ed in media è stato abbassato lo Standard generale dell’ Auditing.

    All’inizio si cercava a tutti i costi di produrre un OT, ora si cerca di produrre un Clear di standard molto più elevato.

    La persona su OT 3 viene indirizzata all’ Auting di NOTs appena possibile.

    Ma esistono dei validi motivi per tutto questo, uno dei quali ha a che fare con un errore di valutazione commesso da Ron enormemente aiutato da falsi rapporti, falsi rapporti che venivano forniti in maniera più o meno inconsapevole, molti di questi erano basati su malcomprensioni riguardo al Thetan ed all’ Esteriorizzazione.

    Ron sapeva molto bene cosa stava cercando, conosceva la meta da raggiungere, ma ha erroneamente omesso dei dati, oppure quei dati non erano ancora completamente stati sviluppati e formulati in quel periodo.

    Bene, se ho detto che esiste un Ponte ritenuto Standard sino a Solo NOTs posso concedermi di dire che al di sopra di tale Livello non esiste ancora niente di Standard.

    C’è un idea che gira indomita nella mia mente da diverso tempo, uno spunto positivo l’ho avuto da Elizabeth la quale si è dimostrata più che ben disposta a fornirci i materiali sui quali si atà audendo da diverso tempo.

    Non mi sembra che abbia mai chiesto un solo centesimo in cambio e questo lo metto di diritto sotto la definizione di Responsabilità.

    Io ed il mio team di ricerca abbiamo sviluppato altri materiali, questi sono stati mandati al Senior C/S ed anche in questo caso non è mai stato chiesto un solo centesimo per il lavoro di ricerca fatto.

    All’inizio avevo in mente di spedire quei materiali ad un altra persona, ma non ho avuto più sue notizie dal Novembre dell’ 81, sapete, un tizio dai capelli rossi, nato nel 1911 a Tilden Nebraska.

    Ma abbiamo deciso che Paolo era il sostituo perfetto 🙂

    Adesso veniamo al dunque, premetto che non ho chiesto ancora ai ragazzi de La Reception come vedono l’intera faccenda e se anche loro possono essere daccordo su di un progetto così folle.

    Perchè non creare un paio di Ambasciatori della Tech, che, sotto una valida Supervisione raccolgano e scambino i materiali tra i vari terminali tecnici dei vari gruppi disseminati in tutto il globo terracqueo nel tentativo di scegliere, unire, scartare o semplicemente affinare le varie tecniche di Auditing sviluppate in questi ultimi anni di modo di aver un vero Ponte funzionante perfettamente da Clear a OT?

    Da parte mia non trovo nessun tipo di problema a far visionare i materiali che abbiamo compilato in questi anni e spero che anche altri gruppi possano fare la stessa cosa.

    Ho avuto modo di vedere i benefici del lavoro fatto da Paolo sui materiali che ci ha aiutato a sviluppare e la cosa mi ha stupito in maniera molto piacevole.
    E’ stato in grado di rendere l’Auditing più scorrevole ed efficace, possiamo migliorare ancora?

    Quindi, caro David Effe, potrebbe essere questo uno scopo, per te, sufficientemente interessante per farti muovere velocemente sul Ponte in Italia sotto la guida dei nostri abili C/S?

    Chi altri potrebbe essere interessato ad un progetto del genere?

    Tenete conto del fatto che la cosa, se decisa ed approvata, deve necessariamente essere gestita da un personaggio tecnico di grande spessore, direi almeno, di uno spessore tra i 30 ed i 40 centimetri 🙂 .

    Non mi dispiacerebbe che ad un simile progetto aderissero varie persone e per fare un nome tra i tanti nomino Silvia Kusada.

    Tenete conto che nelle nostre ricerche abbiamo preso vari spunti tra molte persone che hanno lavorato nel campo della ricerca e dello sviluppo di tecnologie di Auditing dopo che Ron si è dato alla macchia.

    Molti di questi hanno pubblicato i loro lavori sul web ed abbiamo cercato di individuare le cose più funzionali e scartare quelle che producevano scarsi risultati, il tutto con la tecnica della sperimentazione.

    Ti ringrazio comunque per l’invito a visionare le tecniche e gli esercizi di telepatia, ma ho navigato tra ricerche telepatiche e remote viewing quanto basta per capire che non portano molto lontato.

    Io non considero l’Universo MEST un illusione, lo considero un Illusione Ingannevole e dal mondo dal quale provengo la telepatia è il metodo standard di comunicare.

    Con Affetto

    Richard

    • Richard I know this blog is your domain.. you are the God here, but any other place where people know and practise good manner the person who addresses us would be AKNOWLEDGED that is common courtesy, and it was part of the communication course!

    • Richard… I belong with a small group of SOLO AUDITORS and we share our realities and our wins… We do not tell each other what to audit, what technique to use and we do not C/S each other sessions.
      We have found each other and this is not a Secret Society, we just do one thing daily we get into session and with that we confront the Unknown..
      We do not compare, we do not evaluate each others win because by now we know that each persons universe is very different from the other and Universes can not be compared since we all are where we are, where we need to be in order to do the next step.
      But we know what it takes to get into session day after day, year after year decade after decade… and what kind of person, what kind of will power, determination we have in order to continue.
      These OT’s been doing it for decades but I am the one who is at it the longest over 4 decade therefore my realities because of many cognitions are very different but the years in session do not count, nor how many cogs I have had, that did not make me a leader of the group and never will.
      We are where we need to be and not one cognitions have more importance than the next so there is no superior OT who knows the most.
      But we know who we are because we continue daily and that makes us equal.
      We are equal but have different realities.
      We can not do anything for each other beside be there and acknowledge each others presence and communication and that is all about for us and that is enough because the Spiritual Journey is a lonely journey only one can walk that path: the same person who created that path.
      Best to you on your journey.
      Elizabeth

      • silvia

        Salve scusate l’impertinenza .. ma vorrei fare un’osservazione .
        Dunque… qui Elizabeth dice che bisogna fare session e session ecc all’infinito per questa vita e anche per altre … MA … domanda

        1 -la prossima vita sei certa di ricordarti dove eri arrivata la vita precedente ? ( non pare che ci sia qualcuno che lo abbia dichiarato )

        2-Elizabeth dice che ognuno ha la sua realtà …. ed è ovvio … quindi i problemi di 2 – 3 ecc dinamica non verranno mai risolti perchè ….. a meno che tu decidi di non più creare la tua realtà che entra in accordo ad altre realtà ..questi non vengo risolti ( quindi i buoni propositi di Marco ….)

        3-sappiamo che THETA crea realtà per gioco e va in accordo con essa per poter giocare ….. e questo lo fa in tempo NON esistente che nel MEST viene chiamato tempo presente e quindi una persona va in session ma dopo OT VII ( da quel che ho percepito) può creare sinultaneamente alla session che sta svolgendo la traccia su cui operare e trovare cognitions ecc ecc ecc a iosa tanto è ” THETA” che sta creando e lo fa all’infinito ( mest)!!

        Conclusione ….. il NULLA/PIENO dove NON c’è gioco è difficile da confrontare !!!

        • Ciao Silvia, belle e interessanti le tue osservazioni e sento di portare il mio pensiero su questo argomento che non semplice da illustrare con parole e simboli.

          1- in merito al ricordo dopo una morte del corpo, per adesso non so ancora cosa gli succederà anche se un idea è già presente , mentre per quanto riguarda l’ essenza che rappresento la sento come il fatto di essere dove l’ esperienza passata ‘in questa vita o altre vite’ diventa solo esperienza, questo mi da molta tranquillità nell’ avventura.

          2- Si ognuno di noi ha la sua realtà ma cosa è la realtà’ ? Attraverso l’universo mest consideriamo realtà quello che si percepisce e si compara il tutto con le sue leggi , un altra realtà sarebbe l’essenza o il motore di questa realtà mest, qui postuliamo che è uno statico (senza mest).
          Possiamo vedere e quindi osservare che il theta osserva una creazione e dalla sua creazione osserva se stesso , tutto questo appare come mest e i suoi diversi punti di vista, realtà differenti, un tempo lineare, uno spazio, l’ energia e la materia, la creazione
          Non penso che il problema principale sia il come risolvere l’ 2′ 3 …………….dinamica ma sia rendere ok il punto di vista dell’ osservatore che guarda e tiene viva l’ illusione, forze dovremmo avere un terzo punto di vista che guarda i due punti di vista e se siamo tutti interconnessi, altri punti di vista potrebbero osservare l’osservatore, un effetto sarebbe che il tempo non sarebbe più lineare ma circolare, quanto piccolo? Fino ad essere un punto.
          Adesso anche i fisici rivalutano la teoria di David Bohm e arrivano a dire che la nostra realtà vive in un universo olografico dove spazio, tempo e energia non esistono, qui hanno un problema e si bloccano nelle loro formule matematiche cosa fanno, inseriscono degli arbitrari sempre nuovi tipo il bosone di Higgs, se nell’ equazione inserissero theta avrebbero una costante e la soluzione

          3- su questo punto ‘ il NULLA/PIENO dove NON c’è gioco è difficile da confrontare !!!’
          sono due punti di vista che si inter scambiano, penso che il gioco come particelle o fotoni in movimento non sia necessario a risolvere il problema, importante è essere lì e potremmo dire come ho detto al 2 un terzo osservatore che osserva le due realtà e trae la sua realtà su questo gioco.
          Questo dovrebbe portare auditing e studio e in questo includo le filosofie spirituali in generale, quanto di questo è necessario, quanto basta.

  21. paolo facchinetti

    Piccola precisazione per Richard. Non ho detto che l’auditing sui gradi sia migliore dell’auditing di Dianetica, Ho detto che è meglio fare PRIMA l’auditing sui gradi e POI quello di Dianetica proprio perché l’auditing di Dianetica è un gradiente più alto rispetto ai Gradi. Sono d’accordo che è quasi meglio studiare i gradi che farli in auditing, ma perché non fare tutte e due le cose? Grado IV poi è parecchio importante. Purtroppo nella checklist ufficiale mancano dei procedimenti che permettano di “scovare” i Service Fac più nascosti, ma David Mayo a suo tempo aveva estratto dai nastri di Ron sull’argomento procedimenti più mirati ed efficaci che abbiamo tutt’ora a disposizione, per non parlare poi di Dianasis che riprende il vecchio auditing sui GPM ma in una versione più comprensibile ed utilizzabile. Invidio a Richard il suo fantastico ottimismo sui livelli di coscienza delle persone e spero proprio che sia come ha detto lui in un suo scritto che forse conosco al momento solo io e cioè che se uno al suo livello pensa qualcosa è molto probabile che quella cosa accadrà!

    • Ciao Richard,

      sulla tua domanda “Chi altri potrebbe essere interessato ad un progetto del genere?” il tuo messaggio risponde in pieno a quello che stavo aspettando da un pò di tempo, su questo accetto volentieri il tuo invito.
      Mi aggiungo al dibattito in corso su come è meglio procedere sul ponte, se guardo il cambiamento del mio essere da adesso a quando ho iniziato Scientology vedo la grandezza della mia decisione e posso dire che per me non potrà mai più essere come prima ,concordo pienamente con Paolo che scrive
      ” Ho detto che è meglio fare PRIMA l’auditing sui gradi e POI quello di Dianetica proprio perché l’auditing di Dianetica è un gradiente più alto rispetto ai Gradi”
      è capitato anche a me , all’ inizio dei gradi mi ero intestardito di fare prima Dianetica perchè era quello che io sentivo, anche se non d’ accordo feci il percorso standard, stesso atteggiamento di dire lo faccio dopo con lo studio dove spesso mi pesava e pensavo di perdere tempo, ma con il senno di poi il CS aveva pienamente ragione, forse avrei fatto il Clear ma gurdando la cosa, il prodotto finale sarebbe stato molto più scarso, studio e auditing e pratica sono l’essenza della filosofia di Scientology e quando guardo il mio cambiamento vedo la grandezza del lavoro e posso dire che per me non potrà mai più essere come prima e in questo contesto ma al di fuori della S.U. lo ritengo il percorso spirituale ottimale.
      Per quanto riguarda l’ esteriorizzazione e leggendo i post vedo che il tema è ostico e poco comprensibile, una delle cose da dire è l’ abitudine di un thetan che da diverse vite usa un corpo e si rapporta con del mest ci sono altri ambienti, altre lunghezze d’ onda che interagiscono intorno a lui ma un abitudine è un abitudine e lui sarà fissato maggiormente sull’ ambiente in cui opera, ma essere stabili, non avere valenze all’opera, non sentire blocchi e altro ancora diventa lo porterà a uno stato di essere completamente nuovo con alte percezioni, alta ARC e KRC ..
      Per l’ esteriorizzazione, il problema principale è il thetan che fa OVERRUN ‘ continuato troppo a lungo’oppure ‘ successo troppo spesso’ trovare l’esatto punto dove lui impazzisce è dove comincia a fermare le cose ci indica dove inizia l’aberrazione principale e una volta rimossa lo rende disposto ad occupare molto più spazio, nel percorso OT liberiamo diversi blocchi ma penso sarebbe opportuno rivisitare l’ultimo grande lavoro di Ron, gli Ls come valido apporto non solo per un esteriorizzazione stabile ma per lo stesso ponte OT.
      Sono d’accordo con te, il modo migliore di comunicare è la telepatia, senza simboli e parole il ciclo di com sarebbe ottimale.

    • Richard

      Ciao Paolo

      La precisazione é corretta!

      Con Affetto
      Richard

  22. GB

    Ciao a tutti,
    vorrei esprimere la mia opinione sui gradi, prima e dopo altri processing.
    Ma prima faccio una considerazione sui movimenti dell’ago dell’e-meter.
    L’e-meter legge solo quel che è disponibile in un dato momento. In altre parole l’accessibilità al bank è limitata da parte del thetan e aumenta via via che egli sale sul ponte. Ciò significa l’e-meter a un certo comando di auditing può non rilevare nulla, mentre lo stesso comanda dato in una fase successiva può leggere. Inoltre, un episodio che ha dato ago libero visto da altri punti vista può contenere ancora carica. Faccio un esempio: lo stesso episodio all’interno di una catena in NED può essere “cancellato”, ma può riemergere successivamente all’interno di un’altra catena perché osservato da un altro punto di vista.
    Questa premessa che cosa mi dice? Che un processing ha più efficacia se percorso al momento opportuno. In tal senso sono d’accordo su percorrere i gradi prima di NED. Dopo aver percorso i gradi l’ago è più sciolto, il PC percorre con più facilità e il bank è più disponibile per il thetan, così NED può lavorare più efficacemente. Ma credo anche che i gradi possano dare ancora di più se percorsi un’altra volta ancora più avanti sul ponte, magari dopo OT III. Sono sicuro che il pre-OT, facendo i gradi espansi dopo OT III, possa avere delle realizzazioni che non poteva avere prima di NED.
    Per gli stessi motivi credo sia proficuo intraprendere gli Ls dopo OT VII, così che il thetan abbia più traccia libera da percorrere. E credo anche che questi possano dare il meglio se subito prima, sempre dopo OT VII, si percorra Dianasis, così da liberare la traccia da tutti gli implant e GPM possibili.
    Queste mie considerazioni si basano esclusivamente su dati empirici, magari chi è più colto di me nello studio può inquadrare meglio o smentire queste riflessioni.
    Un caro saluto,
    GB

    • Luc

      Ciao GB, mi fa piacere che hai scritto. Hai assolutamente ragione, ed in più il tuo pensiero conferma anche quello che dice Ron su “la realtà è proporzionale alla carica tolta dal bank”.

      ARC
      Luca

    • Ciao GB,
      vorrei aggiungere solo un osservazione ‘Per gli stessi motivi credo sia proficuo intraprendere gli Ls dopo OT VII, così che il thetan abbia più traccia libera da percorrere’ e ‘Sono sicuro che il pre-OT, facendo i gradi espansi dopo OT III, possa avere delle realizzazioni che non poteva avere prima di NED’

      Quello che dici è giusto ma è altrettanto corretto dire che la capacità di comprensione del PC dipende anche in modo importante dal grado di studio che lui ha avuto, studio e l’applicazione della Filosofia aumentano la consapevolezza e vanno di pari passo con l’ Auditing, questa sarebbe la scena ideale.

      Cosa voglio dire, se gradiente dell’ auditing va di pari passo con lo studio e se questo avviene avremo il migliore risultato nel soggetto e gli Ls si possono dare già dopo il grado IV , dopo il clear dopo OTIII e OTVII e sono facoltativi, si possono anche aggiornare durante l’ avanzamento sul ponte e prevedono poche ore.
      Ned dopo OT direi che anche questo è soggettivo, ma rimanderei sempre il tutto a un analisi da parte del CS, del resto il ponte segnato non li prevede.

    • GB What I have experienced so far with different items which do come back on different levels that you are 100% right.. As the persons warns- confront expands we can see deeper, take off more layers on the same subject till we finally reach the Basic-Basic Cognitions.

    • Marco

      Il punto di vista di un grande C/S

      Di David Mayo
      “C’è una verità di base che gli assoluti sono inottenibili.
      Ora, quando una persona viene audita sulla comunicazione, lui si aspetta alla fine di attestare di essere in grado di comunicare a chiunque su qualsiasi soggetto.
      È detto in un modo diverso, lo sto solo parafrasando, ma di base significa essere capaci di comunicare sia a chiunque che a tutti su qualsiasi soggetto.
      E poi, se volete aggiungerci i flussi, essere capaci di ricevere comunicazioni da chiunque su qualsiasi soggetto e cosi via.
      Ora, se vogliamo essere davvero realistici, si tratta di una esagerazione.

      Le persone non raggiungono davvero questo quando vengono percorse sui procedimenti di comunicazione.
      Sicuramente la loro abilità di comunicare migliora, il che è grandioso.
      Ma io voglio dire – non esageriamo dicendo su ogni soggetto.
      Diciamo che, audiamo un soggetto sui procedimenti di comunicazione così che esso migliori il suo modo di parlare alla gente e di ascoltarla. Questo è qualcosa di veramente ottenibile.

      Andando oltre la comunicazione, sulla carta dei gradi, diciamo a livello tre, abbiamo le rotture di ARC.
      Non riuscirete a comunicare molto facilmente con gli altri se avete rotture di ARC. Quindi, se si deve parlare di questo in termini assoluti, non sarebbe possibile per nessuno ottenere l’assoluto di essere in grado di comunicare a chiunque su tutto, se questi ha una rottura di ARC.
      Ma le sue rotture di ARC non le avete ancora percorse, perché questo viene dopo. Di questo si possono vedere tanti esempi e spezzettarli un poco.

      Se una persona ha dei problemi, tende ad occupare la sua attenzione e questo lo rende meno fluente nella comunicazione. Infatti, dovrete maneggiare i suoi problemi prima di poter ottenere una comunicazione assoluta.
      E lo stesso si applica a tutte queste abilità.

      E ancora, se qualcuno diventasse un vero OT, dovrebbe avere tutte queste abilità.
      Una abilità assoluta in ognuno di questi livelli significherebbe che quel qualcuno avrebbe già ottenuto lo stato di OT, perché per poter comunicare con chiunque su qualsiasi soggetto, dovreste essere già OT.
      Un vero OT possiederebbe la totale abilità di comunicare.

      Questi livelli sono stati disposti in sequenza verso l’alto, il che penso sia fuorviante perché non sono affatto una sequenza verso l’alto. Non sono una cosa finita di per sè.

      Dopo che una persona ha migliorato la sua comunicazione ed è stato audito sui suoi problemi e Overt, e gli sono state percorse le rotture di ARC, e dopo che ha avuto i guadagni su ognuna di queste cose, allora forse sarà in grado di migliorare la sua comunicazione un poco di più, e poi migliorare la sua abilità di maneggiare i problemi un poco di più e così via e così via.

      Quindi, non penso che sia una sequenza passo passo che si compie una sola volta. Penso sia più critica. Penso sia un modo più accurato di guardare alle cose.
      Potete migliorare l’abilità della gente a comunicare. Potete maneggiare della carica sui problemi. Potete occuparvi di altre cariche, e infine potete migliorare la sua abilità di comunicare un poco di più.
      In questo modo, finirete con l’ottenere un incremento graduale di abilità.

      Il fatto che la carta stessa e la sequenza in cui è disposta continuino a cambiare di tanto in tanto, eppure venga promossa come la sola via o l’unica via standard, mi ha fatto pensare.
      Quindi ho deciso che fosse il momento di farne menzione perché, al di la di ogni altra cosa, le persone hanno delle perdite per via del modo in cui viene applicata.

      Se qualcuno completa l’auditing, diciamo nei procedimenti di comunicazione, raggiunge un punto dove ha ottenuto il massimo delle vittorie raggiungibili in quel dato momento.
      Non ottiene una totale abilità di comunicare. Invece, arriva ad un punto dove ottiene sollievo dalla sua inabilità di comunicare, o ottiene una abilità a comunicare, e si sente meglio, ma ciò è quanto può ottenere in quel dato periodo di tempo.
      Ora è pronto per continuare a fare altro.

      Se provaste a tenerlo su quel livello, otterreste un fenomeno che spesso viene descritto come overrun, benché io penso sia un termine sbagliato.
      In parte è una etichetta vera e in parte scorretta, ma siete giunti ad un punto dove state martellando il soggetto della comunicazione fino alla morte e dovreste essere su qualcos’altro.
      Poi, se togliete della carica sul soggetto dei problemi e così via, le persona sarà in grado di espandere e migliorare le sue abilità.

      Ora, solo perché egli ha attestato ognuno di questi gradi allora, se qualcosa di questi viene fuori più avanti o se ciò comporta che ha falsamente attestato, ecco una invalidazione.
      Questo è stato fatto molte volte negli anni passati.

      Lo vedete venir fuori in parecchie liste di auditing, cose tipo; “Gradi falsamente attestati?” e varie altre domande che sottintendono questo.

      Io penso che ciò inizi, non con quelle domande, ma col portare una persona ad attestare una abilità che viene dichiarata in termini assoluti.
      Ecco dove inizia.
      La persona si sentiva molto bene dopo una particolare session così ha attestato… “Si, posso comunicare con chiunque su qualsiasi cosa, ogni soggetto, ogni volta, in ogni lingua…”.

      Quello stato dura solo finché non si imbatte in una persona molto arrabbiata e belligerante, e potrebbe finire proprio li.
      Potrebbe iniziare a sentirsi parecchio timido, o potrebbero accendersi altre inabilità, perché non avete ancora percorso i suoi facsimili di servizio.

      Quindi, in ogni modo, penso che l’invalidazione inizi quando si fa attestare a una persona qualcosa che è una esagerazione di ciò che realmente ha raggiunto.

      Nei tempi remoti, non si faceva attestare nulla alle persone. Li percorrevamo su di un procedimento. Avevano dei guadagni. Non gli facevamo scrivere storie di successo.
      Una persona riceveva auditing perché voleva migliorare. Lo faceva. Aveva dei risultati. Era molto felice di quanto era successo, e anche gli altri lo erano.

      Pertanto era una missione completata. Ciò che cercavi di ottenere era stato raggiunto – una persona stava meglio.

      Forse poi voleva continuare e maneggiare qualcos’altro in modo da migliorare anche quello.
      Diciamo due anni dopo… quest’uomo ha fatto l’esperienza di vari guadagni e miglioramenti.

      Ora dice; “Ehi, ho ricevuto dell’auditing sulla comunicazione e sono stato in grado di parlare con la mia sciagurata zia e ora mi piacerebbe ricevere più procedimenti sulla comunicazione in modo da poter parlare alla folla e al pubblico”.
      Di sicuro non gli rispondereste; “Beh, questo vuol dire che prima non devi aver raggiunto tutto ciò che potevi”.

      Questo è ciò che si è portati a sottintendere con la carta della gradazione così come esiste.

      Allo stesso modo, quando una persona arriva a ciò che vengono chiamati livelli OT, e di colpo realizza che ha un problema e vorrebbe essere in grado di occuparsene e risolverlo, se a questo punto lo audite su problemi, ci sarebbe una forte implicazione che abbia attestato falsamente il grado 1.

      Questa sarebbe una grossa invalidazione dei suoi guadagni precedenti.

      Ora, mi piacerebbe che questa invalidazione finisse.
      Le persone dovrebbero venire audite, così che abbiano i guadagni che si possono avere da ognuno dei procedimenti quando ci arrivano.

      Poi, quando la consapevolezza della persona sale e ottiene vittorie in altre aree, possiamo ritornare a questi procedimenti, audirli nuovamente, e ottenere nuovi livelli di consapevolezza su quel grado.

      Io penso che, in questo modo e per la prima volta, otterremo risultati stabili sui pc, ad ogni livello.
      E penso anche che inizieremo a vedere poteri OT, i quali, se non altro, sono stati perlomeno molto sporadici nel passato.

      Penso che li vedremo verificarsi molto più di frequente, e certamente in modo molto più stabile.”

      David Mayo

  23. Luciano

    Esteriorizzazione. Interiorizzazione, creare un centro
    Se un thetan è uno zero con tutto ciò che ne conviene che cosa è che si esteriorizza .
    Il thetan è vittima di una verità auto creata ,e vittima di una “realta” chiamata maya (illusione) che costruisce un centro ed il continuo perpetrarsi del conflitto dualistico interno ed esterno .Naturalmente preciso è una mia posizione e una presa di coscienza suffragata dal percorso e studio che sto facendo .
    Laky

  24. kitrinos

    Grandioso!
    Secondo me questa grandiosità di intuizione va addirittura ad un gradino superiore rispetto a quanto scritto in Fondamenti del Pensiero (spero di non sbagliare libro, era comunque uno dei primi libri di Ron) dove diceva che lo stato migliore di un Thetan non è all’interno del corpo, ma staccato da esso, non importa a quale distanza, così da controllarlo comunque, ma da non esserne troppo coinvolto durante eventuali rotture o ferite.
    Interpreto che Ron intendesse comunque che la miglior condizione è di Exterior (al corpo). E anche agli occhi dell’articolo che sto commentando immagino che sia ancora valida l’affermazione di Ron che la condizione migliore per un Thetan sia da exterior al corpo, … ma solo se vuole giocare il gioco della vita e del MEST.
    Mentre se è distaccato e libero e non guarda e non considera neppure l’illusione del MEST evita il rischio di validare il MEST e ricadere prima o poi di nuovo all’interno di un corpo.
    Con simpatia.
    Kitrinos

  25. GB

    5702C28 17ACC-4 LE PARTI DELL’UOMO

    Si può così liquidare il significato dello studio dell’uomo quando si ha l’idea che l’argomento si estende oltre la comprensione umana, come ha fatto per 50.000 anni, perché la gente non poteva tollerare tutta questa semplicità. Il thetan non può essere percepito o misurato, perché lui stesso è fonte di percezione e di misura.
    Ma un individuo può esteriorizzarsi e sperimentare di essere un thetan. Non essendo in grado di percepire altri thetan, è facile che si senta come l’unico. Ora, per la prima volta, da varie manifestazioni e in ragione di ciò che sappiamo, siamo in grado di osservare questo in altri. Ci sono molti modi di sperimentare l’idea che qualcun altro si sta esteriorizzando: in primo luogo, i toni della voce cambiano. Un’altra cosa che è soggetto a fare è quella di ritirare la testa verso il collo.
    Egli è soggetto a fare cose diverse, ognuna delle quali manifesta l’esteriorizzazione. Egli si sente di dire un sacco di cose, nessuna di quelle cose manifesta esteriorizzazione ma una sorta di mistico sparpagliamento in tutto l’universo. Il thetan che è finito lì… in realtà non è lì.
    L’esteriorizzazione non è un fatto stabile. È il fenomeno di essere in una posizione o in uno spazio che dipende solo dalla propria considerazione, in grado di visualizzare da questo spazio il corpo e la stanza così come sono. Si può vedere o controllare il corpo a distanza. Se uno ha difficoltà a controllare il corpo da vicino, non sarà in grado di uscire dalla propria testa, perché di sicuro non può controllarlo a distanza. “Pertanto, per voi è necessario solamente assumere la capacità di controllare qualcosa da lontano per essere in grado di esteriorizzare volontariamente, dato che tutta la buona volontà di esteriorizzare è semplicemente soppressa da questo fattore del controllo.” Uno dei primi metodi di esteriorizzare qualcuno era di spingerlo a cambiare le sue considerazioni percorrendo: “Posso controllare questo corpo. Non posso controllare questo corpo”. Le persone che non sono mai state fuori dalla testa se ne andranno fuori con questo.
    “Il compito di Scientology oggi, tuttavia, non è persone fuori dalle loro teste. Si può esteriorizzare se stessi semplicemente afferrando la testa con le due mani e impedire alla testa di andare via.”
    Oppure si potrebbe prendere alternativamente la testa e le ginocchia e tenerle per non lasciarle andare via, spostando l’attenzione in modo da non essere troppo fissati. Quanto è buona la tua percezione è un’altra faccenda: è pure una faccenda di volontà. Se non riesci a vedere il tuo corpo, c’è una scarsità di corpi. Se non riesci a vedere l’universo, c’è una scarsità di universi. “Ogni fenomeno che si verifica oltre il punto di volontà di essere fuori dalla testa o di controllare il corpo a distanza è regolata dalla scarsità e abbondanza di corpi e universi.” Il primo trucco funziona ancora: “Cercate di non essere un metro dietro la vostra testa”. Circa il 50% delle persone ne uscirà. “Sii un metro dietro la tua testa”, perché su questo essi sono stati altrui-determinati un sacco di volte.
    La capacità visiva dipende da scarsità e abbondanza. L’esperienza dipende da volontà di esperienza, che viene monitorata dalla quantità di cose che si è disponibili a sperimentare. Una cultura è un insieme di cose di cui non vi è né troppo né troppo poco. Ad esempio abbiamo un sacco (ma non troppe) di automobili perciò possono essere reali. Ora questo paese si sta avvicinando all’idea simile all’India circa gli esseri umani: l’idea che ci sono troppi esseri umani. In una società di frontiera ce ne sono troppo pochi. Quando si hanno troppe persone esse tendono a diventare invisibili. In una frontiera, fino a quando non c’è un numero quasi sufficiente di persone, si drammatizza lo sbarazzarsi delle persone. Nel mezzo, si può avere una società progressista, e gli Stati Uniti erano una società con 25 fino a 100 milione di persone. Ora ci sono troppe persone per poterle vedere tutte. Anche le persone importanti vengono trascurate.
    Una persona potrebbe semplicemente andare fuori dalla testa senza un aiuto esterno, se ha spazio e universo per andarsene. Egli non deve avere una scarsità di spazi come risultato di essere fuori comunicazione con loro. La sua idea di scarsità di spazi dipende dalla sua disponibilità a visualizzarli. L’auditor deve fargli riconoscere la is-ness della stanza intorno a lui. La sua idea che le stanze sono scarse o troppo numerose gli dà l’idea che non può vedere questa stanza. Nello stesso modo, se ha troppo pochi corpi, lui non sarà disposto a uscire da quello dove è dentro. E la stessa cosa con una abbondanza di corpi. Quindi per avere una esteriorizzazione stabile è necessario porre rimedio all’havingness sul corpo dove lui è.
    Una scarsità di esperienza provoca una ritenzione delle immagini mentali. Così la mente diventa sovraffollata o diventa nera. Le immagini possono anche penetrare l’oscurità, producendo il caso aperto in cui la mente è in controllo del thetan. Questa è una condizione di sopraffazione, non di benessere. Quando il thetan obbedisce alle registrazioni della mente, abbiamo modelli di comportamento, ecc. La mente è la registrazione, ma il thetan è l’ago. Una scarsità di esperienza provoca una produzione di immagini. Le persone che si trastullano con le loro menti chiuse non stanno vivendo una vita abbastanza eccitante.
    Il funzionamento di questo meccanismo dipende da associazione e differenziazione, o identificazione e differenziazione. Quando la mente reattiva può esercitare su una persona la sua influenza, superiore rispetto al thetan stesso, egli è diventato troppo associativo per concepire le differenze. Egli può dissociarsi ad un livello inverso, dove si differenzia in modo non corretto.
    Quando è insano ottiene errata identificazione e dissociazione. Quando la mente funziona in modo ottimale, non identifica mai, ma concepisce solo similarità. La mancanza di oggetti, episodi ed esperienza fa sì che la mente identifichi piuttosto che associ. Non è lo stress o il superlavoro che causa questo. Questo è il motivo per cui “problemi di grandezza paragonabile” o “Fai il mock up di qualcosa da confrontare”, funzionerà, allevierà somatici, ecc.
    Le cose che vi accadono sono automatiche, nel senso che fin troppo spesso non c’è nulla da dire sul loro verificarsi. Quando si percorrono problemi di grandezza paragonabile, non solo fate delle valutazioni sull’episodio e aggiungete l’episodio al bank, ma anche prendete in consegna l’automaticità degli episodi scioccanti che vi sono capitati. Dopo aver fatto tutta la strada fino a questo punto, l’idea di “troppo pochi” diventa l’idea di “non sono stato io”. Allora questa si esaurisce, e tutto diventa un pan-determinismo di episodi, in cui voi vi convincete che è possibile creare episodi e perdere la scarsità di episodi. In un mondo di schermi televisivi, si è portati ad essere in difficoltà. Le immagini televisive sono modelli di luce e di ombre, un meccanismo restimolativo per far entrare a forza qua e là il vostro bank, così da darvi ancora qualche frammento di quello che già avete subìto.
    Vi si può offrire solo l’esperienza di ciò che si ha già avuto (qualora fosse distante). La gente si rifiuta di leggere riguardo certi periodi della storia a causa dell’esperienza avuta in tali periodi. Un thetan si rifiuterà di guardare sia alcune parti del suo passato, sia il bank, ma questo lo si può ottenere in caso di necessità. Solo le persone che hanno avuto problemi pesanti in una vita passata si rifiutano di vedere le cose, ma se non avessero avuto scarsità di episodi orribili, avrebbero potuto confrontarli meglio.
    L’episodio restimolato è tenuto al suo posto per due motivi. E’ stato automatico, cioè il PC ha lasciato fare da qualcun altro grandi parti di esso, soprattutto se non c’erano abbastanza parti.
    Quegli episodi che sono più scarsi tendono ad attaccarsi duramente. Tutto ciò che si trova da solo non ha un terminale con cui scaricarsi e andarsene.
    Qualsiasi vecchio episodio potrebbe reagire fisiologicamente contro il PC se l’auditor lo restimola completamente, non lasciando che il PC sia causa su esso, valutandolo, invalidandolo, ecc. Si deve sapere come fare tutto ciò, a patto che non diventi un’abitudine per voi il fare qualcosa di brutto ai PC.
    Così la mente è un meccanismo per superare la mancanza di episodi e di esperienze del presente, memorizzando le immagini del passato. Se si ripristina la capacità del PC di far sembrare solide le immagini, avresti davvero fatto qualcosa. Lui ha qualche randomity ottimale che sarebbe la giusta quantità di immagini. Quindi devi cambiare la sua idea di quanto movimento ha bisogno prima di poter cambiare il PC. Questo viene fatto con scarsità e abbondanza, cioè con l’havingness.
    Il corpo è un appendice solida che rende una persona riconoscibile. La mente modifica il corpo, che è un mockup. Per modificare un corpo, è necessario cambiare la struttura mentale e anche la disponibilità del thetan di averlo nelle sue condizioni attuali. Il corpo si arrende per prima cosa alla propria struttura elettronica, vale a dire i punti di ancoraggio. E’ solido solo all’interno di questi spazi e la sua forma si aberra in loro assenza. Quindi il modo più semplice per modificare il corpo è quello di mettere il thetan in una condizione in cui sia disposto a gestire i punti di ancoraggio, quindi rimedio di scarsità e abbondanza dei punti di ancoraggio, e mettere i punti di ancoraggio effettivi nella posizione ottimale. Le immagini mentali influenzano anche il corpo influenzando i punti di ancoraggio. Un facsimile si impone con campi magnetici e correnti sui punti di ancoraggio del sistema, stimolando l’organismo a cambiare forma e dimensione. I punti di ancoraggio sono delle palle d’oro. Se una persona è in buona forma, i suoi punti di ancoraggio voleranno ad una ventina di metri. È possibile prenderne uno, tirarlo fuori dalla linea, e la persona camminerà in cerchio. Per fissare un braccio rotto, si deve porre rimedio alla havingness dei punti di ancoraggio pasticciati. Si potrebbe unire un braccio nel posto sbagliato spostando i punti di ancoraggio. Influenzare la mente influenzando il corpo è possibile solo influenzando l’havingness di un thetan.
    Si può solo influenzare un thetan in questo modo fino al punto che influenzi l’abbondanza e la scarsità di corpi. Se si continua a tenere le cose lontane dalla gente, la gente alla fine morirà per la perdita di havingness. L’uomo vive in un universo che esercita un’ altra influenza controllata sulla mente e sul corpo, non necessariamente sull’essere. Quando un episodio accade al corpo di una persona, lui ne fa una immagine e la usa quando si verifica una situazione simile. La usa anche quando ha una scarsità di episodi. Le capacità dei thetan non cambiano, solo la loro volontà di vivere aumenta o diminuisce in rapporto diretto alla scarsità o abbondanza di cose a cui sono interessati. Questa scarsità e abbondanza influenza loro e la loro cultura. La cura per questo è di mettere l’individuo in comunicazione con la isness di una situazione o di un oggetto e, con quella, di fargli riscoprire se stesso. Egli è quindi in grado di concepire se stesso che è in grado di provare nuove esperienze, la possibilità di vedere qualcosa direttamente, ecc. e così la sua vita può essere raddrizzata.
    Possiamo registrare l’havingness di una persona, la sua capacità di concepire una isness e di comunicare con essa, regolando il numero o la scarsità delle cose.
    LRH

  26. paolo facchinetti

    Infatti sui sentieri di montagna quando ci si incontra ci si saluta sempre. Essendo le persone “scarse” acquistano valore e diventano visibili, mentre spesso le solitudini più grandi vengono vissute nelle città sovraffollate.

  27. Pingback: Una Tesi da 110 e lode, quattordicesima parte | Scientology Libera - La Reception

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...