Network Connection ?

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

296324_266954856677916_190048441035225_832046_1374301246_n

Diogene ha dato una risposta molto interessante all’articolo di Richard,

fondamentalmente, ora che tutta la tecnologia e’ disponibile nel campo indipendente,

ora che abbiamo lasciato alle spalle la “scottatura” della Cof$,

il Network indipendente e’ realmente connesso ?

——————–

Grazie Richard per essere attivo e sorprendente. Lo stile dei tuoi scritti precedenti, oscillante tra l’ingenuo e il profetico, ti ha reso simpatico e interessante, doti notevoli da buon comunicatore, ma basterà questo a scuotere le molte coscienze maltrattate e a ravvivare scopi falliti?

E’ innegabile che tu ci stia provando e sono certo che non smetterai di riprovarci. Vedi, più che di incitamenti c’è bisogno di dati stabili, perché gli scientologi standardizzati sono stati educati a seguire solo “dati stabili”.
L’esperienza ci insegna che non tutti i dati stabili sono anche veri, però fanno da collante per gruppi e società.

Generalmente, in quest’ambito basta accennare a un dubbio su qualche “dato di LRH” e subito si solleva il polverone di buuuhhh, vade retro satana.

E’ giusto per il collettivo, ma è altrettanto razionale (o intuitivo) per l’individuo?

Non esistono in natura due idee perfettamente identiche, non puoi far coincidere due “cose pensate” in quanto non hanno né forma né dimensione.

Quando non sono convincenti. le idee sconcertano o fanno paura.

Perciò, a dispetto della sua diffidenza verso il MEST, l’uomo è portato a basare le sue certezze sulla solidità e sulla ripetitività.
Tutto questo discorsetto (forse inutile ai più) mi serve per introdurre una considerazione terra-terra, certamente non nuova né originale, ma che offre un punto di vista dal lato operativo.
Sappiamo che per qualsiasi attività umana (non soltanto per Scn) sono necessarie tre cose fondamentali: uno Scopo, un’idonea Organizzazione, un Prodotto Finale adeguato allo Scopo.

Il Valore, benché importante, è del tutto relativo e indipendente dalla sua “eticità” e “consistenza”.
Parlando di Scientology, lo Scopo dichiarato è di “Chiarire il Pianeta” e quindi dovrebbe “produrre” Persone Etiche (nel senso di saper scegliere in ogni circostanza il maggior bene per il maggior numero di Dinamiche) e Capaci di attuare quelle decisioni che ritiene positive in base al suo Livello di Consapevolezza e di Competenza.

Queste persone, che Scn definisce in vari modi Thetan Operanti, sono i Prodotti necessari affinché lo Scopo dichiarato venga raggiunto.

Ma nella realtà, finora, sia lo Scopo che il Prodotto consistono in dichiarazioni e fatti sporadici.

Perché?

Perché qualcuno ha voluto che la macchina organizzativa venisse intralciata e deviata dallo Scopo iniziale (che rimane a fini propagandistici).

Se non troviamo nessuno da “incolpare” allora dovremmo logicamente dedurre che la struttura organizzativa si è logorata o incrinata da sola, ma non siamo così ingenui da crederlo.

Linee e particelle sono perlopiù MEST, i terminali però sono sempre persone.
Dunque è stato facile “alterare” l’organizzazione senza pregiudicare le vendite di un prodotto sminuito ed anzi, utilizzandola per incrementare le entrate a go-go sbandierando il nobile scopo di una umanità da liberare.

Se proprio non vogliamo vederci la truffa, possiamo optare per incapacità o (udite udite!) bugie “a fin di bene”.

Solo che il “bene” lassù è valutato in miliardi di banconote incassate e non di esseri umani evoluti.
Questa è la mia spiegazione del fatto che gli scientologi indipendenti restano sì fedeli allo Scopo e ambiscono certamente ad un valido Prodotto, ma sono diffidenti verso un qualche tipo di organizzazione ed ostracizzano chiunque tenti di presentarsi con autorevolezza.

Non è per inedia o indifferenza che stentiamo a costituirci in gruppi organizzati, è perché abbiamo constatato la fragilità di strutture amministrate, facilmente corruttibili o drammaticamente scombinate.

Stiamo bene di fronte alle idee ma il controllo del MEST è effettivamente impegnativo per la maggior parte della gente.

Un’ovvia soluzione è quella di trasformare l’impegno in “divertimento” e gli sforzi in “giochi finalizzati”. In tal modo gli avversari non sarebbero più “nemici” e anche gli spazi si amplierebbero.
Un primo passo potrebbe consistere nella formazione di una estensibile costellazione di piccoli gruppi autogestiti ma tra di loro interconnessi.

Se qualcosa del genere già esiste, converrebbe avvantaggiarsene.

L’idea non è di reclutare ad ogni costo o di mischiarsi indifferentemente, ma di coordinare le competenze disponibili ed i contatti futuri.

Diogene

95 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, Scientology indipendente

95 risposte a “Network Connection ?

  1. Diogenes; “We are well in the face of ideas, but the control of the MEST is actually challenging for most people.
    An obvious solution is to make the commitment in “fun” and efforts to “Games finalized.” Thus opponents would no longer be “enemies” andalso would broaden the spaces.
    A first step could be the formation of an extensible constellation of small self-help groups but between them interconnected.
    If something like this already exists, it would agree to take advantage.
    The idea is not to recruit at all costs or to mix either, but coordinating the skills available and future contacts.”
    Hello Everyone.
    Diogenes speaks well and my views which are written below is not written to make Diogenes wrong in any ways but written to offer a different viewpoint which in MY REALITY IS WORKABLE.
    Please understand that all viewpoints are equal identical in value and only beliefs considerations-agreements make any viewpoint important…worthless… good…or bad. And no matter what we consider believe in these conditions of are strictly viewpoints and remain viewpoints and nothing more.
    Hehe are some of my input: reality=views and I do hope you don’t mind me expressing them on the above article and on the subject of clearing the planet.
    D.: “We are well in the face of ideas, but the control of the MEST is actually challenging for most people.”
    E.: What is MEST? Nothing more “than believes that it is solid” and controlling the MEST is not difficult since there are huge machineries have been created which are so big that they can scoop up or push off the ground a good size of house with one movement and mountains of granite can be flattened with a handful of explosives.
    ‘Solid Matter has no life therefore it can be easily controlled. You can put a table or piano where you want that table or piano to stand, it won’t move away from that location: so called ‘’solid’’ matter is easily controlled.
    All matter regardless what shape or form are in including: air, water, diamond, titanium, the granite mountains of the Himalayas or the sands of Sahara or aphids on the rose, including the rose and the dirt it grows in and the person body who grows that rose is made out of the same matter and this fact was established by reputable scientist: they have provided the proof.
    But solid matter only exist as solid in the realities of the Entity and that is I believe you are talking about that “controlling MEST is challenging.
    You are talking about believes and to change those believes is challenging: simply challenging because Entities believe identify with matter: objects that they are inside the body=object, that they are the body, and what their believe in those ‘’ideas are firm” that their ideas: thoughts, opinions, feelings, views, judgements, observations, assessments of situations, their knowledge is real.. and that makes it solid!
    The belief in and the ‘’collected agreements’’ make them solid therefore is challenging to shift these agreed upon realities into different level of awareness to what you would consider to be is better, healthier thinking, improved level of awareness.
    D.. “An obvious solution is to make the commitment in “fun” and efforts to “Games finalized.”
    E. Fun????? Commitment in fun form? To get peoples commitment?
    Commitment =promise, pledge, vow, obligation, assurance, binder, word, guaranty.
    ALL IS NEEDED: commitments to and from others BUT that will never work, since commitment is a consideration on idea, a belief and they value is easily changes as the persons reality-awareness shifts.
    ONLY There is ONE Workable Formula WORKS:LRH has written this Formula:
    A REALIZATION: THE NEED OF CHANGE.
    I want to know, I want to understand “SELF” how I have become what I believe I am and why I believe this little vulnerable meat body is me!
    The NEED TO CHANGE is the “only belief’’ makes any person to reach for the philosophies in this case LRH’s Auditing Technology is to continue on the PATH of SELF DISCOVERY.
    AND THAT SAME NEED WILL KEEP THAT PERSON ON THAT PATH and the SAME WILL POWER to CONTINUE TILL REACHES THEIR OWN GOAL, THEIR OWN UNDERSTANDING OF the SELF and their self-CREATED UNIVERSE.
    But first of all the person has to realise that he/she has other options.
    To lure people into groups, into sessions, to continue on the Path of Self-discovery with promise as ‘’fun’’ ideas?
    Please…I been in sessions since 1973 summer and fun it was not, but the GREATEST-PARAMOUNT- SUPRIME ADVENTURE EVER EXPERIENCED WHILE IN THIS UNIVERSE!
    Each session brings new adventure and in this adventure in confrontation of the lies, illusions slowly I have recovered the lost-assigned power and forgotten knowledge and most of all that I am after all nothing more than AWARENESS! That is the Native State.
    About Clearing the Planet:
    This is a subject I have written in my Blog more than one occasion how clearing the planet and the same time this part of the Universe happens.[but has to start with self ].
    Those who worry, thinking about this action first and foremost should clear their own universe, they should first reach Native State and by the time they reach that State= that would transport them on considerable different reality level=awareness what they have now , by than they would realize Clearing the Planet starts with self-first and Clearing the Planet already on the way: It started with LRH and his group and their first session: their very first cognition was the new reality which entered –penetrated unconsciously the space, the mind, the realities of all beings.
    If you care to have detailed information on this subject, can be found in my blog.
    Thank you. Elizabeth Hamre.

    PS: I believe too that formation of small groups could give lot of support and sharing Cognitions brings –expanding reality-awareness level to individual and reading the cognitions of others also bring cognitions to the readers.
    For this reason alone the Blog I have has become on susses because the readers have cognitions and become aware of existing different realities.

    BEST TO YOU ALL!

    • Diogene

      Hi Elizabeth!
      I appreciate your inspiring viewpoint, and I agree with most of your written lines. Now, I am not interested in explaining some minor disagreements which erise from the interpretation of words.
      The topic of this post is “organization” and the main questions are: why independent scientologists are reluctant to organize in groups; is some form of organization possible without strong leadership; how would be the best simple form of such organization by today’s means; etc.
      And first of all: are we willing to do something in order to operate as a group, not only as individuals?
      May be, just to stay in comm could be enough. In such a case, what for?
      Not everybody have equal needs and experience.
      Thanks for sharing your opinion.

      • Hi Diogene.. well, behind every why is on answer and that answer is big block of the as LRH would call ”Bank” . We all have been in thousands of organizations in different life times and the management of C of Scientology was not on the side of the members, in fact because it offered a valuable product they robbed the members of their worldly goods and that was not enough, they believed that they had total control over the members life, thoughts-believes. I dont need to write about that but those acts are mighty re-stimulative to past life incidents. Keep it in mind that regardless what the church done or haven’t done Those persons will continue on they own, nothing can stop those who’s had the true realization and understanding what is the tech all about. But there are other fact in existence why so many left and never looked back! about this no one has written: you see in a moment of enthusiasm people go up on the Tone Scale and they will promise, do things which otherwise would not be done by them. But when that enthusiasm wears of that same person is back on their ”normal” operating level and in that light their ”moments of high” looks like irrational act. And they wonder what has happened in their life for doing such a unthinkable thing and these people will look for reasons who and what caused them to act in such a manner. Trust me Diogene and they will find the source: pointing fingers, blaming everyone but self and they will make up stories, dramatize as hell and many even will say” they were brain washed”!! But in general on average person was ”overwhelmed” because it is not easy to accept all those changes in their lives plus the outrages cost of those books, courses, and sessions top on Donations for nothing!! The church’s unethical behavior brought on stimulation to most and that heavy burden is not forgotten or easily put aside unless those people are given free sessions and to get out of that mass would take few intensives. But Diogene another fact is in existence: you can lead the horse to the water but you cant make the horse to drink that water.. and that is true. For many it was ””’only a fun idea-thought”’ to join the group and was fun to gain new friends and learn something new and become a philosopher overnight! hehehe But to most the putting out that hard cash which is not easy to come by which was and is a remaining factor for not joining in. I read something LRH have said that only a few will go the length of the Path now, and those who fall off, step aside: because it is not their time to walk the Path of self-discovery. I too see it in this light.. No blame should be placed but all experiences should be written off as experiences, lessons to learn from. Joining the group? For what? Even when we are in groups [ incredibly aberrated situation, condition] we still are alone.. being in a group is only a consideration that we are not singular… group being in a group what is: implanted material which blanketed the Entities and that implant made them believe that now they belonged, they were together because they had the same reality-belief which were the concepts of that implanted material. Yes, they had something in common now.:) 🙂 🙂 Also LRH said that “”every solution becomes a problem””. FACT…

        • Diogene

          Wise words, Elizabeth, as ever…
          Everything you write is worth translating, but it could bring discussions too far from topic. Of course, anybody is free to interact with you, I am just a visitor of this blog as any other. But in order to stay on topic, I’m going to translate your answer, so that Italian readers can take part in the dialog.

          Parole sagge, Elizabeth, come sempre…
          Qualsiasi cosa che tu scrivi merita di essere tradotto, ma questo potrebbe portare le discussioni troppo lontano dal tema. Naturalmente chiunque è libero di interagire con te, io sono soltanto un visitatore di questo blog come ogni altro. Ma per restare sull’argomento del post, tradurrò la tua risposta in modo che i lettori italiani possano prendere parte al dialogo.
          TRADUZIONE
          Ciao Diogene… beh, dietro ogni perché c’è una risposta e quella risposta è un grosso blocco che LRH chiamerebbe Bank. Tutti noi siamo stati in migliaia di organizzazioni in diverse vite passate e i dirigenti della CoS non sono stati al fianco dei membri della chiesa, in effetti siccome offrivano un prodotto di valore essi hanno derubato i membri delle loro cose terrene e non è bastato, hanno creduto di avere controllo totale sulle loro vite e sui loro pensieri-convinzioni. Non ho bisogno di scrivere al riguardo, ma quelle azioni sono potentemente restimolative di incidenti in vite passate. Tieni presente però che, indipendentemente da ciò che la chiesa ha fatto o non ha fatto, ci sono persone che continueranno per conto loro, niente potrà fermare quelli che hanno avuto una vera realizzazione e comprensione di tutto ciò che riguarda la tech. Ma esistono altri fattori del perché molti se ne sono andati e non si sono più voltati indietro. Nessuno ha scritto a questo proposito: vedi, in un momento di entusiasmo le persone vanno su per la Scala del Tono e promettono, fanno cose che altrimenti mai farebbero. Ma quando quell’entusiasmo si esaurisce, quelle stesse persone ritornano al loro “normale” livello operativo e in quella luce i loro “momenti da sballo” appaiono come azioni irrazionali. E si chiedono che cosa è successo nella loro vita per fare delle cose così impensabili e cercheranno le motivazioni, chi e che cosa li ha indotti a comportarsi in tale maniera. Credimi, troveranno la causa, puntando il dito, incolpando tutti ma non se stessi e si inventeranno storie, drammatizzeranno come dei dannati e molti diranno persino di “aver subito il lavaggio del cervello”. Ma, generalmente, una persona normale è stata “sopraffatta” perché non è facile accettare tutti quei cambiamenti di vita più i costi indecenti dei libri, dei corsi, delle session, oltre alle donazioni per il niente! Il comportamento non etico della chiesa ha causato restimolazioni alla maggioranza e quel pesante fardello non è stato dimenticato o messo da parte facilmente, a meno che a questa gente non vengano date delle session gratuite e per uscire da quella massa ci vogliono pochi intensivi.
          Ma c’è un altro fatto: puoi portare il cavallo all’acqua ma non puoi far sì che il cavallo beva quell’acqua… e questo è vero. Per molti era solo un’idea divertente quella di unirsi al gruppo, ed era divertente trovare nuovi amici ed imparare qualcosa di nuovo e diventare un filosofo dalla sera alla mattina! Ma per la maggior parte l’impedimento ad unirsi era e rimane quel vile denaro tanto difficile da racimolare. Ho letto qualcosa di LRH dove dice che solo pochi adesso percorreranno il Sentiero fino in fondo e quelli che cadono fuori, si mettono da parte: perché non è ancora tempo per loro di camminare sulla via della scoperta di sé. Anch’io la vedo così.
          Non si dovrebbe addossare colpe, ma tutte le esperienze dovrebbero essere messe per iscritto come esperienze, lezioni da cui imparare.
          Unirsi in gruppo? Per che cosa? Persino quando siamo nei gruppi (una condizione, situazione incredibilmente aberrata) siamo ancora soli…
          Essere in un gruppo è soltanto una considerazione che non siamo singoli. Ecco che cos’è essere in gruppo: materiale implantato che ricoprì le Entità e quell’implant fece loro credere che adesso avevano una appartenenza, loro erano insieme perché avevano la stessa realtà-convinzione formata dai concetti di quel materiale implantato. Sì, adesso loro avevano qualcosa in comune 🙂
          LRH disse anche “Ogni soluzione diventa un problema” e questo è un fatto.

          • Diogene… thanks for taking your time to translate … In my reality anything to do and any subject regarding the Path of Spirituality, learning is always the right topic… always 🙂 Thank you again for your communication. Come to think of it to you might think that I am off the topic but my reality is off the human chart so what I write could be the answer 🙂 only the reader cant see it. 🙂

  2. Diogene

    Vorrei precisare che il mio scritto qui messo dalla Redazione in bella evidenza è nato come commento e non come post. Non vuole quindi essere un manifesto in favore di vecchie tesi o di nuovi personaggi, ma servire come spunto per una visione programmatica realistica ed eventualmente realizzabile. C’è qualcosa che si può “fare”? Con quali modalità? E soprattutto: c’è la volontà di farlo?
    La materia è delicata e non tutte le idee andranno esposte sul blog ma potranno viaggiare su canali diversi creati ad hoc, se ciò è preferibile o necessario.
    Non è materia nuova e quindi non sono da escludere alleanze e contatti qualificanti. Abbiamo già visto che in campo scientologico prevalgono spesso interessi personali e un po’ di ingratitudine: dovremmo avere la capacità di appianare qualsiasi contrasto per mezzo di una comunicazione libera e positiva.
    Si deve immaginare una struttura snella, idonea ad adeguarsi a qualsiasi necessità, ovviamente basata sui principi fondamentali di Scn.
    Certo, si parla di “lavoro”… o di Net-Work, come suggerisce l’inglese, ma non senza divertimento e soddisfazione.
    Un’ultima considerazione: se un gruppo non ha come scopo quello di fare soldi bensì quello di rendere le persone più abili e felici, perché dovrebbe preoccuparsi di ritorsioni da parte di organizzazioni che si dedicano alle medesime finalità? Oppure il mondo OT “non s’ha da fare”?

    • Dear Diogene …. The World of on OT…. what that is means in true reality, the mere facts?
      I have written my whole blog about how the World of OT becomes reality to each of those who fallow the Path of Self-Discovery and that means : re-tracing their steps, their action in sessions and realise as in cognitions why, what reasons those steps were taken [ and believed that those steps-experiences really have happened!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!] and have a final understanding on that matter: that all what they have believed in really was only a illusion, a mirage in a distance and this mirage was no more than a puff of smoke which evaporated when confronted!
      There is no special World a section, a space designated for ”those who think-believe differently from others, in existence in this Universe, only different realities existing on the same occurrences-experiences. The mocked up Universe is a co-up and each Entity see this mocked up space in the reality as they believe it exists.
      10 billion reality exist on the same! That is duplication impassible. OT is not better than any other Entity, cant be better, only different!
      Ex -scientologists have huge MU what is OT, the hidden standards which uphold those believes are out of proportion to mere fact.

    • Diogene is this you call OT ability, being on OT? My last post from my blog. This I have attained because of sessions.
      “”Ex-ray vision and Holographic images: new cog.
      FREEBEING: if not for your question I would not have this new reality. Thank You for asking!
      Just had a new revelation: how the holographic images come about: we as Entities we always have SEEN have been only AWARE of the flow of energy: vibrations which by now labeled as sensations-feelings-aches-pains-pressures etc.
      What I have become aware over 25 years ago that sometimes I could SEE everything about on item but this happenings only occurred if I did not pay much attention to that subject: I was not using the eyes: looking.
      Example: [ I have mentioned this incident in on earlier post] : sitting in the hotel lobby and waiting, not doing much and suddenly a woman who walked front of me I could see through her and seen the baby inside her womb: EX-RAY vision.. this lasted only for a second and because I wanted to SEE more and with that I was concentrating on the EYES and of course they only could see the flat picture of a very pregnant woman in moving mode.
      I was in total awe… while I was in this blown out state and not looking suddenly a skeleton walked by and that picture seeing only the moving bones brought me back to looking with the eyes mode and I only could see a young man n fully clothed of course walking away.
      To me this incident in the lobby of the hotel: seeing inside two different human form has become memorable experience of formidable magnitude and this kind of incidents prompted me to continue with solo sessions: I WANTED MORE!
      Over the years I become aware that these incidents of me seeing ex-ray images have become frequent and I could see into anything I put my attention on, but these images lasted only for fraction of the second yet I had total understanding what they represented, what considerations they were made up from.
      But not until this day I have connected, understood the difference between these ex-ray images with holographic images, there are no differences, they are the same! It was only I who has put different labels on them because I did not realise their sameness.
      We can observe these holographic images there are under or –covered-hidden by those flat projected solid pictures we are stuck to: believing that is what we see, and that is the only thing existing.
      The thing is that we never ever lost any of our abilities, we only been ignoring them by only concentrating on ‘’seeing with the eyes’’ bit thing and when as-ising the occlusions which has blocked out the awareness, the abilities are just there, we become aware of them again! “

      • Diogene

        Highly interesting.
        One question: could it be a LIFE with no stable data?
        After you have perceived matter in another way, can you use it the way you want? I mean, anyway, you are looking at matter with different considerations but you need a solid-“real world” of agreed upon data to understand the difference.

        • Diogene…. “could it be a LIFE with no stable data?”
          Life as you know it, what you believe in” put plainly is on Illusion. You have read in the post I put up here that, you are ”VIEW-ing” by use of the ”eyes” and seeing a flat a picture and it is you the Entity who ADD the sensations, feelings, all the information what you know about that flat picture and because you also identified with the mass of energy the body contains [ your body] that mass is you, that you are inside that body, that you have those feeling and it is real.
          So from that location which you ”believe” that you are in…in fact that location is nothing more than immense amount of considerations in the form of energy-mass and that you believe is you because you have identified self with solidity by now . From that location you ”see” that flat picture and add your assumption etc.. etc.. Now My dear friend that is the ”LIFE” you believing in that you have and you living it. That is your stable data.
          To come to conclusion of the above what LIFE REAL IS which you call Stable -solid Data about those items I had tens thousands of hours in sessions and which brought same amount of cognitions which revealed different realities.
          I also come to conclusion ”if something-items, believes, agreements” when confronted could be -as-ised by simple confrontation that those beliefs-realities were in fact not real because if they were real, solid than they could not be as-ised in the first place!
          Yes Diogene, to gain new viewpoints that only can happen if we examine-confront the old beliefs first. 🙂

          D; “After you have perceived matter in another way, can you use it the way you want? ”
          E: As on Entity you are Aware of matter but has no use or need for it, but long as the Entity has connection: that means Experiencing-aware of the energy-flows of the Universe that Entity is aware of its vibrations.
          I dont have the answer to all and I am still confronting the vibrations-flows of different magnitudes and I do this when I become aware of their presence that means have the experience of .
          Power over matter do not mean what that is by the considerations of the human race. The true power is intangible, therefore just is and no more.
          I am aware of power but I dont have the need or want to use such, because by now I dont need to have, or identify with beingness therefore I dont have the need for its use.
          Power usually goes hand in hand with Valances, Being somebody, or something: example: tornado has power, but that is in fact force, President of the country: and his power is in enforcement of the rules regulation: control. that is not power.
          True power is not destructive, but its presence is support-uphold the pure-creative life energy.

  3. TO D…. cognitions only give different view of the previous beliefs..
    MAJOR, MAJOR, Major COGNITION: How to Bake a LIFE!
    I just have seen a very interesting picture-implant when we were given the ‘’ability to SEE WITH THE EYES’’.
    PLEASE NOTE: I SAID ABILITY to SEE WITH THE EYES!!! This was a learned ability therefore not our original way to perceive, consequently this new ability has immediately restricted our own awareness.
    And after that we were shown the difference – dissimilarity between seeing as Entities[ no eyes needed]: since as Entities we do ‘’SEE’’ a holographic image, we ‘’see’’ become aware – observe – perceive the ‘’true image, the original: the real – shape – from -character ‘’ of the mock-up: The mock-up is made up from flowing – fluid vibrating energy: therefore IT IS NOT SOLID.
    Not only we become aware-observe this vibrating holographic image but we know instantly the consideration, the postulate which has created this image in the first place, so we know the why!
    And this mocked –up image is not altered in any way and can’t be altered.
    BUT…..HERE COMES THE BIG BUT: when we look through the photographic lenses of the bodies the ‘’eyes’’, these ‘’eyes instrument” cannot detect – sense – perceive- observe –recognise the dimensional moving vibration of the mocked –up images: which don’t have the brightness of the projected flat pictures from the lenses.
    And this is important to note: the difference between the bright flat images and the light faint coloration of the floating dimensional holographic images.
    WE AS IDIOTS, or uneducated Entities we enjoyed – loved the bright-ness of the flat pictures of course and these brightness made us agree that they were better and with that we were trapped into implanted false- fabricated reality: part of this reality is that we no longer trusted the floating holographic faint images because they were no longer real, not solid and not permanent and they did not have the most important factor which implanted material have: that the Holographic images don’t have continuum !!!!!!!!!!!!!! so they can’t be real, because they are not part of LIFE=implanted crap.
    But what the lenses ‘’see’’ is a colorful flat image-picture and to this: IMPORTANT COGNITION HERE: TO this flat image what the lenses ‘’see’’ we as Entities add our considerations which comes from instantaneous evaluation- assessment of the observed item and from all that we come to conclusion what we know: we give an identity to the item-subject.
    AND THESE ADDED CONSIDERATIONS To the FLAT PICTURES which when in place MAKES US BELIEVE THAT THESE FLAT IMAGES ARE REAL…..THAT THEY ARE SOLID….. WHAT WE OBSERVE IS OUR LIFE because NOT ONLY WE ADD TO THESE FLAT ROLLING PICTURES LABOLS BUT WE ADD SENSATIONS TOO!
    So WE just baked a cake: we concluded that we have LIFE….. Solidity….. Continuum…. And what in reality we have? Shit… nothing… because even shit is only a consideration… so what we have is make-believe, on ILLUSION.
    HERE IS how one can bake life into a nice solid form:
    Open eyes wide than observe the
    Flat rolling projected pictures than
    Add: sensations…..aches..pains..big and small than ADD YOUR CONSIDERATIONS and by the time you have all those ingredients added: WHICH IS YOUR HAVINGNESS : you have LIFE! solid as a brick outhouse and as valuable.
    Our ability to recognise –assess, evaluate and to know: happens instantaneous as the flat picture comes into view.
    YOU ARE EXTERIOR TO ALL THESE rolling flat pictures AT ALL TIMES: you only have Considerations-believes that you are inside something.
    Being exterior means ENTETY DO NOT HAVE LOCATION, only objects do and you are not on object, never been one and never will be one.
    There is no magic in this , was not cause by magic that I see this universe totally differently but only the as-ising of the old believes have given me a new different awareness of the content of the Universe!

  4. Diogene here is a post which show that the power of belief of on Entity overrides all. Yes, that was true when we still known who we were..and could demonstrate our power-believes.
    Recalling gambling on the track.
    I wanted to have fun I seen self : as I was walking down on a long wide staircase and from above I seen the whole room which was alive with activity.
    I was laughing inside because I have known that no gambling device, machinery have the power over my Ability.
    At the bottom of the staircase there were machine guards which scanned every person for hidden electric devices which could change the outcome of what the Machines were set for.
    I was a DICE roller and as I approached the bottom of the staircase I opened up my right hand and showed the machine the content :2 dice, they were just two ordinary dice and the machines could see inside them that nothing was hidden inside: they were solid.
    I continued and I felt really fantastic, sort of wiggling in my skin hardly able to contain my happiness.
    Walked around a bit enjoying this incredible sensation I was experiencing than I walked to dice table I have picked where the less number of people played and the most bored looking attendant were.
    Excited people have disturbing energy flows, and alert attendants energy is more effective than the one who is half a sleep or his mind is on different matters.
    But these were only small interferences; they did not make much difference concerning my ability.
    I rolled the dice and I let the house win… I did it again and again, you see even my dice were controlled by electric machinery…hehehe… this was their mistake that they have trusted machinery totally. They have believed in them so solidly that they have forgotten that on Entity has power over all whatever has been created in this Universe!
    So after so many loses I decided to override their electric set up and let the EYE which made the decision what numbers the dice shown..hehehe to SEE what I projected. I won of course, the sirens went off and suddenly the attendant come back to the present time and people run and gathered around the table: winning was a unique thing in this casino.
    Soon as I won, all EYES were activated on this gambling table and I just laughed inside.
    There was no limit and I let my bank card to be scanned and I let all what was in there ride.. My dice rolled, and I won of course.
    Now this is what really happened, the machines were set up the way there was no chance for winning for anyone,[ unless they decided to let there be a win] even if my dice could come up with the right combination needed to win, those invisible electric flows would flip them to different-losing combination.
    The crowd stood around the table and they were all rooting for me of course and I was in total control: The dice rolled and this time my power, my abilities –decision would not allow the machines to effect what I intended , which was winning .
    I did not do this for the Credits I gained since I already had much more than what I needed. It was done for fun and for gratification –satisfaction knowing that machines were not in power, but us Entities still governed the Universe!
    What I have done with that immense amount of credits? I haven’t recalled that yet!
    But this as you read here was not really gambling was it? No, not for a second.

  5. Thank you all for being! 🙂 and have a lovely grand adventure!

  6. Diogene

    Chiedo venia a chi non ha sufficiente conoscenza dell’inglese.
    Non è colpa mia se Elizabeth è irrefrenabile…
    Ma se risponde in tema la traduco.

  7. Luigi Cosivi

    ottimo come al solito

  8. Marco

    Beh… , anche se il tema è stato sciorinato parecchie volte negli anni passati (sui canali indipendenti), il bel commento di Diogene (a cui faccio i complimenti) richiede minimo piccola riflessione…

    In effetti per ottenere un risultato tale “il pianeta clear” ci vogliono ben più che molti proclami e molti event…

    L’organizzazione che LRH aveva messo in piedi per questo scopo è stata infiltrata e deviata su Reverse Scn, dunque di tale struttura ci resta l’esperienza…
    Un’esperienza da evitare di ripetere? O un’esperienza che ci insegna dove sono stati commessi gli errori da evitare? Ovvero “rifacciamola, l’Org, ma senza più errori!”.

    Questa cosa sarebbe da analizzare: dove c’è stato il (o i) grande errore che ha mandato tutto al scatafascio? Oppure l’Org come pensata da LRH era sbagliata già dall’inizio (era destinata al fallimento già da progetto)?

    Tutti temi da svolgere, meglio di quanto fatto fin’ora.

    Cmq, c’è un esempio in Europa, ci sono le Ron’s Org che sono li come struttura funzionante… ma mi pare funzionano in modo diverso da quanto progettato da LRH (mi pare).
    Cito le RO solo come esempio… ma non è un esempio da poco… infatti tali strutture mettono in evidenza un altro problema: chi gestisce la tech? Chi dice se è corretta o meno? Le RO da questo punto di vista sono parecchio contestate… o quanto meno discusse.

    Questo è dunque il problema, l’avevo già sollevato, riguarda la tech: a chi dobbiamo credere?
    Questo mi pare è anche il quesito principale sollevato da Diogene.

    Credo questo sia il 1° problema da risolvere… dopo di che tutto si può allineare dietro a ciò (lo diceva anche KSW: 1° avere la tech, 2° sapere che è quella corretta e che funziona… e poi avere fiducia di chi la controlla e/o emana, credere a chi dice che quella è la tech che funziona).

    Fino agli anni ’70 c’era LRH a cui credere (anche se spesso si limitava a coordinare la tech, ma lui firmava e tanto bastava)… poi c’è stato il credere a chi diceva che difendeva la Tech, mantenendola standard e pura… il management.
    Ma qui il meccanismo si è inceppato, cioè chi aveva il potere (ottenuto anche con il metodo mafioso) diceva che aveva la tech e la manteneva pura. Ma di fatto solo lo faceva credere…

    Questo dava/da il potere alla Cof$, a DM e compari: “avere la tech”.
    Chi faceva credere di avere la tech di LRH, o di essere l’eletto di LRH (Brooker, Miscavige e altri) e che lui era etico e fedele alla tech e la manteneva pura… aveva il potere.

    Dunque la soluzione di tutto questo pasticcio (Scn non è in funzione, anzi…) comincia dalla certezza tecnica: chi è il tecnico (o l’organizzazione tecnica) più affidabile e certo?
    Poi a ruota viene: chi mantiene la tech pura e certa? ecc, ecc. ecc.

    Io da sempre nel mio lavoro ho a che fare con i clienti… e il punto più importante per avere successo che l’esperienza mi ha fatto capire è: il prodotto!
    Se il prodotto non è buono tanto quanto promesso (o come ce lo si aspetta), il cliente va perso, nonostante molta abilità commerciale (di vendita).

    Nella mia carriera ho dovuto diventare un tecnico… per poter controllare il prodotto, fosse tale e quale io avevo promesso e venduto al cliente.
    Ovvero: io intervengo in azienda, per correggere il prodotto, la dove il prodotto consegnato non è conforme a quanto io avevo promesso.
    Questo è stato il comportamento vincente.

    È questo è il punto: per espandersi il prodotto consegnato deve essere quello promesso. Sembra una frase fatta, ma su questo ci sarebbe da discutere a lungo. In 1° luogo: il prodotto deve essere quello giusto e buono (cioè quello che da i risultati descritti, evocati, messi in rilievo e fin anche esaltati)!

    La Cof$ (ma anche LRH) ha sempre decantato il suo prodotto come una mirabilandia… e dopo di che il cliente rimaneva insoddisfatto… di sicuro per troppa aspettativa. Questa “esaltazione” del prodotto è stata poi pagata a carissimo prezzo: migliaia di clienti in fuga.
    Perdita di clienti, di credibilità, di immagine, ecc. ecc. fino al fallimento aziendale (o dello scopo).

    Quello che bisogna fare è essere certi del prodotto! In questo marasma di litigi in qui si trova la tech, è una cosa non semplice da ottenere.

    Dopo di che ci vuole una capacità di produrlo (auditor competenti).

    Dopo di che ci vuole commerciale onesto che lo vende onestamente. Sembra strano, ma vendere il prodotto secondo me viene prima della capacità di produrlo (oggi tutti sono capaci di produrre, c’è l’offerta che supera la domanda)… se nessuno lo vende/promuove/fa conoscere, il prodotto non si produce.
    Ma Scn non ha competitori (è un prodotto unico) e dunque va gestito in modo diverso. Qui c’è stato un grosso errore di gestione: credere di avere il monopolio ha fatto fare molti errori… ma i clienti sono scappati ugualmente.

    Dopo di che ci vuole un super controllo della qualità… ma prima che il prodotto venga consegnato! Non dopo che il cliente si lamenta…

    Dopo di che ci vuole un’amministrazione (contare i soldi/contabilità) onesta.

    Dopo di che ci vuole una dirigenza capace a pianificare l’espansione…

    Cioè ci vuole un’organizzazione… ma a partire dall’esistenza di un prodotto buono e onesto e riconosciuto/certo: da un bel marchio d’impresa (o di prodotto)!?

  9. Marco

    ALTER ISNESS LA NOTA DOMINANTE DI TUTTA LA DISTRUZIONE

    “La base della distruzione è l’Alter-isness.

    Quando a qualcuno piacerebbe distruggervi, ma non ci riesce, tutto ciò che gli rimane da fare è fare alter-is di voi. Afferrate l’idea?

    Oh, possiamo vedere la cosa in molti modi, modi entheta, sapete.

    Ecco un auditor seduto da qualche parte che sta andando bene. Un qualche altro auditor non sta andando bene, inizia ad commettere overt contro l’auditor che sta andando bene.
    Quello che succede subito dopo, è che la persona che sta commettendo overt diventa sempre più furiosa nei confronti di quell’auditor.
    Questo non ha mai fatto niente a quell’altro, capite. Magari gli ha pure mandato dei preclear.
    Ma più overt B fa nei confronti di A, più gli overt si accumulano causando sempre più rancore, rancore, rancore. Afferrate l’idea?
    E’ una battaglia personale.

    Questo è Alter-isness.

    La distruzione, per come la conosciamo, nella guerra o in qualsiasi altra forma, è semplice Alter-isness della creazione. Non è la cessazione della creazione: è l’Alter-isness della creazione esistente.

    L’Alter-isness è la nota dominante di tutta la distruzione.

    Ogni persona che ha una grande quantità di overt contro un’altra persona inizia a cercare di farne alter-is. Afferrate l’idea?
    Inizia a fare alter-is dell’altra persona. Fa alter-is di ogni cosa che l’altra persona sta facendo. Capite?

    In altre parole, vi trovate nella stupida situazione in cui un overt genera un altro overt, che genera un altro overt, che genera un altro overt, che genera un’opinione negativa. “

  10. Diogene

    Ringrazio Marco e Luigi per il loro immancabile interessamento.
    Marco fa appello a tutta la sua esperienza dentro e fuori Scn. Devo dire che ha perfettamente inquadrato la questione da un punto di vista pratico. Nondimeno tutti i suoi giusti interrogativi vanno elaborati fino a formare una strategia efficiente, sempre che questo sia voluto e desiderato.
    Io sono più un teorico che un uomo d’azione, ma ciò nonostante ho concretizzato parecchie delle mie prospettive visionarie. Penso sia giunto il momento in cui ciascuno si riconosca i propri meriti per ciò che ritiene di successo nella propria esistenza. E che abbia il diritto di essere ascoltato, indipendentemente da quello che farà in futuro. L’appello più sano e pressante è un invito ad osservare e valutare la scena in Tempo Presente.
    Lasciamo che anche altri approfittino del nostro lavoro, perché a nostra volta dobbiamo essere riconoscenti a loro per ciò che di buono stanno facendo. La vita non è solo competizione ma anche gratificazione. Questo è il “divertimento” in uno spirito di collaborazione a cui accennavo nel post.
    Dunque il gradino zero consiste nello stringere un po’ di più le maglie della rete in modo che l’interconnessione abbia luogo.
    Forse La Reception può mettere a disposizione qualche stanza virtuale.

  11. Libero

    Marco concordo in tuto., ma stiamo parlando di delinquenti e per quanto riguarda DM sono convinto che non gli frega un c…o ne di Ron che di Scientology … Sicuro al 100%. Questo individuo non ha sentimenti e non è mai stato messo in etica. Ci ha provato Ron ma se trovato un coltello nella schiena. Ora potrei dare una mano in classe ma non vorrei anch io ritrovarmi un coltello nella schiena. Quando si parla di avere una classe piena i sabotatori arrivano e difficilmente vengono fermati. Lhopagata a caro prezzo e prima di fidarmi ed operare voglio garanzie. Altrimenti amici..

  12. paolo facchinetti

    Ci sono alcune considerazioni che mi vengono sugli scritti di Diogene e Marco (metto la risposta di Marco sullo stesso piano del post di Diogene), considerazioni non necessariamente legate fra loro.
    Ho chiesto io di pubblicare come post lo scritto di Diogene per cui non posso che essere d’accordo con quello che scrive.
    Mi viene in mente una frase di un saggio orientale. “La voce di un Budda è talmente potente che una sola parola da lui pronunciata scuoterebbe il Cielo e la Terra”. Quale sarebbe allora l’effetto di un vero e completo OT? Il problema è creare un vero e completo OT, forse ne basterebbe anche uno solo. Richard in questo senso sembra piuttosto sicuro degli effetti che vedremo sul Pianeta Terra indipendentemente dal fatto che si riesca a creare un’organizzazione forte o meno.
    Marco parla della necessità che il prodotto sia all’altezza delle aspettative del cliente o delle promesse a lui fatte. Posso dire che ai tempi dell’AAC di Milano spesso osservavamo che ci trovavamo meglio con i nuovi pc o studenti che non erano mai stati in Scientology piuttosto che con quelli che se ne erano usciti con noi o poco dopo. La ragione probabilmente stava nel fatto che con i nuovi stabilivamo una realtà adeguata sui guadagni che potevano avere rispetto ai soldi che a loro costava: Se a una persona prometti 1 e dai 2 lei sarà soddisfatta, se prometti 10 e dai 8 lei sarà insoddisfatta.
    In Scientology esiste un procedimento tecnico/amministrativo che si chiama “WHY FINDING” “trovare il perché”. Si basa sulle leggi del Listing & Nulling. Data una situazione inturbolata si cerca il perché fino a trovare quello che provoca una forte scarica (LFBD) e un Ago Libero; quel perché così trovato risolverà la situazione o almeno la chiarirà. Non è che le altre voci listate non abbiano carica o non siano dei “buoni motivi” che hanno contribuito a creare quella situazione inturbolata, ma solo una voce, quella che LFBD F/N, risolverà la situazione. Per me il “perché” di tutti i casini, drammi e drammatizzazioni di terza dinamica che hanno poi portato la Chiesa di Scientology ad essere quello che è diventata, è il fatto che la tech non ha risolto il case delle persone al livello promesso, anzi, a livello di terza dinamica ha restimolato fortissimamente il case sia del management che del pubblico.
    Ci sono altre considerazioni, ma per il momento mi sembra di aver scritto abbastanza!

    • Marco

      Per me il “perché” di tutti i casini, drammi e drammatizzazioni…
      … è il fatto che la tech non ha risolto il case delle persone al livello promesso, anzi, a livello di terza dinamica ha restimolato fortissimamente il case, sia del management che del pubblico.

      Concordo con Paolo, lo penso da un po’ di tempo… troppe promesse ed aspettative, poi regolarmente mancate.
      Questo atteggiamento menzognero (dopo promesse e promesse, ed ulteriori soluzioni, vendute a caro prezzo, ma regolarmente utopiche), lo possiamo definire “aiuto uguale a tradimento!”.

      Ma di più, questo atteggiamento… poi protratto e protratto, è diventato una recidività cronica, è sfociato in un “normale” millantazione di balle, ovvero è sfociato in: “questi allocchi meritano di essere truffati e traditi”.
      Un’organizzazione consapevolmente criminale.

      Dunque a ‘sto punto… la consapevolezza del perché, del tradimento, c’è: ora non ci resta che creare aspettative ottenibili.
      E chissà che nel frattempo non arrivi… “la voce di un Budda che scuota il cielo e la terra”

      Grazie Paolo, è sempre un piacere leggerti.

  13. Luigi Cosivi

    Vero quanto dici Paolo, si fatica non poco con i vecchi, con i nuovi si va molto meglio proprio per la nostra onestà. la terza dinamica poi serve solo a confortare Machiavelli con “il fine giustifica i mezzi” e ne vien fuori un verminaio.
    Riguardo Libero : ma moeghela, ti fai solo il sangue cattivo, o te ne prendi responsabilità e vai a trovarlo e gli fai ciò che merita o, vuoi con il tuo risentimento, spingere qualcuno a farlo per te? Questo ci porta alla richiesta di garanzie che invochi, ti rimando al “Prezzo della libertà “, non si chiede agli altri, ci si prende la responsabilità in proprio e, così come ti sento per ora, non ti vorrei nemmeno nella mia classe, altro che farlo decidere a te.

  14. Libero

    Luigi tranquillo, non ho bisogno della predica… Il fatto che siano pubblicati non ti obbliga a leggerli. Poi se vuoi darmi un consiglio sul criticare e ben accetto. Non smettero mai di dire la verità. Se questo ti scoccia o ti urta i nervi mi spiace fattene una ragione. Per quanto riguarda al fatto che non mi vorresti nella classe e proprio per questo che non ci vengo…

  15. Luc

    Bel commento Paolo, sono d’accordo! Hai centrato il punto!
    Interessante notare come a livello di guadagni di case, si era mooolto più avanti negli anni 60 – inizio 70… Basta sentire testimonianze di persone che c’erano per capire che il livello era differente, compreso il gruppo stesso… Poi? Beh, poi ci si è persi in un bicchiere d’acqua… La tec anni 60 è stata buttata alle ortiche da Ron, il quale l’ha lasciata al suo destino senza alcuna revisione; poi NOTS che sembrava il risolutore definitivo ma, invece, ha fatto girare le persone al suo interno per centinaia e centinaia di ore (poi la CofS ci ha lucrato mica male), peccato che il WHY non sia quello! Oppure la nuova tecnica di NED del postulato, la quale Ron sapeva gia dagli anni 50…
    Senza contare il Clear, il quale è descritto “mirabolante” ma non è affatto così… è un buona cog stabile, ma è ben lungi da come è descritto sul Book one ed il fatto che Ron dica nel 78 che: “il clear del book one è vero e ottenibile” non è vero… E la “colpa” del perchè non è cosi non è da attribuire ai materiali dei livelli OT attuali, penso sia un errore da “via senza ritorno” o, appunto, vicolo cieco.

    Spero di non aver scosso nessuno, ma penso che ormai queste cose sono osservabili un pò da tutti…
    Un saluto a tutti
    ARC
    luca

    • Marco

      Luc hai detto cose che mi hanno attirato l’attenzione…. se non ti dispiace avrei bisogno di alcune specificazioni… La tec anni 60 è stata buttata alle ortiche da Ron, il quale l’ha lasciata al suo destino senza alcuna revisione… mi puoi dire un pò meglio a cosa ti riferisci, e perchè dici che è stata buttata alle ortiche?

      Ed anche su Oppure la nuova tecnica di NED del postulato, la quale Ron sapeva gia dagli anni 50… di che tech stai parlando?

      E E la “colpa” del perchè non è cosi non è da attribuire ai materiali dei livelli OT attuali, penso sia un errore da “via senza ritorno” mi spieghi meglio!?

      Grazie

      • Luc

        Ciao Marco, certo che posso spiegare 🙂

        1 La tec anni 60 è gettata alle ortiche perchè… Vedi procedimenti come la R 2-12 applicati al ponte moderno? Od in generale tecniche per trovare GPM? Sono completamente perse… Il motivo era stato spiegato su un articolo pubblicato sulla Reception, tipo listing da 1000 item e l F/N che doveva stare solo in un certo range di TA altrimenti non veniva considerato ecc… In seguito, con le scoperte di standard tech del classe VIII, Ron avrebbe potuto sistemare queste tecniche, mentre invece le ha lasciate lì come tech “vecchia”… Per fortuna altre persone, come Irene Mumford con la sua Dianasis, hanno rimesso IN quella procedura in maniera efficace!

        2 La “scoperta” in NED è che: “postulato uscito = cancellazione”. Prima questa nella R3R non si usava, ma quella scoperta sul postulato non è nuova, Ron ne aveva già parlato nelle conferenze anni 50… Purtroppo non ricordo il riferimento, ma lo si può trovare mi pare tra le conferenze del 52; dove aveva detto, appunto, di trovare il postulato fatto al tempo. Non è nuova insomma.

        3 Il tutto nasce dal fatto che Ron pensava che una volta Clear, l’essere aveva risolto l’aberrazione o il bank… Quindi per renderlo OT non ci voleva molto, bisognava farli riprendere le sue abilità visto che nessuna massa si metteva in mezzo. Sfortunatamente questo non è successo e, dunque, sono stati ricercati i materiali di OT 3 ed in seguito NOTS ed era stato detto che una volta risolti (prima con il 3 e poi NOTS), l’essere era apposto ed avrebbe potuto fare le abilità OT ogni giorno (come aveva detto David Mayo). Dunque si può dire che si è stata data la “colpa” del perchè un Clear è ancora aberrato ai materiali OT… Ma la verità non è nemmeno questa e puoi chiedere a chi ha finito NOTS, noterai che certe aberrazioni sono ancora lì… Dunque, di base, il Clear non è quello descritto sul book one (ne che sia un semi OT), l’errore sta lì.

        ARC
        luca

        • Marco

          Luca grazie della risposta.

          Posso solo aggiungere che di sicuro LRH ha sbagliato molte cose… ma credo in buona fede e a causa delle importanti difficoltà che avrà incontrato (oltre che per scelte poco felici).
          Naturalmente LRH ne ha fatto molte, molte, molte cose più corrette che non… e questo fa di lui senz’altro un Kha-Khan: per quello che ha fatto nei 70 anni della sua ultima (o precedente) vita terrena, ha salva la vita fino a 10 condanne a morte, se mai qualcuno lo condannerà.

          Per rispondere se seriamente, ma brevemente… io direi che nonostante tutto, bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno… ovvero: ora abbiamo un Ponte che arriva (sembra) fino ad OT completo. Almeno, cosi parlo Zarathustra… ops, volevo dire… Richard.

          Errori e dimenticanze degli ultimi 40 anni ora possono passare in secondo piano… ora l’attenzione va sul fatto che abbiamo un Percorso.

          Poi con cognizione di causa, parleremo di CHI ha più meriti per l’esistenza di questo Percorso/Ponte, ormai definito e ben percorribile (cosi sembra… per davvero questa volta).

  16. tony pacati

    Bello questo post, è da incorniciare e anche i commenti di Marco Paolo e Luigi sono belli, interessanti e pertinenti, bravi!
    Per me capita nel momento giusto. Ho finalmente ricominciato a studiare, e spero che questa sia la volta buona dopo troppi rinvii. Sto trovando delle difficoltà con i materiali, ci sono delle cose che non mi sembrano giuste o allineate ed entriamo nei dettagli della tech. Vorrei comunque fare delle piccole concrete proposte che chiarirò la prossima volta. Per ora la prima questione è avere un posto virtuale dove si possa parlare di studio e di auditing, con relative domande, richieste di aiuto o chiarimenti, dove si possano riportare esperienze e magari qualche successo incoraggiante per gli altri. A questo proposito mi piacerebbe che chi sta andando avanti, tenesse quasi un piccolo diario pubblicato dei suoi progressi, ed anche chi sta studiando… o non sta succedendo niente?

    Sono molto stufo di sentir parlare di DM & C. non mi interessa più, l’ho cacciato dal mio universo applicando il prezioso consiglio di Paolo, quando disse che la più grande invalidazione che puoi fare nei confronti di qualcuno è….ignorarlo e io lo ignoro, sono molto più interessato a guardare avanti che indietro.

    adesso, per studiare, manca una classe dove recarsi in vari orari, manca un supervisore competente, manca un allenatore per gli esercizi e per le verifiche, mancano certi video e certi nastri che sono previsti sui check sheet e ci sono dubbi sui materiali, visto che sembra che alcune policy sono state omesse da certi corsi e questo ti porta a dubitare di tutto. Mancano un sacco di cose, ma una cosa molto buona l’abbiamo, ed è internet, che “gli altri” non possono usare, e noi dovremmo trovare il modo di sfruttarla al massimo.

    Nello specifico, per esempio, noi siamo un piccolo gruppo e stiamo facendo il solo parte 1. Usiamo come check sheet l’ HCOPL 28 GENN. 82 pubb. 1.
    Approfittiamo delle poche volte che ci vediamo per fare gli esercizi al meter ed analizzando tutto il check sheet ho trovato una cosa che mi ha mandato in confusione: come è possibile che la sezione 10 (la prima dopo i libri) parli di Auditing e la sezione 11 di session modello, rudimenti e addirittura “verifica delle letture false”, SENZA aver prima studiato NIENTE del meter, visto che la sezione del metering è la 12 che viene dopo?
    Una volta il meter course era un requisito per cominciare il solo, adesso non più perché è dentro il corso (ed io non sono per niente d’accordo).
    Io vorrei ripristinare il meter course da fare prima del solo ed è così che stiamo facendo tra noi, ma nel campo indipendente non ho trovato il check sheet per questo corso, ho il mio pacco, quello con la copertina in cartone rosso, di 30 anni fa, che avevo fatto con grande soddisfazione molto velocemente prima del solo, ed ha funzionato, visto che non sono morto!
    Ho passato la domenica a verificare il check sheet del solo course degli indipendenti, quello scritto in blu in inglese e l’ho trovato molto più razionale, visto che metteva TRs e metering nella sezione 2, dopo i libri e prima di tutto il resto.
    Poi ho scaricato il check sheet del livello zero dell’accademia, che almeno è in italiano, per confrontare la sezione del meter, perché vorrei costruirmi un check sheet valido per fare solo il meter course e basta, come ai “vecchi tempi”.
    I due check sheet, viaggiano abbastanza in parallelo, sul quello del livello zero c’è qualche policy in più che va bene, mancano in alcuni esercizi il numero di riferimento del libro, ma c’è il titolo. Entrambi riportano l’importante policy “allenare gli esercizi al meter” all’inizio, mentre il il check sheet “ufficiale” la riporta quasi in fondo. Sempre in quello ufficiale manca completamente l’esercizio 5-1, la prova del metabolismo!
    In quello del livello zero non ci sono gli ultimi esercizi 21; 22; 23 e 25. Forse per questo livello non servono o forse è una dimenticanza, vorrei saperlo con certezza. Sul check sheet del solo in inglese ci sono.
    Nessuno mette nel programma di studio l’ottimo libro, citato recentemente anche da Paolo, COMPRENDERE L’ELETTROMETRO, che potrebbe sostituire il film EM4, “come funziona l’elettrometro”, che penso noi non abbiamo a disposizione.

    Insomma domande tecniche, che servono a me ed a chiunque altro voglia salire sul ponte sperando di non schiantarsi.
    Magari sto facendo un lavoro inutile perché qualcuno l’ha fatto prima e meglio di me. O forse no e sto facendo qualcosa di utile che vorrei ASSOLUTAMENTE poi mettere a disposizione di chi può averne bisogno prima che anche lui si faccia le stesse cose da capo e per conto suo.

    Magari c’è un terminale tecnico che a rispondermi ci mette solo 5 minuti…

    insomma, per ora servirebbe una specie di accademia virtuale solo rivolta alle cose tecniche, studio e auditing, successi, esperienze e anche problemi, consigli, soluzioni ecc.

    Cito un altro problema, sempre per il solo (adesso mi sto sto occupando di questo), i libri… uno dovrebbe farseli da solo, ma senza sentirsi abbandonato, altrimenti non li finisce più.
    Su questo dovremmo imparare dai nostri cugini “virtuosi” dei quali dovremmo valorizzare le cose giuste che fanno, invece di parlarne sempre male 🙂 . Loro hanno i corsi per corrispondenza, che credo si possano fare anche per internet. Per chi è indipendente non “ufficiale” ed ha ancora il nome “pulito”, consiglio di farli, pagando il prezzo dovuto, che mi sembra onesto, specialmente se un giorno avrà intenzione di andare sul solo. Altrimenti potremmo avere un nostro supervisore “remoto” per i corsi per corrispondenza, magari potremmo anche mandargli le plastiline fotografate o filmate col telefonino (ma magari questa è una scemata)…

    Insomma, siamo Italiani…. arrangiamoci!!!
    Se non lo chiariamo noi il pianeta chi altri pensate possa farlo??

    Nota per Libero, Luigi ti ha risposto un po’ in malo modo, io invece voglio darti tutte le garanzie che ti servono:
    Ti garantisco che se continui a sguazzare nel rancore prima o poi ci affoghi e non se ne accorgerà nessuno
    Ti garantisco che se ti metti ad aiutare troverai un sacco di brava gente e tante soddisfazioni, ma…
    Ti garantisco ancora di più che troverai anche qualche stronzo che prima di darti una coltellata nella schiena ti ficcherà anche qualche altra cosa… sempre nel lato di dietro
    Ti garantisco che qua c’è da farsi un culo così solo a provarci…
    Ti garantisco che qua non c’è nessuna garanzia, solo una flebile speranza…

    Se ti servono altre garanzie chiedi, ne ho altre tre pagine…

    E per finire una nota tecnica filosofica: chi audirà i nostri figli?
    Non è una domanda peregrina, è una domanda seria.
    Voi ci avete mai pensato?
    Penso che il campo indipendente, per ora sia formato al 90% da ex scientoligyst con decine di anni di esperienza alle spalle, quando vecchie pellacce come Banzai Bonzani saranno stufi cosa facciamo?
    Io ho la considerazione che anche per il poco pubblico nuovo che si aggrega, sia più semplice ricevere auditing che studiare nelle accademie che non ci sono per non parlare degli internati.
    Di fatto penso che adesso sia realisticamente più semplice arrivare ad OT 3 che diventare un buon classe 4, per non parlare di un 5 graduato.
    Allora penso che gli OT o i pre OT diventeranno gli auditor del futuro. IL solo course è un ottimo corso che insegna le basi per audire qualsiasi cosa, e l’internato te lo fai su te stesso, senza massacrare nessun altro. Dopo centinaia di ore audite in solo, ma comunque in contatto con il meter e varie liste, ci saranno meno problemi e meno scrupoli a studiare i materiali dei gradi e cominciare ad audire gli altri. E’ vero quello che dice Paolo, che ci aspettavamo tutti molto di più dal ponte, ma non buttiamo via il bambino con l’acqua sporca. Sui livelli OT (si, pre OT) non dico che si diventa telepatici, ma almeno l’intuito cresce un bel po’, e poi sei meno introvertito sul tuo caso e questi sono 2 buoni requisiti per essere un valido auditor.
    30 anni fa, alle prime esperienze di auditing, sono stato audito da una tipa che aveva “10.000 ore sulla sedia” (come i piloti di linea ) ma del ponte non aveva ricevuto praticamente niente, e poi da un OT che forse aveva appena finito l’internato o quasi,… meglio l’OT! Capiva di più, e visto che faceva “l’auditor” capire oltre che ascoltare fa la differenza…

    adesso vado a dormire

    meno male che volevo farla breve…

    ciao a tutti

    Tony

    • Marco

      Ottimo commento Tony, sempre su pezzo e in modo arguto…

      Sono molto d’accordo con te su tutto, ma volevo sottolineare una cosa, che anch’io mi sono chiesto: “chi audirà i nostri figli?”

      Dici, chi adesso sta facendo i livelli PreOt… ottima risposta.
      Ottimo punto di vista Tony… che ha ben vedere è un’ottima visuale possibile.

      Questa che verrà sarà una generazione di auditor molto competente:
      1° perchè indipendenti (ovvero non sopressi, liberi con il pensiero, e auto/pan-determinazioni…);
      2° perchè chi ha una buona ed onesta (senza esaltazione) realtà del Caso, della Traccia, del Ponte, ecc. ecc. ce l’ha in relazione con l’esistenza, cioè con la realtà esterna esistente adesso…

      Ovvero questi futuri auditor saranno liberi e autonomi, senza interferenze di setta (niente setta Cof$ a introvertiti ed alienarti) che di per sè ha il compito di esclude l’individuo dall’attualità delle Dinamiche (che invece sono sempre in movimento).

      Infatti, amara considerazione, a ben vedere, gli scientologist ancora “dentro” alla Cof$… beh, sono abbastanza inutili… se non addirittura dannosi.

    • Bello Tony !
      Ho letto al volo in autostrada con occhio su strada e occhio su cell….
      Velocemente ti dico che E meter course E’ un prerequisito per il SOLO 1, credo che la parte sulla quale hai messo l’attenzione, tratti Esercizi all’E-meter sulla quale si mette enfasi…
      Infatti uno potrebbe aver fatto l’E-Meter course 10 anni fa e quindi essere OK con i prerequisiti,ma alla fine quando sali sulla bici, e’ meglio che tu abbia delle buone gambe !
      Fra

      • tony pacati

        Grazie Francesco e grazie Marco,
        oggi faccio il pignolo, se vai a controllare i vari ceck sheet dei corsi solo 1 in italiano ed in inclese, o il livello zero dell’accademia e controlli l’elenco dei requisiti, l’emeter course non c’è da nessuna parte. Le sezioni del metering all’interno del corso non sono solo gli esercizi, ma è un vero corso per imparare ad usare l’elettrometro da zero, infatti cominciano con il capitolo “a” del libro introduzione al meter ecc.
        Anche negli organizzati siti americani, quei pochi che ho visto, il meter course e relativo check sheet, a se stante non l’ho trovato.
        Io ho il vecchio pacco del meter course degli anni ’80, dove il check sheet è l’HCOPL DEL 23 GENNAIO 1980R RIVISTA IL 5 GENNAIO 81.
        magari va ancora bene. Mia moglie ha il nuovo pacco (di 10 anni fa) con il raccoglitore ad anelli, naturalmente avendo cominciato il corso, il check sheet è stato strappato via, così da “obliterare” il pacco per renderlo quasi inservibile, in modo che se il marito o il figlio dopo si iscrivevano allo stesso corso dovevano ricomprarlo, in base alla policy che “ogni studente deve avere i SUOI materiali”, parole del book store. (accidenti…sto di nuovo parlando male dei nostri cugini, quelli bravi).
        Comunque, approfitto dello spazio e faccio un appello: qualcuno ha un check sheet recente dell’ultimo corso del meter da scannerizzare e mandare a Francesco che poi me lo gira?
        grazie
        ciao a tutti
        Tony

  17. Libero

    Sono sereno Luigi. Se non opero come Scientologo e xche ho dovuto cambiare lavoro da zero e rifarmi una vita a 50 anni . Ci sto riuscendo e ne sono orgoglioso. Ci sono cose che non vanno in Scientology e anche gravissime ma per fortuna la tech funziona. A me non piacciono i falsi, gli ipocriti,cioè coloro che creano i loro feudi per poi regnare illecitamente sulle spalle della povera gente in modo cinico. Poi questi fanno pure gli snob pensando che siano tutti fessi e disponibili a mettersi a 90 gradi.. Io non mi faccio pecora e il lupo non mi mangia… Io questo Sto combattendo in Scientology e per quanto mi riguarda direttamente quel pezxo di merda di DM. Non piace a qualcuno ? probabilmente vuole creare un altro feudo…

    • Marco

      Ottimo per i tuoi sucessi Libero, è giusto che ne sei orgoglioso. Un pò è successo anche a me…
      e capisco perfettamente i risentimenti che possono esserci come strascico, ne ho avuti a bizzeffe.

      Però sono stato parecchio in auditing e devo dire che questo mi ha aiutato tanto nell’archiviare le molte sconfitte ed i molti danni subiti.

      Non mi dimentico chi è stato un testa di caz.. nel creare tutti questi danni… DM avrà sempre il mio biasimo (per me è un SP, grande testa di caz..), ma a sto punto mi sto preoccupando di altro, per esempio: “chi audirà i nostri figli?” Ottima domanda di Tony.

      Perchè in effetti… beh, se ci giriamo a guardare indietro la traccia… beh, ci hanno massacrato, la condizione in cui siamo ci dice di per sè quanto siamo stati pesantemente soppressi su tutta la traccia…

      Capisco bene il tuo risentimento contro DM e soci, ma non dargliela vinta, non perdiamo più troppo tempo a parlare troppo di loro…
      Non dimentichiamoci di avvertire i nostri amici che quella “gente li” sono i criminali SP che hanno distrutto le Org. (e molta gente)…

      Ma noi siamo ancora qui in attività… per: ottenere i risultati promessi dal Ponte (tra cui anche: diritti per la gente onestà; galera per la gente mal’intenzionata).
      La vendetta migliore è quella servita fredda… e la nostra miglior vendetta è e sarà: “maramao a te… noi siamo saliti ad OT nonostante voi…”

  18. Libero

    Da ora non ne parlo più. .Grazie Marco. Ne parlerò solo se messo come argomento nel blog.

  19. paolo facchinetti

    Ragazzi, per chi non lo sapesse Libero si sta audendo con successo su Solo Nots, Non è che ha bisogno di troppi incoraggiamenti e pacche sulle spalle, Riferisce semplicemente dei suoi punti di vista su DM anche perché chi è stato sullo staff… “ha visto cose che voi public non potreste immaginarvi” (parafrasando liberamente Blade Runner).

    • Marco

      Molto bravo Libero, avanti sempre. “In bocca al lupo” per le tue sessioni.

      Paolo, a me non da nessun fastidio che si critichi DM… lui si merita tutta la merda che gli si tira dietro.
      Io sto con Libero nella critica a DM: DM è un viscido implantatore schivista, oltre che un ladro e mafioso criminale… che altro si può aggiungere?

    • tony pacati

      Allora hurrah per Libero che è su OT 7, sono sinceramente contento e spero di raggiungerlo presto, però è un motivo in più per lasciarsi il passato alle spalle e guardare al futuro.
      Richard postula di diventare talmente OT da salvare e redimere DM,
      Libero vorrebbe annientarlo
      Io, dopo averlo certamente odiato tanto, sarà che sono a metà strada, per adesso mi ostino ad… ignorarlo.
      E poi anche noi piccoli indiani del pubblico, abiamo fatto, più che visto, cose che gli staff, tutto sommato al sicuro nella loro org, pur lavorndo 12 ore al giorno per un tozzo di pane, non possono neanche sognarsi. Cosa ho confrontato di mest, alla ricerca dell’org ideale perduta (anche io parafraso Harriso Ford), oggi non sono in grado di riconfrontarlo più neanche con il ricordo.
      Insomma ci vorrebbe un po’ di sana filosofia napoletana, chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato, scordiamoci il passato ecc. ecc…

  20. Libero

    grazei Paolo, comunque non ne parlo più … in effetti mi sono reso conto, ho esagerato come dice Luigi. Ogni tanto una tirata di orecchi è teraupetica.

  21. Marco

    LRH da una risposta su PAB 13 RIGUARDO IL COMPORTAMENTO UMANO, scritto nel 1953.

    E’ un briefing agli auditors riguardo l’importanza di sapere i tipi di personalità più aberrate e le più aberrative.

    In questo PAB, LRH dice:

    Quello che chiameremo la personalità aberrativa fa le seguenti cose:

    1. Tutto quello di brutto che è successo al pc è (a) ridicolo, (b) non importante, (c) meritato.

    2. Tutto quello che il pc e gli altri hanno fatto alla persona aberrativa era (a) molto importante, (b) molto cattivo, (c) irrimediabile.

    3. Tutte quelle cose che il pc poteva fare (a) non avevano valore, (b) erano fatte meglio dalla persona aberrativa o altre persone

    4. Trattenimento o perversione sessuale.

    5. Inibizione a mangiare.

    Quelli che hanno avuto la sfortuna di aver a che fare direttamente con DM riconosceranno all’istante queste caratteristiche.

    La costante negazione di qualsiasi persona attorno a lui, con accuse veementi che “tutti” sono incompetenti, e che lui è “l’unico” che può fare qualcosa.
    Il suo ritornello ripetuto più volte che le persone “fingono” di essere stanche (dopo molte notti in bianco o quasi cercando di finire i suoi ordini irreali mentre lui dorme tutta la notte tutte le notti – a meno che non decida di stare in piedi la notte e poi dire a tutti come lui dorme poco mentre “tutti” sono a letto a dormire).

    Spesso lo si sente dire a voce alta come “l’incompetenza” di tutti quelli attorno a lui lo stanno “letteralmente uccidendo forzandolo a fare lui il lavoro fino alla morte”.
    Se qualcuno protesta o reagisce alla sofferenza e umiliazioni che lui distribuisce, lui li accusa di “drammatizzare”.

    Ripetutamente delizia quelli attorno a lui con descrizioni molto degradate e pornografiche delle sue presupposte perversioni sessuali, mentre dichiara di essere completamente virtuoso e di dormire in un letto separato da sua moglie come prova di quello che dice (anche se altri hanno notato la sua attrazione verso il suo comunicatore Lou).

    Ordina di routine agli altri di mangiare riso e fagioli per settimane o mesi, o addirittura di mangiare gli avanzi (che devono comunque essere pagati), mentre lui ha una dieta speciale e ha un cuoco a tempo pieno per lui che prepara tutto quello che desidera.

    Questa ovviamente è solo una breve descrizione.

  22. Burlesque

    Sono estremamente persuaso che lo schema organizzativo più efficace per il mondo della Scientology indipendente possa essere un insieme di grandi e piccoli organizzazioni giuridicamente indipendenti, associate assieme per definire la tecnologia e certificare le stesse organizzazioni, sempre e solo sotto l’aspetto tecnico. Una specie di ente certificatore, come succede, anche se il paragone può sembrare fuori luogo, con la certificazione dei prodotti biologici. Questo ente, rappresentativo di tutti gli associati, avrebbe anche il compito di espellere eventuali gruppi associati per questioni etiche eclatanti. La storia ha dimostrato che una grande chiesona può trasformarsi in un Moloch pericoloso e tentacolare, oltre che fragile perchè il nemico, una volta preso il vertice, prende tutto.

    • Marco

      HCOPL DEL 1° OTTOBRE 1967 Serie del know-how amministrativo N.15 USI DELLE ORGANIZZAZIONI

      “Esistono due modi (violentemente in contrasto tra loro) in cui le organizzazioni di Scientology possono essere usate:

      1. Favorire il progresso di sé e di tutte le dinamiche verso la sopravvivenza assoluta.

      2. Usare sugli altri il grande potere e il controllo di un’org per difendere se stessi.

      Quando in un’organizzazione lavora un Essere per bene, egli usa il modo illustrato al punto (1).

      Quando in un’organizzazione lavora una persona soppressiva, usa il modo illustrato al punto (2).”

      HCOPL 8 FEB 1960 Honest People Have Rights, Too (OEC Vol 0 pg 461)

      “Quando una organizzazione raggiunge il fantastico livello di sentirsi al di sopra dell’essere rimproverata, o quando un individuo si mette in una posizione in cui crede di essere infinitamente superiore agli altri esseri umani e non può essere toccato, il caos , non ha importanza quanto in là nel tempo , accadrà.

      Quindi io penso che la libertà dei materiali che conosciamo e che capiamo, è garantita solo da una organizzazione leggera.

      Per fare questo ci vuole buon training ed un sano mezzo per scambiare le informazioni .

      Se saremo capaci di fare queste cose allora vinceremo.”

  23. Luc

    Scusa Libero, ma non avevi attestato NOTS l’anno scorso? C’è il tuo successo qui sulla reception datato 20 Febbraio 2014…

    @Marco, hai visto che ti ho risposto? Pensavo che avessi qualche commento a riguardo…

    • Marco

      Luca ti ho “replicato” stamattina, ma il mio commento (30′ di tempo a scriverlo) è sparito… non so perhè!?
      Poi alle 19,30 ho riscritto… , a sto punto brevemente, ma guarda che è sotto al tuo commento (qui sopra)…
      Grazie per l’impegno degli ultimi giorni…
      Ciao Marco

      @ Libero: In effetti ricordavo anch’io che avevi finito il 7 … !? Ma questi naturalmente sono “i misteri” del livello 7… “non si sa mai” quando è finita veramente 😦 😉

    • Libero

      si è vero, aspettando OT VIII mi audisco Nots tramite i rudimenti… a settembre inizio.

  24. Luc

    Marco, perdona la mia fretta! ahah 🙂
    Io non volevo biasimare o contare le pulci a nessuno. Il mio intento, era mettere l’attenzione sul fatto che ora molte cose si possono e si dovrebbero chiarificare (certi stati, procedimenti ecc..), al fine di rendere il tutto più fruibile e semplice, senza il bisogno di mistificare le cose come nella CofS. Penso che più si sta semplici e meglio è… Lo dimostra la testimonianza di Paolo, sulla differenza tra PC nuovi e vecchi… Semplicità.

    @ Tony Pacati: volevo dirti, a proposito di semplicità, che le cose si possono tenere facili basta usare il buon senso. Il check sheet non ti quadra in alcune sezioni? Beh, fai prima quello che serve per la sezione successiva… La cosa dev’essere logica e se il check sheet non lo è beh… Non devi per forza seguire un illogicità perchè lo dice il foglio! Stessa cosa per la storia di fare 5 passaggi sugli e-meter drill… Questo è un arbitrario bello è buono! Quanti sono i passaggi per imparare ad usare il meter? Tutti quelli che servono affinchè uno si senta bene, stop. Uno lo fa 2 volte e si sente pronto, mentre magari ad un altro ne occorrono molti di più, semplice no? Poi, la vera pratica la sia fa sulla sedia ed in questo il Solo 2 è fantastico… (A proposito, come diavolo si fa a tenere confidenziale il solo 2?? Mi vien da ridere)

    Dico questo perchè è in tema con il mio argomento di semplificare e chiarire “misteri”.
    Per finire hai detto di avere il pacco vecchio con la copertina rossa… L’abbiamo anche noi ed è fantastico, più bello di quello che vuoi? 🙂

    Un saluto da tutta la famiglia
    ARC
    luca

    PS Fidati del vecchio Yoda che la sa lunga!! 🙂

    • Marco

      Ottimo Luca, completamente d’accordo, abbiamo la tech… gestiamola senza falsi miti e/o vecchi sistemi soppressivi che usava la Cof$.

      Che dire di questa frase presa dalla PL!?

      HCOPL 8 FEB 1960 Honest People Have Rights, Too (OEC Vol 0 pg 461)
      “Quando una organizzazione raggiunge il fantastico livello di sentirsi al di sopra dell’essere rimproverata, o quando un individuo si mette in una posizione in cui crede di essere infinitamente superiore agli altri esseri umani e non può essere toccato, il caos , non ha importanza quanto in là nel tempo , accadrà.

      Beh, una cosa intererssante da sottolineare…

    • tony pacati

      caro Luc,
      dovremmo un po’ uscire da quell’atmosfera da reduci del Vietnam che hanno visto cose… e che tra loro parlano in gergo e si capiscono con un’occhiata.
      Sì, fa molto terza dinamica da circolo ristretto, ma poi?
      Tutte le pignolerie che sto sollevando sono nell’ottica di aiutare la gente completamente nuova a fare i primi (ed anche i secondi ed i terzi) passi sulla strada di scientology. Spero che prima o poi cominceranno ad arrivare e che saranno già dotati di così tanto buon senso da intraprendere questa strada nel campo indipendente e non nella chiesa, che detto per inciso, in questo momento sarebbe il posto migliore dove fare i corsi di divisione 6, almeno fino a quando non entri nel mirino del reg.

      Il problema maggiore che credo abbiamo noi in questo momento è che siamo soli e sparpagliati e chi vuole cominciare deve essere nelle condizioni di fare da solo o nel migliore dei casi con aiuto “remoto”.
      Una delle cose migliori è avere un programma, una guida, una sequenza, cioè… un check sheet!!!
      Prendi le istruzioni per montare un comodino dell’ikea ed inverti 2 o 3 passi, il risultato è il comodino distrutto a testate. Se poi arrivi tu e tutto serafico gli dici che bastava usare il buon senso, il comodino si salva perché sarai tu ad essere distrutto a testate!
      Quindi se hai il programma per seguire un corso dove sai che ci sono sequenze sbagliate o passi omessi e comunque lo metti in mano ad uno che, se vuole fare quel corso è perché non sa qualcosa e vuole arrivare a saperla, e che quindi non ha NESSUN elemento per capire che c’è qualcosa che non va, ti stai semplicemente facendo un nemico.

      Ti parlo per esperienza diretta di fatti avvenuti in questi giorni.
      Semplificare va bene, ma saltare un requisito o aver invertito la sequenza di due azioni ha prodotto un risultato pessimo, semplicemente pessimo!

      Pensiamo alle future generazioni, Richar del suo ultimo libro parla, solo per cominciare, di chiarire 140 milioni di persone, a me sembra un sogno vederne chiarite 14. Non dico che quello che dice Richard non si può fare, è una questione di tempo (sempre che non arrivino gli extraterrestri) e quanto tempo penso che ci vorrà non lo dirò mai, ma ci vorrà tempo e dobbiamo lasciare delle linee guide le più chiare possibili, perché la storia andrà avanti abbastanza.

      Sto rivalutando moltissimo l’importanza del “benedetto” check sheet, (non ho mai scritto queste 2 parole così tante volte in vita mia) il fatto di firmare un passo ti da al misura di una cosa FATTA!
      Si vedono le cose fatte e le cosa da fare e poi si vede la fine, lo trovo… confortante!

      Penso che sia la principale base dello studio, se è fatto bene, con la giusta sequenza, il giusto gradiente e senza omissioni, lo studio scorre senza problemi è da soddisfazioni.
      Se è fatto male procura rotture di ARC e blow.

      Quindi considero un dovere contribuire al fatto che siano il più possibile fatti bene, incluso correggere errori di battitura e di sintassi, figuriamoci il rimediare ad omissioni a volte catastrofiche.

      Altrimenti, darlo, scientemente sbagliato, in mano a gente nuova cosa diventa? Un test di intelligenza? Vediamo se il tipo è abbastanza sveglio (o ha abbastanza buon senso) da accorgersene?

      A me sembra una carognata! 🙂

      con affetto

      tony

      • Ciao Tony,
        credo che di passi ne siano stati fatti molti in questi ultimi tre anni nel campo indipendente per rendere il Ponte di Scientology sempre più liscio e fruibile per tutti, vecchi e nuovi scientologi o aspiranti tali.
        E’ bene che si creino sempre di più connessioni tra le varie persone interessate, che si formino gruppi ecc,
        Per quanto riguarda il diventare auditor, per sé e per gli altri è, come tu dici, vitale imparare l’uso dell’E-meter; il checksheet del livello 0 dell’Accademia contiene molti dati basilari, ed è un ottimo inizio per chi non ne conosce il funzionamento. Un buon foglio di verifica per un corso sul metering lo si può trovare qui: http://freezoneearth.org/clearbird/MeterCourse2004/manual/checksheet.htm
        E’ in inglese, ma credo non sia uno scoglio insormontabile.
        Un altro strumento utile è il film sulle letture del Meter, con relativi esercizi. Lo potete trovare anche come post sul nostro blog:
        https://lareception.wordpress.com/2013/05/03/il-film-degli-e-meter-drills/

        Poi se serve altro scrivimi pure in privato o telefonami.

        …Sto pensando a come creare una Accademia Virtuale …

        A presto allora, un abbraccio a te e alla family!
        Guido

        • tony pacati

          ciao Guido
          l’idea dell’accademia virtuale è ottima e da studiare bene.
          domani mi guardo il check sheet e magari ti faccio sapere in privato, non voglio farla troppo lunga sul blog.
          il film lo stiamo usando

          grazie e ciao a tutti
          Tony

      • Luc

        Va bene Tony, il tuo discorso è chiaro e sono d’accordo. La mia era un indicazione più che altro per voi, non certo per una persona nuova! Però magari a qualcuno torna utile, non si sa mai…
        Comunque, converrai con me che il solo una persona nuova non può farlo da solo (gioco di parole), c’è bisogno di qualcuno che lo segue per gli e-drill e lo studio e, dunque, molti di questi problemi spariscono. Comunque tipo i miei, hanno fatto il Solo nel 90 (con il check sheet degli anni 80) senza alcun tipo di e meter course prima e, a quanto pare, non sono morti manco loro 🙂 . Quindi, secondo me, il trucco sta in una buona supervisione… O vogliamo farglielo fare senza nessuno ad ad aiutare? Anche questo non sembra un bella cosa…
        Comunque il check sheet indi del solo andrebbe tradotto, penso sia il top… Mentre quello del 82 alla fine è giusto, ha dentro solo un drill su “soppresso e invalidato” prima degli e drill che andrebbe dopo….

        Poi ricordiamoci che c’è il film indipendente sulle letture del meter! Come base è ottimo…

        Non ho capito una cosa, hai il check sheet del meter course vecchio con la copertina rossa? Perchè se non l’hai potrei provare a scannerizzarlo e mandartelo… Quello è davvero bello.

        Ciao, con
        ARC
        Luca

      • Libero

        Giusto, ci vuole probabilmente un supervisore… Questo supervisore o va direttamente lui nell’area dove è richiesto oppure si creano dei gruppi in qualche luogo stabile… io sono più propenso per un supervisore che si sposta lui direttamente dal PC.

    • Marco

      Luca, sono completamente d’accordo con te su : Il mio intento era mettere l’attenzione sul fatto che ora molte cose si possono e si dovrebbero chiarificare (certi stati, procedimenti ecc..), al fine di rendere il tutto più fruibile e semplice, senza il bisogno di mistificare le cose come nella CofS.
      La Chiesa ha mistificato ed esaltato gli EP e gli Sati ottenibili con la tech… quello che ha ottenuto sono stati un mucchio di soldi e/ma anche una pesante rottura di realtà nel campo, con conseguente disfacimento dell’organizzazione (ovviamente oltre al fatto che cosi facendo hanno ottenuto una Setta, che alla maggior parte della gente sta stretta).
      Si perchè, la gente scappa da malcomprensioni, sopratutto da quelle causate da menzogne.

      Assioma 15
      La creazione avviene postulando un’as-isness.

      Assioma 17
      Lo statico, dopo aver postulato un’as-isness, pratica alter-isness, raggiungendo così l’apparenza dell’isness e ottenendo una realtà.

      Assioma 18
      Lo statico, praticando not-isness, provoca persistenze indesiderate, e determina in tal modo irrealtà che comprende l’oblìo, l’incoscienza e altri stati indesiderabili.

  25. Libero

    Sto aspettando il tonfo …quello proprio che da un botto …

  26. Luc

    Grazie Marco per le citazioni, sono d’accordo. Grazie Libero per la precisazione.

    Un saluto
    ARC
    luca

  27. Marco

    CAPACITA’ DI COMANDO 4gennaio 1959

    “… c’è qualcosa di ben più importante… ed è che noi, quando produciamo un Clear, produciamo un individuo che è in grado di creare una sfera di ordine.
    Lui è in grado di controllare e portare ordine in un perimetro più vasto.

    Ora, quando una società è composta di gente capace di portare ordine nei propri affari e nella società, nei propri gruppi, abbiamo, naturalmente, una società stabile. Non abbiamo un caos.

    L’unica cosa esistente, che sia capace di portare ordine – l’individuo – viene reso capace di portare ordine grazie a Scientology.
    Ed essendo capace di avere una sfera d’azione ordinata, naturalmente, le cose funzionano e funzionano meglio, e c’è una maggiore responsabilità per le cose.

    Non avrei bisogno di pensarci due volte se ci fosse un Clear alla Casa Bianca. So che il tipo escogiterebbe qualche soluzione per impedire che la sua nazione venisse fatta saltare in aria. Potrei rilassarmi. E voi pure.

    Ora, non sto dicendo che questo… che la nostra azione dovrebbe dirigersi direttamente contro la società moderna e che dovremmo afferrare tutti questi politicanti e dare loro immediatamente del processing. Sarebbe una buona idea, ma non è molto fattibile.

    Noi stiamo seguendo un piano che va in parallelo a ciò. Noi consideriamo che, prima o poi, la società moderna si schianterà più o meno pesantemente a terra per mancanza di individui.
    E noi vogliamo semplicemente assicurarci che ci sia, nei paraggi, qualcuno capace di raddrizzare le cose.
    Questo è il minimo che chiediamo ed è il minimo in cui speriamo.

    Ora, qualsiasi cosa facciamo da quel punto in poi… magnifico! Preparare a questo punto un grande piano e dire questa è l’organizzazione e questo è ciò che stiamo per fare e i nostri passi sono uno, due, tre, quattro, cinque… sarebbe come dire che nessuno di voi ha il diritto, a sua volta, di pensare o pianificare.

    L’unica cosa che posso fare è mantenere in ordine le linee di comunicazione di Scientology e del suo servizio. Questo è tutto ciò che posso fare e che sono impegnato a fare.
    Io so usare queste linee di comunicazione, queste linee di comunicazione sono li perché voi le usiate, così che possiamo mantenere le cose in azione solamente in Scientology.
    Ma questo è un perimetro interno. Questo è un fattore interno.

    Ma che dire quando Scientology influenza le cose che stanno all’esterno? Sapete che se deste auditing a una piccolissima percentuale della società, da quell’unica azione deriverebbe una quantità di ordine sufficiente a dar luogo ad azioni sensate da parte della società?
    Stiamo quasi parlando in termini di misticismo. È qualcosa che non si riesce completamente a spiegare.

    Quando un individuo è capace di portare ordine, c’è ordine, sia che l’abbia instaurato lui oppure no. Quando un individuo è capace soltanto di portare disordine, c’è disordine, sia che l’abbia creato lui oppure no.”

    “Quest’idea di portare ordine. Quest’idea di… di portare ordine nella vita di un individuo e poi far sì che questo ordine si allarghi su altri perimetri più ampi rispetto a se stesso, è una cosa lampante. Voglio dire, è lì da vedere.

    Ecco perché dico che non per forza si devono rendere Clear tutte le persone del mondo. Se semplicemente si portasse a release un tot di persone, qualcosa accadrebbe.

    Se rendete Clear un po’ delle persone di una città, cosa succede alla città?
    Non perché queste persone se ne vanno in giro dandosi molto da fare, magari, ma qualcosa succede, di sicuro qualcosa succede.
    Viene a crearsi un maggiore ordine. Come risultato di ciò, otteniamo una sfera di ordine più vasta.

    Ebbene, la capacità di comando è in tutto e per tutto l’azione di portare ordine, altrimenti non è capacità di comando.

    La gente parla del “leader della folla”. Una folla non ha un leader.
    Una folla fortemente incline alla distruzione non sceglie un leader. Sceglie qualcuno a cui ordinare questo e quello, sempre, purché – beninteso – uccida anche loro.
    Questo è l’aspetto triste riguardo alle folle. Non sto parlando a vanvera. Questa è verità tecnica.

    La folla distruttiva, o qualsiasi grande folla, se chiamata a scegliere qualcuno, normalmente sceglie qualcuno a cui ordinare questo e quello, ma che li distruggerà.

    Esempio: i comandanti di compagnia scelti durante la Guerra di Secessione.
    I primi comandanti – non sceglievano nemmeno degli ufficiali diplomati a West Point nell’esercito sudista.
    Sceglievano una qualche specie di politicante che immediatamente li conduceva dritti nella gola sbagliata e nel punto d’attacco sbagliato. Dopo un po’, beh, alcuni di quelli dalla “sopravvivenza innata” sopravvissero, e quando si trattò di eleggere i comandanti, beh, fu un’elezione diversa. La maggior parte di quelli che volevano essere uccisi, erano ormai già stati uccisi.

    Ora, qui… qui abbiamo un impulso da parte dell’uomo verso la distruzione, a meno che non disponga di una capacità di comando responsabile e affidabile, a meno che possa delegare le proprie attività verso aree che hanno una capacità di comando. Afferrate l’idea?”

    “Ebbene, noi andiamo direttamente contro un tale movimento. Noi non siamo un movimento politico, comunque, neppure vagamente.

    Ciò che stiamo creando è qualcuno che può vivere una vita migliore.
    Beh, questo va benissimo ed è di valore proprio in quella sfera.
    Ma potremmo anche guardare un po’ oltre.

    Ciò che stiamo creando non sono necessariamente i “leader del mondo”: non c’entra niente con questo.
    Stiamo creando qualcuno che sappia assumersi la responsabilità nella propria sfera d’azione!
    Stiamo creando persone che sappiano assumersi la responsabilità delle cose. E se noi le creiamo alla stessa velocità con cui la società dice che l’individuo non può avere alcuna responsabilità, impediremo tuttavia a questa barca che è lo stato di affondare con tutte le bandiere ammainate.

    Sapete, la capacità di comando e il clearing non fanno necessariamente parte della stessa categoria, giacché potreste avere una società fatta di… totalmente composta di Clear e probabilmente non avreste alcun leader. Afferrate l’idea?

    Ma ove voi foste in grado di crearne appena alcuni, creereste senza dubbio dei leader. Qui, in altre parole, c’è una qualche differenza.
    Un individuo che si propone di assumersi la responsabilità, generalmente lo fa e mantiene in marcia le cose.

    Va benissimo dire “capacità di comando”, ma che cos’è? Che cos’è? Curiosa questa cosa. Ma sapete che hanno scritto interi tomi su questo soggetto.”

    “Se ci stiamo dirigendo verso una società che è praticamente priva di leader, sarà meglio che sappiamo che cos’è un leader.
    Un leader è qualcuno che è in grado di assumersi la responsabilità per la sua sfera di influenza. E terribilmente semplice, vero? È in grado di assumersi la responsabilità per la sua sfera di influenza.

    Io vi dico che in un’Organizzazione Centrale, se il vostro Registrar e Registrar Assistente non sanno assumersi la responsabilità per ogni bank reattivo del paese, essi non stanno facendo un granché.
    Però! Questa sì che è una frase ad effetto. Assumersi la responsabilità di ogni bank reattivo del paese? Zzzzzt. E tuttavia, è proprio ciò che ci vuole.

    È molto difficile smuovere un’organizzazione fino a farle assumere una qualsiasi responsabilità, perché un’organizzazione in se stessa non è responsabile, solamente i terminali al suo interno lo sono.

    Solamente l’HCO si prende effettivamente piena responsabilità di tutti i certificati mai emessi. Quella sì che è una zona di responsabilità, non è vero? Tutti i certificati mai emessi, a chi o che cosa, o perché o per cosa?
    Beh, di tanto in tanto HCO non regge. Non può fare a meno di crollare di tanto in tanto, per quale motivo? Va fuori comunicazione.

    Così abbiamo il prossimo attributo della capacità di comando.
    In presenza di capacità di comando, la comunicazione è possibile. Oh! Perbacco, certamente questo sembra strano, vero?

    Quando sentiamo dire del generale che scende tra le truppe e nessun soldato semplice gli deve parlare, noi diciamo: “Il generale è il leader di quei soldati?”. Aha-aha-aha-aha! Può darsi che lo siano i loro sergenti, ma non il generale.
    Perché? Perché i soldati semplici non gli possono parlare. Comunicazione.

    Un leader deve essere capace di dare e ricevere comunicazione. E molto semplice, non è vero? Dare e ricevere comunicazione.

    Naturalmente, fa parte della sua abilità l’avere tempo sufficiente per ascoltare tutto quanto gli viene detto, ma tuttavia è in grado di ascoltare un bel po’ di cose. E lui di certo deve avere questa capacità di comunicare.

    Inoltre, deve possedere la capacità di avere affinità per le persone che guida. E deve essere capace di ispirare in loro un po’ di affinità per lui.

    E gli obiettivi e le cose per cui egli si batte devono essere del tutto reali. Devono essere reati.
    Devono essere in una certa misura ottenibili. Deve esserci un accordo discretamente buono su questi obiettivi.

    E oltre a ciò, deve essere capace di avere una realtà sui bisogni della gente che sta tentando di guidare. Qual è la loro realtà?

    E rendendosi chiaramente conto della loro realtà, non ha necessariamente bisogno di adeguarsi minimamente ad essa.”

    “Ma i leader non guidano soltanto nazioni. Ogni famiglia deve avere un leader, a meno che non sia composta di Clear. Capito?

    Due persone possono raggiungere un accordo, ma due persone non possono pianificare.
    Lasciate che vi illustri la cosa, non possono farlo… in ultima analisi deve esserci qualcuno che prende la decisione finale. Altrimenti quella decisione non viene mai presa, e tutte le attività che si intraprendono sono fragili a causa di quell’unico motivo.

    A meno che non siano entrambi Clear, qualcuno deve prendere la decisione finale.
    Se entrambi sono Clear, vedranno entrambi qual è la decisione perfetta o pressoché perfetta, e raggiungeranno immediatamente un accordo al riguardo; nessuno sarebbe costretto a prendere una decisione.

    Ma qualcuno deve prendere una decisione in un’area. Ogni aula scolastica ha bisogno di un leader di un qualche genere.
    E noi stiamo per assistere, nel futuro molto prossimo di Scientology, ad un bel po’ di capacità di comando.

    È una condizione provvisoria. Non è una condizione definitiva, è solo una condizione provvisoria.

    Troverete che le persone che stanno diventando Clear o che sono Clear, iniziano ad assumere la capacità di comando nelle proprie zone d’azione. Stanno assumendo sempre più responsabilità per quanto sta succedendo intorno a loro e, assumendo sempre più responsabilità, essi diventano sempre più dei leader.

    E siccome sono circondati da individui che non sono Clear, e siccome sono circondati da individui che sono in dubbio o che non si sentono al sicuro o sono confusi o spaventati o qualcosa del genere, esse scopriranno che grazie alla loro capacità di comunicare, alla loro capacità di avere affinità e al loro concetto di realtà e l’accordo che esse hanno coi loro compagni, anche solo grazie a queste caratteristiche esse saranno i leader, che lo vogliano o meno.

    E il buffo è che più rivestiranno il ruolo di leader, meno li vedrete indossare galloni dorati, perché i galloni dorati servono a identificare un leader che non potrebbe essere identificato altrimenti.”

  28. RINO

    SALVE, ho letto i vostri post premetto che sono anche io un ex staff dell org. di milano uscito da circa 30 anni fa ma ho sempre comunque continuato la mia strada spirituale leggendo libri ecc. ma non ho mai scoperto un gruppo vero etico e che adoperasse i veri dati di RON spero che qui si possa riprendere ad andare avanti ma mai come ora e nelle org. attuali e le falsita che ci raccontavano li dentro e tutto a presto.

  29. Pier Paolo

    Ciao Francesco,

    ieri sera in televisione ho visto la storia di una donna cubana (ex) sposa di un esule (in realtà una spia) dello stesso paese che operava in incognito negli USA.

    La storia la potete leggere qui http://www.5av.it/le-storie-quotidiane/90-cuba-dossier/3446-spie-aerei-e-sesso-tra-miami-e-lavana-.html

    Questa storia mi ha “illuminato”, nel senso che mi ha fatto capire quale può essere una strada alternativa, ma forse più efficace, affinché si possa creare una disfatta nel “sistema” Scientology.

    La sposa cubana ha vinto la sua causa (27 milioni di dollari) citando il governo cubano quale responsabile del suo “stupro”, più altri effetti collaterali, perché quello che lei considerava un rifugiato sfuggito al regime castrista, era in realtà una spia che si era approfittata di lei e della sua famiglia per portare avanti il suo piano.

    Bene. Il punto è questo: perché non citare il governo americano quale corresponsabile di svariate situazioni familiari tragiche (disconnessioni, etc.) poiché consente che un gruppo (Scientology) si approfitti della protezione legale di uno status giuridico che altrimenti sarebbe da considerarsi criminale?

    In poche parole: Scientology fa quello che fa perché gode della protezione (primo emendamento, etc.) del governo americano.

    Se si chiede di rendere conto al governo CHE PROTEGGE tale condotta criminale, forse le cose possono cambiare. Non si accusa più Scientology (poiché si è visto che è una strada perdente) bensì lo stato che la protegge. Mi sembra un percorso logico e più semplice.

    Ovviamente sarebbe il caso di coinvolgere più persone possibile (con tutti i più diversi casi rinvenibili: disconnessione, aborti forzati, paghe ed orari di lavoro da schiavi, etc.) in maniera da coprire un range di accuse il più vasto possibile, con PERO’ un diverso imputato: non Scientology ma lo Stato Americano!

    Scientology ha battuto niente meno che l’I.R.S. sommergendolo di cause spesso pretestuose, se la stessa strategia la mettessero in atto gli ex scientologists che hanno motivazioni più che valide da rivendicare circa gli abusi subiti, penso che il risultato possa essere lo stesso.

    Ed allora giustizia potrà FINALMENTE essere fatta.

    • Pier Paolo, il tuo paragone non fa una piega MA ( c’e’ sempre un ma ) non so quanto mi senta Davide per andare da quel Golia !

      • Pier Paolo

        Comprendo il tuo punto di vista Francesco MA (concordo, c’è sempre un ma) per cercare di ottenere un risultato diverso c’è bisogno probabilmente allora di battere strade diverse.

        Fino ad ora le varie petizioni, cause, documentari, etc cosa hanno prodotto in concreto? Certo l’opinione pubblica sa molto di più a riguardo, e la setta non adesca più con la stessa facilità di prima….però gli abusi continuano, magari in scala più ridotta, ma comunque continuano. I figli, i mariti, gli amici, rimangono sempre disconnessi, le truffe seguitano ad essere portate avanti, ed il “buco” scommetto che è sempre pieno di poveri cristi abusati e schiavizzati.

        E chi permette tutto questo in realtà? Chi fa in modo che certe “pratiche” disumane continuino imperterrite senza che nulla possa essere fatto per interromperle DEFINITIVAMENTE una volta per tutte? E sì che di acqua se ne è smossa parecchia, non si può certo incolpare buona parte degli ex di essere rimasto con le mani in mano, di non aver fatto la propria parte; tuttavia, nonostante questo sforzo, con l’alibi del primo emendamento ce se ne lava bellamente le mani e tutto rimane quindi inalterato.

        Giunti a questo punto bisogna mettere il maggior co-responsabile di fronte alle proprie responsabilità: secondo me è l’unica cosa da fare per smuovere qualcosa.

        Capisco che è una “guerra” apparentemente improponibile, ma se una semplice donna è riuscita a farsi riconoscere un danno, a carico del governo cubano, quantificato in 27 milioni di dollari, cosa potrebbero fare magari centinaia di persone accomunate da abusi ben maggiori che si coalizzano portando avanti ad esempio una class action che ha come imputato il governo americano?

        Ti rendi conto delle possibili conseguenze di tutto ciò? Quanto può essere quantificata una disconnessione tra un figlio e la propria famiglia? E continui abusi, umiliazioni, raggiri? Ma, cosa più importante, a chi il governo americano farà POI pagare il conto finale?

        Perché certamente il governo americano ha “protetto” il mandante, ma dubito che sborsi magari centinaia di milioni di dollari (o qualche miliardo) per risarcire la controparte senza poi pretendere un indennizzo dal protetto o metterci una pezza per non ritrovarsi un’altra volta nella stessa situazione.

        Io reputo che questa sia una strategia “nuova” di cui tener conto e penso che un genitore che grazie a queste “politiche” disumane ha perso un proprio figlio non abbia alcun tipo di remora nel considerare questo percorso un percorso difficile od addirittura impossibile.

        Una madre a cui è stato INGIUSTAMENTE tolto un figlio non si arrende e non arretra di fronte a nulla.

        Mi auguro che qualcuno che ci legga possa ispirarsi ed agisca di conseguenza. Posso dirti che sono quasi certo che a qualcuno quel coraggio non manchi: se mi trovassi in quella condizione probabilmente avrei smosso il mondo pur di ottenere giustizia, e questa penso sia un’ottima opzione in più per ottenerla.

        Ti ringrazio per avermi dato la possibilità di far conoscere questa mia proposta a riguardo. Spero sinceramente che a qualcuno possa tornare utile.

        • Concordo, certamente non vorrei mettermi nei panni di Claudio o Renata, un figlio sottratto in quel modo, addirittura messo contro a loro e’ una cosa innaturale.
          Saremo anche dei Thetan, ma qui sul pianeta terra interagiamo con Meteria energia spazio tempo, linea genetica ed entita’ protoplasmatica….
          Quindi per farla breve, il sangue del tuo sangue, sopratutto nel caso di un figlio, non si scorda, non si maneggia in seduta eliminando la carica oltrepassata o cercando una ragionevole giustificazione del “cosa avrò mai fatto io per meritarmi questo ” ……
          Solo al pensiero, mi si alza la pelle come un gatto davanti ad un cane….. e credo proprio che fino all’ultimo respiro, avranno la faccia di loro figlio Flavio stampata in testa….
          FRancesco

          • Pier Paolo

            In effetti Francesco le prime persone che mi sono venute in mente e con cui ho voluto condividere questa “idea” sono state proprio Claudio e Renata Lugli. La loro storia è esemplare, ma anche quella della moglie del loro figlio, quello indipendente (mi sfugge ora il suo nome), è parecchio tosta.

            Ecco, quante storie di questo genere esistono? Centinaia….migliaia? Quante macerie si è lasciata dietro la setta malefica? Ne avete una pallida idea?

            E per rispondere anche ad Italo, non basta aver “capito”, e non basta nemmeno auto-colpevolizzarsi pensando così di risolvere il tutto (questo è proprio il sistema di controllo perfetto, proprio perché attuato con il tuo accordo, pensato ed ideato per metterti lì buono buono a cuccia senza rompere le scatole).

            Assumersi la propria parte di responsabilità significa invece far tutto il possibile in concreto, quindi attraverso AZIONI reali, azioni nell’universo MEST (e non astrusi pipponi metafisici utili in realtà solo alla colpevole controparte) per maneggiare un immenso overt sulla quarta dinamica.

          • Luigi Cosivi

            Quando scrivi cose tipo “siamo il prodotto delle dinamiche” mi vien da dire che non son perle di saggezza , ma caccole di capra. Devo però congratularmi per i tuoi ultimi interventi, bravo, grazie.

          • paolo facchinetti

            Da un certo punto di vista è vero quello che dici Francesco ma consideriamo anche che il “bambino” ha quasi 40 anni ma soprattutto credo che ci sarebbe un grande materiale per auditing da audire o situazioni per etica da confrontare. Prendo spunto dal caso specifico ma parlo in generale… altrimenti sarebbe meglio chiudere baracca e… burattini! E’ nostro dovere credere che nell’universo spirituale se non in quello fisico tutto si possa maneggiare. Ce lo insegnano anche le tante storie che quotidianamente leggiamo o osserviamo di gente che ha subito tragedie ben peggiori e che ha trovato la forza e le motivazioni per andare avanti.

        • Italo Alberti

          Pierpaolo, tu dici: “Fino ad ora le varie petizioni, cause, documentari, etc cosa hanno prodotto in concreto? Certo l’opinione pubblica sa molto di più a riguardo, e la setta non adesca più con la stessa facilità di prima….però gli abusi continuano, magari in scala più ridotta, ma comunque continuano.”

          Da ciò che dice Francesco:
          “Sto ricevendo parecchi nuovi contatti da Ex Scientologist che dopo essersi ripresi dalle batoste ricevute ed inflitte dalla Cof$ hanno trovato questo luogo sicuro, virtuale ma non troppo…..”

          Questo vuol dire che ci sono persone, ancora nascostamente o no, che stanno capendo e probabilmente diventeranno Indi. Il gruppo Indi si sta espandendo sempre più.

          • Pier Paolo

            Ciao Luigi, non so a chi tu ti riferisca nella tua ultima risposta, se a me (visto che è in coda ad un mio intervento) io non ho scritto che “siamo il prodotto delle dinamiche”, questa è un’affermazione fatta da Luciano.

            Io sono sicuramente più d’accordo con Italo Alberti che scrive “Il Thetan È le 8 dinamiche. L’UNO È TUTTO E IL TUTTO È UNO.” Ed infatti è perfettamente in sintonia con la mia precedente riflessione/proposta.

            Per quanto riguarda le congratulazioni, se fatte a me ti ringrazio. Sono (qualora fosse questo il caso) felice che tu abbia apprezzato.

    • the best revenge is to take responsibility for self and stop blaming others for conditions regardless what those conditions are.
      When a person advances on the Bridge —continues with solo auditing sooner or later will have a realization that no matter what condition was his/her life in THIS CONDITION WAS CAUSED BY THE SELF THE PERSON IT SELF.!
      Hard to believe even major car accidents which it seem was caused by other person or being raped, killed, or lost all his money in the crash of the Stock market was the game, the path he has chosen.
      H/S were there for reason and these reasons can be found in sessions.
      And when this happens in session the person has a cognition a WOW and say: I know why this has happened! that moment the person has taken responsibility for the condition, the game h/s was in.
      blame never gotten any one out of that condition but taking responsibility have everytime!
      Best to you! Elizabeth

  30. La migliore vendetta è quello di assumersi la responsabilità per se stessi e smettere di incolpare gli altri per le condizioni indipendentemente da quali siano queste condizioni. Ottime parole Sig Hamre ,aggiungerei se mi è permesso non prendersi e non prendere ogni cosa troppo seriamente .
    L’umorismo , fa buon sangue e alza il tono.

  31. Marco

    Io invece credo sia vero solo in parte… è molto nobile come idea (“sono responsabile”), ma non dimentichiamo che un thetan ha 8 dinamiche, che è tanta gente: come può una persona essere responsabile di tutti costoro? Non ci sarebbe più libertà e autodeterminazione.

    Per definizione un gioco ha Libertà-Barriere-Scopo/i e io credo serva anche un arbitro…
    Perchè serve un arbitro? Perchè molti giocatori spesso VIOLANO le regole. Dunque c’è qualcuno da sanzionare… ovvero QUALCUN ALTRO è RESPONSABILE DI ALCUNI FATTI.

    Che Miscavige abbia fatto tutto questo macello con Scn… beh, non mi sento di prendermi responsabilità dei sui crimini.
    Naturalmente mi predo responsabilità di riparare i danni commessi dal tipo… per me stesso e per altri… ma questo significa anche fermare in qualche modo il tipo che sta continuando a danneggiare il maggior numero di dinamiche.
    Naturalmente questo può creare risentimento contro (contro DM in questo caso), e ciò a cui bisogna fare attenzione è proprio il risentimento (“Atteggiamento di avversione o animosità verso qualcuno per un’offesa o un affronto ricevuto. “), perchè in effetti ti può prendere la mano e degenerare in vendette ed in “condizione di giochi”.

    Ma non me la sento di non identificare chi è causa di cosa, fare ciò è logico e sano.

    Una definizione di Responsabilità è: “ammettere di essere causa”. Ma se il tipo che ha commesso un crimine non lo ammette… entra in gioco una dinamica/mivimentazione un pò diversa: cercare chi è stato la causa, ovvero chi è il responsabile, e renderlo innoffensivo.

    E secondo me una persona che è stata danneggiata ha anche il diritto di chiedere i la riparazione dei danni… perchè no?

  32. Tagliare un albero potrebbe essere non giusto ( “sopprimi una vita ” ) ma nello stesso tempo, determini la vita e crei altre situazioni . Ti riscalda ,ti permette di costruire una casa e altre centinaia di interazioni. La “morte ”
    genera la vita nulla può generarsi senza il suo contrario .
    Scientology e tutte le altre forme religiose risentono di questa situazione.
    Un mondo perfetto è una pura illusione . Libertà ,barriere ,e scopi sono il prodotto di questo gioco non gioco. Mettiamoci il cuore in pace il mondo è quello che è, continuerà ad esistere ed a essere ciò che è anche senza di noi. Questa è un mia convinzione e si può anche non condividere. Ron ha cercato di esteriorizzare l'”essere” da un corpo .E’illusione , si potranno sperimentare molteplici esperienze generate dalla mente dalla emozione
    ma nessun essere che esca da un corpo,perchè entrare ed uscire sono due strampalati termini .Siamo un tutt’uno e interagiamo ( pure con il malefico D .M .) Se mai la colpa è, di aver pensato che esiste un io.
    Talmente gonfio (alcune volte ) da non poter vedere più in la del proprio naso.

  33. Un Thetan non ha otto dinamiche ma è il prodotto di esse.

    • Burlesque

      Mi potresti gentilmente citare in quale scritto Ron avrebbe scritto ” Un Thetan non ha otto dinamiche ma è il prodotto di esse ?

      • Marco

        In effetti quella di Luciano è una provocazione… lui tende sempre a portare avanti le sue convinzioni filosofiche, che di sicuro contrastano in molte cose con Scn.
        Un Thetan NON E’ il prodotto delle dinamiche… questo va in contrasto con la base/base della filosofia/conoscenza scientologa.
        In Scn si dice, ridice, e rispiega “più volte al giorno” (fino a totale comprensione) che il Thetan è il creatore delle cose e dunque anche del “gioco” della vita… che si svolge in molti risvolti principali, le dinamiche.

        Dunque il Thetan E’ la causa delle dinamiche, e non l’effetto.

    • Italo Alberti

      Il Thetan È le 8 dinamiche.
      L’UNO È TUTTO E IL TUTTO È UNO.

    • Luciano, questa tua affermazione non mi sembra per nulla in linea con il pensiero filosofico di Scientology. Basta leggere i Fattori.
      Guido

  34. SORRY MISSED THE REST OF THE POST!

    Marco… I will not debate the meaning of “RESPONSIBILITY” simply because we have very different reality on this subject.
    By the way ‘’Theta….. Spirit…. Entity in reality don’t function on separate “DYNAMICS”, that is impossible to do!
    That though, belief, consideration that the THEAT is operating on different levels is from books and don’t applies in reality how we operate in this Universe: we as spirituals, theta, we operate at all ‘’levels’’ at all times, “”””but not aware of it! “””
    When AWARNESS is only on the reality level that we are separated, because we have bodies: and that is yours, and this belongs to me, on that low-narrow awareness band the illusion is that we are separately operating.

    • Marco

      Beh si, Elizabeth, “a questo livello operiamo separati, perchè abitiamo corpi di carne” (cosi ho capito tu dici).
      In effetti in questo momento e a questo livello, secondo me questo è il modi operativo da applicare: “chi è responsabile di cosa”. Compresa la propria responsabilità nella vicenda.
      Io nell’analizzare la mia permanenza nella Cof$ per 30 anni (con conseguente enorme disanguamento, sia spirituale/mentale, sia finanziario, sia altro) ho analizzato anche le mie responsabilità (ed è per questo che sono stato “tranqullo”.. altrimenti forse avrei dovuto andare a bastonare DM)…

      Ma credimi, di sicuro “l’aiuto è uguale a tradimento” (con tutti i disastri conseguenti) lo ha applicato per il 90% più la Cof$ che non io stesso.
      Molte persone che io ho conosciuto e che a causa del contatto con la Cof$ hanno avuto addirittura la vita compromessa… beh, io li conoscevo e per la maggior parte erano brave persone.

      “La giustizia non è di questo mondo”, Ok!
      Ma visto che in questo momento siamo qui, in un corpo di carne, proviamo ad applicarla in modo consono alla situazione, ovvero che funzioni per la maggior parte delle persone, che non sono ancora al livello full OT (dove forse le regole sono altre!?!?).
      SI parte dal Depitiessing… ovvero dal trovare il CHI.
      Poi molto più tardi mi prendero responsabilità anche per i vari dittatori del pianeta… che secondo me significa sempre “prendersi la responsabilità” di farli smettere di sopprimere tutti quanti!

      • Hi Marco.. thanks for the comm.
        In my reality , my view that we only have to take responsibility for our-self and we cant take responsibility for others. As I seen it in 42 years in sessions, not once I had to as-is some other persons item. Even when in session we know when the item belongs to us or to another person. We cant audit —as-is something which belongs, done by someone else, we cant…no matter how much we would want to.
        Hitler has to handle his own Overts when his time comes to face what he has done., but each individual who was in that war had experiences as I to had being in burning village we have to handle-confront our own action our own sufferings in that war. Same goes for DM, and in his new life scientology might not come up, as a item: not remembered at all, since he might not see that he has caused pain-upset etc..
        You see Marco.. he cant cause pain or upset, because these items exist individually in every persons universe, and how they feel, why they are like that belongs to the person alone and DM cant give you those feelings-upsets himself.
        same as you could never know his personal universe his bundle…
        I have handled all my Overts and I made my amends, I taken responsibility for what I believed was mine. We cant do more than that.
        Have a lovely evening.

        • Marco

          Grazie Elizabeth, dal punto di vista spirituale tu hai una consapevolezza notevole, molto più vasta di quanto io forse possa veramente capire.
          Ma ho intuito cosa intendi e cercherò di capire/valutare meglio, di come posso ora, le tue spiegazioni e consapevolezze.
          Un caro saluto
          Marco

          • Marco… thank you for the acknowledgement… by now I have come to the understanding, just because I have gained knowledge- awareness beyond the scope of human reality just because gaining the knowledge different viewpoints do not place me in better position, above others or make me important. On the contrary, I feel and I know that regardless of the awareness I gained of this Universe its contense, I am not better than others are just different.. each day -every session is a starting point, all I know that I serve, I serve others, the universe it self by the sessions and the by having cognitions. The cognitions them self are the important reality, it is them which are valuable… me… this Awareness has no value or importance. I wish you a great adventure on the path of self-discovery, because each session is on adventure we discover that all we believed in was on illusion and what we thought were illusions are real! 🙂

      • Marco…..”Well you, Elizabeth, “at this level we operate separate, because we inhabit bodies of flesh” (so I understand you say).
        Elizabeth….. Marco you have miss-understood what I have written. We regardless are in the body, having a body, having anchored into the body, or we dont have any attachments to the body we still are Spiritual beings and therefore we still operate on spiritual level at all times.
        The proof of this that your thoughts are not in solid form but they are made of holographic pictures but these pictures how we operate CANNOT BE SEEN WITH THE EYES!.
        We, dont have solid thoughts.
        Now if you believe that you are that body, that when the body stops working than you are dead and you are no more, if you believe that than you are a solid ITEM, but that is not a fact, the truth it self, that is just a belief, a consideration and these beliefs dont change one thing about you as a Entity, you still are and will remain on intangible, infinite awareness.

        Marco…”Justice is not of this world,” Okay!”
        justice is two edged what is justice or what is not strictly depends on the reality who is looking for justice or getting punishment.
        Justice, the truth to what is why it has happened to us to all our pain, suffering can only be found in session in form of a cognition.!!!!!!!!!!!!!!!!

        Marco….”But since at this time we are here, in a body of flesh, we try to apply it in a manner appropriate to the situation, that it works for most people, who are not yet at the level full OT (perhaps where the rules are more! ?!?).”””
        OT?????? what is OT??? every person who ever read the definition of that word has a HUGE MU what that word means.
        And I to belonged to this category.
        I can give you my definition what is on OT: who is at cause over the MEST Universe, who can change any situation, who can move -relocate any objects regardless what it is size, weight, who can appear, mock up body which is visible to others, or make things invisible. Who can make the river run up on the mountain side, can read any ones thought, regardless, where that other person is located in this Universe. Who can make a tree bloom in the middle of winter and have fruit ripen the same day while snowing.
        Marco, this to me is what on OT can do. Far ads I=I am concerned we here on this planet are total effect without willpower and just because we believe that we are at cause or have willpower that belief dont make it so.
        we might have a choice, red or white wine, stew, or soup, shoes or bare foot..run or walk etc… etc… hehehe..
        what I write here to this you will protest, that it is not true, that we are at cause… well my friend, have sessions on these items lets say 50 intensive than you will understand will have different awareness just how we are in total effect of the implanted beliefs.

  35. Libero

    Marco, qualcuno magari confonde il prendersi responsabilità con = preoccuparsi, che a sua volta diventa = colpa o incolpare. Incolpare e sentirsi in colpa fino a introvertirsi è sbagliato…Diciamo che decidere di agire o decidere di non agire è causa ect… Poi i modi per farlo riguardano la consapevolezza, l etica e l inteligenza o la situazione per la persona coinvolta ect.. Certo a volte non te la senti perche sei stato annullato e non riesci a reagire è duro ingoiare il rospo ma a volte capita e vorresti urlare e criticare…ma come dice Richard e Cosivi mandali al diavolo gira le spalle e non dargli più energia perche è di quello che si nutrono queste merde.

  36. paolo facchinetti

    E’ anche un’atteggiamento mentale/spirituale… che è poi l’unico modo per uscire dalla PTSness o da una condizione di confusione: trovare quella parte o zona della situazione in cui si è o si è stati causa, piccola o grande che sia

    • Marco

      Corretto Paolo “… l’unico modo per uscire dalla PTSness o da una condizione di confusione: trovare quella parte o zona della situazione in cui si è o si è stati causa, piccola o grande che sia “.
      Ma mi pare di ricordare anche (ed è il caso di ricordare la prassi), che per arrivare a questo livello di capacità, cioè “trovare di quale parte della sit. si sia stati responsabili”, ci sia prima il gradino del trovare CHI ti ha prevalentemente (od occasionalmente) sopresso per la maggiore (chi è il principale soppressore della persona, in quella situazione o nella vita!? Ammesso che non sia lui stesso un prevalente soppressivo).

      Comunque quello che dice Paolo significa, appunto, essere capaci di osservare e fare obnosi su “chi ha fatto cosa”… compreso dunque anche ciò di cui si è stati causa noi stessi.

      Ma dire velocemente ed in modo sbrigativo: “sono responsabile di tutto ciò che mi è capitato” è una cattiva capacità di analizzare, oltre che un’evidente tendenza al masochismo/vittimismo, caratteristica tipica di un basso livello di tono… o di una malcomprensione religioso/spirituale.

  37. paolo facchinetti

    Un cenno storico per i più giovani, di età o scientologicamente parlando. Nel lontano 1986 il povero Malatesta fu disconnesso (spesso mi piace “forzare” la lingua italiana) in un colpo solo dalla moglie e dai tre figli in fasce o poco più, ma evidentemente allora per alcuni andava tutto bene.

  38. Il vento stava agitando l’asta della bandiera del tempio e due monaci disputavano tra loro.
    Uno diceva che era la bandiera a muoversi; l’altro, che era il vento.
    Poiché continuavano a discutere senza giungere a una conclusione, Hui-neng disse: “Non è il vento a muoversi, né la bandiera: è la vostra mente a muoversi”.
    Ron ha razionalizzato tutto ,ma e possibile razzionalizzare cio che non è razzionabile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...