Una Tesi da 110 e lode, quinta parte

Mitosi

Eccoci ora alla quinta parte della Tesi,

un poco di storia recente

che ci riguarda da vicino.

Buona lettura!

Capitolo 5 – IL SECONDO SCISMA: GLI ANNI 2000

Negli anni 2000 abbiamo quello che io chiamo “secondo scisma”: dalla Chiesa ufficiale cominciarono a fuoriuscire altri gradi alti, ma questa volta utilizzarono internet come mezzo di diffusione del loro essere “indipendenti”.

Questo movimento, formato spesso da persone che avevano passato tutta la loro vita come membri di Scientology, nella maggior parte dei casi era ignaro del primo movimento indipendente. Riguardo questo è interessante il commento di uno scientologo all’intervista precedentemente riportata di Jon Atack:

 

“Most recent escapees from Scientology have no idea of the history of their own Church. Many of Marty and Mike’s “Independents” did not even know that there was another group of “Independents” before them.

That’s why these history lessons are so important for Scientologists. Without a knowledge of their own history, Scientologists can be further manipulated and blinded from seeing the truth about Scientology.

When I first saw that Marty and Mike had left the Church and had taken up positions on the Internet to “expose” the abuses in Scientology, I was hoping they would fill in a lot of this history for the Scientologists who were landing on their blog. I was horrified to find that not only were they not filling in this history, they were continuing to suppress its exposure – and still fighting against Mayo, Armstrong and others – while keeping their “Independents” in the dark.

This was the basic reason that I came to distrust Marty and Mike, and why I set out to get the newly outs to question them, while also trying feebly to get them this history. But I just kinda ended up being seen as an asshole who attacked other victims of the cult. Rarely did anyone hear anything I had to say.

Oh well. Leaving the cult of Scientology is one of the messiest, most fucked up things that I have ever seen happen to anybody. I wish that I had shown more grace and tolerance, and not become so combative to other people who I can now see simply had similar flaws of their own, and who were struggling imperfectly with their own recovery from having been so deeply betrayed.

Thank you Tony and Jon, once again, for providing such a valuable service to others.”[1]

Prove di questo le troviamo nella diffidenza da parte di alcuni recenti indipendenti verso le persone che costituivano l’iniziale scisma indipendente; tanto da dar vita a delle revisioni della figura di Mayo da parte di Marty Rathbun e da parte dei suoi seguaci dell’Indipendologo, il primo blog indipendente italiano. Di seguito riporto un commento a un articolo dell’Indipendologo su Mayo che fa trapelare questa atmosfera:

 

“Il fatto che sia stato il primo grande oppositore di DM è un suo grande merito ma non so se questo lo eriga automaticamente al ruolo di ‘santo’.. a me lascia un po’ sbigottito, ad esempio, il fatto che lui sostenga di aver compilato i materiali di NOTs. Magari lo ha fatto, sotto direzione di LRH, ma conoscendo ‘mantenere scientology in funzione’ non avrebbe dovuto attribuire ad LRH l’unico ruolo di ‘Source’? Se non altro per evitare pericolose possibilità di ‘deviazioni dalla tech standard’. Poi, ho capito che magari, a livello pratico, i materiali possono essere stati compilati da lui (lo penso anche in base al post di Dan Koon che avete tradotto che spiega in che modo i vari bollettini tecnici venivano assemblati o compilati con il ciclo dei ‘pilot’ ecc..) boh che ne pensate??”[2]

Tra tutti i nomi di fuoriusciti, risaltano quelli di Mark “Marty” Rathbun e Mike Rinder.

Sono proprio loro ad aver iniziato la lotta tra “le Scientology” in rete, e a iniziare una pratica interessante: le dichiarazioni di indipendenza.

Sul blog di Mark Rathbun è pratica diffusa dichiarare il proprio essere uno scientologo indipendente attraverso una lettera aperta con nome e cognome, una pratica ripresa anche dalla “Indie Scientology” italiana.

Ne riporto di seguito un esempio:

 

“G. e M. lasciano la Chiesa

Con questa lettera io G. e mia moglie M. annunciamo pubblicamente la nostra decisione di lasciare l’attuale Chiesa di Scientology in quanto crediamo che essa non rappresenti più gli ideali di libertà spirituale delineati da L.Ron Hubbard bensì persegua scopi differenti ed abbia introdotto sostanziali alterazioni nell’uso di Etica, Tech ed Admin.

Queste sono soppressioni che hanno causato e causano tuttora estrema sofferenza in Pc, PreOts, studenti e membri dello staff di qualunque livello. E’ nostro dovere quindi informare.

Indirizziamo questo scritto a tutto il campo scientologico: ai vertici dell’attuale amministrazione,

ad amici e parenti ed agli scientologi che abbiano il coraggio di guardare, valutare e prendere le conseguenti decisioni, corrette per loro stessi e le loro vite. Solo la Verità ci renderà liberi, ed il prezzo della libertà consiste in “vigilanza costante, volontà costante di respingere gli attacchi”

Questa è la nostra storia.

Nel 1975 mia moglie ed io abbiamo iniziato la nostra avventura in Scientology, avevamo finalmente trovato la strada che poteva rispondere alla nostra ricerca delle verità spirituali che si celano dietro l’apparenza del mondo materiale. Ci innamorammo subito di questo grande essere che è Ron, la sua saggezza giungeva in modo semplice ai nostri cuori, le sue lezioni contenevano le risposte che avevamo cercato, vita dopo vita, da lunghissimo tempo. Nonostante la loro intrinseca profondità filosofica questi insegnamenti si potevano applicare facilmente e rapidamente alla vita quotidiana migliorandone ogni aspetto. Fu così che ci unimmo al primissimo gruppo di scientologi italiani, i quali per la maggior parte erano già da anni nostri amici e compagni di avventure in quel di Brescia. Amiamo ricordare lo spirito di gruppo, l’entusiasmo contagioso e l’incontenibile voglia di far conoscere le novità di Dianetica e Scientology al mondo che permeava l’Istituto Italiano di Tecnologie Applicate in via Cavallotti a Milano. Essendo questo gruppo composto per lo più da artisti creativi e ribelli allo status quo ( potremmo dire poco inclini ad essere irreggimentati ) il tono era molto alto, le onde estetiche si potevano percepire facilmente e ciò attirava le persone che poi iniziavano il loro cammino di consapevolezza.

Lo studio e l’applicazione di Scientology ci ha consentito di migliorare noi stessi, di creare intorno a noi un ambiente più sano e calmo ove crescere i nostri figli; il nostro lavoro, la nostra musica, le nostre creazioni ne hanno beneficiato, abbiamo cercato di essere un esempio.

Abbiamo fatto molti corsi, abbiamo audito essendo vecchi auditor di NED, tenuto conferenze, istituito un Coro per la Chiesa di Scientology dei tre Laghi, M. è OTV, G. lo ha iniziato.

Saremo per sempre grati a Ron Hubbard per averci messo a disposizione la sua tecnologia, il suo retaggio ha permeato le nostre esistenze e continuerà ad essere una guida per il nostro futuro.

Per anni abbiamo riposto la nostra fiducia nel management della Chiesa e ne abbiamo per lungo tempo seguito le direttive nella convinzione che fossero frutto di attente valutazioni e strategie originate da Executives competenti e responsabili.

Tuttavia abbiamo notato un lento ma progressivo e costante allontanamento dagli scopi originari delineati da Sorgente:

L’aspetto spirituale e religioso col tempo è venuto sempre più spesso posto in secondo piano, l’offerta di aiuto si è trasformata in continue e pressanti richieste di denaro. La spinta per ottenere il riconoscimento religioso è stata e viene tuttora usata non tanto per un genuino desiderio di legittimazione ma per ottenere ben più materiali e prosaiche agevolazioni fiscali e una sorta di (nascosta) impunità per lo sfruttamento del personale delle varie organizzazioni di Scientology.

Con l’avvento della Golden Age of Tech, (di fatto una sottile invalidazione di LRH e di tutti coloro che avevano applicato con successo fino ad allora Scientology ), abbiamo assistito al prolungamento dell’addestramento, al dover rifare lo stesso corso anche per tre volte, causando così un allontanamento dal diventare un auditor addestrato ed al poter continuare i propri gradini sul Ponte. Questo è solo un esempio delle numerose alterazioni distruttive introdotte nell’attuale Chiesa.

Per un’analisi approfondita, circostanziata ed illuminante della situazione attuale della Chiesa di Scientology vi rimandiamo a quanto contenuto nella lettera di Garcia* (un vero scientologo!) e vi invitiamo ad effettuare voi stessi la vostra personale ricerca.

E’ nostra opinione che gli scientologi possano distinguere i fatti dall’entheta e quindi non cadere in generalizzazioni di tipo A=A=A proprie del Bank reattivo.

Noi abbiamo fatto la nostra ricerca della verità, è stata molto sofferta e dolorosa, spesso dura da confrontare, abbiamo dovuto “separare il grano dal loglio”, distinguere cioè il vero dal falso; abbiamo letto e/o parlato con persone che noi stimiamo e conosciamo anche da lungo tempo, che sono uscite dalla Chiesa e che per la Chiesa hanno fatto grandi cose; saremo sempre grati a queste persone per la preziosa guida che ci hanno voluto dare.

Grazie Francesco, Marty, Mike, Tiziano, Claudio, Renata….

Diamo un enorme riconoscimento allo staff dell’Indipendologo, il vostro lavoro di informazione e collegamento è prezioso e determinante per tutto il movimento degli Scientologi Indipendenti.

Abbiamo scoperto gli abusi, i ricatti, gli aborti forzati, le percosse, l’istigazione alla violenza, il controllo esasperato, le perversioni, le alterazioni della Policy…..Situazioni all’apparenza incredibili ma purtroppo vere. Troppe persone hanno parlato, ormai non ci sono più dubbi sul fatto che

LA CHIESA DI SCIENTOLOGY E’ MORTA.

E così abbiamo deciso di lasciare l’attuale Chiesa di Scientology perchè non ci riconosciamo più in essa.

Siamo e saremo sempre degli Scientologi, non scenderemo mai compromessi su questo, non accetteremo più supinamente “verità” altrui-determinate in nome della libertà spirituale.

…E quindi uscimmo a riveder le stelle ( Dante Alighieri- La Divina Commedia – inferno canto XXXIV°)”

*lettera di Garcia http://indipendologo.wordpress.com/2010/11/14/luis-garcia-la-lettera/[3].”

Tutto il movimento indipendente punta anche su una ricerca della “tech pura” di Hubbard, che essi vedono scomparsa dopo tutte le alterazioni apportate dalla nuova gestione della Chiesa di Scientology e dal comportamento da essa dimostrato; e interessante riguardo questo è il sito http://www.truelrh.com/.

In questo sito sono riportate tutte le alterazioni trovate nei libri dalle prime pubblicazioni: secondo gli indipendenti che gestiscono questa pagina in forma anonima e quelli che seguono questo nuovo approccio a Scientology, i cambiamenti apportati dalla nuova gestione della Chiesa non sono correzioni derivate dall’aver riordinato gli scritti di Hubbard, ma sono alterazioni dovute ad altri scopi che possono andare dal blando copyright al tentare di impedire che il mondo si “chiarisca”.

Ecco gli scopi del sito come sono riportati dalla loro home:

[1] http://tonyortega.org/2013/04/13/the-saga-of-david-mayo-scientologys-banished-tech-wizard/

[2] http://indipendologo.wordpress.com/2010/09/29/david-mayo-una-lettera-aperta-a-tutti-i-scientologists/

[3] https://lareception.wordpress.com/dichiarazioni-di-indipendenza-italiane/

“The purpose of this website is twofold:

1) To provide BASIC INFORMATION about the true works of DIANETICS and SCIENTOLOGY as authored by the Founder of the movement L. Ron Hubbard (LRH) and legally copyrighted under his name. It is carefully noted here that the Church of Scientology does not currently publish, sell, or otherwise disseminate the original works of its Founder.

2) To illuminate SPECIFIC CHANGES that were introduced to both CONTENT and PRESENTATION of the original works when compared to the new publications currently sold by the Church as well as scrutinize statements by David Miscavige (DM) who discredited the original publications as being full of errors and released a new batch of supposedly “corrected” books called THE BASICS. This took place in 2007 at a large event – Golden Age of Knowledge: The Basics – which is currently featured on the official Church of Scientology website.

David Miscavige’s title is Chairman of the Board (COB) of Religious Technology Center (RTC), and he is also advertised on the official Church of Scientology website as “Ecclesiastical Leader of Scientology Religion.”

When subjected to careful analysis, many of DM’s statements at the Basics event are revealed to be highly misleading or simply untrue, while most of the actual changes in the books are found to have been made for the worse. This will be clearly demonstrated in a series of Alteration Reports – one for each book. When analysis for any particular book becomes available, there will be a link titled Alteration Report below a thumbnail of a book to which it applies.”

Ma perché la nuova amministrazione della Chiesa di Scientology avrebbe rivisto il lavoro pubblicato di Hubbard? Riguardo questo argomento ho avuto modo di raccogliere tre ipotesi:

  • la versione ufficiale della Chiesa: i cambiamenti al “ponte” e le modifiche ai libri derivano da perfezionamenti apportati alla luce di nuove scoperte nel materiale conservato di Hubbard;
  • la versione di una parte degli indipendenti: le modifiche derivano da mal comprensioni da parte dei gradi alti della Chiesa, che hanno tradito il vero scopo della tecnologia di Hubbard;
  • la versione di un’altra parte degli indipendenti: le modifiche derivano per ragioni di copyright.

Quello descritto fino ad adesso è un quadro storico della dottrina di Scientology e dei suoi vari scismi.

 

Capitolo 6 – SCIENTOLOGY E LA RETE

Con l’avvento dei “nuovi media” per Scientology si apre una nuova era problematica: come riuscire a mantenere la segretezza e a sorvegliare la diffusione dei materiali?

Stando al libro “La religione ai tempi del web” di Fabrizio Vecoli, la problematica di “Scientology VS Internet” iniziò nel momento in cui questo strumento mise a repentaglio la struttura della setta per due principali motivi:

  • la propaganda: l’uso intensivo di Internet da parte dei detrattori (ex-membri della Chiesa o aderenti a movimenti anticulto);
  • la pubblicazione dei materiali coperti da segreto e copyright a partire dal 1994.

Date queste premesse, la Chiesa reagì fornendo ai fedeli un kit autorizzato di collegamento alla rete, il quale include una censura automatica di tutti i siti non approvati.

I membri di questa organizzazione reagirono sovraccaricando di messaggi fasulli il gruppo di discussione all’indirizzo Usenet alt.religion.scientology[1].

Tramite gli indipendenti con cui ho avuto modo di parlare, ho scoperto che la Chiesa reagì anche creando dei blog fasulli dei vari leader del movimento indipendente: sembrerebbe che il principale bersaglio di questa forma di fair game fosse Marty Rathbun.

Forse però, l’operazione che più ha destato scalpore circa il rapporto tra Scientology e la rete è stata la vicenda che ha visto coinvolta Wikipedia: nel maggio del 2009 il consiglio arbitrato di Wikipedia ha votato per bandire gli indirizzi IP collegati a membri della Chiesa di Scientology con un risultato di 10 a favore e 0 contro (con un astenuto).

Questa azione da parte di un’associazione che si fa promotrice del libero pensiero e della libera diffusione della conoscenza, risulta quantomeno inaspettata; ma questa decisione fu presa dopo le continue richieste da parte di membri di Scientology finalizzate alla rimozione di materiale inerente i livelli OT e delle critiche presenti sulle pagine inerenti il loro credo.

Stando alla testimonianza di un precedente appartenente alla Chiesa, Tory Christman, questo modo di agire non era nuovo; infatti:

“The OSA had been engaged in “massive efforts to remove Scientology-related materials and criticism” from the web: “The guys I WORKED WITH POSTED EVERY DAY ALL DAY… It was like a machine. I worked with someone who used five separate computers, five separate anonymous identities… to refute any facts from the internet about the Church of Scientology”[2]

Scientology è entrato anche nel mirino degli Anonymous, un gruppo di “hacktivist” noti per le loro azioni di hacking contro alcune organizzazioni: nel gennaio del 2008 Scientology diventa il bersaglio degli Anonymous dopo aver fatto causa a youtube per la diffusione non autorizzata di un video di Tom Cruise.

In seguito a questo episodio, che agli occhi degli “hacktivist” rappresentava un attacco alla libera diffusione di informazioni e al libero pensiero, il 21 gennaio del 2008 gli Anonymous pubblicano un video su youtube dove viene trasmesso questo messaggio contro Scientology:

 

“Hello, leaders of Scientology. We are Anonymous.

Over the years, we have been watching you. Your campaigns of misinformation; your suppression of dissent; your litigious nature, all of these things have caught our eye. With the leakage of your latest propaganda video into mainstream circulation, the extent of your malign influence over those who have come to trust you as leaders has been made clear to us. Anonymous has therefore decided that your organization should be destroyed. For the good of your followers; for the good of mankind; and for our own enjoyment, we shall proceed to expel you from the Internet and systematically dismantle the Church of Scientology in its present form.

We recognize you as serious opponents, and do not expect our campaign to be completed in a short time frame. However, you will not prevail forever against the angry masses of the body politic. Your choice of methods, your hypocrisy, and the general artlessness of your organization have sounded its death knell. You have nowhere to hide because we are everywhere.

You will find no recourse in attack because for each of us that falls, ten more will take his place. We are cognizant of the many who may decry our methods as parallel to those of the Church of Scientology. Those who espouse the obvious truth that your organization will use the actions of Anonymous as an example of the persecution of which you have for so long warned your followers. This is acceptable to Anonymous; in fact, it is encouraged.

We are your SPs. Over time, as we begin to merge our pulse with that of your church, the suppression of your followers will become increasingly difficult to maintain. Believers will become aware that salvation needn’t come at the expense of their livelihood. They will become aware that the stress and the frustration that they feel is not due to us, but a source much closer to them.

Yes, we are SPs but the sum of suppression we could ever muster is eclipsed by that of your own RTC.

Knowledge is free.

We are Anonymous.

We are Legion.

We do not forgive.

We do not forget.

Expect us.”

Per Hugh Urban questo messaggio presenta Anonymous come l’opposto della Chiesa in ogni modo – una rete di individui libera, fluida, decentralizzata che si oppone alla corporazione di Scientology gerarchica e totalitaria.

Gli Anonymous hanno continuato il loro attacco alla Chiesa di Scientology anche in modi molto più goliardici: in uno dei loro raduni, un anonymous vestito da pirata reggeva in mano un cartello con su scritto “Operation Sea Aaaargh” per ironizzare sulla Sea Org[3].

 

 

 

 

 

[1] Vecoli Fabrizio, La religione ai tempi del web, Bari, Edizioni Laterza, 2013, p. 70

[2] Urban C. Hugh, The Church of Scientology. A History of a New Religion, Princeton, Princeton University Press, 2011, p.189

[3] Ibidem, pp. 190-194

Lascia un commento

Archiviato in Casa Minelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...