Una Tesi da 110 e lode, quindicesima parte

Baroni-Universitari

Eccoci arrivati quasi alla fine del lavoro di Eleonora,

cosa ne pensano gli studiosi di Scientology?

 

 

CONCLUSIONI

 

Nell’introduzione al suo libro del 2011 Hugh Urban inserisce un sottotitolo a mio avviso interessantissimo: “The world’s most controversial new religion and why no one writes about it”.

In questa introduzione lo stesso Urban nota come a parte i casi di alcuni storici delle religioni come J. Gordon Melton e James Lewis, non si è mai parlato di Scientology  in modo approfondito.

E tra gli scritti in circolazione si notano due atteggiamenti estremi e opposti nell’approccio a questa religione:

 

  • Da una parte troviamo i critici che considerano la Chiesa come un culto mangia-soldi e pericoloso;
  • Dall’altra troviamo una parte degli scritti accademici (soprattutto negli Stati Uniti) che si sono esposti sull’estremo opposto presentando la Chiesa sotto una luce unicamente positiva.

 

A questo modo di vedere la Chiesa di Scientology, l’autore oppone quello che lui chiama una combinazione tra l’ermeneutica del rispetto e l’ermeneutica del sospetto.

 

“By hermeneutics of respect, I mean that I am a firm believer in the First Amendment, religious freedom, and the wonderful diversity of religious worldviews that make the United States such a rich and vibrantly pluralistic democracy. As such, I approach Scientology, like all religious groups, with an attitude of symphathetic respect and a genuine effort to take its claims seriously. By a hermeneutics of suspicion, however, I mean that we should also not be afraid  to ask difficult, critical questions of groups such as Scientology (as well as “mainstream” religions)[1]”.

 

Nel lavoro da me portato avanti ho cercato di seguire questo tipo di schema ideale e ho cercato di approcciarmi a Scientology sia con grande rispetto, sia prendendo in considerazione le testimonianze critiche.

Nel corso della stesura però, mi sono dovuta scontrare anche con un particolare disinteresse dimostrato dal mondo accademico nei confronti della Chiesa di Scientology, lo stesso aspetto da me notato è ben esemplificato da un episodio narrato da Lewis nel suo libro su Scientology:

 

During the lead-in to a cable news program I watch on a semiregular basis, it was announced that they would be including a segment on the Cruise-Germany incident that would feature a  research professor from a respected university. The researcher was billed as aScientology expert.” This piqued my curiosity. In the early stages of the present book project, I had invited most of the relevant mainstream academicians to contribute chapters. I was thus quite surprised that I did not recognize the name of the guest expert.

When I finally saw the interview, I was even more surprised to hear this “expert” mouthing popular simplistic stereotypes about “cults,” rather than presenting reputable, scholarly information. He emphasized standard negative information about Scientology, such

as the Guardian Office’s covert infiltration program (neglecting to mention that the Church eventually shut down the Guardian’s Office and disciplined the individuals responsible for illegal activities). He even went so far as to depreciate Tom Cruise’s intelligence, as if Mr. Cruise’s membership in the Church of Scientology was prima facie evidence that he was not very bright. I found this latter item especially distasteful. Whatever one’s personal evaluation of a particular religious group, no responsible academician would give voice to unsupported insults about a member of such a group in a public forum. So after the program concluded, I looked up the guest online and discovered he was a computer scientist rather than a sociologist or a religious studies scholar. I also discovered he had never written anything on Scientology that had appeared in a scholarly publication (though I did find out that he had previously spoken about Scientology on prior episodes). Obviously, the mere fact that he is affiliated with a good university in no way qualifies him to speak as an authority on nontraditional religions anymore than—in the absence of an appropriate background—my affiliation with a university qualifies me to speak authoritatively about computer science[2]”.

 

Il fatto che pochi studiosi scrivano di Scientology è attestato anche nell’inizio del saggio di Douglas E. Cowan presente all’interno del libro edito da Lewis:

 

This chapter began, as I suspect many do, in a bar. A number of years ago, at the annual meeting of the American

Academy of Religion, three colleagues and I were sitting over drinks with a representative of the Church of Scientology, and at one point she asked, “Why don’t academics write more about Scientology?” With neither hesitation nor consultation, we all answered virtually in the same breath, “Because you threaten to sue us if we say things you don’t like!” Although that may have overstated the case a wee bit, the point was clear: Among academics there is the perception, at least, that research into the Church of Scientology does not come without

costs, and that for many scholars those costs appear simply prohibitive. Media stories about the difficulties encountered by journalists who write about the Church, clear if relatively isolated incidences of attempted interference in the academic process, and watercooler conversations about different experiences colleagues have had all contribute to this perception. And this is extremely unfortunate, because the Church of Scientology is an important new religious movement fora number of reasons, and one that is deserving of the kind of careful social scientific investigation that has been conducted in other groups.

Four interrelated elements comprise what I am calling the research problem of the Church of Scientology: (1) the perceptions of the Church, both positive and negative, that inevitably inform any research agenda; (2) the premises on which such research ought to be conducted; (3) the promises that are implicit in it for the field of NRM studies (and, not insignificantly, I would suggest, for the Church itself); and (4) the problems encountered because of a paucity of data, and either the unwillingness of Church members and officials to cooperate in social scientific research or interference from the Church as research proceeds[3]”.

 

Per Cowan la mancanza di materiale scritto da accademici riguardo alla Chiesa di Scientology deriva dai problemi inerenti quattro fattori:

 

  • Le percezioni della Chiesa, sia positive che negative, che inevitabilmente riempiono ogni ricerca;
  • Le premesse sul modo in cui questa ricerca dovrebbe essere condotta;
  • Le promesse che sono implicite nel campo dei nuovi movimenti religiosi (e per la Chiesa stessa);
  • I problemi incontrati per una pochezza di dati e la riluttanza dei membri della Chiesa a collaborare in un campo scientifico.

 

Riguardo al primo caso Cowan si preoccupa del modo in cui interpretare le statistiche e i dati riportati dalla Chiesa, mettendo in gioco il fatto che siano falsificabili o meno; e quindi di conseguenza sul modo in cui percepire la Chiesa di Scientology nel mondo.

Riguardo a questo argomento io mi sono mossa in un modo consigliato dallo stesso autore: attraverso un lavoro di campo e attraverso un’analisi più accurata del mondo della “Indie Scientology”, che quasi tutti gli studiosi lasciano inesplorata, mi sono basata più sui dati etnografici che su quelli emessi dalla Chiesa.

Questa scelta, per quanto possa sembrare avventata, mi ha permesso di estrapolare i dati cercando di ridurre ogni pregiudizio di sorta.

In poche parole, ho cercato di ascoltare con attenzione le voci emiche degli interni alla Chiesa e degli interni agli indipendenti; cercando di non far girare tutte le mie elaborazioni intorno alle critiche al movimento. Per di più riguardo questo argomento devo citare un caso: Simonetta Po, autrice del blog “Allarme Scientology” ed ex-membro della Chiesa, intrattiene dei rapporti con gli indipendenti italiani, i quali mi hanno informata di come la sua opinione riguardo Scientology come filosofia/tecnologia si sia decisamente alleggerita rispetto al passato.

In questo lavoro ho dato la precedenza al delineare la storia del movimento all’interno del panorama italiano, tralasciando alcuni argomenti che spero di approfondire in delle future ricerche; ma questo mi ha portato a cercare di andare oltre quello che Cowan definisce “the “member-versus-ex-member” debate” che “has been raging in the field of new religions studies for a few decades now. Recognizing that, stated thus, “emic” and “etic” are both imperfect categories, my contention here is two-fold: first, there must be an healthy hermeneutic of suspicion displayed toward each side in the debate; but, second, and this is the more important point, as many of these different and disparate voices as possible must

be included in a comprehensive research program[4]”.

 

Nello stesso saggio dice quello che segue:

 

In Cyberhenge: Modern Pagans on the Internet (Cowan 2005), I introduced a modest theoretical approach to understanding further certain aspects of religious organization, development, and behavior. Based on the open source model of computer programming, I make a distinction between what I am calling “open

source” and “closed source” religious traditions. Although these are endpoints on a heuristic continuum and not meant to represent any kind of ontological duality, put simply, open source traditions are those in which the “source codes,” the fundamental building blocks of the religion, are open to adaptation and modification by religious participants; closed source traditions, on the other hand, restrict deviation from the source codes either partially or entirely. In this theoretical model, the Church of Scientology is the quintessential closed source tradition. In closed source terms, for example, and despite the fact that it has been modified over the course of the Church’s development, the foundational practice of Scientology—auditing—is believed to be 100 percent effective only so long as it proceeds in strict accordance with the instructions laid down by Hubbard himself, principally in Dianetics, but also in the voluminous reports, updates, and memoranda he issued throughout his career[5]”.

 

Riguardo questo argomento credo che la mia ricerca, che ha indagato in buona parte la realtà della “Indie Scientology”, dia un’immagine di Scientology diversa: nel caso di Paolo e Richard abbiamo visto come all’interno della tecnologia di Hubbard sia prevista l’idea del rimodellamento e del cambiamento della tech. Questa idea creativa di Scientology non è trapelata da nessun saggio o libro al riguardo, cosa che probabilmente deriva dalla mancanza di un vero e proprio studio che si sia concentrato su questo aspetto della creatura di Hubbard.

Questo principio creativo è stato ancora di più acuito dalla presenza della “Indie Scientology” in rete.

Tutta questa realtà creativa è ancora di più sviluppata nell’ambito indipendente da una specie di “ribellione” al fondatore, figura che come abbiamo visto nelle parti precedenti di questo lavoro, è ridimensionata da persone come Paolo.

 

Nel suo saggio presente nel libro di Lewis, Dorthe Refslund Christensen parla della libertà di interpretazione in un sistema di credenze come quello di Scientology, basandosi anche sull’opinione di alcuni studiosi, come Whitehead, che fanno derivare le differenze nella visione del mondo da parte degli scientologist in base al grado raggiunto sul “ponte”.

L’autore è convinto che più che il livello sul “Ponte”, le differenze tra gli scientologist derivino dai due tipi di rappresentazioni messe in gioco dalla mente umana secondo le argomentazioni dello psicologo cognitivo Justine Barrett.

Per lo psicologo ci sono due tipi di rappresentazioni religiose:

 

  • La correttezza teologica (es. quando uno scientologo dice “Ron disse… “ o “Ron ha scritto…”);
  • Le rappresentazioni soggettive (quando la pratica di Scientology entra nel linguaggio, nella formulazione di pensieri, e nel comportamento in modo inconscio).

 

Di solito la seconda tipologia di rappresentazione oltre che essere quella più reale e presente nella vita dell’individuo, è anche quella che in molti casi si discosta dal primo tipo, cioè la correttezza teologica.

Basandosi su questi presupposti, l’autore riconosce tre punti fermi nelle rappresentazioni degli scientologist che riporta nel brano che segue:

 

What exactly is it, then, that Scientologists do, in fact, share? Which representations are basic? I have tried to analyze and systematize the representations on all kinds of issues from Scientologists I have talked to across a ten-year period in order to figure out which basic premises or fundamental ideas these individuals share. How can Scientology as a soteriological system be a rigid, hierarchic, and thoroughly organized system with apparently no space for individual strategies and, at the same time, be an open system with plenty of space for individual strategies? I will argue that there are (only) three basic ideas shared by all Scientologists no matter at what level at the Bridge. These ideas are always, implicitly or

explicitly, in some way present in their representations and must be in order to make sense of the ritual participation standing in the center of Scientological religious practice.

First, every Scientologist has a notion of him- or herself as a spiritual being, in Scientology referred to as a thetan. The thetan is immortal and, in his 14 native state, capable of being “at cause” in all kinds of decisions and actions with no physical, mental, spiritual or practical boundaries or limitations to realizations of his will. No matter how Scientologists formulate this idea—some can represent it in a very sophisticated and theologically correct way according to their stage on the Bridge, whereas others only have a certainty, however vague, that they are indeed spiritual beings who have, for some reason, come out of the ideal state—the notion of the thetan is always present, and without this notion the fundamental premise for the second common notion is totally lacking. This second notion is the time track. The time track is, basically, a set of ideas about reincarnation and karma. The thetan, that is, the individual as a spiritual being, has coexisted with physical bodies throughout the history of this and other planets. 15 Every single experience, be it physical, mental, or spiritual, that the individual has had throughout his or her total history, makes up the time track—and millions of millions of units of experience are affecting the life of the individual in this actual incarnation. Experiences are restimulative— that is, they are activated in situations that the individual, in his or her present state, is not capable of controlling. This is damaging, not only to personal wellbeing and down-to-earth happiness in the present incarnation, but, in a larger perspective, to spiritual and personal development and ultimate salvation. The notion of the time track is fundamental to the ritual practice of auditing because auditing sessions, according to Scientology, help the individual address his or her large-scale past in order to become aware of his or her history and reorganize it as ordinary experience free of self-triggering mechanisms. In the perspective of this chapter, I see auditing not as a process for actual transformation as Scientologists see it, but as providing room for the production of individual mythological bits and pieces that make sense of the individual’s present life and condition in a perspective in which roots and routes can be produced—a ritual space in which the individual can experiment with different kinds of representations about her- or himself. He or she tells stories— inventing 112 theoretical and quantitative approaches pieces of past, memories in bits, roots, to decide whom to be (routes)—to make a personal reservoir of ideas about oneself and one’s past. This reservoir for selfnarrativity can be drawn from when necessary. The third idea shared by all Scientologists is that founder L. Ron Hubbard was a very special human being who educated himself in all kinds of wisdom (Eastern religion and Western science and philosophy), thereby making available for his fellow men a safe path to mental and spiritual freedom.  According to Scientology, Hubbard did not invent the truths taught by Scientology—he discovered them. He streamlined the salvational path so that today everyone can walk the Bridge and cross the gap from misery, pain, and lack of awareness and presence to the other side, increasing spiritual awareness of one’s true self. This notion of Hubbard is the reason for the gratitude Scientologists feel for Scientology’s founder and originator—or, to put it Scientologically, the Source[6]”.

 

Personalmente credo che l’approccio di Christensen sia molto utile e ho cercato di rivolgere la mia attenzione verso il modus vivendi delle persone da me intervistate e contattate.

Questo mi ha portato a vedere il mondo di Scientology in modo diverso dall’autore su alcuni punti che illustrerò di seguito:

 

  • La mia attenzione si è rivolta in particolar modo al movimento indipendente, anche se non sono mancati contatti con quello della Scientology ortodossa, e questo mi ha condotto a riconsiderare i tre punti fermi che l’autore descrive nel brano precedente;
  • A mio avviso, seguendo in questo il pensiero di Whitehead, il grado di una persona sul ponte influisce drasticamente sul suo modo di vedere il mondo e la sua stessa pratica spirituale (argomento affrontato nella terza parte di questo scritto);
  • Credo che il mancato interesse verso il mondo indipendente e la sfumatura che vige tra questo e la Scientology ortodossa abbia creato un certo “dogmatismo accademico” quando si parla di essa.

 

Riguardo il primo punto devo dire che il mio lavoro con la “Indie Scientology” mi ha portato ad avere uno sguardo diverso dall’autore circa l’approccio con questa forma di spiritualità, e il mio lavoro di campo mi ha portato a vedere delle sfumature all’interno di Scientology che mi impediscono di accettare integralmente questi punti.

Il primo e il secondo punto sono da me condivisi, infatti sono punti presenti in tutti gli scientologi da me conosciuti: la consapevolezza di essere thetan, cioè esseri spirituali immortali; e la coscienza del circolo delle reincarnazioni.

Sul terzo punto, invece, il confronto non solo con gli indipendenti, ma anche con parte degli scientologist ufficiali mi porta a dissentire: per quanto la figura di Hubbard sia ovviamente importante anche per il mondo indipendente, una parte di esso ha un’idea del suo lavoro come di un lavoro di gruppo. Come ho avuto modo di descrivere precedentemente, una parte degli scientologi indipendenti non nega l’importanza di altri personaggi all’interno del movimento, come Mary Sue Hubbard e Captain Bill. Alla luce di questo credo che sarebbe interessante riformulare questo terzo punto prendendo atto della “Indie Scientology” fin troppo ignorata dagli autori.

Qualcuno potrebbe controbattere affermando che lo studio di Christensen si basa principalmente su membri della Chiesa di Scientology, ma io credo che l’ignorare la Scientology indipendente come movimento crei delle lacune all’interno degli studi sull’organizzazione di Hubbard, ignorando dati a mio avviso importanti come la presenza di scientologi indipendenti nella stessa Chiesa, che preferiscono rimanere anonimi per non subire ripercussioni.

 

Riguardo il mondo della “Free Zone”, ho trovato un solo articolo accademico recente di Lewis, “Free Zone Scientology and Other Movement Milieus:

A Preliminary Characterization”.

In questo articolo l’autore cerca di descrivere il fenomeno “Free Zone” tramite un parallelo con il concetto di “cultic milieu” di Colin Campbell. In questo frangente Lewis preferisce parlare di un “movement milieu”, un concetto all’interno del quale si possono distinguere delle particolarità che lo caratterizzano, che lo stesso autore definisce come una lista in divenire sperando in ulteriori evidenze empiriche future. Ecco la lista:

 

  • Primary Organization – Movement milieus tend to arise out of primary organizations that set the parameters for the larger milieu.
  • Secondary Organizations – The primary body often generates secondary organizations that schism of from the primary. Secondary groups can subsequently recruit participants who are not ex-members of the primary.
  • Emergent Organizational Sequences – Secondary organizations can, in turn, become primaries for yet other, newer tertiary groups and emergent sub milieus.
  • Milieus Lacking a Primary Body – Alternately, some movement milieus emerge around a cluster of similar, stable organizations that, while not schisms from each another, act together to set the parameters for the milieu.
  • Innovation vs. Primary Legitimacy – Former members of the primary can create innovative new secondary groups or, alternately, create secondary groups that claim to be the bearers of the primary organization’s unadulterated, original teachings.
  • Free Spaces – Organizations within a given milieu sometimes contain free spaces/social movement havens within which group members and/or independents can interact outside of the hegemony of organizational authorities. These free spaces often spill over into the relevant movement milieu.
  • Porousness – With some exceptions, movement milieus tend to be relatively porous subcultures within which individual participants – seekers, dabblers, marginal members and ex-members – can circulate. There are also a few milieus in which it is possible for diferent organizations to socialize and work together.
  • Communication – Like Campbell’s cultic milieu, movement milieus are held together by publications and by other sorts of communication networks. The chief diference from Campbell is that nowadays the primary vehicle for communication tends to be the Internet[7].

 

Nel suo saggio Lewis nota come il movimento di Scientology e della “Free zone” sia sostanzialmente un esempio di “movement milieu”, recentemente acuito dall’ingresso della comunicazione via web nella nostra epoca.

Ovviamente, come dice lo stesso autore, la lista precedentemente da me riportata, elenca delle caratteristiche non sempre presenti nella loro totalità all’interno di un “movement milieu”: in questo caso è esemplare il caso del rapporto tra la Chiesa ufficiale e la “Free zone”, poiché tramite il meccanismo di dichiarazione di persona soppressiva e di disconnessione, la “porousness” non è possibile.

 

L’impressione che ho avuto leggendo l’articolo, è che le informazioni che si riportano del movimento indipendente non derivino da una ricerca etnografica accurata, ma rappresentino delle informazioni raccolte in modo superficiale.

Per quanto la teoria del “movement milieu” sia calzante, permane l’impressione che l’autore si sia dedicato più alla raccolta di dati quantitativi piuttosto che qualitativi.

Personalmente credo che un approccio più qualitativo all’argomento non possa che migliorare e arricchire la ricerca su gruppi che molte volte sono stati descritti senza mai essere stati “conosciuti”.

 

Come abbiamo visto fino ad adesso, il mio lavoro si è occupato di una panoramica sul mondo di Scientology e la sua storia per poi proseguire in un’approfondita disamina della storia del movimento in tutte le sue sfaccettature in Italia.

Avendo scelto questo tema, ho ovviamente dovuto delimitare gli argomenti da trattare, ma credo che in futuro sarebbe interessante proseguire il lavoro iniziato concentrandosi su altri aspetti lasciati inesplorati.

Con questa mia ricerca, che voglio considerare in itinere, credo di aver dato una voce a mondi che si rivelano importantissimi per la ricerca accademica nel campo dei Nuovi Movimenti Religiosi e la loro commistione nella nostra contemporaneità.

In futuro rimangono molti argomenti da approfondire: le pratiche rituali di Scientology confrontate con quelle della “Indie Scientology”; le particolarità del movimento in Italia e quanto la cultura del paese in cui è praticata può influire sulla “religiosità” dei suoi membri (descritta dalla Chiesa di Scientology come uniforme); la visione che i media hanno e trasmettono della Chiesa di Scientology e dei suoi scismi in Italia e nel resto del mondo; ecc.

 

La mia personale opinione è che un “case study” come Scientology in Italia e dei vari “movimenti indipendenti” che caratterizzano questo fenomeno nel nostro paese e nel resto del mondo, sia un esempio utile al fine di comprendere in modo più approfondito gli schemi attraverso i quali si intendono religione e religiosità nel mondo contemporaneo e globalizzato; e come i concetti di queste “categorie” si siano evolute nel corso del tempo e attraverso la storia dei Nuovi Movimenti Religiosi.

Inoltre a tutto questo si aggiunge anche un intento epistemologico: il fatto che argomenti come Scientology e i suoi sottogruppi siano stati affrontati dagli studiosi con superficialità, dovrebbe essere un campanello d’allarme per il mondo accademico, affinché non faccia diventare schemi e modelli di cui si avvale, dei postulati.

La ricerca etnografica e il riesame dei dati risultano le leve per scardinare questi blocchi e per sviluppare nuove vie per l’analisi dei fenomeni.

Spero che la mia ricerca e le mie affermazioni possano essere lo stimolo per non arenarsi su modelli e preconcetti, e possano anche ravvivare l’interesse del mondo accademico italiano nei confronti dei Nuovi Movimenti Religiosi da cui sembra aver sempre preso le distanze, non rendendo giustizia alla loro presenza sul territorio nazionale.

 

Per ora ritengo opportuno in queste conclusioni schematizzare alcuni punti fondamentali della mia ricerca:

 

  • Scientology non è il monolite che la Chiesa ufficiale vuole far trapelare attraverso la sua retorica;
  • Il movimento indipendente è più corposo di quello che la Chiesa ufficiale e alcuni studiosi che si sono occupati di Scientology lasciano trapelare;
  • Il caso della “Indie Scientology” e della Chiesa di Scientology rappresentano un articolato “case study” per lo studio dell’interazione tra la religione e il web, dimostrando un legame indissolubile tra il mondo offline e online di una religione; a differenza di quanto detto da alcuni autori (come la stessa Heidi Campbell). Infatti le mie ricerche tra gli indipendenti italiani hanno dimostrato come il mondo online sia il riflesso di una rete sociale offline molto salda e ben costituita;
  • Ritengo assurda la poca importanza data al movimento indipendente da parte degli accademici, e ritengo che questo derivi da un far riferimento a modelli e schemi non supportati sempre da un accurato lavoro etnografico e di ricerca sul campo di stampo qualitativo;
  • Le poche ricerche che gli studiosi italiani dedicano al mondo dei nuovi movimenti religiosi sul suolo italiano manifestano la presenza di un buco da colmare, visto il consistente numero di persone vicine a queste forme di spiritualità. Lo sviluppo di un interesse accademico italiano nei confronti di queste realtà non potrebbe che beneficiare anche alla nostra stessa comprensione di varie dimensioni socio-culturali del territorio nazionale (un esempio fra tanti: la vicinanza degli scientologist indipendenti al Movimento Cinque Stelle);
  • A mio avviso un approccio antropologico al fenomeno rappresenta un punto di vista poco sfruttato per analizzare il mondo di Scientology, e approfondire le ricerche di questo tipo potrebbe rappresentare un cambio di prospettiva interessante e innovativo.

 

Alla luce di questo, mi auguro di poter continuare le mie ricerche in futuro e arricchire di altro materiale il mio lavoro.

 

[1] Urban C. Hugh, The Church of Scientology. A History of a New Religion, Princeton, Princeton University Press, 2011, p. 7

[2] Lewis R. James, Introduction, in Lewis R. James, Scientology, New York, Oxford University Press, 2009, pp. 3-4

[3] Douglas E. Cowan, Researching Scientology: Perceptions, Premises, Promises, and Problematics, in Lewis R. James, Scientology, New York, Oxford University Press, 2009  pp. 53-54

[4] Ibidem, p. 59

[5] Ibidem, p. 61

[6]Dorthe Refslund Christensen, Scientology an Self-Narrativity: Theology and Soteriology as Resource and Strategy,  in Lewis R. James, Scientology, New York, Oxford University Press, 2009, p. 111

[7]https://www.academia.edu/6735974/Free_Zone_Scientology_and_Other_Movement_Milieus_A_Preliminary_Characterization

328 commenti

Archiviato in Casa Minelli

328 risposte a “Una Tesi da 110 e lode, quindicesima parte

  1. “”The world’s most controversial new religion and why no one writes about it.”
    Far as I have read the above article.. Those of us, but I will only speak for self: Scientology, auditing, having sessions has nothing, absolutely nothing to do with religion. In fact the realizations-cognitions which I have had over these 42 years as a solo auditor never once brought me- my beliefs closer to any religion.
    Any one who attempts to compare scientology-practise=auditing=sessions and religion they do it because they haven’t a clue what they are talking about.
    Elizabeth Hamre.

  2. Magus

    I vote for Elizabeth! 🙂

  3. Magus… I am delighted that we agree on this subject! Best to you my friend! 🙂 E.

  4. Marco

    Credo serva una definizione di religione, perchè di sicuro è una parola che può creare molta restimolazione (è risaputo che si è usata questa pratica, studiare le origini dell’anima, per intrappolare e controllare).
    Ovvero, meglio inquadrare bene quale definizione si sta usando qui quando si parla di religione…
    Religione per l’Homo Sapiens prevalentemente significa -dogmatismo spinto-, che di base porta con se l’idea che “beh, in effetti non si può conoscere veramente un’anima, dunque ipotizzo qualche teoria…”
    Ed ecco che di religioni ce ne sono tantissime, quante sono gli uomini che hanno voglia di sbizzarrirsi nella loro ipotesi/teoria.
    Spesso queste teorie sono fantasiose e spesso sono soppressive (religioni usate per impedire l’essere troppo libero)…

    Credo che LRH, ed unque Scn, intendesse questo:

    LINEE THETA Una conferenza tenuta il 10 marzo 1952

    “Ci sono state molte, molte, molte religioni… oh, mio Dio, centinaia di migliaia, milioni di religioni.
    La maggioranza delle religioni che oggigiorno seguiamo qui sulla Terra hanno, strano a dirsi, circa duemila anni. Quelle dell’India sono più vecchie di queste.
    Ma tutte queste religioni sono davvero molto giovani: rispetto allo stesso misticismo, tutte quante queste religioni sono giovani.

    Islamismo, cristianesimo, buddismo, tanto per citarne tre, sono notevolmente simili.
    Di fatto, Cristo è uno dei profeti nell’islamismo ed è venerato in quanto tale. Buddha si mosse, fatto alquanto notevole, in direzione molto simile a Cristo e lo precedette.”

    “Che cosa sta studiando tutta questa gente?
    A che cosa sta cercando di approdare?
    Che cosa sta cercando di ottenere?

    Sta cercando di scoprire l’origine dell’uomo e di scoprire quanto ampi sono tutti i poteri latenti della sua personalità e di recuperarne l’uso.

    Questo, in realtà è l’intero scopo di tale ricerca.

    Non per forza bisogna scoprire gli dèi e stringergli la mano destra: recuperiamo l’uomo e scopriamo se è mai stato un dio e se mai lo è stato, perché ha smesso di esserlo.

    È un tentativo di scoprire in che cosa consiste un individuo: esiste qualcosa tipo un individuo relativamente puro?
    Se esiste o se mai è esistito, come ha fatto a degradarsi?
    Oppure, se in origine c’è un individuo degradato, come lo si purifica e lo si eleva?

    Si tratta di studi molto seri cui l’uomo si è dedicato da sempre, poco importa quanti millenni conti quel “sempre”. Gli abitanti delle foreste australiane, per quanto primitivi siano, di fatto studiano questi argomenti.

    Come pure li studia il dirigente capo di una qualche ditta statunitense: non è una questione di quanto grande o materialistica sia la cosa.
    Un dirigente capo studia questi argomenti, senz’altro lo fa.
    Vuole sapere come si fa a procacciare del buon personale e a migliorarlo.
    Ingaggia persone che sottopongano il personale a dei test, ingaggia esperti per il morale, ingaggia Tizio e ingaggia Caio.

    Lavora incessantemente a questa cosa: come rendere migliori le persone, come far sì che cooperino meglio tra loro e così via.

    In altre parole si tratta di uno studio materiale o di uno studio spirituale, dipende da come lo si voglia guardare.

    Ecco che cosa si studia in Scientology.”

    LRH

  5. Religione Diz. Ita.

    1 Insieme di credenze e di manifestazioni con cui l’uomo riconosce l’esistenza del soprannaturale: r. politeista, monoteista; sentimento di rispetto e di timore verso la divinità: uomini senza r.
    2 Ognuna delle varie forme storiche in cui la fede nella o nelle divinità si è incarnata: r. ebraica, cristiana, induista; varietà storica della r. cristiana SIN confessione: r. cattolica, protestante || r. di, dello Stato, riconosciuta ufficialmente e tutelata giuridicamente da uno Stato | guerre di r., causate da contrasti religiosi | morire con i conforti della r., avendo ricevuto i sacramenti
    3 Materia scolastica oggetto di insegnamento: ora di r.
    4 eccl. Congregazione, ordine || entrare in r., in un ordine religioso
    5 estens. Sentimento di rispetto profondo verso qlcu. o qlco. SIN devozione, culto: r. della patria || con r., con grande scrupolo e devozione: ascoltare con r. le parole di qlcu.; conservare con r. i ricordi dei propri genitori | nel detto non c’è più religione!, per deplorare scherzosamente la decadenza dei tempi moderni, la perdita di ogni rispetto dei valori umani e spirituali
    • sec. XIII

    Ognuno tragga le proprie conclusioni.
    £££££££$$$$$$$$$$$

    • Italo Alberti

      Io, la tua def.1 la modificherei così:
      “Insieme di credenze e di manifestazioni con cui l’uomo riconosce l’esistenza del soprannaturale quando fallisce di ritrovare sé stesso”

  6. Marco

    Informazione di servizio: Guido guarda che sono 4/5 settimane che quando pubblico un commneto questo scompare e non si vede più (nel mio computer)…
    Di sicuro lo vedete voi, perchè poi il commento viene pubblicato… ma prima di com’è adesso, il commento lo vedevo anch’io con la dicitura “in attesa di moderazione”.
    Adesso non si vede nulla… e questo da dei dubbi se il commento è partito o meno.

    Secondo me è meglio sistemare questa cosa e far tornare il commento visibile subito (da chi l’ha inviato) con la dicitura “in attesa di moderazione”.

    Date un’occhiata a quale opzione è stata disattivata, o quale istruzione del programma è stata inavvertitamente toccata.

    ciao

  7. Mister X

    Religione è subordinata alla Filosofia perciò la Filosofia è Senior . La filosofia abbraccia tutto il SAPERE ed in effetti abbraccia tutto il pensiero. Quella parte della FILOSOFIA che si occupa dell’Uomo in quanto SPIRITO e fa speculazioni e conclusioni su chi è ,da dove viene ecc .potremmo chiamarla FILOSOFIA RELIGIOSA. E’ come una catena che ha un BASIC ed atri episodi che si collegano ad esso MA successivi. Più avanti sulla catena troviamo il MISTICISMO , LO SPIRITUALISMO, L’INDUISMO, IL TAOISMO, IL BUDDISMO, IL CRISTIANESIMO,L’ISLAMISMO ecc. ( scusate se ho tralasciato la vostra religione ma non posso elencarle tutte). Scientology è una filosofia religiosa applicata e in base a questa definizione è JUNIOR alla FILOSOFIA la quale è L’ AMORE PER IL SAPERE . Ci possono essere moltissime RELIGIONI che derivano TUTTE dalla stessa FILOSOFIA RELIGIOSA . Come sia stata possibile questa frammentazione è argomento d’interesse per il FILOSOFO che tramite OSSERVAZIONE;SPECULAZIONI E CONCLUSIONI cerca di scoprire la SUA VERITA’. Se la FILOSOFIA apre lo spazio la RELIGIONE lo chiude ed è per questo che poi ogni religione è a se stante ,con la sua comunità,dottrina ecc,e a volte in contrapposizione ad altre . Ma come ogni verità è necessario procedere verso la SORGENTE , L’ORIGINE , IL BASIC e risolvere così l’enigma perché la VERITA’ risolve tutto.

  8. Marco

    « Chi pensa sia necessario filosofare deve filosofare e chi pensa non si debba filosofare, deve filosofare per dimostrare che non si deve filosofare. Dunque si deve filosofare in ogni caso, o andarsene di qui, dando l’addio
    alla vita, poiché tutte le altre cose sembrano essere solo chiacchiere e vaniloqui. »
    Aristotele

    Wikipedia:
    “La filosofia (in greco antico φιλοσοφία, traslitterato in philosophía, composto di φιλεῖν (phileîn), “amare”,
    e σοφία (sophía), “sapienza”, ossia “amore per la sapienza”),
    è un campo di studi che si pone domande e riflette sul mondo e sull’uomo; indaga sul senso dell’essere e dell’esistenza umana;
    tenta di definire la natura e analizza le possibilità e i limiti della conoscenza.

    Prima ancora che indagine speculativa, la filosofia fu una disciplina che assunse anche i caratteri della conduzione del “modo di vita”, con un’applicazione concreta dei principi desunti attraverso la riflessione o pensiero. “

    MX dici: Scientology è una filosofia religiosa applicata e in base a questa definizione è JUNIOR alla FILOSOFIA la quale è L’ AMORE PER IL SAPERE .

    Beh, al di là delle definizioni o delle convenienze su come chiamare o identificare Scientology, io credo invece che essa corrisponde perfettamente alla definizione e dunque non sia una religione nel senso stretto e comune (credenze spirituali, che finiscono per essere un culto ed un’adorazione di un Dio).
    Forse potrebbe essere che Scn sia andata al di là dall’essere definita filosofia, infatti secondo me è andata oltre (la filosofia alla fin fine sfocia in una conoscenza concreta e provata) ed è arrivare ad essere una “ingegneria spirituale”.
    Il che la posiziona in pol-position (riguardo i vari corpi di conoscenza che si occupano del spirituale).

    In poche parole Filosofia significa “studio e ricerca riguardo alla vita”… Scientology ha ricercato e studiato e ha poi concluso, esponendo assiomi e principi e fattori…

    Dopo di ciò ha poi cominciato a suggerire com’è meglio comportarsi e/o a cos’è meglio dare importanza nella vita… è diventata una scienza pratica.

    Credo che da come si è sempre posta (prima dell’Era DM) Scn sia stata “solo” una filosofia spirituale (poi definita religiosa per convenienza), diventata poi una conioscenza concreta e stabilita.

    “LA MIA FILOSOFIA” DI L. RON HUBBARD

    “La filosofia è un soggetto molto antico, la parola significa:
    “amore, studio e ricerca della saggezza o della conoscenza, sia teorica che pratica, delle cose e delle loro cause”

    TUTTO QUELLO CHE SAPPIAMO IN MATERIA DI SCIENZA O DI RELIGIONE CI VIENE DALLA FILOSOFIA.

    E’ ALLA BASE E ALLA VETTA DI QUALSIASI ALTRA FORMA DI CONOSCENZA CHE POSSEDIAMO O CHE UTILIZIAMO.

    A lungo considerata argomento per intellettuali, confinata alle aule del sapere, la filosofia è rimasta in larga misura inaccessibile all’uomo della strada.
    Circondata dall’impenetrabile scorza protettiva, essa è stata prerogativa solo di pochi privilegiati.

    Il primo principio cardine della mia filosofia è che: LA SAGGEZZA DEBBA ESSERE DISPONIBILE A CHIUNQUE DESIDERI RAGGIUNGERLA.

    È al tempo stesso servitrice dell’uomo comune e dei re, e non dovrebbe mai essere guardata con timore reverenziale.

    L’egoista erudito non perdona quasi mai chi cerca di abbattere le mura del mistero per consentire alla gente di entrare.

    Di conseguenza chiunque cerchi di portare la saggezza alla portata della gente comune malgrado le obiezioni degli “iniziati”, DIVERRÀ IL BERSAGLIO DI ASPRE CRITICHE.

    Il secondo principio della mia filosofia è che questa DEVE PRESTARSI ALL’APPLICAZIONE.
    Il sapere rinchiuso entro libri ammuffiti serve a poco e non ha valore per nessuno, a meno che non possa essere utilizzato.

    Il terzo principio è che qualsiasi conoscenza filosofica HA VALORE UNICAMENTE SE CORRISPONDE A VERITÀ, OPPURE SE FUNZIONA.

    Questi tre concetti sono talmente estranei al mondo filosofico, che ho dato un nome alla mia filosofia: SCIENTOLOGY, una parola che significa semplicemente: “SAPERE COME CONOSCERE”.

    Una filosofia può solo essere una strada verso la conoscenza.
    NON PUÒ ESSERE CACCIATA A FORZA NELLA TESTA DI NESSUNO.

    Se una persona ha una strada, allora può accertare quel che per lei è verità, o meno.

    Questa è Scientology.

    “Conosci te stesso… e la verità ti renderà libero” , diceva un vecchio erudito greco.
    Di conseguenza, in Scientology non ci interessano le particolari differenze con altre filosofie, ci interessa soltanto mostrare all’uomo come liberare se stesso: è una questione pratica.”

    • Marco…”Know thyself … and the truth will set you free,” said an old scholar greek.
      Consequently, we are not interested in Scientology the particular differences with other philosophies, interests us only to show man how to free himself is a practical matter. ”
      Well said….
      Elizabeth.

      • Marco

        Si Elizabeth, in effetti è un concetto bello chiaro …ci interessa soltanto mostrare all’uomo come liberare se stesso… : una definizione semplice, chiara, vera e definitiva. 🙂

        Un caro saluto
        Marco

  9. La parte sicuramente più importante di Scientology è le sue tecniche . Alla base di esse ci sono deli assiomi ben definiti. Allo scientologo interessa soprattutto elevarsi come spirito tramite le tecniche di scn . Scientology è una religione? Esprimendo il mio punto di vista ritengo che se Scientology operasse effettivamente per il bene dell’umanità ,chiedendo donazioni (non prezzi fissi ),aiutando l’uomo e operando con sentimento caritatevole NESSUNO avrebbe da obiettare . Se la mettiamo da punto di vista dell’aspetto DIO come visto dal cattolicesimo mi considero fin’ora un ATEO . Che sia un essere spirituale ne ho certezza . Ma ” Il futuro sempre in movimento è !.( Yoda da l’impero colpice ancora ). Quindi cosa penserò e cosa crederò e saro attualmente non lo sò e non escludo niente .Come opera attualmente Scientology non è una religione ma un pragmatismo. Una cosa che mi dava da pensare nelle azioni della chiesa era che dopo qualche denuncia subita dall’org si richiedevano azioni del ministro volontario . Dopo che l’azione veniva svolta per esempio raccogliere siringhe o altro, si ricercava il riconosimento scritto da parte dell’autorità municipale o simili o ancora meglio un bell’articolo sul giornale o tv.Questo era imperativamente richiesto e voluto da parte del management . La cosa poi sarebbe servita come arma o prova in un processo.o simili. L’apparenza era caritatevole mentre dietro le quinte lo staff non riceveva neanche un assist,veniva preso a parolacce se aveva le stats basse e doveva risalirle lasciando ii figli soli in casa . . Se notiamo bene tutto l’aspetto religioso viene spinto dal management per dare un’immagine caritatevole ,specialmente in momenti particolari. Molto probabilmente lo staff e il public la domenica avrebbero preferito restarsene a casa con la propria famiglia . Quindi qui parliamo di doveri imposti .Da questo punto di vista è una religione? Quindi le intenzioni dietro le azioni devono essere chiarite così come le aberrazioni :solo così ci potrà essere decenza,amore e rispetto per se e per il prossimo.

  10. Una semplice domanda lavorando sul conosciuto ( mente ) è possibile conoscere ciò che per definizione é ” l’inconoscibile ” ?. Religioni e filosofie sono un prodotto mentale e tutte le strade hanno un limite sono anche esse limitate (prodotti mentali ). Le religioni hanno cercato di dare risposte e mettere ordine nel vivere ( pure disordine ) ma non centra nulla con la vera realizzazione di Sé. Hanno solo portato un miglioramento (in alcuni casi peggioramento ) dell’io. Finchè si ricerca la verità con strumenti dualistici siamo ancora nel campo della mera illusione.( questa è una mia convinzione attaccabile discutibile e non condivisibile ma ne sono convinto).
    Buona domenica

    • Italo Alberti

      Si, appunto, tu stesso hai risposto alla tua domanda. Anchio sono dell’idea che tutto ciò che l’uomo vede come esistenza è un prodotto mentale e cioè, illusione. Francamente non ho mai capito l’utilità e perché esista una mente (non ho ancora fatto as-is di questo, ma il fatto stesso di pormi queste domande già da un po’ di tempo mi porta avanti) visto che il thetan è re.

    • Marco

      SCIENTOLOGY 8-8008
      “IO SO – IO NON SO”

      “Una manovra di controllo di una certa importanza fu perpetrata in passato alla fine del XVIII secolo.

      Venne allora affermato, con grande autorità, che “qualsiasi cosa valesse la pena di sapere, sarebbe sempre stata al di là dei confini dell’esperienza umana”.

      Questo, consapevolmente o inconsapevolmente, cercava di bloccare ulteriormente la ricerca della beingness.

      Nessuno dovrebbe mai considerare, in nessuna circostanza, che qualcosa che sia in grado di causare un effetto su di lui possa trovarsi al di là della sua capacità di capire o di conoscere la piena natura di quello che sta sperimentando.

      Se c’è qualcosa da imparare in Scientology, è che i cancelli di tutta la conoscenza sono aperti.”

  11. Marco

    MX: L’apparenza era caritatevole mentre dietro le quinte lo staff non riceveva neanche un assist,veniva preso a parolacce se aveva le stats basse e doveva risalirle lasciando i figli soli in casa . . Se notiamo bene tutto l’aspetto religioso viene spinto dal management per dare un’immagine caritatevole ,specialmente in momenti particolari.

    Appunto come sempre abbiamo sostenuto: l’Organizzazione Cof$ è diventata sempre più una grande truffa. MI spingerei a dire che oggi questa organizzazione ha raggiunto il manierismo di una mafia (associazione a delinquere).
    Anche l’isis usa la religione come paravento per crimini indicibili (secondo me frutto di restimolazioni di altri massacri del passato; l’umanità già altre volte è stata massacrata “ad ampio raggio” ).

    A questa organizzazione a delinquere, RTC/Cof$, che usa l’argomento spirituale come un grande bottone, che ogni Essere intrappolato nella carne ha, va ancora bene (troppo bene), perchè ha alle spalle il governo USA (ah i governi… occupati solo a controllare i popoli), altrimenti credo che “il palco” sarebbe già venuto giù.

    • Italo Alberti

      Marco, l’amministrazione Obama non dura in eterno (che tra l’altro io non lo considero idoneo a gestire uno Stato del genere, non ha la stoffa del presidente). Verranno uomini che vorranno vedere in chiaro fino in fondo.

  12. Tutto ciò che definiamo è un accordo e un accordo non è mai ciò che è
    Prendiamo il tempo visto in termini spirituali, domani mi evolverò ,userò questa tecnica salirò i livelli tutto in termini sarò sarò o ero ero , ma il tempo è una invenzione…è pure lui una produzione di questa illusione.Quasi tutte le religioni hanno illuso con questo concetto di tempo ( andrò in paradiso, vivrò nella terra pura ,ecc ecc.
    Anche lo spazio è un accordo tutte o quasi le religioni hanno indicato un luogo uno spazio ma la materia e l’energia anch’esse fanno parte di un accordo. Tutto questo sarebbe lo stesso usando la parola filosofia, accordo accordo accordo che rimane? Bella domanda ? Una risposta me la sono data e voi?

  13. Marco

    Billy, non c’è molto da capire, se non che Luciano dice/scrive quello che pensa, ma di sicuro è solo quello che pensa lui. Non è quello che dice Scientology.

    Detta semplice la verità scientifica di questa cosa è:
    un postulato è ciò che porta in esistenza qualcosa (è as-is);
    un alter-is (alterazione di quella creweazione iniziale) crea la persistenza.
    Tutto qui, semplice e facile.

    Poi si può aggiungere che la persistenza crea automaticamente Spazio e Tempo… : se la cosa persiste, significa che rimane li (in uno spazio), giusto?! E che la particella ha un Tempo di persistenza, giusto?!

    In realtà è più corretto dire che il Tempo è creato dal movimento di quella particella, che per persistere deve avere un movimento, un atomo ha particelle in movimento, vero!? (un’altra volta forse potremo spiegare perchè una particella è sempre in movimento).

    Assioma 1 La vita è fondamentalmente uno statico.
    DEFINIZIONE: uno statico di vita non ha massa, né moto, né lunghezza d’onda, né posizione nello spazio o nel tempo. Ha l’abilità di postulare e di percepire.

    Assioma 2 Lo statico è capace di considerazioni, postulati e opinioni.

    Assioma 3 Spazio, energia, oggetti, forma e tempo sono il prodotto di considerazioni fatte e/o accordate dallo statico e vengono percepiti unicamente perché lo statico considera di poterli percepire.

    Assioma 4 Lo spazio è un punto di vista della dimensione.

    Assioma 5 L’energia consiste di particelle postulate nello spazio.

    Assioma 6 Gli oggetti consistono di particelle raggruppate.

    Assioma 7 Il tempo è fondamentalmente un postulato che lo spazio e le particelle persistano.

    Assioma 8 L’apparenza del tempo è il cambiamento di posizione delle particelle nello spazio.

    Assioma 9 Il cambiamento è la manifestazione primaria del tempo.

  14. Scientoloy dichiara 2 tipi di verità. Negli assiomi viene citata diverse volte ed è chiamata anche verità fondamentale . Su questa possiamo discuterne all’infinito ,accettare o no il punto di vista dell’altro ,crearci amici o nemici e chi più ne ha più ne metta. Nei nastri del 52 viene descritta come “contenitore numero 1 “. Nel contenitore numero 2 troviamo tutti i possibili e potenziali canali che si mettono in contatto o cercano di mettersi in contatto o asseriscono di essere in contato o credono di essere i soli ad essere in contatto con il numero 1. Sarebbe molto bello sedersi in compagnia di tutte queste personalità e discuterne davanti ad una tazza di tè . La seconda verità è definita verità funzionale o ciò che funziona o la cosa giusta per il maggior numero di dinamiche o non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te . Qui ci teniamo sul pratico e sicuramente con la pancia piena (sazi) ottimo lavoro ,una bella casa , una bella moglie ,dei bellissimi figli ,un ottimo lavoro per loro ed anche il nostro prossimo con una bella casa, moglie , lavoro ecc. ecc. Quindi abbiamo TEORIA e la PRATICA . La TEORIA migliora la PRATICA e la PRATICA migliora la TEORIA. Io cerco sempre di speculare e conoscere su tutto ma una cosa non la dimentico mai che è di avere sempre la pancia piena . L’ultimo libro scritto da Ron pare sia la via della felicità e dovrebbe essere considerato come la sintesi di tutti gli studi di Ron e perciò SUPERIORE ( senior) a tutta Scientology .

  15. Marco

    SHSBC 23 MAGGIO 1963
    STATO DI OT

    “La verità della cosa è che l’universo non è quel posto strano popolato da esseri terribili di un genere o di un altro, ma in verità invece è un luogo abbastanza piacevole, eccetto dove la gente si è data molto, molto da fare per renderlo un posto inospitale.

    Ora, se tu stai di fronte a quello che è successo ai corpi di carne e a quello che è stato fatto con questo universo, potresti scoraggiarti parecchio e potresti crollare su te stesso e dire, “questo universo è completamente e solamente una trappola…” , sino a che tu realizzi che è accaduto questo fattore: Un Thetan viene aiutato in ogni momento dal MEST – in ogni momento, in ogni momento.

    Gli fornisce uno scenario consecutivo, gli fornisce una luogo in cui essere e queste sono tutte cose che da cui non viene sopraffatto, ma sono cose che in realtà a lui piacciono.
    Gli forniscono una struttura materiale permanente e persistente.
    Può mettere lì una piccola casetta oggi o una cosa del genere che sarà lì anche domani, capite? Se lui se ne dimentica non svanisce.

    Ogni tipo di problemi che un thetan aveva sono stati risolti da questo universo e lui è su di un flusso di aiuto in una sola direzione quando scende troppo in basso, l’universo lo aiuta e lui non aiuta l’universo.
    A qualcuno che è in questo tipo di stato mentale gli puoi fare questa semplice domanda:”Come puoi aiutare l’universo fisico?” ed otterrai la misura in cui lui viene aiutato, diventa un flusso bloccato.

    Va bene Come puoi aiutare l’universo fisico?” vedete?
    Ed avrà un ritardo di comunicazione alla prima risposta per un po’, ma poi tirerà fuori una serie di risposte e si sentirà meglio dopo nei riguardi di questo universo.

    In altre parole, se questo universo è qualcosa, è qualcosa di troppo buono per te.

    E così ogni tanto troverai un qualche tizio che decide di renderlo un luogo molto malvagio.

    E lui avrà una qualche stramba idea in relazione a ciò che non va con questo universo: quello che lui pensa ci sia di sbagliato con questo universo è inevitabilmente: che in esso ci siano degli esseri liberi.

    Lui arriva sempre a questa conclusione, se lui è così degradato, e quindi inizia a darsi un gran da fare per rendere le persone intrappolate.

    Il risultato che si ottiene è il caos.”

    • billy cage

      Cerco di restare con i piedi per terra, anzi sul mest . Ringrazio Marco per l’approfondimento che getta maggior luce sui procedimenti che sto ricevendo sul grado 1: i cch. Qua tutti ne sapete più di me ed evito di inserirmi nelle vostre disquisizioni. Dalla mia ultima esperienza nel prossecing sono emerse varie considerazioni, contraddittorie e a volte complementari. Ho avuta molta difficoltà nel percepire l’universo fisico, mi rendeva semi incosciente e percepivo il contatto con gli oggetti come se avessi 4 paia di guanti, li consideravo meno importanti dei miei pensieri introversi ed a volte non volevo il vantaggio di godere dell aiuto che potevano darmi per uscire dalla fossa.
      E vero quel che afferma Ron, siamo debitori verso l’universo fisico ma per una distorta e parziale visione di SCn ero portato a invalidarlo, me ne scuso con tutti gli atomi della terra.
      Del resto era anche il mio precedente atteggiamento a favorire questo punto di vista, materia da sopportare da parte del mio auditor che finiva anche lui a far parte dell’universo fisico motivo per il quale si ripeteva un vecchio schema mentale che mi suggeriva più desiderabile essere da “un altra parte”.
      Insomma col bank si gioca a carte scoperte, devi avere la visione completa dei fattori in gioco, senza riserve devi avere il coraggio di guardare le tue debolezze e ciò che ti ferisce, maggiore è la difficoltà maggiore sarà il guadagno. ……sapendo questo: e chi ci ammazza! !!!!!
      Un grazie di cuore agli indi che in questi giorni mi hanno coccolato.

  16. Billy se sei sul ponte penso non sia poi cosi difficile capire che la realtà che stai vivendo è fondata da accordi è un fondamento di Scientologi. Pensi veramente che una sedia sia sedia oppure che sia un accordo tra più persone ? Se si ,allora pure tutto il resto è accordo mi sembra semplice,o no. E questo vale anche per il MEST. Tutto è accordo o disaccordo, tutto qui…. nel mentale. Non è in Tolle che un deve trovare le risposte Tolle è Tolle tu sei tu. Non c’è domanda non c’è risposta sembra un paradosso ma senza un io chi chiede chi risponde .Il punto è si può vivere senza questo centro .
    E la ricerca continua
    Buona domenica.

    • Italo Alberti

      La trappola è sempre e solo la mente analitica e reattiva. C’è chi associa la mente analitica al Thetan, niente di più sbagliato.Togli queste 2 menti, elevati e non avrai più bisogno nemmeno di valutare dati…semplicemente sai e tutto diventerà splendido e degno di essere vissuto.

      • Marco

        Dal libro “Comprendere l’elettrometro”

        “In risposta al ritmo dell’universo fisico, il thetan in un lontano passato cominciò a creare delle immagini e alla fine creò ossessivamente (per mezzo di intenzioni involontarie restimolabili) i momenti che trascorrevano dell’universo fisico.”

        “Senza una registrazione del passato che si accumula, solidificando sempre di più il thetan, la capacità di intrappolare dell’universo fisico sarebbe trascurabile e l’havingness che esso offre avrebbe addirittura qualità terapeutiche.

        Probabilmente, per diventare aberrati, ci vuole qualcosa di più del semplice vivere nell’universo fisico.”

        “Ma solo quando cominciò a considerare importanti queste immagini, esse poterono venir usate per aberrarlo.”

        “L’esistenza di una traccia del tempo semplicemente rende possibile che l’aberrazione abbia luogo, e venga conservata.”

        “Il metodo principale per aberrare ed intrappolare, utilizza quelle azioni che creano o confondono la traccia del tempo“

        “Si può allora dire che il meccanismo della traccia del tempo è lo strumento principale per rendere un thetan solido, immobile e privo della capacità di decidere.”

        “Perciò il 1° vero errore di un thetan è quello di considerare importanti le sue immagini e gli eventi registrati in esse.

        Il suo 2° errore è quello di non sopprimere coloro che lavorano per intrappolare.

        Tutte cose che si possono fare e che dovrebbero essere fatte.”

  17. Billy, non c’è molto da capire, se non che Luciano dice/scrive quello che pensa, ma di sicuro è solo quello che pensa lui. Non è quello che dice Scientology.

    Non è mio interesse entrare in polemica Marco ma vorrei evidenziare che non è un modo molto nobile di proporsi. Ho conosciuto e avuto rapporti di comunicazione con molti OT8 in questi anni e siamo allineati perciò non è un solo mio modo di vedere le cose ma anche la loro. Ho ricevuto i complimenti da loro perchè pur non avendo fatto il ponte (in questa vita almeno!!) trovavano perspicaci i miei punti di vista. Sono circa tre anni ( se ricordo bene ) che non ho più contatti con le persone (care ) della Reception ma ti assicuro che di contatti nello Star Sistem OT Sientologico ahh ahhh ne ho avuti,e in special modo sono stra grato ad una persona d’oltre oceano che lentamente mi ha fatto rendere conto delle mie possibilità e di dove sarei potuto andare da solo anche senza Scientologi .
    Con questo non è e non sarà mai mia intenzione denigrare il lavoro di Ron.
    Come dice Guido siamo tutti sulla stessa barca. Magari tu sul piroscafo .
    Ho sempre pensato e ne sono convinto che non è la forma ma la sostanza delle cose ad essere importante .Non parlo e non scrivo in SCiENTOLICHESE perchè nel momento che ho fatto mio il concetto (esem. ARC ecc ecc ) trovo giusto esprimermi come sono nel resto della giornata .
    ( ho sempre rifiutato il modo in cui si proponevano gli staf e chi li scimmiottava con termini non consoni al nostro vissuto mi sembravano robottini.) Concedere di essere ahh se stessi ( ops ) per mè è la bibbia.
    Ciao

  18. Ognuno vive nel proprio mondo mentale creato dalla propria mente con sofferenza e gioia . Come si generano queste condizioni ,se si è troppo attaccati alle proprie certezze alle proprie convinzioni non lasciando uno spazio al dubbio, nulla potrà fermarci da rendere giustificabile qualsiasi azione pur di aver ragione. E’ difficile restare consapevoli ( specialmente in questi giorni ) e vedere le cose cosi come sono e non come le vorremmo, vivendo la vita senza giudicare ,senza porci domande ,senza cercare risposte sino allo sfinimento. Ogni situazione è permeata dall’impermanenza cambia in continuo come cambiano i colori nel magico caleidoscopio ad ogni giro. Come già scritto carnefice e vittima sono partoriti dalla stessa mente e dalla convinzione di essere nel giusto .Nessuna arma potrà essere fermata se chi la maneggia crede di essere stato vittima. ogni reazione genera reazione una catena infinita.La speranza non è sconfiggere l’isis quanti isis potranno ancora nascere dopo . Ma scoprire quanta bestialità può creare una mente convinta io ho ragione e tu torto .
    Dedicato a tutte alle vittime.

    • LIBERO

      Luciano scusami ma non ti conosco personalmente, se puoi mi rispondi… hai fatto il ponte in Scientology? Fino a che punto? corsi di scientology? hai avuto altre esperienze di tecnologia in altre pratiche? Pratichi ancora Scientology?

    • Marco

      Si… scusami Luciano, forse sono stato un pò brusco… ma intendevo solo dire a Billy di non stare “a farsi fumare la testa” per comprendere, in effetti i tuoi concetti espressi sembravano anche a me un pò difficili.

      Ti spiego un pò il mio approccio: io in effetti ho studiato molto Scn e devo dire con l’intenzione di capire anche dal punto di vista tecnico/ingegneristico. Sto solo dicendo che credo di essere abbastanza ferrato riguardo alla creazione del Mest, non del tutto, ma abbastanza.
      Di sicuro mi mancano ancora dei gradini di comprensione, ma credo essere ad un buon livello di comprendonio.

      MEST, postulati creativi, accordi, as-is , Is-ness, Not-isness ecc. ecc. , ho ormai una stabile conoscenza basata sopratutto sugli studi di LRH, ma confrontati con tante altre teorie.

      Comunque è vero che… mi sono reso conto che molti scientologist (anche avanzati) non hanno approffondito, soppesato/valuato, benissimo questi argomenti, gli argomenti riassunti sugli Assiomi, Fattori , Logiche… forse non è/era cosi necessario per andare avanti sul Ponte, ed è invece probabile che questi argomenti sia una mia passione.

      Insomma riguardo alla creazione del Mest, all’accordo di percepirlo, all’accordo di “vivere” dentro al Mest, ecc. ecc. , ho letto molte conferenze (le più belle su questi argomenti sono “Le conferenze di Phoenix”)… di sicuro è una passione.

      Dunque è vero che bisogna “concedere di essere”… ma in un blog specializzato in Scientology, l’argomento è quello e ci sarà sempre un riferimento ad LRH e alle sue ricerche… e dunque i punti di vista “diversi”, che tu sostieni legittimi (e ci mancherebbe), per forza di cose vengono letti e/ma anche poi ribattuti/replicati con il punto di vista della filosofia/scienza scientologa.

      Quando tu scrivi “…se si è troppo attaccati alle proprie certezze alle proprie convinzioni non lasciando uno spazio al dubbio, nulla potrà fermarci da rendere giustificabile qualsiasi azione pur di aver ragione.

      E’ difficile restare consapevoli ( specialmente in questi giorni ) e vedere le cose cosi come sono e non come le vorremmo, vivendo la vita senza giudicare,senza porci domande ,senza cercare risposte sino allo sfinimento. “
      Beh, non credo questo sia un punto di vista scientologo… e semplicemente mi vien da ribattere.
      In questo caso non lo faccio 😉 , anche se mi viene da dirti qualcosina (solo una cosina): avere certezze è una buona cosa… è ciò che cerchiamo sempre.
      E non è affatto vero che chi ha certezze poi “giustifica qualsiasi azione” per imporle… la certezza proprio perchè è certa, non ha necessità di imporsi.
      Di solito sono i dogmi e gli arbitrari che cercano di imporsi…

      Va beh.. spero tu abbia capito un pò più della mia intenzione nello scrivere qui.

      Saluti

  19. Ho già risposto in svariati post. forse non leggi o scusami l’ardire ma nonostante sei sul sette non hai buona memoria. Personalmente non sono sul sette ma ricordo tutto ciò che tu hai scritto. Buona serata .

  20. Libero

    Sei simpatico Luciano. Non era per svalutarti. semllicemente x capire il tuo percorso.

  21. Ciao. Mi sono avvicinato a Scn più da un punto di vista tecnico che filosofico. Poi a causa della mia passione per la ricerca di risposte mi sono appassionato al lato filosofico ma non solo di scn perchè in ogni uomo c’è verità. Ma alla fine ogni conoscenza dev’essere fatta propria e ci si stacca dai vari : ” Ron dice…” ,” Nell’Hcob c’è scritto…” ecc. ecc. Sono sempre stato dell’idea che l’aiuto dev’essere dato quando viene richiesto e per rendersene conto ci vuole u po’ di sensibilità (visto che non tutti lo chiedono direttamente ). Se una persona è in difficoltà ed è senza lavoro ( lo sta cercando ) , non penso sia la cosa corretta fargli un discorso filosofico o cercare di mostrargli le sue responsabilità nell’essersi trovato in questa brutta situazione . La cosa corretta è aiutarlo nel trovare un lavoro perchè lui ha richiesto quello.Fare diversamente ricade nella valutazione e nell’invalidazione . Aiutare è una delle cose più belle che ci siano . Quando un pc si trova in una grave restimolazione e momentaneamente non può dare lo scambio lo si deve aiutare . Noi esistiamo per aiutare . Tutti gli Scientologyst esistono per aiutare e se ci pensiamo bene anche l’Sp crede e ritiene che sta aiutando. Quindi è importante “vedere” come è giusto farlo. A vote da un mancato aiuto ne derivano conseguenze inimmaginabili , Ci sono persone che non conoscono scn e che hanno una elevata consapevolezza e conoscenza forse superiore anche alla nostra. Non dobbiamo considerarci gli unici portatori di verità .Noi possediamo una tecnica funzionale per aiutare le persone che chiedono il nostro aiuto MA non abbiamo il monopolio della verità. Nel momento in cui Scientology sfornerà in buona quantità personaggi come Mozart, Michelangelo, Chopin,Galileo ecc. mi ricrederò..

    • Marco

      @ MX
      Dici Ma alla fine ogni conoscenza dev’essere fatta propria e ci si stacca dai vari : ” Ron dice…” ,” Nell’Hcob c’è scritto…” ecc. ecc.

      Questo che dici è vero, e persino ovvio… ma ti sei dimenticato di ricordare che Ron viene citato, da chi ha capito, come fonte autorevole. Ed anche viene usato come collante, punto di accordo e/o di ARC tra il gruppo che “ha simpatia” per Scn.

      Succede che: se è vero che una persona ha capito e SA determinate cose (ha ottenuto il “è vero quello che è vero per te” : ovvero “ah si ora ho capito cosa intende LRH”) e poi le sostiene con amici e conoscenti (come in un blog), potrebbe comunque finisce con: “e chi sei tu per cui dovremmo credere a quel che dici? Perché dovremmo anche solo prendere in considerazione quel che affermi!?”.
      Questo è il motivo principale perché Ron viene citato?

      È lo stesso motivo per cui si cita uno scienziato (“lo dice anche Einstein…”) o un’autorità religiosa (“lo dice anche il Papa Francesco”), o qualsiasi altra persona famosa conosciuta come competente in quella materia.
      Per esempio non citerei mai LRH riguardo ad… che ne so, una ricetta culinaria.

      Per qualcuno sarà anche odioso sentire sempre citare LRH, ma Ron in effetti è “una” sorgente, quanto meno è il principale ricercatore scopritore riguardo Scn…
      Potremmo dire “Scn oggi è al di sopra di LRH…” sicuramente vero, come oggi la ruota è di proprietà di tutta l’umanità e non solo di chi l’ha scoperta per primo.
      Ma è anche vero che LRH è forse ancora oggi quello che ne sa di più di altri, e di sicuro quello che ha scritto e comunicato più di chiunque altro.

      Per esempio, oggi giorno stiamo anche ad ascoltare Richard… perché? Perché ha ricercato (negli scritti di LRH, ma anche in proprio) ed è oggi la persona più avanzata sul Ponte. E ha pubblicato degli scritti e dei commenti molto articolati che sembra abbiano senso, dunque autorevoli.

      Non dimentichiamo che “se non è scritto non è vero!” .
      E dunque dire “cosa è vero per te”, ma senza riferimenti beh, ha un valore inferiore: se l’intento è far arrivare qualche verità (che tu ritieni tale), dovresti dire anche come ci sei arrivato… e di solito finisce con: “beh, ci somno arrivato seguendo le indicazione di LRH. Perchè mai facciamo tutti iprocedimenti di LRH per capire di più? Perchè non tutti siamo ricercatori e non tutti hanno tempo di farla, la ricerca.

      Ma forse tu volevi solo dire che se una persona cita una fonte sia solo un megafono (un pappagallo) che ripete senza comprensione? Forse pensi che la gente non abbia una sua idea?!?!

      Di sicuro questo è molto vero nella Cof$, ma li vige “non pensare con la tua testa… sostieni solo quello che decido io: l’intenzione del comando! Non hai capito cosa sostiene il comando? Beh, meglio cosi, tu obbedisci e basta, qui nella MIA organizzazione non promoviamo l’autodeterminazione, se non per finta, ma solo altrui-determinazione!”

      Non credo sia così tra gli Indipendenti. Gli Indi hanno il pallino del “è vero quello che è vero per me”… in quale altro posto c’è una maggior quantità di questo modus operandi?
      E a pensarci bene, credo questa era anche l’intenzione primaria di LRH, riguardo al genere umano.

  22. Mister X

    Ciao. Mi riferivo alle persone robotiche che citano Ron in ogni cosa, perché così gli hanno insegnato, senza vera comprensione. Che usano le citazioni per invalidare gli altri e per “maneggiarli” con l’intento di propinargli qualcosa a loro vantaggio ( o vantaggio di un loro superiore o per eseguire un ordine che analizzato risulterebbe ingiusto) e che alla fine creano più danno che bene. Non intendevo a quelli che lo citano come fonte allo scopo di orientare le persone nel modo giusto e per il legittimo bene delle persone.

  23. Libero

    Mister X, è vero quello che scrivi ma renditi anche conto che queste persone hanno paura di sbagliare… Direi messe male come condizione… Se dopo andiamo a vedere il perche di questa situazione il tutto diventa inquetante e soppressivo…

  24. Luigi Cosivi

    Mister X, bravo , le tue considerazioni sull’aiuto sono perfette, le condivido e applico e senza pensare a un tornaconto, non me lo aspetto anche se ,qualvolta avviene , è pur sempre gradito. La vita così è ben vissuta per me e per gli altri.

  25. Marco

    Grande punto di vista filosofico, sarà molto caro, immagino, agli amici che cercano risposte anche nelle filosofie del Sud Est asiatico.

    SCN 8-8008
    CAUSA – EFFETTO TOTALE

    “Uno dei principi della causatività è delineato nel ciclo-di-azione.

    Ma non è necessariamente vero che un individuo possa causare un ciclo solamente con questo modello né che debba per forza causare dei cicli.
    Fare il mock-up di cicli invertiti, che da morte ritornano a creazione, con gli oggetti di cui si è fatto il mock-up, è infatti un tipo di processing eccellente.

    Uno dei “dati di fatto” inerenti agli oggetti è che lo spazio e l’energia devono essere stati causati prima che l’oggetto possa esistere nell’universo MEST.
    Per cui qualsiasi oggetto ha avuto una causa precedente.

    Per questa ragione, quando qualcuno nell’universo MEST comincia a studiare per poter risolvere alcuni dei misteri dell’universo MEST, cade nella trappola di supporre che qualsiasi causa abbia avuto luogo in precedenza e che il tempo stesso esista di per sè.

    Questo renderebbe una persona un successivo effetto di qualsiasi cosa la persona abbia causato. In altre parole, lui pensa che se facesse un postulato, diventerebbe, subito dopo, l’effetto di quel postulato.

    Causa non risiede nel passato, ma solo nella condizione di havingness di questo universo, che afferma che qualsiasi oggetto deve avere avuto una causa “precedente”.

    Il preclear è diventato aberrato tramite il processo di renderlo effetto e privarlo della capacità di essere causa, convincendolo che è meglio essere effetto.

    Qualsiasi cosa una persona desideri nell’universo MEST, la desidera perché avrà un effetto piacevole su di lui. Cerca sensazioni causate da qualcosa di esterno a lei stessa, che la renderanno effetto.

    Quanto effetto si può diventare? Fino a diventare MEST!

    La trappola della sensazione piacevole porta ad accettare un’energia che non è la propria.
    Desiderare questa energia, oppure oggetti, mette quindi la persona in una condizione di essere effetto.

    Quando si è circondati da tante fonti di energia così incredibilmente potenti, quante se ne trovano nell’universo MEST, non si può fare altro che diventare una causa di basso livello.”

  26. Marco

    Ma era questo su cui veramente volevo fare mettere l’attenzione agli amici “solo bene, solo amore, solo luce e dolcezza (“Luce e dolcezza” Diz. Tech: “una persona che non può concepire di aver mai fatto nulla di male a qualcuno od a qualcosa”).

    Interessante da capire.

    SCN 8-8008
    CAUSA – EFFETTO TOTALE

    “Quando un preclear si trova a un livello sulla Scala del Tono al di sopra di 8,0 e ha a che fare con il “bene” e il “male” (entrambi questi concetti sono visti in modo sufficientemente aperto da capire che sono punti di vista), sarà molto preoccupato se pensa che lui è, o potrebbe essere, “causa negativa”, perché in effetti lui desidera essere quello che “lui considera” una causa positiva.

    Egli giudica queste cose in base a codici morali e perciò orienta la sua condotta in modo da rendere il fatto di essere causa negativa qualcosa di avverso, per sé e per gli altri.

    Perciò egli rinuncia alla responsabilità di essere causa negativa e, proprio con quell’azione, diventa effetto di una causa negativa.

    Tutti gli angeli hanno due facce. Nella mitologia, essi sono comunemente rappresentati con una faccia bianca e una nera.

    Per essere Causa completa, in teoria una persona dovrebbe essere disposta ad essere causa positiva e causa negativa.

    Solo in questo modo sarà in grado di sfuggire al rischio di diventare l’effetto di una causa negativa.

    Una carriera criminale comincia sempre nel momento in cui la persona perde il rispetto di sé.
    Il rispetto di sé è perduto solamente quando ci si considera causa negativa.
    Un criminale che ha deciso di essere causa negativa, dopo che ha trovato impossibile fidarsi di se stesso, sfuggire al fatto di diventare effetto solamente se combatte causa positiva.
    La correzione o il recupero dei criminali non dipende dalla punizione, ma dal fatto di ristabilire il rispetto di sé da parte del criminale.
    Poiché solamente dopo questo recupero sarà in grado di essere causa positiva.

    Una stima del preclear con un elettrometro, dovrebbe cercare di stabilire dove il preclear sente che lui sarebbe causa negativa.
    Perché è in questo punto che si troverà che ha perso il rispetto per se stesso e dove si scoprirà perché non può aver fiducia in se stesso.

    Un intero procedimento può svilupparsi da: “Che cosa causeresti in ognuna delle dinamiche?”

    La fiducia in sé, il rispetto di sé e la capacità di essere Causa sono condizioni dello stesso ordine di grandezza, e ci si può indirizzare ad esse in modo intercambiabile.”

    • billy cage

      Per essere una causa negativa dovrei adottare il maggior bene immagino, tipo faccio fuori un terrorista prime che faccia fuori lui altre persone. Elementare come ragionamento, intendevi questo?

      • Marco

        Billy, non c’è una definizione di Causa positiva – negativa nel DIz Tech, per cui ti dico cosa ho capito io…
        Credo proprio che questo scritto significhi che nella vita non si può sempre essere solo buoni e gentili, causa positiva, spesso tocca usare le maniere forti, essere causa negativa, cioè capita che bisogna essere disposti anche ad essere causa che distrugge (qualcuno o qualcosa).

        Da questo scritto si può ricavare un pò di riflessioni, considerazioni e certezze, confermate da un ricercatore, tale è LRH.

        Lo scritto dice in sostanza che se non sei disposto a difenderti, o a “mettere in riga” un prepotente, un SP, ecc. essendo causa, beh alla fin fine non confrontando e non prendendoti responsabilità di “saltare giù dalla staccionata” per sistemare il bullo del quartiere (mi riferisco ad un racconto di LRH), beh, alla fin fine diventerai effetto tu stesso delle cause negative (che altri invece praticano senza remore).

        Lo scritto mi era piaciuto e lo trovato adatto al contesto della discussione di qualche giorno fa (mia litigata con Calla)…

        E’ un punto di vista interessante per chi crede che si deve solo essere “gentili e corretti” e che “non si deve valutare ed insultare” o cose del genere… invece in questo universo Mest, quando ci vuole ci vuole.

        “Egli giudica in base a codici morali e perciò orienta la sua condotta in modo da rendere il fatto di essere causa negativa qualcosa di avverso, per sé e per gli altri.

        Perciò egli rinuncia alla responsabilità di essere causa negativa e, proprio con quell’azione, diventa effetto di una causa negativa.

        Per essere Causa completa, in teoria una persona dovrebbe essere disposta ad essere causa positiva e causa negativa.

        Solo in questo modo sarà in grado di sfuggire al rischio di diventare l’effetto di una causa negativa.

        Notare l’ultima frase: “solo in questo modo sfugge al rischio di diventare un effetto di una causa negativa” … una concetto, un’affermazione (una verità?) su cui riflettere.

        Ciao
        Marco

        • Regardless what a person experiences, negative which is ONLY NEGATIVE and BAD EXPERIENCE by that Person who evaluate that experience and CONSIDER it bad therefore that experience is bad for that person.
          The same goes for having a good experience, only the evaluation by the persons who experiences that incident-happening becomes a ”good experience”=positive.
          But in both case these persons are on effect of their experiences.
          Negative or positive becomes a negative or positive because of evaluation.
          So labeling -pointing finger toward others and saying that they are Suppressive, or good people only indicates where that persons reality is, what that person believes in.
          With auditing a result can be achieved that evaluation-judgement no longer needed and to the OT the experiences are just that: experiences.
          My two cent on the topic.
          Elizabeth.

        • Luigi Cosivi

          Ottimo Marco, anche per me saltare giù dalla staccionata, quando ci vuole ci vuole. In barba a chi ci vorrebbe buoni e obbedienti.Valutando come uno dovrebbe essere OT, tanto per cercare non l’autodeterminazione, ma una spudorata altruideterminazione. Perseguiamo che costoro rimangano illusiondeterminati, purtroppo continuano da troppo tempo ad esistere ma facciamo il possibile. Gli ridevo in faccia , forse ero uno dei pochi a ridere, ma mi spiace di non aver tirato anche qualche sberlone, non prendertela però. L’indicazione corretta di “bontà e luce” sul diz. tecnico dovrebbe farla riflettere, la diedi anche io nel passato, almeno ha smesso di consumar lampadine, non lo dice più.

        • Calla

          Credo proprio che questo scritto significhi che nella vita non si può sempre essere solo buoni e gentili, causa positiva, spesso tocca usare le maniere forti, essere causa negativa, cioè capita che bisogna essere disposti anche ad essere causa che distrugge (qualcuno o qualcosa)…..

          Hai ragione “marco” ( sapevo che avevi postato quello scritto in riferimento a me) ed è per questo che non intervengo quasi più nel blog se non quando “tu” inizi a fare ciò che rifiuti riceve : valutare ed invalidare.

          Di situazioni del genere ce ne sono a iosa nel blog da quando ha iniziato e guarda caso chi valuta ed invalida sei tu al 90 % , tu intervieni quando i gestori del blog lasciano passare commenti relativi ad altre filosofie ma come ti ho già suggerito ” dolcemente” un’altra volta – creati un tuo blog – così sei sicuro che nessuno scriverà qualcosa che non sia Scn pura.
          Fintanto che tu sarai soppressivo sulle considerazioni degli altri … io lo sarò con te.
          Rileggiti con calma il commento di Mister X del 23 novembre ore 06,13 è molto semplice, chiaro, diretto e reale e ritengo che sia l’esempio dello scientologo !

          • paolo facchinetti

            Va bene Calla cerchiamo di applicare tutti quello che scrive Mister X: io, tu, Marco & Co. Mi sembra che Marco abbia ribadito più volte che si è assunto il compito (se non faticoso almeno impegnativo) di riportare gli scritti di Ron su ogni questione perché questo è un blog di Scientology e non degli Hari Krishna o di Reiki o di altri. Non vedo nessun intento né invalidatorio né soppressivo in quello che scrive.

  27. Ciao. Il punto è “essere disposti”. La Pandeterminazione è essere simultaneamente le due parti del gioco e se c’è questa condizione sei superiore al gioco. Il bene e il male sono considerazioni o per essere più chiari decisioni prese dalla persona.:questo è bene e lo devo fare e seguire quello è male e lo devo evitare ; a quel punto ti attiri il male perchè non lo vuoi .Essere disposti a essere o concedere di essere ti porta fuori da queste situazioni . Esempio . che schifo i topi ,dovremmo eliminarli tutti. Mi dispiace ma si sta scavando la fossa perche ha postulato che gli faranno del male. Farebbe meglo ad andare in seduta e alla fine dare beigness a questi benedetti animali che oltretutto stanno svolgendo egregiamente il lavoro di “neturbini naturali” senza essere pagati .Naturalmente non sto dicendo che bisogna portarseli a casa MA nel momento del bisogno ( come nel film il conte di montecristo), si potrebbero pure usare come succulento pranzo di Natale . Scusami per l’esempio esagerato ma mi è più logico pensare che i migliori vegani in questa vita potrebbero essere i peggiori carnivori di una vita futura perchè accettare solo una parte del gioco li condanna all’altra parte.

  28. Buon umore,le diatribe non servono i pochi avranno bisogno dei tanti ed i tanti avranno bisogno dei pochi,non ci si scappa.

  29. Calla

    Ciao Paolo, ho apprezzato più volte il lavoro di ” Marco” per quanto riguarda gli scritti di Ron che lui riporta , questo non vuol dire che debba apprezzare il SUO pensiero quando questo è valutativo, invalidativo e senza basi di conoscenza di altre pratiche ( io del Reiki non mai riportato niente ..lui è andato a cercare nel web quella parte che non è del fondatore solo per mettere in luce una contrapposizione a Scn … anche lì tutto da vedere ).

    Comunque va bene, questo è il gioco,

    Per favore, non chiedetevi più come ha fatto DM ad avere potere e a mantenerlo, ” questo è il gioco ” !!

    • Marco

      Calla, io non avevo e non ho nessuna intenzione di sopprimere le tue “altre pratiche”, tu puoi fare ciò che credi meglio per te stessa.

      E ti premetto anche, prima di continuare questo commento, che io non ti conosco e che di base non ho nessun tornaconto personale per invalidarti o valutarti o sopprimerti, come tu continui a dire io faccia.

      La verità, credo, è nel fatto che io effettivamente sono con LRH… non mi pare a livello fanatico, ma uso molto il pensiero e l’indole portante in Scn, dunque confronto le “altre cose” con Scn (ed il pensiero di LRH).
      Credo che questo mi venga riconosciuto dalla stragande maggioranza dei condomini e degli amici: nessun dubbio che Marco è pro scientology (e che non la usa per invalidare o sopprimere… quello lo fa qualcun’altro).

      E credimi non è perchè non ho una mia idea o una mia autodeterminazione, ma perchè dopo tanti anni (30 e più) di soppesamento del suo pensiero e tecnologia, beh, mi pare sia “il meglio sul mercato”. Come posso dire…? “Il prodotto” mi piace molto.

      Ora io non so perchè tu reagisca cosi tanto a questa mia tendenza a promuovere e diffendere Scn ed LRH!?
      Visto che siamo in un blog di Scn e di scientologist dichiarati e anche un pò fanatici (scherzo, quelli sono nella Cof$), la tua veemenza nei miei confronti è un pò strana e non fa senso… io infatti credo ci sia un’altra spiegazione, che non espongo perchè non di grande interesse.

      Alle volte sono stato un pò irruente con te? Alle volte con te sono un pò intollerante su “altre pratiche”? Alle volte con te reagisco con veemenza quando mi si accusa di misfatti su cui non sono d’accordo…?
      Va bene, può essere, spesso è successo… Ma è successo anche con altre persone… che però alla fine non mi accusano di essere un soppressivo delle “altre pratiche” (o persino della persona stessa).

      Ma c’è una cosa di cui fare obnosis, perchè credo un pò sfugga: siamo in un blog di Scientologist!
      Dovresti dunque capire che è quasi ovvio che se qualcuno in questo blog parla di “qualcos’altro”, beh, qualcun’altro (uno scientologo) avrà di sicuro da ridire : “beh, però… guarda che non è così, ma è cosà…” ecc. ecc.

      Io lo faccio più di altri (dici:”al 90% sei tu che invalidi…”)?
      Beh, può anche darsi che io “discuta” e difenda Scn più di altri, ma credimi è solo perchè io mi prendo la briga, l’impegno più di altri.

      Come dice anche Paolo (grazie per le corrette parole), credo significhi solo che io forse sono un pò più attivo di altri nel promuovere Scn, o nel sostenere il punto di vista di LRH…

      A me significa solo che siccome io sono un pò più attivo (forse), per te è stato facile prendermi come “capro espiatorio”.
      E che fai? Mi etichetti in tutti quei modi cosi precisi e costanti, come se tu mi conoscessi…
      Ed invece io non ti conosco, mai frequentata e/o mai nemmeno parlato al telefono.

      Vista la tua insistenza e “precisione” nell’insultare me (mentre ci sono altri bloghisti che ti hanno detto cosa pensano del tono e delle tue “altre pratiche”), ho persino pensato che tu mi abbia confuso con qualcun’altro…

      Tu hai una brutta opinione di me… Ma osserva bene, credo tu sia l’unica, che mi insulta.
      Chi mi conosce, anche personalmente, ha un’ottima idea di me, sia in quanto scientologo, sia in quanto persona educata e disponibile.

      Poi sai…? In effetti, nessuno è perfetto.

      Ma dopo questa premessa, ti faccio presente che se insisti a dire che io sono un “poco di buono”… beh, credo tu ottienga l’effetto contrario, visto che la maggioranza dei condomini invece mi apprezza.

      Per cui secondo me dovresti impegnarti a capire veramente perchè io ti sono cosi tanto antipatico e risolvere questa piccola GPM. Perchè credimi: io non sono un soppressivo (lo posso dire perchè l’ho dimostrato a me stesso più e più volte)… e di sicuro non il tuo.

      Ti posso riconoscere che non sono un tipo così remissivo o facile e/o accondiscendente… e può essere che spesso sono troppo precisino e intollerante di “altre cose”.
      Beh, ma questo è solo un modo di essere, non una caratteristica soppressiva.
      Ma sai? io penso questo: “I troppo buoni passano da coglioni”. Ovvero essere troppo “ragionevoli”, a tutti i costi, porta alla disfatta: i troppo buoni, buonismo, alla fine hanno sempre perso.
      Questo era poi il senso delle mie due ultime quote di LRH.

      Non ho voglia di cercare un’altro scritto di LRH, ma lo sai pure tu cosa pensava lui della ragionevolezza (del porgere l’altra guancia)!?

      Ora espongo un’altra spiegazione, secondo me…
      Un problema è “un’intenzione contro un’altra intenzione”, ed è forse qui la verità della disfida… forse, può essere che: io ho un’intenzione e tu ne hai un’altra!? E può darsi che tu percepisca questa cosa come una soppressione…!?

      Allora ti propongo un gioco… facciamo un tentativo di risolvere.

      Ti propongo un gioco: per favore, se te la senti, spiega meglio quel’è il tuo pensiero riguardo alle tecniche filosofiche di Scn.
      Spiegami cosa pensi del Ponte;
      cosa pensi dei livelli OT;
      dimmi se andare avanti sul Ponte è un tuo desiderio o meno… e perchè si o perchè no? Ecc. ecc.

      Così comunicando, magari facciamo un pò di chiarezza e portiamo alla luce un pò di by-pass charge, così che venga identificata meglio… e fatto as-is di essa.
      Direi di prenderlo come un gioco… da cui tutti i condomini potrebbero imparare qualcosa…

      Io credo di essere già più che mai un dichiarato: sono un super fan di Scn e di LRH, per cui il mio pensiero lo conosci già molto bene.

      Ma per ribadirlo meglio:
      -Io voglio continuare il Ponte fino a dove arriva.
      -Non voglio fare “altre pratiche”, ma forse solo perchè non ho il tempo nemmeno di analizzarle (o perchè per quello che le ho analizzate, le ho scartate).
      -Nonostante la mia traumatica esperienza nella Cof$, io promuovo Scn ai miei amici.
      -Uso Scn nella vita, nel lavoro, nel senso filosofico: “come è meglio comportarsi nella vita”; con i limiti di conoscenza e con i limiti delle “reazioni ed emozioni umane” che ancora non ho maneggiato.
      -Inoltre cerco di avere amici scientologist con cui confrontarmi e avanzare, tendo a scartare chi fa “dell’altro”… ma solo perchè non ho tempo da dedicargli e perchè non voglio stare a discutere (se mi capita di mangiare una pizza con una persona che fa “altre pratiche”, beh, cerco di parlare “di belle strade e bel tempo”).
      -Se non capisco qualcosa che mi capita nella vita, la cerco in Scn ;
      -se mi sbaglio nella vita cerco di correggermi/confessarmi, maneggiare con le tech di Scn (session).
      -Mi ritengo orfano delle Org. che fino alla fine, per decenni, amavo e frequentavo assiduamente (ma non ho potuto fare altro che fare obnosi della brutta piega che aveva preso la chiesa, fino ad un livello sub-criminale, e dunque andarmene).

      Ecc. ecc. ecc. credo non serva che dica altro!?

      Finisco non dicendoti “stai serena con me”, perchè farebbe venire in mente Renzi (contro Letta); ma quello è il senso: stai tranquilla, non ho nessuna intenzione di ridurre la tua autodeterminazione: tu puoi fare quello che vuoi.

      Ma se promuovi “altre cose” in questo blog, beh, sappi che mi viene naturale “discutere” con il tentativo di mettere in ribalta “un altro articolo”.
      Metterlo in questo palcoscenico, credo lo esponga automaticamente alle critiche, legittime critiche… anche se in effetti potremmo invece chiamarle: discussioni per confrontare “altre pratiche” con Scientology.

      Se tu invece non vuoi essere criticata quando affermi o promuovi “qualcos’altro”, beh, credo sia un pò dura…
      Perchè in fondo in fondo, pensaci, qui si sta “vendendo” (promuovendo) Scn; si discute anche di “altre cose”, ma credo sempre con l’intento di valutarle e confrontarle con Scn… cosi che alla fin fine avendo preso in considerazione altre cose “il dato Scn è stato valutato ancora una volta” e dunque compreso meglio.

      Tutto sommato è questo quello che veramente facciamo, a me piace fare per promuovere Scn, in questo nostro continuo scrivere e confrontarci: valutare il dato ancora una volta ed ancora una volta ed ancora ed ancora… fino ad EP.

      Saluti

      P.S. discuto e scrivo di queste cose, giusto perchè qui si scrive e discute e dunque semplicemente contribuisco a tenere in moto le chiacchiere su Scn e gli scientologist ed il Ponte ecc. ecc.
      Se non ci tenessi così tanto (ad un blog che parla bene di Scientology), non sarei molto interessato a “difendermi” dalle accuse di Calla.

      • calla

        Per Marco
        “Ora io non so perchè tu reagisca cosi tanto a questa mia tendenza a promuovere e diffendere Scn ed LRH!?”
        Come al solito cerchi di farmi passare per quella che è contraria a Scn … niente di più sbagliato e fai bene a promuovere Scn e a difenderla … ma da chi la stai difendendo ? Nessuno qui ha detto che qualche “pratica diversa è migliore “ a Scn, me compresa, quindi non c’è bisogno di difenderla perché lo fai solo tu gli altri non ne vedono la necessità.

        “Visto che siamo in un blog di Scn e di scientologist dichiarati e anche un pò fanatici (scherzo, quelli sono nella Cof$), la tua veemenza nei miei confronti è un pò strana e non fa senso… io infatti credo ci sia un’altra spiegazione, che non espongo perchè non di grande interesse.”
        Qual è quest’altra spiegazione ? siamo qui per chiarirci , quindi dimmi.

        “Ti propongo un gioco: per favore, se te la senti, spiega meglio quel’è il tuo pensiero riguardo alle tecniche filosofiche di Scn.”
        Già fatto più e più volte.

        “Io credo di essere già più che mai un dichiarato: sono un super fan di Scn e di LRH, per cui il mio pensiero lo conosci già molto bene.
        Ma per ribadirlo meglio:
        “-Io voglio continuare il Ponte fino a dove arriva.” ( mi sembra strano che un fan di Scn dopo 30 anni non abbia ancora fatto il ponte …c’è gente che pur di andare in session ha fatto debiti su debiti – voglio solo capire)
        “-Non voglio fare “altre pratiche” (Nessuno ti chiede di farle visto che tu hai avuto la possibilità di fare il ponte…ma non puoi impedire ad altri di parlerne –solo parlarne come esperienza..è questione di comunicazione )
        “-Nonostante la mia traumatica esperienza nella Cof$, io promuovo Scn ai miei amici.”( soprattutto ora fai benissimo)
        “-Uso Scn nella vita, nel lavoro, nel senso filosofico: “come è meglio comportarsi nella vita”; con i limiti di conoscenza e con i limiti delle “reazioni ed emozioni umane” che ancora non ho maneggiato.” ( forse è meglio che le maneggi perché le tue reazioni e comunicazioni e toni sono da SP, anche se tu scrivi :- . Perchè credimi: io non sono un soppressivo (lo posso dire perchè l’ho dimostrato a me stesso più e più volte)… “
        Ciao e ….come dice Ron ( grazie Marisa)… Fra l’altro puoi avere ragione permettendo agli altri
        di avere ragione quanto basta da potersi permettere di
        cambiare le proprie opinioni.

        • Marco

          Che strane situazioni si presentano alle volte nei blog…

          Quello che posso dire al riguardo di questa signora è che… non ho più niente da dire.

          Anche perchè non ho capito molto bene cosa alla fin fine ha voluto comunicare, non è che scrive cosi bene da farsi capire con concetti che stiano insieme…
          Quello che noto (più che leggere) è un bel muchietto di copia/incolla fatti male… che alla fin fine hanno lo scopo di mettere insieme solo semplici e sconclusionati insulti.

          Ma una riflessione la dico di questo mezzo/sistema di comunicazione (blog), e cioè che adesso ho fatto questa strana esperienza, una persona con molto rancore, che trovo abbastanza impossibile da gestire.

          Continuare a scrive per farsi comprendere è abbastanza inutile, ed a questo punto una perdita di tempo, visto che la persona è partita per la tangente e non so gestirla.
          Adesso ho anche la preoccupazione che questa signora ogni 2×3 abbia da ridirmi contro costantemente…

          Dunque pur di non aver più a che fare con questa che continua ad insultare (tra le tante che ha detto, mi è balzata questa cosa che dice di me …le tue reazioni e comunicazioni e toni sono da SP… pensa te? Nemmeno la Cof$ mi ha mai detto una cosa del genere. Ma nel passato lo ha detto anche di altri “condomini”, solo che adesso non se lo ricorda), e nel tentativo di non diventare scurile e apostofrativo (saprei bene cosa dire alla signora, ma non è questo il corretto “mezzo comunicativo”), e se ha nessuno viene in mente un’idea per queste situazioni, beh, non mi sforzo più di spiegare, nel tentativo di risolvere.

          Nemmeno un mio grande amico esperto di comunicazione, sa cosa fare al riguardo di questa situazione.

          Ma non è una delusione cosi bruciante, è infatti risaputo che nel web, spesso se uno ti prende di mira anche con grandi quantità di scrittura non si riesce proprio a farsi percepire.

          Dunque… non si sforzi la signora di scrivere altri insulti, di sicuro non mi prederò la briga di rispondere più alcun che.
          Amen.

  30. Puo’ essere utile vedere cosa dice Ron a proposito del torto e della ragione. Da specialista di etica mi sento di consigliarne la lettura ai nostri amici del blog.
    Marisa

    HUBBARD COMMUNICATIONS OFFICE
    Saint Hill Manor, East Grinstead, Sussex
    HCO BULLETIN DEL 22 LUGLIO 1963
    MA
    Franchise
    BPI
    TU PUOI AVERE RAGIONE

    Ragione o torto formano una fonte comune di dispute e
    conflitti.
    Il concetto di ragione si estende molto in alto e
    molto in basso sulla scala del tono.
    E lo sforzo di aver ragione è l’ultimo sforzo
    cosciente di un individuo che sta per soccombere. Io-horagione-e-loro-hanno-torto,
    è il concetto più basso che
    può essere formulato da un caso inconsapevole.
    Cosa sia giusto o cosa sia sbagliato, non sono
    concetti necessariamente definibili universalmente per
    tutti. Variano a seconda dei codici morali e delle
    discipline esistenti e, prima di Scientology, nonostante
    venissero usati a livello legale come un test di “sanità
    mentale”, non si reggevano su niente di concreto, ma solo
    su opinioni.
    In Dianetics e in Scientology è stata trovata una
    definizione più precisa. E questa definizione è diventata
    anche la vera definizione di un atto overt. Un atto overt
    non è semplicemente danneggiare qualcuno o qualcosa: un
    atto overt è un atto di omissione o commissione che fa il
    minor bene per il minor numero di dinamiche o il maggior
    danno per il maggior numero di dinamiche. (Vedi le Otto
    dinamiche.)
    Perciò un’azione sbagliata è sbagliata nella misura
    in cui danneggia il maggior numero di dinamiche. E
    un’azione giusta è giusta nella misura in cui beneficia
    il maggior numero di dinamiche.
    Molte persone pensano che un overt sia un overt
    semplicemente perché è distruttivo. Per loro tutte le
    azioni o omissioni distruttive sono overt. Questo non è
    vero. Perché un atto di Omissione o Commissione sia un
    atto overt, deve danneggiare il maggior numero di
    dinamiche. Una mancata distruzione può essere, perciò, un
    atto overt. Anche dare aiuto a qualcosa che danneggia il
    maggior numero di dinamiche, è un atto overt.
    Un atto overt è qualche cosa che in generale
    danneggia, un atto benefico è invece qualche cosa che in
    generale aiuta. Può essere un atto benefico il fatto di
    colpire qualche cosa che potrebbe danneggiare il maggior
    numero di dinamiche.
    Danneggiare tutto e similmente aiutare tutto possono
    essere degli atti overt. Aiutare certe cose e similmente
    danneggiare certe cose possono essere degli atti
    benefici.
    L’idea di non danneggiare niente e di aiutare tutto
    sono ugualmente piuttosto pazze. È dubbio che sarebbe
    un’azione benefica, se ti venisse da pensare di aiutare
    gli schiavisti, ed è ugualmente dubbio che si possa
    considerare un atto Overt la distruzione di una malattia
    In materia di aver torto e di aver ragione, possono
    svilupparsi un mucchio di pensieri confusi. Non c’è un
    giusto assoluto o uno sbagliato assoluto. E l’aver
    ragione non consiste solo nel non essere disposti a
    danneggiare, e l’aver torto non consiste solo nel
    danneggiare.
    C’è un fattore irrazionale sull'”aver ragione” che
    non solo fa cadere la validità del test legale sulla
    sanità mentale, ma spiega anche perché alcune persone
    fanno cose sbagliatissime e insistono a dire che stan
    facendo bene.
    La risposta giace in un impulso, innato in chiunque,
    di cercare di aver ragione. Questo impulso insistente si
    separa rapidamente dagli atti benefici ed è accompagnato
    così da uno sforzo di mettere gli altri nel torto, come
    vediamo nei casi ipercritici. Un essere che è
    evidentemente incosciente, ha ancora ragione e dà torto
    agli altri. È l’ultima forma di critica.
    Abbiamo visto una “persona sulle difensive” spiegare
    diffusamente i più flagranti sbagli. Questa è anche la
    “giustificazione”. La maggioranza delle spiegazioni della
    propria condotta, indipendentemente da quanto siano
    stiracchiate, sembrano perfettamente giuste alla persona
    che le fa, poiché la persona sta solo sostenendo la
    propria ragione e l’altrui torto.
    Abbiamo detto già da molto tempo che ciò che non
    viene ammirato tende a persistere. Se nessuno ammira una
    persona per il fatto che ha ragione, allora quel “modo di
    aver ragione” di quella persona persisterà, per quanto
    pazzesco esso possa sembrare. Quegli scienziati che sono
    aberrati sembra non riescano a trovare molte teorie. Non
    ci riescono perché sono maggiormente interessati ad
    insistere sulle loro bizzarre ragioni, di quanto non lo
    siano a trovare la verità. Perciò otteniamo strane verità
    scientifiche” da uomini che dovrebbero sapere come stanno
    le cose, incluso l’ultimo Einstein. La verità è
    costituita da coloro che hanno la larghezza di vedute e
    l’equilibrio per vedere anche dove hanno torto.
    Avrai sentito tra la gente delle discussioni
    completamente assurde. Renditi conto che l’oratore era
    più interessato ad affermare la propria ragione che non
    all’aver ragione.
    Un thetan cerca di aver ragione e lotta per non aver
    torto. Questo indipendentemente dall’avere ragione su
    qualcosa o dal fare veramente cose giuste. È
    un’insistenza che non ha alcun rapporto con la giustezza
    della condotta.
    Uno cerca sempre di aver ragione fino all’ultima
    scintilla di vita.
    Com’è allora che uno ha torto?
    Avviene in questo modo:
    Uno fa un’azione sbagliata, accidentalmente per una
    svista. L’erroneità dell’azione o dell’inazione viene
    allora a trovarsi in conflitto con la propria necessità
    di avere ragione. Così può succedere che la persona
    continui a ripetere l’azione sbagliata, per dimostrare
    che è giusta.
    Questo è uno dei fondamenti dell’aberrazione. Tutte
    le azioni sbagliate sono il risultato di un errore seguito
    dall’insistere di aver avuto ragione. Invece di
    correggere l’errore (cosa che implicherebbe l’aver
    torto), si insiste a dire che l’errore era un’azione
    giusta, e così lo si ripete.
    Man mano che un essere si degrada, diventa sempre più
    difficile per lui ammettere di aver avuto torto. Anzi,
    tale ammissione potrebbe risultare disastrosa per
    qualunque capacità o sanità mentale che gli è rimasta.
    Questo perché l’aver ragione è la materia di cui è
    fatta la sopravvivenza, e quando ci si avvicina
    all’ultimo barlume di sopravvivenza, si può insistere
    solo sull’aver avuto ragione, poiché credere per un
    momento di avere avuto torto equivale ad andare in cerca
    dell’oblio.
    L’ultima difesa di qualunque essere è: “Io avevo
    ragione”. Questo vale per chiunque. Quando questa difesa
    crolla, le luci si spengono.
    Ci troviamo così di fronte alla spiacevole situazione
    di persone che asseriscono di aver ragione a dispetto del
    flagrante torto, e qualunque successo nel far realizzare
    all’essere che aveva torto, risulterà in una immediata
    degradazione, incoscienza, o, nei migliori dei casi, in
    una perdita di personalità. Pavlov, Freud, come pure la
    psichiatria non compresero mai la delicatezza di questi
    fatti, e così valutarono e punirono i criminali e i
    malati di mente, spingendoli ancora di più nella
    criminalità e nella pazzia.
    Tutta la giustizia odierna contiene in sé questo
    errore nascosto:
    che l’ultima difesa è il credere di avere ragione,
    indipendentemente dalle accuse come pure dalle prove, e
    che lo sforzo di dar torto ad un altro risulta solo in
    degradazione.
    Ma tutto ciò sarebbe una situazione senza via
    d’uscita che porterebbe a condizioni sociali altamente
    caotiche, se non fosse per un fatto che ci salva.
    Tutti gli sbagli ripetuti ed “incurabili” derivano da
    un’applicazione dell’ultima difesa: “cercare di avere
    ragione”. Perciò lo sbaglio ossessivo può essere curato
    indipendentemente da quanto esso possa sembrare pazzesco
    o dal calore con cui si insiste sulla sua giustezza.
    Fare in modo che il colpevole ammetta il suo sbaglio
    equivale ad andare in cerca di ulteriore degradazione e
    persino incoscienza o la distruzione stessa dell’essere.
    Perciò lo scopo della punizione viene a cadere, e la
    punizione ottiene un’efficacia minima.
    Ma facendo in modo che il colpevole cessi di ripetere
    ossessivamente lo sbaglio, si può poi curare la cosa.
    Ma come?
    Riabilitando la capacità di avere ragione!
    Ciò ha applicazioni illimitate: nell’addestramento,
    nelle pubbliche relazioni, nel matrimonio, nella legge,
    nella vita.
    Esempio: Una moglie brucia sempre il pranzo.
    Nonostante rimproveri, minacce di divorzio; qualunque
    cosa, la compulsione continua. Si può cancellare questo
    essere nel torto chiedendole di spiegare cosa vada bene
    nel suo cucinare. Può darsi benissimo che ciò evochi una
    furibonda tirata in alcuni casi estremi, ma se si scarica
    la domanda, tutto ciò si spegne e la donna felicemente
    cesserà di bruciare pranzi. Anche se non completamente
    necessario per porre fine alla compulsione, si troverà e
    si ridimensionerà un momento del passato in cui la donna
    bruciò accidentalmente un pranzo e non seppe stare di
    fronte al fatto di aver fatto un’azione sbagliata. Per
    avere ragione, da allora in poi, dovette bruciare i
    pranzi.
    Vai in una prigione, trova un prigioniero sano di
    mente che dica di aver sbagliato. Non ne troverai uno.
    Solo i relitti umani diranno così per il terrore di
    essere danneggiati. Ma persino costoro non crederanno di
    aver sbagliato.
    Farebbe esitare un giudice seduto sul suo seggio a
    condannare i criminali, il realizzare che non uno dei
    malfattori condannati pensò veramente di aver sbagliato e
    in effetti non lo crederà mai, anche se potrà cercare di
    evitare l’indignazione, ammettendolo.
    I bacchettoni crollano continuamente su questo punto
    che sta all’origine delle loro sconfitte.
    Comunque il matrimonio, la legge e il crimine non
    costituiscono le sole sfere dell’esistenza in cui ciò si
    applica. Questi fatti abbracciano tutta la vita. Lo
    studente che non riesce ad imparare, il lavoratore che
    non riesce a lavorare, il capo che non riesce a comandare
    sono tutti prigionieri di un solo lato del binomio
    ragione/torto. Sono completamente unidirezionali. Sono
    nel giusto “fino all’ultimo respiro”. E opposti a loro,
    coloro che vorrebbero insegnar loro sono fissati
    sull’altro lato “ammetti-di-aver-torto”. E da questa
    situazione otteniamo, non solo nessun cambiamento, ma
    effettiva degradazione ove l’opposizione “vince”. Ma non
    ci sono vittorie in questo equilibrio, solo sconfitte per
    entrambi.
    I thetan in declino non credono di aver torto perché
    non osano crederlo. E così non cambiano.
    Più di un prechiaro nel processing cerca solo di
    dimostrare che lui ha ragione e che l’auditor ha torto,
    soprattutto i casi di livello inferiore, e così a volte
    otteniamo sedute in cui non vi è alcun cambiamento.
    E coloro che non vogliono affatto essere auditi sono
    totalmente fissati sull’asserire di aver ragione, e sono
    così prossimi alla fine che il mettere in discussione la
    loro passata giustezza, così pensano, li distruggerebbe.
    Ho la mia parte di ciò quando un essere, vicino
    all’estinzione, e le cui vedute sono a noi contrarie,
    afferra per un momento la. giustezza di Scientology, e
    poi con un’improvvisa difesa asserisce le proprie
    “ragioni”, a volte ai limiti del terrore.
    Sarebbe un grave errore lasciare che un denigratore
    di Scientology continui a denigrarla. La strada giusta è
    quella di fargli spiegare quanto lui sia nel giusto,
    senza spiegare quanto sbagliata sia Scientology; poiché
    lasciargli fare quest’ultima cosa è lasciargli commettere
    un grave overt. “Cosa è giusto riguardo alla tua mente”
    produrrà maggiori cambiamenti in un caso e procurerà più
    amici di qualunque quantitativo di valutazione o
    punizione che diano torto a quella persona.
    Tu puoi avere ragione. Come? Facendo spiegare ad un
    altro come lui abbia ragione, finché essendo ora meno
    sulle difensive, riesce ad assumere un punto di vista
    meno ossessivo. Non devi essere d’accordo con ciò che la
    persona pensa. Devi solo dare riconoscimento a ciò che
    dice. E improvvisamente potrà avere ragione.
    Si possono fare un mucchio di cose comprendendo e
    usando questo meccanismo. Ci vorrà, tuttavia, un certo
    studio di questo articolo prima di poterlo applicare con
    sicurezza, poiché tutti noi siamo reattivi, in una certa
    misura, su questo soggetto. E coloro che cercarono di
    renderci schiavi non trascurarono di installare una
    coppia di voci ragione/torto sulla traccia remota. Ma
    queste in realtà non vi ostacoleranno.
    Come Scientologi noi ci troviamo davanti a una
    società impaurita che pensa che avrebbe torto, se si
    scoprisse che noi abbiamo ragione. Ci serve un’arma per
    correggere ciò. Ne abbiamo una qui.
    Tu puoi avere ragione, sai. Probabilmente sono stato
    il primo a credere che tu ce l’avessi, meccanismo o non
    meccanismo. La strada che porta al “giusto” è la strada
    che porta alla sopravvivenza. Ogni persona si trova da
    qualche parte su questa scala.
    Fra l’altro puoi avere ragione permettendo agli altri
    di avere ragione quanto basta da potersi permettere di
    cambiare le proprie opinioni. Poi molti altri di noi
    arriveranno.
    L. RON HUBBARD
    FONDATORE

  31. Diatribe o Diabetiche è lo stesso .Comunque grazie Paolo per la profondità del tuo pensiero .Lo userò come spunto meditativo .

  32. Se un malvivente ti entra in casa come fai a stabilire quale è il maggior bene ecc ecc. Ci sono situazioni in cui prima agisci e poi pensi.Non penso che si possano fare ragionamenti in certe situazioni .E’ un bel dire sulla carta, ma nella realtà è un po più complesso.Magari il malvivente è padre di 10 figli ,dipendono da lui 4 nonni moglie invalida ecc ecc. In teoria perfetta,in realtà un miliardo di sfaccettature. Dai tiriamoci su con un buon caffè.Buongiorno Marisa.

    • Marco

      Oggi sono a casa con un pò di influenza.. e dunque “mi diverto” a scrivere commenti… anche se so che spesso è rischioso… 😉

      Hai ragione Luciano, in effetti “…è un bel dire sulla carta, ma nella realtà è un pò più complesso.”

      Detta in altro modo: “tra il dire ed il fare, c’è di mezzo il mare”.

      Ma è anche vero che “è meglio parlarne che non parlarne”;
      che “è meglio sapere che non sapere”.
      Ed anche che “la mente pone e risolve problemi”, ovvero che: se non poni il problema, nemmeno lo risolvi mai…

      Se non poni problema… finisce che non si osserva più che in effetti ci sono problemi e/o rovine da risolvere:
      A -“a me va tutto bene, non ho nulla da risolvere”.
      B -“a si, è così? Ma come sarebbe…tu sei qui… in un corpo di carne!?
      A -“Come sono in un corpo di carne…? Io sono un corpo di carne!”
      Amen.
      N.B. non mi sto riferendo a nessuno! E’ solo una macchietta che mi è venuta in mente…

      Se un malvivente ti entra in casa…!? E’ vero: “non si ha il tempo di fare tanti ragionamenti…”.

      Beh, la reazione può essere di 2 tipi: o è una “reazione, ed emozione, umana”, ed è comprensibile. O potrebbe essere che una persona sta più “di fronte” e riesce a prendere delle decisioni più analitiche.

      Cmq sia, difendersi in questi frangenti è umano e lecito… perchè essere aggrediti è sempre un’azione criminale causata da qualcun’altro, che invece la pensata a freddo (premeditata).

      E dunque cos’è meglio?
      Dice LRH ” Molte persone pensano che un overt sia un overt semplicemente perché è distruttivo. Per loro tutte le azioni, o omissioni, distruttive sono overt.
      Questo non è vero.

      Perché un atto, di Omissione o Commissione, sia un atto overt, deve danneggiare il maggior numero di dinamiche.

      Una mancata distruzione può essere perciò un atto overt.”

      Nella fattispecie, difendere me stesso e le mie immediate dinamiche è prioritario (dunque corretto difendersi)… perchè nel momento che io mancassi per essere stato sparato… beh, cosa c’è di maggiormente dannoso in questa situazione? Ha torto l’aggressore, criminale, o l’aggredito, onesto cittadino?

      Poi analizzando la reazione umana, si può capire se la reazione era onesta e corretta o eccessiva. Se l’aggredito spara e fa fuggire i malviventi e/ma poi l’aggredito rincorre i malviventi che fuggono e gli spara alle spalle (mentre fuggono)… beh, si può ben capire che in quel caso l’aggredito si è fatto aggressore, si è fatto giustiziere… e questo è stato stabilito essere contro la legge e/o la morale e/o l’etica e dunque è scorretto.

      Dunque analizzare i fatti cruenti e criminali dopo che sono successi, per determinare i perchè ed i percome… non è una cosa scorretta. Questa analisi si chiama giustizia e/o diritto, e fa parte della civiltà.

      Assioma 38
      “Perciò, vediamo che il non scoprire la verità genera stupidità.
      Perciò, vediamo che la scoperta della verità, come dimostrato da effettivi esperimenti, provoca un’as-isness.”

    • Italo Alberti

      Luciano, vedo che hai sempre la tendenza a valorizzare la mente, non hai ancora capito che la mente, le valutazioni, i pensieri e i ragionamenti sono una perdita di tempo? Il Thetan SA. Ci sono situazioni che semplicemente richiedono di agire immediatamente senza tanti fronzoli mentali e se tu SEI LI’, sei consapevole ed agisci immediatamente con certezza. Un poliziotto italiano con la pistola puntata, non può sparare al malvivente non prima che quell’altro gli abbia sparato, allora che fa: prima si fa ammazzare e poi spara? No, il poliziotto in una sit del genere deve prendere la sua mente e darti un calcio, deve invece usare la propria consapevolezza innata, il suo conglomerato di conoscenza riacquisita, deve semplicemente ESSERE LI’ e quando sei lì, sai molto bene quello che stai facendo, hai una percezione molto elevata.

  33. Mister X

    Ciao a tutti. Mi ricordo di un nastro , ma non mettetemi a cercarlo , dove Ron citava questo scolaro che si lamentava della scuola Ma si era dimenticato che in una vita passata era stato il preside ( o simili ) e non aveva fatto niente per cambiare il suo operato . Ora siamo qui ed abbiamo armi molto precise . dobbiamo imparare ad usarle e diventare dei veri esperti . Il futuro dipende dall’uso corretto di quello che abbiamo e facciamo . A volte sbagliamo o usiamo un ” cannone al posto di ” un batuffolo di cotone” e perciò facciamo un bel danno MA possiamo sempre migliorare la nostra conoscenza rivedendo i nostri errori ed i materiali che li riguardano . Questo gruppo deve crescere ,rimanere unito ed operare al meglio . Anche se è composto di individui completamente diversi che non si conoscono personalmente è sempre un gruppo . e’ come un thetan : non ha massa ,lunghezza d’onda o posizione MA ha postulati ed opinioni . E’ qualcosa che non esiste ma esiste. Un saluto a tutti i condomini .

  34. Ciao Luciano, tu scrivi “ Se un malvivente ti entra in casa come fai a stabilire quale è il maggior bene ecc ecc. Ci sono situazioni in cui prima agisci e poi pensi.” Beh, e’ interessante notare che l’azione che tu intraprendi sara’ necessariamente determinata dal grado di sanita’ mentale che hai in quel momento ( che potrebbe essere variabile ) e da come funzionano i tuoi processi di pensiero. Probabilmente un Clear o un Pre-Ot avranno reazioni piu’ funzionali e non, appunto, reattive, non credi?
    Il fatto, poi, che “Magari il malvivente è padre di 10 figli ,dipendono da lui 4 nonni moglie invalida ecc ecc.”, tecnicamente sono Giusti-ficazioni che tendono, come dice la parola stessa, a mettere dalla parte del giusto le azioni fatte.
    In questo modo non si prendera’ MAI responsabilita’ della sua situazione e non potra’ migliorare la sua vita e quella della sua famiglia. La domanda e’: come mai e’ arrivato ad essere in quella indesiderata situazione?

    Un Auditor di Scientology, nel verificare un Overt in session, al fine di scaricarlo chiede al pc:” In che modo lo hai giustificato? “ Non tanto per avere delle armi di ricatto contro di lui ( uso perverso dell’etica stile Chiesa di Scientology ) ma per far si che il pc abbia delle realizzazioni e diventi una persona migliore.
    E’ semplice cosi’
    Ma la tecnologia bisogna studiarla e soprattutto capirla.
    Guido

    • Marco

      Ottimo Guido, sono d’accordo <i<"Ma la tecnologia bisogna studiarla e soprattutto capirla. "

      Questa tua affermazione mi fa venire in mente un interessante scritto di LRH…

      Non è riferito a nessuno, è solo una cosa che mi pare interessante e su cui io sono d’accordo.

      SCN 8-8008
      VINCERE – PERDERE

      “È degno di nota che, man mano che il preclear sale la Scala del Tono, il suo desiderio di vincere aumenta.

      L’Homo sapiens ha ben poca familiarità con una vera competenza.

      C’è un livello straordinario di vittoria al di sopra di 4,0 dove la competenza diventa una gioia simile alla poesia.

      Il rimorso riguardo alla competenza si verifica quando un individuo ha utilizzato la competenza per ledere drasticamente un altro essere.

      Il duellante comincia con gioia nella sua competenza nel maneggiare una spada; ma in breve, a causa della contro-emozione che riceve dal praticare quest’arma, comincia a concepisce disgusto per la sua competenza.
      In una vita successiva si porterà dietro questa cosa, per metterla in ultimo in tutto quello che fa. E avrà talmente timore di utilizzare la sua competenza, per timore di ledere, che non oserà praticare competenza neppure nelle cose più piccole. E, non praticando competenza, introdurrà così una condizione di perdere, a danno suo e di altri.

      Un uomo che istintivamente si ritrae dalla competenza e dalla perfezione al volante di un’automobile, qualche volta causerà un incidente, piuttosto che evitarne uno se per evitarlo fosse richiesta una competenza di qualità superiore.

      Per vincere si deve voler vincere.
      Quando non si desidera più vincere, significa che non si desidera più vivere.”

  35. Puoi studiare e capire tutta la tecnologia che vuoi ma fin che non fai l’esperienza di una pistola puntata contro non sai come reagirai. Io personalmente l’ho provato, nel lontano 1985 i miei calzoni puzzano ancora . Forse non ero clear o ot 8 ma ti assicuro che le gambe si muovevano da sole e urlavo con tutto il fiato che avevo in gola ,questo gesto istintivo mi a salvato ma nessuna razionalità ,fin dopo che mi cambiai i calzoni. La teoria è bella la pratica è un altra cosa ciao. Almeno questo è quello che penso.

    • Luciano,
      che c’azzecca?

    • Italo Alberti

      Luciano, vedo che quel tipo non ti ha ammazzato, ti puntato la pistola. Evidentemente voleva farti fare qualcosa, di sicuro non voleva ammazzarti. Che fare? Usa il TR4 e maneggiagli l’originazione, in pratica se non vuoi che si restimoli ancora di più fa quello che ti dice.

      • LIBERO

        C è una storia di Ron, una sera era con il suo autista ed stato minacciato con la pistola da un tipo x strada … il tizio era pagato per ucciderlo. Ron ha reagito buttandosi addosso e disarmandolo. Un altra storia di quando era giovane e un tipo sconosciuto in un bar voleva ucciderlo con una pistola e lui l ha maneggiato facendogli capire che era un amico.

  36. billy cage

    Caro Luciano, non credo che tu te ne staresti con le mani in mano se ti graffiassero la carrozzeria della macchina, come minimo richiederesti i danni ma non sono sicuro che lo faresti in modo tranquillo.
    Chiunque si senta danneggiato reagisce per il semplice impulso alla sopravvivenza ( ti dice niente?) d’accordo che qualcuno può esagerare ma se il malvivente entra di notte in una casa direi proprio che se la è andata a cercare. Le reazioni sono equamente ben distribuite tra wog e scientologist non è questione di conoscere la tech, in certe situazioni siamo umani e basta.
    Aggiungerei però che comunque ripongo maggiore fiducia in chi si è applicato sul lavoro di Ron e bollettino dopo bollettino magari vede e vive le cose da un punto un po’ più in alto.
    Perché sai, Scientology è una bella faticaccia e chi persevera nei propri sforzi è perché ci ha visto qualcosa di vitale e irrinunciabile per cui o ti allinei su questa visione oppure vai a ballare perché è sabato sera.
    Io ci sto andando pur essendo allineato……….

  37. Bisogna sempre assumersi le responsabilità delle proprie azioni . Sarà il futuro che stabilirà se ciò che si è fatto è corretto. Aver paura di perdere la macchina ti porterà ad avere un punto debole . Ritenere i facsimili importanti ha portato altri esseri a fregarci. Noi possediamo e siamo libertà e qualità,non siamo mest . Dare troppa importanza al mest invalida il thetan. Il ladro, il criminale ecc. si trovano su un lato di un GPM e sono su un gioco di cui sono effetto. Se siamo troppo attaccati al Mest è come che stiamo dicendo :” E’ il solo Mest che possiediamo e siccome non siamo abile nel produrne altro lo dovremmo proteggere a tutti i costi e se qualcuno cerca di portarcelo via lo ammazziamo”. Se è vero che abbiamo vissuto prima allora è possibile che oltre che RE siamo stati CRIMINALI e penso che lo scientologist si sia stancato di questo gioco e voglia farne uno migliore . Per migliorare il mondo partiamo da noi stessi senza dimenticarci che dobbiamo aiutare anche il nostro prossimo.

  38. Marco

    Beh Luciano, quello che racconti ti è successo (rapina a mano armata) è comprensibile ed in effetti certe reazioni sono automatiche (e in quei momenti incontrollabili).
    Anche a me è capitato un grosso furto in casa (ormai oltre 20 anni fa), e dunque capisco cosa si prova…

    Ma, riguardo cosa avrebbe fatto/provato uno scientologo avanzato…!? Questo è il tuo argomento, vero?
    Pensi/dici che quando succedono queste cose (dove c’è necessità di reagire velocemente senza stare a pensare troppo), sei certo che la reazione sarebbe comunque simile per chiunque… “non c’è tempo di pensare!”

    Io sono certo invece che una persona che ha studiato e ha fatto auditing (fino ad un risultato consolidato), ovvero che si è addestrata, abbia per forza modificato anche le sue reazioni automatiche veloci (anche di fronte ad un pericolo improvviso).

    La prova ne è il fatto che chi si addestra (per esempio vigili del fuoco, poliziotti, soccorritori, ecc. ecc.) lo fa proprio per essere pronto nelle più disparate situazioni di pericolo improvviso.
    Non mi dilungo oltre, immagino si possa capire facilmente…

    Interessante capire cosa è cambiato in queste persone addestrate?
    Hanno modificato le loro reazioni automatiche ed “istintive”.
    Questo è facile da capire per un vigile del fuoco addestrato!?
    E perchè no per un Ot?

    Un vero Ot (che è stato un auditor, ovvero una persona addestrate a star di fronte) è una persona competente che di sicuro a modificato le sue proprie reazioni automatiche.

    Un Ot in una situazione tipo la tua (rapina a mano armata), di sicuro avrebbe reagito diversamente, come lo avrebbe fatto un poliziotto rapinato in casa…

    Le reazioni automatiche sono quelle che nell’auditing vengono viste (cioè portate a livello consapevole); e/o rimosse (per esempio quelle presente negli engram); o modificate (per esempio i facsimili di servizio, computi/postulati pensati e sepolti in un pensiero/reazione automatica).

    Ma queste reazioni automatiche vengono anche modificate dall’addestramento e dalla competenza (dunque anche solo studio e allenamento).

    Inoltre il miglioramento delle proprie reazioni si può ottenere anche “solo” dando meno importanza ai propri istinti: pian piano si può mettere a tacere gli istinti e le reazioni, ovvero mettere l’intelletto sopra alle reazioni (come, un esempio banale, succede all’inizio della vita sessuale: li con razzionalità ed intyelligenza si comincia a tenere bada l’entità genetica, che invece vorrebbe toccare tutte/tutti le persone di sesso opposto 😉 .

    Pian piano dopo molto controllo, una persona, senza più far fatica, va al di sopra “degli istinti”.

    Insomma di sicuro si può migliorare le proprie reazioni instintive, inconsce e/o automatiche in molti modi.

    E ci mancherebbe!!! Altrimenti cosa stiamo a faticare per un miglioramento personale (che comprende il miglioramento degli instinti e delle reazioni)!?

    • A real OT has no thought, since thinking is only done by humans.
      A real OT dont have reactions. and moist of al a real OT would not get into such a mass because a real OT dont pull in harmful incidents.
      By any being who has reached the level of real OT by than all connections to such a incidents would be as-ised therefore in the life of a real OT harmful-negative incidents dont happen.
      Training will not make any one a real OT because training do not as-is mental mass -thinking-considerations-beliefs-agreements and to attain the real state of OT the Entity must as is all what has been learned since learned material is secondhand- many times altered therefore not true.
      Silvia Kusada simply called the thinking =thoughts=lies.
      A real OT will not come back to this planet after attaining the state here and dropping the useless body because a real OT will not need a body in order to have a life which is only believed by humans that what they are sitting in is life.
      But what is a real OT what that Entity can do will be only known to the Entity-OT after let say 100.000 hours is sessions as-ising part of the MEST beliefs because it takes lot to get out of the burden of Human beliefs.
      When the Human beliefs-realities are as-sed which while the person seats in dont allow to see a bigger picture wont.
      Even than amount of auditing is only a start in understanding what this Universe is about and what kind of traps Humans are sitting in.
      And I know this because I have done this, I speak from experience.
      Elizabeth Hamre

  39. Mister X

    Nastro del 23 marzo 1953 Intitolato:” Che cosa non va nel preclear e come vi si può porre rimedio ” ” Ciò che temete,l’attirate a voi. Perché? Perché tutto ciò che dovete fare è essere quella cosa e non sarete più …non sarà più possibile per quella cosa farvi del male o persino essere cattiva.Tutto ciò che dovete fare è essere quella cosa. Invece qualcuno dice: ” allontanate di corsa ” . Quella è una nuova idea. Abbandonarla. Non appena ve ne allontanate di corsa , se la cosa contiene dei punti di ancoraggio che vi appartengono, naturalmente tirate anche quelli con voi e ciò fa crollare il terminale su di di voi facendovi diventare qualcosa di . Guarda ,guarda che bel trucchetto.cattivo”. Naturalmente per avere una panoramica più ampia bisognerebbe leggere o ascoltare tutto il nastro :

    • Marisa

      Mister X sono completamente in sintonia con quello che hai scritto, questo ha molto a che fare con l’abilità di un thetan di essere ciò che vuole, o che desidera. Certo che si deve allenare parecchio e molto deve confrontare per essere in grado di superare gli ostacoli e le trappole, le abilità sono innate nell’essere , la tech ci aiuta a ripristinarle come capacità, e qualche volta include rieducarci al confronto, allo stare di fronte al male, o a quella parte del nostro bank che ancora deve essere maneggiata, tenendo conto che ad alcuni il miglioramento fa ancora paura, non basta la teoria o “leggere”, c’è bisogno di “fare” o se preferite doingness. Possiamo continuare per eoni a parlarne, ma la domanda corretta è: ok cosa stai facendo?
      Marisa

    • Mister X ‘ Nastro del 23 marzo 1953 Intitolato:” Che cosa non va nel preclear e come vi si può porre rimedio ” ” Ciò che temete,l’attirate a voi. Perché? Perché tutto ciò che dovete fare è essere quella cosa e non sarete più …non sarà più possibile per quella cosa farvi del male o persino essere cattiva. ‘ Ron accenna in modo chiaro a qualcosa di molto profondo incistato nel thetan dinamica ( dicotomia) che lo chiude nella trappola mest, questa azione farà da base a quelle che seguiranno ed è contro la sua sopravvivenza.
      poi ‘ Non appena ve ne allontanate di corsa , se la cosa contiene dei punti di ancoraggio che vi appartengono, naturalmente tirate anche quelli con voi e ciò fa crollare il terminale su di di voi facendovi diventare qualcosa di.’
      Torno all’ es. di Luciano, l’ uomo che punta la pistola sarà un look e una restimolazione su un altro episodio in una catena di episodi simili e ci sarà anche un primo episodio dove il thetan ha fatto il primo atto ( dicotomia) dove ha messo lì quello che non voleva essere, e questo non ricorda qualcosa ? Concordo con Marisa, che cosa stai facendo ? Beh io rispondo che il Ponte può darti una mano.

  40. Italo Alberti

    Riguardo a questo capitolo 15, posso dire che le opinioni discordanti che arrivano da eminenti esterni, derivano principalmente da “mancanza di risultati” Uno per quanto possa essere di opinione diversa non può rinnegare ciò che vede, vedi l’esempio di Cristo che alla fine riconvertì tutti.
    Scientology ha la pecca delle STATS. Spesso e volentieri si è dell’idea che un problema del pc possa essere risolto “nel gradino successivo”, niente di più sbagliato. Se il pc è su un gradino del ponte e gli è reale una cosa da risolvere, non si deve smuovere da quel gradino fin quando non è soddisfatto della soluzione a quel problema, che può anche comportare un programma di riparazione. Non, “Verrà risolto più avanti sui livelli OT.” ADESSO il pc ha il problema? ADESSO va risolto.
    Il risultato di C/Sing a casaccio è un pc che fa finta di aver ottenuto risultati ma che in realtà viene audito continuamente sui livelli successivi senza aver mai realmente completato i livelli inferiori. Esistono molti OT che lo sono solo sul certificato; a parte le direttive squirrel ed invalidanti di RTC, uno dovrebbe veramente porsi delle domande: “Ma sono davvero OT?” “Ho raggiunto davvero gli E/P o ho attestato perché ho avuto il C/s ok?”
    Queste cose vengono viste dagli esterni e formano opinioni diverse. Addirittura leggo che Scientology viene promossa come una scienza, allora perché si spinge per farla riconoscere come una religione? Semplice: perché non si pagano le tasse, milioni di dollari risparmiati ogni anno (per poi dare solo qualche dollaro alla settimana di aumento allo staff).

    Questa confusione mentale viene recepita dalle persone. Se esistono risultati, questi verranno visti anche dai più scettici.

    • Libero

      Italo non sono i livelli OT dall’ OT I all’ OT VII. Poi uno se si sgancia abilità OT sui gradi o sui pre OT ben venga ma no credo che questo sgancio sia da positivo perche gli può dare problemi di out-int.

  41. Spero di non essere bannato ma devo rispondere se possibile a settore 9
    visto che lui banna .Non ho mai conosciuto ( dagli scritti che lui propone )un mena gramo più titolato (all’ennesima potenza ).Porca la miserie non va bene nulla per questo ragazzo è mai possibile? Ragazzo i mostri ed i complotti forse ci sono ma non ti sembra di essere esagerato,datti una calmata .Psicologicamente saresti un soggetto da analisi (turbamenti relazionali , Parossismo eventistico ,turbe dello sviluppo, o più semplicemente caduta dal seggiolone). Sarò sfigato, ma tutta sta brutta gente che tu vedi io non la vedo,anzi molte belle persone ,caritatevoli e disposte ad aiutare senza tornaconto.Esci la sera, divertiti la vita dura poco ti ritroverai vecchio rinsecchito acido e pieno di rancore perchè nulla si sarà avverato di quanto tu profetizzavi e senza amici nemmeno per una briscola.
    Ti voglio dimostrare di quanto non siano veritieri i discorsi che proponi nel blog,continui nel sostenere che il ponte è completo ( dunque chi è giunto alla fine del ponte credo abbia capacità illimitate o no? ) ,dunque perchè questi eccelsi non possono tramite la chiaroveggenza vedere cosa è successo realmente a Ron.E’ un piccolo assaggio chiedi loro ( agli Svizzeri )di dire come sono andate le cose ( buio totale ) ma non sono telepatici ,perchè non entrano nelle menti di chi sa (qualcuno certamente sa ) non penso Ron sia morto e bruciato da solo. Non sono in grado tutto qui.
    Non entro nella tecnologia del ponte ( non nè sono all’altezza ) ma ti giuro che stai tirando in piedi un puttanaio ( pensa a chi si avvicina per le prime volte ) solo confusione e poche certezze. Scientology l’unica salvezza ma che cosa ne sai di quello che sta facendo altra gente e delle loro qualità e capacità (Magari non vanno da Bruno .V. Visto che questi Svizzeri sono molto etici,( qualità di fine ponte almeno spero ) perchè non usano i loro poteri per pulire ed eticizare le banche Svizzere che raccolgono i soldi sporchi e marci del pianeta. Dunque solo propaganda nessuna capacità.
    Ora per Marco non ti attacco ,ma Luigi te la detto sei un po zuccone ( mi costa essere d’accordo con Luigi ) vai per la tua strada e stai sereno .

    • Luciano, questa volta il tuo commento lo passo io.
      Hai fatto sbudellare dalle risate me e Marisa!
      Quando scrivi di tuo, senza fare copia/incolla a volte c’azzecchi!
      Tanti auguri di Buone Feste.
      Guido

    • Marco

      Ora per Marco non ti attacco ,ma Luigi te la detto sei un po zuccone ( mi costa essere d’accordo con Luigi ) vai per la tua strada e stai sereno . Mah!?!?

      Credo Luciano tu deva circostanziare meglio le tue “valutazioni negative su un soggetto”…
      Altrimenti potrei dire anch’io la stessa cosa di te: – Luciano non ti attacco (chissà cosa devi attaccare poi?), ma tu per me sei un pò zuccone, no, scusa mi sbaglio, per me sei molto zuccone.
      Stai sereno pure tu.

  42. Grazie,contraccambio gli auguri

  43. Marco ho fatto la terza media due volte ero innamorato della prof di matematica (minigonne ,occhi azzurri bionda uno sballo ) ho studiato poco dunque scrivo male. Volevo solo dirti che continuando a dibattere con il menagramo alla fine ti troverai menagrammato pure tu. Scusa se mi sono permesso ( non volevo invalidarti ) ma quella è la strada che alla fine crea solo confusione . Con questa storia del valutare o invalidare è ancora possibile dare un parere ad una persona oppure no ? Più di una volta ho trovato soluzioni parlando e accettando i pareri altrui . Spero che ora sia stato più chiaro

  44. paolo facchinetti

    Da Excalibur Revisited di Geoffrey Filbert:
    (se qualcuno ha voglia o tempo per tradurre trovo che sia un insegnamento da tenere in considerazione)
    .Living in harmony with other people and within various universes is basically the activity of
    allowing others the right to their own illusions and deceptions.
    If they want to consider that you are a nut, freak, con-artist, unflat-drug addict, or
    megalomaniac, or whatever, it is not only another person’ right, it is essentially a remark about
    what they think of themselves.
    You should always recognise other’s comments about you as such. It is in poor taste to get into a
    game with another over their supposed opinion of you. You should let everyone continue to
    consider as they wish about their own heaven or hell, as the case may be, and live in harmony
    with them and their considerations. Many times if you go in to straighten someone else out, and
    they are most eager to be “the winner”, that the work you are doing is a set-up, and the game
    was “getting you”. This is clinically known as an “ulterior transaction”. Ulterior transactions are
    common. You get to live in harmony with them too. If someone asks you out to dinner, and the
    food is going to be you, and you don’t like that idea, just say no.

    • Marco

      Ciao Paolo, non conosco bene l’inglese, ma è interessante quesllo che dice Filbert…
      Dunque, dimmi se questa è una buona traduzione?!

      “Vivere in armonia con gli altri e all’interno di vari universi, è fondamentalmente l’attività di permettere ad altri il diritto alle proprie illusioni e inganni.

      Se loro vogliono considerare che tu sei un matto, mostro, truffatore, tossicodipendente, o megalomane, o qualsiasi altra cosa, non è solo un’altra persona che dice il giusto, è invece essenzialmente un commento su cosa pensano di se stessi.

      Si dovrebbe sempre riconoscere le osservazioni su di te come tale.

      È di cattivo gusto entrare in un gioco con un altro, sopra la loro opinione presunta su di voi.

      Si dovrebbe lasciare che tutti continuano a considerare quel che vogliono riguardo il loro paradiso o l’inferno, a seconda dei casi potrebbe essere così, e vivere in armonia con loro e con le loro considerazioni.

      Molte volte se si va a correggere qualcun altro, e si è più ansiosi di essere “il vincitore”, il lavoro che stai facendo è un set-up, e il gioco è “raggiungere sè”.

      Questo è clinicamente noto come una “ulteriore transazione”.
      Ulteriori transazioni sono comuni.

      Si può arrivare a vivere in armonia con loro. Se qualcuno ti chiede di uscire a cena, e il cibo sta per essere tu stesso, e non ti piace l’idea, basta dire di no.”

      • LIBERO

        Scusatemi ma trovo questo scritto alquanto demenziale. Un non senso sui difetti… Perche indicare i propri difetti, di altri o della vita in generale? Perche dare tutta questa importanza sui difetti? Ma

        • Luigi Cosivi

          E’ un po come dire :” il criminale accusa gli altri dei propri crimini”. Nei S.C. se il PC racconta Overts di altri gli si chiede se lui ha fatto qualcosa di simile. Se non ho capito male, Paolo invita a non farsi molto coinvolgere in polemiche inutili e, purtroppo,ha ragione. Siamo qui a consolidare un movimento, possibilmente non di integralisti , ascoltiamo e commentiamo gli interventi propositivi che ci aiutano a migliorare sia i nostri rapporti che il servizio che diamo. Seppure con fastidio ascoltiamo interventi ipercritici ed anche Trolls, per quanto mi riguarda invito i miei PC a dire tutto ciò che pensano, di 10 cose originate una può essere buona, anche se le altre 9 son monate, li salva sempre la prima e seconda regola del codice dell’Auditor e, dopo una fullinmersion nell’ addirittura” non si può nemmeno pensare” della chiesetta, è già di per se terapeutico.

        • Marco

          Libero, credo in parte sia come dice Luigi “…accusa gli altri dei sui stessi crimini”; ma anche in questo scritto, credo il senso sia: “accusa gli altri di essere ciò che lui stesso pensa di se stesso”.

          Questa è la frase clou di Filbert “Se loro vogliono considerare che tu sei un matto, mostro, truffatore, tossicodipendente, o megalomane, o qualsiasi altra cosa, non è solo un’altra (una) persona che dice il giusto; è invece essenzialmente un commento su cosa (loro) pensano di se stessi.
          Si dovrebbe sempre riconoscere le osservazioni su di te come tali. “

          Ma alla fine Filbert consiglia di lasciar perdere, perchè È di cattivo gusto entrare in un gioco con un altro, sopra la loro opinione presunta su di voi.

          Paolo credo che con questo scritto di Filbert, stia facendo osservare che: non vale prendersi la briga di stare a discutere con chi ti critica aspramente. Semplicemente lascia perdere e vivi in armonia ugualmente.

          • paolo facchinetti

            Giusto!

          • Libero

            Capisco Marco, se uno mi truffa o mi raggira io lo considero come tale. Un truffatore. il perché si comporti così lo sappiamo ma questo non toglie il fatto che in quel momento lui mi ha fregato e che non sono io il truffatore.. Cmq la cosa cambia quando il tipo truffatore o altri ti indicano : ti sei fatto fregare… questa è una bugia e invalidazione nascosta… Io in quel caso indico: No mi hai fregato! È diverso lo vedi? E sai perche? Perche se avessi avuto IO l intenzione di fregarlo lo avrei fatto. Non so se hai capito? È facile fregare un altro… molto facile e di solito lo fa chi ha problemi a lavorare e dichiara apertamente che non in grado di guadagnare onestamente. Vedi è demenziale lo scritto perche non specifica la vera responsabilità. Parlo cmq di quel momento in quel tempo faccio asis… ovvio che devo darmi da fare x chiarire il pianeta. Ma in quel tempo è cosi. Ma io volevo soffermarmi in realtà du un altra cosa l essere fissati sul DIFETTO. Malattia di cui noi tutti soffriamo uaando quasi tutto il nostro tempo a fissarci sulla dicottomia del giusto e sbagliato.

          • Marco

            Libero, credo la cosa fosse meno complicata… si parla solo di critiche aspre ed evidentemente scorrette che spesso si ricevono…

            Lo scritto suggerisce solamente di capire che: “chi ti sta criticando cosi tanto ed a sproposito, semplicemente sta dicendo qualcosa di sè stesso”.

            E’ una specie di “chi lo dice lo sa di essere”… e per questo suggerisce di non stare ad ascoltarlo (o frequentarlo).

            Non credo volesse dire di più di questo.

      • Diogene

        Da Wikipedia Analisi Transazionale (copia-incolla di brevi estratti utili al chiarimento dei termini – soprattutto a me)

        In psicologia la transazione è l’unità base della comunicazione fra due individui.
        Una transazione si compone di due parti:
        Stimolo: per esempio, l’individuo A dice a B: “Come va?”
        Reazione: per esempio, l’individuo B dice a A: “Non c’è male”

        L’analisi transazionale pone l’accento sullo stato dell’individuo che partecipa alla transazione, che può essere: genitore, adulto, bambino.
        È importante capire lo stato dell’individuo per interpretare correttamente il senso della transazione. Il significato ultimo del messaggio non è sempre quello letterale, in particolare quando l’individuo si trova negli stati genitore o bambino.

        L’obiettivo che ci si prefigge avviando l’analisi transazionale è di ristabilire l’autonomia e di rendere più stabile la condizione di problem solving dell’individuo. In questo senso si tratta quindi di avvicinarsi alla condizione in cui le emozioni ci aiutano a risolvere i nostri problemi e a soddisfare i nostri bisogni, anziché contrastare i nostri sforzi ed intralciarli inutilmente.

        La comunicazione tra due individui può essere letta come una transazione (o scambio) tra stati diversi o omologhi dei due io, quindi si parla nel primo caso di “transazioni incrociate” e nel secondo di “transazioni complementari”[6].

        Ogni comunicazione avviene su due livelli che si influenzano reciprocamente, il contenuto (il cosa si dice) e la forma (il come lo si dice). Si comunica secondo segnali verbali e non verbali e se il verbale è contraddetto dal non verbale, si ha una incongruenza (un meccanismo simile a ciò che nella teoria di Bateson è detto “Doppio legame”). Ciascuno di noi è libero e responsabile dei propri comportamenti.
        Ogni stato dell’Io ha connotazioni positive e connotazioni negative, a seconda che favorisca oppure impedisca l’indipendenza della persona.

        Perché la nostra psiche si mantenga in equilibrio, essa deve soddisfare le sue ‘fami’. Ve ne sono di tre tipi:
        1.fame di stimolo: tutti gli esseri umani vanno alla ricerca di stimoli e sensazioni;
        2.fame di riconoscimento: ognuno di noi ha bisogno di sapere che esiste, che non è un fantasma in mezzo agli altri;
        3.fame di struttura: come strutturare il tempo nelle ore di veglia.

      • Diogene

        Marco, mi permetto di correggere due punti della traduzione affinché questi abbiano il giusto senso anche per i lettori che non masticano inglese.
        Il testo originale dice:
        Se loro vogliono considerare che tu sei un matto, mostro, truffatore, tossicodipendente, o megalomane, o qualsiasi altra cosa, non è solo il diritto di un’altra persona , è essenzialmente un commento su cosa pensano di se stessi.
        Dovresti sempre riconoscere come tali le osservazioni di qualcun altro su di te,
        ………
        ……….
        Molte volte se vai a correggere qualcun altro, e (lui) è davvero molto ansioso di essere “il vincitore”, il lavoro che stai facendo è una trappola, e il gioco era “acchiapparti” (colpirti emozionalmente).
        ………………

        Credo che così l’articolo sia più chiaro. Il resto va bene. Contento? :;)

  45. Interessante ma manca un po di sale

    • Marco

      Ecco qui un pò di sale…
      In realtà quoto SOLO il punto di vista di LRH: il tizio che “accusa gli altri di essere ciò che lui stesso pensa di se stesso” è una buona sfumatura di questo che può essere “io ho ragione gli altri hanno torto”.

      Non è certo la stessa cosa, ma non so se veramente il tizio che accusa un altro, pensi veramente la stessa cosa di se stesso!? Secondo me ha sempre una giustificazione per “attaccare” un altro…

      Beh, vediamo se quello di Filbert è un buon punto di vista tecnico…!?

      HCOB of 1 SEP 1963, ROUTINE THREE SC
      “Il service facsimile e’ quel computo generato dal preclear (non dal bank) per mettere se stessi nel giusto e dare torto agli altri , per dominare od evitare la dominazione e migliorare la propria sopravvivenza e danneggiare quella degli altri.”
      L. Ron Hubbard

      P.A.B. No. 126, 15 December 1957, PROBLEMS: HANDLING AND RUNNING
      “La totalità di un Service Facsimile può essere sintetizzata semplicemente in una parola: soluzione. Un Service Facsimile è una soluzione.”
      L. Ron Hubbard

      SERVICE FAC ASSESSMENT
      Una Conferenza Tenuta il 5 Settembre 1963

      “Una “soluzione sicura” potrebbe anche essere chiamata una “Decisione Sicura”, “Un Trattamento Sicuro”, “Un Ambiente Sicuro”, “Una Posizione Sicura”.
      C’è un mondo intero che è orientato alla sicurezza.”

      “E la cosa più pericolosa al mondo è avere “una soluzione sicura” perchè quello è il buco dal quale finisce tutta la sanità: una “soluzione sicura” inibisce l’osservazione. Ed ogni cosa che inibisce l’osservazione distrugge.”

      “Le persone adottano “soluzioni sicure” per sopravvivere…

      Il metodo di base della sopravvivenza è la “soluzione sicura”.

      Questo mette l’individuo nel giusto e mette gli altri nel torto.
      “La soluzione sicura” è intesa a migliorare la sopravvivenza di quella persona mettendolo in una posizione sicura.”

      “Ogni tanto a New York tirano fuori qualcuno che viveva in un solaio o in un posto del genere, morto da tre o quattro settimane.
      E quel tizio non ha la paglia dentro il materasso, ma il materasso è pieno di biglietti da 100 dollari, capite?

      Il metodo che usava per sopravvivere era quello di avere un sacco di soldi. E quella era una soluzione molto sicura.
      Ma lui ha trascurato, con questa sua ossessione in quella soluzione sicura, di spenderne un po’ per vivere.

      E così mano mano che diventa sempre più “concentrato” su quella soluzione, diventa sempre meno e meno percettivo.

      Un individuo per essere totalmente saggio, è necessario che sia in grado di osservare oggettivamente il suo ambiente.

      Deve anche essere in grado di permeare il suo ambiente.

      Deve essere capace di raggiungere.

      Non è abbastanza avere un paio di “decisioni sicure” a cui riferirsi in ogni caso stipate dentro la parte sinistra dell’encefalo e alle quale ti puoi riferire quando sperimenti dello stress.”

      Ora quella soluzione sicura è ciò che noi chiamiamo un Service Facsimile.
      E quello è tutto ciò che è.

      Ricordatevi, il PC l’ha adottata perchè non riusciva a sopportare la confusione che aveva intorno. E così ha adottato una soluzione sicura.

      Una soluzione sicura viene sempre adottata per ritirarsi dalla restimolazione causata dall’ambiente – sempre, inevitabilmente.

      Come fai ad aumentare, come fai ad aumentare l’abilità di un individuo a far fronte alla restimolazione dell’ambiente?

      Bene, quello che fai è tirargli fuori il Service Facsimile.

      Il suo Service Facsimile, in realtà, riduce la sua abilità a guardare l’ambiente che lo circonda.

      Più “soluzioni sicure” lui ha adottato, più sarà la restimolazione mentale di cui lui non riesce a fare as-is.

      Più cose lui non riesce a stare di fronte, meno saranno le cose a cui lui riuscirà a stare di fronte.

      Diventa una spirale discendente molte rapida e veloce.

      Quindi, la cosa che riduce la sua capacità a maneggiare il suo ambiente, abbastanza stranamente è quella cosa che lui ha adottato per maneggiare il suo l’ambiente, al posto suo.

      Se rimuovi quella cosa tu immediatamente aumenterai la capacità della persona di maneggiare il suo ambiente.
      Perchè adesso lui riesce a vederlo. Lo sta ispezionando.

      Magari la cosa non lo farà felice, ma non è questo quello che stiamo cercando di fare.

      Non stiamo cercando di renderlo una persona felice, stiamo cercando di renderlo una persona capace.

      Ci sono un sacco di pazzi che sono molto felici.

      L. Ron Hubbard

      • Diogene

        In estrema sintesi LRH sta dicendo che non puoi scappare dal gioco.
        Il mattone fondante e costitutivo del concetto di gioco in questo nostro universo si chiama: PROBLEMA.
        Qualsiasi soluzione di un problema genera un ulteriore problema o uno stato di equilibrio dipendente da forze conflittuali.
        Ne consegue che l’unica possibilità di uscire dal “gioco” risulterebbe nella condizione di non essere parte di alcun problema, neppure per se stessi.
        Anche soltanto sentirsi “fuori” o “superiori” al gioco costituisce una partecipazione al gioco, una sorta di “accreditamento del problema”.
        LRH suggerisce una via non di fuga ma di azione efficace quando dice che bisogna essere “thetan solutore anziché thetan problema”. Ma la differenza resta molto molto sottile, quasi impraticabile in un universo che è esso stesso la somma di problemi interminabili.

        • Marco

          Beh Diogene, non male come commento… poni un bel dilemma (problema), praticamente ti chiedi: come si fa ad uscirne?
          Credo l’unica possibilità sia nel continuare con l’auditing… fino ad EP.

          Secondo me la soluzione c’è e/o è conoscibile; come dice LRH: “tutto ciò a cui il thetan può andare effetto, ha pèossibilità di indagine e conoscenza (dunque di soluzione)” +/- così.
          Non male come idea, vero!?

          Assioma 40
          Ogni problema, per essere tale, deve contenere una menzogna. Se fosse una verità, sparirebbe.

          Assioma 42
          Materia, energia, spazio e tempo persistono perché sono un problema.
          Sono un problema perché contengono alter-isness.

          Assioma 44
          THETA, lo statico, non è sito nella materia, nell’energia, nello spazio o nel tempo, ma è capace di considerazione.

          Assioma 45
          THETA può considerarsi situato e in quel momento acquisire collocazione e, nella stessa misura, diventare un problema.

          Assioma 50
          THETA in quanto mest deve contenere considerazioni menzognere.

          Assioma 47
          THETA può risolvere i problemi.

          Assioma 49
          Per risolvere qualsiasi problema è unicamente necessario diventare THETA il risolutore invece che THETA il problema.

          Assioma 51
          I postulati e la viva comunicazione, non essendo mest ed essendogli superiori, possono produrre cambiamenti nel mest senza determinare una persistenza dello stesso.

          Ecco perché l’auditing può aver luogo.

          Quanto sopra è un sommario degli stati di essere che si possono impiegare per creare, per far persistere o per distruggere.

          Benché abbia concordato gli aspetti meccanici e tenga saldi tali accordi, il thetan può generare innumerevoli altri postulati che, in virtù delle loro contraddizioni e complessità causano persistenza e distruggono il comportamento umano.

          • salvatore

            aggiungerei anche l’assioma 24: una totale A.R.C. causerebbe la scomparsa di tutte le condizioni meccaniche dell’esistenza.

  46. Se uno ti critica o entra in conflitto di pensiero con tè e tu pensi,” mi faccio scivolare tutto di dosso ,non lo considero ,resto imperturbabile resto distaccato ,lascio perdere e vivo sereno ed in armonia ” ti stai mentendo perchè quelli sono propositi mentali,ma sotto le ceneri cova il fuoco e nel tempo esploderai carica carica e prima o poi il vulcano erutta. La trasformazione avviene non quando ci si illude di essere migliori e sforzatamente imperturbabili ,ma quando si vede sotto le ceneri quanto pieni di m si è .

    • Marco

      Luciano, cerca di capire Luigi, lui è un auditor…
      Del tuo commento non si capisce bene cosa intendi quando dici La trasformazione avviene non quando ci si illude di essere migliori e sforzatamente imperturbabili , ma quando si vede sotto le ceneri quanto pieni di m si è . ???

      “La trasformazione avviene quando si vede sotto le ceneri quanto pieni di M si è” ??? Immagino intendi quella M… vero?
      Allora veramente non capisco? Ed invece capisco la reazione di Luigi.

      In Scn si lavora su se stessi in auditing (ma anche con studio) per trovare “le robe” (di tutti i tipi: O/W, Soppressioni, Engram, impalnt, Service Fac, ecc. ecc.) che ti fanno essere poco razionale, una cattiva persona ecc. ecc…. non per trovare la M (di sicuro non quella che intendi tu).
      Dire che dovresti cercare la M di te stesso, è un pochino invalidativo… non ti pare?

    • Pier Paolo

      Non la vedo così Luciano. Essenzialmente ritengo che la critica sia in sé un ottimo spunto: 1.per capire se in realtà riflette invece una mia stessa specifica “mancanza”, 2.per capire su quale aspetto potrei migliorare e 3.per capire dove sia io che colui che mi critica non siamo “allineati” e quindi in definitiva dove siamo entrambi in difetto.

      La critica non è un qualcosa da rifiutare o di cui servirsi per etichettare gli altri, bensì se usata con la giusta consapevolezza (evitando di andare a finire inoltre in una condizione di giochi, cosa molto “invitante” in questi casi), diventa un ottimo mezzo per crescere. Ovvio che non bisogna diventare “dipendenti” da quel metodo per fare ciò che potremmo benissimo fare anche senza dover ricorrere ad esso.

  47. Wog – Termine offensivo e razzista derivato dallo slang britannico di epoca imperiale, a designare un residente delle colonie. In Scientology viene utilizzato per indicare i non scientologist. «Significa un comune ordinario umanoide, un mediocre tipo tutto casa e giardino» (Diz. Tecnico) Il mondo wog è la società comune, considerata una landa di aberrazione, pazzia e criminalità di cui avere timore e da evitare.

  48. Libero

    Luciano, dove hai letto la definizione della prima parte? In quale dizionario? Inoltre l ultima parte è una tua considerazione o deduzione? Sbaglio?

    • calla

      Libero, ti dico io dove Luciano ha trovato la definizione di wog .
      ..nel glossario che La Reception ci ha fornito per chiarirci eventuali malcomprensioni sulle parole usate…..

      • Libero

        Calla parlo della prima parte e l ultima non la definizione del dizionario tecnico

        • Calla

          Ok Libero ..allora ti do l’indicazione :
          quando apri La Reception in alto ti fa scegliere
          HOME
          “FONDAZIONE HUBBARD PER LA RICERCA SPIRITUALE”
          CHI C’E’ DIETRO MISCAVIGE E LA CHIESA DI SCIENTOLOGY ?
          CHI SIAMO
          CITAZIONI
          CONTATTI
          CORSI & AUDITING
          DICHIARAZIONI DI INDIPENDENZA ITALIANE
          GLOSSARIO
          LETTERA APERTA AL PIANETA TERRA
          LIBRI
          PIANI DI AZIONE 1-2-3-4-5: SAVE SCIENTOLOGY
          RIMBORSI
          SCN: LA STRUTTURA
          SCOPO
          SUCCESSI.
          Alla voce glossario infondo c’è la definizione di wog e Luciano non ha fatto altro che fare copia-incolla ( come sua abitudine )

  49. A proposito di “WOG”

    Nel Dizionario Tecnico di Scientology abbiamo 2 definizioni della parola:
    1. worthy Oriental gentlemen (gentiluomo orientale rispettabile) Questo significa un comune umanoide, un mediocre tipo tutto casa e giardino.
    (SH Spec 82, 6611C29)
    2. un wog è qualcuno che non sta neppure tentando. (SH Spec 73, 6608C02)
    La definizione 1 è tratta da un nastro del 1966 dal titolo Ot and Clear Defined. Riporto il paragrafo originale:
    “… And the word wog, of course, is in essence a „worthy oriental gentleman“ as been defined by the Royal Air Force. There’s nothing derogatory in being called a wog. As a matter of fact, that was the source of a general order issued in Egypt on the complaint of the Egyptian government. The air force officers were calling Egyptians wogs. So the commanding officer defined it. And he said, „Well, wog, that means ‘worthy oriental gentleman,“’ and insisted his officers use it. Those were in the days when the Empire wasn’t dead!
    Anyway, this means a common, ordinary, run-of-the-mill, garden-variety humanoid. And a garden-variety humanoid means a person who has human characteristics…”
    Vorrei mettere l’attenzione su “There’s nothing derogatory in being called a wog” che tradotto in italiano significa ” Non c’è nulla di dispregiativo
    nell’ essere chiamato un wog”
    Luciano è senz’altro molto “creativo” nelle sue definizioni e (fintamente?) disincantato nel mescolare il sacro col profano, ma voglio ricordare che tra il perché delle parole malcomprese troviamo anche le definizioni inventate!
    A presto
    Guido

  50. Guido ho solo fatto copia incolla,non ho aggiunto nulla di mio.
    Mi definisci creativo ,sacro /profano ( che cosa è sacro e che cosa è profano poi?) ho solo riportato quello che sta scritto nulla più. Io non mi sono minimamente offeso ho solo definito )
    E’ evidente che io consideri non giusta la definizione ma ho solo riportato. Pier guarda che stiamo dicendo la stessa cosa . (E’ praticamente impossibile comprendersi in un blog ) Come mi insegna Ron Avviare Cambiare e Fermare oggi è giunto il momento di fermare ,abbiamo fatto un pezzo di strada assieme è stato piacevole ma il più delle volte non è arrivato ciò che volevo dire (sicuramente mia difficoltà nello scrivere ) Come ho già scritto sto lavorando con altri gruppi dove ci si vede e si comunica fisicamente vi assicuro che la com è fluente e ci si comprende il blog è molto limitante.Buona continuazione e buone feste di Natale .

    • Luciano, OTTIMO che tu abbia trovato altri gruppi, ti auguro di trarne gran godimento.
      Tu sei come il Pierino della favola, a forza di gridare falsamente al lupo, nessuno piu’ ti crede quando il lupo c’e’ davvero!
      Questa volta sono stato anche io “vittima” del pregiudizio!
      La definizione di WOG del nostro glossario e’ stata presa a suo tempo dal sito allarmescientology
      ed e’ una interpretazione di quello che pensano gli scientology medi sia un wog. Quindi con una connotazione piuttosto dispregiativa, tipica degli adepti di una setta verso gli “esterni”.
      La definizione 1 del termine WOG del Dizionario Tecnico di Dn & Scn e’ “Significa un comune ordinario umanoide, un mediocre tipo tutto casa e giardino” (traduzione tra l’altro opinabile confrontandola con l’originale in inglese).
      Personalmente, dopo questi anni di “indipendenza” ho modificato questa opinione sui non scientologi riconoscendo quanto questo punto di vista sia frutto di pregiudizio o facsimile di servizio che dir si voglia. Per Diana, ci sono tantissime belle persone qui fuori!
      Ma ciò non sminuisce affatto il valore della Scientology vera che, quando applicata nel giusto modo, produce miracoli, così come questo che il nostro Luigi mi ha spedito oggi:
      “08/12/15 14:57:31] B. D. : Luigi ciao. Vorrei lasciarti la mia testimonianza circa la frattura del capitello del radio sinistro, che mi è capitata il 2.11.15 a causa di una caduta accidentale provocata dal mal-posizionamento di un tombino, e circa il tuo Assist che hai eseguito dopo 6 giorni. Oggi 8.12.15 ti parlo in perfetto benessere. Una frattura che potrebbe “guarire” in 3 mesi circa, nel mio caso in 3 settimane si è risolta con pressoché completo recupero, sia del dolore (presente solo dopo sforzi prolungati) che dell’articolarità (mi mancano pochissimi gradi all’estensione completa) che infine della funzionalità (porto pesi e uso l’arto come prima). Grazie di tutto Luigi! B.
      [08/12/15 15:38:43] B. D. : PS il mio ortopedico, stupito del veloce e completo recupero, mi ha chiesto: “stai facendo la magnetoterapia, vero?” e io gli ho dovuto rispondere per accontentato: “certo! tutto merito di essa!” in realtà ho deciso di non farla, perché avevo di meglio come terapia 😉
      Luigi: L’”Assist” è un narrativo con R3RA.
      Cordiali saluti a tutti“
      Ottimo lavoro Luigi, lasciamo che siano i fatti a parlare.
      Comprendo la tua insofferenza verso i vari “Pierini” di turno!
      Ciao Luciano, buona continuazione in altri lidi che ritieni più consoni al tuo essere.
      Guido

      • Calla

        Ciao Guido dici :-
        Questa volta sono stato anche io “vittima” del pregiudizio!-:

        Pregiudizio
        Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
        « E’ più facile spezzare un atomo che un pregiudizio »
        (Albert Einstein[1])

        Il termine pregiudizio (dal latino prae, “prima” e iudicium, “giudizio”) può assumere diversi significati, tutti in qualche modo collegati alla nozione di “giudizio prematuro”, ossia parziale e basato su argomenti insufficienti o su una loro non completa o indiretta conoscenza.
        Nel linguaggio della psicologia sociale, quando si parla di pregiudizi ci si riferisce a un tipo particolare di atteggiamenti. Propriamente, sono atteggiamenti intergruppo, cioè posizioni di favore o sfavore che hanno per oggetto un gruppo e si formano nelle relazioni intergruppo. Il pregiudizio può essere analizzato da un punto di vista antropologico perché nasce dal comune modo di approcciarsi verso la realtà. Fa parte quindi del senso comune, che è quella forma di pensiero e di ragionamento che appartiene a una cultura e ne plasma la produzione culturale in modo inconsapevole.
        Si può dire anche che i pregiudizi sono culturali nel senso che variano da cultura a cultura. ………………… Dunque l’ignoranza in un determinato campo porta al pregiudizio.
        ……………………….
        Un pregiudizio è generalmente basato su una predilezione immotivata per un particolare punto di vista o una particolare ideologia. Un tale pregiudizio può ad esempio condurre ad accettare o rifiutare la validità di una dichiarazione non in base alla forza degli argomenti a supporto della dichiarazione stessa, ma in base alla corrispondenza alle proprie idee preconcette. Senza quindi alcuna riflessione.
        …………………

        LRH cosa dice riguardo al pregiudizio ?
        Grazie per l’informazione che mi darai .

        • Ciao Calla,
          non mi risultano particolari definizioni di LRH di pregiudizio, il che significa che ha considerato corretta quella comune del dizionario. La mia personale opinione è che un pregiudizio si fonda su un facsimile di servizio, cioè il classico modo di dare ragione a sé, alle proprie convinzioni e stile di vita ideale, in contrapposizione al torto di chi ha opinioni (o facsimili di servizio) differenti e che sono percepite come una minaccia al proprio status quo o sopravvivenza.
          Mi piacerebbe che sviluppassimo questo concetto con l’intervento di altri condomini … non può che fare bene alla nostra crescita!
          Guido

          • Marco

            Si, sono d’accordo con te Guido, il pregiudizio è un giudizio/valutazione, o anche un postulato/computo, o anche una elaborazione mentale, presa da qualcuno in un certo frangente di solito spiacevole o confusa e/o emozionalmente pesante… tipo, “mia moglie mi ha lasciato per un mio amico: – è meglio non fidarsi degli amici! – “.
            Questo è un giudizio sugli amici che da li in poi la persona userà in ogni caso; dunque in modo pre-deciso, ogni nuovo amico “è uno di cui non fidarsi.”

            HCO BULLETIN OF 5 SEPTEMBER 1978
            “ANATOMIA DI UN SERVICE FACSIMILE”

            “Il Service facsimile e’ un computo generato dal prechiaro (non dal bank)…”

            “Notate che è un computo, non una condizione di fare, una condizione di essere od una condizione di avere.

            Potremmo anche chiamarlo “computo di servizio”, ma manterremo il termine che abbiamo usato per descrivere questo fenomeno in tutta la tecnologia: “service facsimile”.

            E’ un computo che il PC ha adottato quando, in una situazioni estrema, si è sentito messo in pericolo da qualche cosa, ma non è riuscito a farne itsa.”

            “Il Pc la ha adottata perchè non riusciva a sopportare la confusione presente in una situazione. Così ha adottato una soluzione sicura.

            Una soluzione sicura viene sempre adottata per ritrarsi dalla restimolazione ambientale.

            Ha adottato una soluzione sicura in quel caso ed è sopravvissuto.
            La sua soluzione sicura è diventata così il suo dato stabile. E da lì in poi ci si è aggrappato.”

            “L’aberrazione di chiunque su qualunque soggetto, è stata di una certa utilità, una volta o l’altra.
            E’ stata di una certa utilità, altrimenti non continuerebbe a farne il mock up.

            Ma adesso se la si mette a confronto con gli standard di sopravvivenza, si scopre che è molto contro sopravvivenza.”

            LRH

          • Italo Alberti

            Anche se non amo la parola “condomini”, mi ricorda gli abitanti che per forza o ragione sono costretti a vivere nel casino dei condomini, fra litigi e dispetti, dove non si può quasi neanche riposare… forse è meglio sotto un ponte. Posso dire che il service-fac è una brutta faccenda perché toglie l’ispezione analitica alla persona. Questa è una faccenda che sto vivendo personalmente con una persona che mi sta a cuore…semplicemente è “cieco”, non vede, non valuta, non ispeziona, non è razionale su quell’item. Vede solo ciò che arriva al suo naso, non oltre.
            Ma, conoscendo i retroscena, vedo che dietro c’è tutto un miscuglio di valutazioni in invalidazioni che questa persona ha subito fino a portarla al punto che nella “sua confusione” ha dovuto per forza di cose acquisire “un dato stabile”. Ebbene questo è diventato il suo service-fa.

      • Libero

        Guido confermo che LUIGI da come ho potuto constatare sulla mia persona è un fenomeno. Se avete somatici fisici ve lo consiglio fa miracoli.

      • Luigi Cosivi

        Grazie Guido, riguardo ai pierini sono appena fastidiosi come le zanzare, capisco che calla abbia usato da staff le definizione che cita, fatti così sono, io conoscevo le prime due da te citate. Sono d’accordo che c’è tanta bravissima gente in giro, non ho mai condiviso il disprezzo che veniva manifestato, per resistere e sopportare, con l’importanza di essere staff, tutte le angherie che subiscono. Spiace solo che un tale acido resista ancora. Buone Feste a tutti.

        • Calla

          Luigi scusa se ti correggo ma io NON sono più staff dal 1978 non capisco da dove arrivi questa tua convinzione di me come staff se nel tempo ne ho parlato è stato per dire la mia esperienza.
          Poi, sinceramente di quello che hai appena scritto si capisce poco :
          di quale acido stai parlando ?.
          poi scrivi :
          “capisco che calla abbia usato da staff le definizione che cita..”. di cosa stai parlando …io ho fatto riferimento a qualcosa scritto nel blog
          “non ho mai condiviso il disprezzo che veniva manifestato”… ma sei proprio tu che a larghe lettere hai dal del ” WOG” a Luciano..

          ma ragazzi … ma stiamo scherzando ? ma leggete bene , informatevi bene ed OSSERVATE bene … grazie

          • Luigi Cosivi

            Solo perché frecciatine, puntigli, citazioni, valutazioni, invalidazioni,cosa ci si aspetta da uno scientologo, sempre secondo l’ultimo arrivato, mal pagato, mal nutrito, soprattutto mal informato e maltrattato a colpi di instant-hat e da quanto detto prima : ci hanno reso insofferenti e, nostro malgrado, succubi della cosa grandiosa che essi rappresentavano, ignorando noi magari soltanto di poter domandare ” dove è scritto?”. Solo l’odore “acido” di un staff o ex del genere, infastidisce, ora a livello del ronzio di zanzara, ma quante volte avresti voluto porre le mani al collo e perdere l'”eternità” , ma non continuare a subire, angherie , stupidità, invidie per il fatto solo che tu andavi avanti, mentre loro servivano l’umanità intera, carichi dell’ultimo staff meeting in cui avevano ricevuto non altro che rimproveri, invalidazioni e promesse stellari di un bastone sempre più lungo e una carota sempre più grande e , ovviamente, sempre più irraggiungibile . Tu Calla, troppo spesso, ce lo ricordi.Per quanto riguarda Luciano ,il WOG che ha scatenato così tanto movimento di TA, mi si conferma assolutamente meritato e aderente alle definizioni tecniche, senza disprezzo, ogn’ uno ha diritto alle sue convinzioni, ma speriamo che la sua ultima decisione espressa sia mantenuta.Spero di essere stato chiaro nel risponderti, non voglio aggiungere altro.Buone Feste soltanto.

  51. paolo facchinetti

    Marco, mi fa piacere notare che adesso, più di prima, riesci a vedere le cose nella loro semplicità.

  52. Mister X

    Per mia esperienza il termine WOG l’ho sentivo usare in 2 modi differenti : lo si usava in senso buono (senza disprezzo ) per indicare un non scientologist o tech della società ;per esempio ” scuole wog” . Oppure con disprezzo per intendere aberrati non scientologist . L’intenzione che stava dietro determinava il senso : Tutte le cose hanno minimo 2 facce ( dicotomia ) . Anche se il termine è nato in un certo modo col tempo e per accordo di bank tra gli scientologist della chiesa( solitamente spinti sulle stats e poco addestrati) è diventato comune l’uso in senso dispregiativo . esempio : ” Ti stai comportando da wog ” Se notate bene è un sistema di controllo alla stessa stregua di spezzare circuiti e missare wh . Ti fa tirare dentro i punti di ancoraggio e ti fa sentire sbagliato in modo che poi ti comporti come vogliono loro . Ho usato poche volte questo termine e ogni volta mi ha lasciato dell’amaro in bocca .

  53. Libero

    Calla ho letto la definizione del termine wog sul sito. Non conosco quella definizione e no ho trovato riferimenti neppure in inglese. A questo punto chiedo spiegazioni alla reception per avere i riferimenti sulla definizione Wog postata sul glossario del sito. Grazie.

    • Ciao Libero,
      i riferimenti alla definizione di Wog li ho gia’ scritti ieri in un mio commento delle 13,49:
      “La definizione di WOG del nostro glossario e’ stata presa a suo tempo dal sito allarmescientology ed e’ una interpretazione di quello che pensano gli scientology medi sia un wog. Quindi con una connotazione piuttosto dispregiativa, tipica degli adepti di una setta verso gli “esterni”.
      Guido

      • Marco

        Credo che la più comune definizione/concetto che gli scientologist praticanti le Org. avevano in mente nell’usare questa frase “sei un wog” fosse: “sei una persona che non ci prova nemmeno; e che inoltre mantiene ben saldo tutto il suo “status quo” sociale, senza mettere in dubbio nulla del suo modo di vivere.”

        Era dispregiativo, sopratutto perchè lo etichettavi come uno che : “non fa niente e non capisce che c’è qualcosa da fare e migliorare”.
        O forse, ancora di più, che era/è a un livello di consapevolezza: “va tutto bene, non c’è nulla da cambiare, mi va tutto bene così”.

        Naturalmente un tale livello è incompatibile, con il livello di consapevolezza e la volontà di migliorare di uno scientologo.

        Che cosa significa mantenere lo status quo ? Da dove proviene l’espressione?

        Proviene dal latino e la sua forma originale era ”status quo ante”.
        Indica una situazione che non è cambiata nel tempo.

        Prevede quindi un equilibrio sociale per un periodo il più duraturo possibile.

        Solitamente lo status quo viene mantenuto quando tutte le parti interessate dimostrano la volontà di non cambiare una situazione già preesistente.

        Ai giorni nostri sentiamo parlare di status quo principalmente o in politica o in economia, quando si vuole indicare un equilibrio tra le forze economiche, sociali e politiche.

        Chiari esempi si hanno quando due partiti politici decidono di raggiungere una situazione di compromesso o quando gli accordi economici tra due o più Stati vengono lasciati invariati.

        Status quo: mantenerlo o stravolgerlo?
        Decidere di mantenere una situazione di equilibrio può spesso sembrare la scelta più appropriata, perché l’essere umano è notoriamente avverso alle perdite.

        Una situazione statica può essere un punto saldo e una certezza, per assicurarsi la continuità di uno già esistente.

        Staus quo dunque significa che la situazione che si sta vivendo (politica, economica, governativa) è in equilibrio, cioè non ci sono presunti problemi al suo interno.

      • Libero

        Beh Guido definizione inventata appunto … direi che sarebbe necessario e corretto sostituirla con la def. Corretta …giusto? Recption attendo una risposta se possibile grazie

        • Guido

          Libero,
          il glossario è stato inserito durante i tempi epici dell’inizio di questo blog, c’era un gran da fare per rendere disponibile il ponte indipendente, molto lavoro di squadra. Ora che siamo decisamente a buon punto credo si possa riprendere in mano il glossario, magari, se vuoi, potresti contribuire al movimento passandoci attraverso tu, sono sicuro che faresti un ottimo lavoro.
          Un abbraccio
          Guido

          • Libero

            Si se vuoi inserisco l intero diz.tecnico ma dovrei avere accesso al template per inserirlo man mano e pubblicarlo ..

  54. Guido

    Ottimo per la tua disponibilità Libero.
    Potremmo avere problemi di copyright ad inserire tutto il Dizionario.
    Sentiamoci via mail per vedere come fare.

  55. calla

    Per Luigi Cosivi
    10 dicembre 2015 alle 10:35

    Capisco.
    Buone Feste a te .

  56. Ciao . Vorrei ritornare per un attimo alla definizione di pregiudizio. Parlo dal mio punto di vsta e ritengo giusto ciò che avete scritto su questo argomento. Vorrei solo dare concretezza di come questo avviene nella vita . Il pregiudizio è un postulato messo lì e non più analizzato . Lo troviamo in auditing percorrendo i service fac o i dati falsi o lo può dare un pc come postulato di una catena di engram ecc. Sono i dati stabili aberrati che usiamo come verità per affrontare la vita . Cosa pensano gli uomini delle donne ? : è come eticchettare tutte le donne uguali o che siano utte sbagliate e altre stronzate simili. La strada che porta al chiarimento prevede la realizazione ( cognition)di tutti i preconcetti e l’abilità di percepire la vita senza di essi ,naturalmente anche non farsi sottomettere da chi ritiene di “saperne di più ” e che poi nella pratica è un incompetente .

    • Marco

      Si MX, in effetti il pregiudizio è quello che dici Sono i dati stabili aberrati che usiamo come verità per affrontare la vita. ovvero un postulato, o un computo, o una decisione… aberrato/a preso/presa in un momento di difficoltà.

      “E’ un computo che il PC ha adottato quando, in una situazioni estrema, si è sentito messo in pericolo da qualche cosa, ma non è riuscito a farne itsa.”

      “Il Pc l’ha ha adottata perchè non riusciva a sopportare la confusione presente in una situazione. Così ha adottato una soluzione sicura.

      Una soluzione sicura viene sempre adottata per ritrarsi dalla restimolazione ambientale. “

      Tanto per speculare un pò….

      Anche queste “decisioni” sono registrazioni, o sono qualcos’altro?

      E’ un dato falso, una decisione falsa, ma non un facsimile?

      E’ solo ad un livello concettuale, non nella mente reattiva (niente registrazione), ed è abberrato “solo” perchè è sbagliato come decisione?

      O è comunque una registrazione (leggera?) in un momento di “confusione/restimolazione ambientale”?

      “Il Service facsimile e’ un computo generato dal prechiaro (non dal bank)…”

      “Notate che è un computo: non una condizione di fare, una condizione di essere od una condizione di avere.

  57. Mister X

    Quello che io posso pensare( mie conclusioni ) è che è come un tappo che mantiene e giustifica tutta una serie di esperienze molto probabilmente è connesso alle immagini mentali anche se non è un immagine mentale come facsimile . Ti dà più l’idea di un Moch up. Per il thetan sicuramente esiste solo il PT e ogni volta che anzichè vedere e risolvere i problemi (giochi) come esattamente sono in una nuova unità di tempo e usa una soluzione in modo identico ogni volta ( per non essere causa e responsabile) precipita in una condizione inferiore . Se la persona non venisse portata a CAUSA con l’auditing, il training , l’esperienza ecc. ecc. ci potremmo trovare una persona che dopo aver eliminato le idee fisse ne metterà altre. E’ importante raggiungere una ottimale condizione di stabilità in tempo presente che permetta alla persona di vedere e risolvere i problemi nel modo più etico possibile . Deve uscire dalla condizione tu hai torto io ragione e da tutte le condizioni a 2 terminali che portano la persona verso giochi aberrati . Il postulato è l’assioma numero 2 ed è subordinato solo allo STATICO ,mentre il MEST è un assioma inferiore.

  58. Custer

    Ciao a tutti. Curiosamente mi ritrovo ad affrontare l’argomento 🙂 Riflettevo sulla locuzione “pregiudizio aberrato”. Cosa vuol dire aberrato? Cos’è un pre-giudizio? Lo dice la parola. Quando si ha consapevolezza di qualcosa, prima, dopo o adesso?

  59. Calla

    pregiudizio
    Sostantivo
    pregiudizio ( approfondimento) m sing (pl: pregiudizi)
    1. (sociologia)(psicologia)(antropologia) opinione data senza avere conoscenza diretta dei fatti, e fondata quindi su semplici considerazioni personali
    • pregiudizio sistemico, inerente ad un sistema
    2. convinzione, normalmente considerata errata, spesso dovuta ad un condizionamento e/o ad un’influenza “esterni”
    3. una o più opinioni apparenti
    4. (per estensione) (senso figurato) “luogo comune”, spesso dovuto a “diffamazione” e/o a opinioni falsate
    5. opinione considerata ingiustamente “avvalorata” e con fondamento, spesso senza conferma definitiva né assunto logico
    Etimologia / Derivazione
    dal latino praeiudicium; formato da prae- cioè ” pre-” e da iudicium ossia “giudizio”
    Citazione
    «Mi considererei il più fortunato dei mortali se riuscissi a guarire gli uomini dai loro pregiudizi. Pregiudizio io chiamo non già il fatto di ignorare certe cose, ma di ignorare se stessi »
    (Montesquieu)

    Grazie Guido , hai usato un termine fondamentale nel nostro vivere, perchè dimostra quanto pur facendo e conoscendo la differenza fra mest e Theta … ci lasciamo imbrigliare dalla maglia del mest e quindi nella vita abbiamo utilizzi di comportamenti dettati dal dualismo…. tu vai bene — tu non vai bene !
    Ma su quali basi ?
    2. convinzione, normalmente considerata errata, spesso dovuta ad un condizionamento e/o ad un’influenza “esterni”……….
    e :
    «Mi considererei il più fortunato dei mortali se riuscissi a guarire gli uomini dai loro pregiudizi. Pregiudizio io chiamo non già il fatto di ignorare certe cose, ma di ignorare se stessi »
    Abbiamo qui ” influenze esterne Nella maggior parte dei casi ( es. Hitler- ebrei)….. e ………ignorare se stessi …!!!
    ma la cosa più grave è …ignorare se stessi
    Osservando il metodo di Scn di osservare e poi valutare.. ( é vero ciò che è vero per te dopo aver osservato e valutato )
    …notiamo che il pregiudizio arriva da influenze esterne ( SP … esempio Hitler, miscavige..) – E, la cosa più grave , …ignorare se stessi .
    Ignorare se stessi .. vuol dire essere in una condizione PTS !

  60. Ciao ragazzi,
    mi piace come si sta sviluppando questo dialogo sulle parole!
    E’ spiegato molto bene fin dal libro uno quanto possano essere aberrative.
    Stavo considerando quanto il THETA sia invischiato nel MEST a causa delle MASSE e delle SIGNIFICANZE:
    Come ben detto da Mister X “ Tutte le cose hanno minimo 2 facce (dicotomia) “, dipende dal nostro trascorso interpretarle in modo positivo o negativo, non è un assoluto.
    Quindi ogni cosa MEST ha una massa e una significanza, e questa significanza siamo noi ad assegnarla. Se (a causa del nostro trascorso) ne diamo una connotazione negativa creeremo ulteriore MASSA che peserà sul nostro essere facendoci diventare più solidi, meno liberi, meno sani mentalmente e fisicamente, in altre parole alimenteremo ll nostro Bank (su una o più dinamiche). Ovviamente il corollario di ciò è che se considereremo la cosa in positivo avremo un alleggerimento e il tono salirà. E questo è l’aspetto duale dell’esistenza in questo universo fenomenico (Fenomeno: Evento, accadimento; prodigio; ciò che è conoscibile tramite i sensi. Dal greco: phainomai apparire, mostrarsi.)
    Ora prendiamo in considerazione un altro (triplice) aspetto della nostra esistenza e relazioniamolo a quanto scritto qui sopra:
    L’ALTRUI-DETERMINISMO, l’AUTO-DETERMINISMO e il PAN-DETERMINISMO;
    Nell’osservare un fenomeno (prendiamo l’esempio di cosa ne pensiamo degli Wog) se il nostro giudizio o valutazione è in accordo con altre persone o gruppi saremo effetto di un altrui-determinismo; se sarà basato su nostre esclusive considerazioni (probabilmente apparenti) sarà il nostro auto-determinismo ad entrare in gioco. Ma se saremo abbastanza logici e distaccati da osservare e valutare vari punti di vista, potremo elevarci ed essere pan-determinati. Solo in questo caso eviteremo di crearci addosso delle masse inutili e schiavizzanti.
    Un essere è libero nella misura in cui non ha masse intorno a sè.
    Beh, ora basta filosofare, dato il periodo vado a tagliarmi una fetta di Pandoro.
    Un abbraccio
    Guido

    • Marco

      Secondo me questo brano (che quoto qui sotto) è una buona spiegazione del fenomeno “bloccato in un pregiudizio”, e/ma anche vale per quel che riguarda i Service Fac.

      Come dice LRH nell’HCOB 5 settembre 1978 “ANATOMIA DI UN SERVICE FACSIMILE”, sembra che questi SF (e dunque anche i pregiudizi) si formino in momenti di tensione o confusione o restimolazione ambientale.

      Dunque poi questi facsimili rimangono “in circolazione” (come spiega il brano che quoto qui sotto) finchè non vengono “ben visti” (come diceva sempre il mio auditor riguardo all’auditing sui ServiceFac) 😉

      HCOB 5 settembre 1978 “ANATOMIA DI UN SERVICE FACSIMILE”
      “Il Service facsimile e’ un computo generato dal prechiaro (non dal bank)…”
      “Notate che è un computo, non una condizione di fare, una condizione di essere od una condizione di avere.

      E’ un computo che il PC ha adottato quando, in una situazioni estrema, si è sentito messo in pericolo da qualche cosa, ma non è riuscito a farne itsa.”

      “Il Pc la ha adottata perchè non riusciva a sopportare la confusione presente in una situazione. Così ha adottato una soluzione sicura.
      Una soluzione sicura viene sempre adottata per ritrarsi dalla restimolazione ambientale. “

      Ecco un bel paragrafo che spiega bene (credo) come avviene la sospensione, anche dei pregiudizi e dei SF …

      SCIENTOLOGY 8-8008

      “Se la Vita, theta come viene chiamata in Scientology, è un creatore di movimento che può essere riflesso e registrato, ne consegue che, in modo speculare tutte le leggi del movimento, del magnetismo, dell’energia, della materia, dello spazio e del tempo si possono trovare anche nel pensiero. Dunque anche nel comportamento.

      Fortunatamente, tutto questo supera la necessità di comprensione immediata dell’argomento da parte di un auditor.
      Infatti, se così non fosse, prima di poter iniziare a far stare bene lo storpio e a rendere più capace la persona capace, un auditor dovrebbe essere in primo luogo un fisico nucleare.

      Tuttavia una qualche comprensione dell’argomento è opportuna, altrimenti si verrebbero a sviluppare alcune idee molto bizzarre che non recherebbero beneficio a nessuno.

      Vediamo dunque quanto siano fondamentali e semplici le ragioni per cui noi audiamo.

      La vita può creare movimento, usare movimento e registrare movimento.

      Il movimento consiste in cambiamento nello spazio: qualunque cambiamento determina tempo…

      Il problema principale con i facsimili più pesanti sta nel fatto che “rimangono sospesi” diventando quindi privi di tempo, e dando idea di un “nessun cambiamento”.

      Il nostro preclear desiderando cambiare in meglio, non può cambiare perché è rimasto sospeso in “un ricordo” che lui non può cambiare.

      Queste spiacevoli condizioni si producono quando un facsimile “rimane sospeso” nel presente.
      Questo fa sentire il preclear incapace di cambiare.

      Poco importa quel che si fa per il preclear: se non lo si porta “nel presente”, o se non si fa uscire il facsimile dal presente (che è la stessa cosa), non ci sarà “nessun cambiamento”.”

      Quindi sarà meglio sapere che cosa fa “rimanere in sospeso” un facsimile e, una volta “rimasto in sospeso”, che cosa lo fa agire sul preclear.

      Il facsimile viene “prodotto” dalla capacità della mente di duplicare e registrare gli schemi di movimento dell’universo fisico.

      Un facsimile è composto di unità di attenzione “morte”, uno schema creato una volta dalle unità “vive” in un qualche momento presente del passato.

      Un’unità di attenzione “viva” agisce solo nel presente.

      Esempio: una persona vede un uomo. Si potrebbe dire che, in quell’istante, le sue unità di attenzione creino uno schema di ciò che vede.
      Un momento più tardi ha un facsimile composto da unità di attenzione “morte”.

      Poi può “vedere” di nuovo quell’uomo semplicemente dirigendo unità vive, su schemi di unità morte.

      Il facsimile può diventare “vivo” e attivo solo quando viene scorso da unità vive.

      Quindi può rimanere “vivo” per tutto il tempo in cui le unità vive sono fissate su di esso.

      In questo modo un facsimile può “rimanere in sospeso”.

      Non sarà possibile dissiparlo, a meno che un gran numero di unità vive non vengano attivate su di esso.

      Un auditor può vedere il suo preclear come se fosse una mente circondata da vecchi facsimili ai quali viene prestata attenzione in misura appena sufficiente a tenerli “nel presente”.

      È compito dell’auditor far cadere tutti i facsimili in una condizione di inattività.

      Per quanto incredibile, una persona, in realtà non usa questi facsimili pesanti per pensare.

      La mente pensa usando facsimili leggeri – o non usandone affatto – .

      Si potrebbe sopravvivere piuttosto bene se non si avessero facsimili!

      Il pensiero può pervadere un’area o riprodurre da vicino una situazione, e sapere.

      Ma nei tempi remoti della traccia fu acquisita una compulsione ad avere facsimili.

      Poi il thetan man mano smise di “sapere” di ciò e a lungo andare non riuscì più a controllare i propri facsimili e ne divenne la vittima.

      Caricato di un numero sufficiente di facsimili, un uomo muore; un Essere Theta si deteriora, fino al punto di non poter essere nemmeno più un uomo.

      Come si fa, quindi, a rimuovere dal presente i facsimili del preclear?

      Rieducando il nostro preclear a produrre un potenziale di energia più elevato. Innalzando la sua capacità di creare energia e portandolo ad una “velocità” tale che produca un’emissione di energia sufficiente a fargli avere la meglio sui facsimili.

      • Italo Alberti

        @Marco “Si potrebbe sopravvivere piuttosto bene se non si avessero facsimile!”
        Esatto, difatti ho sempre considerato la mente una piuttosto inutile…forse per creare più casini, o meglio, illusioni.

        “Come si fa, quindi, a rimuovere dal presente i facsimili del preclear?
        Rieducando il nostro preclear a produrre un potenziale di energia più elevato. Innalzando la sua capacità di creare energia e portandolo ad una “velocità” tale che produca un’emissione di energia sufficiente a fargli avere la meglio sui facsimile.”

        Giusto, ma c’è sempre il dato mancante. Probabilmente la pecca principale di Hubbard è stata quella di non avere mai approfondito a sufficienza la stretta relazione che c’è fra l’alimentazione ed il thetan. Perciò: qual’è un modo molto pratico e reale per innalzare il suo potenziale di energia e portarlo ad emettere un livello vibrazionale più elevato? L’alimentazione.

        Audire un pc che si riempie giornalmente di cibo spazzatura, carne (che è poi un cadavere, cellule morte), cibi artefatti ma privi di sostanza, ti da sicuramente risultati più lenti che non un pc che si nutre regolarmente di cibi nutrienti, ricchi di vitamine, minerali, enzimi e proteine giuste (frutta, verdura e cibi non alterati dall’uomo). Tra l’altro, l’introduzione separata di vitamine e minerali non da un grande effetto, vitamine e minerali vanno prese dal cibo, al massimo quelle colloidali che sono le migliori….quella mania: “Hai preso le vitamine?” Una volta ebbi una discussione col mio auditor, voleva che io avessi mangiato e preso vitamine. Dissi di si “Ho mangiato una banana, per me basta” Non riuscì ad arrabbiarsi forse perché doveva udirmi ma mandò il folder al C/S. A me non interessava, io mi ero nutrito.

        Percui, i cibi non sono tutti uguali, hanno differenti livelli vibrazionali che si ripercuotono sulle cellule, come diceva Ippocrate “L’uomo è ciò che mangia”. Il corpo umano non l’ho inventato io e nemmeno Ippocrate o qualcun altro, semplicemente ha le sue regole, se le rispetti funziona come un gioiellino a lungo e in modo sano, se invece ti fai abbindolare dalla pubblicità o da chi vuoi, prima o poi ti presenterà il conto sottoforma di sofferenza e malattia.

        Per chi fosse interessato: qui c’è una lista dei cibi e dei loro livelli vibrazionali: http://benessereforum.it/a-cibi-vivi.php

        • Sicuramente un corretto stile di vita e un alimentazione adeguata migliora il funzionamento del body e questo è corretto, si può anche disquisire per anni su quale potrebbe essere l’ alimentazione ideale per un corpo ma quello che sembra che accomuni i più è evitare il più possibile un alimentazione intrisa di prodotti chimici e seguire la medicina ufficiale solo quando se ne ha veramente bisogno, poi anche un riposo adeguato e una buona idratazione dando preferenza all’ acqua non gassata è un ottima abitudine, anche un ambiente intriso di violenza e cattive notizie ha un effetto negativo, basta osservare regole semplici e la salute migliora. Oltre a questo e parlando di benefici verso il fisico si può mettere anche l’ attenzione che un miglioramento spirituale beneficia l’ organismo e nel nostra caso accenno di Scientology e del suo ponte che di riflesso agisce anche sul corpo fisico e per questo quando il metabolismo è ok si può procedere con l’ auditing.

      • Marco è interessante l’ invito di Guido a sviluppare una discussione in merito ai facsimili e mi sembra opportuno portare alcune considerazioni, dal tuo post ‘Il facsimile può diventare “vivo” e attivo solo quando viene scorso da unità vive. Quindi può rimanere “vivo” per tutto il tempo in cui le unità vive sono fissate su di esso.’
        Dal dizionario tecnico FACSIMILE- definizione 1. Qualsiasi immagine mentale, che sia creata inconsapevolmente e faccia parte della della traccia del tempo è un facsimile, sia essa un engram, un secondario, un lock od un momento di piacere hcob 15 Mag. 63. Def. 3. un immagine di energia fatta da un thetan, o dai meccanismi corporei, dell’ ambiente dell’ universo fisico. (PABp9).
        def. 8 significa l’ impronta dell’ universo fisico sul pensiero e significa la parte del pensiero sulla quale vi sono impronte dell’ universo fisico. contiene anche un riferimento temporale. ( 5203CM03B)
        Quindi c’ è una catena/e di facsimili.
        FACSIMILE UNO- def. 1 la base della catena dei facsimili di servizio.(HCL 15, 5203CM10)
        un facsimile è vivo quando ‘ unità vive sono fissate su di esso’ quindi il FAC, UNO è primo atto nel quale un thetan percepisce un universo mest ( un facsimile contiene più di 50 percetti identificabili, contiene anche emozione e pensiero. ( Sen. 8008 pag. 67) base ai facsimili di servizio) sempre dal tuo post ‘ Un’unità di attenzione “viva” agisce solo nel presente. ‘ .

        Su tutto questo si potrebbe aggiungere altro ma è evidente che un facsimile uno fa da base al resto alla catena/e dei facsimili di servizio e perché diventi attivo necessita di ‘Il facsimile può diventare “vivo” e attivo solo quando viene scorso da unità vive. ‘ aggiungo che è evidente che una dicotomia è presente dove abbiamo un thetan con le sue peculiarità ( in tempo presente unità vive) in tempo presente e nell’ altro terminale la sua duplicazione, questa potrebbe essere l’ esistenza in cui ci dipaniamo. C’ è un ulteriore punto e qui riporto Richard ‘ dove theta non può entrare nell’ universo Mest’ o qualcosa del genere quindi opera o crea il suo gioco per mezzo di un artifizio che comporta una duplicazione problema dalla quale verrà inevitabilmente colpito e di quello che potremo chiamare il problema di base.
        Come affrontare il problema, da Ron ‘Come si fa, quindi, a rimuovere dal presente i facsimili del preclear? Rieducando il nostro preclear a produrre un potenziale di energia più elevato. Innalzando la sua capacità di creare energia e portandolo ad una “velocità” tale che produca un’emissione di energia sufficiente a fargli avere la meglio sui facsimili.’ si riferisce al ponte nella sua interezza.

        • Marco

          Si David, LRH si riferisce alla tecnologia di auditing, e alla fin fine dice che ce ne vuole tanta (ovvero tutto il Ponte) per rimuovere un bel pò di roba che ci opprime Come si fa, quindi, a rimuovere dal presente i facsimili del preclear?
          Rieducando il nostro preclear a produrre un potenziale di energia più elevato. Innalzando la sua capacità di creare energia e portandolo ad una “velocità” tale che produca un’emissione di energia sufficiente a fargli avere la meglio sui facsimili.

          Ma in effetti non credo che qui LRH parli del FacUno… credo che in questo scritto stesse solo spiegando che ci sono alcuni (molti) Facsimili in retimolazione permanente, dunque sospesi nel presente, ma che si possono rimuovere (dal presente) ed “archiviarli”.

          Rispondendo all’invito di Guido (“parliamo di pregiudizi”), dicendo solo che probabilmente i ServiceFac fanno parte di questi ” facsimili vecchi, ma sospesi nel presente”, ed infatti ti influenzano in modo irrazionale, dunque sono aberrazione.
          Questa “roba” che ha intorno a sè un thetan (facsimili in sospeso), lo influenzano non poco e lo portano “in giro” senza una logica (logica necessaria nel momento presente)… infatti l’etimo di aberrazione è latino: aberrare, composto da “ab” da , ed “errare” vagare.
          Dunque i facsimili in sospeso (di solito sono solo quelli con carica) ti portano ad errare senza logica.

          Ma per togliere la compulsione a duplicare l’universo Mest (la registrazione consecutiva costante e continua “come una cinepresa perpetua”), credo ci voglia un bel pò di auditing… prima o poi il thetan con questa tecnologia arriverà a trovare il momento in cui ha cominciato a registrare… e chissà, forse poi smetterà di farlo. Chissà!?

    • Ciao Guido, su ‘Stavo considerando quanto il THETA sia invischiato nel MEST a causa delle MASSE e delle SIGNIFICANZE:’ a mio parere dipende dal primo atto quando ha comunicato con un universo Mest cosa è accaduto in quell’ attimo, questo attimo è presente una dicotomia un facsimile ‘Dal dizionario tecnico FACSIMILE- definizione 1. Qualsiasi immagine mentale, che sia creata inconsapevolmente e faccia parte della della traccia del tempo è un facsimile, sia essa un engram, un secondario, un lock od un momento di piacere hcob 15 Mag. 63. Def. 3. un immagine di energia fatta da un thetan, o dai meccanismi corporei, dell’ ambiente dell’ universo fisico. (PABp9).
      def. 8 significa l’ impronta dell’ universo fisico sul pensiero e significa la parte del pensiero sulla quale vi sono impronte dell’ universo fisico. contiene anche un riferimento temporale. ( 5203CM03B) ‘
      C’ è un ulteriore considerazione in questa dicotomia possiamo considerare un creatore e la sua creazione ma lo statico come 0 e 00 che indicherei l’ omnisciente percepisce un qualche tipo di traccia e ne da questa riceverà un impressione ( su tutta una traccia), delle percezioni e farà un qualcosa perché piacevole non è.
      Del resto se non esistesse Dio o il theta non esisterebbe nemmeno la traccia, un gioco deve avere almeno un dato non cosciuto.

  61. Marco

    Alberto dici …ma c’è sempre il dato mancante. Probabilmente la pecca principale di Hubbard è stata quella di non avere mai approfondito a sufficienza la stretta relazione che c’è fra l’alimentazione ed il thetan.

    Sebbene l’energia di cui si parla per “distruggere/archiviare” i facsimili dannosi sia di natura diversa, che non quella fornita dal cibo (penso LRH parli di energia mentale / thetanica), nutrirsi bene ed appropriatamente è una cosa sicuramente importante.

    Ma se anche gli americani (che notoriamente mangiano molto male) alla fin fine ce la fanno a creare l’energia necessaria per “far fuori” i facsimili (ce la fanno a fare Clear e OT) credo che anche il cibo “normale” sia sufficente (al thetan… magari il corpo vorrebbe qualcosa di meglio che non solo hamburgher e hot dog, con velenoso pane bianco, cibo tipico americano).

    Comunque non è proprio vero che LRH non ha parlato di buona nutrizione e/o integrazione… sebbene i dati del Purif/RD siano stati sicuramente presi da dati di ricercatori e nutrizionisti degli anni ‘5’/’60, tipici dati della medicina Ortomolecolare (neologismo inventato da Linus Pauling ricercatore premio nobel per la chimica e per la pace https://it.wikipedia.org/wiki/Linus_Pauling ), LRH in questo campo a molti meriti, 1° fra tutti l’aver ricercato e messo a punto il Purif/RD (a base di B3 niacina, ilprincipale “principio attivo”).

    Quoto un suo estratto di cosa pensava del vasto campo della scienza della nutrizione… scusa la prolissità, ma mi pare un argomento importante.

    HCO BULLETIN 30 luglio 1973
    SCIENTOLOGY STATO CORRENTE DEL SOGGETTO E MATERIALI

    “Recentemente ho preso in esame la nutrizione fisica e la biochimica.

    Scientology da molto tempo segue la policy rigorosa di mandare la gente malata dai dottori in medicina.

    È nella legalità guarire la gente con mezzi spirituali e fa persino parte della legge della maggior parte degli stati e delle nazioni, ed è stato un ambito riservato alla religione per migliaia di anni, prima che arrivassero i dottori.

    Ma questa non rappresenta una ragione per la quale Scientology farebbe di tutto per sostituirsi ai medici, dato che essi hanno un notevole valore nella meccanica delle ossa e nelle questioni strutturali.
    L’unico punto in cui fa cilecca è nell’occuparsi delle malattie, specialmente quelle di natura cronica.

    La medicina è stata sorpassata, per quanto riguarda la guarigione, dai nutrizionisti e dai biochimici.

    Ma essa cerca ancora di escludere queste professioni dalla sua conoscenza ed esperienza.

    In effetti, quando “la medicina” richiese ad un Congresso americano 46 milioni di dollari per effettuare ricerche sulle malattie cardiache, essa fu contraddetta da niente meno che il capo della Sanità, Istruzione e Assistenza Sociale, che affermò che tale “ricerca”, così come era stata ideata, non includeva la biochimica, un’omissione alquanto strana, dato che è il campo che dà maggiori risultati.

    Va da sé che la richiesta non includeva la ricerca nutrizionale.

    Molti dottori, individualmente, sono portati ad attaccare qualsiasi paziente trovino a “far uso di vitamine”.
    E ciò che colpisce è il fatto che le malattie cardiache siano, credo, la fonte principale di introiti per i medici.

    Quindi nei circoli medici esiste una cecità nei confronti delle pratiche più produttive e curative, che operano nel campo delle malattie, e quindi policy o no, le organizzazioni dovranno presto piegarsi alle richieste del pubblico e mandare i malati dai dottori solo se hanno ossa rotte, o hanno bisogno di essere operati, per farsi estrarre una pallottola.
    E dal nutrizionista, che utilizza DAVVERO tutti i moderni sviluppi effettuati nel campo del cibo, delle vitamine, dei minerali e della biochimica avanzata e li utilizza in modo intelligente.

    Una stima di questo ultimo campo era dunque appropriata, e da un po’ di tempo mi sto occupando di una valutazione e uno studio in materia.

    Ciò che ho riscontrato è che manca una coordinazione della conoscenza di questa materia, non solo da nutrizionista a nutrizionista, ma anche nel lavoro della stessa persona.

    È stata portata alla luce un’enorme quantità di materiali nei tre ultimi decenni. Si trova in uno stato pressoché caotico.

    Erba liquefatta ed altre manie dietetiche si sono confuse con il sobrio, regolare soggetto della nutrizione.
    Le mode alimentari e le conoscenze nutrizionali sono così intrecciate tra loro nella mente del pubblico, che se un tipo saccente e privo di scrupoli gli dicesse di nutrirsi unicamente di corteccia d’albero lo farebbe con condiscendenza.

    Esaminando questo scenario, ho scoperto che, comunque, la scienza nutrizionista e la biochimica SONO le scienze leader.

    Questi soggetti sono in effetti delle arti, e si trovano ancora in uno stato piuttosto primitivo.
    Ma certe malattie, ancor oggi fonti di perplessità per la medicina, sono in molti casi un tema sorpassato per i nutrizionisti.

    Se si volessero prove ulteriori, le organizzazioni mediche, specialmente in America, stanno combattendo, con la loro solita violenza, la scienza nutrizionista.
    Propaganda nera, ordini di confisca governativa e tutti i consueti meccanismi che la medicina, nel corso della sua storia, ha impiegato per “salvaguardare” i propri interessi, sono tutti in piena azione, contro i negozi di cibi salutari e il banco delle vitamine.

    Ciò è sufficiente per provare che la scienza nutrizionista è la scienza leader ai giorni nostri, quando si parla di trattamento per la salute fisica del corpo.

    Mentre i dottori e la loro branca psichiatrica inondano il mondo con gli inutili e distruttivi “tranquillanti”, il nutrizionista dà un paio di capsule di magnesio, che calmano una persona in modo splendido e molto più efficace, senza il danno fisico prodotto dal tranquillante.

    La stella delle scienze nutrizionali sta diventando un sole splendente nel campo del trattamento fisico del corpo. È anche abbastanza saggia da sapere e da affermare ripetutamente che lo stress spirituale e mentale DEVE essere risolto, prima che si possano ottenere risultati in abbondanza, il che è assolutamente vero.

    Quindi, in questo momento sto lavorando ad un progetto di codifica e coordinazione di quello che si sa nel campo della nutrizione e della biochimica, non per essere più saggio di loro, ma per porre un po’ d’ordine in questo campo, in modo che il suo potenziale possa essere realizzato più pienamente.

    Questo lavoro è quasi una diretta conseguenza della ricerca di Scientology.

    Sto completando qualcosa che ho iniziato nel 1945, un’indagine sul potenziale biochimico, per decidere in che direzione far proseguire la ricerca: era la mente a controllare la struttura o, come pensava la medicina, era la struttura a controllare la mente?
    Nel 1945 riscontrai che il primo punto rispondeva di gran lunga alla verità.

    Ma allo stesso tempo, se la gente è così fissata sul corpo da avere problemi di natura fisica troppo intensi, per lasciare spazio a qualche altra considerazione, diventa difficile portare loro vero potere e libertà, a meno che non si presti un po’ di attenzione a quello su cui la loro attenzione è fissata.

    La malnutrizione, la mancanza di vitamine e minerali, le malattie croniche e le lesioni che non guariscono sono tutte distrazioni inutili, nondimeno sono distrazioni.

    Non ha senso dare processing a qualcuno per cento ore solo per venire a sapere che gli interessa unicamente curare il suo mal di testa e per scoprire che ha il mal di testa perché è allergico al pane, quando la sua dieta consiste praticamente di solo pane!

    O scoprire che il tizio dal peso eccessivo sta ricevendo processing per dimagrire e dopo un bel po’ di ore venire a sapere che vive di dolci, mentre è diabetico da anni!

    Non ha senso, quando basterebbe far smettere al primo di mangiare pane e frumento e far prendere all’altro un po’ di cromo trivalente e proteine e mettere una guardia davanti al negozio di dolciumi.

    State pur certi che si PUÒ dare processing senza badare a queste cose e persino risolverle, dato che la mente e lo spirito le dominano.
    Ma per quale motivo? È molto più facile procedere parallelamente alla mente e risolvere la distrazione, così da scoprire, POI, perché la persona è diventata così in primo luogo, sempre che sia ancora interessata, ora che sta bene.

    Quindi la biochimica e le scienze nutrizionali sono materie vitali e, per via delle influenze mediche, materie largamente ignorate, anche in presenza di valori positivi e persino vitali.

    La revisione che sto conducendo attualmente su queste cose ha la natura di coadiuvante del processing.
    Come tale, naturalmente, deve abbracciare gli elementi della predisposizione, della precipitazione e del prolungamento delle malattie fisiche.

    È stato stabilito, già prima della presente documentazione, quando nel 1945 lavoravo nel campo della vita in generale, ed ha trovato conferma dai ricercatori contemporanei che operano nel campo della nutrizione e della biochimica, che lo stress è la causa fondamentale delle malattie fisiche.

    Quindi tale ricerca nutrizionale non può soppiantare il trattamento dello stress.
    Inoltre, possono esistere delle condizioni in cui le scienze nutrizioniste e la biochimica non funzionano proprio, a meno che non venga trovato sollievo per lo stress tramite il processing.

    Quindi negli stadi inferiori del trattamento, c’è una banda in cui il pensiero e la beingness fisica tendono a fondersi.
    In questa zona inferiore, sembra che siano necessari simultaneamente processing di tipo assistenze e aiuti nutrizionali o biochimici.
    In tali occasioni, li si deve alternare o applicare insieme.

    Esistono anche alcune carenze che producono manifestazioni alquanto simili, nell’apparenza, all’insania.

    Quando la malattia o la lesione sono acute e gravi, è obbligatoria l’assistenza medica immediata, che può essere accompagnata solo dall’attenzione più leggera possibile al fattore mentale, forse non più forte di una semplice espressione di conforto o un comportamento delicato.

    Nel caso di una persona in coma continuativo, la cui alimentazione avviene per via endovenosa, è ancora possibile dare processing stabilendo un contatto ripetuto, leggero e gentile, della mano della persona con un cuscino o con il letto.
    Quindi è evidente che il processing può arrivare molto in basso. Al di sopra di tutto questo materiale di studio condotto a livello fisico, il soggetto era stato da tempo portato a termine.

  62. Italo Alberti

    Si, lui differenzia i 2 aspetti, chiaramente un Thetan è causa sul body, ma l’uomo non è più a livelli di consapevolezza ed operativi degli Atlantidi. So che c’è anche una ref. che se non ricordo male si intitola Pep (energia) nella quale correttamente sconsiglia cibi spazzatura, ma per ottenere energia consiglia carne e verdura. La carne pur essendo lunga da digerire dà inizialmente ed apparentemente energia e vigore proprio perché è un’eccitante, fermenta, crea acidità, entra in putrefazione e se non espulsa velocemente crea pus, problemi alle articolazioni e malattie: tieni presente che la carne seppur di primissima qualità, inizia a putrefarsi quando viene tolta vita alle cellule. Se Ron avesse veramente approfondito certe cose, di sicuro non l’avrebbe consigliata. Nel libro Mente sana in Corpo sano consiglia una dieta naturale.
    A me sembra che sia meglio prevenire che curare.

    • Marco

      Beh si Italo, però cominciare a parlare di alimentazione è come entrare in un vespaio; c’è chi è per la carne, chi la odia; c’è chi è super vegano, e chi dice che non si può ricavare tutto dal solo mondo vegetale… ecc. ecc.

      Chi ha ragione? Mah, credo che ogni persona ha delle sue proprie preferenze, l’importante secondo me è mangiare roba sana, fresca e poco “maneggiata”… roba semplice, sana e poco elaborata.

      Poi io penso che l’industria alimentare (perchè di questo ormai si tratta), abbia ormai negli alimenti che commercia delle carenze fisiologiche “da processo industriale”, basta pensare alla frutta e verdura che vengono raccolte ancora non matura… che nutrienti vuoi che ci sia in questi alimenti mezzi crudi?
      Dunque integrare l’alimentazione con vitamine, minerali ecc.ecc. è quasi obbligatorio.

      Per esempio, mi viene in mente ora, il motivo di morte più pesante/frequente nel mondo occidentale: le malattie del cuore e/o le arteriopatie… sarebbero tutte evitabili solamente con l’integrazione di acido ascorbico (vit C), la cui carenza causa lo scorbuto subclinico, e dunque il deposito arteriosclerotico che ottura le arterie del cuore (un processo di deposito asintomatico, cioè che… quando te ne accorgi è in molti casi già troppo tardi).

      Riferimenti:
      http://www.laleva.cc/cura/rath_gatti.html

      Poi molti altri casi di questo tipo ci sarebbe ancora da citare, per esempio il caso della carente vit D (d’inverno pochi si espongono al sole, fattore determinante per produzione di vit D), ma sarebbero argomenti troppo lungo da trattare in questa sede…

      Dunque, secondo me, in primis, è il caso di alimentarsi bene con roba il più possibile sana (anche spendendo un pò di più… visto che spendiamo molto in altre cose, spendere in cibo sano mi pare un ragionamento intelligente), dopo di che ci vuole un’alimentazione varia, secondo me, ma ogni persona può trovare il meglio per sè (anche se non so se l’auditor è d’accordo con certe diete ;-( )

      • Italo Alberti

        L’auditor o il C/S non hanno inventato il body. Ognuno deve trovare la propria alimentazione corretta, non è una questione di mode, è una questione che il corpo umano ha una struttura per determinati cibi. Per un leone mangiare carne è normale, ma la preda viene mangiata immediatamente, cruda, eppoi ha un intestino molto più corto del nostro, difatti gli animali selvatici di solito muoiono per 2 motivi: ferite durante caccia o lotte di sovranità, oppure di vecchiaia. Non esistono ospedali o medicine nella giungla.

        • Marco

          Già, è vero… gli animali non hanno ospedali… come ho sempre pensato: “tutta colpa di BigFarma 😉

          In realtà credo sia tutta colpa degli Annunaki… che apposta hanno progettato il corpo umano con molte carenze… per esempio senza un ultimo enzima per trasformare nel fegato il glucosio nel sangue in acido ascorbico (vit C).
          Tutti gli animali producono la vit C nel fegato… e si ammalano molto meno di noi (a parte che gli animali non hanno BigFarma che sparge virus…).

          Comunque che il corpo si ammali cosi tanto (da doversi persino vaccinare ogni anno contro i virus dell’infleunza… chissà come mai?) è mia convinzione che è a causa del progetto del corpo,,, apposta fatto con carenze immunitarie.
          Ma questo solo gli scientologist lo possono capire… e nemmeno tutti, ovviamente.

          • Italo Alberti

            Quando si parla di BigFarma, si tende a pensare subito ai farmaci. Non si pensa invece che il cibo stesso è un potente farmaco inventato dall’uomo, di base è la più potente droga legalizzata esistente sulla terra. Solo pochi uomini (finora) riescono a vivere con la luce del sole e l’aria (Bretariani). Il corpo ha una straordinaria capacità di autogestione. La malattia (anche la semplice influenza) viene spesso interpretata come una debolezza del corpo, percui si corre subito dal medico. In realtà, la malattia non è altro che un tentativo del corpo di disintossicarsi, di solito un qualche giorno di digiuno, riposo o cibi leggeri, la fa passare. Ma BigFarma se ne guarda bene dal dare queste informazioni. Osserva un gatto o un cane che ha appena partorito, non mangia, sta li giorni sdraiato e allatta i suoi cuccioli.

            Ci sono popoli sulla Terra che vivono solo di vegetali, come gli Hunza del Kashmir e i Vilcabamba del Perù, che vivono oltre 100 anni, godendo di ottima salute; gli indigeni del Monte Hagen, nella Nuova Guinea, che godono anch’essi di ottima salute e compiono notevoli sforzi fisici; i Carani Guarani dell’America del Sud, che vivono con gioia e letizia, i russi del Caucaso, gli indiani del Toda (India) e gli indios dello Yucatan nel centro America. Questi popoli hanno in comune un’esistenza all’aria aperta, aria pura, un’intensa attività fisica, sufficienti ore di sonno, un’alimentazione frugale, cioè povera in calorie, proteine e grassi, con largo consumo di frutta, verdure crude e cibi integrali; non assumono farmaci e non soffrono di stress particolari.
            Io ti dico che questa gente se la metti in session hanno un metabolismo che spacca il quadrante…altro che “Hai preso le vitamine? Quante ne hai prese?”

          • Marco

            Si Italo, sono d’accordo con te mangiare tanto (troppo) non serve a nulla, se non al contrario a creare situazioni difficili.

            Certo però è vero che “mangiare è un piacere”… ovvero è il corpo che “spinge” per mangiare… lui pensa di aver sempre bisogno di mangiare (anche se ha riserve a sufficenza).
            E’ un pò come per il sesso… è un piacere, ma quando segui “quell’istinto” in modo esagerato/smodato (ovvunque e con chiunque), i guai prima o poi arriveranno.

            Per esempio c’è da capire come mai i bambini sono golosissimi di prodotti zuccherati (veleno )?!
            I bambini sono innocenti… ma hanno il corpo che spinge per il glucosio, il corpo non distingue le epoche… e dunque spinge sempre per avere glucosio (il carburante delle cellule)… ma fra l’altro la raffinazione ampifica i danni, enormi.

            Dunque è il corpo in primis che non è intelligente (credo sia per questo che ha bisogno di un Essere intelligente al comando).

            Il punto è capire che “Tu sei il dirigente del corpo… e dunque non devi farti dirigere”. Ovvero… il corpo ha capacità di autoguarirsi, ma bisogna eliminare dall’ambiente gli eccessi e le aberrazioni veicolate dai soppressivi, questi si i veri aberrati disastrosi del pianeta.
            E’ come dire: “l’occasione fa l’uomo ladro”… quello che bisogna fare è togliere le occasioni dall’ambiente.

            Anche riguardo al cibo, secondo me abbiamo ancora molto da chiarire (come anche dice Elizabeth), se mettessimo “la testa/l’analiticità” sopra all’istinto di mangiare, di sicuro staremmo tutti molto meglio.

            D’altra parte siamo in una società consumista (soppressiva): “mangia e consuma più che puoi, e poi quando ti ammali (in primis tumori e cardiopatie) per troppo cibo (scorretto) curati e consuma i nostri farmaci. “Siamo d’accordo!!?? (mi è venuta in mente Vanna Marchi)”.

            Credo che anche in questo caso togliere i “Facsimili in sospeso” , tutti i tipi, ma anche i dati falsi della società (“mangia che ti passa”) sia la cosa più appropriata.

      • Luigi Cosivi

        A me va bene tutto, i Vegani mi sono simpatici, purchè abbiano metabolismo.

        • Italo Alberti

          @Marco “Certo però è vero che “mangiare è un piacere”… ovvero è il corpo che “spinge” per mangiare… lui pensa di aver sempre bisogno di mangiare (anche se ha riserve a sufficienza).”

          No, le cose non stanno così. Facendo ricerche ed esperimenti su di me ho scoperto che il corpo mira sempre ed esclusivamente verso la sopravvivenza a lungo termine e alla migliore perfezione. Probabilmente l’unica pecca che il corpo ha, è che non è in grado di ragionare, pur avendo comunque un elevatissimo livello di discernimento.

          Se il corpo sembra richiedere cibo anche se ha già riserve, vuol dire che c’è qualcosa che scatta, che si collega al cervello e richiama il facsimile-cibo. Tutto questo parte dalle tossine. Tossine in circolo chiamano tossine e cioè gli stessi cibi che le contengono. Questo, comunque, non è un danno, perché quando il corpo le mette nel circolo sanguigno è perché sono prossime all’espulsione, ma in questo frangente di tempo c’è il richiamo degli stessi cibi che le contengono, è un po’ un A=A. Un corpo pulito non richiama niente, viene il desiderio di cibo quando esiste la vera fame, e questo significa che hai ancora un qualche giorno di sopravvivenza. La VERA fame la riconosci perché persiste continuamente, non dura solo un po’. Quando ciò avviene non hai dubbi. Pensa che io qualche anno fa ho fatto 17 giorni di digiuno totale (acqua, quando avevo sete, e riposo), poi l’ho interrotto e non avevo ancora fame. E’ tutta una faccenda di tossine intrappolate nelle cellule. Di solito quando uno cerca di dimagrire ha una forte mancanza di determinati cibi ai quali deve resistere (crisi di astinenza). Questo avviene perché il corpo inizia ad utilizzare le riserve, in queste riserve ci sono anche le tossine che, durante la dieta si liberano, richiamando cibo sbagliato.

          Il cibo dovrebbe avere un’azione pulente e rigenerante, e questo non avviene di sicuro mangiando in continuazione cibi collosi (pane, pasta raffinati) o carne. La pulizia interna è favorita da cibi nutrienti come frutta e verdura o comunque naturali e non costipanti. Uno dei primissimi indicatori è il ripristinato funzionamento intestinale che gradualmente ti fa stare sempre meglio. Di fatti l’intestino è uno degli organi deputati ad espellere tutto ciò che il corpo ritiene inutilizzabile e dannoso.

          Perciò, avere un pc che ti arriva in session e che sta già da Dio, non ci devi perdere tempo con i ruds.

          “E’ stato provato che sono le cellule e non l’individuo, ciò che registra il dolore. E il bank engramico reattivo è composto soltanto da cellule…l’engram non è un ricordo: è una traccia cellulare di registrazioni incisa profondamente nel corpo stesso” Book1 p.156

          E io ti chiedo: dove vanno a finire, dove si incistano le tossine? Nelle cellule. Tutto questo aggiunto ai dati del Purif la dicono lunga. Non è un caso se il risultato del Purif Rd da benefici fisici e spirituali.

          “Il progresso nasce da interrogativi liberamente posti alla Natura” Book1 p.156

          “E’ una domanda posta alla Natura, che risponde allo stesso modo infallibile, sempre e ovunque” Arnold Ehret

          • Marco

            Italo, è un dibattito interessante…
            Hai scritto cose molto attuali e dibattute nel modo wog (senza connotazione negativa, solo per dire che la scienza della nutrizione non ha i dati di Scn)… ma molte cose che dici non le conosco e dunque non so valutarle benissimo… per esempio dici:
            E’ tutta una faccenda di tossine intrappolate nelle cellule. Di solito quando uno cerca di dimagrire ha una forte mancanza di determinati cibi ai quali deve resistere (crisi di astinenza). Questo avviene perché il corpo inizia ad utilizzare le riserve, in queste riserve ci sono anche le tossine che, durante la dieta si liberano, richiamando cibo sbagliato.

            Purtroppo di questo fattore “tossina richiama tossina” non so nulla… o poco. Capisco che esiste il fenomeno dell’astinenza (di droghe e farmaci e zucchero e altre soistanze che danno effetti), ma l’astinenza da tossine non lo avevo mai letto.
            È interessante… anche se un po’ difficile da comprendere di tossine/veleni.
            Per esempio: sarà proprio vero che il corpo richiama veleni (tossine) tipo… che ne so? Alluminio, mercurio, piombo, arsenico, cloro, pesticidi… tossine regolarmente presenti nei cibi?

            Secondo me la verità è che alcune tossine, credo soprattutto le droghe, ovvero ciò che da un effetto mentale (leggero o deciso), creano astinenza, altri veleni… beh, faccio fatica a crederlo/capire.

            Poi dici ”Facendo ricerche ed esperimenti su di me ho scoperto che il corpo mira sempre ed esclusivamente verso la sopravvivenza a lungo termine e alla migliore perfezione. Probabilmente l’unica pecca che il corpo ha, è che non è in grado di ragionare, pur avendo comunque un elevatissimo livello di discernimento.”
            Questa cosa è abbastanza avanzata…
            Io credo invece che un corpo è abitudinario, si abitua a ciò che gli dai da mangiare da tanto tempo, non che sia cosi intelligente… se ad uno piace la pasta, mangia pasta (glutine colloso) e nemmeno quella integrale.
            Per esempio io so molto bene che è meglio mangiare riso integrale, ma mi costringo a mangiarlo… perchè in effetti non mi attira moltissimo. Credo perchè sono cresciuto in una famiglia che andava via di pasta (come tutte le famiglie italiane).

            Il corpo è classificato da LRH (uno dei ricercatori più autorevoli) come un vegetale un po’ più evoluto… ovvero senza un thetan intelligente il corpo non va molto lontano.

            Anche in questo caso che tu dici (“Facendo ricerche ed esperimenti su di me ho scoperto che il corpo mira sempre ed esclusivamente verso la sopravvivenza a lungo termine e alla migliore perfezione.”) credo sia il thetan che dirige il corpo verso maggior sopravvivenza.

            Certamente il corpo ha un istinto, ma se è affamato e non trova altro da mangiare che porcherie (che ne so? Cibo spazzatura)… beh, mangerà porcherie.

            È il thetan che impara dalla ricerca cosa è meglio mangiare e poi mangia quello che lui pensa sia meglio.
            Il dibattito su come è meglio nutrire il corpo umano è molto dibattuto e veramente pieno di contrasti pesantissimi…
            Se il corpo sapesse già cosa mangiare… beh, non servirebbe fare tanta ricerca.

            L’esempio migliore è vedere questa cosa sugli animali: se un cane avesse la possibilità di scegliere da un tavolo imbandito di tutti gli alimenti… cosa mangerebbe? Ed è il meglio o è solo gola?
            Per il momento gli animali domestici si mangiano le dannosissime crocchette preparate dall’industria, tumore garantito.
            Se un cane o gatto avesse un tot di fame si mangerebbe anche un topo putrefatto.

            Quello che voglio dire, è che è la ricerca, dunque l’analiticità applicata, che dice cos’è meglio mangiare… e poi l’individuo mangiando quello che è più logico analiticamente (in base a tanti ragionamenti su cosa è meglio) si abituerà a quel cibo, che poi è il più corretto (come dici tu).

            Per esempio come dici tu: fare il digiuno è di grande salute… ma questa cosa la devi ragionare, perché non è istintivo (se non in caso di malattia, che ti fa perdere totalmente l’appetito. Questo si un meccanismo innato del corpo).
            Ragionando e ricercando sappiamo che il digiuno è fenomenale… ma non è istintivo (se non in rari casi).

            Va beh, era per dire che non è poi cosi vero che il corpo è molto intelligente… ha degli istinti corretti, ma ne ha anche molti non tanto senzienti.

            Ma questo è un dibattito vecchio come la civiltà… ed in Scn mi pareva risolto definitivamente: è il thetan che è analitico, il corpo ha automatismi, che alcune volte sono corretti, altre volte non proprio.

            È il Thetan che ha “Potere di scelta”.

  63. Mister X

    La cosa più “orribile” che un pc o pre ot deve sopportare prima di andare in seduta è l’incontro con il D of P o servizi tecnici i quali gli chiedono ;spesso davanti ad altre persone ( che è segno di grande maleducazione ): ” Cos’hai mangiato ? ” . Naturalmente desiderano come risposta : ” Carne ,uova ecc(proteine). Nei materiali per fare una seduta non viene minimamente citata questa pratica invalidativa e valutativa e l’auditor chiede semplicemente se ha mangiato a sufficienza . Naturalmente l’auditor verifica anche il metabolismo . Se c’è il metabolismo e il pc ha mangiato a sufficienza l ‘auditor fa la seduta punto e basta. Finchè il pc ha guadagni di caso si va lisci come l’olio su per il ponte. Il fatto di chiedere cos’hai mangiato è una pratica non standard che nella chiesa si è consolidata dopo che non riuscivano ad ottenere il METABOLISMO . Io personalmente ho audito casi che seguivano la loro dieta vegetariana e non ho mai avuto problemi . L’auditor ed il C/S non entrano in discussioni su questo;il D of P sì perchè a lui interessano le ore audite e quindi cerca tutti i modi per fare più ore possibili . Specialmente quando i pc sono pochi o il pc devono completare intensivi e VSD ( soldi pagati che vanno in statistica) e deve acquistarne altri. Quindi si creano e si consolidano pratiche non conformi alla scena ideale di una seduta. In caso diverso dove il pc è denutrito o ha carenze alimentari che gli impediscono l’auditing o anche fare il più piccolo lavoro esistono medici . nutrizionisti ecc. ( persone qualificate). a cui il pc deve rivolgersi ( veda lui).

    • Italo Alberti

      Loro si aspettano che il pc abbia mangiato cibi “sostanziosi”, tipo carne, uova, ecc. ma non conoscendo l’apparato digestivo dell’uomo non sanno che questi cibi richiedono non solo un eccessivo ed inutile dispendio di energia digestiva (che invece dovrebbe servire per l’attività mentale), ma anche una necessaria attività enzimatica digestiva, enzimi, che non essendo contenuti in questi cibi, costringono il corpo a ricorrere alle proprie riserve (ammesso che ne abbia) a discapito invece di tutta l’energia mentale richiesta durante la session. Questi potenti catalizzatori (gli enzimi) permettono all’apparato digestivo di funzionare ad una velocità più elevata senza nessun surplus di energia, in pratica sono “turbo” a costo zero, se contenuti nei cibi stessi, tipo frutta e verdura.

      Non c’è poi da sorprendersi se il pc “che ha mangiato a sufficienza come da istruzioni dei servizi tecnici” è un po’ stanco…con tutto quel cibo “sostanzioso che deve digerire”.

  64. ABOUT FOOD

    Food products which now consumed by the human race their origin and how they were used can be found on the Track.
    All food products every one of them affects the person: the Spiritual Entity.
    Food products which we put into the body are stimulative because after all they are energy on vibrating mass.
    We are “”””allergic”””” to food products same way as we are affected by words –communication: we are re-stimulated!

    Each produce regardless what they are have their very own stimulating vibration which when put ‘’inside’’ the body changes the bodies already established vibration-energy level.
    Example: coffee has stimulating strong vibration but bread regardless what form or shape it is have much heavier vibration in fact could act as on suppressive to light sensitive persons.

    Consuming fruit and vegetables on the other hand causes less stimulation because what these product are made of : their energy-vibration is very light and accordingly causes less stimulations=re-stimulation.

    Each product separately can be taken into session and the reasons why now is used and why than it was used can be found on the TRACK and as-ised and cognitions will pour and the person after that can eat-consume any variety of foods without being effected.
    One of the most addictive food products used at the present time is made from GRAINS.
    Food products on the Track were used for a very different reasons for example Powder of the Grain =wheat flour was used in very small quantities same as Cocaine or Heroin power used now and had the same effect!

    Hard to believe? But this is not made up fiction but fact which can be found by those who will be curious enough and have sessions on these items in order to find out why we eat in the first place!

    In History written testify Grains were made into liquid product and consumed and that is called whisky these days which is equally addictive and being drank by millions and millions of litres-gallons each year.

    Food products on the Track were used to adjust regulate correct alter change the personal energy level which was effected by constantly incoming strong vibrations from other matters, other persons.
    They were used to Harmonize self’s energy level in order to ‘’feel’’ level unruffled, and not be on effect!
    Of course this is my new found realities.
    Elizabeth Hamre .

  65. PS: I need to mention that as Time passed by on our personal track we have become heavier =more aberrated because of that reason the person needed heavier stimulative in order to feel the change, in order to harmonise the personal energy level therefore the dosage food drink etc had to be increased, had to be made bigger.
    Example: full plate of pasta, few glasses of wine, 2-3 cups of expresso will do the trick now.
    Way back on the Track we were very light in spirit, our energy level were flimsy like now what on apple’s energy vibration is, or on blossom therefore we only needed tiny amount of anything in order to change our vibration-personal space.
    Elizabeth

  66. Libero

    Marco i bambini mangiano zuccheri xche educati a quel gusto fin da neonati.. Il gusto dolce è buono. Se provi a dare lo zucchero a degli indigeni di qualche tribu sperduta che non ha mai avuto contatti con la societa moderna te lo sputano addosso. .. Il sale invece è sempre accettato volentieri.

    • Marco

      Mah Libero, non ne sarei cosi sicuro (che gli indigeni te lo sputano addosso)… dalle informazioni che ho (libri letti, fantastico e consigliato: “Sugar Blues – la malattia dell zucchero”), lo zucchero ha rovinato persino eserciti: quando importato dalle Americhe (dopo la scoperta delle) e imparata la raffinazione della canna da zucchero, lo zucchero era molto più disponibile ed è stato diffuso come fosse un elisir anche ai soldati (addirittura ancor prima causò guai ai soldati romani, a cui cominciarono a dare zucchero come fonte di energia, ma non ricordo bene da dove veniva lo zucchero dei romani, credo dall’Egitto e Grecia…).

      Lo zucchero è sicuramente “spacciato” in gran quantità dai produttori, ma la gente lo compra perchè: 1° è mal informata (non sa il male che fa, anzi…) 2° perchè piace al corpo.

      Sul libro “Sugar Blues” si spiegava appunto anche perchè lo zucchero è cosi amato: perchè il corpo “ha l’ansia” di avere sempre disponibile glucosio nel sangue (il carburante più immediato del corpo).
      Ma la natura non lo aveva prodotto cosi tanto in abbondanza (di sicuro non raffinato).

      Sul libro molto molto documentato (lo consiglio) addirittura c’era il dato che… i primi manicomi in Europa sorsero dopo l’importazione di zucchero… (a causa della carenza di vit gruppo B e minerali causata dal metabolismo/digestione degli zuccheri zaffinati. La carenza di vit B causa insanità mentale. Un pò come “La Pellagra”, tipica nel Veneto, che a causa di troppa polenta, causava l’esaurimento della B3, o PP, “Previene Pellagra”).

      Anche le “streghe e stregoni” si comincio a bruciarle/i per un fattore economico: “le streghe” erano contro lo zucchero e consigliavano invece erbe e decotti e “altre medicine” naturali… beh, i commercianti ricchi corromperono la chiesa cattolica, al tempo una dittatura, e cosi… cominciarono a… bruciare le streghe (“cosi imparano ad essere contro lo zucchero”).

      Lo zucchero crea stanchezza e depressione e acidità e grasso dannoso e sovraproduzione di insulina e poi il diabete… ecc. ecc.

      Ricordo la conclusione di un HCOB di LRH intitolato “Zucchero”: … e l’America si è vendicata, per essere stata scoperta e saccheggiata, innondando il mondo di zucchero” +/- così.

      https://www.facebook.com/notes/vegetariano-vegano-biologico-ecologico/zuccehro-raffinato-lamara-verita/318902331591184/

      • Libero

        Ciao Marco, sono stati fatti degli esperimenti con indigeni affricani o dell’Amazzonia completamente isolati che non avevano mai a avuto contatto con nessuno. Ti assicuro gli scienziati rimasero sconcertati dalle reazioni allo zucchero…

      • Italo Alberti

        Io fortunatamente non amo molto lo zucchero, anche se a volte serve per addolcire un po’. Lo zucchero di stevia è ottimo perché è vegetale e molto più potente (percui ne serve pochissimo). Come sale invece uso abitualmente il sale dell’Himalaya (detto anche sale rosa).

  67. Italo Alberti

    Marco, certo, il Thetan può fare qualsiasi cosa, purché sia in grado di farlo. Come mai un drogato molto difficilmente riesce a smettere da solo? Eppure anche lui è un Thetan. Tossine in circolo che lo fanno star male.
    La stessa cosa vale per il cibo, c’è gente che se non mangia un giorno sta male, mal di testa stanchezza, ecc. ecc. Tossine in circolo anche qui come ho spiegato sopra. Normalmente quando una persona passa ad una dieta più naturale, mangia meno e se come aiuto ci fa qualche giorno di digiuno (ma non è necessario), ringiovanisce, ha una mente più fine, più elastica e sana, come mai? Meno tossine.
    Come mai gli ospedali sono sempre pieni? Tutti pts? Di sicuro della classe media. Come dicevo: esistono forse ospedali nella giungla?

    Ricordo che 40 anni fa presi per qualche giorno dei sonniferi. Successivamente conobbi Scientology, ma non li espulsi Ogni tanto, “inspiegabilmente” mi venivano colpi di sonno quando guidavo. Qualche anno fa passai ad un tipo di alimentazione più naturale, pulente e rigenerante, sapevo, sentivo di essere sulla strada giusta. Un giorno ebbi la gog: ho buttato fuori gli ultimi residui di quel sonnifero. Da dove provenivano quei colpi di sonno? Tossine in circolo ma che per qualche ragione non venivamo mai espulse completamente.

    Una cosa è certa, la Natura è paziente, ma non perdona. Alla fine ti presenta sempre il conto. E poi ne hai voglia di andare in session se hai un corpo distrutto.

    Io non ho ancora capito esattamente (ma un giorno troverò la risposta) per quale motivo io ho determinate percezioni e gli altri no. Iniziai a pormi queste domande ancora in giovane età. Durante i miei esperimenti che poi si sono consolidati, ci fu un momento che improvvisamente vidi la traccia cellulare dei miei avi, capivo a grandi linee cosa mangiavano ai loro tempi, nello stesso istante vidi anche la mia traccia genetica sino al remoto, che era tutta diversa, probabilmente avevo una G.E. (Entità Genetica) che lungo il suo corso evolutivo rispecchiava fedelmente questo tipo di alimentazione; mi rendevo conto che era quella giusta.

    In un’altra circostanza, in un momento di espulsione di tossine, improvvisamente vidi una maschera levarsi e andarsene dal mio viso. Mi toccai il viso, mi guardai allo specchio, ma mi vedevo uguale.
    Successivamente notavo che le persone mi guardavano, come vedessero un altro, un mio amico addirittura mi chiedeva cosa era successo. In pratica il mio aspetto era cambiato davvero. Motivo? Tossine sparite. E come ci erano entrate? Coi cibi sbagliati.

    Rifletti su queste cose e fai delle ricerche. Esci dalla classe media, molti guadagni si possono ottenere semplicemente cambiando alimentazione.

    • Pier Paolo

      Mi chiedo come mai allora di tutti quei partecipanti ai vari reality, tipo l’Isola dei Famosi, che per svariati mesi si sono nutriti (per modo di dire…..per la maggior parte del tempo facevano digiuno…..non so quanto terapeutico/consapevole) in maniera naturale di cibi crudi……nessuno mi risulta si sia convertito ad una dieta crudista!?

      Possibile che non abbiano notato tutta questa grande “differenza” da te così evidenziata/sponsorizzata?

      • Italo Alberti

        Io non conosco L’isola dei Famosi, ne ho sentito parlare, conosco meglio il Grande Fratello, per caso vidi qualcosa la primissima edizione del 2001, se non sbaglio. Avendo buttato via la tv 35 anni fa, non mi mancano quei 4 pagliacci da circo che si vendono per 2 soldi o i telegiornali riciclati.
        La realizzazione più grande che ebbi (valutando e confrontando piccoli dettagli) fu che questi programmi sono tutti una farsa. E’ tutto studiato a tavolino, sono attori seppur principianti. Non c’è niente di spontaneo nemmeno l’orario, è tutto preregistrato e poi lo trasmettono alla stessa identica ora della trasmissione, cosi il telespettatore crede davvero che sia in diretta.

        L’alimentazione, come tutte le cose, dev’essere autodeterminata, imporla significa creare schiavi.

    • Marco

      Italo, io sono parecchio d’accordo con te… le tossine, veleni, chimica, groghe ecc. ecc. che escono dal corpo sono assolutamente un toccasana e una necessità vitale. Io lo faccio (conosco un pò di metodi) e ne ho una buona conoscenza… perchè è certo che “la mente è sana in un corpo sano”.

      Ma… dico anche che un corpo sano non è tutto, è moltissimo nella nostra epoca inquinata (e se è per questo manca anche l’ossigeno), ma dopo un corpo sano bisogna senz’altro “ripulire” la mente. Perchè è la mente bacata di qualcuno (ed i suoi seguaci) che sta inquinando ed avvelenando l’ambiente, gli animali e gli umani (thetan con un corpo).

      LRH aveva pensato a questo, ha sviluppato un bel programma, Purif/RD , e non a caso lo ha messo all’inizio del Ponte… le tossine (chimiche e veleni ecc.) influenzano parecchio la mente.

      Io conosco molto bene il Purif/RD, molto, e/ma purtroppo da quel che ho esperienza, ho constatato che non ripulisce da tutti i veleni… purtroppo (ma ora non dico molto altro, è un argomento troppo lungo e forse noioso…).

      Cmq in sostanza sono d’accordo: prima pulizia del corpo, poi alimentazione pulita (non inquinata) e dopo di che velocemente a ripulire la mente… per poi darsi da fare sempre più nel risanare questo pianeta inquinato e pazzerello: ” e se voi cercando l’inferno aveste trovato la Terra, questa avrebbe fatto al caso vostro”.

      La Terra è abbastanza un posto difficile, giusto perchè ha un passato difficile (qui ne hanno combinato di ogni…), e perchè in effetti è pieno di SP che inquinano e avvelenano… e intrappolano la gente in ogni altro modo.

  68. Diogene

    Invito a continuare questo dibattito molto interessante sui vari aspetti della nutrizione riguardo le reciproche influenze corpo-mente-spirito.
    Io mi astengo dal commentare, non essendo esperto in materia, ma ovviamente sono cosciente di certi meccanismi del corpo e del ruolo che il thetan può avere sia in positivo che in negativo.
    D’altra parte, a forza di sentire una quantità di campane dissonanti e altisonanti, vien voglia di seguire il vecchio ruspante buonsenso che suggerisce di mangiare un po’ di tutto ma con attenzione alle porzioni e ai tempi di assunzione. L’uso della nutrizione come “medicina della salute” è senz’altro un campo specialistico e ben vengano le ricerche ed i suggerimenti. Noi occidentali siamo vittime in modo particolare di cibi manipolati industrialmente e purtroppo anche di disinformazione che spesso deriva da un eccesso di informazioni pilotate pro o contro le diete moderne. In pratica, si fa fatica a decidere qual è il modo ideale per nutrire e fortificare il nostro corpo che non è necessariamente uguale ad altri corpi. Anche l’ambiente gioca un ruolo fondamentale e lo vediamo nella quasi infinita varietà di prodotti disponibili nelle diverse aree del globo. Un altro aspetto da considerare è l’abitudine inconsapevole e le consuetudini alimentari magari vecchie di secoli.
    Mi rendo conto, scrivendo, che si tratta di un tema complesso e che quindi merita approfondimenti ed aggiornamenti costanti.
    Quello che possiamo fare in questo blog (non essendo dedicato alla nutrizione) è un approccio scientologico con particolare riferimento alle interazioni corpo-mente-spirito, così come Marco e Italo stanno portando avanti. In fondo, il “sapere” è il nostro principale nutrimento.

    • paolo facchinetti

      Mi sembra che questa volta (!) Elisabeth abbia scritto delle cose intelligenti sull’apporto energetico dei vari cibi in relazione ad una determinata condizione dell’essere.

      • Paolo dear!
        I never claim what I write is true, I seldom claim that something is a fact, and I never claimed ”intelligence ” since to me intelligence or stupidity is same as ”beauty” or any other consideration-beliefs each individual has in their ”mind”=bank: they are simply considerations!
        By now we all know if a subject can be as-ised in session than it was on altered reality- belief and Paolo every though any human has can be as-ised in session! So there goes intelligence! hehehe..
        I emphasise in my blog, in my writing what I write is what I see in sessions and believe me There is not much intelligence in the subject I take into sessions because every one of them is as-ised and a new form of reality– emerges as a cognition, and are these cognitions are Intelligent? I haven’t a clue because cognitions cant be compared to any other persons realities. So I dont feel insulted by your remark…. we have and we live in different realities and we cant duplicate other persons reality-how they see-feel.
        But since I have been reading comments here on food stuff I decided to have more sessions and food -eating -the reasons why we eat.
        Paolo… I ask question why do SPIRITUAL BEING BELIEVE THAT FOOD IS NECESERRY FOR SURVIAL?
        Why humans believe that different foods , some are good for you and some are bad?
        Why do you think that food has such on great importance, why each individuals daily activity revolves around eating-drinking and having sex or thinking about it?
        I have the answers.
        In the last few days I have seen in form of cognitions about food which to the reader would simply shocking, unbelievable, and of course unintelligent.

        Those of us who go into sessions we do it daily in order to find-locate different realities from what we have been thought by others, what we learned here on this planet , what we have believed in and Scientology Auditing Technology was created in order to find different realities and if these newly found realities -cognitions are so off the track what on average belief is than that is good and that indicates that the Auditing Technology works!
        There would be not much point going into session to find the same beliefs as we already have in fact that would be a waste of time.
        So, in my belief what I ever write is not intelligent, or stupid just different reality on the same subject from what others know and write about.
        Paolo you have on ARCB with me, do have a session on that because being in friendly terms -communication would be much more pleasant sensation a ”having-ness”.
        I wish you and yours a wonderful Holiday!
        Elizabeth.

      • By the way… This is my 3rd day semi ”Fasting” I haven’t done this for years and I felt I was coming down with a Cold…. had all the simptoms so I though might as well.
        By the end of the first day body -aches, and headache vanished and the second day the stuffy nose were gone and I felt great.
        I know that each different item-food has different level of energy-vibration and these vibrations when embraced into the persons personal space which also contains the body, causes alteration of that space and that alteration causes the different sensation in the ”””item=body””’ But the body cant feel a thing, what we feel is what we put there and what we consider that the body feels!
        and when a salad is eaten with oil than the persons energy-space now contains that vibration and that is experienced by the person.
        I have seen -experienced in this last few days how the clear space was regained which I have by eliminating other energy-mass.
        I feel I float… that the wind can blow through this space 🙂 I feel that barriers-walls have been fallen away and that is normal because each food item is a piece of mass therefore they have size-shape -color an when we embrace these items into our space we can only experience their density- size-shape=vibration.

      • PS…after thought…. No person… Entity can become on OT while having a body and while having and feeding the body because the items vibration: foods energy-vibration continually cause- gives stimulation.
        Even after a life time in session My personal space is very clean, yet it contains the body, which vibrates because it is a live matter, therefore I experience its vibration, plus I experience the constant vibration of every item which is around us, including THE EARTHs these constant experiences hold the person-entity in their grip.
        So the TRUE_SELF do not exist here, cannot become because we are effect of the Universe.

  69. Libero

    Chi ha notato che nel.sito di Mark Rathbun i messaggi del pubblico si sono ridotti a 9? Questo da quando il suo blog è diventato un auto sponsorizzazione dei suoi personali romanzi … ahahah povero.

  70. billy cage

    Bollettino di un pc:
    In questa tempesta di cibi cotti, crudi, sani, insani, gradevoli o repellenti mi dissocio per ignoranza quasi totale e vi torturo con il pensierino mensile sullo stato dell’arte ossia il mio procedere sul bridge….
    Credo di star terminando il grado uno e i procedimenti continuano a fare il loro lavoro anche dopo la “Fine della session”.
    Sento un assestamento in corso di tutto il mio essere e provo una sensazione di spiazzamento. Una cara amica mi ha chiarito che è naturale per via che devo riallineare i miei dati.
    Sono d’accordo.
    Le realizzazioni che sto avendo sono elettrizzanti, ho scoperto che attorno alla mia sofferenza principale avevo creato una catena di postulati e considerazioni (perdonatemi se magari non è un fenomeno reale o magari ha un nome tecnico che non conosco) o così l’immagino, dove il seguente alterava il precedente in una serie piuttosto lunga e aggrovigliata.
    Vi lascio immaginare il casino!
    Faccio un esempio terra terra: L’attenzione che avevo su un problema era essa stessa un postulato che mi imponeva di avere costante attenzione su quel problema per risolverlo!
    E’ stato importante ricordare di averlo realmente postulato, non credo sia self auditing ricordare cose coscienti…
    A volte all’improvviso riscopro di avere un corpo e ho l’impressione di fare l’azione di riprenderlo, ovviamente la cosa mi è sembrata divertente….
    Sperimento stati d’animo che provavo quando ero molto giovane come se stessi recuperando le condizioni che poi con l’età adulta ho perso.
    Mi sento più leggero e le cose ancora irrisolte intorno a me mi preoccupano molto meno.
    Sono più disposto a percepire stati d’animo che prima rifuggivo (alteravo) essendo disposto ad essere effetto in modo attivo ossia autodeterminato.
    Qualcosa dentro di me timidamente gioisce e spera che questo ponte sia tutto vero.
    Addirittura sono arrivato ad essere grato alle mie sofferenze per avermi data la motivazione a risolverle permettendomi questo cammino che va ben oltre al loro superamento.
    Se non ci fossero state non avrei avuto questa spinta ad avviarmi sul ponte, tenendo vivo questo desiderio per trent’anni.
    Senza le mie paranoie avrei vissuto meglio ma magari rimanevo un normalissimo wog senza tentare di recuperare tutto me stesso che sento frizzare sotto la pelle.
    Ancora non ci credo, ho un auditor, tempo e mezzi per potermici dedicare ed una calda e cara famiglia in cui esercitare un confortevole auditing domestico.
    Penso di star mantenendo un’ottima tabella di marcia “per ora”.
    Col mio auditor gioco spesso , quando faccio affermazioni positive, ad aggiungere un “per ora”.
    Scherzosamente la chiamo considerazione aperta, sapete un po’ di scaramanzia non basta, la posta in gioco è piuttosto alta ma sono in ottima compagnia.
    Si, sono veramente fortunato. ” Per ora”.

    • CONGRUTULATION! Thank you for sharing your cognitions: your newly gained reality, understanding your self!
      Best to you. Elizabeth.

    • Diogene

      Caspiterina e ciribiricoccole… da restare a bocca aperta!
      Non ti conosco ma ricordo molto bene i tuoi primissimi interventi su questo blog… e certamente li ricordi anche tu.
      SEI diverso, la tua comunicazione E’ diversa! Ottimo lavoro (di squadra)!!
      Va bene la magia di Natale… ma vuoi mettere quella dei Gradi?
      Complimenti e continua a romperci (il bank) coi TUOI successi.

    • Marco

      Complimenti Billy, una descrizione “da mozzafiato” dei tuoi raggiungimenti… roba superlativa!

      Mi hai fatto venire in mente i risultati dei miei primi tempi in auditing… è proprio così, miglioramenti che ti lasciano a bocca aperta.

      Credo perchè i cambiamenti iniziali dei primi anni, sono oltre che guadagni di Caso non immaginati possibili (novità ecaltante), anche una sorpresa in divenire per “l’entrare” in questa nuova realtà… una specie di “spazzare via le menzogne che non credevo possibile”.
      Oltre il toccare con mano il fatto che “sono un thetan immortale e posso recuperarmi”.

      Anche questo che dici Addirittura sono arrivato ad essere grato alle mie sofferenze per avermi data la motivazione a risolverle permettendomi questo cammino che va ben oltre al loro superamento.
      Se non ci fossero state non avrei avuto questa spinta ad avviarmi sul ponte…
      spesso all’inzio l’ho pensato anch’io (quando subivo le angherie della Cof$ e/ma ingoiavo per cmq andare avanti)…

      Buon proseguimento (e tienici informati).

    • Guido

      Bellissime le tue realizzazioni Billy, la “Cage” sta svanendo!
      Un abbraccio
      Guido

      • Calla

        Ho aperto velocemente ( poco tempo) ed ho letto l’unica voce nuova che ha scritto … e sei tu fantastico quello che hai scritto , complimenti col cuore.

    • Custer

      Che dire .. WOW

  71. Intelligence.

    I would like further express my thoughts belief-reality what is intelligence: this viewpoints were also expressed by LRH.
    He said that what we personally consider intelligent is an assessed material, which is evaluated –appraised – judged -estimated and compared by us accordingly what we already know, we do this automatically as the information arrives.
    And I ask what is on “automatic reaction” to which the Thetan not aware of? BANK reaction.
    And we use this assessed information to our best ability to enhance our survival!
    And assessment happens, hehehe, compiled –categorised by importance! The importance of the info depends on who said it, how important that person is and just how much ‘’agreement’’ was collected therefore it is judged-ruled on to be true or false!
    I totally agree on this with LRH.
    Personal realizations -cognitions are not agreed upon realities-truth simply because these considerations did not come from already assessed-compiled material= teachings, education, or hearing spoken words-philosophies, simply because cognitions are the original reality and are the facts to who cognizes.
    These cognitions are the new building blocks, a new way to look at the Universe and they establish fresh reality for self, new way to play-create and they don’t need agreement in order to exist or to be smart –intellectual in any ways.

  72. billy cage

    Grazie a tutti dei riconoscimenti, vi terrò informati dei miei progressi nella “Terapia riabilitativa delle potenzialità dello Spirito”.
    La semplice percezione di sé stessi senza cariche aberrative è di per sé una gioia.
    Qualcuno sa dirmi se Elizabeth si è unita al comitato dei riconoscimenti?
    E se sì, qualcuno può tradurla?
    Grazie di nuovo, il neonato ha cominciato a gattonare……..

    • No, Elizabeth haven’t joined because Elizabeth was not asked, that simply means Elizabeth in the mind of some that Elizabeth is not worthy of such action that she do not belong into the company of those notable people!
      But billy cage thank you for your consideration and wish you and yours a Very Happy Holidays!
      Best Elizabeth.

    • Congratulation on the second event THAT YOUR BAMBINO IS STARTING TO WALK!

      • Diogene

        Elizabeth,
        sometimes translating makes jokes!
        There is no “comitee” and there is no “bambino”. It’s Italian ordinary speech.
        So, there are no “notable people” here, and your complaint is just out reality.

        • Well than Diogene the BIG JOKE IS ON ME and I sincerely hope that my comments brought smiles, but they were just concepts words and they are all gone and everything remained the same! Nothing has changed!
          Wish you and yours a Grand Happy Holiday!
          My best with affection. Elizabeth.
          PS, I have to admit that posting here brought me great surprises because of the language and it has been fun… most delightful experience!
          Long as we dont take words too seriously than we all can say that we have learned something new by being here, I have and I greatly appreciate the members here who take their time to read the posts and comment.
          Best to you all.

        • By the way Diogene thank you for taking the time to let me know, thoughtful of you, most generous. E.

        • PS, posting, leaving comments and exchanging thoughts-realities in these past 51/2 years brought my great amount of wins-cognitions, I regard every comment to me no matter what their content was a gift. I believe that nothing happens by accident and feel joy because meeting all of you!

          • Cara Elizabeth,
            per quanto possano essere interessanti i tuoi commenti, purtroppo NON sono in italiano, e questo e’ un peccato perche’ non tutti i lettori capiscono il tuo inglese. Tu sai quanto distruttive possano essere le parole malcomprese. Pertanto, essendo questo un blog italiano, ti inviterei a postare i tuoi interventi nella nostra lingua.
            Tanti auguri di Buone Feste.
            Guido

    • Diogene

      Sì, Billy, Elisabeth ti aveva fatto subito i complimenti (pubblicati qui sopra)
      Poi lei ha mal compreso questo tuo commento e… lasciamo andare, così non roviniamo la festa.

  73. Italo Alberti

    Yes. Elizabeth, we are italian, you need write in italian.

  74. Burlesque

    E’ un abitudine culturale anglosassone quella di parlare con uno straniero in inglese e di non sforzarsi di parlare altre lingue… questione di presunta supremazia culturale. Ma le culture sono cose fragili e bisognerebbe andare oltre… 😉

    • paolo facchinetti

      Soprattutto se la scrivente sa solo l’inglese e non l’italiano. Un conto è usare google translator per tradurre nella propria lingua e un conto è usarlo per tradurre la propria lingua in una lingua straniera che non si conosce. Temo che Elisabeth vada accettata nella sua lingua perché non può scrivere in italiano.
      .

      • Italo Alberti

        Allora potrebbe scrivere anche un cinese, un russo o un indiano. Voglio dire: qui siamo in Italia e non tutti gli italiani conoscono altre lingue. Elizabeth se non scrive in italiano si taglia fuori da sola.

        • paolo facchinetti

          Vedi Alberto, io a volte la leggo come pure Diogene e tanti altri. Puoi cercare anche tu di usare google translator come fa lei oppure la “salti”. Certo è che a volte Elisabeth è un po’ “invasiva”… la fortuna dei pensionati è avere tanto tempo a disposizione!

          • Italo Alberti

            Pensionati= fortuna? Io sono dell’idea che uno inizia a morire proprio quando va in pensione. Io (per adesso) ho la fortuna di vivere in campagna, spesso vedo quei 4 pensionati che passano il mattino forse “per tenersi in forma”, ma a me sembra che ingrassino e invecchino. Gente che ha fatto la schiava 40 anni della propria vita, robe da matti. E poi te li vedi al bar bere il calicino, o giocare a carte o a parlare delle solite 4 cose inutili che vedono sul giornale. E’ vita questa? Per me è morte. Gente senza scopi, senza ambizioni, sono morti viventi.

          • Luigi Cosivi

            Fai il mok-up di Scientology diffusa e disponibile, i bar sarebbero vuoti e le classi piene anche di pensionati. C’è tanto lavoro da fare, a volte ti puoi sentire triste e sfiduciato, ma uno alla volta prima, ma poi tanti verranno, fu la mia cog su OT3. Non vivo sperando, basta fare, comunque cito Castaneda : un guerriero si prepara a combattere, non importa se vince o perderà, importante che combatta al suo meglio. Buone feste a tutti, non fate i buoni come dice quello che vende panettoni, fate i PC,gli OT, gli Auditors.

          • Marco

            Completamente d’accordo con Paolo, per capire ciò che scrive Elizabeth basta usare Google traduttore… e se è troppo faticoso… !? Beh, basta non prendersi il fastidio.

            Non capisco come in un blog di scientologist (per lo più), “Scientology, la scienza della comunicazione”, si debba impedire della comunicazione a qualcuno “solo” perchè scritta in inglese…!?
            Una cosa su cui perdere qualche minuto di riflessione…

            Tanti auguri di buona rinascita… del sole 🙂 l’originale festa di “Dies Natalis Solis Invicti” (“giorno della nascita del sole mai sconfitto”)

            Cristo di certo è nato in altra data ;.) , ma va bene anche al 25 dicembre, l’importante è fare festa!
            Buone feste a tutti.

        • I am sorry and regret but I cant write Italian, I have hard time writing in English, because I was born with “severe Dyslexia”, which wont let me learn easily and this dyslexia, having this condition when I write scrambles up the order of words in sentences also effects numbers , example: I make mistake when wanting to put down #6 I might write #8.
          Also I had a major head injury where the left side of the brain was disconnected and that accident left me without the ability to understand what I wanted to read or spoken communication.
          Because of countless hours in solo session I have slowly regained the ability to read and write, [ I though my self] and now understand of course what is said to me in communication but the effects of the Dyslexia could not be corrected because: I find this in session: Dyslexia is not a birth ”fault” or mental illness but it exist because person who have this condition dont have the same machinery-implant as on average person-human have here which helps them to remember-recall easily the content of communication or the material they have read.
          Another factor which is major: I am fairly new on Planet Earth I only had less than dozen of Human Bodies and that alone make huge difference, I am still on alien here by human standard.
          As you can see this so called ”problems” I have encountered in this life were not stops to hold me back from using the Technology, but the opposite!
          One dont need perfect English, Italian or any other language to get into session, only will-power, wanting to know is needed.
          Do have a WONDERFUL HOLIDAY and GREAT NEW YEAR!

          PS: those of you who read my posting in my blog have questions, please feel free to comment or ask.
          Elizabeth Hamre.

          • Marco

            Buone feste anche a te Elizabeth, grazie per i tuoi commenti in questo blog 😉

          • Leggo il tuo post Elizabeth e devo dire che sei una GRANDE.
            Buone Festività

          • David I am honored by your acknowledgement. I do wish you the best and please feel free comment in my blog too, in Italian of course and I will have that translated by google. I know the translation is not the best but we really cant duplicate each other well, and a few mistake in miss-understanding is nothing in comparison the gains we have! The gains are bigger than the losses and that is what counts!
            Best! Elizabeth.

  75. billy cage

    Oops ! Temo di aver provocato un’ amichevole tirata di orecchie ad Elizabeth, mi dispiace veramente ma la cosa che non mi spiego è come fa a comprendere e di conseguenza interagire perfettamente ( penso ) con i commenti in italiano e poi rispondere in inglese…..è una domanda stupida?

  76. billy cage

    Ciao Marco, nessun problema a perdere qualche minuto con Google traduttore personalmente nutro dubbi sulla correttezza della traduzione e trattandosi di Scientology ci andrei molto cauto.
    Magari cogliere il senso del post e questo potrebbe essere sufficiente, una domanda sorge spontanea, non potrebbe farlo lei?
    Io lo farei, per evitare il disturbo agli altri.

    • Diogene

      Billy, come ha già detto qui sopra Facchinetti, è impossibile che una persona possa fidarsi della traduzione di Google se non conosce almeno un po’ quella lingua. Come farebbe poi a giudicare se il suo testo è stato tradotto in maniera almeno comprensibile?
      Io posso far tradurre da Google una frase in svedese, ma come faccio a sapere cosa leggerà uno svedese se non ho la pallida idea di quella lingua. Ti garantisco che nove volte su dieci, quando il discorso è un po’ complicato, si va a finire nel ridicolo o nel malinteso.
      E una volta iniziato un discorso “deviato” devi spendere del tempo in spiegazioni ma (di nuovo) come fai a spiegarti bene (cioè ad andare nei dettagli) in una lingua sconosciuta?

    • Marco

      SI Billy, è come dice Diogene… la persona che scrive inglese e che non conosce la lingua del luogo dove verrà letto il commento (per esempio il cinese), di sicuro non può valutare se Google ha tradotto bene (di solito traduce malissimo).

      Molto meglio se traduce direttamente chi ha voglia di leggere cosa scrive Elizabeth… anche perchè se poi la traduzione non fa senso (spessissimo), io posso sempre riferirmi all’inglese, visto che un pò di inglese lo si “mastica” tutti (alle scuole primarie si è studiato inglese, non cinese o svedese… ecc.).

      Infatti… io credo che chi scrive in inglese immagini che l’inglese è la lingua più parlata al mondo e che per questo è la più facile da comprendere, se uno ci si mette. Se dovessi tradurre con Google il cinese, di sicuro non mi prederei nemmeno il fastidio di provarci.

      Cmq riguardo ad Elizabeth il punto è che, è una persona con gradissima esperienza e conoscenza… e qualche volta stare a tradurre ciò che scrive può diventare interessante.

  77. billy cage

    Appunto, allora sono tagliato fuori dai post di Elizabeth che tra l’altro mi interessano parecchio . Ho qualche problema con le ungheresi , ne ho frequentata un’altra per qualche anno che mi ha succhiato tempo soldi e reputazione, speravo di rifarmi……sto scherzando naturalmente.
    La responsabilità è solo mia che non mi applico nella lingua madre della tech più preziosa di sempre.
    Se non ci fossero stati dei traduttori sarei al punto di partenza.
    Se non ci fosse stato questo blog pure.
    Devo accontentarmi e ciò significa che sono straordinariamente fortunato!!!

  78. Diogene

    Billy si è chiesto:
    ” la cosa che non mi spiego è come fa a comprendere e di conseguenza interagire perfettamente ( penso ) con i commenti in italiano e poi rispondere in inglese…..”
    Provo a spiegare: si può interagire dissertando sul tema o su degli aspetti inerenti al tema in discussione e tutto questo è ben accetto perché si tratta di contributi magari anche importanti o stimolanti, ma quando bisogna rispondere a delle obiezioni e disquisire su dei particolari ben precisi, allora è il momento di dimostrare padronanza linguistica, una certa dialettica, e non semplice accondiscendenza o pura retorica.
    Già è difficile per un madrelingua, figuriamoci per uno straniero. Ovviamente questo vale per ambedue le parti, per il fatto che tutt’e due non conoscono la lingua dell’altro. Per cui è d’obbligo un reciproco rispetto con una buona dose di pazienza e cortesia e non ritenere che sia l’altro in difetto: nessuno dei due ha dimestichezza con la lingua del suo interlocutore. E’ sufficiente verificare fino a che punto può aver luogo una comunicazione e mantenersi su quel livello. Sia sparare discorsi a raffica che “parlare come si mangia” sono controproducenti.
    Non voglio arrivare a dire che non si può o non si deve comunicare, ma bisogna essere consapevoli delle difficoltà che impediscono una buona comunicazione o che la alterano fino a generare risentimenti ed equivoci.
    Scrivendo, non si può approfittare della mimica per farsi capire. Quindi serve fare buon uso della punteggiatura ed essere sintetici per quel tanto che basta.

  79. Diogene

    Permettetemi di dare dei consigli pratici a chi vuole ottenere il meglio da un sistema di traduzione in rete.
    1) Scrivete frasi brevi ed usate vocaboli semplici o inequivocabili.
    2) Ricordate che un sistema è preordinato per riconoscere anche la punteggiatura e quindi suddividete le frasi in base alla funzione che svolgono nel discorso. Evitate contorsioni sintattiche, specialmente se di particolare effetto. Ogni lingua ha una sua struttura ed è meglio usare quella della lingua in cui verrà tradotto il vostro testo, se ne avete almeno una discreta padronanza, altrimenti siate elementari e non correte rischi.
    3) Cercate di essere davvero pignoli nel correggere eventuali errori di battitura. Il traduttore è impostato su regole grammaticali certe e non è tenuto ad essere tollerante come un umano. Non pretendete neanche lontanamente che la sua traduzione sarà migliore del vostro testo.
    4) Sperate che, dall’altra parte, colui che legge abbia una buona conoscenza della propria lingua, in modo da interpretare nel senso giusto ogni possibile corbelleria del traduttor virtuale (che d’esser virtuoso poco gli cale).
    N.B.: Se a qualcuno sembra che io sia solito usare dei termini “difficili” sappia che lo faccio (di proposito) per il suo bene.
    E che il Dizionario sia sempre con voi! E col vostro ARC.

  80. billy cage

    Cari coabitanti di questo condominio cosa regaliamo per queste feste a chi ci ospita? Un riconoscimento è d ‘obbligo…
    Almeno un grazie!

  81. oldman

    Si crea comunemente confusione e mal comprensione quando si scrive o si parla di Scientology e non si specifica se lo si sta facendo:
    – di L.R.Hubbard come Fondatore di Scientology.
    – della vita di L.R.Hubbard.
    – della teoria e delle pratiche di Scientology.
    – del Management di Scientology.
    – dei Sea Org. Member di Scientology.
    – dello Staff di un’Org di Scientology.
    – del Pubblico di un’Org di Scientology.
    – degli usciti da un’Organizzazione di Scientology.
    Non si può accomunare tutto questo con il solo termine Scientology.
    Inoltre a Dicembre 1972 L.R.H. è partito in aereo per gli Stati Uniti e dopo 9 mesi è ricomparso ma non si sa che cosa abbia fatto e dove sia stato.
    Al di là di tutte le speculazioni e tutte le opinioni, da allora Gennaio 1973, L.R.H. non ha più tenuto conferenze, non ha più scritto libri o autorizzato nessun scritto, è stato praticamente disconnesso da tutto ciò che riguarda Scientology.
    Pertanto anche quando si parla di L.R.H., della sua Filosofia Religiosa Applica o altro, sarebbe bene distinguere fra ciò che è avvenuto entro la fine del 1972 e dall’inizio del 1973.
    Bisogna quindi separare la Scientology di L.R.H. dalla Scientology di David Miscavige, David Mayo e dei loro compagni di merende.
    Ciao

  82. Mister X

    Ciao OLDMAN . Se hai qualche informazione non tenertela per te . Rendici anche noi partecipi di tali informazioni .

  83. Libero

    Oldaman, infatti in questo blog aspettavamo te che ci spiegassi come sono andate le cose…

  84. oldman

    @Luigi Corsivi
    Questo intervento, il mio primo intervento, l’ho fatto dopo essermi letto “Una Tesi da 110 e Lode”.
    Non è ne una critica ne una valutazione a nessuno tanto meno a Eleonora.
    Ma è una puntualizzazione agli Scientology i quali dovrebbero sapere che usare il termine Scientology da solo senza qualificarlo diventa una generalizzazione.

    @Guido
    Da Wikipedia:
    Nell’italiano colloquiale vengono chiamati “compagni di merende” persone unite da complicità nel tramare segretamente qualcosa alle spalle di qualcuno o che siano legate da un rapporto losco o comunque poco onesto.
    La mia opinione è che CBR non appartenga a questa categoria di persone.
    Se vuoi avere un’idea di chi erano, pechè lui DM quando non gli sono più serviti li ha buttati fuori o chi sono i compagni di merende di MD, vai a vedere chi ha fatto carriera, a partire dal 1973.

    @Mister X
    E’ un dato di fatto che L.R.H. è stato via dal 4 Dicembre 1972 fino a circa metà Settembre 1973 lo ha ammesso anche la CofS, circa 10 mesi e non si sa dove sia stato e cosa abbia fatto.
    L.R.H. in 9 mesi, riscriveva tutta Scientology, ma non c’è niente.
    E comunque qualcuno ha una conferenza tenuta in pubblico da L.R.H.
    Se vuio sapere qualcosa di più: http://www.davidmiscavige.wikiscientology.org/text/L._Ron_Hubbard_-_The_missing_ten_months

  85. oldman

    @ Libero
    Chiedo scusa in anticipo a te ed agli altri se mi sbaglio, questo blog l’ho letto tutto ma non mi sembra cha altri abbiano scritto quello che ho scritto io.
    Se quello che dico riguardo al 1972 fosse vero e per me lo è, su un blog di Scientology lo si dovrebbe ricordare ogni settimana.
    @Guido
    Sto scherzando, ma non troppo.

    • “””IMPORTANCE””” of anything is a personal-private preference.

    • Libero

      Oldam, forse non sarà scritto su questo blog ma è risaputo che Ron in qugli anni è sparito x dei mesi. Ufficialmente mi sembra che la chiesa dichiari che in quel periodo di assenza Ron si sia concentrato su ricerce riguardanti la sicurity e l’alimentazione. Però ho letto non so se siano balle.

    • Calla

      Ciao condomini, leggendo dalla venuta di ..”oldman” ..mi viene da chiedergli ( in fondo una stupidata ma…), tu hai scritto :-
      oldman
      27 dicembre 2015 alle 12:34
      Si crea comunemente confusione e mal comprensione quando si scrive o si parla di Scientology e non si specifica se lo si sta facendo:
      Al di là di tutte le speculazioni e tutte le opinioni, da allora Gennaio 1973, L.R.H. non ha più tenuto conferenze, non ha più scritto libri o autorizzato nessun scritto, è stato praticamente disconnesso da tutto ciò che riguarda Scientology.
      Pertanto anche quando si parla di L.R.H., della sua Filosofia Religiosa Applica o altro, sarebbe bene distinguere fra ciò che è avvenuto entro la fine del 1972 e dall’inizio del 1973.
      Bisogna quindi separare la Scientology di L.R.H. dalla Scientology di David Miscavige, David Mayo e dei loro compagni di merende.
      oldman
      27 dicembre 2015 alle 17:59
      @Guido
      La mia opinione è che CBR non appartenga a questa categoria di persone.
      Se vuoi avere un’idea di chi erano, pechè lui DM quando non gli sono più serviti li ha buttati fuori o chi sono i compagni di merende di MD, vai a vedere chi ha fatto carriera, a partire dal 1973.

      Per quanto riguarda :- pechè lui DM quando non gli sono più serviti li ha buttati fuori o chi sono i compagni di merende di MD, vai a vedere chi ha fatto carriera, a partire dal 1973.
      nel l’altro pezzo metti DM David Miscavige e DM David Mayo … siccome non sono così sveglia come gli altri io NON CAPISCO a chi ti riferisci quando scrivi DM e MD puoi specificare meglio ? Grazie

      Inoltre, devo ammettere ( forse è una mia pecca) ma io non resto fissa su chi a scritto cosa e quando ma mi preoccupo solo che quello che leggo e studio mi porti un beneficio e non solo a me .

      Inoltre……. è strano che non ci sia stato ancora un commento con referenze adeguata da parte di Marco … sei in ferie ? beato te !!

      per David Effe : se oldman ha scritto prima a te .. penso che vi conosciate o no ?

      Buon fine anno a tutti e un buon inizio con maggiore consapevolezza di chi e cosa siamo e di chi e cosa rappresentano gli altri sulle 8 dinamiche .

  86. oldman

    @ NOTSaware
    Per me non è irrilevante se L.R.H. è stato DISCONNESSO da Scientology a partire dal 1973.
    Tutte le critiche fatte a L.R.H. a partire dal 1973 andrebbero fatte ad altri.
    Separare ciò che ha fatto o detto L.R.H. da ciò che ha fatto o detto D.M, per gli Scientology, quelli veri, è MOLTO importante.

    • NOTsaware

      Caro Oldman o chiunque tu sia, non hai la minima idea o conoscenza di quanto folle sia la tua asserzione. Se avessi studiato e praticato almeno un decimo di quello che ho fatto io, non avresti avuto alcuna ragione per il tuo commento, che reitero è irrilevante!

  87. Mister X

    Scusa tu parli di specificità però ti stai tenendo sul generale . Hai per caso letto la condizione scritta da Ron sul cambio di potere ? Da quello che io so Ron era il commodoro e la sea org era sotto di lui . Il grado gli dava l’autorità e non decadeva andandosene .

  88. oldman

    @Mister x
    Scusa non ho capito la tua domanda.
    Forse mi sono perso qualcosa.
    Puoi essere più specifico.
    Grazie

  89. Mister X

    Da ciò che hai scritto dici che Ron dalla fine del 72 è scomparso per circa 9 mesi e da tale data non ha avuto più il controllo di Scientology . Quindi io mi chiedo chi da quella data abbia avuto il controllo ? Forse Miscavige a 13 anni ? Oppure David Mayo che non aveva interesse dirigenziale ? o forse Mary Sue che si occupava degli affari del Guardian all’insaputa di Ron ? Certo è vero che nelle alte gerarchie si creavano lotte di potere e un sacco di errori sono stati commessi da quei terminali ma Ron era, finchè in vita, sempre il commodoro ed era la più alta carica in comando nella Sea Org e tutta Scientology era subordinata a lui . O cosa dobbiamo presumere che da tale data Ron si sia dimesso e che altre persone dirigessero Scn mentre Ron si occupava solo di film tecnici, di romanzi di fantascienza e continuasse la ricerca ? E’ questo che ci stai dicendo ?

  90. Mister X

    Ah un’altra cosa . Ho letto di questo ipotetico rapimento e mi chiedo se questo fosse vero chi ha sviluppato la fantastica tech di Ned babbo natale ?

  91. Beh, oldman,
    hai avuto il tuo quarto d’ora di celebrità animando questa amena domenica post natalizia.
    Le tue insinuazioni sono semplici opinioni per nulla suffragate da fatti concreti verificati o verificabili. E’ un vecchio gioco quello di cercare di destabilizzare, ma siamo vecchi del mestiere e non ci caschiamo.
    Ora possiamo passare a qualche altro svago più interessante.
    Magari ci ascoltiamo un brano di Neil Young, per esempio “Old Man”!
    Buona continuazione e buon anno a tutti i condomini di buona volontà.
    Guido

  92. oldman

    @Libero
    E tu ti fidi di quello che dice la CofS ?
    @Guido
    La palma d’oro per aver detto ad un ANONIMO come me
    “hai avuto il tuo quarto d’ora di celebrità”.
    @ Tutti i condomini
    Non volevo disturbare una sana discussione sul cibo e sulle strade e bel tempo.
    Auguro a tutti una buona fine …. e un miglior principio.
    Buon Anno

    • Marisa

      Lei “anonimo” old man (volutamente in minuscolo) è talmente concentrato su di sè da dimenticare il tono che sta utilizzando, ma suppongo sia una dimenticanza voluta, visto che è tipico di chi pensa di “saperla lunga”. Personalmente la trovo spocchioso e indisponente, e tutto questo non promette bene, forse le è stato lasciato fin troppo spazio, lei è proprio un OSA CHIESA STYLE, se vuole farmi cambiare idea me lo dimostri.
      Marisa

  93. billy cage

    Questo natale sono stato ospite di un vero old man, 108 anni il prossimo 25 aprile giuro sul mio ponte!
    La sua badante ucraina, sorella della mia attuale compagna si chiama Teta guarda caso, località laguna di Venezia più nebbia che acqua, come il post di oldman.
    Buone feste ma anche dopo.

  94. Mi dispiace, ma non sono io, no.
    I gestori del blog dovrebbero poter confermare che l’indirizzo IP è differente.

    Se volete vi posso fornire uno scambio e-mail avvenuto fra me e Oldman qualche giorno fa, perchè prima di scrivere qui, mi ha contattato, parlandomi appunto di questo argomento dei “10 mesi mancanti” (al quale io, tra parentesi, non credo).

    Però, wow, che bassa considerazione che dovete avere di me, se pensate che io sia il tipo che userebbe questi sotterfugi (usare un profilo falso, fingermi qualcun altro, e scrivere poi in un blog)! 😀

    No. Non sono decisamente il tipo.
    Mi vergognerei altamente di una simile cosa.
    Chi mi conosce per davvero sa di certo che io “non le mando a dire”, e che sono molto diretto…

    Tra l’altro, io rivolgerei allora la stessa domanda, così, in generale: c’è qualcuno qui invece, che al posto di accusare, magari è il primo ad avere due o più profili? (occhio alla read istantanea 😀 ).

    Buon proseguimento e scusate il disturbo.
    Sono intervenuto soltanto perchè questi interventi di “Oldman” possono essere, involontariamente o forse no, una sorta di terza parte, di cui non abbiamo di certo bisogno.

    E al contrario di quanto forse qualcuno può pensare, io ho ben chiaro chi è il Nemico, e non siete di certo voi ragazzi della Reception.
    Non è nemmeno nessun’altro essere umano se è per quello 🙂
    Ok?

    I miei migliori auguri per la vostra felicità.

    • Ciao David,
      sono passato attraverso i commenti presenti sul nostro blog dopo “l’avvento” di oldman e non ho visto riferimenti alla tua persona, se fossi tu immagino avresti fatto un post ad hoc sul tuo blog. Ma sarebbe in contraddizione con ciò che stai portando avanti.
      Sul misero tentativo di terza parte sono d’accordo con te, da indipendenti ci siamo abituati a queste infiltrazioni, ma più di tanto non ci possono danneggiare.
      Stacci attento pure tu.
      Ciao ragazzo
      Guido

  95. Tutto apposto!
    Ho appena avuto una bella conversazione telefonica con Guido.

    Buon proseguimento ragazzi!

  96. billy cage

    Tanto per ciarlar fino ad ora di pranzo sul portone del condominio aggiungerei un inutile contributo alla valutazione del post di oldman.
    Visto il periodo favorevole mi sarei travestito almeno da babbo natale ed avrei avvelenato le acque con qualche dubbio più velato.
    Ma per mestiere tendo a sopravvalutare il nemico e siccome lo credo molto più furbo di quanto voglia farmi credere mi chiedo perché vuole insinuare
    che Ron si sia temporaneamente defilato quando l’interesse della chiesetta è quello di proseguire le sue esatte volontà fino all’ultimo respiro?
    Comunque non perdero l’appetito per questo.
    Un autogol così clamoroso mi suggerisce altro: Sono allo sbando.

  97. Libero

    CHI avrebbe interesse a far credere che Ron si sia defilato? Cmq oldmam è strano che appaia così all impovviso… che la tesi dia fastidio?

  98. oldman

    @ marisa
    mi sono accorto che senza volerlo ho offeso te e Guido, me ne scuso.
    La palma d’oro per aver detto ad un ANINIMO come me
    “hai avuto il tuo quarto d’ora di celebrità”.
    era solo una battuta, che un anonimo possa avere un quarto d’ora di celebrità, a me sembra umor inglese.
    Mi sono chiesto che cosa ho fatto di male per essere attaccato in questo modo, mentre nessuno confutava quello che ho scritto.
    .
    Si crea comunemente confusione e mal comprensione quando si scrive o si parla di Scientology e non si specifica se lo si sta facendo:
    – di L.R.Hubbard come Fondatore di Scientology.
    – della vita di L.R.Hubbard.
    – della teoria e delle pratiche di Scientology.
    – del Management di Scientology.
    – dei Sea Org. Member di Scientology.
    – dello Staff di un’Org di Scientology.
    – del Pubblico di un’Org di Scientology.
    – degli usciti da un’Organizzazione di Scientology.
    Non si può accomunare tutto questo con il solo termine Scientology.
    Nessuno ha avuto da ridire su questo.

    Inoltre a Dicembre 1972 L.R.H. è partito in aereo per gli Stati Uniti e dopo 9 mesi è ricomparso ma non si sa che cosa abbia fatto e dove sia stato.
    Non lo dico solo io lo ammette anche la Cofs.

    Al di là di tutte le speculazioni e tutte le opinioni, da allora Gennaio 1973, L.R.H. non ha più tenuto conferenze…
    Andate a vedere su “Cos’è Scientology”, non ce ne sono e nessuno ha portato prove al contrario.

    A partire circa dal 1974, L.R.H. era in continuo movimento, nascosto e solo poche persone potevano vederlo e comunicare con lui.
    Ora io mi chiedo come è possibile che tutta quella mole di HCOB che son state scritte o riscritte, in particolare dal 1978, su NED per esempio, venisse da lui letta ed approvata?
    Se qualcuno si è sentito offeso da ciò che ho scrittoi, gli chiedo scusa non era nelle mie intenzioni.
    Buon Anno a tutti

    • paolo facchinetti

      Buon anno! Quello che scrivi sono considerazioni che tanti hanno fatto in passato. E’ vero che Ron si è sempre più ritirato diciamo … dal 73 in poi, ma vi è stato un periodo, non so quanto lungo, in cui ha lavorato alacremente, gomito a gomito con tanti staff. E’ il periodo in cui ha prodotto i film tecnici. Tra l’altro Ron Loving che per qualche anno è stato CO di Milano Org in quel periodo gli ha fatto da guardia del corpo. Ci sono fotografie ufficiali di lui vestito in verde da cow boy. E’ altrettanto documentato che successivamente abbia ricevuto auditing da David Mayo. E’ piuttosto evidente che i bollettini di NOTs li ha scritti David Mayo e non Ron (come tutti i bollettini firmati da LRH Assisted by…), ciò non toglie che li ha scritti a stretto contatto con Ron, come mi ha confermato lui stesso. Quindi è vero che nella seconda metà degli anni 70 Ron era poco visibile e frequentabile rispetto a quando stava sulla nave Apollo, ma era comunque a contatto con tante persone.

    • Buon anno @oldman ! E’ vero Ron è mancato nel periodo a cui fai riferimento accompagnato da un ex berretto verde e sembra a destinazione NY, è anche vero che questo argomento è stato trattato ampiamente ma non capisco il motivo per tanto accanimento probabilmente nella discussione c’ è qualche bottone ma a mio parere su questo argomento si finisce nella saga di Scientology dove informazioni e disinformazione si muovono in un grande gioco di specchi, la mia risposta è quella di Elizabeth
      ‘“””IMPORTANCE””” of anything is a personal-private preference.’
      Poi leggendo i tuoi post c’ è un tuo punto che proprio non condivido e mi da una brutta impressione sul tuo intervento,
      ‘Bisogna quindi separare la Scientology di L.R.H. dalla Scientology di David Miscavige, David Mayo e dei loro compagni di merende.’ se fosse come dici tu dovresti associare a questi anche LRH perché militò con i servizi della marina e varie info lo mettono in rapporto con la CIA.
      Quindi cosa significa per te compagni di merende, forse ti riferisci alle tante voci che li mettono in collusione con i servizi segreti beh sappi che fin dall’ inizio della sua storia almeno sette paesi hanno operato verso di essa infiltrandosi con il tipico loro modo di controllo anche spesso in contrasto tra loro ma è risaputo che i servizi sono in ogni luogo dove è segnato l’ interesse per la sicurezza nazionale ed è anche tassativo portarlo a tutte le religioni tanto più fu per Dianetics poi Scientology, in questa saga sempre presente un grande gioco di specchi mezze verità lo scopo è mettere in confusione il soggetto e controllarlo. Come fare a riconoscere chi è il cappello bianco e quello nero in questo marasma, c’ è un modo semplice, valutare le azioni della/e persone applicando la stessa filosofia, proprio per questo è evidente e certo che Ron e Mayo sono due cappelli bianchi, all’ altro lascio a lui il suo problema.

  99. Caro oldman tu parli di scientologist quelli veri che naturalmente sono quelli che non vanno mai in session e se ci vanno è solo per fare qualche ruds o al massimo un touch assist . Studiano raramente i materiali e che il loro pensiero è filtrato da altri. Sono forse quei prepotenti che usano le mani al posto della ragione e che abusano del loro potere ,che sono senz’anima ? Quelli che hanno preso a calci in c… la famiglia di Ron ed i suoi migliori amici ? Naturalmente di amico di Ron ce n’è soltanto uno ed è quello che per risolvere ogni problema fa riunire gli scientologist per estorcergli denaro . Quello che vuole avere dei diritti e riconoscimenti religiosi e legali per poi usare tale legalità per eliminare i suoi rivali o oppositori e che metterebbe serenamente al rogo le altre persone . Quello che usa i sea org member come camerieri non retribuiti in una nave da crociera e sta usando scn come una spa con un unico proprietario Fatti un esame di coscenza e chiediti ” Posso veramente esprimere il mio pensiero o devo controllare e filtrare quello che dico ? ” . Pensi veramente che il gruppo che sostieni ti dia una mano se cadi in disgrazia . Pensi veramente che applicherebbero il punto del codice d’onore ” mai abbandonare un compagno in difficoltà ” . Spero di ” rivederti ” un giorno dall’altra parte della chiesa.

  100. Bene,
    vedo che il filotto su oldman continua.
    Come dice (anche) un mio vecchio amico sulla via dello Zen:
    ” Non esistono esperienze buone e cattive, l’importante è l’insegnamento che ne trai per coltivare la tua via verso l’evoluzione”, o qualcosa del genere.
    Oldman di base esprime due concetti:
    1- “Si crea comunemente confusione e mal comprensione quando si scrive o si parla di Scientology e non si specifica se lo si sta facendo:” ecc …
    2 – “Inoltre a Dicembre 1972 L.R.H. è partito in aereo per gli Stati Uniti e dopo 9 mesi è ricomparso ma non si sa che cosa abbia fatto e dove sia stato.”
    Beh, sul punto 1 non saprei se crea “comunemente” confusione.
    A me non la crea, e non credo sia tanto comune, nessuno mi ha mai chiesto qualcosa a riguardo e non conosco persone che si siano poste il problema.
    Sul punto 2, non vedo che rilevanza possa avere, visto che “nonostante ciò” siamo tutti concordi (in questo condominio e non solo) che Scientology, quella vera, funziona.
    Possiamo o meno avere amore, devozione o rispetto per Ron, su questo ognuno di noi è libero di avere le proprie opinioni.
    Ma credo che possiamo essere d’accordo sul fatto che Scientology è superiore a LRH.
    Concetto assai inviso nella chiesetta e non solo.
    Ma anche questo fa parte dell’evoluzione.
    Un abbraccio
    Guido

  101. Custer

    Ma che cagnara!! Sinceramente ho preso anche io l’ipotesi in considerazione, collegandola allo sviluppo di NOTs da parte di Mayo, pare che Ron stesse veramente male. Cose tratte dai vari libri che hanno il valore che hanno. Non credo sia così importante. Le basi tecniche per sapere se un procedura è atta a liberare o meno le abbiamo. Perciò la tecnologia non è un problema, almeno credo. L’ultima pubblicazione, da parte del n. 1 del GO http://www.amazon.com/dp/B00U4CVU80

  102. oldman

    @ Mister X
    Non ho NIENTE ha che fare con la CofS, vai a rileggerti il mio primo intervento e vedrai che cosa ho scritto
    Bisogna quindi separare la Scientology di L.R.H. dalla Scientology di David Miscavige, David Mayo e dei loro compagni di merende.
    non mi sembra un apprezzamento alla CofS

    @ Calla
    è stata un’inversione di lettere MD invece di DM.
    Io non conosco DavideEffe e lui non conosce me.

    @ Guido
    Voi quando parlate di Scientology ci tenete, giustamente, a far sapere che voi siete Scientology Indipendenti e non avete niente a che fare con la Scientology di DM, quindi tu la pratichi la differenziazione.

    La separazione tra ciò che è avvenuto fino alla fine del 1972 da ciò che è avvenuto a partire dal 1973 mi sembrava, che sarebbe stata accolta con favore da noi Scientology.
    Stavo cercando di riabilitare la figura di L.R.H. e sono rimasto sorpreso quando mi siete saltati addosso.
    Poi ho capito, senza volerlo, vi avevo destabilizzato.
    Dicendo che la responsabilità di L.R.H. arrivava fino al 1972 signficava,
    che quello che era stato sviluppato dopo era da buttare via e questo vi lasciava senza dati stabili.
    Lo dico subito non è tutta da buttare via, ma da rivedere, da parte di terminali tecnici altamente addestrati non della CofS e io NON sono uno di questi.
    Nei blog, in particolare di lingua inglese, si scrive da anni su ciò che è successo a L.R.H. a partire dal 1973 e coloro che lo hanno conosciuto prima e dopo il 1973, son concordi nel dire che L.R.H. era cambiato, non era più lo stesso.

    Se vi interessa andate a vedere
    http://wiseoldgoat.com/index_scientology.html
    Scientology® Research Project Index

    Tutto ciò che avreste voluto sapere e non avete mai avuto il coraggio di chedere, non offendetevi è una battuta ma neanche tanto.

    • NOTsaware

      Ma si può sapere che cavolo insisti a fare con ste minchiate!!!? Che diavolo ce ne frega delle opinioni più o meno irrilevanti di tizio caio o chi per esso. Se non sei qualificato per riconoscere tech funzionante da cianfrusaglie, evita di scrivere ste cose e parlaci magari di te e cosa vorresti migliorare, magari la cosa potrebbe essere molto più interessante

  103. Mister X

    Ciao oldman mi fa piacere che non sei della chiesa . Nel tardo 1975 Ron tenne 22 conferenze ad un gruppo di auditor specificamente selezionati che stavano studiando le tecniche di un nuovo rundown di auditing. Le tenne a Daitona in Florida . Il 29 ottobre 75 .Il rundown della nuova vitalità. Dopo il 73 ( periodo in cui si è assentato ) si è dedicato anche allo sviluppo di Dianetics , Dianetics espansa , il Purif Rd ed altri Basic importanti. Il fatto che Ron sia mancato potrebbe benissimo essere perchè era malato ed è andato a curarsi . se leggi il libro di Jeff Hawkins ” sogni rubati ” lui cita un episodio di un briefing di Ron in cui jeff i era presente. Ron aveva una specie di protuberanza sulla testa e Hawkins ne rimase sorpreso, Sicuramente anche altri si erano resi conto che Ron non stava bene MA nessuno voleva confrontarlo e neanche pensarlo perché come noi sappiamo malato e pts sono intercambiabili. Come mai in quel periodo c’è stata una ricerca approfondita sulla vitamine e sulla nutrizione? Di certo se voleva curarsi e fare ricerche sulla sua persona l’avrebbe fatto isolandosi perché la tech è molto precisa ” Ti devi allontanare dall’ambiente restimolativo almeno per il periodo in cui ti stai o stai venendo riparato o curato. Buona serata.

  104. paolo facchinetti

    L’argomento sollevato da Oldman non è nuovo e non capisco perché abbia sollevato delle reazioni così pesanti, forse perché ha messo insieme asproposito i due DM. Sicuramente posso dire a Oldman che vari personaggi tecnici molto qualificati hanno preso in esame tutti i materiali di Scientology prima e dopo il 1972. LRH esordì nel 1950 dicendo che lui non si occupava tanto della struttura della mente quanto piuttosto della funzione. Scientology e Dianetics sono sempre state tecnologie funzionali. Tutti i personaggi tecnici che l’hanno utilizzata per anni si sono affezionati a delle particolari tecniche piuttosto che a delle altre perché nelle loro mani si sono dimostrate più efficaci. Ciò non toglie che il ponte così come delineato alla fine degli anni 70 rimane un ottimo dato stabile da seguire ed è quello che seguiamo qui a LaReception.

  105. Luc

    Grazie per il sito Oldman, l ho guardato un pò ed ho trovato cose su cui avevo già messo l’attenzione e, diciamo, che conferma alcuni miei dubbi. Il tipo ha fatto un ottimo lavoro di comparazione.

    ARC
    luca

  106. Marco

    DAVID MAYO 1983

    “Salve carissimi amici,
    sono estremamente felice di essere in grado di comunicare apertamente con voi di nuovo.
    E’ passato molto tempo, è stato un periodo lungo e pieno di difficoltà per molti di noi.
    Quelli di voi che mi conoscono si possono essere chiesti che cosa abbia fatto nell’ultimo anno, quindi sono grato di poter utilizzare questo spazio per farvi conoscere le mie attività ed i miei piani futuri.

    Credo che sia importante fornire i retroscena di tutto quanto è accaduto.
    E’ importante in modo che voi possiate condividere la mia realtà su quanto sia profondo il mio impegno verso la tech e verso di voi.

    E’ cominciato nel 1957, quando contattai per la prima volta Dianetics e Scientology.
    Come molti di voi, ho letto i libri di LRH ed ho iniziato ad audire amici e conoscenti.
    Rimasi immediatamente colpito dai risultati così che mi trasferii per essere vicino ad una Org e poter riceve training professionale (Hubbard Professional Auditor e Dottorato in Scientology, 1959). Quelli erano giorni relativamente semplici, senza complicazioni ed eccitanti.

    Dopo aver lavorato in una Mission per qualche mese, entrai nello staff nella Org di Auckland verso la fine del ’59 e lavorai lì per otto anni, principalmente come HCO Sec, ma sempre con un “doppio cappello” su posizioni tecniche tipo auditor, supervisore, supervisore del caso, etc.

    Andavamo ai Congressi, andavamo ad ascoltare i nastri di LRH, studiavamo e frequentavamo diversi corsi, davamo e ricevevamo auditing e facevamo parte della avventura che veniva generata da LRH e questa nuova religione chiamata Scientology.

    Nel 1962, ho fatto il Saint Hill Special Briefing Course sotto Ron e Mary Sue, e mi diplomai con onore. Dopo quello divenni ancora più coinvolto in posizioni tecniche e sviluppai il mio amore per la tech.
    Questa devozione alla tech è stata una motivazione profonda e che mi ha guidato sino ai nostri giorni.

    Nel Gennaio del 1968, entrai nella Sea Org e continuai il mio addestramento tecnico , studiando e lavorando frequentemente sotto LRH, ad esempio , ho fatto i miei internati tecnici sotto LRH, audito sotto la Supervisione del Caso di LRH e poi ho lavorato come Supervisore del Caso sotto LRH, come Senior C/S.

    Nel Settembre del 1973, LRH mi nominò Senior C/S di Flag e durante quel periodo divenni anche il C/S per l’auditing che faceva LRH, sino al 1975, quando si trasferì in una locazione differente.

    Nel Settembre del 1978, venni mandato dalla Flag Service Org in California per audire LRH e poi mi fermai lì come suo auditor .

    Nell’Ottobre del 1978, LRH mi nominò Senior C/S International. Rimasi in California ed audii LRH su NOTs audita sino a che lui progredì su Solo NOTs.

    A metà del 1979, lo aiutai nelle sue ricerche tecniche e con l’esportare ed addestrare i primi auditor e C/S sulla nuova tech.

    Al di là di qualche visita a Flag (ed in altre Org) per maneggiare della out-tech, sono rimasto sul posto di Senior C/S International in California dal 1978.

    Per tutto quel periodo, venivo addestrato e ricevevo briefing da LRH sulla tech del momento e sulle sue ricerche che riguardavano nuova tech, che non era ancora rilasciata.

    Nell’Aprile del 1982, ricevetti una lunga e dettagliata lettera da LRH. Mi assegnava la piena responsabilità per la tech e per i suoi hat tecnici per i prossimi 20 o 25 anni. (Dopo che sarebbero passati questi 20 o 25 anni , lui affermò che sarebbe ritornato nella sua prossima vita per riappropriarsi dei suoi hat tecnici).

    Nel cercare di portare avanti questa responsabilità che mi era stata assegnata per la tech, divenne sempre più ovvio che c’erano dei punti che dovevano essere corretti nell’area dell’International Management della Chiesa di Scientology in modo che la purezza della tech potesse essere salvaguardata.
    In verità, queste correzioni erano un percorso obbligato anche solamente per fare in modo che la tech fosse mantenuta in essere!

    I miei sforzi per fare in modo che queste correzioni sul Management avvenissero risultarono in ostilità e la mia linea di comunicazione con LRH venne tagliata. La rottura della mia linea di comunicazione con LRH venne messa in atto in maniera nascosta da altri.
    Questo avvenne nell’Agosto del 1982..

    Alla fine, queste ostilità culminarono nella mia rimozione dal posto da parte di altri che avevano assunto una posizione di controllo sulle linee di comunicazione di LRH.

    Quello fu un periodo scioccante , pieno di orrori e molte reali atrocità non solo per me, ma per molti, molti dirigenti di Scientology di vecchia data e di grosso calibro e che avevano dimostrato le loro capacità.
    Ci sono state letteralmente centinaia di rimozioni durante questo lungo periodo di epurazione politica.
    Anche se non voglio entrare nel dettaglio di quanto avvenne, sarà sufficiente il dire che dopo tutti gli sforzi da me compiuti per rettificare le cose dall’interno, me ne andai nel febbraio del 1983.

    I mesi successivi dovetti usarli per recuperare la mia salute fisica e prendere precauzioni per maneggiare varie minacce contro di me ed i miei amici.

    Avendo risolto ora quelle due cose, ho il grande piacere di farvi sapere che sono di nuovo completamente disponibile per aiutare e servirvi.”

    • Luigi Cosivi

      sempre bravissimo, dovrebbe essere già in giro però come promesso

      • Marco

        Può essere che LRH abbia capito che l’Organizzazione è profondamente compromessa e dunque non sta “materializzandosi” in modo evidente e diffuso… ma può darsi invece che stia segretamente lavorando da qualche parte “in una nuova unità di tempo”, cioè in base al da farsi oggi con questa situazione che avrà constatato… 😉

  107. Burlesque

    Rimanendo sempre nel campo delle ipotesi, potrebbe anche essere che la famosa lettera di Ron fosse un falso con all’interno delle indicazioni depistanti a “beneficio” dell’imminente e irreversibile nascita del movimento indipendente, in maniera da minarne le fondamenta fin dall’inizio. A suffragio di ciò guardiamo la fine che hanno fatto gli ability center… E’ fantapolitica, anzi, visto il contesto, fantareligione, ma come diceva un famoso gobbo pensar male è peccato ma spesso ci s’azzecca…

  108. oldman

    @Mister X
    Scusa il ritardo ma deve esserci stato qualche disguido.

    Il fatto che Ron sia mancato potrebbe benissimo essere perchè era malato ed è andato a curarsi . se leggi il libro di Jeff Hawkins ” sogni rubati ” lui cita un episodio di un briefing di Ron in cui jeff i era presente. Ron aveva una specie di protuberanza sulla testa e Hawkins ne rimase sorpreso, Sicuramente anche altri si erano resi conto che Ron non stava bene MA nessuno voleva confrontarlo e neanche pensarlo perché come noi sappiamo malato e pts sono intercambiabili.

    Nessun Scientologo accetterà mai che Ron fosse in quel momento PTS.
    Ci sono secondo me solo due ipotesi:
    1 – Che quello fosse Ron conciato tanto male da qualcuno.
    2 – Che quella persona non fosse Ron.

  109. oldman

    @NOTsaware
    Se non sei qualificato per riconoscere tech funzionante da cianfrusaglie, evita di scrivere ste cose e parlaci magari di te e cosa vorresti migliorare, magari la cosa potrebbe essere molto più interessante.

    Vorrei togliere Scientology dal binario morto su cui è stata portata
    e rimetterla in funzione.

    • Luigi Cosivi

      Non è proprio sopra un binario morto, per quanto la chiesetta si sforzi di far danni, qualche Auditor viene ancora addestrato, esce e facilmente può essere corretto, qualche pre OT esce e può essere riparato.Qualcuno di noi continua ad audire ed a audirsi. Non è che servano tantissimi OT per sistemare le cose, certo ci sono pochi Auditors ma lavorandoci si può rimediare. Poi ci sono le Ron Orgs e la free zone, a qualcuno sembrerà di stare nelle catacombe, ma Scientology non può morire.

    • @ Oldman
      ‘Vorrei togliere Scientology dal binario morto su cui è stata portata
      e rimetterla in funzione.’
      Portata da chi ? E cosa intendi rimetterla in funzione.Cerca di esprimere in modo chiaro le tue idee e chiudi i cicli di com. es. il mio precedente.

  110. oldman

    @Luigi Corsivi
    Sono d’accordo con te, ma prova a vederla in questo modo.
    Immagina che su questo pianeta ci siano 10 miliadi di persone da audire, prima o poi ci arriviamo.
    Immagina, una scena ideale, che non ci sia la chiesetta a fare danni.
    Cosa e quanto tempo pensi che ci possa volere per chiarirli tutti?
    e non stò togliendo niente a tutti quelli che tu hai citato, in effetti meriterebbero non una ma dieci Commendation per quello che stanno facendo.
    Sto solo considerando la questione dal punto di vista della quantità.
    La mia opinione è che solo quando una qualsiasi persona potrà essere audita, audire e audirsi, senza inutili ostacoli, sarà possibile chiarire questo pianeta.
    Hai ragione Scientology non può e non deve morire.

    • Luigi Cosivi

      Ti do un altro motivo per essere ottimista, c’è qualcosa che si fa da OT 3 a OT 7 che, anche se molti che ci si trovano sopra non comprendono, accelera di molto ma di molto il processo di chiarimento.

  111. Mister X

    Olman sei anche simpatico. Vorrei per un attimo soffermarmi su alcuni luoghi comuni della chiesa . Noi tutti sappiamo cos’è un PTS almeno come definizione ma principalmente i terminali tecnici preparati hanno una chiara comprensione del soggetto mentre nella maggior parte degli scientologist( scientologist che non studiano seriamente per comprendere e migliorarsi ) ha la definizione di Essere Degradato, malato cronico, persona da evitare, feccia , senza soldi, uno che non confronta , un wog ecc. ecc. Devi sentire i discorsi di un reg : ” Non ho potuto chiuderlo perchè è PTS come un cammello ” o un Missioner : ” Siete tutti PTS!”. ” Quest’org è piena di PTS! ” Vedi è molto simpatico il modo di interpretare le policy nella chiesa : ” Se ti becchi una multa o vieni denunciato sei PTS e pieno di overt ” Se è la chiesa o l’org che si becca una multa o viene denunciata è perchè si sta espandendo e ogni volta che si sta migliorando gli SP attaccano . Cioè l’individuo è nel torto mentre l’org è nella ragione. Ron stesso nel giornale 67 disse di essersi ammalato gravemente e poi riusci a farcela e a passare attraverso OT 3 . Cioè ha applicato la tech per risolvere la condizione ed ha vinto . Per un terminale tecnico PTS è semplicemente un problema e non ha nessuna connotazione negativa aggiunta . Certamente per noi Ron è stato il più grande di tutti i thetan e ci ha dato un percorso incredibile che senza di lui non avremmo potuto avere; però non possiamo negare e non confrontare che era un uomo , che respirava, mangiava , dormiva , aveva una moglie , ha fatto sesso per avere figli , ecc. Quindi finiamola di fare gli ipocriti : ognuno è e dev’essere se stesso e non quello che vogliono gli altri. Ron era Ron e noi lo amiamo e lo accettiamo per ciò che è e per ciò che ha fatto per la vita in generale .

    • How I see PT-asness? We are here, on this Planet, we have a body-we are connected to the body.
      The Planet is made up from different density energy-vibrations and long as we are on this planet we are the effect of these vibrations. We are simply experiencing these vibrations and what each individual thinks-believes of the vibration is their own reality= that comes from assumption-evaluation and there is nothing more.

      Elizabeth.

    • paolo facchinetti

      A questo proposito ti racconto un aneddoto che si riferisce ai tempi in cui ero C/S a Miano Org (fortunatamente era ancora Milano Org e non Chiesa di Scientology di Milano). L’altro C/S era Renato Smith che, di ritorno da un periodo di training, si era portato a Milano la sua nuova moglie, un’australiana OT III. Ai tempi di OT non ne giravano molti, anzi pochissimi. Un bel giorno mentre sto per entrare nella “Ivory Tower” (ai tempi era veramente piuttosto inaccessibile!) mi imbatto nella moglie di Gavino Idda, che mi ferma, con un’espressione sul viso assorta e pensierosa, e mi dice: “Mi chiedo come un OT possa ancora fare overt”. E io, piuttosto sorpreso da questa affermazione le chiedo il motivo di questa affermazione. E lei: “Perché ho visto che la moglie di Renato Smith ha il raffreddore”. Al che io presi il bollettino degli Assists, che tra l’altro era uscito da poco, e le mostrai tutto l’elenco dei motivi tecnici per cui una persona poteva ammalarsi e che la tech maneggiava. Ma nell’org già allora era così, a livello di staff, spesso e volentieri tutta la tech veniva ridotta a poche idee fisse

      • Italo Alberti

        A proposito di “”Chiesa” o “Org”, mi chiedo se è legalmente possibile chiamare Chiesa una sede di Scientology che non è mai stata riconosciuta tale (come tutte le org italiane). Mi sembra strana questa cosa.

  112. Libero

    Misterx e Cosivi direi che i vostri post non fanno una piega e ho avuto una cog grazie ad essi.

  113. Libero

    Forse come come fa intuire Cosivi Ron la sapeva lunga e non ha apparentemente ai nostri occhi affrontato la situazione perche gia risolta. Voglio dire su Nots. E molto probabilmente anche il cambio di potere. Direi che se le cose fossero cosi e molto probabilmente lo sono, Ron è gia in opera sul pianeta o forse aspetta molte più persone su Nots per tornare.

  114. Luigi Cosivi

    Una volta, tanto tempo fa, feci un sogno, c’era Ron e gli chiesi: aiutami. Rispose : l’ho già fatto. Sarebbe molto bello incontrarlo e, non è detto, che non possa accadere prima o poi, solo permettetemi un’esortazione e un augurio per questo nuovo anno. Aiutate e aiutatevi salendo, più che potete , il Vostro Ponte, io tremo al pensiero che ad un incontro futuro mi chieda : TU HAI AIUTATO?

  115. oldman

    Penso che siamo tutti d’accordo che Clear e OT possano diventare PTS o commettere Overt, ciò che li dovrebbe distinguere è quanto possano diventare effetto.
    Su non ricordo male sul Book1, Ron scrive di un cacciatore che andato a caccia incontra, mi sembra una tigre, riesce a fuggire, facendosela addosso e probabilmente è questo che lo salva.
    Il comportamento del cacciatore Clear è quello di riandare a caccia trovare la tigre e fagli la festa.
    Il comportamento del cacciatore non Clear è quello di prendere il fucile e tutta l’attrezzatura da caccia e di buttarli nella spazzatura.
    Un Clear stava lavorando in garage, si è chiusa la porta basculante e gli ha dato una botta sulla fronte, lui si è sfregato la fronte per poco più di un minuto e poi ha ripreso a lavorare.
    Un paio di giorni dopo un amico gli ha detto: cosa hai fatto alla fronte?
    Lui:fronte? ha ho preso una botta un paio di giorni fa.
    Un Clear ha cancellato la propria mente reattiva e quel Clear aveva cancellato tutto l’episodio.
    Quello che noi chiamiamo Clear è clear sulla Prima Dinamica, che riguada principalmente il corpo.
    Non mi sembra che il Ron descritto da Jeff Hawkins stesse maneggiando quacosa riguardo il suo corpo.
    Pertanto secondo me continuano ad esserci solo due ipotesi:
    1 – Che quello fosse Ron conciato tanto male da qualcuno.
    2 – Che quella persona non fosse Ron.

  116. Marco

    Luigi dice in risposta a Mr. X “Ti do un altro motivo per essere ottimista, c’è qualcosa che si fa da OT 3 a OT 7 che, anche se molti che ci si trovano sopra non comprendono, accelera di molto ma di molto il processo di chiarimento.”

    So cosa intende Luigi, sui livelli si maneggiano Esseri alla grande…
    Perciò è un logico punto di vista, od evidenza del lavoro che si fa nei livelli, pensare che qualcosa per il chiarimento planetario sui livelli viene fatto…

    Ma facendo i conti di quanti PreOt ci sono sui livelli (??) è possibile dire che è un numero sufficente per aiutare a chiarire il pianeta?

    Chiarire il pianeta… un bel concetto, ma credo che un pochino sfugga la grandezza del lavoro da fare, ovvero gli ordini di grandezza di quel che c’è da fare. A parte i numeri assoluti (7/8 miliardi di persone), c’è anche da considerare una quantità importante di individui “potenti” che non vogliono che ciò venga fatto.
    E secondo me non abbiamo l’idea di quanto questi individui sono forti e potenti (di fatto controllano il pianeta).

    Secondo me c’è (forse) anche un’altra strategia da considerare, ovvero: quanto possono fare un tot di veri OT (Theta Clear Chiarito)? Sempre che abbiano voglia di fare qualcosa al riguardo…

    Storia dell’Uomo
    capitolo sesto “Le Capacità dell’Essere Theta”

    “… non esibitevi in numeri spettacolari, finché un po’ di gente non ce l’avrà fatta.

    Può darsi che il preclear pensi di potercela fare da solo, se viene liberato dalla necessità di avere un corpo: invece gli servirà più aiuto e compagnia di quanto non pensi. …se su questo pianeta si dovesse dichiarare guerra ai thetan, vi serviranno rinforzi.

    Perciò, ancora una volta, come nota finale a questo capitolo, non mettiamoci a sconvolgere i governi o dare spettacolo per “dimostrare” qualcosa all’Homo sapiens, almeno per un pò…

    Proteggete il Clearing di Theta finchè non ce ne saranno un pò.”

    L.Ron Hubbard

    Buon 2016 a tutti 🙂

  117. Mister X

    Per oldman : Ok trovati un auditor che ti audisca con la tech fino al 72 o audisci tu …,se sei un auditor ,fino al 72 . Io per me e i miei pc continuerò con la tech fino all ’80 del presunto Ron ( come tu sostieni) , o di David Mayo con l’approvazione del Ron fasullo o di tutto ciò che io riterrò tech standard . Tu è giusto che ti tieni le tue certezze e io le mie . Se sei d’accordo possiamo parlare di altro ,visto che stai comunicando con la reception vuol dire che ti trovi bene e che ci sono degli interlocutori che in qualche modo apprezzi. Buon 2016 a tutti .

  118. oldman

    @ Mister X
    Da HCOPL 8 GIU 1970RC
    Auditing dello Studente
    Se esistono ordini o consigli falsi sul perché non si possa audire la gente, rendetevi conto che costoro ignorano che il fatto di non dare ASSOLUTAMENTE ALCUN AUDITING È L’OVERT PIÙ GRANDE CHE CI SIA
    Quindi Tu ma anche tutti quelli che vogliono audire, non devono chiedere a nessuno il permesso o l’accordo per Audire.
    Qualunque Auditing è meglio di nessun Auditing.
    Buon 2016 a Te e a Tutti i condomini

  119. Luigi Cosivi

    Da quel che pare a MisterX e a me, riguardo a ciò facciamo del nostro meglio. Vorrei sapere però che cosa fai tu, sia per salvare Scientology sia per altri o, perché no, per te. Grazie per gli auguri, contraccambio.

  120. oldman

    @ Mister x
    visto che stai comunicando con la reception vuol dire che ti trovi bene e che ci sono degli interlocutori che in qualche modo apprezzi.
    Non in qualche modo ma MOLTO apprezzo.
    @ Luigi Corsivi
    Ogni cosa a suo tempo.
    Non voglio dire la verità ma non mi va di mentire o fare il politico che dice senza dire niente o fare il prezioso.
    Quello che posso dirti è che non stò facendo quello che state facendo voi
    e non intendo altre pratiche.
    Scusa ma non posso essere più esplicito.
    Ciao.

    • Luigi Cosivi

      Tu come altri stai usando un nik name, niente di male in ciò, so bene cosa fa la chiesetta quando scopre dei fuoriusciti che hanno parenti e amici ancora dentro e, cosa tenta, direttamente. Ma mi pare che la tua prudenza sia quanto meno eccessiva, mi permetto di osservare che la fiducia si merita e quantomeno dovrebbe essere reciproca.

      • Marco

        In altre parole Oldman, credo Luigi voglia dire che dovresti farci capire almeno un pochino riguardo cosa stai facendo con Scientology (o senza)…
        cosa significa: Quello che posso dirti è che non stò facendo quello che state facendo voi e non intendo altre pratiche. ??
        Forse stai… che ne so… !? Forse stai… facendo culturismo? Scherzo… Ma se parli cosi dottamente del passato di LRH, qualcosa devi dire di quello che veramente stai ricercando… sapere cosa fai serve a capire di più riguardo alle tue ipotesi di “Ron dopo settembre ’73 non era più lui…”.

  121. Oldman, quando fai citazioni cerca di essere più preciso e soprattutto di non darne interpretazioni quantomeno fantasiose, Probabilmente la parte del Libro Uno a cui ti riferisci è questa:
    “Trasportiamo ora tutto questo in un esempio molto semplice e drammatico, così da non dover più tener conto di un migliaio di fattori inafferrabili. Un Clear, non esperto di caccia, decide di uccidere un orso. Possiede un buon fucile. Sembra facile uccidere l’orso. L’uomo si trova a 3,9 o addirittura sopra. Si sente bene. Ha deciso di prendere quell’orso perché è una minaccia per le sue
    provviste. Un grande entusiasmo lo accompagna mentre si avvicina alla tana dell’orso. Si pone in attesa e alla fine vede l’orso. Ha una roccia alle spalle che, in condizioni normali, non sarebbe in grado di scalare ma, per poter sparare un buon colpo, deve salirvi in cima, prima che l’orso scompaia. La constatazione del pericolo
    di perdere il gioco ha portato l’uomo giù a 3,2. La necessità lo sospinge su per la roccia. Spara, ma sparando si sbilancia e cade.
    L’orso è ferito. Parte in direzione dell’uomo. La necessità
    aumenta. L’uomo riprende il fucile e spara ancora. Nel momento in cui spara si trova a 3,0. Lo manca. Spara ancora, ma lo sbaglio, sommandosi al fatto che l’orso sta caricando, l’ha portato giù a 2,5. Spara ancora. L’orso è colpito, ma continua ad avanzare.
    L’uomo spara ancora, ma ha improvvisamente compreso che il suo fucile non basterà a fermare l’orso. Il suo tono scende a 2,0.
    Comincia ad armeggiare febbrilmente con il fucile. Spara
    all’impazzata. Comincia a provare una rabbia crescente verso il fucile, l’orso e il mondo intero; getta via il fucile ed è pronto ad affrontare l’orso, ormai sopra di lui, a mani nude. Improvvisamente l’uomo prova paura. Il suo tono è 1,2. Con l’odore dell’orso nelle narici, scende a 0,9. Sa che l’orso lo ucciderà. Si gira e cerca d’arrampicarsi su per la roccia, ma i suoi sforzi sono ora frenetici.
    È a tono 0,6, puro terrore! L’orso lo colpisce e lo fa cadere lungo la roccia. L’uomo giace immobile, il respiro quasi si arresta, il battito del cuore rallenta e sembra fermarsi. L’orso colpisce ancora l’uomo, ma lui giace immobile. Allora l’orso conclude che è morto e si allontana. Stordito, l’uomo alla fine ritorna in sé e il
    suo tono gradualmente risale a 2,0, al punto cioè in cui il suo analizzatore si era spento. Si scuote un poco, poi si rialza. li suo tono è risalito a 2,5: ora è analiticamente cauto e spaventato.
    Recupera il fucile. Si prepara ad abbandonare quel posto. Sente una grande necessità di recuperare la stima di sé e il suo tono sale a 3,2. Se ne va via e raggiunge una zona sicura. Improvvisamente gli viene in mente che può farsi prestare un Mauser 3 da un amico.
    Comincia a fare piani su come prendere l’orso. Il suo entusiasmo sale. Ora, ignorando completamente l’engram che ha ricevuto quando l’orso l’ha gettato a terra, agisce in base alla sua esperienza. Tre giorni più tardi uccide l’orso e il suo tono sale a 4,0, tanto quanto basta per contemplare il suo successo e per raccontare l’avventura agli amici e poi la sua mente comincia ad occuparsi di nuove faccende.
    La vita è un affare molto più complicato dell’uccidere gli orsi, solitamente anche molto meno drammatico, sempre pieno però di situazioni che provocano variazioni per il soppressore. Il raggiungimento di tutti gli obiettivi che sono fonte di piacere (un orso ucciso, una donna baciata, un posto in prima fila all’opera, un’amicizia conquistata, una mela rubata) è un continuo scorrere attraverso i vari livelli del tono. E l’individuo sta generalmente
    portando avanti, contemporaneamente, tre o tremila calcoli e in essi vi sono trenta o trentamila variabili. Troppe incognite, troppi fattori del tipo “non sapevo che il fucile fosse carico”, gettano il preciso assetto dell’analizzatore nel disordine e nella confusione di un non funzionamento. Si può considerare 2,0 il tono in cui la mente analitica smette di funzionare. Da 2,5 in giù i calcoli che essa esegue non sono molto razionali: troppe incognite, troppi fattori imprevisti, troppo incorrere in calcoli sbagliati.
    Questo è vivere da Clear. Quando il nostro cacciatore è stato colpito dall’orso, ha ricevuto un engram. In caso di key-in, quell’engram gli darà una sensazione di paura e un atteggiamento apatico in presenza di certi fattori, cioè di ogni cosa percepita, presente al momento (l’odore del terreno, dei rami, l’alito dell’orso, ecc.). Ma egli uccise l’orso. La possibilità che quell’engram possa essere key-in in futuro è remota; non perché ha ucciso l’orso, ma perché dopo tutto non è più un bambino. E, se poi
    fosse davvero un Clear, sarebbe in grado di ripensare all’episodio e di cancellarlo da solo.
    Questo è il ciclo completo dell’emozione.”
    Tratto dal Capitolo Sei. L’emozione e le dinamiche
    Guido

  122. oldman

    Grazie Guido.
    I miei ricordi del Book1 sono un pò vecchi, battuta da oldmen, ma mi sembra che il succo c’era.
    Ciao e grazie ancora.

  123. Billy Cage

    Mi viene in mente la mia intolleranza ai funghi.
    Per tre volte sono stato male dopo aver mangiato dei funghi e l’ultima è stata veramente tragica.
    Cosa strana è che la vista dei funghi non mi dà assolutamente malessere anzi mi fanno gola.
    Ora potrei essere portato a pensare che la mente reattiva non ha identificato i funghi come fonte di dolore perché al momento della loro ingestione lo facevo con gusto apprezzandone il sapore.
    Come si spiega?
    Potrei continuare a mangiare funghi fino ad ammazzarsi e la mia mente reattiva non mi protegge?
    Scusate il paradosso.

    • Marco

      Potrebbe essere invece che sia la mente reattiva “a cui piacciono i funghi”… 😉

    • Italo Alberti

      Billy Cage, la mente reattiva non TI proteggerà mai, si AUTOPROTEGGE.
      Comunque i malesseri sono dovuti solitamente a Lock che agganciano qualcosa.
      Qualche decennio fa anche lo straordinario Eckhart Tolle se ne rese conto: ciò che Ron chiama Mente Reattiva, lui lo chiama Corpo di Dolore. Se si legge la recensione sotto si noterà che sono la stessa cosa.

      Ma la cosa più “incredibile” è che Tolle l’ha scoperta senza Scientology, ma dopo un periodo molto travagliato che lo portò quasi al suicidio; si elevò improvvisamente in un nuovo stato di essere ben al sopra del comune umanoide, e a quanto pare è così ancora. Potrebbe essere un release di lunga data, ma non credo, spiega anche come eliminare questo Corpo di Dolore.
      Anche se questo è un blog di Scientology, mi permetto di sottolineare che la visione deve essere sempre ampia e valutativa per non cadere nella trappola della Scn Inc. dove è permesso solo vedere ciò che è “imposto”.

      http://www.dionidream.com/riacquista-il-tuo-potere-sciogliendo-il-corpo-di-dolore/

      • Burlesque

        Quindi questo Tolle avrebbe scoperto come cancellare la Mente Reattiva o Corpo di dolore come lui la chiama ? Magari con uno schiocco di dita ? Ma che figata, basta quindi tutte quelle ore di auditing, e tutte quelle ore per imparare ad audire ed audirsi… Allora facciamo una cosa seria e scientifica, scevra da pregiudizi: intanto prova a farlo tu, poi cerchiamo almeno un centinaio di volontari che facciano altrettanto e poi vediamo i guadagni di queste persone con tanto di test psicometrici, Sopratutto vediamo se tutte queste persone saranno poi pronte per affrontare i livelli OT. Ho i miei dubbi però…Probabilmente questo Tolle ha trovato il modo per sganciarsi, come hanno fatto nel corso della storia tanti santi, sciamani e guide spirituali varie. Non è una novità, ma un conto è raggiungere uno stato di Release, un conto cancellare definitivamente la Mente Reattiva. Però mai dire mai…le vie dell’ottava dinamica sono infinite…

        • Italo Alberti

          Bisogna sempre riconoscere e portare rispetto a uomini che hanno raggiunto elevatezze fuori dalla norma: Buddha, Yogananda, Tolle, ecc.
          Su questo pianeta non esiste solo Ron con la sua tech, questa è solo UNA tech, una delle tante. Alla fine ciò che conta sono i risultati.
          Al di là dell’indubbia funzionalità di Scientology, non bisogna comunque dimenticare la fine che ha fatto Ron: com’era ridotto quando fu chiamato David Mayo per audirlo? Come si spiegano gli infarti che Ron ha avuto nella sua vita…non ha applicato la sua tech oppure non c’era del tutto?
          Ron era un uomo, come tutti.

        • FORGET “”Eckhart Tolle””, he haven’t found anything, dot waste your time.
          I have written a post in my blog under the title…”Eckhart Tolle hehehe”
          But I highly recommend that you folks read Wikipedia’s write up about his teachings.
          LRH’s Auditing technology is the only technology when used will give the results.
          There is nothing workable out there which worth our attention.
          Elizabeth.

  124. oldman

    @Marco
    La risposta più sincera che posso darti è questa:
    Non sto facendo qualcosa CON Scientology, se ci riesco, perchè ci sto lavorando da un pò, sto facendo qualcosa PER Scientology e gli Scientology.

    L’dea mi è venuta leggendo:
    La Vera Storia di Scientology

    La Vera Storia di Scientology è semplice, concisa e immediata.
    E’ presto detta:
    1 – Un filosofo sviluppa una filosofia sulla vita e sulla morte.
    2 – La gente la trova interessante.
    3 – La gente scopre che funziona.
    4 – La gente la trasmette ad altri.
    5 – Essa si diffonde.

    Lo so che è criptico ma questo è quanto.

  125. Billy Cage

    Se è una battuta non l’ho capita se è un dato tecnico sarebbe interessante approfondire.
    Ho un termine di paragone simile.
    Da piccolo mangiai delle frittelle di riso dal sapore sgradevole ma non mi potevo sottrarre per non deludere chi me lè aveva offerte.
    Dopo stretti male con relativi rovesci e per diverso tempo la vista di frittelle mi davano la nausea.
    Meccanismo auto evidente, in quel caso però già dal consumo di quel cibo avvertivo delle avversità date dal loro sapore.
    Come ad esempio l’odore dell’alcool dopo qualche sonora sbronza.
    Insomma questa dei funghi non me la so spiegare con le mie attuali conoscenze.
    Quasi quasi faccio l’esperimento di rimangiarli e vi tengo informati ma solo in cambio di una spiegazione.
    Ah ah ah ah

    • Burlesque

      Una risposta potrebbe essere, dico potrebbe, nell’engram pro sopravvivenza. Prova a leggere il capitolo del book one che ne parla e vedi se potrebbe fare al caso tuo.

    • Marco

      Beh, Billy, in effetti non era una battuta…
      Se mangi una cosa che sai che ti fa male, cosa può essere che te la fa mangiare?

      Se mi faccio di eroina… sto male; ma mi rifaccio di eroina… e sto male; e continuo cosi fino a distruzione… : cosa può essere che ti spinge a farti di eroina fina a distruzione?

      Ci sono tanti tipi di abberazione… non esistono solo gli engram, che in questo caso potrebbe essere, esistonoanche: i Service Fac; le rotture di ARC; Problemi da dimenticare; Secondari; malcomprensioni che distruggono, ecc. ecc. ecc.

  126. oldman

    @Billy Cage
    Facciamo un esempio.
    Ipotiziamo che tua mamma mentre aspettava te, abbia margiato dei funghi e sia stata molto male.
    Lei ha registrato l’episodio e anche tu, ma il tuo non aveva la visione dei funghi.
    Quindi quando tu hai mangiato i funghi, la prima volta che li hai mangiati ha fatto Keyin e le altre volte che li mangi, non che li vedi, ti fanno star male.
    Questa è solo una ipotesi, non necessariamente vera ma verosimile.

  127. Mister X

    Non è detto che le cose che piacciono a noi vadano anche bene per la ge . La ge è legata a determinati schemi , per esempio a molte persone piacciono delle cose di cui sono intolleranti . Per esempio tutta la ricerca sulla commestibiltà dei funghi è basata sull’esperienza di chi li ha mangiati . Dalle morti hanno capito che alcuni funghi sono mortali come le Amanite falloidi ed altre o il cortinario che aveva sterminato un paese in Polonia dopo 2 settimane dall’ingestione. L’HCOB di NED 28 agosto 68 pubblicazione 2 ti dà alcuni dati . Non tutti siamo uguali è la percentuale di avvelenamento è differente da persona a persona che mangia la stessa quantità . Ci sono anche persone che ti dicono : ” Non è che non mi piace è che mi fa male !.” Poi i veri perché ognuno li scoprirà da se però solitamente uno trova la sua dieta ,adatta al suo corpo , e risolve così il problema . D’altronde la macchina mi serve per viaggiare Ma non è che devo diventare schiavo di essa.

  128. Burlesque

    Un conto è una sostanza che è un veleno per il corpo, come quello di alcuni funghi perchè il DNA la riconosce come tale, un conto è una sostanza percepita dal corpo nel momento in cui registra un engram, diventanto cosi da quel momento in poi un potenziale restimolatore dell’engram. Sul book one sono spiegati bene questi meccanismi. Probabilmente molte intolleranze alimentari sono di origine engramica, anche se, a mio avviso, non tutte, in quanto l’ingestione ed accumulo di certe sostanze in grande quantità, che normalmente sono metabolizzate, possono diventare velenose.

  129. Mister X

    Il veleno come le droghe e le sostanze tossiche si maneggiano sul Ned Drug Rd. Oltre percorrere come narrativo quad l’ingestione dei funghi( l’episodio o episodi in questione ) poi si fa la lista di preassesment su di esso per ottenere i somatici collegati al mangiar funghi . Ottenuto l’item esempio FASTIDI si elencano gli item che dà il pc e quelli che leggono possono essere percorsi R3RA quad ( stando ben attenti di prendere un effettivo somatico e non un item dopo il fatto ) . Consiglio di leggere L’HCOB SOMATICI sul pacco di NED. Naturalmente l’item narrativo può essere maneggiato anche con il Book one e probabilmente anche qualche somatico però c’è da tenere presente che la maggior parte dei somatici hanno Basic nella traccia passata e che l’episodio di base viene cancellato trovando il postulato.

  130. Billy Cage

    Grazie a tutti dell’interessamento, rimando l’esperimento.
    Avrò sicuramente sviluppata una intolleranza alimentare.
    Domani torno sul ponte se trovo dei funghi li butto di sotto…sono di sicuro velenosi, ah ah ah

  131. paolo facchinetti

    Con piacere pubblico il successo di NF sull’OT IX di Richard:

    Non gioco +col mest ed i suoi scopi ma gioco solo x la libertà spirituale!ii

    Alla fine di un episodio,che mi ha messo a dura prova nel confrontarlo,vidi partire innanzi a me,il mio corpo a forma di reticolato:l’effetto ricevuto fu pazzesco nonchè infinitamente benefico!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Realizzo che la Sanità Mentale mi permette di vivere senza entheta:tutto attorno è luce,è theta ed il mest è “fuori”perchè non mi appartiene ed è piccola cosa rispetto al mio Universo!!!!!!!!!!

    Meglio il ricordo anzichè le immagini reali:esse infatti sono avere,barriere e schiavitù…

    Ora le immagini si avvicinano danzando come fiocchi di neve portati dal vento ma non entrano + nel mio Universo…

    Anche gli oggetti se ne stanno fuori e formando un grande cerchio mi girano attorno ad alta velocità:è proprio vero che è il mest a muoversi…

    Ora vedo,osservo e percepisco in modo nuovo:tutto è bello…vorrei dire “estetico”

  132. Libero

    Bello!! Congratulazioni.

  133. Billy Cage

    Una realtà ad effetti speciali
    Magia nell’ordinario
    Giocare a biglie con le stelle
    La bellezza in ogni dove
    Sentirsi sorgente sgorgante felicità
    O forse qualcosa di meglio
    Se questo è possibile
    I miei rispetti, NF

  134. oldman

    HCO POLICY LETTER DEL 17 GENNAIO 1967
    UNA LETTERA APERTA A TUTTI I CLEAR
    Sei un Clear. Bravo e congratulazioni!
    Questo stato non è mai stato raggiunto prima d’ora in questo universo e dobbiamo lavorare tutti affinché più gente, molta più gente, raggiunga questo livello. Essenzialmente, tu sei Clear sulla prima dinamica e hai ancora tanto lavoro da fare per diventare OT, cioè le rimanenti dinamiche; ma ciò non toglie che scoprirai di avere molte abilità mai sognate prima d’ora.

    Se non interpreto male, un Clear su Prima Dinamica va sui Livelli OT per diventare Clear sulle altre Dinamiche.
    Qualcuno mi sa dire, a secondo dei Livelli OT quali?

    Con piacere pubblico il successo di NF sull’OT IX di Richard:
    NF avendo completato OT IX di Richard, è Clear su quale ulteriore Dinamica?

    • Italo Alberti

      Oldman, la consapevolezza è sempre personale, bisogna vedere cosa la persona concepisce come prima dinamica.
      Se partiamo dal presupposto che TUTTO E’ UNO, ciò potrebbe essere visto come una prima dinamica (che le contiene tutte 8).
      Se invece uno crede fermamente di essere un corpo, per lui quella sarà la prima dinamica.
      Se una persone ha la capacità di pandeterminare un gruppo, quella sarà parte della sua prima dinamica, perché il gruppo se lo sente suo, LUI è il gruppo.
      Le dinamiche non sono altro che una suddivisione dei vari aspetti della vita, se tutti questi aspetti li assembliamo in modo perfetto, avremo una sola cosa e a questo punto non esisteranno più le dinamiche , ma un TUTTO E’ UNO.

      • Libero

        Spero di no Italo, l errore fondamentale è credere di essere un tutto uno con l universo e gli altri esseri…

        • Italo Alberti

          Libero, essere un tutt’uno con l’universo e gli altri esseri in un confuso conglomerato è diverso dall’essere indipendente da tutto ciò. Tutto ciò che c’è fuori deve essere partito per forza dal di dentro, all’origine. Qualsiasi cosa che tu fai parte dal di dentro. E’ questo che io intendo con “loro siamo noi”. Non c’è niente da maneggiare fuori, l’inizio del maneggiamento parte sempre dal di dentro.

      • Calla

        Ciao Italo, per te sarebbe possibile rendere reale ciò che affermi con riferimento agli assiomi , e quali ?
        Grazie !

        • Italo Alberti

          Calla, ciò che ho scritto è una mia consapevolezza. Non mi riferisco ad assiomi in particolare. Se è vero che le dinamiche sono una suddivisione della vita, è anche vero che la vita è UNO. E per capire ciò basta osservare: il sole, l’aria, la natura, le cellule, l’universo…è tutto collegato, niente potrebbe esistere senza le altre parti. LORO SIAMO NOI, quando l’uomo combatte una qualsiasi parte della vita sta combattendo contro se stesso. Gelosia, misemozioni, collera, ecc. tutta la scala del tono è dentro di se. Qualche tempo fa, e per un po’ di tempo, ero su Serenità di Essere, ma nonostante ciò ero ancora nella Scala del Tono. Me ne resi completamente conto quando per un attimo ne uscii e quello era davvero un sogno di esistenza che però è durato poco, quello stato di essere era Dio in terra.
          C’è tutto un lavoro interiore da fare…dopotutto siamo qui per evolverci, non siamo tornati qui per fare un altro lavoro, per fare soldi o per avere un’altra moglie, queste sono cose frivole bugie a confronto.

          • Diogene

            Molto saggio, Italo, e … molto vero, se così si può dire.
            Lo studio e le esperienze sono dei gradienti. La mente razionalizza e per fare ciò si avvale di interconnessioni. E’ la “realtà” degli accordi.
            La consapevolezza (che è sempre uno stato personale anche quando è derivato da “realizzazioni” ispirate) è ciò che costituisce la “verità” che ciascuno riconosce per sé. Può essere descritta, in termini scientologici, come la totalità di ARC sulla totalità delle Dinamiche che una persona ha in quell’istante. In questo senso non è sezionabile, è uno stato di essere (come si intende “vivo” o “morto”), ma ciascuno può riconoscere la sua “limitata totalità” come parte costitutiva (e quindi necessaria) di una Totalità Incommensurabile, perché essa è forse in espansione o forse no, perché è soltanto illusoria o forse no.
            A ciascuno la sua risposta, la sua realtà, la sua verità.
            L’idea o la sensazione di “essere parte necessaria di un Tutto” è ciò che “nobilita” la nostra esistenza, ciò che ci spinge a ricercare in noi stessi e negli altri la positività di un senso morale, etico ed estetico del quale uno spirito “fuori dal gioco” potrebbe beatamente fare a meno.
            Ma nel Gioco dell’Esistenza ogni rapporto di causa ed effetto è reso complicato ed interessante dalle regole non scritte che discendono dal Triangolo di KRC, vero terreno di scontro fra caos e “condizioni”.
            Non so fino a che punto può spingersi l’evoluzione umana, se essa può andare oltre la capacità di giocare e creare un gioco migliore.
            Ma se non è umano, che cosa è?

    • Ciao oldman,
      (ci sei o ci fai?), Ron scrive nell’HCOB 10 Agosto 1982 OT Maxims:
      “ THE POWER (defined as light-year kilotons per microsecond) OF A THETAN IS MEASURED IN BY NOTHING ELSE THAN THE DISTANCE (defined as spherical spatial length) AROUND HIM IN HIS ENVIRONMENT THAT HE CAN CONTROL. That is the power of a thetan; the totality of it, believe it or not. “
      A mio avviso quindi non si tratta di chiarire una specifica dinamica con un determinato livello OT o pre-OT ma di confrontare e pervadere quelle aree theta o mest che abbiamo nei nostri tre universi e risolvere quelle barriere che ci impediscono di essere su di esse causa consapevole.
      Il ponte di Scientology ci offre quelle tecniche che permettono, attraverso un gradiente corretto, di aumentare le nostre capacita’ di percepire queste barriere che si frappongono tra noi e la nostra liberta’ e farle svanire.
      p.s.: Come scrive anche Mister X il successo di NF e’ fantastico, ma nessuno ha detto o scritto che ha completato OTIX.
      Aspettiamoci ulteriori meraviglie!
      Guido

    • Libero

      1967 Oldoman, esistevano i livelli OT originali…

    • Marco

      @Oldman
      Di difinizioni di OT ce ne sono parecchie e tutte leggibili… con una qualche sfumatura.
      Clear sulle altre dinamiche esiste come definizione, ma è una sola delle possibili; in questa fattispecie credo significhi che non reagisci più in modo scombinato su di una specifica dinamica, ma che sai essere analitico e che sai prenderti responsabilità per essa.

      Ma credo che una delle definizioni più facilmente accettabile e comprensibile di OT , sia proprio nella definizione delle due parole Thetan Operante: un Thetan/ Essere che Opera (Operante) in modo evidente e auto/pandeterminato, con o senza un corpo.

      LRH diceva semplicemente: “uno è OT nella misura in cui fa succedere le cose!” . Uno è OT nella misura in cui è causativo e responsabile nel causare operatività, nella giusta direzione verso la miglior sopravvivenza possibile in quel momento.

      Non so se questo c’entra solo con l’aver chiarito i propri bag su ogn’una delle dinamiche, di sicuro non avere impedimenti sulle dinamiche aiuta… ma credo abbia più a che fare con Operare, cioè con il prendersi responsabilità di fare succedere un miglioramento.

      Mi pare che il successo di NF ha a che fare con l’aver capito di più, sempre più, che Theta è il creatore delle cose e che il Mest è junior e lui ne ha in controllo. Questo è andare verso sempre più Operatività con il corretto punto di vista.
      Complimenti NF, veramente notevole.

  135. Mister X

    Per oldman . Dallo scritto di Paolo non dice che NF ha completato l’OT 9 di Richard ma dice che ha avuto il successo sull’ OT 9 di Richard . Io così ho capito.

  136. oldman

    @ Guido
    Ciao oldman,
    (ci sei o ci fai?), Ron scrive nell’HCOB 10 Agosto 1982 OT Maxims:
    Segunt cum furma ( dipende dalle circostanze).
    Questo HCOB dice chi sarai, man mano che percorri il Ponte, quello di L.R.H.
    La mia domanda non riguardava il prodotto finale del Ponte, ma il Ponte stesso.

    @ Marco
    Secondo me Clear su tutte le Dinamiche significa che non ha più caso, sei l’Ottava Dinamica.

    @ Mister x
    Questo stato non è mai stato raggiunto prima d’ora in questo universo e dobbiamo lavorare tutti affinché più gente, molta più gente, raggiunga questo livello
    L.R.H. associa Clear sulla Prima Dinamica a un Livello.
    Dopo un livello ce ne sarà un altro e un altro ancora, quindi la mia domanda era: se al primo livello associamo Clear sulla Prima Dinamica, ai livelli successivi possiamo associare Clear sulla Seconda Dinamica e così proseguire e quali sono questi livelli?.

    @Mister x
    Per oldman . Dallo scritto di Paolo non dice che NF ha completato l’OT 9 di Richard ma dice che ha avuto il successo sull’ OT 9 di Richard . Io così ho capito.
    Infatti la mia domanda non era diretta a NF ma ai terminali tecnici che hanno sviluppato OT 9, perchè per sviluppare OT9 devono conoscere molto bene il Ponte precedente a OT9 e che quindi sono i più qualificati
    a rispondere

  137. Italo Alberti

    Diogene, la trappola la si vede quando se ne è usciti.
    Dici “Non so fino a che punto può spingersi l’evoluzione umana, se essa può andare oltre la capacità di giocare e creare un gioco migliore.
    Ma se non è umano, che cosa è?”

    Io credo che su questo pianeta esistano anche esseri superiori ma con “sembianze umane”, probabilmente hanno anche loro dei compiti da svolgere, sono in missione. Come dicevo tempo fa, il guaio più grosso per un’essere umano è avere una mente, reattiva o analitica che sia; anche se hanno compiti diversi, sarebbero da appallottolare assieme, andare in mezzo all’oceano, legarle una possente pietra e lasciarle cadere nell’acqua.

    Io ho la “fortuna” che ogni tanto ho dei potenti release, ed è in quei momenti che cambia la mia concezione delle cose. E li inizio a fare le mie ricerche personali: una volta ho intravisto la mia futura morte: tempo, luogo e forma ma devo acquisire più dettagli, un’altra volta sono tornato indietro nel tempo ed ho visto il programma che mi era stato dato per questa vita, finora azzeccato. Ora sto facendo ricerche su ciò che avviene appena dopo la morte e sui vari stadi successivi che, anche se Ron ne parla, ciò che è vero per me è vero.

  138. Billy Cage

    Mi par d’essere lo spettatore di una partita di ping pong, battute rovesci e schiacciate veloci.
    Bello spettacolo davvero ma secondo me, al mio livello di consapevolezza, la domanda delle domande è chi sono? Questa mi darà la risposta di chi ero e chi sarò, il dato stabile da cui partire e penso condividerete la difficoltà di percepire una crescita senza averla raggiunta.
    Ci si sente gravati una responsabilità verso noi stessi, ansia e speranza nel raggiungerla si intrecciano, è un dovere imperativo ridonare sé stessi a noi stessi e non tanto per qualche vantaggio personale ma per onestà e rispetto verso la nostra vera natura.
    Da li in poi l’effetto benefico è a cascata su tutto ciò che ci circonda.
    Anche una candela nel buio fa la differenza.

    • well said…. in our case, the candle is a cognition and each cognition not only effects-changes one person who has cognised, but effects the Universe it self.
      Best to you. Elizabeth.

    • Italo Alberti

      Mr. Billy Cage, fintanto che ti chiederai “Chi sono”, non SARAI mai, perché è questa la trappola. E quando ne uscirai, semplicemente “Sei”.

  139. Mister X

    Cito la conferenza di Ron del 27 marza 1953 Tecniche accessorie della SOP ( continuazione): … Non è nemmeno un procedimento troppo lungo , ma strada facendo la persona finisce per restimolare il fatto di dover essere logica e sarà incline a interromperlo completamente . Quando in effetti si tratta dell’unico percorso che porta alla conoscenza. L’unico percorso che porta alla conoscenza è essere . Se volete sapere cos’è quel portacenere , vi basta essere il portacenere per un secondo e scoprireste in che cosa consiste..ed è più o meno l’unica esperienza che potete vivere. Qualunque altra linea di esperienza va evidentemente verso il basso , invece quella linea di esperienza va verso l’alto e si amplia verso l’esterno. E questo è essere.

    • Luigi Cosivi

      Ma non solo un portacenere, magari ritrovarsi a parlare con un gatto, in giardino dal poggiolo , e avere l’impressione di vederti con i suoi occhi, Essere a volontà qualsiasi cosa e, senza andar in cerca di chiachere, sapere di essere IO. Ma tranquilli pochi raggiungono senza Scientologi tale certezza, molti ci raccontano come si fa e sostengono la loro ragione a spada tratta, ma per me sono i soliti parcheggiatori di persone per bene che cercano con chiese ,palestre e anche il freddo del Tibet, di tenerle fuori da una ricerca veramente utile.

  140. Billy Cage

    Essere risponde infatti al “chi sono”.
    Anzi è un bella scorciatoia.
    Ciò equivale a percepire se stessi, solo se stessi, senza traccia, problemi, pregi o difetti, casti e puri e via e via e via.
    Bello, senso di leggerezza e pulizia, senza età, nome , professione, residenza.
    Dico sul serio , COME NUOVI, eppure la cosa più semplice è stata quella meno vista, sostituita dale tante cose inutili che ti porti appresso , esperienze dolorose, dati falsi, falsi scopi.
    Ehi, non mi ero accorto che stavo scrivendo questo post mentre in realtà stavo pensando.
    Essere, essere, essere………………………………………………….
    Per qualche strano motivo nella mia infanzia ho considerato questo stato come troppo vuoto e privo di interesse ed ho cominciato a buttarci dentro di tutto per entrare a pieno titolo nel mondo degli adulti così presi dai loro problemi………più interessanti.
    Sono senza parole.

  141. Marco

    Ha ragione Luigi: per sperimentare di Essere è necessaria una tecnica… che solo nell’ambito di Scientology è spiegata ampiamente (almeno così pare…) 😉

    I FATTORI Una conferenza tenuta il 24 aprile 1953

    “I Fattori sono… questo trattato è esattamente ciò che dice di essere: il livello superiore di certezza in merito all’universo mest
    Di queste cose si può essere certi quanto del fatto di esistere.

    D’accordo. Questo è un livello che… sul quale possiamo comunicare e che possiamo sperimentare.
    La possibile esistenza di un punto di vista è una cosa che si può riscontrare prontamente.

    Allo stesso modo si può anche riscontrare che il punto di vista 1 può osservare il punto di vista 2 solo e soltanto attraverso i punti di dimensione dei punti di vista 1 e 2.

    Questa, fra parentesi, non è una congettura. È il frutto di test.
    Si prendono due punti di vista e si fa in modo che si osservino a vicenda.
    Ma invece di osservarsi a vicenda, osservano i rispettivi punti d’ancoraggio: possono osservare i rispettivi punti d’ancoraggio, ma non possono osservarsi a vicenda.

    Questo indica che la prima cosa nascosta è il thetan o lo spirito umano.

    Sa di Essere e può pensare in quanto tale, in un modo che è molto semplice da sperimentare per una persona.

    Ma lui è un’influenza nascosta, perché… è non visibile. Ma non è nemmeno realmente nascosto, dato che non può rendersi visibile in alcun modo.
    Può avere solo l’idea di poter essere visibile.

    Beh, naturalmente può essere visibile attraverso la creazione di punti d’ancoraggio e di punti di dimensione.
    E quando tralascia di crearli o non riesce a ricordare di poterli creare, si fa l’idea di non esistere e di essere altre cose.

    Questo è… il tutto poggia su questo.

    Un tempo Herbert Spencer disse che la conoscenza può essere suddivisa in conoscibile e inconoscibile.
    Un bel modo di dividere la conoscenza per poterci lavorare. Ci si può lavorare. Ma si dà il caso che non sia vero.

    Ora, i fautori del trascendentalismo si sono fatti avanti e hanno detto: “Tutte le cose che vale la pena di conoscere…”, accipicchia, che palloni gonfiati!
    Hanno detto: “Tutte le cose che vale la pena di conoscere trascendono i limiti della ragione umana”. Solo che lo hanno detto in tedesco.
    In altre parole, qualsiasi cosa mai si conosca si colloca oltre la capacità di conoscere.
    Questo ha fermato la filosofia. Correva più o meno l’anno 1792, se ricordo bene, e ha fermato il corso della filosofia.

    Da lì in poi, nessuno si è più preso la briga di pensare. Dal 1792 in poi hanno smesso di pensare. Sono caduti in uno stato di catalessi, o qualcosa del genere, e si sono dati alla scienza.

    Non è necessario pensare nel campo della scienza; ci si balocca e basta.
    Si raccolgono tutte le cavallette del Nebraska, si contano le zampe e si moltiplica il risultato per il numero delle cavallette raccolte, quindi si pubblica un interminabile comunicato che stabilisce quante zampe di cavallette ci sono in Nebraska, e tutti dicono: “Ah la scienza”.

    In altre parole, la scienza avanza la pretesa di essere qualcosa che non è. Avanza la pretesa di essere la verità e di ricercarla.
    In realtà, è una specie di analisi qualitativa e quantitativa delle sue possibili scoperte, ma solitamente conduce tale analisi qualitativa e quantitativa sulle sue scoperte riguardo a ciò che altra gente ha scritto. È una faccenda molto brutta.

    Questo è… come che sia, sto ingigantendo le cose. La mia è un’esagerazione. La scienza non è… non è poi così male.

    Quindi, non era vero, non era vero che tutte le cose che valeva la pena di conoscere cadessero oltre quel raggio d’azione. E non era vero che tutte le cose che Herbert Spencer buttò nel calderone dell’inconoscibile vi appartenessero.

    Perché qualsiasi cosa valga la pena di conoscere a proposito di questo universo è nelle vostre mani. È un dato di fatto.

    È nelle vostre mani non appena avete una tecnica che vi permetta di conoscerla! Non si deve mai perdere di vista il fatto che una tecnica del sapere è superiore a un dato.

    Si può andare avanti a raccogliere dati all’infinito senza conoscere, se non si possiede una tecnica per conoscere.

    E quando dico che qui abbiamo qualcosa con cui possiamo sperimentare il conoscere, intendo dire che abbiamo uno strumento con cui possiamo conoscere e fare.

    In effetti, non c’è niente di altrettanto valido per conoscere una sega circolare quanto l’essere una sega circolare.

    Ma nessuno, in passato, possedeva una tecnica con la quale poter diventare una sega circolare. Sì, proprio così.
    Eppure adesso è possibile essere una sega circolare, se si vuole, e conoscere tutto sulle seghe circolari.

    Starete pensando che sia molto strano, ma se vi mettete a guardare con gli occhi MEST, che ne so… la maniglia di una porta, è necessaria la vostra esperienza per sapere che la maniglia ha una cavità.

    Vedete, dal punto in cui vi trovate, guardate un oggetto come una maniglia e pensate che la maniglia sia cava all’interno perché è una maniglia.
    Su cosa fate affidamento? Sulle esperienze passate… il che è pericoloso. È molto pericoloso!
    Tutto nell’intero universo cambia di ora in ora.
    Quanto ci si può sbagliare? Conoscendo tramite l’esperienza.
    Questo è quanto ci si può sbagliare.

    Il miglior modo di conoscere che abbiamo a disposizione è : Essere.

    Ma andrebbe benissimo se stessimo agendo solo ad un livello filosofico, e così via e se tutti potessimo tenere in equilibrio una tazzina da tè sul ginocchio e discutere di tutto questo.

    Non abbiamo la necessità di discuterne, perché possediamo una tecnica che separa un individuo.

    E non appena si separa da qualcosa così passibile d’infortunio qual è un corpo MEST, pur continuando a mantenere il controllo sul corpo MEST, diventa capace di assumere qualsiasi punto di vista.
    E la sicurezza e la certezza con cui egli assume questi nuovi punti di vista sono la sicurezza e la certezza della sua capacità di conoscere tramite l’Essere”.

    Qual è lo svantaggio del conoscere? Beh, lo svantaggio di Essere… se ci si trovasse in un corpo umano e si cercasse di essere una sega circolare occupandone lo stesso spazio, probabilmente si perderebbe un bottone o altro.
    Però, in quanto se stessi se ne può effettivamente occupare lo stesso spazio e dire: “Guarda come gira”.

    Naturalmente, la prima volta che dite al vostro preclear: “Andiamo in giro per la campagna fino a quando troviamo una segheria in funzione. Molto bene. Ora entra nella sega circolare”, il preclear dirà: “Gulp!” Ne rimarrà sbalordito.
    È sorprendente vedere quello che gli succede quando scopre di poterlo fare. All’improvviso si renderà conto di Essere li. Può essere qualsiasi cosa.

    Beh, se può Essere qualsiasi cosa, può avere un numero illimitato di punti di vista. Se può avere un numero illimitato di punti di vista, può conoscere qualsiasi cosa… no?

    Che differenza enorme determina tutto ciò nel campo d’azione di un individuo!

    D’accordo. Che cosa abbiamo, allora, nei Fattori?

    Abbiamo il percorso di un punto di vista che cerca di associarsi con altri punti di vista.

    Tutti i punti di vista sono nascosti, mentre tutti i punti d’ancoraggio sono visibili.
    Quel punto di vista nutre un’aspirazione… e tale ambizione dipende dalla decisione di Essere.

    Ed è meglio essere qualsiasi cosa che non essere niente. Questo punto non è sottolineato nei Fattori. È meglio essere qualsiasi cosa. È meglio essere in profonda agonia che non essere niente.
    Il thetan crede di non essere niente, se non si identifica con qualcosa. Alla fine, arriva ad identificarsi con le cose, quindi è la cosa.

    Pensa di fingere di essere la cosa perché sa di non esserla, ma che la sta solo diventando.
    In realtà, potrebbe essere la cosa in qualsiasi momento. Gli basterebbe dire: “Sono quella cosa”. Vedete quanto è semplice.

    Cosi, in altre parole, si identifica con gli oggetti.
    Oggetti che lui stesso è in grado di creare. E se è in grado di creare questi oggetti, sicuramente non possono scarseggiare.

    E se avesse dimenticato di possedere le capacità di crearli?
    In tal caso tutti dipenderebbero da qualche macchinario automatico del tipo: “Solo Dio sa come tutto succeda; solo Dio sa come possa andare avanti”…

    E l’universo si limiterebbe a girare tacchete-tacchete-tacchete, senza che sapessimo mai come.
    Lo facciamo andare avanti costantemente e poi diciamo: “Non sappiamo niente di questo universo. Dev’essere un luogo strano e sconosciuto”, e cosi via.
    Eppure lo facciamo andare avanti costantemente.”

  142. Mister X

    Negli ultimi decenni si è parlato di Clear e poi di OT. Il mio sogno è sempre stato , almeno come gradino spirituale , raggiungere lo stato di “” Un essere che è ragionevolmente stabile al di fuori del suo corpo …” che è la definizione di Theta Clear . Perciò nell’avanzamento spirituale dopo Clear orientiamoci su questo stato e lavoriamo per raggiungerlo . Il traguardo sarà la meta ultima mentre una tappa si può raggiungere in un tempo minore . Sentivo dire : ” Vieni a … e ti porteremo ad OT” . In questo caso OT era qualcosa di indecifrabile e nebuloso perché stiamo parlando di uno stato quasi assoluto se stabile o relativo se instabile. Oggigiorno direi ” Si bello ma dove ottengo lo stato di essere ragionevolmente exterior : Theta Clear? ” . Naturalmente OT rimane sempre la meta finale .

  143. Libero

    Mister x , un OT è colui che fa accadere le cose. Decide e accadano.

  144. Ciao Libero ,Uno è OT nella misura in cui fa accadere le cose e partendo da questo salendo sempre di più la sua causatività aumenterebbe sempre di più . Non ho niente da dire su questo . Nel libro i fondamenti del pensiero riguardo le “posizioni”in cui il thetan si trova o dovrebbe trovarsi Ron pone l’accento sul fatto che è più felice quando è fuori dalla testa ( e non fuori di testa ) e che controlla il proprio corpo da quella distanza. Inoltre su molte definizioni cita : ” Un essere esteriorizzato che…”. Beh lasciamo perdere il ” che…” perchè ci perdiamo in un sacco di speculazioni e cerchiamo di ottenere un essere esteriorizzato come dato stabile . Diciamo che mi piacerebbe mettere un po’ di chiarezza su questo argomento e ogni volta che vedevo un amico andare in un AO per fare i livelli OT ( che poi sono pre OT ) ,e ritornava pensavo caspita ora è esteriorizzato ed è felice . Non potevo chiedergli niente perchè era tutto avvolto da confidenzialità . Bastava che mi dicesse o che qualche conferenziere dicesse : ” Beh nei livelli preOT ( fino al 7) non ci si occupa di ottenere questo aspetto di caso MA non lo facevano e se lo dicevano potevano ritrovarsi in etica entro pochi minuti perchè ciò andava ad intaccare le entrate Ci si concentrava cosi tanto sulla CAUSATIVITA’ che ci si dimenticava l’esteriorizzazione stabile o ragionevolmente stabile .Vorrei dare un riconoscimente a Richard perchè da ciò che ha scritto si capisce che sta “lavorando” sul Theta Clear e poi su per OT.Noi lavoriamo nella verità ed ogni gradino del ponte è importante per la rinascita spirituale dell’individuo e dell’Umanità e non rccontiamo balle per accrescere la nostra sopravvivenza materiale .

  145. Libero

    David Bowie, 1947 – 2016
    La notizia di questa mattina della morte di David Bowie.
    Scientologyst dal 1970 e ha lasciato Scientology nel 1982.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...