Archivi del giorno: 18 maggio 2016

Clear Indipendenti

ali

Bene bene, è con grande piacere (e un pizzico di orgoglio) che annunciamo l’attest dello stato di Clear da parte di tre persone nel campo indipendente.Questi risultati dimostrano ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, che Scientology è funzionante e piu’ viva che mai al di fuori della corporazione di Miscavige & C. Una ulteriore evidenza che c’e’speranza di liberta’. Questo nostro blog non e’ che la punta dell’iceberg. Complimenti a queste tre persone, per la loro perseveranza, per non essersi arrese davanti alle difficolta’, siete di esempio per tutti noi!  

Ma lasciamo spazio ai Successi!     

simbolo-di-infinito-(1c)

E’ fatta, dopo così tanto tempo ho finalmente verificato, confermato e attestato che “di Clear si trattava”.

Già…, ho attestato…

Grazie 1000 al mio auditor e al mio C/S, due amici meravigliosi.

Devo dire che… beh, “così  era già da un po’ di tempo”; ma la cara chiesetta su questo argomento mi aveva fatto un bel po’ di confusione e/ma… anche un bel po’ di stolking (uso una parola poco espressa nel nostro ambito, ma di questo si è trattato… e questo stalking se non è vera e propria evidente soppressione ne è l’espressione strisciante).

Per prima cosa devo fare un grosso elogio al mio auditor che con grande pazienza, certezza e determinazione “che si può e che si deve fare”, mi ha ripreso e rimesso in carreggiata.

Il mio auditor nonostante “un PC un po’ difficile” (all’inizio parecchio in protesta e diffidente, un PC da riparare e risistemare), mi ha fatto attraversare il Ponte; che adesso, guardandomi indietro, devo dire è stato magnifico e vitale.

Guai se non lo avessi fatto e guai se mi fossi limitato solo a star li a lamentarmi di come la chiesa mi avesse maltrattato (in auditing e con le sue negazioni), attraverso le sue tipiche forzature e storture: “non pensare con la tua testa”.

Nell’auditing di questi ultimi mesi ho avuto veramente un sacco di guadagni e di ripristino di consapevolezza, un sacco di realizzazioni, un sacco di sistemazione dei paradossi, che una vita difficile, e la chiesetta con tutti i suoi dati e tech alterata, avevano creato.

Ma è anche vero che di per sé “un Clear è in pericolo”, ovvero dovrebbe/deve andare velocemente avanti. L’ho capito molto, molto bene, cioè: io ho veramente rischiato molto.

Devo proprio confessare che in questa spirale di tanti anni me la sono vista proprio brutta… ero arrivato dal mio auditor con un bel po’ di guai (di caso) in corso; ma la tech ben gestita, insieme alla sua ferrea determinazione (del mio auditor, che non nomino per rispettare la discrezione e la richiesta di riservatezza), hanno fatto la differenza ed hanno portato al risultato che io solo immaginavo.

Mi ero infatti rassegnato che “beh si, “si può fare”, ma per me succederà forse in un altro momento, chissà quando…”

Ecco questo è soprattutto il messaggio insito in questo mio successo: “il Ponte, la tech, quella onesta (e oserei dire, quella di buona intenzione), scarica veramente la carica (gioco di parole) e dopo un po’ la nebbia comincia a diradarsi.”

Perché questo è quello che è successo: session dopo session, alle volte velocemente, alle volte un po’ più lentamente, ma sempre di lavoro si tratta, cominci a vedere sempre più verità, molto spesso la semplice verità, ovvero si comincia ad intravedere della luce.

 

Naturalmente c’è stata anche la mia determinazione a continuare “nonostante tutto ciò che era successo precedentemente”… devo dire che l’acutezza di sapere e intuire che “non può essere che questa la strada!”, mi è stata molto di aiuto: sapevo che nonostante le difficoltà e la ritrosia che mi assaliva a momenti alterni, dovevo andare avanti.

Questo pensiero è stato quello vincente: “devo andare avanti, lo so che alla fine vedrò la luce in fondo al tunnel”.

Ed alla fine è successo: mi è stato verificato lo stato di Clear e… “ma guarda un po’“, era così come immaginavo fosse: ho riabilitato lo stato raggiunto tempo fa.

Ringrazio molto il C/S che alla fine mi ha verificato e confermato: “sei Clear”.

Ora, in questo momento, mi sono messo in uno stato di semplice osservazione, guardo e percepisco i cambiamenti, le sistemazioni che stanno succedendo nel mio universo: pensieri e considerazioni, statiche per anni, che cambiano. Sono riabilitazioni in corso… ovvero rimozione di valutazioni e invalidazioni, molte delle quali fatte by self (auto invalidazione: “la somma delle invalidazioni ricevute”).

Se non che: “un Thetan ottiene ciò che postula”, ma anche “ciò che considera”, di sé e degli altri.

Questi postulati e considerazioni, mettono li una specie “linea guida” per il comportamento e l’andamento nella vita (come e cosa si pensa di se e degli altri, con conseguente comportamento ed atteggiamento); beh, in questo momento io ho in corso molte modifiche di pensieri ed atteggiamenti nei miei confronti e nei confronti di altri. Si stanno “mettendo per il meglio” molte cose nel mio universo. E questo mi sta piacendo molto.

Sul Ponte ho rimosso moltissime considerazioni e postulati e calcoli (con mitico “nuovo” Grado 4  (un’esclusività del movimento Indipendente, in realtà solo l’originale grado 4 di LRH), ho rimosso tanti  SF (n.d.r. Facsimili di Servizio), in modo molto ampio e “devastante” (rispetto al grado 4 della chiesetta che a paragone è solo un sbuffo di fumo). Ma qui con questa attestazione di Clear, una certezza che ho sentito molto precisa nel mio ciclo di attestazione, semplicemente si stanno risistemando “cose” (pensieri, considerazioni, conclusioni inesatte per mancanza di certezza e verità… tutto ciò solo per questa attestazione e certezza. Tali sistemazioni sono possibili grazie anche “solo” alla forza di un riconoscimento.

Finisco dicendo che “La certezza di Clear” è veramente cosi tanto importante: un punto ben determinato per poter progettare poi il nuovo percorso che c’è da fare, verso sempre maggior libertà. Libertà che ha questo punto considero semplicemente essere “sempre più verità”.

Grazie a tutto il movimento Indipendente, che è ben simboleggiato dal “nostro” blog La Reception, per la costante presenza, per il costante messaggio di speranza: “si può fare e lo stiamo facendo”.

Grazie a me stesso e grazie a tutti; a questo punto posso dire: “Very, very good well done!”

 

M.

simbolo-di-infinito-(1c)

 

Perché Clear?

 

Mi sento in pace con me stessa, nel rispetto delle richieste del mio body: cenetta tranquilla e rigenerante, relax a letto già da ora. Regalo energia chimica e fisica al mio mezzo di azione in questa vita. Il mio corpo che ora ascolto di più perché mi occorre per le mie missioni.

 

Tutto è così meravigliosamente naturale: riscopro una condizione che ho già vissuto in altra vita, o forse in questa, appena nata, non so. Mi sento libera e in pieno potere delle mie abilità. Felice e curiosa di poter scolpire il mio futuro godendomi il presente!

 

Eccomi sono Clear! Lo sono dal……. Ho riscoperto oggi come sono libera dalla mente reattiva, come sia bello decidere di voler “provare le emozioni” per rendere onore al mio body e rispettarlo, e contemporaneamente poter creare io la realtà che voglio attraverso i miei postulati. Decisi e senza incertezze, con date precise e azioni immediate.

Molto semplice, naturale e potente!

Ora voglio tenere alto il mio tono e divertirmi!

Grazie al mio Auditor! (kiss)

A.

simbolo-di-infinito-(1c)

 

Tumultuose le onde che governavano i mari ignoti della mia mente, mentre all’orizzonte una nebbia di paure e dubbi rendeva incerto il mio presente.

Poi d’un tratto la scarica che attendevo da tempo.   Adesso il silenzio.   Adesso la quiete.   Adesso la pace.   Estasi.

Non mi soffermerei oltre su tutte queste belle condizioni di esistenza.   Mi focalizzerei sull’ADESSO!   Credo non esista dono più potente dell’essere radicati nel tempo presente.  Mi sento finalmente stabile!  Sono il punto fermo in mezzo al caos.

Immobile dal mio punto di vista, mentre la vita si evolve davanti a me quasi fosse la pellicola di un film.   Tutto scorre mentre io sono fermo, concentrato e capace di delineare i contorni di ogni evenienza, riuscendo così ad averne il controllo.

Dentro di me percepisco tanto amore e, quando mi trovo solo con me stesso, mi sento cullare da un profondo sentimento che potrei definire quale un misto tra gratitudine e gioia.

La testa è così leggera che sembra di non averla più.

Mentre gli altri si focalizzano sui rischi e rimangono bloccati dalla paura, la mia mente viaggia ad alte velocità, fornendo soluzioni in base ai diversi possibili scenari, delineando così la strategia più efficiente.

Dovessi riassumere lo stato attuale in poche parole, lo definirei così:   essere completamente presi e totalmente distaccati allo stesso tempo.

PS:  Un grandissimo ringraziamento a Guido e Marisa che hanno sempre creduto in me nonostante fossi un ragazzino che sentiva parlare di Scientology per la prima volta, senza aver mai messo piede in una chiesa ufficiale. Tanta gratitudine nei confronti del mio Auditor R. che stimo molto e in cui ripongo completa fiducia.

Grazie a La Reception per avermi messo in contatto con il mondo indipendente e Paolo per il suo ruolo di timoniere del caso. Un caro saluto anche ad altri amici che mi hanno sempre ascoltato e che ho provveduto personalmente ad aggiornare su ogni mio successo ottenuto.

M.

the bridge (2)

 

 

 

11 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, Scientology indipendente, SUCCESSI, Tecnologia Standard