Un successo di Billy

cage-escape

Ora mi sa che dovrai cambiare il nick name,

la gabbia (cage) si è aperta, anzi si è spalancata,

complimenti e buon proseguimento caro Billy!

 

Ho attestato il Grado 4, oserei dire che ci siamo presi a testate.
Passarci attraverso non è stato per niente semplice ne nessuno con un minimo di dati e intuizione si aspetta che lo sia.
Ad ogni seduta il mio auditor guidava un camion tra i tornanti ed io dal finestrino a dar di stomaco dalla nausea rassicurato che alla guida comunque ci fosse lui e poi giunti da qualche parte era roba da minatori, picconate nel granito alla ricerca di una vena promettente.
Guccini cantava” Ma se io avessi previsto tutto questo….forse farei lo stesso” Si lo rifarei.
Insomma autolesionismo produttivo , hai veramente a che fare con il “mostro” insidioso e invisibile dalle molteplici teste i “service fac” una nostra invenzione , un robot, che poi ci domina sottraendosi facilmente al nostro controllo e solo il setaccio ripetuto dell’auditing riesce ad individuare ed isolare.
O almeno così speravo, credevo, pensavo, mi aspettavo ma durante tutta la ricerca che si stava dilatando oltre ogni mia previsione tutto quello che portavo alla luce non mi dava sollievo nonostante fossero contenuti di valore: Un campionario di atteggiamenti e debolezze confezionati ad uso e consumo e all’occorrenza sempre pronti.
Cominciavo seriamente a scoraggiarmi, ho sempre avuto fiducia nell’auditing ma si insinuava in me l’idea che per qualche motivo non riuscivo a sbloccare la situazione, sentivo un tappo che volevo liberare ma non ci riuscivo.
Ero lì li per sbattere le lattine sul tavolo, ringraziare il mio auditor e salutarlo con un arrivederci a data indeterminata. Lui ha intuito il mio scoramento e consultatosi con il CS hanno deciso per una lista di riparazione che ha avuto il merito di liberare un whithhold ( che reputavo di nessuna importanza)
di un turbamento per una notizia avuta poche ore prima.
Soggetto a tutte queste simultanee pressioni in pt il tappo si è liberato, ha avuto bisogno di problemi reali, il mio senso di sconfitta e il turbamento che hanno dato il colpo finale al lavoro di mesi.
Come per magia dal niente è apparsa alla soglia della mia consapevolezza tutta la verità nell’ammettere che ero io a decidere se abitare quella terra di nessuno che è il bank, un non luogo dove vi è confusione e sofferenza, indefinito disagio, incompletezza di intenti e tanta amara rassegnazione e così lo conoscevo da sempre.
È stato un lampo brevissimo, spontaneo, inaspettato e formidabile che metteva nelle mie mani, l’ho avvertito come azione non come concetto, l’abilità di scegliere da quale parte della linea stare.
Con uno scarto potevo varcare un confine tra l’oscurità o la luce, tra essere e non essere come lo avevo fatto per la prima volta chissà dove e quanto tempo fa.
Con questo voglio dire che probabilmente ho silurato il mio primo service fac che mi induceva a ripiegare comodamente nel bank quando non ero più in grado di far fronte al presente.
Una verità dalla semplicità disarmante che diventa tua solo quando la vedi
nella sua naturale dimensione.
Il bank può diventare un universo e ci caschi dentro senza accorgertene ma per sua sfortuna io me ne sono accorto.
Oggi un po’ temo questo potere, non di esercitarlo ma di perderlo, di non essere all’altezza di sostenere tutta questa autodeterminazione .
‘Ma se io avessi previsto tutto questo……” No non potevo prevederlo.
Ti senti vergine e nuovo alla vita è esaltante e temi una ricaduta, abiti qualcosa di diverso da quello a cui eri abituato, sei stupito e disorientato ma per niente vorresti perderlo.
Ti dici che forse sei a una svolta e dopo quella tutto è diverso, ridi e piangi per te e tutta l’umanità fatta a pezzi e ignorante di sé.
E ringraziare per questo privilegio chi sai tu. Difficile da credere, difficile quanto bello.
All’inizio del mio ponte ho perso il mio cane e per la sua mia sofferenza giurai che non mi sarei mai fermato.
A lui dedico questo G4.
Il prezzo della libertà è la responsabilità, ma è un affare, perché la libertà non ha prezzo.”
Hugh Downs

27 commenti

Archiviato in Casa Minelli

27 risposte a “Un successo di Billy

  1. Diogene

    Stupendamente bello.
    Grazie, Billy!

  2. marisa

    Bello caspita! Ma quanto scrivi bene Billy! Congratulazioni e avanti a tutto vapore!
    Marisa

  3. Custer

    Complimenti. Stupendo.

  4. GB

    Complimenti! Sembri a un passo dal clear!

  5. ” Cominciavo seriamente a scoraggiarmi, ho sempre avuto fiducia nell’auditing ma si insinuava in me l’idea che per qualche motivo non riuscivo a sbloccare la situazione, sentivo un tappo che volevo liberare ma non ci riuscivo.”

    Ogni step del’ auduting volge immancabilmente verso uno scopo nel seguirlo ci si muove nella scala del tono la volontà del PC nel perseverare e la bravura del’ Auditor sono la scena ideale.
    Complimenti Billy per il tuo successo.

  6. NOTsaware

    Fantastico!! Complimenti a tutti coloro che hanno reso questo possibile!!!

  7. Marco

    “Il prezzo della libertà è la responsabilità, ma è un affare perché la libertà non ha prezzo.”
    Billy, questo è il giusto cappello finale sul tuo bellissimo successo. SI capisce bene che quello che hai raggiunto te lo sei guadagnato con fatica, lacrime e sudore. Ma questa fatica è quella più meritevole e proficua, perchè lascia molta meritata consapevolezza .
    Complimenti!

  8. Massimiliano Bortolus

    Un bell ‘ esempio che mette in evidenza l ‘importanza di fare i gradi solo se si hanno i rudimenti in.

  9. Ethan

    In questo post si parla di successi.
    Questa invece è una richiesta d’aiuto.
    Come faccio ad iniziare con la tech e sopratutto a proseguire?
    Posseggo:

    Libri:
    -Dianetics La forza del pensiero sul corpo
    – Dianetics: scienza della salute mentale
    -Self Analisi
    -Hai vissuto Prima di questa vita?
    -Problemi del Lavoro
    -La via della Felicità
    -Scientology: i fondamenti del pensiero
    – Scienza della Sopravvivenza
    – Manuale del Preclear
    – Scientology La storia dell’uomo
    – Manuale dei Procedimenti di Assistenza
    – Procedimenti introduttivi e Dimostrativi
    – Scientology 0-8

    Audiolibri:
    – I fondamenti del pensiero
    – problemi del lavoro
    -una nuova ottica sulla vita
    – evoluzione della scienza
    -la tesi originale
    – Dianetics

    Conferenze:
    -Cosa può fare Dianetics
    – Quadro della Valutazione Umana
    – Teoria Theta-Mest
    -Quadro degli Attegiamenti
    -Curva Emozionale

    Altro materiale in Italiano:
    – HQS
    – Livello 0 di Scientology
    – Livello 1 di Scientology
    – Livello 2 di Scientology
    – Livello 3 di Scientology
    – Livello 4 di Scientology
    – PrimaryRD
    – Dizionario Tecnico
    – Ability, Stare di Fronte 1957
    – Ability Ulteriori Dati su Stare di Fronte 1957
    – HCOB 2 giugno 1971

    Il problema è che, a parte i libri, non trovo e non ho tanto materiale che riguarda il vero training. In realtà, mi è stato consegnato tutto il materiale free zone, ma è in inglese e di difficile traduzione.
    Nello specifico, vorrei approfondire sopratutto la parte riguardante la comunicazione. Trovo sempre le stesse informazioni sul triangolo di ARC, a dire il vero nei vari libri, trovo proprio le stesse frasi come ad esempio “come si fa a parlare con un uomo in collera?”. Non disponendo di Dianetics 55 in italiano, ho approfondito la comunicazione tramite i corsi online forniti da CoS.
    Ho pensato di procurarmi il Congresso sull’Unificazione, ma in italiano proprio non lo trovo.
    Sapresti darmi un aiuto?

    Il mio ulteriore problema è che non riesco più a capirci nulla: da una parte la free zone che difende la tech pre 1972 e dall’altra coloro che utilizzano tutta la tech post 72. Come si viene fuori da tutta questa confusione?

    Grazie a coloro che mi ascolteranno.

    Ethan.

    • Ciao Ethan e benvenuto,
      come avrai potuto osservare noi de La Reception abbiamo come scopo rendere possibile un Ponte di Scientology indipendente dalla chiesa “ufficiale”.
      In questi anni, grazie al lavoro e alla dedizione di auditor, supervisori e C/S abili e responsabili, tante persone hanno iniziato o continuato il cammino verso la loro libertà spirituale.
      Sicuramente potremo aiutarti, contattami quando vuoi.
      A presto
      Guido
      guidominelli@gmail.com

  10. paolo facchinetti

    La tecnica prima del 72 è valida, come pure le modifiche successive. Tieni presente che chi ha creato questa contrapposizione sostiene anche che la Terra non è sferica ma è piatta, e che Marylin Monroe era un uomo e Obama una donna,… vedi tu!

  11. Burlesque

    Per dovere di correttezza, c’è anche chi ritiene valida la Scientology 1972 pur essendo convinto che la terra sia ritonda e che Marylin siano una donna. Tra l’altro la teoria di Scientology 1972 non l’ha creata la persona che dici tu ed ormai un movimento internazionale.

  12. Burlesque

    Hai tagione Guido, ma è una questione di lana caprina perchè e ovvio che chi ritiene valida la tech solo fino al 72 non accetta, o accetta con riserve, quella dopo e va automaticamente in contrapposizione. Poi ci sono modi e modi per non essere d’accordo su questo tema, come su tante questione della vita: vivendo e lasciando vivere o creando una sorta di GPM.

    • paolo facchinetti

      Giusto, anch’io ad esempio considero non valida la tech dopo l’81, dopo cioè che è stato fatto fuori David Mayo. Altra cosa è pensare che TUTTO quello prima del 72 era giusto, TUTTO quello dopo sbagliato, che Ron Hubbard non sbagliava mai, che è stato sostituito da un sosia, che tutti i pc prima del 72 stavano benissimo e diventavano magnifici Clear, che la Terra è piatta e altre cose del genere. Naturalmente ognuno è libero di pensare ciò che vuole, però è difficile impostare dei discorsi costruttivi quando ci sono degli “assoluti” in gioco. Diciamo che su questi argomenti ho delle conoscenze dirette e di prima mano (al massimo seconda).

      • GB

        Io quella storia non l’ho vissuta, posso però dire, sulla base delle mie percezioni personali, quindi soggettive, che trovo David Mayo affidabile e competente. Mi riferisco a ciò che ho avuto modo di leggere scritto da lui e ad alcuni video che ho guardato su youtube. Miscavige, ad esempio, non mi ha mai dato delle buone sensazioni. E delle mie percezioni mi fido.

  13. Luigi Cosivi

    Anche perché uno o più argomenti corretti non estendono la verità a tutto ciò che uno sostiene, inoltre dubito fortemente degli argomenti affermati senza una competenza maturata con la verifica personale, appunto di prima mano come dice Paolo. Riguardo poi le morti di tanti OT, anche conosciuti personalmente, in qualche modo i corpi cessano di funzionare e, oltre a non aver affrontato con sufficiente competenza il lavoro, è possibile che qualcuno semplicemente voglia andare dal concessionario a comprarsi un auto nuova. Non tutti accettano una condanna a vivere altri 20 anni per soddisfare le necessità del propri PC, con dedizione e onesto lavoro, arrabattandosi anche in mezzo ai mille dubbi che qualcuno insiste a buttare in mezzo a noi Indipendenti. Sono sempre stato aperto a correggere la mia non conoscenza o errori o malcomprensioni, ma con i sistemi della qual onesta: foglio rosa, cramming e se proprio insisti etica e giustizia. Imposizioni e critiche baaaasta, c’è tanto da fare senza perder tempo a farci male tra di noi.

  14. Marco

    Approvo e sottoscrivo tutto ciò detto da Paolo e da Luigi…

    E dico qualcosa anch’io…
    In effetti, magari la Scn ante ’72 era una tech ad uno stato puro ed incontaminato, non inquinata da nulla… ma questa considerazione è tutt’altra cosa che dire “tutto ciò che è venuto dopo non vale nulla”.

    La tech di Not’s (’77-’78) ha un senso… ed è una conoscenza scaturita dopo OT3 e dopo alcune evidenze tecniche…
    Io non ho una grande conoscenza tecnica, ma dopo 30 anni di frequentazione ho capito bene che il maneggiamento per il “recupero della propria autodeterminazione” (che era da conseguire con OT3) non era/è realizzato del tutto con il “solo” livello3, ci si era accorti poi (nel ‘76/’77/’78) che sottostante c’erano molti più “singoli” maneggiamenti da audire… che c’era molto più lavoro di ripulitura intorno al pre-ot da fare per raggiungere l’agognata auto-determinazione.
    Mi pare questa (Not’s) sia la più evidente contestazione tecnica dei sostenitori del “solo prima del ‘72”…

    Ma la prova del nove di ogni teoria o metodologia è sempre “ questa tech funziona o non funziona?”. Beh pare proprio di si!

    I vari tragici disguidi citati per invalidare Not’s (“gli OT che usano la tech dopo ’72 sono stati decimati”, +/- questo dicono) sono un’evidente esagerazione, non supportata dai numeri… anch’io io (che ripeto bazzico l’ambiente da 30 anni) non ho veramente visto questa moria ad altissima percentuale… ovvero il % di morti sospette riconducibili ad errori sui livelli OT (stante il fatto ovviamente che anche solo una persona morta per questo è una persona di troppo), rispetto alla quantità di persone che hanno fatto Not’s negli anni, non mi pare cosi grande come “fanno credere e minacciano” i fautori del “solo tech ante ‘72” .
    La quantità di gente che ha fatto i livelli è di migliaia… le morti a causa di out/tech e/o out/etich ecc. quante sono veramente (forse Luigi potrebbe ricordarne quante?) E cmq le varie tragedie successe (che pur ci sono state) credo siano da imputare alla Reverse-Scientology by Miscavige, by l’infiltrazione IRS (o chi altri!?), successa verso la fine anni ’70 inizio ’80…

    Per esempio già solo la pratica de i “six months check” (verifica dei 6 mesi) è una Out-Tech gravissima… solo questa alterazione (by Miscavige & Company) voluta e insistita potrebbe giustificare le tragedie successe.

    Non mi pare che la tech Not’s presentata da Davide Mayo nel ’77 prevedesse questo… o che David Mayo abbia veicolato questo… o che il nostro C/S Paolo (C/S per gli indipendenti della tech “ante ‘81”, per la sua grande esperienza “un faro nel buio della notte”) promuova questo (cito Paolo perchè è stato accusato di essere un “promotore” di out/tech)

    La tech che si sta usando nel campo Indi per il 98% è questa tech ante ’81 e mi pare che funziona alla grande… al riguardo di questa tech, nel campo Indi non ho sentito che nessuno abbia avuto i “disguidi” agitati a mò di spauracchio dai promotori del “Solo tech prima del ’72!!!” .

    Riguardo poi al “nuovo” OT8 e 9 introdotto/proposto da Richard e fatto “circolare” dal C/S Paolo (anche questa una cosa pesantemente contestata dagli “solo tech ante ’72”), da quel che so, è tech di LRH e sta dando successi strepitosi… ho amici che lo hanno fatto (o che lo stanno facendo), e che in più ora sono sul 9, e a loro dire “è la strada che mancava e che porta fuori”… eccezionalmete impegnativa, maneggia tanta carica, ma proprio per questo molto produttiva.

    Dunque ben venga il movimento “solo la tech ante ‘72”, è meglio che niente; ma è anche ovvio (sarebbe ovvio) che non è il caso che alcuni esponenti “di spicco” di questa assioma, si lancino in gravi diffamazioni della tech ante ’81 e della tech “OT 8/9 di Richard”… e in una crociata di deligittimazione del C/S Paolo che promuove questa linea (ovvimanete non imposta, ma solo per chi la vuole usare)…

    E’ ovvio non infierire perchè:
    1) perché questa tech Not’s e poi anche OT8/9/10 (Raqccolta da Richard, ma di LRH) sembra funzioni alla grande;
    2) perché chi diffama manca di informarsi presso chi la usa, manca di capire se chi la usa è felice o meno;
    3) bisognerebbe notare che la tech ’72 non va oltre a … (in realtà non so bene se “entro il ‘72” porta fuori dalla trappola o meno, ma non ci sono molte informazioni al riguardo, almeno non in Italia);
    3) La tech’ ante ’72 sembra sia una minoranza e che non abbia un C/S disponibile;
    4) prima di diffamare una persona del livello del C/S di riferimento Indi, Paolo, ci si dovrebbe informare presso i Pre-Ot ed OT che seguono le sue indicazioni (i suoi C/S) e capire se sono felici o meno…
    5) bisognerebbe capire che in fondo l’out tech di cui si accusa Paolo è illogica anche solo (a parte dei PC / Pre-OT / OT felici) perché se una persona volesse fare danno, dopo qualche anno lo si avrebbe notato alla grande: non saremmo mica tutti (quelli che lo conoscono e seguono le indicazioni tecniche) degli stupidi!?
    6) si dovrebbe stare un po’ più moderati perchè invalidando il C/S, si invalidano anche tutte le persone che hanno avuto grandi guadagni e avanzamenti spirituali grazie ai suoi C/S tecnici.
    7) si invalidano tutti gli auditor che sono C/Sati da Paolo (che invece so hanno una grossa ammirazione per la grande capacità tecnica).

    Va beh, non vado altre a queste poche cose, perché sono certo che bastano a capire il concetto, ovvero che il C/S di riferimento (Paolo) è una brava/bravissima persona, molto dedicata e competente e che è ancora in pista solo perché ha a cuore il benessere spirituale degli amici scientologist.

    Io lo conosco e non ho nessuna evidenza che sia “al soldo di qualche multinazionale” (una delle teorie usate per screditare) che “lui vuole la rovina dei pochi Indipendenti e veicola Out/tech perché persiste a far fallire chiunque spiritualmente…”

    Anzi io ho evidenze esattamente al contrario: tecnicamente da parte sua c’è un grosso incoraggiamento ad usare la tech senza averne una reverenza fondamentalista… e questo credo fosse anche l’intento di LRH: una tech facile da usare ed ad ampio raggio.

    Anzi approfitto di questa parentesi (commento) per manifestare la mia gratitudine per l’impegno del C/S, Paolo: con me tecnicamente lui è stato di grande, grande, grande aiuto. Lo stimo ed ammiro molto e ritengo un privilegio poter essere suo amico.

    P.S. mi sovviene di dire qualcosa anche al riguardo de “la Terra è piatta”.
    Credo che sia evidente, e dunque leggermente incoerente di chi sostiene ciò ed è anche accanito scientologo, che tale affermazione va contro “le scritture e le conferenze” di LRH, che invece parlava di “Un bel pianeta blu” (tondo) hai margini della Galassia, settore 9.

    Ma va anche contro le scritture dei Sumeri (tradotti da Zacaria Sitchin) e dei libri dell’antico Testamento (resoconti degli Anunnachi extra terrestri che vennero nel pianeta tondo, Terra, dove spiegano, in questi libri, persino come è nata la Terra); e va contro la legge di gravità, che di certo farebbe collassare una struttura piatta cosi grande; e va contro la semplice osservazione “con i propri occhi” della tondità di tutti gli altri pianeti e stelle del firmamento, basta alzare gli occhi al cielo e osservare l’ovvio (oppure invece tutti i tondi che si vedono sono in realtà delle strutture piatte, ma tutte orientate verso di noi dalla parte tonda? Come anche la Luna?).

    Va beh, a me pare ovvio che la tondità di una struttura cosi grande è semplicemente creata dalla molto molto molto evidente forza di gravità.

    Viva il movimento Indipendente.

    • paolo facchinetti

      Oh, grazie Marco. Aggiungo anche che ho una dichirazione internazionale di SP lunga 4 pagine datata 1983 firmata da HCO Int (leggi = Miscavige) che custodisco gelosamente. L’auditing poi non è sempre una passeggiata e a volte si possono commettere degli errori o si possono incontrare situazioni più difficili di altre; questo accadeva prima e dopo il 72. Io ho avuto la fortuna di potere esaminare folder C/Sati da LRH (piuttosto emozionante vedere i next C/S scritti e firmati da LRH) e anche lui a volte si ritrovava con delle “gatte difficili da pelare” soprattutto perché si trattava di pc/staff che vivevano nelle condizioni difficili (spesso estreme) che possiamo immaginare esistere per degli staff sulla nave Apollo. In situazioni molto più rilassate come in genere sono le nostre anche l’auditing presenta meno problemi.

      • Visto l’ argomento mi sembra opportuno dare la mia testimonianza sul C/S Paolo , fino al Clear il mio Auditor è stato un classe IX ( al tempo audì anche LRH) in seguito ho avuto un classe XII e un IX questo è il passato di quando ero nella Chiesa adesso il corso continua e se devo fare un confronto con l’ adesso niente si toglie anzi parecchio si aggiunge come qualità del mio continuo nel ponte con Paolo come C/S.
        Evidenzio questo punto ” In situazioni molto più rilassate come in genere sono le nostre anche l’auditing presenta meno problemi.”

        • paolo facchinetti

          Grazie David. Se ci pensi l’auditing fatto nella church viola i due basic principali dell’auditing, cioè i requisiti perché l’auditing funzioni: Il Codice dell’Auditor e i Rudimenti. Se vieni audito in situazione di stress invece che in un ambiente tranquillo, perché l’HGC deve produrre un certo numero di ore entro giovedì alle 14.00, oppure hai il PTP che il tassametro sta ticchettando e tu hai fatto i debiti per pagare quelle ore di auditing, capisci che anche se ti audisce l’auditor di classe XII più bravo del mondo i tuoi guadagni sono come minimo molto rallentati.

    • MISTER X

      Ciao a tutti.E’ molto interessante analizzare i vari punti di vista e ne avrei uno anch’io, A volte mi capita un amico o amica che non si ritrova qualcosa e si lamenta del fatto che nonostante lo cerchi nel “punto”che lei crede ,non lo trovi. Usando la tech dell’inizio precedente cerco di farle notare che il posto dove si trova non è dove lei crede, ma è prima ,dove lei è sicura che non c’è. Niente da fare: lei ritorna sempre dove lei crede che sia e nonostante lo cerchi continua a non trovarlo. Ora perché ho citato questo esempio?Dov’è che Sc (e Dn) stavano andando bene e dove invece c’è stato il cambiamento ? Alcuni dicono 86 (morte di Ron), altri nell’81 . Alcuni sostengono nel 72 . Ci sono quelli che ritengono che il lavoro valido sia fin quando Ron era a Saint Hill ed altri che Ron doveva tenere la ricerca solo su Dn e su questa vita . Ogni sostenitore mantiene le sue certezze e le sue posizioni . Com’è successo in tutte le pratiche religiose del passato sono andati a finire in una miriade di confessioni . La filosofia fondamentale è sempre la stessa : I Fattori Gli Assiomi,le logiche, la scale non cambiano .Chi ha ragione nell’attuazione delle pratica religiosa il cattolico? l’Evangelista? II Battista ? Il Presbiteriano? Il Luterano ? Ecc… Ora mi chiedo dov’è il punto dove Ron si è allontanato da quello che dicono gli Assiomi , le logiche ,i Fattori, le Scale ? Si potrebbe intavolare una discussione per una ventina di anni . Nel frattempo vado avanti ad aiutare ed audire le persone che sinceramente vogliono essere aiutate.E chi audisce seguendo questi fondamenti è pregato di continuare a farlo A presto

  15. Diogene

    Quello che sto per scrivere non è indirizzato a nessuno, né di qua né di là, né a qualcuno in particolare, se non a me stesso.
    Avevo intenzione di scrivere qualcosa di elaborato, sicuramente uno dei miei soliti pipponi. Poi mi sono imbattuto in un limerick di Gianni Rodari, che mi ha fatto molto pensare (oltre che ridere di gusto).

    Un signore molto piccolo di Como
    Una volta salì in cima al Duomo
    E quando fu in cima
    era alto come prima
    Quel signore micropiccolo di Como

    E mi sono detto: certamente riguarda anche me. Meglio non pubblicarlo.
    Poi su un’altra pagina del libro di Gianni Rodari “Grammatica della Fantasia” (edizione1973) ho letto questa frase:
    “Un sasso gettato in uno stagno suscita onde concentriche che si allargano sulla sua superficie, coinvolgendo nel loro moto, a distanze diverse, con diversi effetti, la ninfea e la canna, la barchetta di carta e il galleggiante del pescatore… Non diversamente una parola, gettata nella mente a caso, produce onde di superficie e di profondità, provoca una serie infinita di reazioni a catena, coinvolgendo nella sua caduta suoni e immagini, analogie e ricordi, significati e sogni…”

    Il mio primo pensiero è stato: allora le parole vanno usate bene, calibrate per causare il massimo beneficio o il minimo danno. Anche quando sono apparentemente innocue, come in un gioco, o decisamente azzardate come in una disputa.
    Si può fare. Gli scientologisti dovrebbero conoscere questo tipo di trappola, o no? La comunicazione… Dianetics 55… l’auditing…
    Poi una riflessione sull’analogia con lo stagno.
    Gettare un sasso nello stagno a volte è utile per smuovere l’acqua, ma non è gettando sassi che lo stagno si ripulisce. Piuttosto si intorbidisce.
    L’acqua più pulita, di solito, è quella che scorre in prossimità della sorgente. Ma, per fortuna, quando arriva a valle disseta ugualmente le persone e irrora i campi. Buona per tutti, meno per l’intenditore, ma se dà vita alla vita è di gran lunga meglio attingerne che sprecarla.
    Nessuno di buon senso si avvicina a un’acqua torbida, meno che meno una seconda volta.

  16. Marco

    Nessuno di buon senso si avvicina a un’acqua torbida, meno che meno una seconda volta. Molto corretto Diogene…

    Ma c’è anche la situazione in cui non riesci di primo acchito ad osservare/vedere che l’acqua è torbida…

    Nell’attività, azione, del conoscere, affronti sempre mille incognite e molte volte, spesso, solo dopo ti accorgi che non era un granchè, ovvero “che l’acqua è un pò torbida”, o molto torbida. Questo è assoltamente normale, visto che viviamo letteralemnte avvolti da un mare di dati e di teorie e di nuovi gurù, profeti e salvatori della patria…

    Credo che quello che dobbiamo applicare è sempre “è vero quello che è vero per te”, ovvero autodeterminazione e controllo.
    In buona sostanza dovremmo analizzare oltre modo bene ciò che ci viene riferito, propinato o proposto come “la nuova verità, nuova teoria, nuova conoscenza”… come mi insegnava LRH in accademia “ragiona su come potrebbe essere e come potrebbe non essere”.

    Dianetics 55
    “L’unica ragione per cui alla vita accadono delle cose negative, è che il tentativo di comprenderle imprime in queste esistenza.

    Quando un individuo affronta un segreto, una non conoscenza, il solo fatto che lo stia affrontando e stia iniettando dell’esistenza in esso è sufficiente ad attivare il segreto e a dargli del potere.

    L’unico modo in cui una brutta situazione esistente può continuare ad aver vita è quello di prendere vita dalle sorgenti di comunicazione vicine.”

    “La vita quando si trova ad affrontare l’incomprensibile si sente ostacolata e frustrata, sente che c’è un segreto e il segreto è una minaccia all’esistenza.
    Il segreto è contrario alla vita.
    Ma la vita cercando di comprendere le cose che potrebbero ostacolarla, si imbatte in segreti, che naturalmente dovrà scoprire.

    Ma non c’è alcuna ragione perché qualcuno debba soffrire solo per dover affrontare qualche segreto.
    Tutto sta nel fatto se un individuo possiede, oppure no, il potere di mantenere un proprio determinismo.”

    “Un voler comprendere non ossessivo e non contro la propria volontà, non produrrebbe successivamente alcun sintomo.”

    “La gente non acquisisce le cose che non teme: un individuo deve resistere a qualcosa, deve averne paura, deve avere paura delle conseguenze di questa cosa, prima che possa manifestarsi nei suoi confronti un effetto ossessivo ed avverso.”

    “Essendo un voler comprendere non ossessivo e non essendo contro la sua volontà, non produrrebbe successivamente alcun sintomo.”

    “Il controllo, dunque, è una componente imprescindibile della comprensione e della conseguente abilità.
    Naturalmente poi non è necessario controllare ogni cosa in ogni luogo, se le si ha comprese.

    Dunque nel tentativo di una comprensione più precisa e profonda, ovviamente nello spirito di essere impegnato in un gioco, il controllo diviene un fattore necessario.

    L’anatomia del controllo è avviare, cambiare, fermare e conoscere il controllo è davvero tanto importante quanto la stessa comprensione.”

    • paolo facchinetti

      tra l’altro secondo gli Assiomi di Dianetica il theta va alla conquista del Mest e così facendo si enturbola e poi si esteriorizza con una nuova conoscenza acquisita. E’ il gioco della vita. Non è che si può sapere sempre tutto prima.

      • Marco

        Assioma 148
        Le leggi fisiche vengono imparate dall’energia vitale unicamente tramite l’impatto sull’universo fisico, così da produrre randomity, e attraverso il successivo ritirarsi da tale impatto.

        Assioma 143
        Ogni forma di apprendimento viene realizzata attraverso lo sforzo esercitato a caso.

  17. Marco

    ALTER ISNESS : LA NOTA DOMINANTE DI TUTTA LA DISTRUZIONE

    “La base della distruzione è l’Alter-isness.

    Quando a qualcuno piacerebbe distruggervi, ma non ci riesce, tutto ciò che gli rimane da fare è fare alter-is di voi.
    Afferrate l’idea?

    Oh, possiamo vedere la cosa in molti modi, modi entheta.

    Ecco un auditor seduto da qualche parte che sta andando bene.
    Un qualche altro auditor non sta andando bene, inizia a commettere overt contro l’auditor che sta andando bene.

    Quello che succede subito dopo, è che la persona che sta commettendo overt diventa sempre più furiosa nei confronti di quell’auditor.
    Questo non ha mai fatto niente a quell’altro, capite. Magari gli ha pure mandato dei preclear.

    Ma più overt B fa nei confronti di A, più gli overt si accumulano causando sempre più rancore, rancore, rancore. Afferrate l’idea?
    E’ una battaglia personale.”

    “L’Alter-isness è la nota dominante di tutta la distruzione.

    E ogni persona che ha overt contro un’altra persona inizia a cercare di farne alter-is. Afferrate l’idea?
    Semplicemente inizia a fare alter-is dell’altra persona.
    Fa alter-is di ogni cosa che l’altra persona sta facendo. Capite?
    E fa alter-is di tutto quello che l’altra persona pensa. E fa alter-is di qualsiasi altra cosa che fa parte della reputazione di quella persona, e così via.

    Tutto questo è causato o può essere causato anche solo da un singolo overt.
    In altre parole, vi trovate nella stupida situazione in cui un overt genera un altro overt, che genera un altro overt, che genera un altro overt, che genera un’opinione negativa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...