Archivi del giorno: 6 agosto 2017

Il Grande Thetan

 

Auditor of Infinity ci ha mandato un altro messaggio,

lo pubblichiamo volentieri.

E’ periodo di vacanze, ma non scordiamoci che

l’aberrazione lavora 24 su 24, 7 su 7.

Tempo fa era di moda la frase “Fermate il mondo, voglio scendere!”

Ma abbiamo capito che la soluzione è un’altra.

In ogni caso,

BUONE FERIE!

Il Grande Thetan

Ci sto prendendo gusto a chiedere ospitalità a questo Blog… grazie.

Nulla mi angusta di più dal vedere un Essere, qualunque Essere, infognato nelle trappole invisibili di questa realtà, la realtà di questa vita. Vedo le persone muoversi, indaffarate in un continuo andirivieni, con degli scopi effimeri e spesso di breve durata. C’è chi ambisce a diventare il General Manager e deve trovare il modo di schiacciare i suoi colleghi petulanti, o infangare la reputazione dei figli dei capi… ardua impresa.

Oddio, non è che ciò cui si ambisce nella società non sia piacevole o sia tutto disprezzabile: un buon lavoro, un partner fedele, delle ferie all’aria aperta, qualche soldo in tasca, la speranza di una carriera … bello! Tutto ciò è auspicabile nel gioco della vita.

Ma proviamo a rappresentare o immaginare gli scopi che possiamo estrarre, usando obnosis, da questa attuale società: siamo ottimisti! ma per quanto ottimismo usiamo nel vedere gli scopi delle varie classi sociali, vediamo che la società precipita, comunque la si guardi …

Già. E cosa è che potrebbe fare la differenza?

Vediamolo nel campo individuale. Sono troppo vecchio per fare… sono troppo grassa per osare… avessi qualche milione in tasca potrei… Insomma, chi potrebbe puntare su di voi (su chi si esprime in questo modo) se per primi non ci si crede da se stessi? Dove è finita l’Autostima?

Accanto a ciò troviamo anche l’opposto, il tipo il politico stereotipato, che se lui verrà eletto stravolgerà il mondo… chissà se lui stesso crede in se per primo? o ha già dei secondi fini nascosti? Essendo io un inguaribile ottimista, penso sempre che chi inizia una carriera, anche politica, parta con le più buone intenzioni di questo mondo e poi s’incespica sugli ostacoli e tentazioni che trova nel percorso. Il risultato non cambia.

Tutto questo preambolo per dire cosa? Che abbiamo una società che sta precipitando? Beh, forse l’avevo già detto e non è troppo bello insistere sulle cose che non vanno. Ora vorrei mettere attenzione sulle soluzioni.

Bene.

Ci si mette sulla cima di un monte (va bene anche un mock-up per questo) e si guarda dall’alto la situazione: si, paragoniamolo pure ad una posizione da exterior. Non so se è questo che Ron ha fatto quando disse che non ha alcun patto con nessun Grande Thetan per salvare tutta l’umanità, ma di voler dare a tutti la loro opportunità. Ma questo fatto mi ha dato da pensare. Potrei… potrei allearmi con un Grande Thetan per farmi aiutare nell’impresa. Già, ma dove lo trovo un Grande Thetan qui? Potrei… magari potrei diventarlo io? ah, se fossi in cima al ponte, forse da Thetan più potente potrei… ma, cosa è questa storia? Dovrei fare ed avere il ponte per poter essere un Grande Thetan? Ma quante volte ancora devo fare questa inversione di dover avere qualcosa per poter essere? Essere, fare, avere è l’ordine corretto.

Ce lo siamo detto e ripetuto a mo’ di cantilena: io sono un thetan, io sono un thetan, io sono… E allora perché non agiamo come un thetan? Perché invece di mettere in dubbio la cantilena “io sono un thetan” (perché e’ cosi che vedo agire non solo lo sventurato wog, ma anche pc e pre-OT), perché non ci spostiamo nella direzione dell’essere veramente un thetan? Essere veramente un Thetan: ora!

Mettiamola cosi, che forse rende meglio l’idea, se tu fossi Dio, cosa dovresti fare per sistemare le cose? La gente prega Dio che sistemi le cose, ed io mi chiedo, cosa dovrebbe fare Dio per sistemare le cose? Oh, c’è anche chi prega Dio per fargli ricordare i numeri del lotto che sogna, ma lasciamo stare per ora i desideri individuali.

Quindi, compitino per i lettori: immagina di essere Dio. Fai un bel mock-up di essere Dio, o immaginalo per un attimo… ma non solo per un attimo… siilo come costanza di vita. Immagina! Mock-up, e inventa soluzioni. Niente magia nera o altra magia, ma solo soluzioni da Dio, da Thetan…

Il mest è mest deve solo essere controllato. Prendi un corpo, gli fai prendere in mano una lima, gliela fai sfregare sul legno e stai controllando il mest. Dici buongiorno ad un alto corpo, lui o lei ti sorride, e abbiamo controllato un altro corpo mest oltre il nostro. Anzi in questo caso abbiamo controllato un thetan che ci ha fatto sorridere il suo corpo.

Ma come potrebbe fare Dio a fare in modo che la società migliori?

Poi mi sono messo a pensare in che direzione ci si dovrebbe orientare per migliorare la società? Forse ci serve un Governo che governi? O dovrei scomodare Dio per tagliare le gambe ai corrotti visto che loro ci stanno fornendo un inferno di rabbia e di veleni? La corruzione è irrazionale nello stesso modo che lo è la guerra: falsi scopi disseminati ovunque. Beh, Ron ci disse la sua soluzione: dobbiamo audire persona per persona, diminuendo la pressione del caso fino a che le irrazionalità si attenuano o si annullano. Ma per questo non serve scomodare Dio, basta un… esercito di auditor, che non abbiamo… ma qui stavamo analizzando cosa potrebbe fare un Grande Thetan, un Dio, Io, Voi, per orientare (ora!) gli sforzi verso un fine costruttivo e anti drammatizzazione.

Prima azione è crederci… oh, no! Correggiamo il verbo! Se ci credo me lo vieto di conoscere… Mi riferisco al fatto che una buona definizione di ‘credere’ è ‘vietare di conoscere’, se credi in una cosa ti impedisci di conoscerla, accetti la cosa nella forma in cui ci credi che spesso è una interpretazione di ciò che realmente è. Credere è ben diverso dal sapere. Se tu sai che sei un Thetan, non è che ci credi, lo sai, e se lo sai lo sei. Non è una vaga percezione che forse, si, Ron ha detto il vero ed anche io forse sono un Thetan. Non basta il pensiero che si, durante l’auditing, ho visto cose che mi fanno pensare che in fondo in fondo siamo esseri immortali …

Già, e tu lo sei un Thetan ora come lo sarai quando sarai in cima al ponte. Veramente vuoi vedere i fulmini sprigionarsi dal tuo essere prima di entrare in azione? Veramente ti serve di avere il potere di creazione (o distruzione) del mest nell’universo fisico? Cosa è che non ti permette di percepire che già stai creando mest nel tuo universo personale tramite mock-up? (Beh, sappilo, sei già un Dio in questo.) Il mest ha le sue regole, noi ne siamo immersi, un sovrapotere forse ci potrebbe permettere di barare sul mest nello stesso modo con cui fin da ora ci permette di barare con i nostri mock-up… ma barare con i mock-up equivale a intrappolarsi di più… spero sia chiaro il punto. Possiamo aumentare le nostre masse mentali rendendoci più schiavi nel nostro universo personale, cosa succederebbe se cominciassimo addirittura a barare con l’universo fisico concordato? Infrangere leggi esistenti di qualsiasi universo potrebbe non essere una soluzione.

Quindi quale è la soluzione che potrebbe adottare un Grande Thetan?

 

Peter&Tony

Auditor-of-Infinity

14 commenti

Archiviato in Casa Minelli