Archivi del mese: gennaio 2018

Fatelo sapere!

Strilloni

Cari condomini e lettori,

vorrei condividere con voi alcune riflessioni riguardanti il nostro movimento di Scientologi indipendenti, riflessioni su cosa è stato fatto, su cosa vogliamo andare a fare e quale sia, o potrebbe essere, in definitiva, il nostro ruolo in questo variegato universo in cui il denominatore comune è “Scientology”.

Partiamo dunque con un paio di definizioni di base, a volte è bene ricordarle:

Scientology: E’ una filosofia religiosa applicata che tratta dello studio della conoscenza e che attraverso l’applicazione della propria tecnologia può produrre dei cambiamenti desiderabili nelle condizioni di vita. (HCO PL 15 Apr 71R)

Scientologo: Chi migliori le proprie condizioni e quelle degli altri usando la tecnologia di Scientology (Auditor Magazine n.73).

Perciò noi ci occupiamo di questa filosofia (amore del sapere) applicando la sua tecnologia (technologhía ‘trattato relativo a un’arte’) con lo scopo di produrre miglioramenti desiderabili nella nostra vita (nelle sue otto dinamiche).

Che questa tecnologia sia esclusivo frutto del genio di LRH piuttosto che un lavoro di squadra poco ci importa, riteniamo che possa produrre cambiamenti desiderabili. Ciò che veramente conta è l’ottenimento di risultati positivi.

Ritengo anche, così come peraltro scritto nel 1950 da Ron alla fine del libro Dianetics Scienza moderna della Salute Mentale, che sia un diritto/dovere per ogni scientologo altamente addestrato costruire un ponte migliore. (Per amor di Dio, mettetevi al lavoro e costruite un ponte migliore! cit).

Credo che purtroppo negli ultimi anni la chiesa di scientology si sia data da fare per costruire un ponte peggiore!

A suo tempo ci siamo guardati intorno e abbiamo osservato che se volevamo un ponte migliore dovevamo prenderci responsabilità della cosa e farlo noi!

Abbiamo perciò cercato e trovato nel campo indipendente i migliori e qualificati auditor e supervisori del caso.

Un notevole lavoro è stato fatto per recuperare i materiali originali e tradurli in italiano per rendere fattibile e disponibile il ponte indipendente di Scientology nel nostro paese. Questo lavoro continua tuttora, grazie anche al contributo di altri indipendenti che col tempo si sono uniti a noi.

Senza entrare troppo nei particolari (a OSA piacerebbe molto) si sono creati gruppi in giro per l’Italia dove si studia e si audisce.

Noi, con La Reception, mettiamo in comunicazione tra di loro le persone di buona volontà che vogliono praticare Scientology in modo indipendente dalla chiesa, ma questo lo sapete già.

E tali persone di buona volontà corrispondono senza dubbio alcuno alla definizione data sopra di Scientologo.

LRH ci ha lasciato un illuminante codice (un insieme di norme) che delineano il comportamento che dovrebbe avere uno scientologo.

Diamogli un’occhiata:

IL CODICE DI UNO SCIENTOLOGIST 

Come Scientologist, m’impegno a seguire il Codice di uno Scientologo per il bene di tutti.

1. Mantenere gli Scientologi, il pubblico e la stampa accuratamente informati su Scientology, il mondo della salute mentale e la società.

2. Usare ciò che di meglio conosco di Scientology al meglio delle mie capacità per aiutare la mia famiglia, i miei amici, i gruppi a cui appartengo e il mondo.

3. Rifiutare di accettare per il processing qualsiasi preclear o gruppo che penso di non poter onestamente aiutare e rifiutare di accettare denaro da loro.

4. Condannare e fare ogni cosa in mio potere per abolire qualsiasi abuso commesso ai danni della vita e dell’umanità.

5. Denunciare e contribuire all’abolizione di qualsiasi pratica fisicamente dannosa nel campo della salute mentale.

6. Aiutare a ripulire e mantenere pulito il campo della salute mentale.

7. Creare un’atmosfera di sicurezza e di protezione nel campo della salute mentale, eliminando abusi e brutalità.

8. Sostenere quegli sforzi davvero umanitari nel campo dei diritti dell’uomo.

9. Sostenere il principio di una giustizia uguale per tutti.

10. Impegnarmi per la libertà di parola nel mondo.

11. Condannare attivamente la repressione della conoscenza, della saggezza, della filosofia o di qualsiasi altra cosa che potrebbe aiutare l’umanità.

12. Sostenere la libertà di religione.

13. Aiutare le organizzazioni e i gruppi di Scientology ad allearsi con altri gruppi pubblici.

14. Insegnare Scientology a un livello in cui possa essere compresa e usata da chi la riceve.

15. Mettere l’accento sulla libertà di usare Scientology come filosofia, in tutte le sue applicazioni e varianti, nel campo delle scienze umanistiche.

16. Insistere sull’uso standard e invariabile di Scientology in quanto attività applicata nell’ambito dell’etica, del processing e dell’amministrazione nelle organizzazioni di Scientology.

17. Assumere la mia parte di responsabilità per l’impatto di Scientology sul mondo.

18. Aumentare il numero degli Scientologist e la forza di Scientology nel mondo.

19. Dare un esempio dell’efficacia e della saggezza di Scientology.

20. Rendere questo mondo un luogo migliore e più sano.

Molto bene:

Punto uno: Sappiamo che attualmente “l’uomo della strada” ha una pessima opinione di Scientology, pochissime persone riescono a differenziare tra Scientology intesa come da definizione qui sopra riportata e Chiesa di Scientology intesa come organizzazione auto-referenziatasi come ufficiale. Credo che il nostro compito sia duplice: informare accuratamente su questa differenziazione e far conoscere i risultati che stiamo ottenendo dall’applicazione delle pratiche di Scientology.

Pertanto, cari amici, Fatelo Sapere!

Punto due: Tutte le conoscenze più strabilianti del mondo sono inutili se non vengono applicate, non solo su se stessi, ma anche verso le altre dinamiche.

Punti da tre a dodici: Piuttosto chiari e di buon senso

Punto tredici: Aggiungerei alle organizzazioni e gruppi l’aggettivo “sani“.

Punto quattordici: Ok

Punto quindici: Libertà di usare Scientology, non dobbiamo chiedere il permesso a nessuno, a nessuna pretesa “autorità”

Punto sedici: Mi sembra che in questi anni abbiamo esternato piuttosto palesemente il nostro dissenso verso l’uso di Reverse-Scientology. Ma continuiamo a farlo, dopotutto il prezzo della Libertà parla di vigilanza costante e volontà costante di respingere gli attacchi.

Punti diciassette e diciotto: Vabbè, un pò di pubblicità progresso…

Punto diciannove: Lo renderei semplicemente “dare il buon esempio”

Punto venti: Si può fare solo con l’agire.

Bene, invito tutti noi a (ri)leggere questo codice e valutare obiettivamente su quali punti ci sentiamo bene e cosa possiamo fare per migliorare quelli su cui ci sentiamo un poco carenti.

Abbiamo un blog a disposizione, possiamo raggiungere un gran numero di persone,

non tratteniamo i nostri successi, le nostre realizzazioni, le nostre nuove consapevolezze,

non sottovalutiamole, non sottovalutiamo l’aiuto.

Fatelo Sapere!

Con affetto

Guido

 

 

54 commenti

Archiviato in Casa Minelli