Goodbye David Mayo

David Mayo si è spento serenamente, nella sua casa in Nuova Zelanda,

nell’ottobre dello scorso anno.

Solamente in questi giorni la notizia si è diffusa.

A breve pubblicheremo un articolo tradotto sulla vita di questo nostro grande amico.

david Majo

Riporto qui due testimonianze di persone che lo hanno conosciuto ed hanno partecipato con lui all’avventura di Scientology:

 

Mi sono chiesta a lungo cosa fosse successo al mio amico, David Mayo. David era una delle persone più gentili e sinceramente compassionevoli che conoscevo a Saint Hill e più tardi nella Sea Organization. Ed era anche la persona migliore tecnicamente. Sì, l’ho sentito imprecare e maledire per degli errori tecnici, ma era capace di mantenere la calma come pochi nella frenesia, nella confusione e nel panico che spesso si creava intorno ad Hubbard, e che poi risuonava su e giù per l’Apollo su tutti i ponti e persino nella sala macchine. Ogni volta che sentivo David imprecare e maledire auditor e supervisori del caso sull’Apollo, sapevo che la sua indignazione era giustificata. Tecnicamente, David ha meritato ogni elogio che ha ricevuto. È vero che Hubbard un tempo stava preparando David a prendere il comando della “tech”, e se ciò fosse accaduto e David Miscavige non avesse usurpato la posizione di Hubbard, è probabile che Scientology avrebbe percorso una via diversa dall’abisso in cui è precipitata. Nei primi anni ’70, David mi ha audito per alcune centinaia di ore sull’Apollo. Era il migliore. Ascoltava quello che gli dicevo. Capiva quello che gli dicevo. Ed ebbe il coraggio di interrompere le session ogni volta che osavo dire che gli ordini del supervisore del caso erano pazzeschi e non si applicavano a me. Dico “osavo” perché Hubbard non tollerava facilmente la disobbedienza, quella che spesso definiva una ribellione ai suoi ordini, e ricordo di aver trattenuto il respiro dopo alcune session temendo che David fosse spedito a ristudiare tutti i corsi dal primo all’ultimo. Lui no, non aveva paura; e riuscì persino a fare cambiare gli ordini del supervisore del caso per la mia prossima session ogni volta che lo ritenne necessario. Mesi dopo scoprii che il C/S era  Hubbard in persona!

Sono andata in missione con David quando la Sea Org si trasferì a Clearwater nel dicembre del 1975 … un altro grande ricordo che conserverò sempre nel cuore. Sono triste nel vederti andare, amico mio, e sono sollevato che la tua scomparsa sia sembrata rapida e lieve. Mi mancherai.

Hana Eltringham Whitfield

 

 

 

Good Bye David

 

Incontrai David Mayo alla fine degli anni 70. Ero a Copenaghen in training sul Saint Hill Special Briefing Course. Mi alternavo con Renato Smith come Snr C/S Italy: quando ero in training io lo faceva lui e viceversa. Avevo manifestato, non ricordo a chi, il mio desiderio di lavorare con il Senior  C/S Int, David Mayo per l’appunto. Una mattina, mentre ero in classe a studiare, il supervisore mi si avvicinò e mi sussurrò all’orecchio con enfasi:” C’è qui fuori David Mayo che ti vuole parlare “. Mi precipitai fuori e lui era lì. Sapevo che era in visita all’Org di Saint Hill DK ma non pensavo certo che mi sarebbe venuto a cercare. Poco più indietro c’era Julie Gillespie, la sua assistente, che sarebbe poi diventata sua moglie. Più che emozionato ero un po’ esaltato, con una sorta di felice arroganza dovuta un po’ alla giovinezza e un po’ dalla simpatia che immediatamente mi ispirò quel “piccolo grande uomo” (citazione del film con Dustin Hoffman protagonista). David Mayo la prese un po’ alla larga dicendomi che c’era un piano per far salire di livello il personale tecnico delle org, in base al quale i C/S “regionali”, o alcuni di loro, potevano passare all’org continentale, poi a Flag e infine nell’ufficio del Snr C/S International, naturalmente tramite una selezione meritocratica. Con la felice arroganza di cui sopra risposi che a me tutta quella trafila non interessava e che avrei voluto lavorare con lui oppure rimanevo volentieri a Milano nella mia Org. Ci salutammo e la cosa finì lì. Completai il SHSBC e tornai a Milano. Un bel giorno nel mio basket in trovai una busta molto particolare: portava la scritta Senior C/S International. La aprii in fretta e furia e dentro c’era una lettera pergamenata e intestata come la busta firmata da David Mayo. Ricordo l’inizio: “Paolo are you a man or a God?” “Paolo sei un uomo o un dio?”. La lettera proseguiva con quel tono enfatico e scherzoso e in pratica David Mayo mi invitava ad andare a lavorare con lui a Los Angeles, mandando evidentemente al diavolo la trafila che avrei dovuto seguire e che mi aveva descritto a Copenaghen.

Mi recai prima a Copenaghen per completare NOTs, poi andai a Flag a tradurre Solo Nots per gli italiani e gli Ls. A quel punto sarei dovuto andare a Los Angeles, ma venni convocato nell’ufficio di un executive dove mi dissero che i progetti tecnici che avrei dovuto svolgere con David Mayo a Los Angeles erano stati spostati a Flag. A questo punto della storia eravamo nel 1982, David Mayo era già stato fatto fuori ma nessuno lo sapeva. Dissi che non volevo fermarmi a Flag e che volevo tornare in Italia a e così feci. Poco dopo cominciarono ad arrivare Mission di etica, venni convocato più di una volta a Copenaghen, fino a quando mi rifiutai di tornarci per un Com. Ev., me ne andai e venni dichiarato SP. Quando stavo a Copenaghen alloggiavo nella casa di un’americana di nome Carol. Non so come, perché ai tempi internet non esisteva, ma ad un certo punto venni a sapere da lei che David Mayo aveva aperto un centro in California. Lo contattai, con i miei soci di allora e con tanti altri fuoriusciti, mettemmo insieme i soldi e andai in California e rimasi là un po’ di tempo. Quando tornai avevo con me i materiali di OT III e NOTs riscritti da David Mayo e aprimmo l’Advanced Ability Center Milano. Rimasi sempre in contatto con David, anche quando gli AAC chiusero. Agli inizi degli anni 2000 mi scrisse che sarebbe andato in Svizzera a sciare  con sua moglie. Andai a trovarlo e passammo la giornata insieme. Fu l’ultima volta che lo vidi. Ogni tanto ci scrivevamo, lui riapparve pubblicamente su un sito internet di ex scientologist e in quell’occasione ci scrivemmo ancora. Era da qualche anno che non lo sentivo. Improvvisamente un mese fa ho cercato il suo indirizzo mail e gli ho scritto. Mi ha risposto sua moglie la settimana scorsa, il giorno dopo aver appreso della sua morte sul giornale di Tony Ortega. Probabilmente era passato a salutarmi.

Paolo Facchinetti

 

Ecco qui di seguito i link ad alcuni articoli di David Mayo pubblicati da Lareception:

https://lareception.wordpress.com/?s=scopi+e+felicita

https://lareception.wordpress.com/?s=sulla+purezza+della+tech

https://lareception.wordpress.com/?s=facsimile+di+servizio

https://lareception.wordpress.com/?s=integrita

https://lareception.wordpress.com/?s=disillusione

https://lareception.wordpress.com/2013/04/04/lauditing-senza-lelettrometro-di-david-mayo/

https://lareception.wordpress.com/?s=%28seconda+parte%29

https://lareception.wordpress.com/?s=l%27auditing+senza+elettrometro+

https://lareception.wordpress.com/?s=standard+tech

 

 

 

 

 

 

102 commenti

Archiviato in David Mayo

102 risposte a “Goodbye David Mayo

  1. Libero

    Ciao e grazie, buon viaggio David Mayo.

  2. Un caro saluto a David Mayo.

  3. Diogene

    Non ho la presunzione di saper esprimere una valutazione su David Mayo. La sua storia parla bene per lui e tacitamente condanna scientology.
    Alla luce dei fatti, qualunque cosa di positivo o di negativo abbia prodotto, lui resterà un’ombra oscura su LRH ed una macchia indelebile su DM.

  4. Ringraziando David per il contributo dato alla causa, mi piacerebbe sapere se l’abbandono del corpo è avvenuto come tutti i comuni mortali, cioè da una condizione di effetto, oppure se lo ha lasciato da punto causa, cioè consapevolmente.

    • Burlesque, quello che sappiamo più direttamente è quanto ha scritto il 4 febbraio Julie, la moglie di David Mayo, a Paolo Facchinetti:
      “David passed away quietly and peacefully last October”.
      Tutto il resto sono solo speculazioni o ipotesi.
      Guido

  5. luciano visconti

    Morire consapevoli di morire vorrebbe dire essere in tempo presente ogni istante di tutto il procedimento. Chi ha visto morire da vicino una o piu persone si potrà rendere conto della difficoltà di cio. É stato detto e scritto che si puo fare ma penso che non se ne potrà mai verificare la veridicità .Sono solo speculazioni.

  6. MISTER X

    Dovrebbe avvenire così: Il thetan si stacca dal corpo consapevolmente e lascia lì il corpo con l’entità genetica … Ma rifletto su un particolare : Se ha la capacità di staccarsi dal corpo allora ha la capacità di essere esteriorizzato continuamente . In questo caso non ha necessità di lasciarlo consapevolmente perché è già fuori consapevolmente e se uno è fuori consapevolmente , dirige il corpo per mezzo di postulati e può decidere …insomma si ritorna agli ASSOLUTI ! Colgo l’occasione di ringraziare David Mayo e pensare che se ci fosse stato lui al posto dell’attuale leader della chiesa ,come minimo lo staff avrebbe avuto i diritti di cibo,paga,ferie,liberty,figli,assicurazione e la notte avrebbe riposato anziché vendere set di fondamenti con una baionetta puntata alla schiena. …Però è anche un loro diritto diventare liberi per mezzo di un corpo di polizia di tono 1.5.

  7. Diogene

    La cosa più evidente che si riscontra assistendo alla morte di un essere vivente, umano o animale, è che lo “spirito vitale” che lo animava non è più in grado di mettersi in contatto col proprio corpo.
    Ipotesi numero 1: Tutto finisce un quell’istante, la memoria è azzerata e lo spirito ha esaurito la sua missione in tutto e per tutto. Zero era e zero è ritornato. Non trovo che l’oblio totale sia una condizione spaventosa, proprio perché non sussisterebbe alcuna consapevolezza e quindi nessuna forma mentale, nessuna emozione, nessun DNA. Sarebbe una condizione che spaventa i vivi, ma che terminerebbe con la morte stessa.
    Ipotesi numero 2: Il corpo resta inerte e si decompone, mentre lo spirito rimane nello stesso universo di prima (mest?) ma senza alcun controllo su di esso. Tuttavia, chi crede nella reincarnazione ritiene che in qualche imprecisata maniera uno spirito viene a rinascere in un corpo nuovo.
    Questo viene tramandato dalle più antiche religioni orientali, che hanno introdotto per i loro seguaci l’idea del karma.
    Ipotesi numero 3: Lo spirito più o meno consapevolmente si trasferisce in un “altro” universo, forse il suo o forse di qualcun altro, e lì rimane fuori dal tempo e dallo spazio ma con percezioni diverse dalla realtà mest.
    Su questo si fondano tutte le differenti elaborazioni di inferni e paradisi, con conseguenti dottrine di comportamento e di culto.
    Ipotesi numero 4: Il costrutto scientologico introduce l’intervento di esseri extra-terrestri che sarebbero interessati a “ricondizionare” i singoli spiriti umani, decisamente incapaci di orientarsi in questo universo senza i riferimenti mest di un corpo fisico, E’ una dottrina che fonde illusione e realtà, le quali devono essere districate mediante le tecniche di LRH, in modo che alla fine quell’essere umano le sappia distinguere e controllare.
    Quindi cosa ci sarà dopo per lo spirito liberato da tutti gli “implant”?
    Nessuno ce l’ha ancora riferito e perciò, per scientology, siamo più o meno tutti condannati alla ruota delle morti delle rinascite coatte.
    Ipotesi numero 5: Non lo so che succede e probabilmente non lo sa nessuno con certezza. Ci sono tante “religioni” che non conosco e che forse si tengono stretta la risposta. Ma so che tutte le organizzazioni che si sono proclamate religioni, dai tempi remoti ai giorni nostri, hanno voluto trarre vantaggio da “segreti”, “misteri”, “dogmi” e “profezie”.
    E il “mistero della morte” è sempre stato al centro di ogni dottrina, ma convenientemente distorto per non essere mai risolto.
    Eppure è la cosa più naturale di questo mondo. Tutti sappiamo che moriremo. Forse non sarà diverso dall’addormentarsi. Forse ci porteremo sogni o forse nulla.
    Le ipotesi sul “dopo” sono tante. Fate la vostra scelta, ma soprattutto fate del bene mentre siete vivi ed ogni scelta sarà (forse) quella giusta.

  8. GB

    Molto belli i commenti diretti di persone che hanno conosciuto David Mayo. I suoi occhi mi danno un senso di acutezza (tipica delle persone che sanno guardare in profondità).
    Paolo, complimenti per la tua spudoratezza!
    Un caro saluto,
    G.B.

  9. Diogene

    Guido, è stata un’eccellente idea quella di mettere i link degli articoli di Mayo già pubblicati qui diversi anni fa!
    Rileggerli è stato molto “rinfrescante”…
    E quanta saggezza si ritrova anche nei commenti di allora!
    Naturalmente il film della nostra vita cambia ad ogni momento e così anche il nostro punto di vista si modifica, a volte ribaltandosi, a volte ampliandosi, a volte acutizzandosi, ecc.
    Il presente non è statico, un futuro verrà comunque… e comunque sarà un presente. Ammesso che sia vita.

    • Diogene

      La banale osservazione di cui sopra ha scatenato in me il seguente quesito rompicapo:
      Poiché ciò che riteniamo oggettivo dipende in primo luogo da una nostra considerazione soggettiva, e dato che sia il piano oggettivo che quello soggettivo si modificano continuamente ed indipendentemente, sorge questa domanda non banale se riferita alla nostra percezione e concezione del mondo:
      E’ il soggettivo che dà forma all’oggettivo o è l’oggettivo che dà forma al soggettivo?
      Lo so che prima deve esserci qualcuno che “considera” e poi qualcosa da considerare, seguito dalla considerazione stessa che di fatto oggettiva quel “qualcosa” rendendolo in tal modo “esistente”. Si tratta della sequenza as-is, alter-is, isness e della conseguente impossibilità di fare not-is.
      Fin qui tutto chiaro.
      Nella concretezza della realtà quotidiana assistiamo al fatto che i piani soggettivo/oggettivo si muovono separatamente a velocità differenti e quando sembrano essere coincidenti è perché si dà credito alla convenzione del tempo, ma (per dirla in parole semplici) il mondo va per la sua strada mentre le unità di attenzione che servono alla comprensione soggettiva e oggettiva si spostano su qualcosa d’altro. Insomma, molto difficilmente le due cose vanno di pari passo per un individuo ed è praticamente impossibile che più persone abbiano la stessa realtà pur vivendo contemporaneamente.
      La minore conseguenza di ciò sono buffe discussioni su uno stesso argomento. La peggiore è l’incapacità a risolvere i problemi dell’esistenza.

      • Caro Diogene,
        si può dire che nella vita si naviga a vista.
        …E più la vista è buona migliore sarà la navigazione!
        Guido

      • GB

        Molti filosofi si sono posti questa domanda. Anche i Maestri del Vedanta, del non-dualismo, concordano che l’oggettivo procede dal soggettivo. Ma credo possa divenire esperienza solo quando si riacquista il potere totale di essere causa, altrimenti, nella relatività in cui siamo immersi, sarebbe solo un delirio di onnipotenza. Quindi l’oggettivo ci mostra, inequivocabilmente, a che punto siamo del cammino…

  10. Diogene

    Grazie per l’assist, GB.
    Effettivamente si può ricondurre l’esperienza o la comprensione a quanto il soggettivo viene influenzato dall’oggettivo. Ma è dalla complessità di questa interazione che ciascuno ricava la sua visione del mondo e l’ARC di gruppo diventa una chimera. Soprattutto quando vi si introduce una variabile imprevedibile qual è il Tempo personale e/o universale.
    Totale causa è inarrivabile, anche concettualmente, se non in un esclusivo personale universo. Per dove viviamo, la ricerca ha senso se ci avvicina ad una corretta interpretazione dei fattori che compongono questo universo. In questo luogo le finalità sono essenzialmente pratiche e lo spirito qui ne fa parte come motore senziente di un gioco di causa ed effetto. Per fortuna lo spirito possiede l’abilità di fantasticare e nelle forme artistiche trova qualche via di fuga.

  11. Marco

    Buon viaggio tra “l’area tra le vite” al grande David Mayo.

    Perchè è questo quello che adesso (ho forse qualche mese fa) con buona probabilità sta affrontando…
    Ce la farà ad andarsene da questo particolare posto…? Oppure avrà deciso di tornare qui…?

    Di certo c’è che lui è sicuramente un Essere consapevole di sè… e di certo c’è che in base alla misura della consapevolezza di sè un thetan “ce la potrà fare a farcela”.

    Ma non capisco come mai se ne sia andato a “soli” 77 anni … secondo me lui qui in questo posto poteva ancora fare qualcosa al riguardo… oppure può anche darsi che aveva già fatto tutto ciò che poteva e gli serviva fare… chi lo sa?

    77 anni è un’età abbastanza prematura, oggi si può vivere fino a 90 anni abbastanza tranquillamente, dunque mi sono chiedo cosa può essere successo… non so bene cosa pensare: si sa se c’è stata una malattia o meno?

    • paolo facchinetti

      Beh, Ron Hubbard se ne e’ andato prima!

    • Toro Seduto

      Quante auto hai consumato nella tua vita?I motivi per cambiarle li hai avuti e tanti.Pensa che uno può essere libero di decidere di cambiarla perché è stufo del colore , della velocità, delle magagne che con l’età escono, perché in primo luogo ne vuole una nuova, poi magari può prenderla dalla fabbrica senza passare dal concessionario(area tra le vite). Magari potresti trovare in te la motivazione andando avanti come lui ti ha lasciato scritto e liberi gli altri della scelta loro.Ringrazio soltanto che gli Auditors continuino ad audire e chi riesce a prepararne altri, compreso te se ti sbrighi a non far solo domande.

      • Marco

        Credo tu “Toro seduto” ti sia rivolto a me… e so che Toro seduto è un pseudonimo che hai usato…
        Grazie del tuo punto di vista, io infatti chiedevo al riguardo della sua dipartita…
        Dunque tu credi che lui abbia deciso in modo consapevole di mollare “un’auto” per poi prenderne un’altra nuova!?
        Beh, se è così devo dire che sarei/sono soddisfatto, molto ben fatto.
        Io non ne sono cosi tanto sicuro… dipende se il corpo aveva problemi o meno, non so giudicare… infatti la mia considerazione era innanzi tutto sull’età, mi pare che 77 anni non siano tantissimi, ovvero che si possa arrivare a 88 o 99 … io ho un parente di 92 anni che è bello pimpante…
        E’ perchè io penso a lui come uno che aveva ancora da dire insegnare… mi è dispiaciuto, mi manca, era un mito (come sempre dico e penso di te… caro Toro seduto).
        Dunque a questo punto lasciamo andare la questione per mancanza di dati… io come te, lo posso solo ringraziare per tutto l’impegno che ha messo in Scn. Da quel punto di vista un grande, grande, grande thetan.

  12. MISTER X

    Tutti noi desideriamo cambiare macchina prima che arrivi al punto di essere totalmente priva di vita. Ad alcuni non piace essere accuditi da delle badanti ed il tempo è soggettivo per ogni essere. Quando non è più idoneo al suo uso un essere consapevole postula di andarsene. O forse alcuni pensano che ora che è OT 7,8,9,10…(o giù di lì)può tenere il corpo in super attività anche se ha 90 anni ? Beh mi dispiace ma penso che questo stato di OT si trovi un bel po’ più avanti e come disse qualcuno ,non sarà l’eternità ma poco ci manca.

  13. Marco

    Va beh, si può dire tutto (o comunque molto) ed il contrario di tutto…

    Io invece penso che oggi i corpi se ben accuditi, ovvero ben nutriti e ben tutelati con la corretta prevenzione contro le più diffuse malattie (tumori, infarti, neurodegenerazioni, ecc.), cosa che oggi si può facilmente fare con la conoscenza della medicina ortomolecolare e/o nutraceutica (e nonostante l’industria farmaceutica… o cmq nonostante i rami marci di questa industria, che vive molto disonestamente in un grossissimo conflitto di interessi: “non posso guarire definitivamente la gente, perchè ho bisogno di clienti malati”), possono arrivare tranqullamente a 90 anni…

    Poi.. , se qualche OT arriva ad un livello di consapevolezza e causatività tale da poter decidere se tenere o non tenere un corpo, ovvero se restare od andarsene da questa scena che è il pianeta Terra… beh, questa è senza dubbio una scelta a punto causa.
    Ed è quello che chiedevo: Mayo era ammalato o ha scelto di andare?

    Perchè se ha scelto di andare (punto causa: “mi sono stancato di stare qui in questo pianeta”) è una decisione autodeterminata (magari da discutere); se invece il corpo non ha più retto a causa di una malattia, mi sovviene da far altri pensieri, altri ragionamenti su cui speculare.

    Riguardo ad LRH credo se ne sia andato verso i 75 anni a causa di avvelenamenti o condizionamenti medici (medicine), ma non è mai stata ben chiara la faccenda (c’è addirittura chi pensa sia morto nel 1980, dunque a 69 anni).
    LRH era in una situazione diversa, di gravissimo stress a causa della sit. PTS con il governo che lo perseguitava e/o con il complotto in corso per l’appropriamento/il furto di Scn… e/o forse (anche) con il corpo segnato da precedenti irrimediabili insulti fisici … ovvero si era molto molto trascurato… anche se trovo molto strano che lui conoscitore della medicina ortomolecolare, se è lui che ha ideato il Purif/RD, basato su queste conoscenze, si sia cosi irrimediabilmente trascurato, fisicamente parlando.

    La vicenda di LRH è molto molto strana ed ancora adesso avvolta nel mistero (compresa l’ipotesi che fosse morto già dal 1980)… cioè (io penso questo) c’è da credere che sia morto in modo violento…

    Mentre nel caso di Mayo, pace all’anima sua, un grande, confesso che sono un pò meravigliato… per me 75 anni è troppo presto per mollare il corpo…
    A meno che non se ne sia andato volontariamente, a punto causa, semplicemente perchè ha finito il Ponte ed è arrivato “dall’altra parte”… la qual cosa mi preoccupa cmq un pò, ovvero questa sua scelta (a punto causa) mi trasmette l’idea che questo pianeta sia considerato non più interessante… ovvero irrecuperabile (cosa che spesso penso seriamente): “me ne vado, tanto qui non c’è verso di farcela a risanare l’umanità!”.
    Triste… ma forse vero.

    • LIBERO

      Marco, sempre interessanti il tuoi commenti. Da quel poco che ho trovato su Internet pare che Ron non si curasse… Sangue denso dovuto all’eta. Però sono solo notizie su Internet. Tu scrivi: “me ne vado, tanto qui non c’è verso di farcela a risanare l’umanità!”. Secondo me Mayo ha lasciato il corpo di sua spontanea volontà. Essendo malato e finito il suo compito ha preferito mollarlo. Questa ovviamente è la mia opinione.

      • luciano visconti

        Sono solo chiacchiere di carnevale .Io lascio il corpo di mia spontanea volontà ,non c’è nessuna dimostrazione nessuna prova empirica e da buoni Scientology i fatti parlano il resto é forfora.Il pensiero fornisce ogni sorta di illusione dal paradiso all’elisir di lunga vita ricercato nelle vie Taoiste tutte scusate il termine stronzate ripeto stronzate .Mi spiace Marco x la delusione che provi x la dipartita dei due capisaldi di Scientology ma da frequentatore di cimiteri penso piu banalmente ” che era la loro ora di morire ” stop fine nessuna specula .É un fatto .La prevenzione é un ottima cosa ma le variabili sono infinite e quando il postino ti suona bisogna andare ciao

        • Luciano, cosa intendi dire con “Io lascio il corpo di mia spontanea volontà ,non c’è nessuna dimostrazione nessuna prova empirica e da buoni Scientology i fatti parlano “. Gradirei, se ti è possibile, maggior chiarezza nell’esprimere il tuo pensiero.
          Guido

          • luciano visconti

            Vediamo di chiarire” ad oggi non c’è nessuna prova empirica che una persona possa decidere consapevolmente e razionalmente di abbandonare il corpo x sempre cioè….decidere ora muoio.Chiaro penso sia capibile. E si ma i famosi Lama t. loro si……i Guru loro si che lo possono fare…..balle . La consapevolezza porta a capire che lo stoppino si é accorciato si prende coscienza che non resta molto da vivere.Ma decidere é tutta un altra cosa.Spero di essere stato chiaro poi se uno si vuol suicidare puo decidere ma di Razionale c’è poco li
            Ciao

          • Luciano, se io ti chiedo “ti piacciono le mele?” e tu mi rispondi ” domani forse nevicherà”, evidentemente c’è qualche problema sul ciclo di comunicazione.
            Tu non hai risposto alla mia domanda; se tu quando scrivi metti le parole in una sequenza a caso (puoi benissimo sostituire la s con due z) non possiamo pretendere che i lettori ti capiscano.
            Guido

  14. Libero

    Luciano, forse tu non hai avuto questa esperienza di uscire completamente dal corpo. Io ho avuto questa esperienza. Non era una illusione. Quindi? Cmq ho scritto che è una mia opinione personale. Infatti non posso confermare che di D. Mayo abbia lasciato il corpo volontariamente. Posso solo intuirlo prendendo spunto dalla mia esperienza e le sue parole.

    • luciano visconti

      Non nego che tu abbia fatto questa esperienza ci credo ma non centra niente con il decidere consapevolmente ora muoio.Magari sto bene la vita mi appaga …..pero va be muoio e vado da un ‘altra parte suvvia non prendiamoci in giro.Tutti abbiamo avuto esperienze ” particolari” magari non le ho comunicate come successi ma da qui a dire io posso morire quando lo decido ci passano 50 sfumature di nero grigio e rosso.

      • Libero

        È vero hai ragione, è stata solo un esperienza, è successo solo una volta in auditing, all’inizio con il bookone. È stato involontario. Probabilmente potrei riuscirci di nuovo, forse no, non lo so… Vedremo più avanti sull’ OT 8, 9 o altri livelli. Cmq ho la certezza che ci si può esteriorizzare completamente. Sappi che non ci vedevo fuori dal corpo ma potevo spostarmi a mio piacimento.

  15. MISTER X

    Per Luciano. Si è vero quello che dici : Io per esempio ho sempre pensato di rimanere a letto per tutto il tempo della mia vita e se doveva succedere sarebbe successo: mi sarei ritrovato pieno di soldi,con una bellissima casa ecc.ecc. Si questa filosofia mi piace : “Se qualcosa deve accadere accadrà, a prescindere da tutto ciò che si farà per evitarlo. E per questo dirò a tutti gli studenti del mondo: ” Ma chi ve lo fa fare a studiare ed impegnarvi,tanto se deve succedere succederà. Forse i più feroci dittatori del passato hanno creduto in ciò? Mi spiace per te ma dove avanza la conoscenza perde terreno l’ignoranza e l’ordine sarà sempre superiore al disordine …Forse tu sei uno di quelli che hanno ottenuto tutto da punto effetto?

    • luciano visconti

      Va be, se é questa é la com non andiamo avanti .Non mi sembra poi cosi difficile da capire.Le vostre risposte non sono appropriate io ho detto altro .Comunque la domanda é sempre la stessa quali prove ci sono che una persona puo abbandonare il corpo x sempre e razionalmente perche lo vuole fare! Qui datemi una risposta ,la domanda é CHIARA.

      • Ci sono dei principi elementari che riguardano la formula della comunicazione , se vengono violati si creano inutili attriti e antagonismi. L’applicazione di tale formula è determinante al fine di ottenere comprensione, soprattutto in un blog per evitare di capire fischi per fiaschi. Poi se ignoriamo o non applichiamo, o applichiamo a piacimento questo, potremmo dire che sono chiacchiere a vanvera, fatte con fuorvianti intenzioni. Rispondo semplicemente che “fare dell’auditing” porta a chiarire il proprio universo spirituale e risponde a cosa sia la “vita” non è che qualcun altro te la deve spiegare. Le risposte le trovi da solo.
        C’è solo un modo che è il “fare” , possiamo discutere e disquisire, trovare errori, difetti e fare ipotesi più o meno esoteriche ma la TUA realtà la trovi solo con l’esperienza diretta e questo lo suggerisco anche a quell’altro i cui commenti sono stati censurati. Aggiungerei che potete sempre creare il vostro blog se non siete d’accordo con i nostri scopi.
        Marisa

      • Libero

        Luciano probabilmente hai anche ragione. Forse il fatto di essermi esteriorizzato mi da la certezza. Sono fortunato. È come vedere gli ufo. Sappiamo che esistono ma finche non li vediamo rimane il dubbio.

  16. MISTER X

    Parliamo del postulato.Quali prove ci sono che esiste un postulato? Come si può dimostrare l’effettiva esistenza dell’intenzione? Cos’è la volontà? Qualcuno può pesare uno scopo ? Se un progetto non venisse messo su carta chi può dire che esiste? Come vedi si entra nel campo delle deduzioni: Se un palazzo esiste dev’esserci stato un progetto ed è il palazzo che dimostra l’esistenza del progetto e quindi del postulato. Se esiste un postulato analitico ne può esistere uno reattivo? Qui si entra nel campo filosofico: Se una persona si è beccata un tumore com’è che è entrato in lui? Se ci è entrato( come un ospite sgradito) è possibile mandarlo via,dopo i 3 giorni prima che puzzi? Naturalmente la cosi detta scienza opera diversamente : Possiamo inventare un cannone per buttare fuori questo ospite sgradito? Certo la filosofia cerca con intelligenza il perché e come se ne possa andare mentre la scienza cerca l’energia e la materia necessaria per abbatterlo ecc.ecc.

  17. GB

    Si può morire consapevolmente? Lasciare il corpo di propria volontà e farlo morire? Oppure no? Alcuni dicono sia possibile. In ogni caso, come sarebbe possibile dimostrarlo? “Ora vi faccio vedere che muoio… e… tac”, così altri possono verificare l’accaduto. Voi lo fareste? Per dimostrare agli altri che è possibile? Credo che la nascita, come la morte siano fenomeni molto intimi e “sacri” su cui possiamo discutere quanto vogliamo, ma che possiamo capiamo solo quando siamo lì con i nostri cari o soli con noi stessi.
    Ma, credo, il punto sia un altro. Se David Mayo è morto accidentalmente, di malattia, per scelta o altro, a 70 o a 90 anni, che cosa cambia? Ecco il punto. Scientology dipende da questo? E’ la prova che funziona o non funziona? Vogliamo dei criteri oggettivi? O ci bastano quelli soggettivi? O li vogliamo entrambi? Perché?

    • Marco

      Ciao GB, cerco di rispondere alla tua domanda Se David Mayo è morto accidentalmente, di malattia, per scelta o altro, a 70 o a 90 anni, che cosa cambia? Scientology dipende da questo? E’ la prova che funziona o non funziona? o meglio di chiarire le mie perplessità o curiosità.

      Io ero/sono interessato a capire se ha lasciato per malattia e/o consapevolemente, perchè in un caso o nell’altro mi viene da pensare cose diverse…

      Per questo fatto, è morto/non è più in questo corpo David Mayo, viene da chiedermi : “David Mayo era uno dei migliori terminali tecnici del pianeta… dove era arrivato a livello di Caso? Ovvero era arrivato al livello di Theta Clear chiarito (e dunque causa consapevole anche sul tenere o lasciare, un corpo, e restare od andare, da questo posto)? Oppure semplicemente ha avuto una malattia (che ne so un tumore, una influenza…) per cui il corpo vecchio (ma non troppo) non ce l’ha fatta a reggere?

      Se ha lasciato il corpo per una malattia io ho una visione, se ha lasciato perchè qui non aveva più nulla da fare e a “scelto” di mollare il terminale mest, ho un’altra visuale e comprensione.
      La mia è semplice curiosità per sapere dove è arrivata la tecnologia per liberare un thetan…

  18. Marco

    @ sig. Visconti Luciano

    “SCN 8-8008
    CAUSA – EFFETTO TOTALE

    “Uno dei principi della causatività è delineato nel ciclo-di-azione (avviare-cambiare-fermare).

    Ma non è necessariamente vero che un individuo possa causare un ciclo solamente con questo modello, né che debba per forza causare dei cicli.

    Uno dei “dati di fatto” inerenti agli oggetti è che lo spazio e l’energia devono essere stati causati prima che l’oggetto possa esistere nell’universo MEST.
    Per cui qualsiasi oggetto ha avuto una causa precedente.

    Per questa ragione, quando qualcuno nell’universo MEST comincia a studiare per poter risolvere alcuni dei misteri dell’universo MEST, cade nella trappola di supporre che qualsiasi causa abbia avuto luogo in precedenza e che il tempo stesso esista di per sè.

    Questo renderebbe una persona un successivo effetto di qualsiasi cosa la persona abbia causato. In altre parole, lui arriva a pensare che se facesse un postulato, diventerebbe, subito dopo, l’effetto di quel postulato.

    Causa non risiede nel passato, ma solo nella condizione di havingness di questo universo, che afferma che qualsiasi oggetto deve avere avuto una causa “precedente”.

    Il preclear è diventato aberrato tramite il processo di renderlo un individuo ad effetto e privandolo della capacità di essere causa, convincendolo cioè che è meglio essere effetto.

    Qualsiasi cosa una persona desideri nell’universo MEST, la desidera perché avrà un effetto piacevole su di lui. Cerca sensazioni causate da qualcosa di esterno a lei stessa, che la renderanno effetto.

    Quanto effetto si può diventare? Fino a diventare MEST!

    La trappola della sensazione piacevole porta ad accettare un’energia che non è la propria.
    Desiderare questa energia, oppure oggetti, mette quindi la persona in una condizione di essere effetto.

    Quando si è circondati da tante fonti di energia così incredibilmente potenti, quante se ne trovano nell’universo MEST, sembra che non si può fare altro che diventare una causa di basso livello.”

    Questo scritto di LRH dovrebbe spiegarti qualcosa al riguardo delle tue affermazioni/convinzioni che “non si può prevedere o gestire” e/o “dipendiamo solo dalle cose come capitano” … ovvero : “siamo solo effetto degli avvenimenti” …
    Non è come dici tu, ma non mi sforzo a dirti cose più di quello che già leggi in questo blog, non credo servirebbe.
    Sinceramente non capisco come mai continui a sforzarti a scrivere le tue convinzioni (che dfinirei theta mest) in un posto come questo? E’ come andare a bestemmiare in chiesa… ti assicuro che nonostante tu speri che qualcuno ti dia ragione, credo non potrai ricevere nient’altro che reazioni avverse.

    Cmq … mi sovviene una domanda da farti, giusto per conoscerti meglio: tu credi nell’anima (di essere tu stesso un’anima)? Se si, dove pensi di andare poi dopo perso il tuo attuale corpo?
    Ecco queste semplici primarie domande sono quelle che stimolano poi ad una ricerca ed esperienza più ampia le persone non ancora del tutto soprafatte da questo universo materiale (“tutto è materiale e non ci si può fare nulla”), cosi tanto incombente (per certuni, non per tutti).

    • luciano visconti

      Visto che quanto scrivo viene frainteso ,se ti fa piacere prendiamo un caffe’dove vuoi tu e quando puoi tu rispondero ampiamente alle tue domande .Mi farebbe molto piacere perche anche se sono come dice Guido sgrammaticato ,poco causa e tutto effetto haaa haa vi stimo ti stimo e chissa’ magari poi avresti una opinione doversa di quella che hai ora.Buona giornata

      • Marco

        Luciano non lo so se quello che scrivi viene frainteso… non credo sia cosi, si capisce benissimo come la pensi “non datevi tanti pensieri e tanta pena o impegni, ma godetevi la vita al meglio, perchè cosi come vien da sè è già molto divertente e godibile”.
        Ecco perchè ti facevo le domade sulle tue credenze, o certezze, religiose… mi serviva a capire cosa pensi al riguardo dello spirito. Ma vedo non hai risposto…

        Riguardo al vederci, magari potrà esserci un’occasione, ma io di sicuro abito molto lonatno da te… ed anche credo tu abbia già delle convinzioni ben radicate, mentre io ne ho delle altre, e dunque non potremmo stare molto a ragionare di queste cose… mancherebbe tra di noi una sufficente R (Realtà), sufficente per creare un interesse duraturo.
        Comunque grazie per la stima, forse significa che in fondo in fondo un pochino mi capisci. Anch’io capisco le tue scelte… quello che non capisco invece è perchè tu insista a riportarle in questo blog, una comunità che la pensa molto molto molto diversamente da te !?

        Ciao

  19. oldman

    Gira e rigira, si torna sempre a “Chi siamo, da dove veniamo e dove stiamo andando”.
    Il così detto mistero della vita e della morte.
    Quando si vuol comunicare qualcosa è bene chiarire i termini della comunicazione.
    Di quante parti è composto l’essere umano?
    In Scientology, gli Scientologist, ritengono che sia composto principalmente da tre parti:Thetan, Mente e Corpo.

    Quindi in Scientology, quando si parla di Morte, si parla della Morte del Corpo, perchè il Thetan non può morire e la Mente la si può solo cancellare.

    Il coma non è la morte del corpo ma la condizione in cui il corpo vegeta e non è sotto il controllo del Thetan.
    La morte è quando il corpo è messo tanto male che il Thetan lo lascia e il corpo che da solo non riesce più neanche a vegetare, muore se non viene mantenuto in vita con delle macchine.

    Quindi la domanda non è se i Thetan, su questo pianeta, possono lasciare (esteriorizzarsi) e riprendere il corpo, ma se lo possono fare in modo outo-determinato.

    Quando una persona va in coma significa che il thetan ha lasciato il corpo.
    In effetti non è stato lui a decidere di lasciare il corpo ma è stato “spinto fuori dal corpo”, da un incidente, da un trauma, da una malattia o con dei farmaci (coma farmacologico), quindi non l’ha fatto di sua spontanea volontà .

    Se il corpo non è messo troppo male, il Thetan può rimanere nelle vicinanze e poi decidere di riprendere il corpo e quando questo avviene dicono che quella persona è tornata dal coma.

    Oppure può andarsene e prendere un altro corpo.
    Un altro Thetan passando di lì, può decidere di prendersi quel corpo e quindi abbiamo persone che, quando ritornano dal coma, parlano altre lingue che non conoscevano o hanno alri ricordi.

    Oppure il Thetan se n’è andato, il corpo è messo troppo male e nessun altro Thetan ha intenzione di riprenderselo e quel corpo rimarrà in coma fino a quado non smetteranno di tenerlo in quella condizione usando artifici esterni.

    Una persona ha raccontato che aveva avuto un incidente stradale, lui vedeva il suo corpo steso sull’asfalto e ha visto arrivare l’autoambulanza e ha riferito ciò che hanno detto e fatto i paramedici quando sono arrivati.

    Una cosa che so con certerzza, è che quando si arriva a Clear di I Dinamica, ci si può esteriorizzare a volontà.

    David Mayo in che condizioni era quando ha lasciato il suo corpo?
    Non lo so, posso solo fargli un augurio.

    Posso solo augurargli di aver raggiunto uno stato di caso paragonabile o superiore a Clear sulla I Dinamica e che questo gli abbia consentito di lasciare volutamente un corpo ancora in discrete condizioni e quindi non soggetto alle “malattie senili” che affliggono gli anziani (gli oldman) .

    Un’altra cosa che so con certezza è che queste “malattie” provengono dal Bank reattivo e se una persona ha cancellato tutto o gran parte del Bank reattivo non è più soggetta ad esso.

    oldman

    • GB

      “Una cosa che so con certerzza, è che quando si arriva a Clear di I Dinamica, ci si può esteriorizzare a volontà”.
      Come fai a saperlo?

      • Marco

        Mi permetto di rispondere io alla tua domada… : io credo Oldman NON lo sappia, semplicemente perchè … quando si arriva a Clear di I Dinamica, ci si può esteriorizzare a volontà”. non è vero…
        Ci sono molti amici indipendenti che si stanno audendo sui livelli OT 8-9-10 (dunque sicuramente Clear di 1° Din. raggiunto) e loro dicono che NON è cosi tanto facile “andare e venire” dal corpo, come dice Oldman…

        Quoto una spiegazione tecnica di Richard (di 2-3 anni fa) :

        ESTERIORIZZAZIONE (SPIEGAZIONE DI RICHARD)

        “In quegli anni si cercava di creare il Clear di colpo ed il Theta Clear, l’intento che risiedeva dietro questo ricerca dell’esteriorizzazione era che: “Un Thetan esteriorizzato può letteralmente disintegrare le proprie Masse Mentali, rimettere in sesto il proprio corpo e sicuramente l’Auditing funziona ad una velocità più elevata”.

        Quella premessa era scorretta per due motivi (probabilmente anche tre):

        il primo era che il Thetan esteriorizzato “forse” era disposto a parlare all’Auditor;

        la seconda era che ad un Thetan esteriorizzato non gliene frega assolutamente niente del proprio Case (già questi due fatti violano la definizione di in session, cioè: interessato al proprio Case e disposto a comunicare all’Auditor);

        ma il probabile terzo motivo era quello che più ha dato da riflettere.
        “Una volta che un Thetan si esteriorizza, non è più connesso al suo Bank, da questo se ne deduce che non è in grado di trovare niente da percorre e ne consegue che nessuna massa o significanza o carica possa essere eliminata….”

        Abbiamo anche notato che se avessimo fatto esteriorizzare qualcuno, questo qualcuno si sarebbe potuto scontrare, anche involontariamente, con uno qualsiasi delle migliaia di tranelli che hanno il solo scopo di farlo reagire e ributtarlo nel mezzo di quel ciarpame (corpo).”

        • luciano visconti

          Per Marco
          Ciao ,rispondo alle tue domande ma nei prossimi giorni .Perche scrivo in un blog dove la si pensa ” diversamente “.Perche’sono stato Scientologo ho studiato i materiali ma non tutto mi ha convinto.Avevo gia intrapreso un percorso Zen (che non ho mai abbandonato) x me Scientologi e’ stata uno studio nello studio piu che un desiderio di cambiare il mondo o di migliorarmi attraverso esso.Avevo 15 anni ora ne ho 63 quello e’ il mio percorso ma non mi dispiace scrivere o leggere dove la si pensa in modo diverso.
          Mi diverto sono poco serio e lo scrivere nel blog e’una piccolissima parentesi di una vita normalissima. Ieri ho fatto il Mortirolo proprio normalissima non e’haa haa Spero sia chiaro x che scrivo .

          • luciano visconti

            Dimenticavo ,non voglio avere ragione ,non mi interessa fare proselitismo scrivo solo per dire la mia .
            Alcune volte sono diretto un po sboccato ma e’ la mia natura e non ho nessuna intenzione di cambiarla.

          • Diogene

            Se la citazione del Morti-rolo strizza l’occhio al tema del post, trovo la tua battuta strepitosa, caro Luciano.
            Se fai riferimento ad una tua recente escursione sul Passo del Mortirolo (reso anche famoso dal Giro d’Italia) mi congratulo con te, baldo alpinista!
            Meraviglioso. Ma è aperto in questa stagione? Che io sappia, adesso si va solo in motoslitta lassù in alto.
            L’animo diventa leggero a quelle altezze. Se diventi troppo serio rischi di cadere in Valseriana! (Mi scuso col resto degli italiani, ma Luciano mi capisce).

        • Scusa Marco, quando riporti il virgolettato riporti affermazioni di Richard o di Ron ? Poi ci sono dei virgolettati posti non correttamente, nel senso che dovrebbero viaggiare in coppia, uno di apertura e uno di chiusura per riportare un discorso diretto. Nel primo e terzo capoverso evidentemente mancano dei virgolettati. Puoi sistemare per cortesia ? Grazie

          • Marco

            @ Burlesque
            Tutto quello che ho posto in corsivo è stato scritto da Richard… le virgolette sono sue e non mie, io ho solo fatto un copia incolla del suo commento (che purtroppo non ho archiviato con la data e l’ora di pubblicazione nel blog, ma se lo cerchi lo trovi).

      • Diogene

        Domanda centratissima, GB.
        Attendiamo risposta, caro Oldman.
        Come fai TU a saperlo?

  20. oldman

    @GB
    Da: 660209 – HCOB – Gradi di Release
    Esistono cinque gradi di Release.
    Quando se ne raggiunge uno, si può percorrere il successivo.
    Quando un preclear raggiunge un grado di Release, non si può continuare ad audirlo con i procedimenti di quel grado o di un grado inferiore, altrimenti entra di nuovo nella sua mente reattiva.
    Tuttavia vi sono cose che si possono fare con tutti i Release:
    – occuparsi dei loro problemi,
    – tirare fuori i loro withhold,
    – riparare le loro rotture di ARC;
    inoltre ogni Release, di qualsiasi grado, può essere audito con gli esatti procedimenti di Rehab di Release.
    Gli stati di Release sono diversi tra loro, in quanto l’uno è più stabile dell’altro.

    La mente reattiva (conosciuta anche come bank R6) può essere audita fino a cancellazione soltanto da qualcuno che sia addestrato fino a Classe VI.

    Quando la mente reattiva viene completamente audita fino a cancellazione (completamente cancellata), si ha un Clear.
    Quando si fa in modo che un Clear riacquisti dimestichezza con le proprie capacità, si ha un Thetan Operante (un OT).
    – Un Release, quindi, viene tirato FUORI dalla sua mente reattiva.
    – Un Clear ha completamente cancellato la propria mente reattiva.
    – Un Thetan Operante è causa su materia, energia, spazio e tempo e non è in un corpo.
    Il grado e la relativa stabilità con cui si viene tirati fuori dalla mente reattiva determinano lo stato di Release.
    Vi sono parecchie cose che possono tirare di nuovo una persona dentro la mente reattiva.
    Esse sono: (1) i lock, (2) i secondari, (3) gli engram, (4) l’intera traccia del tempo.
    ——————————————————————————————– Quando si parla di “lasciare il corpo” di cosa si stà parlando, di Release? di Clear sulla I Dinamica? di Thetan Operante ?
    L.R.H. lo dice chiaramente: “Un Thetan Operante è causa su materia, energia, spazio e tempo e NON E’ IN UN CORPO.”
    Anche un Release: “viene tirato FUORI dalla sua mente reattiva (bank R6).”
    E anche un Clear: “ha completamente cancellato la propria mente reattiva.(bank R6)”
    Quindi, secondo me, quando uno arriva a Clear sulla I Dinamica è perennemente esteriorizzato ed OT.
    A questo punto è pronto per andare sui Livelli OT.

    Però GB con questa affermazione “Una cosa che so con certerzza, è che quando si arriva a Clear di I Dinamica, ci si può esteriorizzare a volontà” non stavo ne dicendo ne insinuando di essere Clear su I Dinamica.
    Non so quanti Clear su I Dinamica siano stati fatti da L.R.H fino al 1972.
    Ad oggi bazzicando in internet penso di averne individuato solo uno, ma questo non significa che non possano essecerne anche altri.

    oldman

    • luciano visconti

      A Diogene
      Quando ero in scientology si parlava del muro del fuoco ma costava troppo ora da pensionato ho anchio superato il mio muro ( il muro di Sormano). La bicicletta x me e’ meditazione .Solo con il respiro il cigolio e tanta tanta fatica.

    • Oldman, vediamo di fare un pò di chiarezza:
      Ron, in questo bollettino del 1966, ci dà le definizioni di Release, Clear e Thetan Operante. Queste rimangono tuttora validissime e ci atteniamo ad esse senza alcun dubbio.
      Ron NON dice che “quando uno arriva a Clear sulla I Dinamica è perennemente esteriorizzato ed OT.” L’esteriorizzazione è una peculiarità del Thetan Operante, la tua deduzione è errata
      (purtroppo). Seguendo la linea temporale delle ricerche e scoperte possiamo notare che è solo dell’anno successivo, il 1967, il rilascio di OT III e poi dei successivi livelli.
      L’esteriorizzazione come condizione d’essere stabile è il fenomeno finale (EP) di un ben specifico livello.
      E lo si raggiunge solo con il “fare”.
      Guido

      • GB

        In effetti Ron nel 1966 si aspettava da lì a breve di sfornare OT la cui peculiarità fosse la capacità di esteriorizzarsi. In un vecchio post Richard spiegò che il fenomeno finale di OT III, inizialmente, era proprio l’esteriorizzazione. In quella sede Richard spiegò ancge come mutò il ponte per cercare di produrre quel risultato che, aimè, veniva progressivamente spostato più avanti. Molto interessante quel post di Richard (come tutti, del resto).

        • GB

          Richard, 18 ottobre 2014:
          Da quando è apparso il Livello OT 3, questi ha subito diversi cambiamenti.

          Il primo vero EP di questo Livello (senza parlare di nulla che possa essere confidenziale) era EXTERIOR.

          Il Thetan doveva aver conseguito la capacità di Esteriorizzarsi a piacimento dal proprio Corpo, e non solo per una fugace visita all’esterno.

          Questo EP si verificava solo in pochi casi.

          Venne allora introdotto il Rundown dell’ intenzione di OT 7 e la persona veniva rimessa su OT 3 Espanso che consisteva nel ripassare attraverso all’intero Livello in una nuova unità di tempo, nella maniera più completa.

          Anche in questo caso le percentuali riguardanti ai Fenomeni Finali pienamente raggiunti era molto bassa.

          A questo punto è avvenuto un ulteriore cambiamento, cioé, dopo che si fosse ritenuto che il Pre OT avesse concluso OT3 ed OT 3 Espanso, anche se l’ Esteriorizzazione non aveva avuto luogo, il Pre OT veniva indirizzato su OT 4 e la prima azione che doveva compiere, con l’ausilio di un Auditor di un Classe 8 era quella di riverificare conmpletamente il materiale di OT 3 sino a raggiungere l’agognata Esteriorizzazione.

          I Livelli OT dal 4 al 6 erano stati designati per un Thetan Exterior, ma a quanto pare questo si verificava solo nel 2 o 3 per cento dei casi.

          Devo farti notare che le tecniche di Auditing utilizzate in quei periodi erano molto più professionali, il Caso veniva scavato molto più in profondità e su OT 3 c’era sempre disponibile un Auditor di Classe 8 per aiutare il Pre OT in determinati casi che erano considerati cruciali.
          Questo era lo Standard del tempo.

          Oggi OT 3 contiene solo il 25 % dei dati originali, molti sono stati tolti, OT 3 Espanso è sparito dalla circolazione ed in media è stato abbassato lo Standard generale dell’ Auditing.

          All’inizio si cercava a tutti i costi di produrre un OT, ora si cerca di produrre un Clear di standard molto più elevato.

          La persona su OT 3 viene indirizzata all’ Auting di NOTs appena possibile.

          Ma esistono dei validi motivi per tutto questo, uno dei quali ha a che fare con un errore di valutazione commesso da Ron enormemente aiutato da falsi rapporti, falsi rapporti che venivano forniti in maniera più o meno inconsapevole, molti di questi erano basati su malcomprensioni riguardo al Thetan ed all’ Esteriorizzazione.

    • Diogene

      Quindi, Oldman, TU personalmente non sai cosa succede a un clear.
      Da dove ricavi le tue certezze? Dal catechismo che ti ostini a predicare senza uno straccio di verifica su di te?
      E tu stesso escludi di aver mai conosciuto un vero clear. Quindi non hai notizie di prima mano né un testimone da esibire.
      Però tu SAI quello che nessun altro sa finché non avrà raggiunto lo stato che tu neanche conosci finché tu stesso non l’avrai raggiunto.
      Peccato che per te nessuno lo raggiungerà mai perché la tech del 72 è ferma al 72 e tre cambi generazionali ne hanno fatto un pastrocchio tale che alla quarta generazione sembrerà meno credibile dei Viaggi di Gulliver.
      Perché ho il sospetto che nel 2072 la vecchia scientology sarà soltanto un ricordo nella mente di qualche nostalgico nonno cresciuto in un mondo a noi del tutto sconosciuto.

    • paolo facchinetti

      Basta leggere i nastri di Ron di Classe VIII fatti prima degli anni 70 per sentire cosa Ron stesso diceva dei problemi che uno che aveva attestato poteva incontrare e che si sarebbero risolti solo sui livelli OT superiori. Inoltre l’EP del “vecchio” OT IV era certezza su exterior (che non voleva dire essere sempre exterior) ma anche lì poi si sono riscontrate delle difficoltà a raggiungere quell’EP. Quindi nella tech “prima del 72” non era previsto nessun stato di exterior “perenne” a livello di Clear.

  21. MISTER X

    In base al dato che si ottiene quello su cui si è investito “energia” ,abbiamo un ponte da fare ed un sacco di procedimenti che esistono in libri ,nastri ecc.ecc. Quindi facciamoli . Anziché speculare sulla meta percorriamo la strada. Nessuno ci impedisce di dare e ricevere questi procedimenti. Se qualcuno vuole diventare Auditor lo può fare. Quindi muoviamoci ragazzi,la meta si raggiunge col fare non col pensare.

    • GB

      “Non perdete tempo a pensare ciò che pensando non si può cambiare”. Evagrio Pontico (monaco eremita del IV secolo d.C. che visse 16 anni in solitudine nel deserto egiziano). Detto da lui… ahahah.

      • Diogene

        L’Evagrio avrà pensato che se pensava di pensare di avere solo pensato quello non era un pensiero da pensare di aver pensato…
        Così non ha perso tempo e dopo 16 anni si è rotto i cocci di fare tutto lui… ed ha cambiato deserto.

  22. oldman

    Vorrei rispondere ad ognuno di voi ma quando vi scatenate baldanzosi scrivendo cose false e non pertinenti non so come fare.

    Cose false, un esempio ———————————————
    Diogene ha scritto, riferendosi a me
    “E tu stesso escludi di aver mai conosciuto un vero clear”
    Io avevo scritto:
    “Non so quanti Clear su I Dinamica siano stati fatti da L.R.H fino al 1972.
    Ad oggi bazzicando in internet penso di averne individuato solo uno, ma questo non significa che non possano essercene anche altri.”

    Cose non pertinenti—————————————-
    Io considero cose pertinenti solo ciò che ha scritto o detto L.R.H. fino al 1972

    @Guido e @Paolo Facchinetti
    Da: 650727 – Stati di Release
    Ci sono state tracce di persone che hanno attaccato il loro bank di R6, e di tanto in tanto trovate un pc con una GPM che il pc ha mordicchiato.
    E si augura di non averlo fatto!
    Infatti è una cosa come attizzare il fuoco con un bastoncino di dinamite, vedete?
    Non è un buon attrezzo da cucina.
    Ma a volte trovate… non trovate vaste estensioni di traccia che se n’è andata, non fatevi quest’idea.
    Qualcuno proverà a dirvi: “Oh, beh, il mio bank di R6 se n’è andato in otto…”
    “Che cosa ci fai dentro un corpo allora?”. Questa sarebbe la vostra replica immediata.
    ———————————————————————————-
    Quello che capisco io, è che se hai cancellato il Bank R6 non sei più dentro al corpo e quindi ne sei fuori.
    Potresti essere dentro al Bank R6, ma se lo hai cancellato sei fuori anche da quello.

    Per riprendere la discussione riporto ciò che ho già scritto a Guido ——————————
    Che tu ci creda o no, L.R.H. è stato “disconnesso” da Scientology nel 1972.
    Quando il presunto L.R.H. è ritornato alla fine del 1973, lo hanno fatto girare e scappare dicendo che era ricercato dall’FBI, ma tutti sapevano dove era, compresa l’FBI e l’FBI non lo ha mai raggiunto, strano vero?
    Qualunque cosa gli sia successa, lo sviluppo di Scientology si è fermato nel 1972.
    Alla fine degli anni 60, L.R.H si rese conto che quello che era stato fino allora chiamato Clear era in effetti un Release e che per diventare Clear bisognava cancellare il bank R6 con le sue GPM.
    Leggendo le conferenze, mi sono reso conto che L.R.H. in quel periodo stava cercando il modo per consentire anche agli altri di usare quei procedimenti e raggiungere lo Stato di Clear sulla I° Dinamica.

    In quel periodo le cose non sono andate molto bene, qualcuno si è ammalato, qualcuno è impazzito.

    La tecnologia che stava sviluppando L.R.H. era tanto potente, quanto pericolosa se non veniva applicata correttamente e a quanto sembra solo L.R.H. era in grado di farlo.

    Davide Mayo verso il 1975 si è accorto di avere tra le mani, tecniche di Scientology difficoltose e pericolose se non applicate correttamente.
    Quelle tecniche, passando per il Grado V, VA, VI, VII, avrebbero dovuto portare a Clear sulla I° Dinamica.
    Davide Mayo che non era uno stupido, ne uno sprovveduto, si è reso conto che Scientology, senza la fattiva collaborazione di L.R.H., occupato a scappare e a nascondersi, era bloccata e ha inventato NED come scorciatoia per raggiungere i livelli OT ma dato che i Livelli OT non venivano raggiunti da dei Clear, ha inventato NED per OT.

    Questo ha consentito, per più di 40anni agli Scentologyst, pur non ottenendo i risultati che si aspettavano, di continuare a coltivare la speranza e a perseverare nell’applicazione di Scientology.
    Ma questo non potrà continuare ancora per molto, è necessario rimettere in funzione la Scientology che funziona e che farà scomparire Miscavige.
    Lo so che non basterà rendere pubblica e facilmente accessibile la Tecnologia di L.R.H. ma questa è una condizione necessaria anche se non sufficiente.
    ————————————————————————-
    L.R.H. lo ha detto più di una volta che Scientology è composta solo dai procedimenti che funzionano sempre e su tutti.
    Purtroppo, per noi, lui è stato fermato prima che potesse rendere facilmente accessibile e fruibile il Bridge da Grado V,VA,VI,VII.

    Voi potete schernirmi, prendermi in giro e tutto quello che volete, la cosa non mi tocca, io i TR’s li ho passati e non ho Overt o Withold da restimolare, ma se un giorno anche voi potrete percorrere i Gradi fino a Grado VII e poi i Livelli PER-OT sviluppati da L.R.H., lo dovrete a coloro che più avanti mi aiuteranno a Rimettere e a Mantenere Scientology in Funzione.
    Ho individuato perlomeno quattro fasi prima che Scientology ritorni ad essere pienamente operativa.
    La I° Fase prevede di mettere Scientology, quella fino al 1972, on-line, affinchè tutti possano accedervi facilmente.

    Prima ho scritto Livelli PER-OT, non Livelli PRE-OT.
    I Nuovi Livelli OT, i Livelli PRE-OT, si chiamano così perche precedono il I° Vero Livello OT (o presunto tale), OT VIII.
    oldman

    • E adesso che ho pubblicato “l’illuminante” commento del vecchiouomo, scatenate pure baldanzosamente le vostre repliche!
      Guido

    • GB

      Oldman queste sono ipotesi o stai effettivamente ricevendo questo auditing? A che punto sei del ponte ’72?

    • GB

      Oldman io sono curioso di altri punti di vista. Sapere cosa ne pensano gli altri mi aiuta ad allargare i miei orizzonti mentali. Per questo ogni tanto mi leggo anche il blog di David Effe e anche ciò che scrive Silvia Kusada. D’altra parte la filosofia si basa su questo approccio.
      Ma Scientology è una filosofia “applicata”, in altre parole non si basa solo su teorie e speculazioni, ma cerca di mettere in pratica queste teorie per creare un cambiamento reale, non immaginario.
      C’è una bella differenza fra un’ipotesi e un dato di realtà, un fatto. Confondere le due cose significa confondere la fantasia con la realtà.
      Io sono molto interessato alle tue ipotesi e mi piacerebbe proprio che tu arrivassi qui e dire: “Cari amici io sono Clear di I dinamica, ho fatto il ponte del ’72 e mi esteriorizzo a volontà”. Molto bene, ne sarei proprio felice!
      Hubbard nel corso delle sue ricerche formulava ipotesi, creava la tech adeguata e poi la metteva alla prova dei fatti. Tutto ciò che funzionava, non nel 20% ma nel 100% dei casi, veniva tenuto, il resto scartato. Possiamo ragionare tutta la vita su ciò che è stato scartato, ma solo la prova dei fatti ci può dare una risposta definitiva.
      Qua noi siamo come persone avventurose che stanno salendo verso la cima di una montagna. Possiamo discutere quale sia il sentiero migliore per farlo. Ma non è stando ai piedi del monte, senza salire, che si può fare la differenza. Puoi stare lì a raccogliere le mappe del sentiero migliore, ma se non lo provi non saprai mai dove arriva.
      Noi stiamo salendo. Sali anche tu, da dove vuoi, e poi scambiamoci le esperienze. E’ questo quello che facciamo qui.
      Un caro saluto,
      G.B.

    • oldman@ ” Alla fine degli anni 60, L.R.H si rese conto che quello che era stato fino allora chiamato Clear era in effetti un Release e che per diventare Clear bisognava cancellare il bank R6 con le sue GPM.”
      Un Clear è un Clear e non ci sono altre definizioni che questa, penso che NED è la strada più sicura e di successo per raggiungerlo come si dice tutte le strade portano a Roma ma è meglio prendere la più conosciuta e sicura.
      Un Clear non ha ancora il pieno punto di vista e potenzialità di cosa lui veramente è sarà strano ma questo disorienta sia l’ osservatore esterno che lo stesso Clear, per questo c’ è il ponte OT dove il Clear deve essere reso Clear,
      Segui la strada che credi ma nota che La Reception ha un ottimo CS e tanto può fare.
      Molto interessanti se non illuminanti per lo stesso soggetto CLEAR sono i due articoli di RICHARD postati da Marco (Marco grazie).

  23. Oldman perchè non rispondi alle domande che ti sono state poste? Credi veramente che le “certezze” di cui sei promotore possano passare di mano come fosse un compito in classe copiato? Certo è che hai bisogno di un buon auditor e quella è l’unica evidenza .
    Marisa

    • paolo facchinetti

      Caro Oldman, non so se ho capito bene il tuo ragionamento, nel qual caso correggimi…
      Tu sostieni che LRH alla fine degli anni 60 (clear è del 66) si era accorto che qualcosa non andava, che il Clear era in reltà un release (ma i procedimenti x Clear maneggiano proprio l’R6 bank) e che stava lavorando su procedimenti troppo potenti che perfino Mayo preferì lasciar stare dopo che Ron fu costretto ad abbandonare le sue ricerche nel 72. Allora secondo il tuo ragionamento, anche recuperando tutta la tech pre-72 (che peraltro è del tutto disponibile online) sarebbe una tech che LRH non ha mai potuto completare? Persino al di là delle capacità di David Mayo di completarla?

      • oldman

        Come spiego più avanti Scientology è completa.
        Ciò che non va è l’applicazione di Scientology, i mezzi che si usano per applicarla.
        oldman

  24. Diogene

    Oldman.
    hai capito o no che la tua credibilità dipende dalla TUA esperienza come pc o eventualmente come auditor e non come predicatore?
    Sai cosa vuol dire “conoscere-conoscere” ma proprio “conoscere”?
    E’ diverso dal “leggere” e persino dal “comprendere” (men che meno dal semplice “individuare”, non prendermi in giro).
    Il tuo “sapere” è nozionistico, non è affatto “conoscenza”.
    Mi dispiace dovertelo dire, ma non ha neppure “logica”.
    Tu prima scrivi: “Purtroppo, per noi, LRH è stato fermato prima che potesse rendere facilmente accessibile e fruibile il Bridge da Grado V,VA,VI,VII.”
    E dopo affermi: “Davide Mayo che non era uno stupido, ne uno sprovveduto, si è reso conto che Scientology, senza la fattiva collaborazione di L.R.H., occupato a scappare e a nascondersi, era bloccata ”
    Ora, se LRH non c’era più (sia che fosse stato eliminato nel1972 o che fosse rimasto in isolamento fino alla morte) lui ha lasciato incompiuta la sua ricerca e, come scrivi tu, “Scientology era bloccata”
    Allora, secondo te, se si rimette in pista la tech usata fino al 72 scn si sblocca, nel senso che riprenderà un certo (ma anche incerto) sviluppo?
    E a chi toccherà svilupparla? Perché non l’hanno sviluppata quei “veri” ot che la tech del 72 aveva prodotto? Aspetti ancora il ritorno di LRH?
    Ah, che sbadato, dimenticavo che ti sei preso tu l’incarico di “Rimettere e Mantenere Scientology in Funzione”.
    Prima fase: tutto on-line… ma questo era previsto nel 72 da LRH?
    Certo, certo: è tutta colpa di quei soppressivi che si sono limitati alla stampa di libri e bollettini ben sapendo che a nessuno piace leggere.
    Bastardi! Tenetevi pure le vostre accademie vuote! La “scn liquida” liquiderà scn.

  25. oldman

    @ marisaeguido
    non posso rispondere a domande confuse in cui non si riesce a capire quali sono le domande e quali le affermazioni più o meno vere.
    Coloro che vogliono una risposta, riformulino la domanda coma ha fatto Diogene, fate TR3.
    @Diogene
    Ho detto e lo ripeto “oldman” è un’entità virtuale che non cerca gloria, onori e credibilità.
    E la mia credibilità deriva dal fatto che voi cerchiate conferma di ciò che io dico, ciò che è vero per te è vero.

    Scientology (Filosofia Religiosa Applicata) è divisibile in due parti:
    • La parte Teorica che si basa sugli Assiomi(gli accordi tra i Thetan, che hanno dato origine all’universo MEST)
    • La parte pratica, la Tecnologia, il Bridge ed i vari Procedimenti.
    Scientology è completa, hanno fermato L.R.H. ma non sono riusciti a fermare lo sviluppo di Scientology, perchè era completo.
    Ma sono riusciti a far credere che le modifiche apportate a Scientology per renderla inoperativa, dopo il 1975, fossero fatte o approvate da L.R.H.
    L.R.H. ha tenuto circa 4000 conferenze, il suo modo di lavorare era: tenere una conferenza e scrivere un bollettino oppure scrivere un bollettino e poi tenere una conferenza.
    Quindi sulle circa 4000 conferenze, che L.R.H ha tenuto fino al 1972, c’è tutta Scientology, quella che funziona.

    Io ho scritto
    “Purtroppo, per noi, LRH è stato fermato prima che potesse rendere facilmente accessibile e fruibile il Bridge da Grado V,VA,VI,VII”

    L.R.H. non poteva chiedere di mettere on-line Scientology, perchè nel 1972 internet non esisteva su questo pianeta, ma oggi c’è.
    Ecco perchè la I° Fase di Rimettere Scientology in Funzione è pubblicare on-line la Scientology originale di L.R.H., in modo da renderla “facilmente accessibile e fruibile” e difficilmente alterabile

    Io ho scritto
    “Alla fine degli anni 60, L.R.H si rese conto che quello che era stato fino allora chiamato Clear era in effetti un Release e che per diventare Clear bisognava cancellare il bank R6 con le sue GPM.
    Leggendo le conferenze, mi sono reso conto che L.R.H. in quel periodo stava cercando il modo per consentire anche agli altri di usare quei procedimenti e raggiungere lo Stato di Clear sulla I° Dinamica.
    In quel periodo le cose non sono andate molto bene, qualcuno si è ammalato, qualcuno è impazzito.
    La tecnologia che stava sviluppando L.R.H. era tanto potente, quanto pericolosa se non veniva applicata correttamente e a quanto sembra solo L.R.H. era in grado di farlo.
    Davide Mayo verso il 1975 si è accorto di avere tra le mani, tecniche di Scientology difficoltose e pericolose se non applicate correttamente.
    Quelle tecniche, passando per il Grado V, VA, VI, VII, avrebbero dovuto portare a Clear sulla I° Dinamica.
    Davide Mayo che non era uno stupido, ne uno sprovveduto, si è reso conto che Scientology, senza la fattiva collaborazione di L.R.H., occupato a scappare e a nascondersi, era bloccata e ha inventato NED come scorciatoia per raggiungere i livelli OT ma dato che i Livelli OT non venivano raggiunti da dei Clear, ha inventato NED per OT.”
    Metto in evidenza
    “In quel periodo le cose non sono andate molto bene, qualcuno si è ammalato, qualcuno è impazzito. La tecnologia che stava sviluppando L.R.H. era tanto potente, quanto pericolosa se non veniva applicata correttamente e a quanto sembra solo L.R.H. era in grado di farlo. ”
    Se nonostante la presenza e la supervisione di L.R.H. “qualcuno si è ammalato, qualcuno è impazzito” è evidente che qualcosa non funzionava e bloccava l’applicazione di Scientology.
    La Fase II°, III° e IV° risolvono questo problema.
    In queste fasi non c’è alcuno ulteriore sviluppo della Scientology di L.R.H., come ho già detto Scientology è completa.
    —————————–
    Da: 660209 – HCOB- Gradi di Release
    La mente reattiva (conosciuta anche come bank R6) può essere audita fino a cancellazione soltanto da qualcuno che sia addestrato fino a Classe VI.
    —————————-
    Quando ho letto questa frase ho pensato bisognerà che mi trovi un Auditor adeguatamente addestrasto e ho continuato a leggere.
    Ma poi un pensiero ha attraversato la mia memte: Sul Grado VII, io sono l’Auditor.
    Quindi quando inizierò i Gradi V,VA,VI,VII sia io che il mio Auditor dobbiamo essere Classe VI.
    Sbloccare Scientology non è una questione di Sviluppo ma una questione di mezzi e procedimenti.
    Lo so che non riuscite a comprendere, è misterioso e fumoso, ma se la cosa fosse semplice, perchè nessuno se n’è accorto e ha fatto qualcosa in questi ultimi 40 anni?
    Mi rendo conto che per realizzare ciò che ho individuato come necessario a sbloccare Scientology, ho bisogno di aiuto, molto aiuto.
    Ma so hanche che ho l’abilità sufficiente per realizzare ciò che io decido di realizzare.
    E se nessuno saprà cosa stò facendo, nessuno mi potrà fermare.
    Io so che da solo riuscirò a farlo, sarà solo una questione di tempo.
    Non è superbia, è il risultato di ciò che ho visto percorrendo la mia traccia.
    Ciò non toglie che qualunque aiuto sarà ben accetto.
    Il primo modo con cui potete aiutarmi e aiutarvi è mettere on-line Scientology.
    Oldman

  26. GB

    Io non sono in grado di stabilire chi abbia inventato NED. Sappiamo che dietro ogni tech c’era un gruppo di ricerca. Ma chi l’ha ideata è stato decisamente geniale.
    NED funziona come una bomba. Spesso alla base delle diverse catene si trova un implant (chi l’ha percorsa su di sé lo sa). Quindi non vedo contraddizione con ciò che dice Hubbard nel ’66. Chi ha concluso NED può comunque percorrere i gradi da V a VII. Quindi dove sta il problema? Il materiale c’è, è disponibile.

    • oldman

      @GB forse questo ti può aiutare
      ———————————–
      David Mayo testimonia in tribunale le molestie subite
      Affidavit, 14 Ottobre 1994.

      La tecnologia di Dianetics e Scientology è il prodotto del lavoro di molte persone tra cui io stesso e, tra gli altri, Melanie Murray, Julie Mayo, Merrill Mayo, Dona Haber, Brian Livingston e Phoebe Mauer.
      Io sono la fonte primaria di NOTs e SOLO NOTS.
      Durante l’appartenenza alla Chiesa di Scientology, mi sono solo limitato ad attribuire a L. Ron Hubbard scoperte e paternità della tech, essendo stato obbligato a farlo come professione di fede nella Chiesa.
      ————————————–
      Che NED funzioni lo so, un pochino di auditing l’ho ricevuto anch’io e i guadagni di caso che io ho avuto e che ho visto negli altri sono effettivamente buoni.
      Quello che non va in NED è che ti fa saltare a piè pari Grado V,VA,VI,VII e che quindi non è sulla strada per arrivare a Clear sulla I° Dinamica.
      E’ vero che volendo si può, dopo NED, percorrere Grado V,VA,VI,VII, ma chi si mette a studiare fino a Classe VI , percorrere i Gradi V,VA,VI,VII e poi andare sui Livelli PRE-OT?
      Comunque non escludo che qualcuno lo possa fare.
      Del resto se uno ha fatto NED e vuole arrivare a Clear sulla I° Dinamica non ha altre alternative.

      oldman

      • GB

        Stamani facendo un giro sul web ho letto che grado V, VA e VI sarebbero stati inventati da John Mc Master. Le fonti sembrano attendibili.
        Sembrano esserci diverse zone d’ombra intorno al fatto che il Clear n.1 poi sia stato dichiarato SP.
        Ma come, il ponte prima del ’72 non era puro e santo come il suo fondatore?
        Il problema è che la forma mentis del complottista impedisce di vedere le cose da altri punti di vista e tende a ridurre e a giustificare tutto in base al proprio. Ma, soprattutto, a non portare mai a una dimostrazione “reale” basata su fatti concreti.

        • Marco

          GB dici: “Il problema è che la forma mentis del complottista impedisce di vedere le cose da altri punti di vista e tende a ridurre e a giustificare tutto in base al proprio. Ma, soprattutto, a non portare mai a una dimostrazione “reale” basata su fatti concreti.”

          Il “complottismo” con accezione negativa e fondamentalista, ovvero drammatizzato, è giustamente biasimabile… ma non dimentichiamoci che di complotti veri e propri, ed in corso, il mondo è pieno…
          Ed allora con l’intento di burlare e denigrare il “complottismo” drammatizzato, cerchiamo di non dimenticare questa evidenza: il pianeta Terra è cosi malandato e sull’orlo della disfatta perchè c’è chi ci complotta contro da sempre (trattato come una discarica e con una razza homo sapience nata per essere schiava); il pianeta Terra sta andando verso una deriva (inquinamento drammatico e forse irreversibile, sperpero ad esaurimento delle risorse, elettronica in piena attività, grave per le conseguenze sugli organismi, industria farmaceutica che spaccia molecole dannose brevettate, ecc. ecc. ecc.), a cui non so se si potrà sottrarre…

          CICLI DI COMUNICAZIONE NEL AUDITING
          Una Conferenza del 6 Agosto 1963

          “Ora, per Loro la persona che si conforma alla società nella quale vive non è un grosso problema. Il punto è che il loro ideale è il conformista.

          Ora, “questi creatori di conformati” sono molto strani, il personale di quella particolare civiltà sono persone veramente spregevoli, a dire poco.
          Diciamo che se voi ricordate l’ultimo distretto schifoso a luci rosse… : beh, lì trovereste della gente molto alta di tono a paragone del personale che compone questi altri pianeti di cui vi sto parlato. Alti di tono, molto più alti di tono.”

          “Così, Loro si specializzano nella persona che si conforma, che si deve conformare..

          Ora, di solito per loro il cittadino tipo è un “lavoratore” che è contento di prendere il suo misero stipendio e che non ha l’ambizione di fare nessun’altra maledettissima cosa…, sapete, non vuole salire più in alto, migliorare le cose… vuole tirare avanti in qualche modo, o persino accettare di scendere sino ad essere indigente.

          Questo fa sì che l’artista brillante, l’ingegnere brillante, il manager, il genio, il criminale, il pervertito, ecc. ecc. siano persone non conformate e per questo non gradite.
          Così condannano queste persone ad una amnesia perpetua.
          Poi li spediscono quaggiù… ed eccoci qui…
          E’ questa la popolazione di questo pianeta.

          Un altro modo di definire la situazione con questa insistenza insensata di alcuni scientologist su “solo tech di Ron e solo fino al ’72” è:

          FAC SIMILI DI SERVIZIO E GPM di Geoffry Filbert

          “Il Ser-Fac è un dato che sostituisce la propria osservazione personale.
          Le confusioni si agganciano e si accumulano velocemente intorno ad esso.

          Egli è intrappolato nella misura in cui le sue idee sono fisse.
          L’eliminazione dei Ser-Fac libera l’individuo non chiarito dall’intrappolamento, oltre che dall’ignoranza.
          Cancellando il Ser-Fac si allarga il perimetro di osservazione dell’individuo. ”

          “Lo scopo di OT di essere causa su materia, energia, spazio e tempo, è meglio definito come “il più grande stato di libertà”, non di saggezza in particolare. La saggezza arriverà di conseguenza: l’individuo sarà meno portato a farsi intrappolare su implant con stabili dati falsi.

          “Esiste un GPM sul “Diventare liberi” in cui l’idea di abbandonare totalmente l’aiuto è parte di uno degli RI, e quindi troverete il vostro preclear che, occasionalmente, lo manifesterà. Poiché il suo intento è di diventare libero, comincerà ad abbandonare l’aiuto, da dare e da ricevere.”

          “Il più grande dei Ser-Fac del pc è in se stesso un “ITEM DI FIDUCIA” (RI=Reliable Item). Un RI è quella parte del GPM su cui si trova il preclear in tempo presente e che sta drammatizzando.”

          “Da questa particolare sequenza di dati tecnici e riferimenti, si può concludere e definire la “mente inconscia” come: la totalità dei dati stabili falsi, che trattengono una quantità di confusione di cui la persona ha perso consapevolezza.”

          “Il Ser-Fac è la cosa in cui il pc ripone gran parte della sua attenzione nel tempo presente.”

          • GB

            Sì certo. La descrizione che ho fatto è della forma mentis non dei contenuti. Dovrebbe essere facile individuarla in basso sulla scala di realtà, dove non c’è molta differenziazione.
            Parlando dei contenuti posso dire che ho notato una certa difficoltà da parte di alcuni nel “sopportare le discrepanze” quando si entra nei fatti della storia di Scientology. L’operazione logica che LaReception ha applicato, e che trovo la più ragionevole, è di stabilire che, in primis, Scientology è senior ad Hubbard (e questo salva tutto ciò che vi è di utile e costruttivo nella filosofia e nella tech), che è frutto di un lavoro di squadra che ha visto coinvolte numerose persone abili e competenti (oltre a Ron, McMaster, Mayo e altri ancora) e, per concludere, può essere ulteriormente svuppata (Richard, per quanto ci riguarda).
            La forma mentis del complottista, invece, non riesce a spiegare, ad esempio, perché le dichiarazioni rilasciate da McMaster nelle sue interviste fuori dalla CofS sono molto simili a quelle di Mayo; perché vuole per forza cercare di dimostrare che qualcosa o qualcuno debba essere o totalmente buono o totalmente cattivo, ma dato che non riesce (perché non differenzia) deve appoggiarsi su dati immaginari: ad esempio, il sosia di Ron o una data che funga da spartiacque fra un prima e un dopo, insomma qualcosa che indichi che prima c’era il bene e dopo il male. Ma, invece, sappiamo che i problemi nell’Org ci sono sempre stati e per varie ragioni. E sappiamo anche che non è mai esistita una standard tech, perché i cambiamenti sono andati sempre di pari pari con la ricerca per tentativi ed errori. Insomma chi è in grado di differenziare sopporta meglio le incertezze e può anche riderci sopra. 🙂

          • Marco

            Beh GB, mi hai fatto venire in mente quello che ha scritto Filbert (che qui sotto quoto) al riguardo di questa situazione di “monopolio della verità” …

            In effetti per chi (come me) ha bazzicato per 30 anni le Organizzazioni di Scn, è abbastanza difficile venire fuori dall’influenza/indottrinamento (forse anche “lavaggio del cervello”) portata avanti dalla Cof$ : “noi abbiamo il monopolio della tecnologia” e “non esiste altro Dio al di fuori di Hubbard… che ovviamente solo noi legittimamente rappresentiamo”…
            Beh, è veramente difficile venirne fuori… e non mi stupisco se molti (nonostante le apparenze) non ne escono per niente

            Credo che anche questa cocciutaggine di “solo LRH e solo ciò che ha pubblicato fino al ’72” , sia una forma di indottrinamento che ha avuto, e che mantiene ancora, una grossa presa nella mente di molte persone.

            Forse l’homo sapience ha bisogno di una guida che lo protegga, lo consoli e lo conforti quando ha qualche dubbio (un retaggio dell’essere stato neonato e piccolo bambino?!), al punto tale che quando ne trova una plausibile, e magari anche appariscentemente forte, tende a persistere ostinatamente ad essergli fedele, nonostante tutte le evidenze che non era proprio la miglior guida possibile, o che non è proprio cosi che funziona il progresso.

            Va beh, copio/incollo questo pezzo di Filbert… ma avverto che è una critica ad LRH un pò forte… Ma non è l’opinione di un denigratore di Scientology, anzi mi pare Filbert ne sia un difensore… per cui perchè censurare l’opinione di un valido e capace ricercatore e protettore di tecnologia…!?
            Fra la’ltro lo scritto (verso la fine) diventa una specie di approvazione/elogio all’azione che gli Indipendenti capaci hanno portato avanti completando il Ponte.

            EXCALIBUR RIVEDUTA di Geoffrey Filbert

            CAPITOLO: LISTING & NULLING
            “Non conosco un soggetto più semplice che sia stato reso tanto complicato nella sua applicazione. È il soggetto del Listare ed Annullare.

            Rimarrei impressionato se qualcuno si prendesse la briga dì leggere tutto quello che Hubbard ha scritto in materia. Si è dilungato all’infinito su una cosa che è la più semplice del mondo.

            Il vero problema di Hubbard era che egli ‘sapeva al riguardo’ di Scientology, ma non conosceva Scientology.

            Chi sa riguardo a un soggetto è condannato, assolutamente condannato: voi non potete creare o controllare o essere responsabili se non conoscete.

            KRC (Conoscenza-Resposabilità-Controllo) è il triangolo del Creare.
            Se invece “solo sapete a riguardo”, siete una sorta di professore di scuola.
            Hubbard, certamente sapeva riguardo a Scientology, sapeva tutto a riguardo, ma non la conosceva.
            C’è una differenza enorme tra il conoscere e il sapere a riguardo.

            In questo modo, sfortunatamente, solo poca conoscenza è stata trasmessa; mentre al suo posto, è stato diffuso tutto il sapere.

            Prenderò in esame, quindi, il soggetto del Listing & Nulling, e lo metterò a dormire una volta per tutte, per chiunque ne sia interessato.

            I più rapidi guadagni di case che potete raggiungere con un pc provengono dalle azioni di Listing & Nulling. Diversamente, se queste azioni non vengono fatte correttamente, si può sconvolgere un case e rovinare un individuo.

            Le Liste Out hanno priorità in ordine di importanza sui Rudimenti Out, perchè, se una persona con i Rudimenti Out non può migliorare, vivere ed essere audita, chi ha Liste Out sta molto peggio, in quanto vive drammatizzando l’item della lista che è sbagliato, e rimane bloccata nel tempo in quell’item sbagliato. Quindi, non dovete fare errori nelle liste, dovete farle correttamente.

            Non riesco a capire come mai un soggetto così semplice sia stato reso così complicato, ma Hubbard l’ha fatto. Ha pubblicato oltre 100 ore di lezioni su nastro, e scritto centinaia se non migliaia di pagine intorno a questo soggetto. C’è gente che ha passato mesi ad ascoltare quei nastri e a leggere quelle pagine, per studiare qualcosa che richiede probabilmente non più di una ventina di minuti.

            Hubbard non è un cattivo uomo, è semplicemente quello che è: un ricercatore egocentrico. Vorrei invece mettere in evidenza il fatto che: nessuno ha il diritto di mettere sotto copyright la Verità.

            Egli ha trattato un gran numero di verità e di tecnologie, mettendo insieme cose che erano già state pubblicate prima sotto altri nomi.
            Non avrei difficoltà a prendere ogni suo assioma e verificare, attraversando con cura le librerie, che era già stato scritto prima.

            Quindi, è un dato di fatto che Egli ha riassunto e pubblicato il pensiero collettivo della saggezza Orientale e Occidentale, incluso il materiale contenuto nei Golden Scripts (provenienti da Monasteri Tibetani), affermando poi che: “Nessuno tranne me ha il diritto di discutere il soggetto; nessuno ha accesso ai dati; nessuno ha il diritto di aiutare i propri simili usando questo materiale senza la mia approvazione; e se qualcuno lo fa, io sguinzaglierò contro di lui i miei cani.” Questo è Hubbard.

            E dal suo ‘Guardian Office’ partivano individui col compito di recarsi nelle case della gente per bastonarla. Questo è il punto a cui è arrivato.

            Non esiste una base legale sulla quale poter monopolizzare una Verità.
            La Verità appartiene a tutti gli uomini.

            Certo, aver gente che circola tra le suite dei ministri del culto per applicare i propri scritti su altri, all’interno dei propri confini, è parte di ogni giurisdizione legale.

            Ma per ciò che riguarda il mio diritto di discutere su questo soggetto, io ho sperimentato, in qualità di ricercatore, che con tecniche differenti è possibile produrre risultati 100 volte superiori, risultanti semplicemente dalla comprensione e dalla conoscenza di ciò che è corretto.
            Ho solo messo questi principi in un ordine logico di importanza ed in forma applicabile.

            Hubbard stesso ha affermato che come primo gradino si deve avere e conoscere la corretta tecnologia. Ma non l’ha mai fatto questo primo gradino, come nessuno nella sua organizzazione; e così sono scivolati nel fenomeno del gradiente saltato.

            Io lo supplicai anche di ritirare quel particolare bollettino su “Mantenere Scientology in funzione”, perchè questo è un principio che ricade nel singolo individuo.
            Secondo la procedura finale descritta in quel bollettino, chiunque conosca e possieda la corretta tecnologia dovrebbe sbarrare le porte alle applicazioni scorrette.
            Nel 1966 lo misi in guardia e lo supplicai che quel bollettino doveva essere ritirato, perchè se qualcuno, accidentalmente, più tardi, fosse arrivato a capire, conoscere e possedere la corretta tecnologia di Scientology, sarebbe stato obbligato per responsabilità e per amore verso i propri simili, a chiudere le porte alle applicazioni scorrette: e ciò avrebbe potuto colpire proprio lui e le sue chiese!

            Egli ritenne che “tale evenienza era assolutamente risibile” e che nessuno, cito ora le parole testuali: “Nessuno potrà mai conoscere più di me riguardo a Scientology”. Io gli dissi: “Io già conosco di più”. E lui: “Buon giorno” e uscì dalla stanza.
            Io rispetto il suo lavoro ed il suo contributo, ma non credo di apprezzare molto questo atteggiamento.
            Non credo che lui apprezzi molto me, in effetti sono consapevole anche di questo: le nostre personalità erano parecchio in conflitto.

            Ci sono dei profeti che appaiono nel corso della storia e vengono per servire allo scopo della storia e del genere umano.
            Sono certo che qualche personaggio, abbastanza saggio, intelligente, superiore e più perfetto apparirà e sostituirà chi è venuto prima; e non vedo l’ora che venga quel giorno, perchè desidero il progresso per ognuno di noi.”

          • GB

            John McMaster in un’intervista disse che Hubbard gli affidò la ricerca sulla tecnologia e aggiunse: “Gli davo informazioni e lui scriveva i bollettini. Non poteva dirmi che cosa dovevo fare, perché lui per primo non lo sapeva”…
            Marco ma Excalibur di Filbert in italiano dove l’hai trovata! Anche a me interessa!!!

          • Caro GB, abbiamo l’Excalibur in italiano, puoi sempre chiederlo al tuo C/S.
            ARC
            Guido

          • Marco

            GB io ho avuto Excalibur tradotta in italiano da un amico indipendente con cui ho fatto uno scambio (le PDC in cambio di Excalibur).
            Alcuni capitoli li ho avuti solo in formato cartaceo e alcuni capitoli li ho scanerizzati e messi a disposizione/inviati ad amici con cui sono in saltuariamente o spesso in comunicazione…
            Se tu mi confermi il tuo indirizzo ti mando qualcosa… il tuo indirizzo e sempre quello? -giordanobruno….@gmail.com– !?

          • GB

            Grazie Guido e Marco,
            ho chiesto a Paolo, se ce l’ha completa in italiano me la faccio passare da lui.
            Comunque complimenti a chi si è preso cura di tradurre quel testo!

  27. MISTER X

    Siccome qui siamo tutti nella stessa barca direi di dare degli hat specifici. Se oldman desidera raccogliere tutta la tech ante 72 ok . Lui è l’incaricato di recuperare i fogli di verifica e tutti i materiali inerenti ,in modo che questi corsi originali (ante 72 ) siano disponibili.Naturalmente è compito suo che siano tutti in italiano e disponibili. Se ci sono terminali che desiderano ricevere quella tech ok,che si diano quella tech e sperimentino i benefici di persona. Si addestrino ,si mettano in co-auditing e si audiscano. Se un auditor desidera audire la tech che va oltre il 72 ,ritenendola un perfezionamento o un evoluzione naturale va bene . Non creiamo contrapposizioni o invalidazioni. Ogni terminale tecnico basa la tecnologia su dati fondamentali,come gli assiomi ,il triangolo di ARC,il codice dell’auditor ecc. Ognuno di noi può migliorare e non ci riteniamo perfetti… ma neanche stupidi. Se esiste un gruppo di esseri liberi chi lo è più di noi ? E’ finita l’era della sottomissione ora è iniziate l’era dell’applicazione e ci sono moltissime persone che necessitano del nostro aiuto.

    • Bene, il Sabato del Villaggio si sta animando!
      Le tue sono sagge parole Mister X.
      E Let it Be dei Beatles ne fa degno sottofondo musicale (ma le avrà scritto il vero Paul o il suo sosia?).
      Il gioco di: “Chi è il più asino del reame?” Non fa davvero bene alla Causa!
      Guido

    • oldman

      Sono perfettamente d’accordo.
      Ognuno è respossabile delle proprie azioni e del proprio futuro.
      oldman

  28. Marco

    Richard 27 giugno 2015 alle 07:57

    “Due parole riguardo al nostro Senior C/S , sembra che Paolo abbia qualcosa da rimproverare a Ron riguardo a determinati errori, sembra che sia piuttosto chiaro nell’affermare che la Responsabilità di quello che é accaduto e che accade tuttora nella Chiesa di Scientology sia di Ron.
    Oltretutto fa riferimento alla parola Responsabilità citando la definizione del Dizionario Tecnico, la cosa mi sembra appropriata.
    Ora, a quali errori faccia riferimento, sarà lui a spiegarcelo quando lo vorrà fare.

    Dal canto mio, ne ho notati alcuni errori ai quali Ron ha cercato in tutti i modi di porre rimedio.

    Ron ha sviluppato una particolare equazione tralasciando un paio di incognite che aveva davanti agli occhi, probabilmente a quel tempo non aveva ancora sondato bene la cosa.
    Una di queste é descritta nei primi bollettini del nostro OT 8, ma a questa ha posto rimedio semplicemente evitando di rilasciare OT 8.
    Quello che propina la Chiesa altro non é che un elaborato procedimento di Havingness.

    Un secondo errore ha a che fare con qualcosa che é contenuta nei materiali di OT III, citerò la frase senza entrare nel merito di dati confidenziali: “Ora sono in possesso di tutti i dati, ma solo quelli forniti sono necessari’”; in questo caso intende che solo i dati forniti sono necessari per l’Auditing di quel livello.
    Ma già allora era in possesso di tutti i dati, almeno così credeva: ne mancava ancora uno, quello più importante.
    Si é accorto di questa mancanza dopo che diverse persone avevano completato il “Vecchio Ponte” sino ad OT 7.

    Il problema è stato osservato sull’ultimo gradino di OT6, anche in questo caso citerò il gradino senza entrare in dati confidenziali… anche se questi Livelli ormai sono classificati come Vecchi.
    Non scrivo il passo completo ma la sostanza é questa: “Esteriorizzato, visita un amico che vive in un altro Stato e chiedigli di comunicare con te tramite lettera”.
    Da quel che mi risulta ben poche persone sono riuscite a portare a termine questo gradino.
    Indagando sui materiali e cercando incongruenze ed eventuali errori, il risultato é stato sorprendente.
    L’errore, che mi risulti non é mai stato individuato sino ad ora, eppure é sempre stato sotto gli occhi di tutti e si tratta di una cosa scritta da Ron.
    Sto parlando di questo perché Marco tempo fa ci ha fatto notare che l’Accademia 8008 sta consegnando i Vecchi Livelli OT.

    Ok, dove risiede l’errore?

    Universo Fisico, formato da Materia, Energia, Spazio e Tempo.
    Questo Universo é composto SOLO da questi quattro elementi, una domanda ridicola potrebbe essere: ‘Avete mai visto un Thetan Operante?’

    Credo che la cosa sia piuttosto difficile: come può un Thetan entrare in qualcosa nel quale gli é impossibile entrare?
    Eppure c’é chi afferma di aver sperimentato fenomeni di esteriorizzazione, cosa che affermo anch’io: ma dietro tutto ciò esiste un bel trucco.

    Dizionario Tecnico, definizione n.8 di Thetan: “in ultima analisi cos’é questa cosa chiamata Thetan? Sei semplicemente tu prima che facessi il mock up di te stesso, questa é la definizione più pratica che io conosca. (5608c00)”.
    Bene, spero che mi stiate seguendo.
    Comunque… : questo significa che le attuali esteriorizzazioni sono una sorta di viaggio astrale, sono grandiose, terapeutiche e risollevano il tono dell OT. Ma non sono il nostro risultato finale.

    In questo momento stiamo revisionando OT 9 e… opsss, ci siamo accorti che non avevamo aggiunto il process finale, beh, poco male, credo che ancora nessuno sia giunto a quel punto.

    Lo stiamo smussando per renderlo più scorrevole ed abbiamo aggiunto dei gradini piuttosto veloci che aiutano un OT a salire di tono in maniera piuttosto piacevole.
    Poi Paolo farà il resto rendendolo ancora più scorrevole e percorribile.

    Ma perché vi stò dicendo questo?

    Perché su OT 9 il caso viene completamente spazzato via e viene estirpato il mock-up di se stessi, che é pieno di inutili cianfrusaglie (le cianfrusaglie in realtà sono cose piuttosto pesanti).

    Da quel momento in poi un OT é in grado di creare un nuovo mock-up che possa interagire con l’Universo MEST, e lo vedrà per l’illusione che é, e sarà in grado di effettuare qualche sporadica uscita da questo Universo.

    Ma la cosa più importante é che gli permetterà di affrontare la trappola finale, quella particolare trappola che lo rende schiavo facendogli credere di possedere un Corpo e di vivere sul Pianeta Terra, che detto in tutta confidenza…non esiste affatto, anche se un sonoro cazzotto sulla mascella può farvi credere il contrario.

    Questo voleva essere solo un piccolo aggiornamento…

  29. Marco

    Richard 21 ottobre 2014 alle 04:10
    (Estratti dal commento originale)

    Ciao Ragazzi
    L’item paura è un item caldo, abbiamo previsto una sezione per il suo maneggiamento nel materiale che abbiamo compilato sotto il nome di OT 8, questo item viene definitivamente sconfitto con l’Auditing di OT 9.

    In questo caso abbiamo preso come dato stabile il fatto che un Thetan, all’inizio della sua vita quì sulla terra, parta dal livello della scala del tono a -8, che equivale a nascondersi, il nostro scopo, invece, è quello di portarlo gradualmente al livello +8 che equivale a coraggio, da quel punto in poi le cose si facilitano enormemente e non è tanto complicato portarlo ad un tono di circa 20.0 che equivale ad azione.

    Non ho mai guardato alla traccia di LRH perchè per me è un problema, purtroppo riesco a creare e distruggere una qualsiasi traccia del tempo, una traccia che contenga qualsiasi tipo di carica, compresi Implants, torture, morti atroci e tutte le cose spiacevoli che ci si voglia mettere.
    Ho la possibilità di cambiare Beingness a piacimento e creare una traccia del tempo per ogni Beingness creata con la durata che preferisco, di solito ci metto anche degli avvenimenti piacevoli, solo per divertirmi e risollevarmi di tono.
    Quindi, cercare di guardare la traccia di LRH, per me sarebbe una cosa molto facile ma sarei sempre consapevole che si tratta di una mia creazione e non della reale traccia di Ron.

    Ora ti spiego come la vedo io riguardo a Ron.
    Premetto che ho molta ammirazione per quell’Essere e non sono per niente preoccupato di leggere commenti negativi o positivi al suo riguardo.

    Questa è la storia: Un primo gruppo di Esseri Theta si è avventurato in questo Universo credendo che fosse realmente un gioco.
    Una particolare influenza esterna ha convinto questi Esseri ad entrarvi facendo leva sui bottoni dell’aiuto, della fiducia e dell’onore.
    Questo è l’esatto punto in cui l’aiuto dato si è ritorto contro di loro dandogli in cambio una forte dose di Tradimento.

    La trappola nella quale questi esseri sono caduti, o meglio, sono stati messi, ha procurato loro una forte dose di amnesia, così forte da far credere loro che, da lì in poi, ogni cosa che vedessero fosse vera, l’Implant altro non è che la vita sul Pianeta Terra.

    LRH è stato il pioniere, dopo di lui avrebbe dovuto giungere una seconda ondata di Esseri Theta per completare il lavoro.
    Ron è entrato in questo Universo con i dati necessari a svolgere quel delicato compito che consisteva nel liberare gli Esseri già intrappolati, ma anche lui è stato sopraffatto dalla forte amnesia data al momento dell’impatto con l’Universo MEST.
    Per questo motivo può aver commesso alcuni errori, può aver fatto qualche valutazione della scena esistente in modo sbagliato, ma alla fine è riuscito a rilasciare tutti i dati che doveva rilasciare.

    Sò che questa storia può sembrare fantascientifica, ma se viene osservata attentamente vi farà capire se è vera oppure non lo è.

    Ora, una seconda ondata di Esseri Theta particolarmente motivati o provvisti della stessa Conoscenza dovrebbe arrivare per poter completare il lavoro iniziato da Ron, no, stò scherzando… la seconda ondata di questi Thetan è già arrivata, siamo noi, questo lo ripeto, SIAMO NOI!

    La peculiarità di questi Esseri è che di comune accordo hanno mantenuta attiva una particolare linea di comunicazione tra di loro, una linea di comunicazione theta, che non poteva essere notata dai nostri carcerieri.
    Questo fatto ci dà diversi vantaggi anche se ci riserva qualche disagio.
    In primo luogo siamo in costante contatto e questo significa che ogni Essere di questo gruppo, che è piuttosto numeroso, progredendo sulla via verso la libertà, in una certa misura aiuta anche gli altri.
    Lo scopo era di riuscire a raggiungere tutti lo stesso standard e la liberazione da questa trappola deve necessariamente avvenire come gruppo.

    Il primo obiettivo da raggiungere attraverso l’Auditing è quello di riabilitare completamente la propria capacità di creare un Universo Personale, ma anche quella di poterne creare a volontà e poterli disfare come se fossero castelli di sabbia colpiti dalle onde del mare.

    Il secondo obiettivo è quello di affinare alcune delle proprie abilità innate pur mantenendo sempre un Corpo su questo strampalato Pianeta.

    Il terzo obiettivo è quello di sganciarsi completamente dal gioco che ci tiene legati al MEST e questa è la parte dalla quale siamo ancora piuttosto lontani.
    Ma abbiamo la tecnologia per farlo e lo abbiamo, in parte, già sperimentato.

    Il quarto obiettivo è quello di riunirsi al di fuori di questo Universo e completare l’opera che abbiamo iniziato.

    Non c’è vita dopo la vita, c’è la propria esistenza che è qualcosa che ha un valore assolutamente più grande di una semplice vita vissuta su questo Pianeta.
    La parola esatta è proprio Esistenza, dove un Essere può ritornare ad essere sé stesso, non più un prigioniero costretto a prendersi cura del proprio animale domestico (il corpo), ma un Essere che può continuare la propria esistenza al di fuori dell’ Universo MEST nel luogo al quale realmente appartiene dove esiste una differente civiltà, una particolare vita sociale ma non esistono più Corpi MEST.

    Credo di essere entrato ed uscito da questo mondo un numero sufficiente di volte per poter dire come stanno le cose, in che modo siamo tenuti in trappola e come uscirne.
    Questo motivo mi spinge a far in modo che la parte superiore del Ponte, che abbiamo sviluppato, venga confrontata con quella di altri per poter avere il massimo delle possibilità di poter raggiungere gli obiettivi che ho descritto qualche riga sopra.

    Quindi, Cara Elizabeth, il mio Auditing dà benefici a me, a te e ad altri che hanno questa particolare connessione theta.
    Il tuo Auditing porta benefici a te, a me e ad altri, come descritto sopra.
    Questo vale per ogni Essere Theta presente sul Pianeta Terra, vale anche per quelli che in primo luogo sono stati intrappolati.

    Tempo fà ho scritto un articolo… ed ho chiesto il vostro aiuto. David mi ha domandato in che modo poter aiutare ed io ho dato una risposta piuttosto generica. Ora la darò più precisa.

    Esiste e siamo vittima di un engram di terza dinamica.
    Se ogni Thetan connesso a questo engram lo audisce, l’engram perde forza, ogni Solo Aditor che lo affronta ottiene guadagni per se stesso e per altri.
    E’ di vitale importanza audire questo engram, come risultato si otterrà un visione del MEST sempre più realistica, comincerà ad apparire agli occhi di tutti gli Esseri coinvolti per quello che realmente è, una semplice illusione, illusione ingannevole ma pur sempre un illusione ed ogni Thetan che crede di abitare sul Pianeta Terra vedrà il MEST sempre meno reale e apparirà per quello che è.

    Quindi, abbiamo bisogno di Solo Auditor che affrontino il materiale di OT 8.
    Questo il primo passo per avvicinarci ad un MEST meno pesante e per portare ogni Caso presente oggi qui sul Pianeta Terra allo stesso livello.
    “Caso” con lo stesso standard, questo significa che alcune delle abilità OT che da tempo sono sopite possono cominciare a risvegliarsi.

    OT 9 maneggia tutta la carica presente nel proprio Caso, ma credo che OT 9 debba ricevere un piccolo intervento di manutenzione perché possa essere più scorrevole e meno lungo, ma questa é un altra storia.

    Per finire, non c’é qualcuno che è migliore di un altro, può esserci qualcuno che è progredito un po di più, ma sono certo che la persona migliore e più in gamba che potrai trovare, sei tu stesso, troverai anche che sei il miglior amico che una persona possa desiderare e per quanto riguarda il tuo peggior nemico, aveva ragione Elizabeth, :”Guardati allo specchio”.

    Questo non significa che tu sei il tuo peggior nemico, ma lo è ciò che vedi nello specchio, quella strana immagine provvista di occhi, orecchie, nasi (forse uno) ed altre cose tutte attaccate assieme, oltre a quello aggiungi gli atteggiamenti che ha quell’immagine ed i suoi modi di fare.
    Ma sicuramente sai già che quell’immagine non sei TU!

    • @Paolo CS

      “Perché su OT 9 il caso viene completamente spazzato via e viene estirpato il mock-up di se stessi, che é pieno di inutili cianfrusaglie (le cianfrusaglie in realtà sono cose piuttosto pesanti).”

      “Questo non significa che tu sei il tuo peggior nemico, ma lo è ciò che vedi nello specchio, quella strana immagine provvista di occhi, orecchie, nasi (forse uno) ed altre cose tutte attaccate assieme, oltre a quello aggiungi gli atteggiamenti che ha quel’ immagine ed i suoi modi di fare.”

      Ieri rileggevo nel Diario di un Sogno il capitolo ” i primi passi di un nuovo giorno” proprio oggi mentre facevo un po di corsa facevo l’ esercizio descritto nel libro, questa sera leggo il post di Richard inserito da Marco e analizzavo quel particolare episodio riferito ” Perché su OT 9 il caso viene completamente spazzato via e viene estirpato il mock-up di se stessi” Beh se questo mock-up è flat il punto di vista diventa esterno e stabile ma anche auto determinato di scegliere a piacere una posizione nel mest.

      • paolo facchinetti

        Dicono che Sant’Antonio avesse il dono dell’ubiquità. Chissà! I fattori in gioco sono sempre 2 (escludendo il corpo fisico che comunque è un altro fattore importante, come pure l’universo fisico e le dinamiche), il thetan e il case. Maneggiando il case (volutamente non uso il termine “bank”) si eliminano incapacità e barriere, si aprono anche potenzialità maggiori ed energie che richiedono al thetan una maggiore capacità di confronto sulla quale si deve esercitare e mettere in gioco.

        • GB

          Io invece ho avuto una volta il dono dell’obliquità, per il mal di schiena. Ahahahah

        • Paolo@la tua risposta risponde i modo preciso alla mia domanda noto anche che hai riportato questo punto spesso poco compreso per chi si vi cimenta “.si aprono anche potenzialità maggiori ed energie che richiedono al thetan una maggiore capacità di confronto sulla quale si deve esercitare e mettere in gioco”

      • GB

        Ciao David! Ci puoi descrivere l’esercizio? Grazie.

        • Ciao Marco , Consiglio l’ acquisto del libro 12 € “DIARIO DI UN SOGNO” RICHARD
          ma se mi chiami su Whatsapp di mando la pagina, ho cambiato cell. e perso il tuo numero.

  30. Fiorenza

    Non mi piace molto scrivere, ma leggo sempre con molto interesse i commenti, e questa volta voglio condividere al100% quello che ha scritto Tony Pacati sul post precedente. Ho iniziato OT3 in agosto 2017 e all’inizio è stato un pò duro da confrontare, ma con l’aiuto e lo sprone del mio c/s sono andata avanti ho perseverato e proprio in questi giorni è come se qualcosa si fosse staccato da me.E’ come se la gravità fosse sparita,provo una sensazione di benessere diffusa , di gioia e tutto questo grazie a L.R. Hubbard.

  31. Tony Pacati

    Grande Fiorenza!
    Dobbiamo dirle queste cose, come invitava Guido, facciamolo sapere!
    Magari dà il colpetto finale a qualche indeciso che così si sblocca.
    Cito a memoria Richard, lui ha scritto “smettila di dire agli altri di andare avanti sul ponte e comincia ad andarci tu”. Concordo pienamente e aggiungo che se lo facciamo, come effetto collaterale anche qualcun’altro, per completa SUA autoderminazione, deciderà di fare altrentanto.
    Magia?
    Io ho avuto il privilegio di ricevere i primi materiali di OT8 e dopo averli solo letti, senza ancora aver fatto niente, sto già meglio.
    Magia?
    No non è magia, scoprire determinati fattori tecnici ti porta a cambiare punto di vista su cose che fanno parte della tua vita da sempre e che invece, in realtà non fanno parte della tua vita.

    Però dire che è magia è molto più figo, e poi incuriosisce… così magari qualcuno vuole venire a “vedere” come a poker e così si decide ad andare avanti (sempre per SUA scelta, non voglio sembrare uno che “forza” gli altri :-)!.
    Qualunque mezzo è lecito per per fare avanzare la gente sulla strada dello stare meglio, incluso “stuzzicare” ed “incuriosire”.
    Poi cito ancore Richard:
    “Quindi, Cara Elizabeth, il mio Auditing dà benefici a me, a te e ad altri che hanno questa particolare connessione theta.
    Il tuo Auditing porta benefici a te, a me e ad altri, come descritto sopra.
    Questo vale per ogni Essere Theta presente sul Pianeta Terra, vale anche per quelli che in primo luogo sono stati intrappolati”.
    Quindi andiamo avanti, per Propria Scelta, ben inteso, “tutti insieme appassionatamente” con Julie Andrews che cinguetta…
    e vivremo tutti felici e contenti.
    Amen
    ciao ciao
    Tony

  32. Tony Pacati

    Tony Pacati, l’uomo che non deve spingere…. MAI!
    (i maschietti che usavano Denim Musk nell’84 sanno di cosa parlo)
    ariciao

  33. Diogene

    Ottimo, Fiorenza. Grazie per la tua testimonianza.
    Quanto hanno in comune la “comunicazione” e “l’esteriorizzazione”?

  34. Ottimo successo Fiorenza! Qualcosa si è staccato da te e ne sei consapevole, proseguendo sul Ponte sarai sempre più te stessa.
    Io e la mia Family siamo felici di poter contribuire all’ottenimento di risultati come i tuoi.
    Colgo l’occasione per ringraziare tutto il nostro gruppo per il lavoro che si sta portando avanti e che costantemente migliora e si espande.
    Grazie!
    Guido

    • Marco

      Ben detto e fatto Guido, effettivamente intorno a questo gruppo (virtualmente tenuto insieme dal blog) si sono portati avanti dei bellissimi risultati, tali da poterli definire entusiasmanti e ad un livello non sperabile o non realizzabile fino a solo qualche anno fa.

      Che dire? Grazie a tutti i grandi terminali tecnici (in primis Richard e Paolo) e agli auditor (ce ne sono molti e non li ricordo tutti) ed anche ai semplici comunicatori del “si può fare” (i molti che portano avanti e promuovono il messaggio del Ponte in questo blog), a tutti va un bel: VVWD

      Credo adesso si possa riaffermare e riproporre quanto scritto da LRH nel lontano 1982 (ma era lui o non era lui? Scherzo!) : “Da Clear all’Eternità”.

      Forse nel 1982 era solo una sparuta esperienza e/o una tiepida speranza; oggi possiamo affermare che è un sogno duramente conquistato da alcuni grandi ricercatori (i cui nomi già conosciamo, da LRH in poi) e poi però portato avanti da molti Indipendenti (alla faccia dei soppressivi della tech), di questo particolare gruppo italiano.

      Ora c’è a disposizione concretamente la possibilità di attraversare questo Ponte. Possibilità a disposizione degli uomini di buon intuito e di buona volontà.

      “DA CLEAR ALL’ETERNITÀ” MAGGIO 1982

      “Man mano che continuo la ricerca, non finisco mai di meravigliarmi della quantità di miglioramenti che un individuo può potenzialmente ottenere.

      Esistono approssimativamente sei categorie di miglioramenti di caso:

      1. Da persona che non sa dell’esistenza di Scientology alla realizzazione che Scientology funziona e dovrebbe essere continuata.

      2. La realizzazione che, attraverso l’auditing, non si peggiorerà più, quindi un arresto del declino.

      3. L’intera gamma di miglioramenti chiamati Gradi inferiori.
      Il più piccolo di questi miglioramenti (e ce ne sono molti), secondo le testimonianze dei pc, supera di gran lunga qualunque progresso personale che sia mai stato conseguito in qualsiasi pratica conosciuta in precedenza. (La semplice azione di portare ad F/N i rudimenti può produrre più miglioramenti di dieci anni di psicanalisi!)

      4. Lo stadio in cui, in un impeto finale di gloria e libertà, si raggiunge lo stato di Clear.

      5. I livelli pre-OT, che conducono alla libertà spirituale della persona. Si estendono fino a NOTs inclusa, audita e in Solo. Il fatto sorprendente è che ognuno di questi livelli, secondo rapporti entusiastici, ha il proprio grado spettacolare di miglioramenti.

      6. I veri e propri livelli OT, che ora vanno da Nuovo OT VIII in su.

      Secondo la documentazione sulla ricerca spirituale e i rapporti da parte di pre-OT ed OT, l’individuo in uno stato aberrato non riesce veramente
      a concepire l’esistenza potenziale della QUANTITÀ di miglioramenti disponibili al di sopra del suo stato.

      Infatti una tale quantità di miglioramenti a disposizione di un singolo Essere, per le persone che seguono veramente questa strada è una sorgente infinita di meraviglia .”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.