Archivi del giorno: 19 marzo 2018

Rudimenti… che passione!

Ecco un articolo di GB sul triangolo di KRC,

è un pò tecnico, ma penso possa interessare. 

 

Il simbolo di Scientology è composto da due importanti triangoli. Il triangolo di ARC e quello superiore di KRC. Sono stati sviluppati numerosi procedimenti basati sul triangolo di ARC; questo triangolo è ben descritto e approfondito in diversi testi. Lo abbiamo studiato e ne abbiamo percorso i procedimenti attraverso i Gradi. All’inizio delle nostre session di Solo, nei rudimenti, verifichiamo le rotture di ARC e le maneggiamo con la tech fino a F/N, così come facciamo con i Problemi del Tempo Presente e i Withhold Mancati, allo scopo di poter essere “in seduta”, disposti a parlare all’auditor e interessati al proprio caso.

Poi c’è il triangolo di KRC, il triangolo superiore. Hubbard lo descrive nel 1959 nel Congresso Sullo Stato dell’Uomo, nel 1960 nel Corso Hubbard per Il Clearing degli Scientologist e per iscritto nell’HCOPL 18 FEBRUARY 1972 (Executive Series 8), THE TOP TRIANGLE. Sappiamo che tutto il processing di Scientology è finalizzato ad incrementare il triangolo di ARC e di KRC. Nei Gradi, sparsi qua e là, troviamo alcuni procedimenti volti ad incrementare la Conoscenza, la Responsabilità e il Controllo. Ma, nel complesso, notiamo che il materiale di studio e i procedimenti intesi a sviluppare direttamente l’ARC sono molto più numerosi di quelli diretti a KRC.

Qualche tempo fa, forse in conseguenza ad alcune cognition che ho avuto nel processing che sto percorrendo (ma di cui non vi parlerò in questa sede), mi è venuta questa idea: ogni giorno in session ci chiediamo “Hai una rottura di ARC?”; che cosa accadrebbe se ci ponessimo anche quest’altra domanda “Hai una “rottura” di KRC?”. Questa domanda potrebbe dare una lettura all’e-meter? E in caso affermativo, si potrebbe maneggiare così come facciamo con le rotture di ARC?

Così ho deciso di parlarne con Paolo, il mio C/S, che mi ha risposto che si potrebbe fare. Ho preso l’e-meter e ho posto la domanda… Fall… Opss, molto interessante. Mi è venuto in mente in episodio recente in cui con la macchina mi sono trovato bloccato nella neve e non potevo andare né avanti, né indietro, tant’è che ho dovuto chiamare un carroattrezzi. Ho maneggiato questa read con la scala CDEI e l’ho portata ad F/N con una bella cognition. E da qui è iniziata una ricerca molto interessante. Ricerca che desidero condividere con voi e nella quale vorrei coinvolgervi attraverso i vostri contributi sperimentali.

Dopo questa prima esperienza con KRC ne sono seguite altre, in cui ho cercato di mettere a punto un rudimento diretto a KRC. Perché? Perché ho notato che molto spesso i problemi del tempo presente sono collegati al triangolo di KRC e avere un rudimento di questo tipo sarebbe un ulteriore contributo ad eliminare carica e ad incrementare KRC nella vita quotidiana.

Per prima cosa dovevo capire che cosa rappresenta il triangolo di KRC. Sappiamo che ARC è comprensione, ma Hubbard non ha mai detto che cosa sia KRC. Dovevo cercare di scoprilo, altrimenti mi sarebbe mancata una domanda sul triangolo, così come nella rottura di ARC ci accertiamo se è una rottura in Affinità, Realtà, Comunicazione, Comprensione: tutti gli angoli e la loro somma.

Ho cercato nei vari testi esistenti e ho trovato ben poco. Geoffrey Filbert, nel suo Excalibur Revisited, non ne parla, mentre L. Kin è l’unico che afferma esplicitamente che KRC è “competenza”. Anch’io in passato ne ero convinto. Leggendo fra le righe di alcune definizioni si potrebbe pensare anche ad “abilità” o “capacità”. Individuare il termine corretto non è solo di una scelta terminologica, perché esso, soprattutto, deve funzionare nel processing. Se immagino di sviluppare un procedimento di KRC sulle dinamiche questi termini non funzionano molto bene. Così ho provato con il termine “causalità”. Sì questo termine funziona. Essere causa. Tutto il processing di Scientology è orientato a sviluppare una maggiore causatività e questo termine è utilizzabile anche in procedimenti diversi da un semplice rudimento.

Poi dovevo individuare un altro termine ancora. È possibile parlare di “rottura” di KRC, così come facciamo con l’ARC? Forse il termine “rottura” non è il più adeguato. Nel dizionario tecnico si parla di rottura di ARC, come calo, abbassamento, riduzione (questa ricerca l’ho fatta analizzando anche le parole originali in lingua inglese). Una rottura di ARC è perlopiù di natura interpersonale. “Rottura” è un termine molto adeguato per intendere che qualcosa si è rotto fra due terminali. L. Kin quando descrive KRC dice che vi può essere “carenza” o “mancanza” di KRC (“lack”). Così ho deciso di testare questi termini riferiti a KRC al meter: rottura, calo, abbassamento, riduzione, carenza, mancanza e, alla fine, ho notato che “carenza” è il termine che legge meglio. Perché quando chiediamo “Recentemente hai avuto una carenza di KRC?”, oppure “Hai una carenza di KRC?” ci stiamo riferendo a situazioni della vita in cui era necessario un certo grado di KRC per poterle maneggiare in modo efficace. Non è che abbiamo rotture o abbassamenti, ad esempio, della conoscenza, ma riferendoci ad una determinata situazione possiamo averne una carenza, così come potremmo avere una carenza di responsabilità. “Carenza” è un termine che funziona e immagino possa funzionare se riferito a tutto le dinamiche. In effetti è possibile chiedere, ad esempio, “Nel lavoro hai una carenza di KRC?”, “Nel matrimonio hai una carenza di KRC?”, e così via.

Nel modo che ho descritto ho strutturato i primi due step del rudimento di KRC. La prima domanda: “Hai una carenza di KRC?” oppure “Recentemente hai avuto una carenza di KRC”? In caso di lettura descrivi di che cosa si tratta, poi con la seconda domanda scopri in quale punto del triangolo è avvenuta la carenza: “Era una carenza di Conoscenza, Responsabilità, Controllo, Causatività?”.

Quando abbiamo una lettura su KRCC poi cosa facciamo? Lo vedremo fra poco. Ma se abbiamo una lettura su “controllo”, occorre porre anche un’altra domanda che specifica ulteriormente: “Era una carenza di avviare, cambiare, fermare?”. Perché, come ben sappiamo, il controllo si compone di questi tre aspetti e occorre individuare in quali di questi (solo in caso di read) è avvenuta una carenza. In caso di read sarà uno di questi item da utilizzare successivamente.

Il resto sembrava molto più facile. Ma qualche altro piccolo scoglio l’ho trovato. Se anche alla seconda domanda di assessment su KRCC abbiamo una lettura, come procediamo? Con la scala CDEI naturalmente. No. Con il meter alla mano (letteralmente) ho visto che non è sufficiente, perché occorre inserire il gradiente superiore che è “ignorare” (unknow). Perché? Non lo so. Forse perché KRC è superiore ad ARC? Può darsi, di fatto questa scoperta è il risultato della sperimentazione con il meter. Ci sono carenze di KRC che leggono solo su “ignorata” (unknown), ad esempio, “Si tratta di una conoscenza ignorata? Fall”. Di fatto, in questo rudimento la scala che funziona è questa: “ignorata, …. di cui eri curioso, desiderata, imposta, inibita o impedita (a seconda delle vecchie o nuove traduzioni tecniche), nessuna…, …. rifiutata”. In questo modo l’F/N è assicurato. Altrimenti? Lo porti ad un episodio precedente con la domanda: “C’è una carenza di KRC precedente simile?”. Trovi la carenza di KRC precedente simile, usi KRCC e ICDIINR e indichi l’item. Se non c’è l’F/N continui a portarlo a precedente simile finché ottiene l’F/N. E come dice Ron: “Quanto ottieni l’F/N e VGI. È fatta!”. La cosa è molto più semplice di come sembra e, facendo come ho descritto, l’F/N arriva con molta facilità.

Cari amici, se la cosa v’interessa, chiedete al vostro C/S di provare questo rudimento. Questo può essere l’inizio di un gruppo di Ricerca e Scoperta, un’Unità di Ricerche e Compilazioni Tecniche Indipendente. Con il vostro aiuto ce la possiamo fare. Scientology è una filosofia applicata, perciò le speculazioni teoriche non sono sufficienti, occorre la sperimentazione, occorrono i risultati. Perché vogliamo vittorie per tutti.

Cari amici, pensate con la vostra testa, prendete i vostri meter e guardate voi stessi come stanno le cose. Tutti i vostri contributi sono preziosi. Grazie!

GB

95 commenti

Archiviato in Casa Minelli