Archivi del giorno: 31 luglio 2021

Cronache da una galassia…

L’auditing ci offre la possibilità concreta di riscoprire

aspetti dimenticati delle nostre vite,

di ricomporre tasselli di un mosaico

sterminato ed affascinante.

Un viaggio nel tempo e nello spazio

non solo molto divertente

(se lo sai confrontare)

ma anche e soprattutto verso la conquista di noi stessi.

Ieri la session è stata un viaggio nel passato remoto della mia esistenza e mi si sono chiariti alcuni aspetti veramente interessanti.

Ieri durante la session ricordo di una paura d’infanzia, la paura che una volpe immateriale ma terrorizzante, si aggirasse di notte intorno al mio letto. Ero cosciente che in casa non ci potesse essere una volpe ma la paura restava, io chiudevo gli occhi ma sentivo la volpe che si aggirava veloce come se avesse delle punte, come se sprigionasse delle saette.

Retrocedendo per episodi simili, legati a “realtà spiacevoli” mi sono trovata di fronte a quella che potrei definire un’assemblea di figure biancastre disposte a semicerchio, come se fossimo in un’aula universitaria o piuttosto un tribunale.
Io sono in basso rispetto a queste figure/entità che mi sovrastano e si stagliano di fronte a me con aria grave e impassibile.
In qualche modo sono imprigionata, costretta in quella che percepisco essere un’intelaiatura che non mi permette di muovermi. Quello che so è che mi stanno condannando e io provo una rabbia infernale mescolata a un grosso senso di ingiustizia per quello che mi stanno facendo. Nulla avviene tramite parole ma deve essere un qualche tipo di comunicazione telepatica.

La rabbia che provo è immensa, se non ci fosse l’intelaiatura/campo di forza li sterminerei all’istante.

Improvvisamente vengo sparata a velocità supersonica attrraverso lo spazio.

Si tratta di una velocità folle, io ci sono dentro come se fossi in un tubo e l’accelerazione è talmente forte che i miei sentimenti di rabbia e di ingiustizia si mitigano perché via via la mia attenzione si sposta sulla sperimentazione di questo viaggio alla massima velocità.

Il pensiero che ho è legato al fatto che la velocità possa essere quasi divertente…

Precedentemente a questo episodio mi trovo all’inizio dei tempi (sì, al plurale, chissà perché).
C’è una guerra, mi sembra un po’ un “tutto contro tutti”. SI cerca di accrescersi, di prevaricare attraverso lo scontro.
Luci fortissime, saette, scariche elettriche praticamente.

Io sono un po’ restia a gettarmi nella mischia, guardo quello che ho di fronte quasi in contemplazione, come se fosse uno spettacolo di forme luminose e penso che anche se si tratta di guerra e distruzione c’è qualcosa di affascinante.

Aver visto questi episodi mi ha dato l’impressione di aver ricomposto un mosaico al quale mancavano delle tesserine e mi sono sentita molto tranquilla a riguardo. Più tardi mi ha raggiunto una consapevolezza profonda… Queste tesserine del mosaico mi avevano fatto riappropriare della mia “storia”, che non inizia il giorno della mia nascita su questa terra ma molto molto prima.

Ecco, potrei definirmi come una persona che è vittima di un’amnesia e che improvisamente ricorda le sue origini.

Questa realizzazione mi ha fornito un potente fattore di realtà sul fatto che nel presente passaggio in questa vita praticamente tutto ci lega al nostro passato, che ci portiamo dietro come un filo più o meno aggrovigliato.
Il nostro passaggio, qui e ora, è un breve tratto in confronto a da dove siamo partiti e comincia ad essere chiaro come sia molto più conveniente che ci siano meno nodi possibili sul filo della nostra esistenza, perché purtroppo ci rimaniamo incastrati.

Per fortuna l’Auditing scioglie inesorabilmente i nodi, lasciandoci decidere come e dove procedere, passo dopo passo…

Continua con immensa gioia questo percorso che ad ogni passo rinforza il senso di responsabilità verso me stessa e la mia esistenza con tutto ciò che ne consegue a livello etico nei confronti del Tutto.

Meraviglioso.

Grazie a Guido e a tutti voi che siete impegnati nell’offrire, a chi si sente pronto, uno squarcio sulla nostra verità.

M.

2 commenti

Archiviato in Casa Minelli