Archivi categoria: Dianetica nera

LA PARABOLA DEL SOLDATO

Siete Scientologist indipendenti ? Scelta Autodeterminata o realta’ imposta ?

Matedi’ alle 11,25 della mattina, ben prima che pubblicamente si venisse a conoscenza dell’accordo effettivo tra Debbie Cook e la Cof$, postai questo commento:

Grazie Richard, oggi, nella festa della liberazione ed in luce degli ultimi avvenimenti, mi e’ venuta l’ispirazione di un Post dal titolo “In questo universo, tutto ha un Prezzo ?”
Sicuramente quello che sta accadendo mi sta’ dimostrando che effettivamente e’ corretta la sequenza di alcuni avvenimenti, di persone che si trovano e si lasciano.
Ribadisco l’inutilita’ ed inefficacia di “Combattere” una struttura come la Cof$ dove all’interno si possono trovare sia ottime persone, sia Talebani estremisti pronti a “farti fuori” per il maggior bene per il maggior numero delle dinamiche e soprattutto un sacco di soldi (anche i nostri) per comprarti in caso gli mescoli le Uova nel paniere.
La stessa scena si presenta anche fuori in alcuni casi, ma comunque il mio rispetto va laddove qualcuno mi sta’ dimostrando che non ha un prezzo………..

Me ben prima, mentre mi trovavo su NOTs com il mio Auditor, Davide Succi, alias SPARTACUS, mi inviava questo articolo, La Parabola del Soldato.

__ * __ * __

Davide Succi 19/04/2012 10.51

PREFAZIONE: “IN QUESTO UNIVERSO, TUTTO HA UN PREZZO ? “

Trovo perfettamente pertinente questo scritto con ciò che e’ accaduto e mi dispiace per tutte quelle persone che si dovranno maneggiare lo “scopo fallito” in quanto vedevano “la soluzione” nelle azioni di Debbie o altri importanti “Opinion Leader”.

Questo accaduto è già successo recentemente con Montalvo, è stato acquistato dalla Chiesa, un auto, una casa, un lavoro ed uno stipendio per stare muto e non rompere gli Zebedei…

Come poi leggerete nello scritto si Sparta, l’unica cosa certa su cui si può realmente fare affidamento è SE’ stessi.

Sparpagliati, indipendenti ed organizzati.

Rubando una citazione che mi e’ arrivata tra le file degli Indipendenti, o meglio di persone che stimo, appoggio e con cui condivido esperienze di vita, mai la frase e’ stata più’ vera :

“Siamo comunque tutti stati figli di questa Chiesa”

Manierismi, predicare bene e razzolare male, Nomenclatura per sembrare Imparato ( :D),trovare escamotage, estremisti o tante chiacchiere e poco arrosto…

Modus operandi appresi dai comportamenti reali di chi cerca vita via morte tua, per poter fare il grande dentro la Chiesa, ma è meglio chiamarla Setta.

Ed e’ per questo che comprendo chi vuole “il gruppo”, “l’ Org” o chi indossa meccanismi instillati da “Scientologo”, anche se sono ben lontani da quello che dovrebbero essere i principi di base di Scientology o del più semplice ma malcompreso (?) Buon Senso.

E’ un processo, l’ho sempre sostenuto, l’uscita dalla Cof$, dai suoi manierismi impostati, non ha un tempo e non è detto che sia una naturale ed una consequenziale evoluzione.

Posso osservare che se si stà troppo addosso a rimuginare quanto la Chiesa Bla, Bla, Bla , ci si Blocca in una Misemozione che può arrivare ad essere veramente solida, non la approvo, ma è il mio punto di vista.

Credo che, nonostante tutti i torti subiti, nel loro atteggiamento Ortodosso o meglio Talebano, Claudio e Renata non si venderanno mai, piuttosto cercherebbero di aumentare il Ridge, anche se lo trovo poco intelligente.

Mi dispiaccio per l’odio che generano nei miei confronti, gli voglio bene, anche se continuano a fare terze parti nei miei confronti perché non mi piego al loro Trono Imposto.

Di sicuro non stanno applicando i Basic di Scientology e comunque in questo modo non potranno di sicuro avere indietro loro figlio, anzi i loro figli.

Comprendo il loro dolore ed un mio pensiero va a loro ogni giorno, affinché trovino la pace interiore e possano ricongiungersi con i loro cari.

Credo che tantomeno Marty o Mike possano avere un prezzo.

Ma comunque e’ in se stessi che si deve credere, si è Causa, non si deve delegare ad altri il compito di Essere uno Scientologo Libero.

Abbiamo avuto la dimostrazione che la Guerra santa è stupida, sopratutto nei confronti di chi ha Energia sufficiente da Tarmarti per tutta la Vita.

Quindi, il mio consiglio è: Godetevi la Vita, Siate degli Scientologist Indipendenti se volete, ma non ditelo, dimostratelo dalle vostre azioni al mondo Intero.

Francesco

_________

“Noi non siamo qui perchè siamo liberi, siamo qui perchè non siamo liberi; di sottrarsi a questo dato di fatto non c’è ragione, nel negarlo non c’è scopo perchè sappiamo entrambi che senza scopo noi non esisteremmo. E’ lo scopo ad averci creati, è lo scopo che ci connette, lo scopo che ci motiva, che ci guida, che ci spinge, è lo scopo che stabilisce, lo scopo che ci vincola”. 

(Matrix Revolution)

Di: Davide Succi – alias Spartacus

C’era una volta un ragazzo il cui unico sogno era quello di entrare nel mitico Corpo dei Marines. Il suo era un grande Paese che aveva i più elevati ideali di libertà; quella stessa libertà a lungo perseguita e alla fine conquistata con il sangue, il sudore e le lacrime di coloro che non volevano essere schiavi in casa propria. Una grande conquista. Ammirato come modello da seguire, il suo Paese aveva una grossa responsabilità nei confronti del resto del mondo: mantenere la pace e fare in modo che altri popoli potessero essere a loro volta liberi dall’oppressione. Se questo era lo scopo di quel grande Paese, il giovane voleva condividerlo, contribuendo lui stesso a portare quel messaggio di libertà oltre i confini della sua terra. Forse non gli erano chiare alcune cose circa i metodi con cui quello scopo potesse essere realizzato, ma di una cosa era ben certo: avrebbe fatto la sua parte servendo il suo Paese meglio di chiunque altro.

Ma quando molti erano i chiamati, ben pochi erano però gli eletti. Tuttavia, la sua determinazione era talmente forte che riuscì ad entrare nel fantastico gruppo. Con un duro e ferreo addestramento riuscì a superare difficoltà inimmaginabili, incrementando considerevolmente le sue abilità. Una rigida disciplina ne forgiò il carattere, secondo lo standard richiesto e voluto dai suoi superiori. Divenne così un esperto ed affidabile soldato di cui lo Stato Maggiore sarebbe andato certamente fiero.

Dopo tanto scalpitare, un giorno arrivò il momento che tanto desiderava: fu mandato finalmente in missione, ed era talmente eccitato che la notte prima non chiuse praticamente occhio. Dissero che si trattava di una “missione di pace”. Il soldato fece il suo dovere eseguendo i suoi compiti in modo impeccabile, ma la sua realtà fu minata dalle prime crepe poiché si chiese quale relazione ci fosse tra la “pace” e tutto quel sangue versato.  Le dirette e convincenti parole dell’alto comando lo indussero a risolvere i suoi dubbi e a mantenere una visione più ampia in vista degli scopi più elevati.

Dopo quella missione ne seguirono altre ma ogni volta era sempre peggio. Ovunque lui andasse c’erano tante… troppe persone che morivano; gente che non conosceva, che non capiva e che, per qualche strano motivo, si sentiva spinto ad odiare e a considerare come un nemico. Perché? Al di là di tutte le belle parole che aveva sentito pronunciare dagli alti papaveri, su quanto fosse necessario ristabilire l’ordine in favore della pace, dei vari diritti, della dignità umana eccetera, alla fine tutto si riduceva ad un penoso ed ignobile Mors tua vita mea. O noi, o loro. E la cosa peggiore, in ultimo, è che non era ben chiaro chi fosse il vincitore e chi il vinto.

Gradatamente, l’iniziale entusiasmo del Marine cominciò a calare, e poco a poco la disillusione si fece strada nella sua mente, incapace di dare un senso a tutto ciò che lo stava coinvolgendo. Fino a quel momento si era sempre comportato da bravo soldato, osservando rigorosamente le regole che si era impegnato a rispettare.  Aveva sempre seguito le disposizioni ed eseguito gli ordini senza discutere; d’altra parte non avrebbe potuto fare diversamente, in quanto se si fosse rifiutato di agire l’avrebbero marchiato con il sangue del disonore. In tempi più remoti sarebbe stato passato a fil di spada o fatto a pezzi dai suoi stessi compagni. Ma se il suo Paese era nel giusto – come aveva sempre pensato – perché mai lui doveva sentirsi colpevole a tal punto? Dov’era l’errore?

Per riuscire ad andare avanti aveva dovuto maneggiarsi ripetutamente e fino all’inverosimile, arrivando a pensare le cose più assurde su se stesso. Il suo “senso del dovere” ed il giuramento che aveva fatto, lo rimettevano in carreggiata, ma quando comprese che in realtà stava brutalmente violentando la propria anima, cominciò a dare più ascolto alla sua coscienza e maggior valore a ciò che vedevano i suoi occhi. La verità gli esplose in faccia e fece più danni di una granata.  Confrontandola con il coraggio che gli era proprio, capì di essere stato ingannato, tradito e miseramente strumentalizzato da un Paese che aveva purtroppo perso se stesso. Quello scopo, mascherato da una falsa e fuorviante propaganda, e che lo aveva motivato ad intraprendere quella strada, non poteva più essere condiviso.

Nonostante sentisse di dover essere riconoscente alla sua Patria per essere stato cresciuto con i più nobili principi e per tutti gli insegnamenti ricevuti, ritenne di avere scambiato a sufficienza, anche se, in cuor suo, avrebbe preferito farlo in ben altro modo. Dopo aver dedicato i migliori anni della sua gioventù a quella causa senza lode, l’unica cosa certa su cui poteva fare affidamento era lui stesso.

A quel punto, anche se a malincuore per il suo sogno infranto, non gli restò che andarsene, portandosi dietro il disprezzo dei suoi compagni. In molti pensarono che quel soldato, in realtà, era soltanto un codardo e un traditore, poiché nessuno migliore di questa gentaglia avrebbe il coraggio di lasciare un gruppo d’elite come il Corpo dei Marines. Con alcuni di questi era molto amico e aveva condiviso le peggiori, tragiche situazioni. Sapevano benissimo quali fossero le ragioni della sua drastica decisione, tuttavia gli voltarono le spalle come non l’avessero mai conosciuto. Accecati da un’illusoria onnipotenza o forse vittime ignare di una sorta di ipnosi collettiva, rimasero fedeli al loro padrone, continuando ad applicare la legge del più forte a scapito dei più deboli.

Tornato a casa, il ragazzo cercò di rifarsi una vita e per un po’ di tempo tirò avanti come meglio poteva. I primi giorni furono i più duri perché non riusciva a tenere lontani quei brutti ricordi dalla sua mente, ricordi che non permettevano alle sue ferite di rimarginare. Certamente la vita gli aveva impartito una dura lezione e, cercando di farne tesoro, proseguì lungo il suo cammino tenendosi ben stretto all’unico vero amico che forse non lo aveva mai tradito. Se stesso.

P.S. Qualsiasi tipo di allusione con le vicende che ci riguardano più da vicino non sono per niente casuali. Spesso i paragoni lasciano un po’ il tempo che trovano ma il bello è che non costa niente farli e in ogni caso… è dura tenere a freno l’immaginazione.

Spartacus



			

8 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Dianetica nera, Sea Org

Cosa ci sta facendo Scientology nel business degli orfanotrofi?

Siete Scietologist indipendenti? Pensate con la vostra testa!

Dal sito: http://forums.whyweprotest.net

12 Gennaio 2010, un terremoto forza 7 colpisce la parte sud di Haiti. Prima del terremoto ad Haiti c’erano 380.000 orfani stimati; ora ce ne sono molti di più.

Due settimane più tardi, il 26 Gennaio, John Travolta volò a Port-Au-Prince con il suo Boing 707 della Quantas, assieme a sua moglie Kelly Preston, alcune scatole di razioni di emergenza e altre scorte. Questo aereo è stato totalmente rinnovato internamente ad un livello super-lussuoso e ora ha spazio sufficiente solo per 34 passeggeri contro i 150 originali.
http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/co … 01104.html

I Travolta tornarono indietro immediatamente. Con loro andò anche Claude Reginald Jean con i suoi Quattro figli. Si dice che Reginald abbia la doppia nazionalità US/Haitiana. Abbiamo appreso da molte fonti che possiede due orfanotrofi, che danno asilo a circa 200 bimbi. I suoi figli avevano solamente il visto USA per 90 giorni ma gli venne data una educazione scolastica, costata presumibilmente 10.000$ l’anno, in una scuola locale di Scientology. virtualmente tutti gli altri bambini che sono venuti fuori da Haiti in quel periodo avevano la nazionalità Americana e dei fogli di adozione regolari.

In quel periodo gli accordi tra lui e Scientology erano al completo. Stando a ciò che ci dice Jani Dawson nel Febbraio 2010.

“L’Orfanotrofio ha fatto un contratto … gli Scientologist hanno creato una pagina web e hanno 175 bambini in cura, stando al loro recente comunicato ai media, e stanno già offrendo sponsorizzazioni ai bambini. Io credo si utile aiutare i bimbi orfani … ma Scientology vede solo una opportunità di sfruttare e far profitto dal tragico disastro.”

Un certo Mr. Claude Reginald Jean, un Haitiano (e Scientologist), dirigeva un orfanotrofio ad Haiti prima del terremoto. La maggior parte dei bambini sponsorizzati sono di due orfanotrofi. Mr. Reginald guidava il Centro Dianetics di Haiti (Cioè era un pioniere globale). Mr. Claude si è trasferito con la sua famiglia in Florida con un viaggio di ritorno del Jet di Travolta appena dopo il terremoto e ai suoi figli è stata offerta piena scolarizzazione presso l’Accademia di Clearwater guidata da Scientology. Parecchi Gruppi di Facciata di Scientology stanno raccogliendo fondi per sostenere gli orfanotrofi che ora si chiamano ‘Future Haiti’. Lo Scientologist è Cary Goulston: Cary, che lavora da un indirizzo inesistente di Clearwater, benché non ci sia nessun indizio, FUTURE OF HAITI è un sito che fa capo a Scientology. 

Un comunicato stampa di Scientology, datato 12 Febbraio conferma che il terreno per gli orfanotrofi è stato donato alla CofS da Claude Reginald Jean. http://rogueimc.org/en/2010/02/15834.shtml

“I Gruppi della Florida hanno unito i loro talenti per il processo di ricostruzione per i bambini haitiani, creando un orfanotrofio e una scuola, chiamata Future of Haiti, così che i bambini possano iniziare a guardare avanti per un futuro migliore, lasciandosi alle spalle un passato di distruzione. Il centro iniziale del gruppo è stato ‘El Special Newspaper’, i Ministri Volontari della Chiesa di Scientology, la Gioventù per i Diritti Umani della Florida, Clearwater Academy International, Washburn Academy, Delphi Academy della Florida e Teatro Giovanile Internazionale. Sono anche coinvolte quattro sorelle, Barbara, Doria, Elena e Michela Schneider, “Che oggi stanno restituendo una casa e una educazione ai 116 orfani”.

“I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology hanno provveduto ai servizi di emergenza negli scorsi 20 anni e ora sono sul terreno di Haiti, per organizzare questo sforzo. L’Orfanotrofio e la scuola verrà sistemato a pochi minuti dall’Aeroporto di Haiti. Reginald Jean ha donato un appezzamento di terreno grande quanto un campo da football chiuso da muri, e molti dei muri sono ancora in piedi. E i muri che sono crollati verranno ricostruiti grazie al lavoro che i Ministri Volontari stanno svolgendo con le autorità locali haitiane, creando non solo uno spazio sicuro per i bambini, ma anche lavoro e orgoglio personale per gli haitiani. A lavorare con i Ministri Volontari ci sono tre insegnanti haitiani, che al momento si stanno prendendo cura degli orfani e che sono molto eccitati dell’opportunità di fornire una educazione a questi bambini.

Dal Bay News 9 video su Vimeo, Melanie Snow riporta:

‘Jean tornerà indietro però. I suoi affari sono crollati, cosi ha donato la terra per un orfanotrofio’. Vengono richiesti doni di forniture scolastiche e cibo non deperibile per l’orfanotrofio in costruzione ‘Sulla terra donata da Reginald’.

La storia raccontata cambia. Stando alla news letter per le richieste di fondi,

Mentre lavorava in mezzo al disastro del terremoto, per portare aiuto e speranza ad Haiti, I Volontari trovarono una persona locale che guidava tre orfanotrofi. Tutti e tre erano crollati, lasciando i bambini sopravissuti senza rifugio, acqua e cibo … e più importante, una famiglia. Abbiamo deciso di aiutare questi bambini vulnerabili e abbiamo trovato un terreno per farlo …

Non indovinerete mai perché conoscevano il signor Jean fin dal 1990.

Un altro tentativo di verità accettabile:

“Di base, c’è un uomo chiamato Reginald che è il presidente di una organizzazione haitiana non a scopo di lucro chiamata GRODISH. Loro controllavano 4 orfanotrofi ad Haiti. Quando è arrivato il terremoto, tutti gli orfanotrofi crollarono. Alcuni dei bambini morirono e il resto rimase per strada. Reggie e i suoi lavoranti cercarono l’area e trovarono la maggior parte dei bambini mancanti e li portarono a casa sua. Al momento sta usando la sua casa e la sua terra per ospitare i bambini e tenerli in un posto sicuro e via dalle strade. Hanno ritrovato 116 bimbi. Sta cercando di donare la sua casa per convertirla in un orfanotrofio ufficiale…”

Chiariamo questo fatto. Il business di Reggie erano gli orfanotrofi. Furono gli orfanotrofi che crollarono. La terra era grande come un campo da football con muri intorno vicino all’aeroporto. In Febbraio venne usata come un campo di detenzione dove i Ministri Volontari si prendevano cura di tutti i 175 bambini sopravvissuti. Tutti i pannolini e il resto volarono col Jet di John Travolta dov’era l’orfanotrofio della CofS … o perlomeno fu dove la maggior parte della roba finì. L’Academy Clearwater raccolse un sacco di fondi/scorte per Haiti. La Scuola di Clearwater è una scuola di Scientology e Reggie è uno Scientologo di lungo corso. A quel punto hanno spostato gli orfani in un altro palazzo altrove. Crediamo che questo nuovo palazzo sia a: 2 Impasse Jean, Route SOS, Santo 19, Croix de Bouquets, Port-au-Prince Haiti HT6310.

Le possibilità che si tratti di un orfanotrofio a cottimo sono alte (dove i bimbi vengono usati per il lavoro minorile e mandati nelle case di persone ricche come domestici). La stragrande maggioranza degli orfanotrofi di Haiti sono diretti in questo modo. È una parte accettabile della vita ad Haiti. La maggior parte dei bimbi vengono messi a contratto per del lavoro. Spesso le famiglie offrono i loro bambini agli orfanotrofi a cottimo, a volte con la promessa di scolarizzazione e un po’ di denaro come scambio.

I bimbi possono lavorare come venditori nelle strade o fare della manutenzione, lavoro di pulizia e manuale o possono pure venire addestrati come borseggiatori o altre attività criminali (ritorna in mente Oliver Twist), oppure sono governanti e aiutano a crescere i figli o a cucinare, ma lo scambio sessuale è il più redditizio. La cosa più comune è che vengono presi da famiglie ricche che usano i bambini per lavori domestici. Solitamente ricevono cibo e un posto per dormire e qualsiasi denaro guadagnato va all’orfanotrofio.

Foto reale dei bimbi dell’orfanotrofio di Claude R.

Molti avrebbero ragione a deprecare questa schiavismo e traffico di minori, ma ad Haiti la maggioranza della popolazione lo trova un metodo accettabile per guadagnarsi da vivere. Non tengono nulla di scritto. Non ci sono regolamenti governativi e nessun tipo di servizio governativo per la protezione dei minori. C’è da considerare che il sistema governativo haitiano è estremamente corrotto. Violenza ed abusi capitano spesso, ma non in tutti i casi. Gli abusi possono avvenire a livello di orfanotrofio, con il consenso della famiglia.

Molti governi del mondo hanno gridato le loro preoccupazioni al governo di Haiti su questo fatto. Poco è stato fatto per risolvere il problema. L’influenza esterna ha fatto poco per cambiare le cose.

Questo è comunicato stampa del Narconon, un gruppo di facciata di Scientology per il recupero dale droghe, precedente il terremoto. http://www.24-7pressrelease.com/press-r … 111323.php :

6 Agosto 2009, — Un recente progetto a cui il Narconon sta assistendo include aiutare e provvedere per il cibo e supporto alle aeree impoverite di tutto il mondo. Il più recente progetto Narconon è quello del gruppo Pionieri Globali di Haiti “Adotta un orfano”, facendo si che le persone contribuiscano direttamente agli orfanotrofi designati di Haiti. L’idea è che la gente possa scegliere e prendere degli item di cui gli orfani hanno più bisogno e lo inviino senza intermediari. La campagna attuale è disegnata per ricevere donazioni private di cibo da inviare a 20 – 30 orfanotrofi di Haiti. Queste spedizioni aiuteranno a sfamare più di 2.000 bambini di ogni età ….

Ora, la raccolta fondi è stata fatta nel nome di una organizzazione esentasse formatasi molto tempo fa (18 anni), chiamata ‘Bless The Children’. Non si vede nessun indizio che sia legata al sito di Scientology ma è linkata nei comunicati stampa di Scientology.

Ci sono testimonianze dirette e lettere che dimostrano che Reginald usa i bambini per del lavoro privato. Dal loro sito:

GRODISH: (Group Dynamique pur la Survie d’Haiti), giudato da Claude Reginald Jean, è una federazione di organizzazioni tutte intorno ad Haiti. Mr. Jean sarà il manager sul campo per organizzare la produzione di piante di canapa per la riforestazione di Haiti, e supervedrà la raccolta dei pagamenti mensili. Lui stima che la sua organizzazione ha la capacità di produrre e vendere un milione di piante di canapa solo ad Haiti nei prossimi 5 anni.

Dal loro sito:

Lo scopo di questa scuola è di creare specialisti in idraulica, elettricisti, imbianchini, muratori, piastrellisti, carpentieri, giardinieri e paesaggisti, scultori, riforestazioni, specialisti ambientali e lavoratori per la salute pubblica per molte giovani persone che sono incapaci di frequentare l’Università dopo la scuola superiore.

I nostri diplomati saranno orgogliosi dei loro prodotti, e capiranno come i loro prodotti si integrano con il grande schema della società. Il loro obiettivo è di contribuire alla loro comunità in modo positivo.

Da un rapporto d’affari della Kenaftech (un sito che si occupa di espandere le tecnologia per la produzione della canapa):

(Claude Reginald Jean)”Il mio obiettivo è che i piccoli diventino produttivi. Ognuno dice ‘ se insegni ad un uomo a pescare lo sfamerai a vita’. Beh manca un gradino qui, noi addestriamo i giovani a costruire le canne da pesca cosi che possano andare fuori a pescare il pesce.”

Ci sono molte persone coinvolte in questa operazione, molti Scientologist che chiedono donazioni a destra e manca. Alcuni di loro sono inconsapevoli della possibile truffa, altri ne sono partecipi. Lo scopo di GRODISH è di creare una scuola, si parla spesso di scolarizzazione, ma alla fine è tech di studio, la via della felicità e lavoro minorile pagato all’orfanotrofio. Ogni donazione fatta dagli Scientologist e dai privati finirà con molta probabilità nelle casse di Reginald e in quelle della CofS.

“Il futuro di Haiti è parte della famiglia globale per i bambini di ‘Bless The Children’.

5 commenti

Archiviato in Dianetica nera, Scientology reverse, Sea Org

SPOSTARE MISCAVIGE DA CAUSA OSSESSIVA A EFFETTO GENTILE

Siete Scientologist indipendenti ? Pensate con la vostra testa !

di Plain Old Thetan

L’Assioma 28 di Scientology ci dice che servono due terminali per comunicare.

Ancora più importante, ci dice che in ogni punto durante una comunicazione genuina,  uno dei partecipanti è Causa e l’altro è Effetto.

C’è quindi uno che Origina e uno che Riceve.

Per una comunicazione genuina!

Dall’altra parte, la Chiesa Corporativa di Scientology non ha mai, mai ricevuto una comunicazione.

La sua drammatizzazione è esattamente ciò che LRH ha descritto nella conferenza PUO’ ESSERE FATTO QUALCOSA A RIGUARDO (anche intitolata gli SCOPI E OBIETTIVI DI DIANETICS E SCIENTOLOGY) 5412c29 (o 5412c30, dipende quale referenza della CofS usate).

In quella conferenza, LRH parla dei più grandi crimini dell’universo descrivendoli come (1) essere là e (2) comunicare.

Oggi giorno, la CofS riceve una comunicazione, e automaticamente cerca di etichettare il comunicatore come un “criminale”.

Infatti, David “bomba ai neutroni” Miscavige ha reso la comunicazione un crimine perseguibile. Uno di quelli su cui i membri della chiesa devono agire. Uno su cui altri parrocchiani “leali” della Chiesa devono agire.

È diventato cosi tanto evidente che le persone che hanno soppresso la loro comunicazione per anni ora stanno comunicando. Stanno spostandosi da Effetto a Causa. Come risultato, la loro comunicazione sta tracimando come un fiume in piena.

Le persone ancora dentro i muri della cittadella della Chiesa senza dubbio direbbero “Ma tu non dovresti comunicare Entheta!” Davvero? In quella stessa conferenza LRH dice che le Policy organizzative dovrebbero dettare a grandi linee ciò che dovremmo comunicare. E naturalmente ci sono tanti modi in cui potremmo comunicare che sono migliori di altri. Ci sono tanti modi in cui potremmo comunicare che sono peggiori di altri. Un gran sacco di opinioni potrebbero essere espresse su come dovremmo comunicare e su cosa dovremmo comunicare. Ma non caschiamo nella trappola di punire ogni volta qualcuno che comunica.

Se stanno comunicando su Dianetis e Scientology, lasciamoli comunicare. Non dovete rispondere in particolare, ma lasciamoli comunicare. Ora, questo vi dice, poi, che ci sono modi migliori per comunicare di altri. Ma anche l’Entheta è meglio di nessuna comunicazione. È meglio ricevere un rapporto sbagliato che nessun rapporto. Ci sono modi migliori di comunicare.

Ma abbiamo scoperto che, se noi come organizzazione iniziamo colpire a pugni ogni auditor che stia cercando di comunicare sinceramente sul soggetto di Scientology, potremmo anche tornare indietro e farci tagliare la testa con un ascia. E lo scopriremmo. Siamo guidati da quella pratica e principio.

l’interessante effetto collaterale di tutto ciò che l’Ossessivo-Causatore (Miscavige) sta diventando un poco di più Effetto. Dato che sempre più gente comunica, si è messo a leggere internet (o dei rapporti su internet) e questo lo sta rendendo un poco più Effetto.

Infatti, Miscavige, dovrebbe essere un poco di più effetto per capire cosa ha creato e in qualche modo andarsene e passare la mano.

Qui c’è un esempio di ciò che questo blog e i suoi lettori hanno creato.

Avete ancora ricevuto l’ultimo International Scientology News (pubblicazione 51)?

È completamente disseminato con i Phoneygraph e le pseudo stat di Miscavige.

le illustrazioni di questa pubblicazione sono immagini catturate dagli schermi dell’illegale e off-policy Maiden Voyage Event di Miscavige del 2011. Guardate voi:

Questi sono i grafici da pagina 12 e 13 della mia copia di ISN 51.

Vi sembrano familiari? Se leggete regolarmente il mio blog, riconoscerete la similarità con alcune immagini apparse sugli articoli precedenti:

http://possiblyhelpfuladvice.com/?p=4110
http://possiblyhelpfuladvice.com/?p=3637
http://possiblyhelpfuladvice.com/?p=3613
http://possiblyhelpfuladvice.com/?p=3419
http://possiblyhelpfuladvice.com/?p=3338
http://possiblyhelpfuladvice.com/?p=3322

Naturalmente, in ISN 51 non troverete nessuna vera analisi delle stats. Troverete solamente le statistiche fuorvianti e i grafici e vi viene richiesto di giungere alle “vostre conclusioni” che la Chiesa di Miscavige sta avendo una “espansione senza precedenti”.

Stavo giusto ascoltando la conferenza LE POSIZIONI DELL’AUDITOR, nell’HUBBARD PROFESSIONAL COURSE LECTURES. LRH dice in quella conferenza che il primo punto di ingresso in ogni caso, non importa quanto duro sia, è la mimica. E che la mimica ristabilisce l’ARC. Cosi la mimica è la forma più bassa di comunicazione … ma è pur sempre comunicazione.

Grazie Dave.

Messaggio ricevuto.

Stai ascoltando, anche se solamente un pochetto.

10 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, Dianetica nera, LRH, Scientology reverse

Depositi segreti di Scientology: Una rara intervista con un ex membro della “IMPORTANTE” CST.

Siete Scientologist Indipendenti ? Justice is coming…..

(Dylan Gill)

Di: Tony Ortega – Village Voice.

Durante gli anni ho parlato a tanti ex-Scientologist, molti dei quali hanno lavorato nei quartieri generali più segreti della Chiesa in Sud California, “la Base Int”. sono stati disconnessi dalle loro famiglie e dal mondo esterno e si sono abituati a vivere in riservatezza.

Ma anche queste persone adottano un tono in qualche modo importante quando mi raccontano della più segreta organizzazione di tutta Scientology. La Church of Spiritual Technology. Menzionando CST, anche un ex membro della Chiesa ammette che non ne sapevano quasi nulla, nemmeno di dove fossero situati i suoi quartieri generali supersegreti.

 “Sono stata nel management internazionale e nella Watchdog Commitee per 20 anni, e per tutto il tempo non ho mai saputo dove fosse CST”, dice Amy Scobee, un ex-alto ufficiale della Chiesa.

 “CST è molto “importante”. Anche tra lo staff di Int, non era ben conosciuta. Chiunque provenisse da CST, era molto delicato”, dice Gary Morehead, ex capo della sicurezza alla Base Int, super vedeva gli interrogatori degli executive che avevano sbagliato. Ha dovuto firmare un vincolo promettendo che avrebbe tenuto confidenziale ogni cosa che fosse venuta alla luce in quelle interrogazioni, conosciute come “Sec Checking”. Quando si arrivò agli executive di CST, tuttavia, Morehead dice che ha dovuto firmare un secondo vincolo.

 “Per dargli un sec check si doveva firmare un vincolo speciale promettendo di mantenere ogni cosa segreta. Venivi vincolato a CST”, dice.

Durante gli anni, le informazioni sullo strano lavoro di CST sono trapelate – costruzioni di depositi sotterranei per assicurarsi che le parole del fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, sopravvivessero a un olocausto nucleare. Tuttavia, è ancora raro poter fare una intervista a un ex impiegato di CST.

Ma Dylan Gill, che ha aiutato a costruire il deposito in Califoria e in New Mexico – che include specifiche costruzioni di abitazioni per la crescita della reincarnazione di Hubbard – dice che finalmente vuole raccontare la sua storia.

 “Non potevi dire nulla a nessuno della Base Int su queste cose”. Nessuno sapeva dove si trovasse il quartiere generale di CST”, mi dice Gill. Che ora sta conducendo una vita normale con figli e famiglia.

Ma nel 1988, come membro dell’elitè di Scientology la “Sea Org”, avendo firmato un contratto di un miliardo di anni e promesso di dedicare sé stesso e le sue future vite alla Chiesa, Gill si trovò ad essere portato su nelle montagne di San Bernardino.

La mia prima moglie era già stata lassù come segretaria di HCO”, ricorda. (oggi è sposato con un’altra). “Penso che ci fossero solo 18 persone nell’intera Org dei quartieri generali di CST”.

Dove venne portato era un complesso nelle montagne sopra Los Angeles. Gill, ha lavorato là e in altre basi di CST per i seguenti 3 anni, si riferisce al compound chiamandolo “Rimforest”, che è il nome di un borgo a sud ovest del lago Harrowhead. Altri ex-scientologist tendono a chiamare il compound “Twin Peaks”, che è il nome di un altro vicino villaggio montano.

Gill è originario di Santa Cruz, California, ed è stato cresciuto in Scientology fin dall’età di 11 anni. Sua zia fu la prima ad entrare nella Chiesa, ci dice, e poi seguì suo marito, lo zio di Gill.

 “Mio padre e io non comunicavamo bene, cosi mio zio ci portò in Scientology”, dice. “La mia è una famiglia di artisti, generazione Beat”.

Come nel caso di altri giovani membri della Chiesa, Gill venne reclutato velocemente per la dura Sea Org.

 “Mia zia, lo scientologo originale della famiglia, suggerì che io andassi a Flag”, ci dice, riferendosi al Estates Project Force, sorta di campo di addestramento a cui i nuovi membri della Sea Org devono passare attraverso, a Flag, i quartieri generali della Chiesa Spirituale della Florida, a Clearwater.

 “Mi venne fatto firmare un contratto della Sea Org quando avevo 14 anni, e venni mandato a Flag. Feci il mio EPF e poi il CMO mi prelevò”, dice, riferendosi al Commodor’s Messanger Service, un gruppo di elite all’interno della Sea Org che tende ad essere popolato di giovani reclute. (I messaggeri originali di Ron erano giovani ragazze presenti sullo Yacht Apollo nei tardi anni 60).

È molto comune per i membri della Sea Org sposarsi giovani – come abbiamo già scritto molte volte in precedenza, ex – membri della Sea Org ci hanno rivelato che per poter avere un po’ di privacy dovevano sposarsi e spostarsi dalle baracche per i singles intese per i lavoratori non sposati. “Mi sposai una Scientologa di seconda generazione”, dice Gill. E poi lui e sua moglie vennero reclutati per CST.

Gill venne mandato dalla Florida ai quartieri amministrativi di Scientology di Los Angeles, chiamato dagli Scientologist PAC (Pacific Area Command).

 “Fui mandato al PAC per le autorizzazioni”, dice Gill, e ci ha spiegato che se un giovane membro della Chiesa deve essere pulito a sufficienza per diventare un membro della Sea Org, per diventare un membro di CST devi essere senza macchia. Dopo aver superato questa prova, Gill venne inviato a Rimforest.

 “Rimpiazzavo il segretario delle proprietà, che stava finendo all’RPF”, ci dice.

Il segretario delle proprietà di CST aveva superveduto parechi progetti di costruzione ai quartieri generali, ma è rimasta impigliata negli alti ranghi del management di Scientology. Come punizione è stata inviata a Happy Valley, un Ranch vicino a Hemet ad alcune miglia dalla Base Int stessa. In quel posto ci vanno i membri della Sea Org all’RPF (Rehabilitation Project Force), per fare lavori umili ed estenuanti e per essere interrogati da Gary Morehead e la squadra della sicurezza.

Ho chiesto a Gill se conosceva cosa aveva fatto di sbagliato il suo predecessore. “Fu un fatto arbitrario”, disse, “Si ha a che fare con cosi tanti progetti e cosi tanti soldi, non c’è modo che riesci a sostenerlo. È impostato in modo che alla fine si fallisce”. Dice.

Gill venne inviato per sostituire chi era nella posizione di segretario, e doveva supervedere su di un budget di 14 milioni $ usati per sostenere 16 diversi progetti di costruzioni al complesso Rimforest.

Aveva solo 19 anni.

 (Il Lago Harrowhead è una riserva che si trova a 5,125 piedi di altezza, circondato da montagne che vedono milioni di visitatori ogni anno, provenienti dall’area di Los Angeles. Un posto magnifico.)

 (A sinistra potete vedere l’intersezione con la strada Lake Gregory, un pezzo della superstrada World e la Strada Inn Squirrel. Il complesso consiste di edifici multipli, baracche e altre strutture. Ne abbiamo indicate tre – gli edifici di produzione , che sono sopra al deposito stesso, la casa di “LRH”, e l’ingresso al compound.)

 (L’ingresso visto dalla Squirrel Road.)

(L’edificio vicino alla strada circolare al centro ha un ascensore che porta ai depositi gemelli al di sotto.)

 (Questa è una veduta aerea della casa di “LRH alla Rimforest, dove la reincarnazione di Ron dovrebbe venire allevata fino a che adulto a sufficienza per riprendere in mano Scientology.)

Il complesso di Rimforest ha molte strutture, ma il punto è – il punto di tutto CST sono i depositi.

Quando Gill arrivò nel 1988, dice, i depositi di Rimforest erano a un terzo del loro completamento. Consistevano di due cilindri depositi gemelli sotterranei costruiti in acciaio corrugato, con un pavimento in calcestruzzo a circa un terzo dell’altezza del cilindro.

 “Erano alti 6 metri circa”, dice Gill. “C’erano due portoni per spostarsi tra i due cilindri di acciaio”.

Come per i depositi più a nord in California, in New Mexico, e un altro in costruzione nel Wyoming, il punto di questi depositi è quello di conservare gli scritti e le conferenze di L. Ron Hubbard sotto forma di piastre in acciaio contenute in casse di titanio, e anche sotto altre forme, cosi che la “tecnologia” possa sopravvivere ad un attacco nucleare e quindi aiutare a riformare la società in un mondo apocalittico.

Ma nel 1988, ciò era ancora tutto nel futuro. Le capsule in titanio erano ancora in uno stato di ricerca, e molto del lavoro di CST era indirizzato semplicemente ad archiviare gli scritti e le conferenze di Hubbard, organizzarle e fotocopiarle su carta priva di acidi.

 “Le capsule dovevano ancora esser ricercate. Le acqueforti delle piastre erano all’inizio, e i anche i compact disk erano in fase di ricerca”, dice Gill.

 “CST fece molti viaggi in Cina per fare accordi sulle capsule del tempo e i nuovi E-Meter”, aggiunge.

Gli ho chiesto come sembravano i progetti delle capsule del tempo. “Erano come delle cassette di sicurezza, e c’era una valvola per riempirle di gas inerte tipo l’argon”, disse.

Cosi, a quel punto, i depositi stessi erano vuoti. Ma ancora c’era molto lavoro da fare per completarli. “Ancora non avevamo caricato nulla nei depositi. Stavamo ancora aspettando le capsule del tempo. Ma stavamo spingendo per avere tutto il materiale di LRH archiviato. Le piastre delle acqueforti, le copie dei compact disk. I progetti erano di rendere ogni base completamente auto-sufficiente”, dice Gill.

Mentre i depositi avrebbero contenuto tutti i materiali di Hubbard, ogni base doveva ospitare il suo staff, e ognuna doveva essere alimentata da grossi generatori. “Era una cosa di cui mi prendevo cura io. Andammo alla Caterpillar a prendere dei generatori per tutte le nostre basi”. Disse.

Prendevano le cose molto seriamente. Negli edifici di produzione, dove venivano maneggiati gli archivi di Hubbard, avevano costruito una camera asettica, il tipo di cose che ci si aspetta normalmente di vedere nei film ad alta tecnologia. “C’era un sistema per il gas Argon che pompava via l’aria dalla stanza in 3 secondi”, dice.

Ogni cosa del suo lavoro, dice Gill, era fatta su una base d’emergenza; ogni nuovo ordine doveva essere trattato con ancora più urgenza di quello precedente, qualsiasi fosse la spesa.

Come esempio, mi racconta di quella volta in inverno quando tutto era ghiacciato e anche camminare era pericoloso. “Una signora Francese scivolò mentre camminava tra il palazzo della produzione e il dormitorio dello staff. Si ruppe il polso. Mi venne ordinato di risolvere il problema. La soluzione che escogitai fu una passerella riscaldata. Mettemmo dale 3 alle 5 miglia di passerella dall’area dove si pranzava fino al palazzo della produzione e continuando fino al dormitorio, usammo piastre stampate di cemento con custodie di glicole all’interno. Sistemammo una pompa con un termostato. Quando la temperatura scendeva, pompava glicole riscaldato nella passerella che scioglieva la neve”, disse, “Ci sentimmo con un ragazzo Tedesco che aveva sviluppato la cosa per le piste di decollo, viveva a Los Angeles. Lo portammo giù per disegnarle. Fu molto costoso, penso circa 20.000$”.

Un altra volta, dice, inventarono un modo per ridurre il numero dei viaggi dello staff in città: “Sistemammo una macchina lava-asciuga alla base, cosi lo staff non doveva andare in città per fare il bucato”. Disse Gill che per quel progetto la macchina da sola costò tra i 50.000$ e i 70.000$

Gill non solo ha superveduto i progetti di costruzione di CST a Rimforest, ha anche passato molto del suo tempo alla Base Trementina, in New Mexico.

Come a Rimforet, il punto principale della base Trementina è il deposito. Ma ha anche una altra caratteristica che in qualche modo l’ha resa nota, e che ha attirato l’attenzione dei media: il suo bizzarro logo gigante di CST scolpito nella pavimentazione del deserto, costruito per essere visibile dal cielo.

(Il logo di CST scavato nella pavimentazione del deserto, non molto lontano dall’ingresso del deposito sotteraneo).

 (Da questa veduta aerea potete vedere il logo, la pista di atterraggio e tra le due una strada a tornanti – l’entrata del deposito è appena a lato).

 (Trementina è un paese che si trova nella zona nord-est del New Mexico).

Quando Gill arrivò alla base Trementina per la prima volta, la pista di atterraggio era ancora in fase di costruzione. “La priorità era quella di finire la casa di LRH”. Dice.

Come per Rimforest, il deposito di Trementina era già sistemato, ma era quasi vuoto. Gli ho chiesto di descrivermelo.

 “C’era una grande porta con la serratura a tempo. Tipo una grande cassaforte, come quelle delle banche”, disse. E dentro? “Era tutto dipinto di bianco, tipo cemento dipinto. Un lungo condotto con un muro che lo divideva in due a partire da metà circa, con un altra porta per un secondo deposito nel deposito principale”.

C’era anche dell’equipaggiamento. Riproduttori a bobine, per esempio, e un altro dispositivo per usare le cose che venivano immagazzinate”. Dice Gill, “Come una libreria esterna. C’era ogni cosa che serviva per usare il materiale. Raccoglitori per le istruzioni … chiunque fosse sopravissuto a una guerra nucleare poteva usarli, se l’umanità voleva ricostruire una società”.

Gli dissi che capivo il concetto, ma perché il grande logo visibile solo dal cielo? (che in quel periodo era ancora in fase di progettazione)?

 “Quello è il posto dove LRH deve andare, quando ritornerà”, dice Gill. Una volta che Hubbard avrà preso un nuovo corpo, ci si aspetta che trovi la strada per una delle basi di CST. “Quello è il posto dove ci si deve prendere cura di lui e dove deve crescere”, dice Gill. “Cosi il simbolo è un modo per lo spirito di trovare la sua strada del ritorno per il luogo dove appartiene”.

Non aveva mai sentito di questa cosa, le persone si sono prese gioco del simbolo, dicendo che era un segnale per le navi spaziali aliene che arrivavano sulla terra. Invece, Gill mi stava dicendo che era un segnale per lo spirito errante di L. Ron Hubbard.

C’è un altro particolare interessante a Trementina. L’ingresso al deposito non è visibile dall’esterno: venne costruita una grande casa a più piani per nasconderlo alla vista. Gill ci dice che si chiama la “casa di ventilazione”. La casa di LRH di Trementina è un po’ distante, ed è a un solo piano.

Gill ha anche installato un generatore in un altro sito nella costa nord della California, vicino a Petrolia.

(Una veduta aerea dei dormitori dello staff del deposito di Petrolia. Si può vedere lungo la strada il logo di CST, che non è lo stesso, e nemmeno cosi distinguibile, che si trova in New Mexico).

 (L’ingresso al deposito di Petrolia, lungo la strada vista nella precedente immagine).

 (Il deposito di Petrolia a sud di Eureka sulla costa Californiana).

Gill fece anche un viaggio al deposito in costruzione in una vecchia miniera vicino a Tuolumne, California, e conosciuto come Lady Washington Mine).

 

(Una veduta aerea del complesso attorno all’ingresso della miniera, che si trova appena a sud del centro dell’immagine).

(Il sito della miniera è appena fuori la città di Tuolumne stessa).

Gill dice per ognuno dei siti dei remoti depositi – quelli lontani dai quartieri generali di Rimforest – lo scopo era di creare un deposito e di riempirlo, completarlo quindi con la casa di LRH, generatori, e quando ogni cosa fosse finita lasciarci una singola persona, un curatore, per tenere il posto mentre si aspettava o per una guerra nucleare o che la reincarnazione di LRH si mostrasse.

Da quando Gill è andato via, CST a iniziato un nuovo progetto di deposito nel Wyoming, che ha suscitato le ire di alcuni residenti. Una persona del posto ci ha aiutato ad individuare la località del progetto, che si trova vicino ad una località chiamata Sweeney Ranch.

 (Il posto mostra aree ripulite e molte strutture).

 (Nel sud-ovest del Wyoming, il complesso sorge vicino alla Sweeney Ranch Road, a sud della città chiamata Rock Springs).

Dylan Gill ha installato dei generatori e ha superveduto altri progetti di costruzione nelle proprietà di CST per circa tre anni. Poi, un giorno, quando si trovava alla Base Trementina, ricevette una chiamata da Rimforest.

 “Mi venne chiesto di rientrare”, dice Gill. “Tornai alla Base di Rimforest e venni scortato ad un auto, mi portarono a Happy Valley”.

Proprio fuori Hemet, la proprietà prende il suo nome da un proprietario precedente, ma non era poi cosi “Happy” come posto. Per anni, gli executive di Scientology finivano in quel posto per passare attraverso una faticosa rieducazione.

 “Fui messo per un mese e mezzo su lavori di MEST”, dice Gill, che è il gergo di Scientology per lavoro duro. “Mi vennero fatti tanti sec-check. Non mi fu detto molto del perché venivo punito“. Più avanti, dice, gli venne detto che nel suo lavoro c’erano delle irregolarità finanziarie.

 “Non faceva senso”, dice. “Con 14 milioni di $ in progetti, venivo accusato di vaghi problemi con le ricevute spese”, ma come abbiamo già sentito da precedenti executive fuoriusciti, spesso si trovavano ad Happy Valley o in un posto chiamato “Il buco” alla base Int per motive che erano difficili da comprendere.

 “Lavoravo 120 ore la settimana, sei giorni interi, venivo pagato 18$ la settimana”. Veniva portato alla Base Int per lavorare e dormiva ad Happy Valley.

Gill ricorda che fu assegnato a movimentare una montagna di roba ammuffita. “Stavamo gettando tutto via, valigie e il resto”, dice Gill. E poi realizzò: “Oh mio Dio, c’erano cosi tante persone che sono state qui prima di me e poi sono andate via, e questa roba è tutta la merda. Tutta ammuffita, e coperta da teli”.

Gill dice che anche sua moglie venne mandata alla Base Int, ma non lgi venne mai permesso di parlarle.

Oltre al duro lavoro, veniva interrogato estensivamente, e in una di queste sedute apprese che stava venendo punito per i “crimini” di un altra persona – in questo caso il crimine era la masturbazione. Abbiamo già scritto in precedenza che i membri della Sea Org vengono interrogati, vengono messi sotto estrema pressione non solo per confessare gli errori che hanno fatto sul loro lavoro o i dubbi che hanno su Scientology, ma gli vengono anche fatte domande sulle loro pratiche sessuali.

In questo caso Gill spiega che, un suo compagno aveva ammesso di masturbarsi, e aveva detto che l’idea era venuta dopo che Dylan Gill gli aveva tirato un preservativo.

Gill ammette che la storia suona un po’ ridicola. Ma in quel periodo, ciò che lo fece turbare fu che i suoi interrogatori non seguivano la standard policy di Scientology. se l’avessero seguita non mi avrebbero incolpato di una cosa fatta da un altro.

Cosi decise di uscire – di lasciare la Sea Org. E questo lo portò all’attenzione di Gary Morehead.

 “Gary mi diede il fattore di Realtà per 6 ore, fino a che non mi venne la minzione”, dice. Dopo essersi pisciato addosso, Gill cedette e fece l’accordo di entrare nella prigione della Sea Org, l’RPF – e anche, per un breve periodo, fu assegnato all’RPF dell’RPF – una prigione dentro la prigione. Per molte settimane rimase isolato e non gli venne nemmeno permesso di parlare con gli altri membri dell’RPF.

Morehead mi disse che era compito suo dare il fattore di realtà alle persone – il “fattore di realtà” era come una intimidazione sulle conseguenze delle loro azioni – ricorda il periodo di Gill nell’RPF. Ma dice di non ricordare d’aver spaventato Gill al punto di farlo urinare addosso. (Ma ci disse che era successo ad altri).

Più avanti, Gill s’imbatté in sua moglie alla Base Int mentre stava lavorando.

 “Non gli avevo parlato per 5 o 6 mesi”, dice. Sapeva che non doveva farlo, ma gli parlò ugualmente. Lei rispose tradendolo, scrisse un “Rapporto per conoscenza” sull’incidente.

 “Fu molto duro per me. In quel momento pensai che mia moglie veniva prima di Scientology. Ma per lei, Scientology veniva prima. Scappai alcuni giorni dopo”, dice. “Tutti andarono a dormire e io rimasi sveglio. Non appena tutti furono addormentati, andai via”.

Gill scappò seguendo il letto di un fiume, camminando fino a Hemet. “Gary mi stava cercando su di una motocicletta”, dice.

Morehead ricorda la fuga di Gill.

 “Fu una lunga scarpinata, specialmente di notte. Più buia che mai”, dice Morehead.

Gill riuscì ad arrivare a Beaumont, poi impegnò il suo anello di membro della Sea Org per pagarsi un autobus fino alla California del nord.  (Oggi l’RPF non è più ad Happy Valley, ma alla base Int stessa, circondato da un alto muro con filo spinato. Non è cosi facile fuggire come ho fatto io su di un letto di un fiume).

Dopo essere scappato, la sua famiglia ha disconnesso da lui. Suo padre non lo vede, e non vede nemmeno i bambini di Gill.

Per un certo periodo Gill pagò il suo debito “Freeloader”. Gli Scientologist che hanno lavorato sullo staff hanno ricevuto servizi spirituali – auditing – a prezzi scontati. Quando lasciano, la Chiesa li punisce con un conto di ciò che avrebbero dovuto pagare per i servizi a prezzo pieno. Gill stima di aver pagato circa 3.000 $ verso il suo debito Freeloader (non gli è mai stato detto quanto doveva pagare in totale). Ma poi smise di pagare. Abbandonò l’idea di ritornare nelle grazie della Chiesa, benché ciò volesse dire essere evitato dalla sua famiglia.

Oggi, dice che è più felice e sta andando bene dove vive a Las Vegas. Ma è ancora perseguitato da ciò che ha passato dentro la Chiesa.

 “Due o tre volte l’anno divento molto nervoso ed emotivo. È la peggiore marea di emozioni che abbia mai provato ed è “orribile”, dice.

L’Anno scorso in Texas, c’è stata una riunione di Scientologist Indipendenti – persone che hanno lasciato la Chiesa per i loro problemi con la direzione di David Miscavige, ma che ancora aderiscono alle idee di L. Ron Hubbard.

Durante il party, Gill si è incontrato con Gary Morehead, l’uomo che lo ha interrogato ad Happy Valley.

 “Gary è un bravo ragazzo. Non nutro sentimenti negativi verso di lui o nient’altro. Una volta che sei fuori sei fuori. Mentre si è dentro tutti pensano di star facendo solamente ciò che è giusto”, dice.

Gill, tuttavia, voleva che sapessi che non si considera uno Scientologist Indipendente.

 “Mi piace Marty Rathbun. Mi piace Mike Rinder”, dice, riferendosi ai due più prominenti ex-executive della Chiesa del movimento indipendente. “Mi piacciono tanti Indy. Ma non pratico Scientology”.

13 commenti

Archiviato in Dianetica nera, LRH, Scientology reverse, Sea Org

OPERAZIONE FREAKOUT

Siete Scientologist indipendenti? Pensate con la vostra testa.

Operazione Freakout (Freak out = Far impazzire). 

Il Fair Game danneggia le persone.

Vicki Aznaran è rimasta per 18 anni dentro la Chiesa di Scientology, era staff Sea Org, addestrandosi fino a raggiungere Classe 9. Era anche molto addestrata a livello di Admin, avendo fatto il corso da Executive Organizzativo e il Data Series Evaluator. Il suo ultimo incarico dentro la Chiesa era Ispettore Generale di RTC, un titolo inferiore solamente a quello di David Miscavige.

Estratto della dichiarazione giurata di Vicki Aznaran del 1994 alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti della California. In seguito il caso, che comprendeva anche altre accuse più o meno gravi, venne patteggiato.

L’Operazione Freakout, nota anche come Operation PC Freakout, fu il nome dato dalla Chiesa di Scientology ad un’operazione segreta per far sì che l’autrice Paulette Cooper venisse incarcerata o rinchiusa in un’istituzione psichiatrica. L’operazione, avuta luogo nel 1976 dopo anni di cause legali da parte della chiesa di Scientology e molestie nascoste, era intesa per cancellare la minaccia che la chiesa di scientology percepiva da Cooper ed avere vendetta per la sua pubblicazione nel 1971 di un libro molto critico, Lo Scandalo Scientology.

Cooper, una giornalista Freelancee autrice di origini ebraiche, ex detenuta in un campo di concentramento, iniziò le sue ricerche su Scientology nel 1968 e scrisse un articolo critico sulla chiesa di Scientology per la rivista britannica Queen (ora Harper’s Bazzar) nel 1969. Prontamente la chiesa la denunciò per calunnie, aggiungendo Queen alle dozzine di pubblicazioni britanniche che aveva già denunciato.

Sottovalutata, Cooper espanse il suo articolo in un intero libro, Lo Scandalo Scientology (sottotitolato originariamente Un esame agghiacciante della natura, le credenze e le pratiche della religione “dell’adesso.'”). Fu pubblicato dalla Tower Publications, Inc. di New York nell’estate del 1971. La Chiesa rispose denunciandola nel dicembre 1971, richiedendo $300,000 per “le false, calunniose e diffamanti affermazioni riguardanti la Chiesa.”

Cooper era chiaramente vista come un bersaglio ad alta priorità dal “Guardian Office” della chiesa di Scientology, che si comportava come una combinazione di servizio segreto, ufficio legale e pubbliche relazioni per la Chiesa di Scientology. Il 29 Febbraio 1972, il terzo ufficiale anziano della Chiesa di Scientology, Jane Kember, inviò una direttiva a Terry Milner, il Guardiano Deputato per l’Intelligence degli Stati Uniti (DGIUS), chiedendo che cercasse informazioni riguardanti Paulette Cooper così che lei potesse essere “maneggiata”. In risposta Milner ordinò ai suoi subordinati di “attaccarla in ogni modo possibile” ed intraprendere una “esposizione su larga scala della vita sessuale di PC“.

Cooper rispose con una citazione il 30 Marzo 1972, chiedendo 15,4 milioni di dollari a titolo di risarcimento danni per le molestie in corso. Comunque, la Chiesa incrementò le molestie, per esempio scrivendo il suo nome e numero telefonico sui muri nelle strade così che avrebbe ricevuto chiamate oscene, e iscrivendola a mailing list pornografiche. Ha anche ricevuto minacce di morte anonime ed i suoi vicini ricevettero delle lettere che affermavano che lei avrebbe avuto una malattia venerea.

Nel dicembre 1972, una donna apparentemente alla ricerca di fondi per l’United Farm Workers rubò carta da lettere dall’appartamento di Cooper. Alcuni giorni dopo, la chiesa di Scientology di New York “ricevette” due minacce dinamitarde anonime. Il maggio successivo, Cooper fu accusata dell’invio di queste minacce anonime e citata di fronte ad un Gran Jury Federale. Le minacce erano state scritte sulla sua carta da lettere, che riportava le sue impronte digitali.

Foto della lettera minacciosa fasulla

Le accuse caddero nel 1975 con l’archiviazione ordinata dall’ufficio del procuratore locale degli Stati Uniti, ma solo nel 1977 l’FBI scoprì che le minacce anonime erano state architettate dal Guardian’s Office. In quel periodo un memorandum inviato fra due membri dello staff del Guardian’s Office annotava in una lista di lavori completati con successo: “Cospirato per incastrare Mrs. Lovely nell’essere arrestata per un reato che non ha commesso. È stata accusata per il crimine.”

La chiesa di Scientology denunciò Cooper di nuovo nel 1975 nel Regno Unito e gli Stati Uniti, ed in Australia nel 1976. In base ad una fonte, la chiesa di Scientology stessa avrebbe importato tali libri in paesi stranieri per l’espressa motivazione di denunciarla in giurisdizioni dove le leggi sulla diffamazione sarebbero state più severe di quelle negli Stati Uniti.

Nella primavera del 1976, il leader del Guardian Office decise di iniziare un’operazione con lo scopo di “Avere P.C. incarcerata in un’istituzione psichiatrica o un carcere, o almeno colpirla così forte da farle abbandonare gli attacchi.” Il documento pianificatore, datato 1° Aprile 1976, aveva lo scopo dichiarato di “rimuovere PC dalla sua posizione di potere così da non poter attaccare la Chiesa di Scientology.”

Nella sua forma iniziale l’Operazione Freakout consisteva in tre differenti piani (o “canali”, come denominati dal Guardian’s Office):

  1. Primo, una donna avrebbe dovuto imitare la voce di Paulette Cooper e fare delle minacce telefoniche al consolato arabo di New York.
  2. Secondo, una lettera di minacce sarebbe dovuta essere spedita ad un consolato arabo in modo tale da sembrare sia stata fatta da Paulette Cooper (che è ebrea).
  3. Terzo, una Scientologist volontaria avrebbe dovuto impersonare Paulette Cooper in una lavanderia automatica e minacciare il Presidente degli Stati Uniti ed il Segretario di stato Henry Kissinger. Un secondo scientologist avrebbe poi dovuto informare l’FBI della minaccia.

Lettera rinvenuta dall’FBI durante i raids del 1977 negli uff. del GO

Due altri piani furono aggiunti all’Operazione Freakout il 13 Aprile 1976. Il quarto piano prevedeva che agenti scientologist raccogliessero informazioni da Cooper così da stimare il successo dei primi tre piani. Il quinto piano prevedeva che uno scientologo avvisasse telefonicamente un consolato arabo sostenendo che Paulette Cooper stava parlando di effettuare un attentato. In seguito fu aggiunto un sesto ed ultimo piano, che era sostanzialmente una replica del complotto del 1972, che prevedeva di ottenere le impronte digitali di Paulette Cooper su un foglio di carta vuoto, di scrivere una lettera di minacce a Kissinger sul foglio, ed inviarlo. Il membro dello staff del Guardian’s Office Bruce Raymond annotò in un memorandum interno: “Questo canale supplementare (il sesto piano) dovrebbe davvero farla fuori. Lavorato con tutti gli altri canali. L’FBI già pensa siano sue le minacce di bombe alla C di S del 1972.”

Il 31 marzo 1976, Jane Kember inviò un telegramma ad Henning Heldt, vice Guardiano U.S., per aggiornarlo sulla situazione:

“PC, Paulette Cooper, resiste ancora nel pagare il prezzo ma la causa legale è in piedi in PT … Abbiamo contattato i suoi legali ed anche predisposto per PC di ottenere le informazioni che possiamo schiaffare nel mandato su di lei. Se vuoi dei documenti legali, da ora in poi ne possiamo fornire. Quindi se lei ancora rifiuta di comparire noi le rifiliamo il mandato prima che lei possa raggiungere Clearwater, dato che non vogliamo essere visti pubblicamente o essere brutali con una vittima così patetica dei campi di concentramento.”

Alla fine, l’operazione Freakout non fu mai messa in atto. L’11 Giugno 1976, due agenti di Scientology – Michael Meisner e Gerald Bennett Wolfe – furono sorpresi nell’atto di commettere un tentato furto alla corte di Washington D.C. come parte del’operazione del Guardian’s Office in corso, chiamata SnowWhite. Il Guardian’s Office fu assorbito per l’anno seguente dai tentativi di mettere a tacere lo scandalo, arrivando perfino a rapire Meisner per impedirgli di testimoniare. La chiesa di Scientology cercò di portare rapidamente a termine la disputa con Cooper nel dicembre 1976 quando le propose un accordo, a patto di non ripubblicare o commentare Lo Scandalo Scientology e accettare di assegnare il copyright del libro alla chiesa di Scientology di California.

L’8 Luglio 1977, però, l’FBI fece irruzione negli uffici di Scientology a Los Angeles e Washington, D.C., sequestrando più di 48.000 documenti. Rivelarono la misura in cui la chiesa commise “campagne criminali di diffamazione e furti contro privati e persone pubbliche e organizzazioni,” come scritto dal procuratore del Governo degli Stati Uniti. I documenti furono resi pubblici, permettendo a Cooper ed al mondo intero di conoscere i dettagli di Operation Freakout.

Anche se in definitiva nessuno fu portato di fronte alla giustizia per Cooper, la più vasta campagna di attività criminali fu perseguita con successo dal Governo degli Stati Uniti. Mary Sue Hubbard, Jane Kember, Henning Heldt, Morris Budlong, Duke Snider, Dick Weigand, Greg Willardson, Mitchell Hermann e Cindy Raymond furono accusati da un Grand Jury federale per i crimini di furto, cospirazione ed altri crimini. Con l’eccezione di Kember e Budlong, la difesa accettò incondizionatamente un accordo di fronte all’evidenza. Kember e Budlong furono condannati separatamente dopo essere stati estradati dal Regno Unito. Tutti gli accusati furono incarcerati fino a 4 anni. Coincidenzialmente, furono processati e condannati nella stessa corte dove i loro agenti furono sorpresi nel furto.

La chiesa di Scientology intentò almeno 19 cause contro Cooper negli anni 70 ed 80, che Cooper considerò parte di “una tipica campagna di Fair Game di Scientology” e che l’avvocato di Cooper, Michael Flynn, disse essere motivata dalla dichiarazione di L. Ron Hubbard secondo cui lo scopo di una causa è quello di “Fair Game“. Cooper interruppe le azioni legali contro Scientology nel 1985 dopo aver ricevuto 400.000$ in un accordo extraprocessuale.

Gli eventi dell’Operazione Freakout sono riportati, in una forma lievemente modificata, nel romanzo di Giuseppe Genna del 2004 “Nel nome di Ishmael”. Scientology viene riferita come religione della scienza, Cooper è chiamata “Paulette Rowling” e Mary Sue Hubbard sarebbe “Johanna Lewis“. il libro include trascrizioni quasi parola-per-parola del documento pianificatore di Operazione Freakout del 1 aprile 1976, con i nomi delle figure principali così sostituite.

 I segni della sua lotta feroce per mantenere la sua sanità mentale sono ben visibili.

Paulette Cooper oggi, parla dei suoi trascorsi con Scientology:

6 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Dianetica nera, Scientology reverse, Sea Org, Uncategorized

UN FIUME DI DENARO

Ci sono pervenuti questi dati attraverso una fonte anonima sotto forma di PDF. Sono dati sconcertanti ma concreti sui flussi di denaro da e per le varie corporazioni che fanno parte delle ramificazioni della IAS.

Riteniamo che sia doveroso pubblicarli, in fondo i soldi che finiscono nelle tasche di questi signori sono nostri ed è da stolti, per non dire altro, versare cifre cosi ingenti senza sapere come verranno spesi.

Alla fine ci siamo accorti che è il solito gioco delle scatole cinesi, ne apri una e ci trovi dentro un altra scatola più piccola. Continui ad aprire e ci sono sempre scatole più piccole, poi alla fine …. pufffff come per mistero l’ultima scatola (magica) è vuota. C’è di che pensare!

Abbiamo affrontato molte volte l’argomento IAS, la macchina da guerra della CofS. Ma non abbiamo mai visto nel dettaglio cosa realmente sia, ne conosciamo solamente l’acronimo che significa; INTERNATIONAL ASSOCIATION of SCIENTOLOGIST.

La IAS è una organizzazione Inglese no-profit (che non ricava profitti personali dai suoi introiti) formata nel 1984 da un gruppo di Scientologist, che si riunirono al Saint Hill Manor, East Grinstead, Sussex Inghilterra.

Lo scopo dichiarato della IAS è quello “Di unire, far avanzare, aiutare e proteggere la Religione di Scientology in tutte le parti del mondo, cosi che si possano raggiungere le mete di Scientology, come originate da L. Ron Hubbard.”

Questo è quanto c’è scritto sul sito della IAS, ma anche su ogni contratto e su ogni promo che vi viene mandata a casa. Non dice chi erano questi Scientologist riuniti a Saint Hill o chi ora ne tiene i conti o dove si trovino realmente questi fondi raccolti ecc….

La IAS seguì lo smantellamento dell’HASI, la Hubbard Association of Scientologists International, come l’associazione ufficiale della Chiesa di Scientology. Non accetta scientologist indipendenti.

Prendendo in visione i documenti, ci saltano all’occhio un paio di particolari assolutamente discrepanti. La HASI, fondata da Ron nel lontano 1954 a Phoenix, Arizona, inizialmente si chiamava HAS, ma venne ristrutturata più tardi lo stesso anno come HASI per correggere lo status no-profit omesso nel precedente statuto per errore.

Il costo annuale di una tessera HASI durante il periodo di Saint Hill, era di 6£ (circa 10 Euro) e dava adito ad uno sconto del 10% su tutti i libri, nastri e conferenze e altri item in vendita nella Chiesa. Veniva richiesta l’affiliazione per poter ricevere servizi dentro la Chiesa.

Tutto un po’ come ora, anche la tessera IAS fornisce gli stessi privilegi, non ne aggiunge di nuovi. L’unico punto cambiato pare sia la quota associativa, che può variare da 500$ della tessera annuale (di cui i primi sei della prima affiliazione sono gratuiti) fino ai 12.000.000$ dello status più alto (Si, avete capito bene, 12 milioni di dollari). Ma ci sono donatori che hanno offerto molto di più, si parla di 20.000.000$ e oltre.

L’altra cosa da sapere è che i cittadini USA che vogliono qualificare per la deduzione dalle tasse per le donazioni fatte alla IAS, devono versarle ad un altro ente ancora, conosciuto come la US IAS Members’ Trust (USIMT), che ha gli uffici a Los Angeles, California. Questo fondo che riceve parte dei soldi delle donazioni IAS ha una rendita annuale di circa il 6%, che di certo non viene condiviso con voi, che siete i promotori principali.

Ma non è finita qui:

La IAS è composta quindi da quattro separate corporazioni. Una l’abbiamo appena conosciuta, le altre tre sono: Theta Management Limited (TML) – Foundation International Membership Services Administration, Inc. (IASA) – Membership Services Adminitration (UK) Limited (MSA).

La IAS usa queste quattro entità perché lei stessa non può possedere nessuna proprietà o svolgere nessuna attività in maniera legale riconosciuta.

Non c’è che dire, per una associazione che vuole UNIRE sono loro stessi abbastanza frammentati.

Vediamo nel dettaglio le varie entità:

Theta Management Limited (TML):

TML venne fondata a Cipro nell’Ottobre del 1984, per effettuare raccolta fondi e servizi amministrativi per conto della IAS. Gli azionisti iniziali erano due ciprioti, Costa Kemidjis e Marina Marangos, ognuno dei quali, in accordo con le leggi di Cipro, deteneva 2500 azioni come nominati dalla IAS. Nell’Agosto del 1986, sotto direttive della IAS, Marina Marangos assegnò il dividendo delle sue azioni nominali di proprietà nella TML alla Taslaw Nominees LTD (TASLAW), una corporazione Cipriota. Nello stesso periodo, la TASLAW e Kemidjis eseguirono delle dichiarazioni di fiducia e di assegnazione in bianco dei loro dividenti TML a Pauline Chatterton ed Helen Wehl, rispettivamente. Il 15 Luglio 1987, altre 10.000 azioni TML vennero distribuite ad entrambi TASLAW e Kemidjis, soggetti a nuove dichiarazioni di fiducia e assegnazioni in bianco a Pauline Chatterton ed Helen Wehl. Il 17 Ottobre 1987, Pauline Chatterton ed Helen Wehl eseguirono dichiarazioni individuali che ognuno di loro possedeva 12.500 azioni dei servizi TML per la IAS.

TML ha dichiarato di aver pagato i dividendi come segue:

1988                 $ 200.000

1989                 $ 348.000

1990                 $ 480.000

1991                 $ 539.500

TML non ha pagato nessun dividendo addizionale da allora in poi.

IAS Administration IASA:

IASA venne fondata come una compagnia offshore sotto alle leggi delle Antille Olandesi il 22 Dicembre del 1987. Gli azionisti iniziali erano Carl Heldt e Maureen Brigatti, come fiduciari per la IAS; la loro relazione nominale venne memorizzata in una dichiarazione di fiducia datata 15 Novembre 1990. Il 31 dicembre 1991 Brigatti e Heldt entrarono in licenza con la CTM Administration Foundation (CTM), una corporazione delle Antille Olandesi sotto alla quale CTM si accordò per diventare l’azionista di riferimento della IASA come fiduciaria di Brigatti e Heldt.

IASA ha dichiarato di aver pagato i dividendi come segue:

1989                 $ 200.000

1990                 $ 525.000

1991                 $ 425.000

La IASA non ha più pagato ulteriori dividendi.

Membership Service Administration (UK Limited:

MSA venne fondata il 25 Ottobre 1988. 99 delle 100 azioni in circolazione vengono detenute direttamente dalla IASA; l’altra azione MSA è tenuta unitariamente dalla IASA e dal presidente della stessa Janet Light, per ottemperare alle leggi corporative Inglesi. MSA non ha mai pagato nessun dividendo.

Flusso di soldi tra la IAS e i suoi bracci corporativi:

Certe spese della IAS vengono pagate direttamente dai conti bancari della IAS stessa. Principalmente spese bancarie e carte di credito e parcelle professionali (Avvocati e contabili). Alcune commissioni sulle raccolte fondi vengono pagate direttamente dai conti della IAS, e in passato, anche le spese delle Convention annuali erano pagate direttamente dai conti della IAS.

La maggior parte delle spese IAS, tuttavia, vengono effettuate attraverso i suoi bracci corporativi – TML, IASA e MSA. Durante gli anni 1989/91, i fondi IAS venivano inizialmente sborsati a TML. TML poi li riversava alla IASA quando necessario per le funzioni amministrative portate avanti dalla IASA. IASA poi, allo stesso modo sborsava i fondi a MSA. Iniziando dal 1992, la IAS cominciò a sborsare i fondi direttamente alla IASA piuttosto che passare attraverso TML. I fondi MSA venivano ancora passati indirettamente attraverso la IASA.

Ma non doveva essere una SEMPLICE associazione a scopo benefico?

Cosa c’entra tutto questo con la Religione? 

Beh, non c’è che dire, un bel metodo di far sparire i nostri soldi, con possibilità di fughe di capitali verso paradisi fiscali. Sembra una pratica molto diffusa questa, nel nostro paese la usano in molti, Mafia compresa.

Inoltre, uno dei più importanti benefici legali è la salvaguardia del patrimonio personale contro le richieste dei creditori e le cause legali. Se una compagnia può essere divisa in tante compagnie separate, entrambi, i beni e le passività  possono essere protetti o diretti attraverso l’uso di multiple corporazioni. Una compagnia con beni di valore o ricavi ingenti qualche volta usa multiple corporazioni per ottenere una maggiore tutela per la responsabilità legale.

Quindi una volta entrati è difficile vederseli restituire. Ma di questo parleremo in seguito.

Cari signori, seguite il flusso del denaro, vi farà capire un sacco di cose.

Un Anonimo.

2 commenti

Archiviato in Dianetica nera, Scientology reverse, Uncategorized

SEA ORG MEMBERS ANZIANI SI SFAMANO A MEALS ON WHEELS

scientology indipendente, scientologist indipendenti

Maurizio Serafini,mentre era a Casa Minelli, mi ha raccontato una sua esperienza mentre era a Flag e stava rientrando in forza nella Sea Org….

Si trovava nei pressi di uno dei tanti Supermercati nella ridente cittadina (?) di Clearwater quando ha notato uno dei tanti barboni che gironzolano nei pressi del parcheggio.

Lo riconobbe ed era effettivamente chi non si sarebbe mai aspettato di trovare li in quella condizione.

Sappiamo bene quanto siano considerate persone di inestimabile valore gli Auditor di CL XII, chissà i C/s !?

Maurizio, se vuoi scrivi chi era e come andò…..

Mi piacerebbe che tu lo scrivessi con il tuo carattere, cosi come me lo hai raccontato.

Ma per rimanere in tema ecco a voi, grazie a Simon Go Go Go Bolivar,cosa ci ha trovato e tradotto di “bello”…..

Che Dio abbia pieta’ di coloro che hanno scaricato queste persone per strada !  – Francesco

Ci sono parecchi cittadini anziani, Ex Sea Org member dell’area di Los Angeles, che sono stati messi in ritiri per anziani o cacciati via perché non sono più in grado di lavorare per DM. Ora riescono a malapena ad arrivare a fine giornata e si sfamano a Meals on Wheels, una organizzazione no-profit che aiuta i cittadini bisognosi anziani fornendo loro pasti caldi a aiuto di ogni tipo.

Questo gruppo WOG sta facendo per gli Ex staff di Scientology ciò che David Miscavige e la sua piccola armata di “Ministri Volontari” non riescono a fare; cioè semplicemente si rifiutano di prendersi responsabilità dei loro anziani.

Lo scopo di Meals on Wheels è di promuovere la dignità e l’indipendenza del disabile, dell’anziano e delle persone senza tetto, distribuendo pranzi nutrienti e coordinando i vari servizi di cui hanno bisogno.
Non solo questo, una volta che questi poveri Sea Org Member vengono sbattuti fuori dalla Sea Org, vengono trattati come barboni, e non gli è più permesso di entrare negli spazi delle AO, tipo il CC Restaurant, o di fare corsi in una qualsiasi delle org di Los Angeles, o semplicemente di fare incontri socializzanti con scientologist attivi o appena entrati.

Questi contatti sociali sono ciò di cui hanno più bisogno, dato che essendo anziani hanno tanto da insegnare e socializzare è un grande aiuto per loro.

In tutte le società gli anziani sono rispettati e trattati con amore e compassione, in Scientology no, vengono emarginati.

Mentre i Ministri Volontari stanno aiutando degli stranieri, essi stanno trascurando i loro stessi amici. Se pensate che queste persone si trovano a Los Angeles, a un passo da casa, cosa succederà agli anziani di Flag quando diventeranno troppo vecchi per lavorare?

Vengono tenuti lontano dall’occhio del pubblico, in luoghi di ritiro per anziani, dove gli è strettamente proibito parlare di Scientology o di menzionare che sono stati sullo staff. Naturalmente il tutto viene pagato con le nostre tasse, mentre DM e i suoi confratelli stanno diventando sempre più ricchi.

Cari lettori di OSA, questo può succedere anche a voi. Cosi non dimenticate di pagare la Sicurezza Sociale per il vostro pensionamento, perché la vostra Org non lo farà. Il piccolo David sta portando tutti i soldi in Lussemburgo.

Dove vanno a farsi aiutare i vecchi scientologist quando raggiungono gli anni del tramonto?

Qui:

NEW ERA SENIORS INTERNATIONAL

Deducibilità delle tasse, “Aiuto” per gli anziani scientologist su come entrare nei programmi di assistenza pubblica, come evitare le cliniche psichiatriche, mollare il corpo con assistenza personale nel trovarne uno nuovo.

Sono solo alcuni dei vari servizi disponibili. Dovete leggerlo per crederci!

Questa cosa mi ha veramente disgustato, per il semplice fatto che gli scientologist del pubblico sono dovuti intervenire a causa del fallimento della Chiesa, che ha lasciato i suoi membri più anziani senza nessun tipo di pensione e senza soldi.

Ecco cosa hanno fatto negli anni queste persone e quali sono i loro scopi.

Ecco la Scientology lunatica dei tempi migliori:

New Era Seniors International (NESI)
Creare una Nuova Realtà per l’invecchiamento

Carolyn Holt, E.D. 323.661.1903
1405 N. New Hampshire Ave. #207
Los Angeles, CA 90027

Due tipi di attività:

  1. Aiutare gli individui anziani a trovare soluzioni per problemi particolari, attraverso riferimenti nelle risorse della comunità, ai membri del nostro gruppo di scambio, e simili. C’è una vasta schiera di risorse comunitarie per gli anziani e noi vi mostreremo come avvalervene.
  2. Preparare programmi per aiutare un grande numero di anziani, tipo network di volontariato tramite codice postale, disseminare informazioni sui rudimenti legali per problemi di fine vita, ed eventualmente delle nostre infrastrutture per un totale ritiro.
    ————————————————–
    1998 New Era Seniors Inc. (sono nel business almeno da quell’anno)

TRANSIZIONE E DISTACCO DALLA VITA

  • NESI è onorata di dare benvenuto al suo nuovo consulente per la “Transizione dalla vita”, Julie Schwartz. Julie ha molta esperienza nell’aiutare coloro che hanno deciso che è tempo di andare. Li aiuta a chiudere i loro cicli e li porta a fare shopping per un nuovo corpo! Non c’è nulla come essere Causa sulla Vita sul futuro di un altro! Magnifico! Proprio magnifico! Benvenuta Julie.

La NESI sta organizzando un affascinante seminario per quelli della zona di Los Angeles:

– TRANSIZIONE DA UNA VITA ALLA PROSSIMA – E LO FARETE A PUNTO CAUSA! –

______________$$$$$_______________

Ma eccovi i nomi dei soci di questa proficua attività di terza dinamica. Teneteli a mente.

Fondatore e Amministratore NESI – Susan Walker:

Membri fondatori dall’USA: Susan Walker, Barry N Watson, Carolyn Holt, Peggy, Barnes, Sandra Baikie, Mark Kevitt, Joan Kevitt, Constance Silton Lynn, Peters Rebecca, Weiss Sara, Smith Marilyn, Carvin Kenneth, Barrett Hedy, Oliver Frances, Jackson David, Carlson Richard, Coanda Laura Masters, Barbara Bourgeous, Kathleen Gregg, Sharron Goldwasse,r Elfreda Karle, Dorothy Livengood, Eldon Kaufman, Ron Suiter, Donnella Frost, Sue Zenger, David Hunte,r Pat Curtis, David Curtis, Cheryl Schawalbe, Marcia Powell, Willard Michlin, Clare Anahu, Judith Townsend,
Marti Marshal, Virjinia Smedberg, Shana Daum, Rebecca Mate, Marilyn Totten, Pam Kilpatrick, Dick Dimmock, Marie Dimmock, Scott Campbell, Karry Campbell, Pamela Blehert, Dean Blehert, Aileen Cronin, Julie Schwartz, David Holt, Ron Suiter, Scott Campbell, Karry Campbell; and Bud Suiter, Robyn Robichaux, Blue Monroe, Malcolm Anderson, Mario Feninge,r Suzanne Van der Merwe, Polly Hertz, Laura Malm, Tom Lynch, Lowell Alexander, Merry Alexander,
Dalla Nuova Zelanda: Alison Axford, Lynnaire Liversedge, Vicky Casement, Mary Stevens,

Ora, dire che almeno qualcuno si è preso in carico gli anni del tramonto dei vecchi SO, quando era la Chiesa a doverlo fare, è già un fatto strano, ma vediamo di scoprire se sotto sotto non c’è il trucco. Molti di noi conoscono bene le varie attività messe in piedi da scientologist con pochi scrupoli e la sfiducia è ormai realtà diffusa.

Come disse una volta l’anziano Andreotti: “Pensar male è peccato, ma spesso si indovina.”

Che non sia la solita fregatura per speculare anche sui nostri vecchi amici.

32 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Dianetica nera, Scientology reverse

LA FRODE CHIAMATA IAS

scientology indipendente, scientologist indipendenti

Ancora una volta PlainOldThetan ci sorprende con questa sua pungente critica dal sito http://possiblyhelpfuladvice.com/ 

Questa IAS pare proprio sia stata estrapolata dal film “La banda degli onesti“, capeggiata dal mitico Totò.

Solo che qui le cose sono vere e pesanti. Come veri sono i milioni di Dollari e di Euro che vengono “estorti” ai parrocchiani della Chiesa con la scusa di un qualche nuovo pericolo che minaccia la libertà spirituale delle masse. 

La IAS, essendo una associazione non a scopo di lucro, dovrebbe rendere pubblici i suoi bilanci. Scrivere chi ha donato cosa. Farci vedere, in quanto associati, dove e quanto ha speso dei NOSTRI soldi.

E non vorrei aggiungere; che i bilanci dovrebbero essere avvallati da un ente esterno alla Chiesa stessa, proprio come fanno alcune tra le migliori associazioni del mondo.

L’ultima campagna su cui la IAS ha messo l’attenzione mi fa veramente ridere.

Come può questa Chiesa parlare di “Diritti Umani” quando tiene prigioniere dentro i suoi confini centinaia di persone. Come può parlare di diritti umani quando usa forza lavoro sottopagata e schiavizzata.

Aborti forzati, disconnessione e omertà su crimini atroci sono ormai all’ordine del giorno.

Tratto dal Credo della Chiesa:

…E noi della Chiesa crediamo che le leggi di Dio proibiscano all’Uomo: 

Di distruggere la sua specie. 

Di distruggere la sanità mentale di un altro. 

Di distruggere o rendere schiava l’anima di un altro. 

Di distruggere o ridurre la sopravvivenza dei propri compagni o del proprio gruppo… 

IAS LIVE EVENT

Il giorno delle celebrazioni della Chiesa per la IAS è tra poche ore.

Naturalmente, questo giorno per la celebrazione della IAS è la scusa per avere secchiate di soldi che entrano nelle casse della Chiesa.

Perché qualcuno dovrebbe donare soldi alla IAS?

Posso vedere solamente poche e limitate ragioni.

(1) Per avere uno sconto sui servizi e materiali sovraprezzati della Chiesa

(2)  …uh… non riesco a vederne un altra.

Ai parrocchiani viene detto che la IAS sponsorizza e finanzia le Org Ideali.

Potrebbe. Ma non sta affatto sponsorizzando e finanziando una Org Ideale nelle vostre vicinanze.

Proprio adesso, vengono sollecitate grosse donazioni dai parrocchiani per la loro Org Ideale.

Dopo che il 15% di commissione viene tolto “dal mucchio” per il “vostro” Registrar, il rimanente dei soldi, forse, và verso l’acquisto di un palazzo per l’Org Ideale. Che poi rimane in possesso della Chiesa di Scientology Internazionale, non della Chiesa di Scientology di Roma (per esempio).

Spesso, il palazzo dell’Org Ideale acquistato si trova in una parte della città malfamata o ad affitto basso. Come quello di Inglewood.

(Penso che sarà divertente vedere “l’Org Ideale di Inglewood” proprio opposta alla Stazione di Polizia di Inglewood. Forse qualcuno ha pensato che in quel posto sia più al sicuro. Ma nella maggior parte delle città,  il posto più pericoloso è dove i criminali vengono rilasciati liberi sulle strade.)

Qualche volta, il palazzo di una Org Ideale è stato venduto … in perdita … perché c’era bisogno di donazioni aggiuntive  per la ristrutturazione o dei soldi per i mobili che non si riusciva a raccogliere abbastanza in fretta. O le tasse, le bollette e i soldi dell’assicurazione non si potevano raccogliere.

Si, questo è un buon uso delle massicce donazioni dei parrocchiani.

Sono stato nella Chiesa Moderna fin dal 1988. Non riesco nemmeno a dire a quanti “event” sono stato dove venivo pressato per donare i miei soldi per una qualche “Campagna Tedesca” o “Francese” o “Italiana”. Dopo le prime volte, iniziai a farmi alcune domande tipo: “Ho donato per una campagna Italiana sei mesi fa, perché la IAS è cosi inefficace?

Ora lo sappiamo, basandosi sulle testimonianze di molti “Eretici”, e sulle interviste rilasciate in Germania da Marty Rathbun, la “Situazione Tedesca” venne fabbricata dalla Chiesa stessa. Probabilmente per poter ottenere donazioni verso la IAS da non usare per correggere o aggiustare la “Situazione Tedesca”

A volte mi chiedo se la “Situazione italiana” fosse veramente meritata. O se la “Campagna Francese” fosse utile.

Ho appena ricevuto una brochure dalla IAS.

 (Non chiedetemi il significato della fotografia. Vi prego.)

La Brochure rivendica che la IAS sta rendendo i diritti umani una realtà ovunque.

La brochure va avanti a rivendicare che oggi i giornali sono pieni di atrocità sui diritti umani. Più di ottanta nazioni praticano la tortura. Si stima che ci siano 27 milioni di persone in schiavitù. Gli individui vengono trattenuti in carcere senza prove processuali in più di 50 paesi. E anche nelle nazioni democratiche le discriminazioni razziali e religiose distruggono delle vite.

Queste violazioni crudeli dei diritti umani sopprimono l’Uomo e gli impediscono di andare libero.

Io ho una idea umanitaria che la IAS potrebbe impiegare e che restituirebbe a qualcuno i propri diritti umani, fermerebbe la tortura e l’atrocità. E non costerebbe alla Chiesa nemmeno 1 cent.

Liberate Heber.

15 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Dianetica nera, Heber Jentzsch, LRH, Org Ideali, Scientology reverse

ORG IDEALI

Una fonte di informazioni interna, ha fatto trapelare alcune VERE statistiche dall’Org Ideale di San Francisco del periodo di tempo che va da Marzo ad Aprile,  prima che venissero gettate nella spazzatura.

San Francisco, naturalmente, è stata propagandata come una Org Ideale.

Le Org Ideali, a turno, sono state propagandate come “Espansione senza precedenti”.

L’ondata frontale di “espansione senza precedenti”, a turno, viene propagandata come prova che le Org Ideali funzionano e che le continue richieste di donazioni svuota-portafogli sono utili e giustificate.

(Cattedrale nel deserto)

Da ieri su tanti siti di Scientologist Indipendenti sono apparse le statistiche trapelate dall’Org Ideale di San Francisco grazie a EthicTrouble (nikname dello staff che inviato copie delle statistiche al SF WEEKLY ). Eccovi i link alle statistiche complete

 http://media.sfweekly.com/7291832.0.pdf

http://media.sfweekly.com/7291833.0.pdf

http://blogs.sfweekly.com/thesnitch/2011/09/scientology_apostate_part_i_es.php

Per me questo è un affare grosso e incredibile. Dopo tutto, per l’intero anno passato, ho esposto l’insincerità delle presentazioni statistiche della Chiesa, che reclamano di portare le prove di “espansione senza precedenti”, e giustificano la frode della Chiesa sulla campagna plumbea delle Org Ideali.

I veri lavori e parole di LRH vengono palesemente violati da questo tipo di attività truffaldina.

Naturalmente, tutto questo è ridicolo (rigettabile) perché la Chiesa, personificata dal suo Papa David Miscavige, non ha fatto altro che contraffare  le statistiche per quindici anni.

Quindici anni fa, quando si andava a un Event del Compleanno di L. Ron Hubbard, i fatti reali delle vere Org venivano presentati per mostrare la reale produzione che avveniva, e che portava una Org o una Unità a ricevere il premio per gioco del compleanno di quell’anno.

Ora ci sono solo i Phoneygraph e le pseudo-statistiche.

Le Statistiche di FSO che sono scivolate sulle riviste sono tutte bugie? Si!

Cosi la soluzione ovvia è quella di mostrare a un reporter del SF WEEKLY le vere statistiche, vero?

Dopo tutto, LRH dice che uno dovrebbe SEMPRE DOCUMENTARE LA VERITA’ PER ESPORRE LE BUGIE. (HCO PL 27 October 1974 SAFE GROUND)

O forse (molto probabile) l’Org di San Francisco sta creando freneticamente false statistiche di suo per “confutare” quelle trapelate.

Questo è il problema quando la promozione è basata su BUGIE.

Gli Scientologist che hanno un brandello di onestà rimasta, NON vogliono nuovi prospetti entrare basandosi su BUGIE.

Ma la Chiesa, nella sua deformata mentalità criminale, giustifica ogni metodo auto-creato per non rendere disponibile la VERITA’, cercando di disseminare rapidamente le BUGIE.

Cosi, quando la VERITA’ viene fuori (le vere statistiche), la Chiesa non può usare la verità per cancellare che ciò che ha dichiarato sono BUGIE. Devono generare più BUGIE e sperare che la gente creda alle nuove BUGIE.

Naturalmente, quando le pubblicazioni della Chiesa emettono dichiarazioni provate false, si dubita di ogni cosa emessa dai rappresentanti della Chiesa – tipo Jeff Quiros (ED di San Francisco Ideal Org)

La formula di DUBBIO dice che uno dovrebbe esaminare le statistiche dell’individuo, del gruppo, del progetto o Organizzazione.

Se una persona applica strettamente i principi di Scientology, quando uno sta considerando di smettere ciò che sta facendo (tipo una carriera) ed inizia qualcosa di nuovo (una nuova carriera), uno dovrebbe applicare la formula di Dubbio.

Naturalmente, per il modo in cui opera la Chiesa in questi giorni, a una persona presa di mira per diventare un nuovo membro dello staff o un membro della Sea Org NON gli viene dato la possibilità o l’opzione o i dati su come fare la formula di Dubbio.

La ricetta seguita è: “Indirizzate le persone prima che possano capire cosa sta succedendo”.

Bene, ora abbiamo alcune STATISTICHE REALI che un nuovo assunto può usare quando decide se unirsi allo staff dell’Org Ideale di San Francisco.

Guardiamo a una delle statistiche più importanti dell’ORG di SFIO (San Francisco Ideal Org), che è quella che uno dovrebbe prendere in considerazione quando prende la decisione di unirsi allo staff.

Questo è l’ammontare di soldi assegnati alla busta paga diviso per il numero di staff, ogni settimana. Di base, ci dice quanto vengono pagate le persone ogni settimana.

Primo, notate che il grafico in generale ha un trend verso il basso. Non è una buona previsione per la prima dinamica individuale (sé stessi). La statistica può essere usata per prevedere che la media settimanale della paga sarà sempre minore. Contro-sopravvivenza.

Secondo, notate che nella settimana del 14 Aprile, l’ammontare era di 19.34 $. dopo il pagamento dei contributi  e altre tasse, il membro dello staff sarà fortunato se potrà comprarsi un paio di hamburger … per l’intera settimana.

Terzo, prendere le 4 settimane di Aprile. La paga era 170.44 + 19.63 + 107.42 + 76.28 = 373.77 questo è meno di 400 $ al mese. Prima della tassazione. In una moderna metropoli come San Francisco, non puoi affittare una stanza per quattrocento dollari al mese, e nemmeno sfamarti.

Cosi, l’intera storia è stata scritta da questa statistica, è uno degli sporchi segreti della Chiesa di Scientology.

Se sei sullo staff di una cosi chiamata “Org Ideale”, devi avere un secondo lavoro part-time, un lavoro non della Chiesa per poter sopravvivere. Naturalmente, se hai un secondo lavoro, avrai bisogno di un auto (e serve assicurazione e benzina, manutenzione e bollo), e vestiti decenti per la vita in società (non le uniformi da morto che cammina offerte dalla chiesa).

Nonostante tutto questo, quando il reclutamento è avvenuto, il reclutato sente ripetitivamente le parole “il maggior bene per il maggior numero delle dinamiche”. Ciò che non viene detto al reclutato è che il “maggior bene per il maggior numero delle dinamiche” non include il reclutato stesso.

Scritto da Plain Old Thetan – http://possiblyhelpfuladvice.com/

12 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, Dianetica nera, LRH, Org Ideali, Scientology reverse

ABUSE AT THE TOP by Amy Scobee SECONDO CAPITOLO

ECCO A VOI IL SECONDO CAPITOLO DI ABUSE AT THE TOP , GRAZIE A SIMON BOLIVAR PER IL SUO GRANDE LAVORO DI TRADUTTORE !

——————————————————————————————————————————————————

CAPITOLO 2

Unirsi alla Sea Organization

La Sea Organization (Anche Sea Org o SO in breve) è definita nel sito della Chiesa Ufficiale di Scientology come segue:

“La Sea Org stabilita nel 1967 una volta operava su una serie di navi. Venne formata da L. Ron Hubbard durante la ricerca di civiltà precedenti e supervisiona l’organizzazione delle chiese in giro per il mondo. I primi membri della Sea Org formularono una promessa di un miliardo di anni per simbolizzare la loro appartenenza a questa religione come esseri spirituali immortali. Viene firmato oggi da tutti i membri. La Sea Org è anche fiduciaria per l’amministrazione dei servizi superiori di Scientology. La Sea Org prende il nome per celebrare il fatto che la vita di Mr. Hubbard è stata di frequente connessa col mare. Tuttavia, oggi la maggioranza dei membri della Sea Organizzation sono di base a terra, per mantenere la tradizione dell’ordine iniziale, ancora oggi vestono uniformi marinare e hanno gradi e qualifiche. I membri della Sea Org lavorano molte ore e vivono in comunità con alloggio, pasti, uniformi, cure mediche e dentistiche fornite dalla Chiesa. Partecipano all’addestramento e all’auditing di Scientology durante una parte della giornata, ma altrimenti dedicano loro stessi nel promuovere gli obiettivi di Scientology attraverso le loro particolari funzioni.”

Era il Settembre del 1979. C’erano voci di un event di espansione che si doveva tenere nella chiesa di Seattle per tutti gli scientologi locali da parte di ufficiali della Sea Org. La partecipazione era obbligatoria. Mia madre e io andammo all’event assieme. Mentre la gente arrivava, venimmo introdotte e fatte sedere in una grande sala.

Prima che l’event iniziasse, vennero passati dei sondaggi che il pubblico doveva compilare, con domande dettagliate sulle nostre qualifiche individuali, del tipo se avevamo mai preso LSD, se eravamo mai stati messi in manicomio, se avevamo dei precedenti criminali, oppure grossi debiti e cosi via. La mia risposta ad ognuna di queste domande fu, “No”. I sondaggi vennero raccolti e l’event iniziò.

L’oratore venne fuori e ci informò della strategia per rendere Scientology una parola familiare internazionalmente e su quanto fosse vitale per ognuno salire a bordo per aiutare a farlo diventare realtà. Aveva una grande mappa del mondo dietro a lui e additava i piccoli punti rossi come località dove c’erano le attuali Chiese, che apparivano minuscole se paragonate alla dimensione del pianeta.

Nel mezzo dell’event, l’oratore lesse una lista di persone che dovevano rapportarsi immediatamente in una stanza sul retro per un breefing privato.

Il mio nome era nella lista.

Sentì il mio cuore battere più forte e non riuscivo a capire come sapevano il mio nome. Avevo dimenticato di aver compilato il sondaggio prima dell’event.

Il nome di mia madre non era sulla lista, cosi dovevo andare al breefing speciale senza di lei. Mi rapportai sul retro, assieme ad altri venti del pubblico.

L’oratore principale dell’event (chiamato Don) venne nella stanza sul retro, assieme ad altre tre persone vestite in uniforme completa della Sea Org (cappelli navali, mostrine dorate, guanti bianchi, cordoni intorno alla vita – il lavoro). Ci informò che eravamo i pochi selezionati che erano qualificati e che dovevamo tutti unirci al gruppo d’elite della Sea Org – subito!

Don disse che mentre si sarebbe spostato alla prossima città per prendere a bordo sempre più gente, due membri della SO sarebbero rimasti a Seattle per prepararci a fare le valigie e mandarci nella Sea Org.

Ci allungò dei contratti della Sea Org, ci fece mettere in piedi, alzare la nostra mano destra e ripetere il codice di un membro della Sea Org assieme lui. Questa si chiama la “cerimonia di giuramento”. Dovevamo poi tutti firmare il contratto, giurando di lavorare a tempo pieno per il prossimo miliardo di anni.

Non sapevo quello che stavo facendo. Mi meravigliavo perché il nome di mia madre non fosse stato chiamato e cosa avrebbe pensato. Non osavo chiederlo agli ufficiali della Sea Org. Ognuno stava seguendo ordini e credetti che era meglio lo facessi anch’io. Chiesi che tipo di lavoro avremmo fatto e la risposta fu, “”La nostra missione è di mettere l’Etica In su questo pianeta e nell’Universo. Ti stai unendo all’elite dell’elite, responsabile per maneggiare gli psichiatri soppressivi che esistono qui e ora e quelli che implantano gli esseri tra le vite cosi da rendere il clearing planetario possibile”.

Ero senza parole.

L’intermezzo era finito, ognuno venne rimesso a sedere e quelli del retro si riunirono al resto del pubblico per ciò che rimaneva dell’event. L’oratore tornò e annunciò i nomi di coloro che si erano appena uniti alla Sea Org. Ci fu una standing ovation immediata! Evviva ad alta voce! Eravamo eroi!

Mia madre cadde quasi dalla sedia. “Non esiste – non hanno capito che sei ancora minorenne? Non hanno il consenso dei genitori. Sei solo al liceo e ora non riceverai una vera educazione. Come possono farlo senza discuterlo prima con me? È fuori discussione!”

Tornai dal reclutatore e gli dissi che non potevo andare dato che non era stato coordinato con mia madre.

Come leoni che azzannano una preda, gli ufficiali della Sea Org erano tutti sopra mia madre per maneggiare le sue “contro-intenzioni verso l’espansione di Scientology”.

Alla fine, dopo avergli promesso che avrei assolutamente continuato a frequentare la scuola per prendere un diploma superiore, che avrei avuto tre settimane all’anno per visitare casa e che avrei potuto mantenere una comunicazione di routine con la famiglia (tutto questo si scoprì essere una sfacciata bugia), mia madre firmò i documenti per il consenso familiare, approvando che io mi unissi alla Sea Org – in forma effettiva – non appena avessi compiuto 16 anni, che sarebbe stato solo poche settimane dopo.

I reclutatori mi fornirono una lista di cose da maneggiare prima di dovermi rapportare per il servizio. La mia principale preoccupazione era dirlo a mio padre, che non sapeva nulla di Scientology. Mi dissero che ciò che mi serviva era una storia di copertura (A Shore Story), cosi dovevo dirgli di aver ricevuto una grossa offerta e che sei partita per diventare una modella a Parigi. Io e mia madre andammo a visitare mio padre e questo fu ciò che gli dicemmo. Era cosi orgoglioso di me! Pensai che avrei potuto vomitare.

Dopo alcune settimane che avevo firmato il mio contratto con la Sea Org, mi venne prenotato un volo per Los Angeles. Era la prima volta che andavo via da casa ed il primo aereo su cui salivo. Arrivai a Hollywood, in California il 31 Ottobre del 1979 – la notte di Halloween.

All’aeroporto non c’era nessuno ad aspettarmi, provai a chiamare il numero di telefono che mi avevano fornito ma non riuscì a parlare con nessuno. Provai per circa due ore, cercando per diversi numeri della  “Chiesa di Scientology” nell’elenco telefonico. Avevo con me tutto il mio bagaglio e nessun indizio dove dovevo andare. Non volevo rimanere nell’aeroporto più a lungo, dato che sembravo abbandonata e mi sentivo insicura a dovermi sedere là.

Alla fine qualcuno rispose al telefono e mi disse che dovevo prendere un taxi e che loro mi avrebbero atteso all’arrivo per pagare la corsa quando sarei arrivata. Pregai che fossero davvero stati lì questa volta. Fortunatamente c’erano.

Venni assegnata in un dormitorio del grande palazzo blu, su Fountain Avenue, chiamato il “Complex”. In precedenza questo palazzo era un ospedale e tutti i corridoi e le stanze ancora sembravano cosi, senza moquettes, solo pavimenti di fredde piastrelle. Le stanze erano senza doccia. Uno doveva percorrere tutto il lungo corridoio dove c’era una stanza per le docce in comune. C’era una stanza per gli uomini e una per le donne. Ci voleva una chiave per entrare, che non mi era stata data. Cosi dovetti rimanere nel corridoio con il mio asciugamano e lo shampoo fino a che qualcun’altro passò per la porta e io potessi entrare. Nel mio dormitorio c’erano dei letti a castello a tre piani. I materassi erano vecchi e scomodi, inoltre, a me i letti a castello non piacevano proprio.

Sentivo già la nostalgia di casa.

Dopo la mia prima notte senza riposo, svegliandomi ogni ora con la paura di cadere di sotto dal letto a castello in ogni momento, chiamai mio padre e gli confessai di aver mentito. Gli dissi che non sarei diventata una modella a Parigi, ma che mi ero unita a Scientology a tempo pieno e che ora ero nella Sea Org a Los Angeles, su di un contratto di un miliardo di anni.

Piansi tutte le lacrime che avevo, spiegandogli che ero dispiaciuta per le bugie e che non pensavo avesse capito se gli avessi detto la verità. Naturalmente, era arrabbiato di questo fatto, ma sorprendentemente non con me. Mi disse che avrebbe fatto causa a mia madre, per ottenere la mia piena custodia e nel frattempo mi avrebbe riportato a casa immediatamente.

“Adesso, l’hai veramente combinata grossa Amy”, pensai. si supponeva che mi sarei comportata come un adulta, eppure stavo combinando guai con ogni cosa. Non volevo far sapere agli ufficiali della Sea Org che avevo pianto come un neonato con mio padre, il quale ora voleva riportarmi a casa, e sicuramente non volevo creare ripercussioni a mia madre, che per me è sempre stata tutto.

In qualche modo convinsi mio padre che trovarmi qui era stata una mia decisione sentita – era ciò che volevo fare nella mia vita – e la mamma non doveva essere biasimata di nulla. Mi disse che mi voleva bene e che rispettava la mia decisione. Fino a che ero felice io, lui sarebbe stato felice per me. Mi disse chiaramente che se volevo tornare a casa, per me ci sarebbe sempre stato.

In tutti questi anni, questa conversazione mi è passata per la mente molte, molte volte e dolorosamente ho sempre desiderato casa.

Chiamai mia madre e le dissi cosa era successo. Lei mi disse che non appena mio fratello (che è più vecchio di me di un anno e mezzo) fosse andato via di casa e che lei avesse maneggiato alcuni debiti, ecc… anche lei si sarebbe unita alla Sea Org e poi ci saremmo ritrovate ancora una volta assieme.

Halleluia! Pensai che alla fine ogni cosa si sarebbe risolta per il meglio.

Dopo un breve orientamento in giro per il Complex, mi venne fornita la schedula che includeva nove ore di lavoro sul ponte, mezz’ora per l’igiene personale, cinque ore di studio dei materiali di base sulla Sea Org, mezz’ora per i pasti e la colazione e otto ore di sonno.

C’era un sacco di lavori di ristrutturazione in corso in quel periodo. Tutti i corridoi venivano verniciati, molte stanze vuote venivano trasformate in uffici e stavano posando nuovi pavimenti. Stavamo togliendo l’isolamento di fibra di vetro dal soffitto di una intera ala del Complex.

Pur indossando piccole maschere protettive sul viso, ero piena di fibra di vetro ovunque, mentre la strappavamo via e insaccavamo il vecchio isolante. Questo materiale non si lavava via nella doccia – potei sentire piccole particelle di fibra di vetro su tutta la mia pelle per giorni interi.

Non lo volevo fare più, ma l’Incaricato della nostra unità disse che dovevo imparare ad essere OT e “confrontare l’universo fisico senza ritrarmi” altrimenti avrei fallito rapidamente come membro della Sea Org.

Fu in questo frangente che mi venne insegnato a non mostrare “reazioni e emozioni umane” (Chiamate HE&R dagli scientologist). Se uno mostrava un qualsiasi turbamento, veniva squadrato pesantemente e classificato come drammatizzazione della propria mente reattiva o del proprio “caso”. Potevano venire scritti dei rapporti su di te per questa cosa, ed era policy della Chiesa che nella Sea Org, mostrare di frequente il “caso sul posto” poteva farti assegnare al Progetto Forza di Riabilitazione (RPF).

Tutto ciò che sapevo dell’RPF a quel tempo, era ciò che avevo visto quando mi imbattevo nel Complex di LA con un gruppo di persone che correvano ovunque andavano nelle loro divise nere, facendo lavori che facevano sembrare la rimozione della fibra di vetro come una vacanza.

In una particolare occasione, osservai gli RPFer che pulivano quello che veniva chiamato “il budello dei topi”. Un lungo e angusto spazio sotto alla cucina del Complex dove filtrava l’acqua stagnante, mescolata a particelle di cibo. Ci potevi entrare solamente strisciando sullo stomaco nel fango. Dovevano drenare l’intero posto con dei secchi e ripulirlo al guanto bianco.

Quel posto era chiamato “il budello dei topi” per una ragione. Ma poteva benissimo chiamarsi anche “il budello dei vermi e degli scarafaggi”.

Cosi, imparai la mia prima lezione basilare molto bene: Non è bene rispondere a un superiore o mostrare una qualsiasi emozione – dovevi semplicemente fare ciò che ti veniva detto o le pene sarebbero state troppo macabre da sopportare.

Studiare di notte, dopo una lunga giornata di lavoro era uno sforzo. Stavamo studiando tutto sulla storia della Sea Org e su come operare sul mare, il che significa che il materiale era pieno di termini nautici. Il mio naso era immerso nel dizionario per la maggior parte del tempo, cercando di comprendere la terminologia. Non sapevo nulla sulle navi. Stavo annegando nella confusione ed iniziai a riavvolgere velocemente i nastri su come operare su di una nave.

“Dato che al momento la Sea Org non ha nessuna nave, cosa farò dopo aver finito l’addestramento di base?”, chiesi. La risposta fu che sarei “salita sull’arcobaleno”.

“Cosa cavolo!?” dissi sorpresa.

Mi venne detto che era altamente confidenziale e che lo avrei scoperto solo quando ci sarei stata. Lo dissero per via delle mie qualifiche, ero una delle poche prescelte ad avere il privilegio di andarci.

Nella mia mente, la domanda logica successiva fu se anche mia madre ci sarebbe andata “sull’arcobaleno” quando fosse arrivata in Sea Org. Cosi chiesi e la risposta fu “No”.

Era tutto ciò che avevo bisogno si sentire.

Io e un altro membro della Sea Org (anche lei non era felice della sua esperienza in Sea Org) decidemmo che tutto questo era troppo e che la Sea Org non era per noi. Andammo su al dormitorio e ci chiudemmo in stanza. Sprangammo la porta e mettemmo una sedia sotto al pomello della porta cosi che nessuno potesse entrare. Me ne andavo dalla Sea Org.

Molte persone provarono a farci aprire la porta ma non demordemmo. Alla fine mandarono su Don (il mio reclutatore d’origine) che si sedette fuori della stanza e ci persuase a lasciarlo entrare.

Gli dissi che NON sarei andata su all’arcobaleno – se non potevo lavorare vicino a mia madre da qualche parte, volevo tornare a casa.

Dopo molta attesa, mentre fuori della stanza del dormitorio veniva coordinato il tutto, venni rassicurata che i piani ora erano cambiati e che sarei stata messa sul posto dove mia madre poteva in seguito unirsi a me. Pensai, “Se è veramente il caso, allora coopererò”.

Non appena il nostro addestramento di base fu finito, un gruppo di noi venne riunito e fummo informati che avremmo formato un network internazionale di ufficiali per il reclutamento di personale per la base di terra di Flag a Clearwater. Dovevamo scegliere un continente dove andare e a me venne data la prima scelta. Scelsi l’Europa.

Era un po’ ridicolo, dato che non conoscevo altre lingue, non sapevo nulla sugli usi e costumi, sui visti, cambio di valuta o qualsiasi altra cosa che questo lavoro richiedeva per trasferire del personale in un altro continente. Ricordo di aver pensato che mio padre sarebbe rimasto impressionato se fossi riuscita a ritornare in Europa dopo tutto – nonostante il mio fiasco iniziale.

Inoltre, una coppia più anziana (anche loro originari della zona di Seattle), scelse di andare in Africa e dopo che ognuno fu assegnato alle zone rimanenti, inclusa l’Australia/Nuova Zelanda, il Canada, il Regno Unito e l’America Latina, ci venne fornito il pacco informativo con le pubblicazioni di base su cosa il posto comportava, assieme alla completa uniforme di tipo marinaresco, cappello e tutto il resto.

Mi sentivo importante e pensai che sembravo più sveglia nella mia nuova uniforme. Infatti, la indossai durante le mie dodici ore di volo fino a Copenhagen.

Quando arrivai all’altro capo, c’era qualcuno ad attendermi. Il suo nome era Morgan, un uomo svedese molto carino dalla carnagione scura.

Il contatto fu immediato, non poteva non vedermi con la mia uniforme addosso, i miei capelli biondi lunghi e il mio brillante cappello navale bianco con un grosso simbolo della Sea Org proprio nel centro.

Dopo aver raccolto tutti i miei bagagli ed essere usciti dalle porte dell’aeroporto, la sorpresa fu shoccante. Non avevo chiesto sulle condizioni del tempo che c’erano a Copenhagen a novembre prima del mio arrivo. Non avevo il cappotto e la mia gonna, le calze e i tacchi alti erano davvero inadeguati per la temperatura molto al di sotto dello zero, specialmente perché dovevamo camminare fino alla locale stazione degli autobus con il mio bagaglio per prendere il bus fino in città verso la nostra destinazione.

Alla fine arrivammo alla base della Sea Org di Copenhagen. Caldo alla fine! Mi venne mostrato il mio dormitorio e Morgan mi aiutò con le valigie. Almeno i letti a castello erano solo due e la stanza aveva i tappeti e il suo bagno privato. Benché lì fosse ancora presto, ero molto stanca, cosi mi feci una doccia calda e mi misi a dormire.

Entro le seguenti 24 ore arrivò Don con il progetto di mettermi sul posto. Fu bello vedere una faccia familiare. Mi ero appena orientata quando arrivò. Non avevo un ufficio e ancora risentivo del jet-lag.

Dato che questa era la base centrale della Sea Org per il continente, i membri della Sea Org arrivavano da tutta Europa e parlavano molte lingue diverse – Tedesco, Svedese, Danese, Spagnolo, Italiano, Francese e molte altre.

Fortunatamente, l’inglese era la lingua principale che ognuno usava per comunicare con gli altri. C’erano circa 80 staff. Io ero una dei soli tre americani che c’erano.

La prima cosa che Don voleva fare era di sistemarmi in un ufficio vicino all’ingresso dato che avrei intervistato prospetti di reclutamento. Localizzammo uno spazio ed iniziammo a traslocarci li dentro, fino a che di botto un uomo Francese, con l’energia di un filo in tensione, volò giù dalle scale e attraversò la stanza. Ci informò che non avremmo occupato quell’ufficio all’ingresso dato che aveva pianificato di usarlo per il suo reclutamento. Fu la prima volta che incontrai Guillaume Lesevre. Era l’ufficiale in comando al di sopra di tutte le organizzazioni di Scientology in Europa in quel periodo. Ancora non sapevo che avrei lavorato spalla a spalla con Guillaume per la maggior parte dei 20 anni passati nel management internazionale.

Traslocai in un piccolo ufficio condiviso al terzo piano, mi venne fornita una lista delle potenziali reclute da contattare e quindi Don mi augurò “buona fortuna” e uscì dalla porta verso la sua prossima destinazione.

Provai a chiamare alcune persone del prospetto ma rapidamente scoprì che quasi nessuno in Europa parlava Inglese come seconda lingua. Cosi iniziai a scrivere lettere e a fare favori alle persone cosi mi avrebbero aiutato con le traduzioni. Di base sentii che stavo perdendo tempo e non riuscivo a mandare nessuno a Flag. Poi un giorno arrivò per me una nuova opportunità. Ricevetti un telegramma dall’uomo di Advance per il Tour Mondiale di Flag, che diceva che avrebbero tenuto un grande evento a Parigi nei giorni successivi e che ci sarei dovuta andare per reclutare persone per Flag. Mi vennero dati i fondi per acquistare i biglietti del treno per Parigi e per una notte in un albergo mentre ero là.

E cosi, andai a Parigi! Pensai, “Wow – aspetta che lo sappia mio padre!”

Il viaggio in treno durò una intera giornata. Non portai nulla da mangiare e l’unico cibo che veniva venduto in treno era una barra di cioccolato Svizzero lunga 30 cm, che fu ciò che mangiai.

Arrivai a Parigi e dopo essere passata per la dogana ed aver convertito le mie corone Danesi in Franchi Francesi, presi un taxi per il mio hotel, mi cambiai nella mia uniforme e andai alla sala dove si teneva l’event. Quella sera, intervistai alcune persone e passai in giro dei sondaggi per ottenere nomi e informazioni sulle qualifiche da seguire più avanti. Poi assieme allo staff dell’event andammo a mangiare in un ristorante locale chiamato “L’elefante rosa”. Non mi suonava molto Francese e infatti non lo era.

Dopo cena ritornai alla mia stanza d’hotel. Il mio treno per la Danimarca doveva partire circa verso mezzogiorno del giorno seguente. Ero un po’ triste che il mio soggiorno fosse stato cosi corto dato che non avevo visto quasi nulla, ma felice che fossi potuta venire qui.

Il mattino seguente, uscii dall’hotel e andai verso la sotterranea per arrivare alla stazione dall’altra arte della città. Tuttavia scoprii che non avevo abbastanza soldi rimasti per coprire il biglietto e quindi non mi fecero entrare. Adesso non sapevo veramente come fare per arrivare alla stazione dei treni.

Ed eccomi lì, a 16 anni, da sola, nel mezzo di Parigi e senza soldi. Se non prendevo quel treno, non avrei saputo come ritornare in Danimarca. Non avevo chiesto il numero di telefono di nessuno dei miei colleghi e non sapevo nemmeno in che hotel stavano. Provai a farmi aiutare dal personale della sotterranea ma nessuno pareva parlasse Inglese.

Rimasi ferma là in piedi. Un uomo mi si avvicinò e mi chiese, “Ti sei persa?” “Wow”, pensai, “Qualcuno che parla Inglese!” gli dissi che stavo cercando di arrivare alla stazione dei treni e che non avevo abbastanza soldi per prendere la metropolitana per arrivarci. “Nessun problema”, mi disse, “Sarei felice di accompagnarti io”.

Pensai che tutto questo poteva essere veramente buono o veramente cattivo. Non avendo nessun altro a cui appoggiarmi, accettai l’invito. Non sembrava una persona che avrebbe provato ad approffittarsi di me. Mi chiese a che ora avevo il treno e gli mostrai il mio biglietto. Disse che avevamo molto tempo cosi mi avrebbe mostrato un po’ della città. Dato che ero in macchina con lui e non sapevo dov’ero o in che direzione era la stazione dei treni dissi “Okay”.

Mi portò a vedere la Torre Eiffel, fu spettacolare. Mi portò in un vero ristorante Francese dove feci un magnifico pranzo. Mi comprò un filone di pane Francese appena sfornato e del formaggio da portarmi nel mio lungo viaggio fino in Danimarca e poi mi mise al sicuro sul mio treno, perfettamente in orario.

Ringrazio Dio perché esistono persone cosi carine al mondo.

Fu solo alcune settimane dopo l’ultimo dell’anno che mi venne ordinato di rapportarmi a Flag a Clearwater in Florida per una riassegnazione. Ero eccitata di poter finalmente vedere la Base di Terra di Flag. Avevo letto dei volantini sulla base che avevano un sacco di foto con palme e splendide spiagge bianche. Sembrava il paradiso.

… continua

26 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Dianetica nera, LRH, Scientology reverse, Uncategorized