Archivi categoria: SUCCESSI

Successi dal Ponte Indipendente

Ecco altri due bei successi sui Livelli superiori della Scientology indipendente.

Il Lavoro era libero, mantenetelo così. L.R.H.

Durante tutto il mio auditing l’entusiasmo mi ha sempre guidato nel raggiungere grandi successi e nel superare i momenti più difficili, ma è su OT2 che sono riuscita a realizzare il sogno più grande in questa vita.
Mi emoziono solo a pensarlo.
Durante OT2 ho ricevuto il dono più grande, quello di reincontrare l’uomo che amo ed ho sempre amato, dopo quasi 50 anni di ricerca in questa vita.
OT2 è stato un passaggio importante attraverso il quale ho capito che le cose accadono nel momento in cui sei davvero tu a volerle, nessun altro. Sono riuscita a separare me stessa da tutto ciò che non mi appartiene ed a quel punto la mia vita è cambiata. Ho sentito clienti o persone arrabbiate con me che hanno voluto riallacciare la comunicazione, ho visto problemi o situazioni difficili risolversi senza che io intervenissi fisicamente nel mest: ho sperimentato che sono in grado di influenzare il mest indipendentemente dalla mia presenza fisica. Le cose accadono.
Mi voglio più bene perché comprendo realmente chi sono, un essere buono e degno di grande fiducia. Tutto il resto non conta più.
E voglio molto più bene a tutti gli esseri del mondo, in cui vedo il grande valore ed unicità.
Ora sono pronta per iniziare il nuovo cammino e superare il muro del fuoco!

E.

Successo OT6/7

Da dove comincio? Dal fatto che mi accorgo giorno dopo giorno, session dopo session di essere sempre piu’ causa sulla vita? Ma non solo la MIA.
L’universo e’ quello che voglio io.
Sono molto piu’ calmo, sorridente e tranquillo con la consapevolezza che tutto andra’ bene.
Incredibile sensazione di leggerezza.
Devo stare attento a cosa postulo perche’ le cose si avverano sempre e sempre piu’ velocemente mi rendo conto del mio power immenso.

Grazie LRH
Grazie L., fedele amico e C/S

D.

Lascia un commento

Archiviato in Casa Minelli, fenomeni OT, LRH, OT, Scientology indipendente, SUCCESSI, Tecnologia Standard

Un nuovo Clear

Ed ecco un nuovo Clear Indipendente!

Un altro grande passo verso la de-aberrazione di questa fetta di universo.

Ognuno contribuisce vivendo la vita, in positivo o in negativo.

Complimenti a M., ora il tuo potere di creare vita e gioia

per te e le dinamiche è notevolmente aumentato.

Siamo certi che ne farai buon uso!

Gennaio 2022

Quanto fascino esercita l’idea di ricordare le vite precedenti! Eppure ciò che mi appare, oggi, ben più importante è ricordare cosa succede tra una vita e l’altra.

Nella session di oggi sono scivolata abbastanza velocemente in una situazione in cui venivo esposta ad un raggio luminoso talmente potente che dimenticavo tutto.

La sensazione di perdere la propria identità, attraverso la cancellazione dei ricordi, provoca un senso di sgomento e perdita.

Ci si ritrova con una sorta di “ingenuità”, di vuoto…

Rinasciamo così, senza ricordi e ricominciamo tutto da capo, poveri noi!

Durante il procedimento di cancellazione provo rabbia, i ricordi si perdono, si smembra l’identità terrena verso la quale ho sviluppato un attaccamento insano. Non è possibile “resistere” a questa luce ma sento che mi resta dentro questa voglia di “combattere” e di trovare una via di fuga, anche se mentre resisto, temo non sia possibile. 

È come se l’identità umana si sia sovrapposta al Thetan, invischiandolo in questo attaccamento alla materia.

L’incredibile processo dell’Auditing gratta via i sedimenti, si fa strada in un labirinto altrimenti inestricabile.

Pezzo dopo pezzo la verità emerge, spazzando via relitti pesanti e  incomprensibili, che ci trasciniamo dietro da tempi immemorabili.  

Attraverso filtri a maglie fittissime,  si comincia a creare lo spazio in cui la vera Essenza comincia a riappropriarsi di sé stessa e della sua verità. Ci si scrollano di dosso ciò che sembra “fisso” e immutabile e si raggiunge uno stato in cui la realtà diventa più fluida.

Spesso si sente parlare di “Risveglio” e l’immagine è calzante. Personalmente è proprio quello che sto percependo, come risvegliarsi da un sonno profondo.

In questo momento mi sento di poter attraversare questo mondo, questa vita, in modo totalmente diverso da come ho sempre pensato. Ho la precisa sensazione di poter riprendere le redini della mia esistenza dopo averle cedute troppe volte.

…e nella session successiva…

Oggi Guido mi ha chiesto se ero pronta ad attestare lo stato di Clear. Con un po’ di emozione ho risposto affermativamente.

Cosa significa arrivare a questo grado?

Al di là degli aspetti specificatamente “tecnici” io posso dire quello che rappresenta per me.

Mi guardo intorno e mi muovo con una consapevolezza nuova. Sono qui su questo pianeta e ogni situazione che mi si presenta la posso affrontare senza drammatizzarne gli aspetti negativi (o quelli positivi). Quello che è, è. Non c’è recitazione o ricerca di status. I miei intenti e le mie azioni non mirano più a un successo personale, la cui idea mi fa sorridere.

Ma poi “successo” decretato da chi, se non da me stessa?

È diventato tutto molto più simile a un gioco, in cui si gioca con un certo impegno.

Allo stesso tempo, se è un gioco, c’è sempre modo di prendere la cosa con la dovuta leggerezza, sia che lo vinci, sia che lo perdi.

Qui è tutto passeggero ed è spaventoso come ci siamo impantanati e come vogliamo rimanere in queste sabbie mobili.

Già da alcune settimane sento che il mio tono è alto e permane in questo stato.

M.

3 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, Scientology indipendente, SUCCESSI, Tecnologia Standard

Successo sui procedimenti LX

Ecco un altro bel racconto di come l’auditing di Scientology Indipendente può cambiare la vita delle persone

Oggi è il primo giorno dell’anno, quale giorno migliore per scrivere un successo e soprattutto di questa entità, è come dire chi comincia bene, andrà bene nei secoli dei secoli, ho finito pochi giorno or sono i procedimenti LX. Quando iniziai il mio percorso in Scientology e cominciai a capire qualcosa del ciclo infinito che era questo cammino, cominciai a sostenere che non poteva esserci clear se non si fosse occupato dei procedimenti che riguardavano il suo caso, alle infinite aberrazioni che riscontravo all’interno delle Chiese, davo, ed ad oggi ho solo delle conferme, che tali aberrazioni risiedevano nel fatto che i procedimenti sono parte integrante ed indispensabile per togliere massa degradata al nostro thetan, non a caso qualcuno li ha inventati come parte integrante di ciò che serve alla razza umana, non sono un braccialetto, un diploma ma vanno ben oltre, conferiscono una beingness a cui nessuno si può sottrarre, è la massima espressione di responsabilità che noi tutti abbiamo verso noi stessi, a questo proposito mi vengono in mente alcune righe del manuale di studio dove L.R.H. invita, spiegando l’importanza dello studio e definendo studiare una responsabilità a cui non ci possiamo sottrarre, i procedimenti funzionano esattamente con lo stesso criterio, potrei scrivere pagine di esperienze vissute durante questi procedimenti, ometto di farlo per non annoiare chi avrà la voglia di leggere queste righe, qualche passaggio invece ritengo doveroso condividerlo con i vari lettori, è un atto dovuto sempre per responsabilità, non vi dirò di fare questi procedimenti vi dico semplicemente di prendere buona consapevolezza di ciò che serve al vostro caso e dateglielo senza esitare, diversamente sarà il più grande atto malvagio verso voi stessi, se vi piace, o no, poco conta questo è il grande cammino di Scientology, quando ho iniziato questi procedimenti non sapevo nemmeno cosa stessi iniziando, avevo solo un impulso dentro di me che mi diceva di andare a raschiare, qualcosa non andava come doveva, mi sono messo nelle mani del mio C/S e del mio auditor ho iniziato con tutta l’audacia che avevo, senza pensare a nulla, lo scopo era trovare ciò che non andava e come per magia l’ho trovato, dopo poche sedute ho realizzato il grande dramma delle valenze ed il caso vuole che i procedimenti trattavano proprio le valenze, le ho percorse tutte, una dopo l’altra, senza mai sottrarmi, fino alla fine, raggiungendo i fenomeni finali come prima non era mai accaduto, ho eliminato le valenze che mi distruggevano, ma questo rispetto al tutto è nulla, ho avuto modo di sdoppiarmi abbandonare totalmente ciò che ero e se mi chiedete chi ero non me lo ricordo più e non mi interessa saperlo, so per certo che non sarò mai più la persona che ero, siate ingordi di conoscere voi stessi, andate alla scoperta di chi siete e da dove venite, non sottraetevi con indifferenza a ciò che è parte integrante delle responsabilità che ci siamo presi quando abbiamo iniziato il percorso di Scientology, non commettete il grave errore di pensare che i livelli OT sostituiscono in qualche modo o forma i procedimenti che riguardano il nostro caso, CLEAR, STUDIO, PROCEDIMENTI, LIVELLI OT NON SONO UNO IL SOSTITUTO DELL’ALTRO, oggi, grazie a qualcuno per fare tutto ciò non bisogna mangiare pane e cipolle o vendersi la casa, è sufficiente prenderci la responsabilità di noi stessi, dobbiamo stare di fronte al grande lavoro che dobbiamo fare ed a cui non ci possiamo sottrarre, per chi fa parte del gruppo Indipendenti, non ha più alibi.

Sfruttate questa grande opportunità che sono gli Indipendenti, spremete il vostro auditor e C/S, siate pure spietati, lo scopo in questo caso giustifica anche l’essere spietati, datevi come priorità il cammino di Scientology, tutto il resto è noia.

Buon anno a tutti vi scriverò presto per raccontarvi del mio prossimo procedimento.

Ciao S.

Lascia un commento

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, Scientology indipendente, SUCCESSI, Tecnologia Standard

Un nuovo Clear

Si è fatto un bel regalo per Natale il nostro amico B.

Sicuramente il più bello dopo eoni.

Ed è un magnifico regalo anche per tutti noi

Congratulazioni e auguri per la tua scintillante

strada verso ulteriori e nuove consapevolezze

Finalmente la consapevolezza di essere al di là di tutti i trucchi dell’universo MEST (massa, energia, spazio e tempo).

Ora la mia percezione non ha limiti.

Grazie Ron

B.A.

2 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Scientology indipendente, SUCCESSI

Pensieri notturni

Prosegue il viaggio di M. nella “Terra Incognita”, quante scoperte… quante meraviglie… grazie per volerle condividere con noi.

Questa notte mi sono svegliata intorno alle 2 e 20 e sento che è caduto un velo, anzi a dire il vero i veli sono parecchi. L’esperienza che descrivo scaturisce dalle considerazioni su un sogno che avevo appena fatto, nessun significato, nessun simbolo particolare ma una sensazione, già vissuta altre volte che i luoghi siano “sovrapposti”.

Sogno un luogo preciso e percepisco che corrisponda ad un altro posto, come se camminassi per Roma ma in realtà sapessi che si tratta di Parigi.

Interessante, mi sono detta…

Lo spazio… Siamo abituati a pensarlo e a percorrerlo in lungo e in largo ma tutto sommato c’è anche l’altezza.

L’altezza si è subito fusa con la forza di gravità.

La forza di gravità è un limite, qualcosa che ci tiene attaccati qui, così come lo spazio e il tempo, quante prigioni…

Poi mi viene in mente lo Statico, un concetto che fino ad ora avevo avuto molta difficoltà ad integrare e ad accettare come reale.

Cosa significa non avere massa? Non avere posizione nello spazio ecc. ecc.

Se io come Thetan sono tutto questo allora lo spazio, la massa da dove arrivano, come si configurano come me?

La mia mente allora ha racchiuso tutto ciò che conosco in un solo punto o meglio ha conglobato tutto al suo interno e ho avuto la certezza che posso decidere io tutto, cosa essere, come essere, dove andare. È come se improvvisamente avessi visto Matrix ma non come un film, come realtà.

Realtà… Un accordo su cosa è reale. Su questo bisogna farci i conti decisamente, ma forse è possibile sganciarsi dall’accordo se si sperimenta un simile stato.

Le grandezze minime e massime sono venute in mio aiuto.

Come si può percepire al proprio interno l’infinito?

Mi è venuto in mente il ponte ologrammi di Star Trek.

In uno spazio limitato si possono creare mondi senza fine.

E quando avviene un concepimento, una cellula infinitamente piccola è la nostra realtà, il nostro mondo, il nostro universo.

Nel guardare queste cose questo tutto è diventato energia e nella visione dell’energia tutto era ancora più logico.

Le infinite possibilità sono a portata di mano, tutte nello stesso momento, tutte ugualmente possibili se siamo liberi dal pesante giogo dell’illusione.

Ecco apparire tutto qui, tutto ora… Tutto.

In realtà avviene tutto contemporaneamente. Dicono che l’essere umano non ce la farebbe a gestire una tale quantità di informazioni e per questo la vita si è organizzata per separare le esperienze nello spazio e nel tempo.  Eppure per me ora tutto ha assunto un sapore e un colore diverso.

Riesco a vedere il tutto e la separazione.

È possibile continuare a fare la propria vita, facendo un dramma se si rompe un oggetto o se un progetto non è andato come desideravo?

Vedo la prigione delle convinzioni, delle ossessioni (grandi e piccole), delle preoccupazioni, dell’orgoglio, del risentimento, dei simboli, delle credenze…

Mi si aprono i significati semplici e profondi delle religioni, di come tutto viene travisato e di come è sempre più difficile far sbocciare dei fiori belli e profumati in questi campi di erbacce infestanti.

Tutto dentro di me sembra dire niente ha senso eppure scavando un altro po’ vedo che, in come ci approcciamo alle piccole cose, c’è la differenza tra inferno e paradiso.

Ogni giorno ci vengono offerti tanti piccoli grandi giochi che abbiamo dimenticato come giocare o, peggio, che prendiamo troppo sul serio.

Prima che possa essere di nuovo catturata da un turbinio di pensieri, tutto torna ad essere energia.

Vedo la trama tessuta, nel tempo e nello spazio, costituita dalla materia.

Continua ad arrivarmi questa metafora del tessuto, questo intreccio delle fibre, così come lo svolgersi delle differenti esistenze dall’inizio dei tempi era un gomitolo attorcigliato.

Mi sembra di aver scoperto una cosa magnifica ma soprattutto di essermi slegata da una linea di pensiero in cui le cose sono in un certo modo, ovvero limitanti. Mentre lo penso sento una grande emozione che localizzo nella pancia, come se qualcosa mi dicesse “cavolo finalmente ci sei arrivata!”.

Sperimenterò da ora in avanti il pensare come voglio e dico io, svincolato dalle convinzioni di cosa è  (era) la realtà. In questo momento mi vedo come un farmacista di fronte ad un mobile pieno di minuscoli cassettini. Con tranquillità posso aprire uno dei cassetti e prendere quello che c’è, provare a fare degli esperimenti con un metodo scientifico e non a casaccio.

Il mio obiettivo è aprire cassettini dove ci sono cose che mi possano far vivere meglio.

Se apro il cassettino della prosperità, sento l’emozione precisa dentro di me, senza quell’elastico che mi tirava indietro e mi legava a convinzioni del tipo “Sì ma come fai? Ora non hai  nulla…”.

È come se il pensiero si fosse slegato dalle passate convinzioni.

Di certo gli effetti sulla realtà di questo passo evolutivo li potrò verificare solo con il tempo ma di certo già da ora sto sperimentando una felicità e un entusiasmo che si auto alimentano a mio piacimento ed è una gran cosa.

Un’esperienza grandiosa quella di stanotte, una cosa che non si sarebbe mai potuta produrre senza l’auditing, portato avanti con eroismo dagli indipendenti bresciani, che pezzo dopo pezzo, stacca tutta la spazzatura che abbiamo accumulato esistenza dopo esistenza. Una cosa immensa, come dico sempre più spesso, da mettere obbligatoria alle elementari, se vogliamo un mondo migliore.

Grazie Guido per come mi accompagni in tutto questo!

M.

18 commenti

Archiviato in Casa Minelli, fenomeni OT, Scientology indipendente, SUCCESSI

Inabilità

Ecco un altro bel successo ottenuto dall’auditing

libero ed indipendente,

un risultato concreto, riscontrabile nell’universo fisico.

Buona lettura


Quali sono le tue inabilità fisiche?
Sono pochissime fortunatamente e direi anche lievi ma scoprire da dove arrivano e liberarsene è un regalo inaspettato.
E’ normale soffrire di presbiopia? Sì, se quando eri molto piccola hai aiutato tua nonna ad infilare un ago perché lei non ci riusciva.
Mi sono rivista, concentratissima, nell’eseguire l’azione di infilare l’ago, con un’attenzione, una focalizzazione pazzesca.
Ero molto fiera di me  e del fatto che pur essendo piccola riuscivo a compiere un’azione che mia nonna, un’adulta, non riusciva a fare, per via della sua età. Una considerazione dimenticata che evidentemente ha generato l’identica incapacità, arrivata all’età che aveva all’epoca mia nonna.
Ma è stata la mia incapacità a regolare la respirazionee durante la corsa, cosa che detta così può sembrare anche strana o poco chiara, a portare alla luce un fatto sconcertante.
La situazione è questa, quando inizio a correre, tendo a trattenere il respiro invece di respirare liberamente e adeguare l’inspirazione e l’espirazione alla velocità della corsa. Quando sono costretta ad espirare mi trovo già spompata di ogni energia, con il fiato corto che, se continuo, mi crea disagio fisico.
Tra sforzo e controsforzo su questa inabilità ho cominciato a percepire un disagio fisico. Una specie di lotta interiore tra qualcosa che vuole uscire fuori e qualcosa che voleva trattenere. Questa lotta si è manifestata con contrazioni muscolari del collo e vari muscoli della parte superiore del corpo, tra busto e braccia. Poi finalmente la verità è riuscita a farsi spazio e a uscire fuori con emozione tra divertimento e grande gioia. Ho realizzato che, quella che inizialmente avevo definito come “incapacità ad adeguare la respirazione durante la corsa”, era legata al pensiero che se avessi respirato sarei morta.
Si è quindi liberata una parte di consapevolezza che non apparteneva a questa vita presente in cui dovevo correre in mezzo al fumo, nell’oscurità, per mettermi in salvo. Correre e trattenere il respiro sono una necessità, una cosa sola.
All’improvviso quel trattenere il respiro durante una fuga attraverso un fumo denso e scuro assume un senso logico..
Solo che quel senso logico è legato a quella corsa e a quella fuga, non ad adesso.
Aver visto questa cosa mi ha liberato i polmoni… Finalmente respiri profondi e ossigeno che fluisce liberamente.
La liberazione del respiro è esplosiva nella sua gioia, come se un pezzetto di un sé dormiente sia partito per un bellissimo viaggio, accompagnato da un “finalmente, era ora!”. Questa parte è felice di essere riconosciuta e ora è libera, e anche io mi sento così… Si è sbloccato qualcosa nel processo di respirazione, che si muove più fluido.Il mio organismo si sta godendo grandi e profondi respiri.

Nei giorni seguenti scopro con sconcerto che la mia vista è migliorata più che sensibilmente e che riesco a leggere senza occhiali. Là dove prima c’erano righe indistinte e sfocate, vedo di nuovo i caratteri. Grande felicità!
Continuo con grande curiosità e felicità l’Auditing!

M.

2 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Scientology indipendente, SUCCESSI, Tecnologia Standard

Cosa puoi accettare dell’Universo?

“L’auditing libera dalle barriere non desiderate che inibiscono, bloccano o smorzano le abilità naturali di una persona e nello stesso tempo aumenta gradualmente le abilità che una persona possiede in modo che diventi più abile e che la sua sopravvivenza, felicità ed intelligenza aumentino enormemente”. Ron Hubbard 

Ed eccone una testimonianza!

 

 

Oggi c’è stata la supersession!
I procedimenti sull’Universo hanno scatenato delle sensazioni e delle comprensioni molto profonde e continuano a lavorare interiormente ancora oggi, che sono passati giorni.

Abbracciare l’Universo, poterlo contenere nello spazio di un pensiero pur riconoscendone l’infinito. Potenziale allo stato puro.

Le realizzazioni si susseguono su una scala e sono concatenate, già accettare/non accettare, subito prima, aveva fatto emergere questa consapevolezza/capacità di poter fare o non fare qualsiasi cosa. Dunque io come origine del tutto.
Ho avuto la percezione di un’entità superiore, molto distaccata dall’accettare(fare)/non accettare (disfare), come qualcuno che gioca a scacchi e sposta i pezzi su una scacchiera immaginaria. Grande presenza mentale, capacità di focalizzare, nessuna distrazione e sotto sotto una sensazione di stare facendo un gioco.

Cosa puoi accettare dell’Universo? Che ho dimenticato molte cose… E un’ondata di emotività, un senso di rimpianto e poi di grande tranquillità e serenità.

Mi si è chiarito ulteriormente cosa significa assumersi le proprie responsabilità. E’ relativo a qualcosa che comunemente non è nemmeno lontanamente percepito dagli esseri umani. Lavorare duramente tutti i giorni? Occuparsi dei figli o della casa?

No, ci si deve assumere la responsabilità di aver scelto di fare quelle cose, di averle create e messe lì, troppo spesso come delle prigioni. Si rivela quindi il teatrino di questa esistenza, che vive una brutta copia di altre situazioni, ben più plasmabili e interessanti.
Un teatrino in cui tutto è un po’ più prosaico e la materia tende (ma non necessariamente deve) a diventare grossolana.

La responsabilità ce la si assume anche per come viviamo ogni nostra emozione, senza scaricarla sugli altri.

“Il tizio mi ha fatto arrabbiare”. Eh no! Non esiste tizio che ti possa far arrabbiare.

Rivedo il mio passato in cui la mancanza di capacità di stare di fronte, mi portava al punto di giudicare la persona, che io ritenevo causa delle mie disgrazie. Un giudizio negativo che ritenevo “giusto” e che giustificava disprezzo e rabbia.

“Tu hai fatto questo! E ora io ristabilisco ciò che è “giusto”, ovvero ti dico chi sei, come sei e cosa hai fatto!”.
Non è che mi facesse sentire meglio ma il giudice aveva necessità di giustizia, anche se alla fine ero sempre io che mi condannavo.

Il mio rivendicare “giustizia” era un atto ritardato, arrabbiato e pure autolesionista, derivato da:
1) non essere stata in grado di stare di fronte, in particolare nell’esercitare il diritto di dire “no”.
2) non essersi assunta la responsabilità, che accettando ciò che non mi andava bene, ero io che generavo il mio stato di infelicità.
Riconosco e comprendo la linea di pensiero che mi ha mosso e mi fa guardare al mio passato come quello di una bambina abbandonata nella jungla e cresciuta con le scimmie. Potevo fare diversamente o più di quello che ho fatto? Purtroppo no.
Le mie intenzioni/azioni sono sempre state etiche ma non ci si può lamentare, se si lascia il campa libero agli altri e dopo non ci piace come vanno le cose, anche se era molto comodo all’interno di questo guazzabuglio di relazioni aberrate.

E quindi cosa succede ora? Ora io affermo, con la stessa chiarezza mentale di quell’entità che ho percepito, quello che sono e quello che voglio. E sì, anche con quella sensazione di gioco. E un caro saluto ai drammi!

E’ qualcosa che è sceso dentro di me molto profondamente, una conquista epocale, di un’importanza suprema.

Questo è un percorso meraviglioso che non ha eguali, sarebbe da mettere obbligatoriamente come materia scolastica dalle elementari.

Esprimo tutta la mia riconoscenza al team di Brescia che con grande dedizione e pazienza porta avanti una Scientology indipendente, che, senza fronzoli e orpelli, è senza dubbio la scuola di pensiero e di libertà più efficacie che sia mai esistita.
E’ splendido il coraggio con cui i nostri Indipendenti portano avanti la chiarezza di intenti di Ron Hubbard, in modo pragmatico, diretto, con semplicità, senza “esoterismi” da quattro soldi, mettendo a disposizione la tecnica a chiunque voglia veramente capirci qualcosa di più di questa esistenza e voglia viverla nel miglior modo possibile.

Grazie a tutti voi e, come al solito, grazie anche a me!

M.

Lascia un commento

Archiviato in Casa Minelli, LRH, Scientology indipendente, SUCCESSI

Il potere del Riconoscimento in auditing

Un aspetto della comunicazione

apparentemente meno importante

rispetto ai contenuti della comunicazione stessa,

eppure…

Durante la session di oggi mi sono chiesta come fosse possibile ottenere tutte quelle liberazioni e realizzazioni mediante una tecnica apparentemente molto simile ad una conversazione.

Solo che in una semplice conversazione non accade nulla di ciò che succede con l’Auditing.

Evidentemente è bastato porsi la domanda per veder giungere la risposta… Mi spiego meglio…

Conosco il procedimento per il quale un Auditor deve sempre dare riconoscimento ma questa volta l’ottenerlo ha avuto un effetto quasi deflagrante

Il riconoscimento, invece di arrivare al mio Io cosciente, ha toccato una parte nascosta che aveva un bisogno disperato di essere vista.

Ho avuto l’impressione che questa parte fosse chiusa in una rassegnazione e proprio non si aspettasse che qualcuno potesse comprendere il suo bisogno, che si sentisse senza speranze, infatti ha proprio esultato a livello interiore, come se avesse detto: Oh finalmente! Era ora!

E subito dopo commozione e gioia, di una qualità di sentimento così puro da non sembrare di questa terra. Mi ha fatto pensare alla gioia di un bambino piccolo e innocente.

Lo scatenarsi di queste emozioni e sentimenti, oltre ad essere un’esperienza di per sé meravigliosa, mi ha dato la risposta che cercavo, sul fatto che l’Auditing si sintonizza con quelle parti di noi addormentate, nascoste in profondità e con vari metodi le porta alla luce (non solo in senso metaforico).

Riflettendo sulla domanda/risposta/riconoscimento che ha prodotto tutto ciò, ho visto chiaramente come quanto, troppo spesso, nella vita, ho scelto di occultare alla mia consapevolezza la sofferenza per non aver avuto un riconoscimento. A livello razionale infatti è qualcosa che non ho mai cercato, anzi quasi un po’ mi infastidiva quando succedeva.

Ancora una volta riesco a vedere come ho trasformato la sofferenza in un qualcosa che mi rendeva più forte. E voglio dire… Non sarà stata la soluzione perfetta, non sarò stata la reincarnazione Dalai Lama però sono fiera di aver sempre scelto di essere forte di fronte alla possibilità di soccombere. Inoltre di fronte a tanti problemi che mi sono creata, mi devo riconoscere anche di aver trovato la strada dell’Auditing, che rimette tutto nel giusto equilibrio, sotto il segno di una profonda e tangibile Verità.

Ecco, mi sono appena data un riconoscimento da sola. Ed è triplamente importante, perché lo riconosco, lo vedo e ne percepisco il grande valore!

Fantastico!

M.

Grazie ancora Guido! Che meraviglia poter fare questo percorso con regolarità! Sono felicissima!

 

 

 

3 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, Scientology indipendente, SUCCESSI

Claudio attesta lo stato di Clear

Un grande risultato raggiunto da Claudio

nel campo indipendente,

e con grande gioia

vogliamo condividere con voi

il suo successo.

Finalmente ho raggiunto il mio primo grande gradino: ho attestato Clear.

Innumerevoli realizzazioni e successi ci sono stati in questi 5 anni dall’inizio del ‘ponte’ e la mia vita è passata letteralmente su un altro livello.

La gioia è tanta, ma contenuta. Rispetto a dove ero la differenza è abissale, ma la realtà acquisita su quanto ci aspetta nel percorso è così grande che è molto più forte l’interesse e l’eccitazione.

Ho incontrato Scientology ‘per caso’ attraverso la formazione aziendale e dopo aver passato 20 anni in percorsi spirituali principalmente di matrice orientale. Sono arrivato titubante ed impaurito da tutto quello che si diceva sulle qualità morali degli scientologist. Ed inoltre ho iniziato l’auditing con l’aspettativa, e forse un po’ di presunzione dovuta alle ‘esperienze’ vissute negli ultimi anni di pratiche intensive spirituali, di trovare solo qualche valido approccio alla mente ed all’applicazione di questa conoscenza nella vita pratica, ma poco o niente di spirituale.

Riguardo alle persone con cui mi sono confrontato, posso dire, senza il minimo dubbio, che sono tra le più etiche, generose e trasparenti che abbia mai conosciuto. Veramente esseri di altissima qualità.

Riguardo invece all’aspetto spirituale, Scientology è andata totalmente oltre ogni più rosea aspettativa. E’ stato ed è l’anello mancante di tutto il mio percorso. Ron e tutti quelli che lo hanno aiutato (forse anch’io tra questi😊)), siano benedetti, sono stati grandiosi e grande è la mia riconoscenza.

Vorrei ora passare ai ringraziamenti in questo momento per me di grande festa, dare riconoscimento adeguato a chi ha contribuito alla mia Crescita in maniera importante.

Parto con la famiglia e gli Amici più vicini:

– Ringrazio innanzitutto la mia seconda dinamica. Senza la mia splendida moglie e la mia adorata figlia che mi hanno supportato (e anche sopportato un bel po’) sarebbe stato tutto molto più difficile. Sono la mia gioia ed il mio faro. Le amo profondamente.

– Ringrazio i miei genitori e mio fratello, persone eccezionali che con un po’ di pratica corretta potrebbero aumentare notevolmente la loro bellezza e le loro abilità. Sarebbe un’altra realizzazione per me e spero un giorno lo facciano.

– Ringrazio i miei Amici più cari, Lorenzo e Massimo, per i quali ho un Amore speciale e con cui condivido tutto. Conoscono quello che faccio e sono stati e sono sempre ottimi consiglieri ed ascoltatori delle mie esperienze. A breve li voglio sul ponte 😊

– Ringrazio infine il mio caro amico e la mia guida negli ultimi anni, Giulio. L’ho voluto e l’ho trovato! Lui mi è vicino e grande è il suo supporto.

Passo ora agli scientologist, quelli veri, in ordine di conoscenza:

– Ringrazio Ron e chi lo ha aiutato. Hanno fatto qualcosa di grandioso per tutti noi. GRAZIE

– Ringrazio Guido, Marisa e Francesco. E’ grazie a loro se sono qua, al loro impegno e ad i rischi che si sono assunti. Persone fantastiche da tutti i punti di vista sempre al servizio degli altri. GRAZIE

– Ringrazio il mio grande Auditor, Rosario, Auditor fantastico, è per me ormai una persona di riferimento. Non dimenticherò mai tutto il tempo passato insieme ed i nostri confronti ‘metafisici’ fuori seduta. GRAZIE

– Ringrazio Paolo, grandissimo C/S. Ci siamo visti pochissimo, ma ho sempre sentito la sua presenza e la sua guida impeccabile dietro il mio percorso. GRAZIE

– Ringrazio infine tutti voi nel blog. Anche voi, a vostra insaputa, siete parte della mia famiglia. Ho passato innumerevoli ore a seguire tutti i vostri confronti, presenti e passati, e spesso sorprendentemente illuminanti. Mi hanno aiutato moltissimo nella comprensione e mi hanno dato conforto nei momenti un po’ più bui. Vi voglio bene e GRAZIE

E via, ancora più veloci verso ciò che ci aspetta

Claudio

4 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, Scientology indipendente, SUCCESSI

Successo sugli Ls


Ecco un magnifico e personale

nuovo punto di vista ottenuto percorrendo

i procedimenti degli Ls

un altro passo notevole

verso la riconquista della propria libertà.

Complimenti SV!

Buon giorno a tutti e ben ritrovati.

Ho finito da pochi giorni i procedimenti Ls, ho voluto aspettare a scrivere questo successo che ancora una volta credo che sia giusto definire, come in passato per altri procedimenti, il raggiungimento di uno stato di essere, duplicabile, in tempo reale, nella vita.

Il diktat è: cresci e prospera, tutto il resto è noia, canta il “Califfo”, in sostanza non ho piu’ tempo da perdere con le aberrazioni altrui visto e considerato che nella maggioranza dei casi, le persone risultano molto attaccate alle loro miserie.

Dedicare energie e/o risorse, di qualsiasi natura esse possano essere, è veramente un peccato, un insulto alla nostra esistenza, è arrivata l’ora dell’azione, l’era della gratificazione personale, tutti i miei nemici periranno miseramente, tutti coloro che mi attaccheranno dovranno fare i conti con un thetan molto forte, con un esito che posso solo paragonare al bruciare nelle tenebre dell’inferno, non è boria, ma semplicemente uno stato di essere che ora dopo ora cresce in me, un automatismo cerebrale, non vi è possibilità alcuna di qualcosa di diverso, non ho spazio nella mia mente nemmeno per rimpiangere il tempo perduto, perché il tempo futuro sarà qualcosa di veramente paradisiaco, è arrivata l’ora della vittoria eterna, non mi annoieranno le continue vittorie, dovrò controllare i miei pensieri perché tutto ciò che penserò accadrà nel bene e nel male, quindi dovrò essere molto vigile quando penso, giorno dopo giorno i miei modelli di pensiero cambiano radicalmente in meglio, le condizioni di dubbio stanno per svanire, ho la consapevolezza che vincerò tutte le battaglie con uno scopo sincero e reale, perderò tutte le battaglie stupide ed inutili.

Ora mi affaccerò ai livelli OT ed allo studio, credo di essere pronto per prendermi tutto ciò che ho tralasciato, farò tutto con molta oculatezza, ritornerò sui procedimenti Ls più avanti per visionarli con un altro punto di vista e magari percorrendo le parti non ancora affrontate, qualora ritenessi un atto dovuto farlo, utilizzo l’espressione “un atto dovuto farlo” perché ritengo che sia un grande overt non fare ciò che serve al ns caso, ho ben compreso l’importanza dei procedimenti intesi come caso, è aberrato fare dei procedimenti solo perché sono di moda, i procedimenti hanno come condizione un esigenza di caso diversamente non avremo alcun vantaggio nel percorrerli, mi preme ringraziare il mio auditor ed il mio CS per aver centrato, come nessuno è mai riuscito in precedenza, le mie reali esigenze.

Grazie SV

1 Commento

Archiviato in Casa Minelli, Scientology indipendente, SUCCESSI