Archivi tag: lareception

Un messaggio di Richard: Memento Audere Semper

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la vostra testa !

SO1996

Ciao Ragazzi, preferisco evidenziare quest’ultimo commento di Richard,

la mia stima e’ grande in lui, per cio’ che sta facendo a riguardo,

per la delicatezza e naturalita’ con la quale riesce a trasmetterci

cosa e come far qualcosa a riguardo.

Francesco

 

 

ot10

Ciao Lion, benvenuto.

Veniamo a noi David Effe, preferisco scrivere sul blog perché quanto ho da dire coinvolge altre persone e preferisco che abbiano la possibilità di commentare ciò che scrivo.

Le domande che ti ho posto servivano per definire un punto di partenza ed andare un poco più a fondo alla faccenda che riguarda il tuo interesse nei confronti delle Ron’S Org.

Sei libero di non accettare questa comunicazione o di rifiutare di rispondere, é un tuo sacrosanto diritto.

Ti chiedo di lasciar stare i sassolini nelle scarpe che ti infastidiscono, Elizabeth ha espresso una sua opinione riguardo a Ron, potrebbe essere giusta o sbagliata ma resta sempre un opinione e non credo che qualcuno possa sapere a quante ore di Auditing si sia sottoposto LRH.

Credo che l’unica certezza da mantenere riguardo al Fondatore di Dianetics e Scientology sia quella che senza il suo lavoro, senza la sua opera di ingegno, oggi non avremmo quelle discipline e non potremmo star qui a parlarne.

Hai scritto un bell articolo, in precedenza, riguardo lo studio e l addestramento, ma non ho potuto fare a meno di notare una piccola incongruenza.
Hai scritto che ti sarebbero bastati circa due mesi per insegnare ciò che sai, riguardo a Scientology, ad un amico ma…saresti stato in grado di trasmettergli anche l’esperienza che hai accumulato nei tuoi dieci anni di studi? E sopratutto, quel tuo amico avrebbe raggiunto, al di là di ogni ragionevole dubbia, la Consapevolezza che tu stesso hai raggiunto?

Ma credo di sapere già le risposte.

Ora, é vero che il Ponte ha subito vari cambiamenti nel corso della storia ed il cambiamento, forse, più insignificante è proprio quello di spostare i Gradi di Scn prima dell’ Auditing di Dianetics.

In parte sono daccordo con Paolo su ciò che afferma ma devo ammettere che i risultati maggiori, ottenuti nella parte inferiore del Ponte, li ho conseguiti con l’ Auditing di Dianetics, sopratutto con il suo Drug Rundown.
E devo anche dire che i risultati maggiori sui Gradi li ho ottenuti audendoli ad altri Pcs; ma ho trovato nei Gradi inferiori un perfetto gradiente verso i Livelli OT.

Ma in questo caso non saprei come consigliarti, puoi solo rimetterti alla programmazione del tuo C/S.

La mia curiosità é diretta verso il fatto che tu abbia deciso di intraprendere il percorso proposto da Bill Robertson e non riesco a capirne bene il perchè.

Esiste un Ponte Standard che và da Clear sino a Solo NOTs, questo percorso é riconosciuto dalla Chiesa di Scientology e dalla Free Scientology, perchè non cominciare con quello?

Certo, devo ammettere che a volte siamo degli emeriti zucconi, anche il nostro Senior C/S appare esserlo mentre invece é un personaggio amichevole, un ottimo Auditor ed un ottimo C/S, poi abbiamo Ignazio che sarebbe disposto a legarti alla sedia di Auditing per farti finire NOTs Audita nel minor tempo possibile.

Quello che voglio farti capire é che abbiamo abbondanza di personale qualificato in grado di aiutarti proprio qui in Italia.

Francesco ti può essere di grande aiuto nell’indirizzarti verso i terminali giusti.

Ci sono un paio di cose che voglio portare alla tua attenzione:
Da quando è apparso il Livello OT 3, questi ha subito diversi cambiamenti.

Il primo vero EP di questo Livello (senza parlare di nulla che possa essere confidenziale) era EXTERIOR.

Il Thetan doveva aver conseguito la capacità di Esteriorizzarsi a piacimento dal proprio Corpo, e non solo per una fugace visita all’esterno.

Questo EP si verificava solo in pochi casi.

Venne allora introdotto il Rundown dell’ intenzione di OT 7 e la persona veniva rimessa su OT 3 Espanso che consisteva nel ripassare attraverso all’intero Livello in una nuova unità di tempo, nella maniera più completa.

Anche in questo caso le percentuali riguardanti ai Fenomeni Finali pienamente raggiunti era molto bassa.

A questo punto è avvenuto un ulteriore cambiamento, cioé, dopo che si fosse ritenuto che il Pre OT avesse concluso OT3 ed OT 3 Espanso, anche se l’ Esteriorizzazione non aveva avuto luogo, il Pre OT veniva indirizzato su OT 4 e la prima azione che doveva compiere, con l’ausilio di un Auditor di un Classe 8 era quella di riverificare conmpletamente il materiale di OT 3 sino a raggiungere l’agognata Esteriorizzazione.

I Livelli OT dal 4 al 6 erano stati designati per un Thetan Exterior, ma a quanto pare questo si verificava solo nel 2 o 3 per cento dei casi.

Devo farti notare che le tecniche di Auditing utilizzate in quei periodi erano molto più professionali, il Caso veniva scavato molto più in profondità e su OT 3 c’era sempre disponibile un Auditor di Classe 8 per aiutare il Pre OT in determinati casi che erano considerati cruciali.
Questo era lo Standard del tempo.

Oggi OT 3 contiene solo il 25 % dei dati originali, molti sono stati tolti, OT 3 Espanso è sparito dalla circolazione ed in media è stato abbassato lo Standard generale dell’ Auditing.

All’inizio si cercava a tutti i costi di produrre un OT, ora si cerca di produrre un Clear di standard molto più elevato.

La persona su OT 3 viene indirizzata all’ Auting di NOTs appena possibile.

Ma esistono dei validi motivi per tutto questo, uno dei quali ha a che fare con un errore di valutazione commesso da Ron enormemente aiutato da falsi rapporti, falsi rapporti che venivano forniti in maniera più o meno inconsapevole, molti di questi erano basati su malcomprensioni riguardo al Thetan ed all’ Esteriorizzazione.

Ron sapeva molto bene cosa stava cercando, conosceva la meta da raggiungere, ma ha erroneamente omesso dei dati, oppure quei dati non erano ancora completamente stati sviluppati e formulati in quel periodo.

Bene, se ho detto che esiste un Ponte ritenuto Standard sino a Solo NOTs posso concedermi di dire che al di sopra di tale Livello non esiste ancora niente di Standard.

C’è un idea che gira indomita nella mia mente da diverso tempo, uno spunto positivo l’ho avuto da Elizabeth la quale si è dimostrata più che ben disposta a fornirci i materiali sui quali si atà audendo da diverso tempo.

Non mi sembra che abbia mai chiesto un solo centesimo in cambio e questo lo metto di diritto sotto la definizione di Responsabilità.

Io ed il mio team di ricerca abbiamo sviluppato altri materiali, questi sono stati mandati al Senior C/S ed anche in questo caso non è mai stato chiesto un solo centesimo per il lavoro di ricerca fatto.

All’inizio avevo in mente di spedire quei materiali ad un altra persona, ma non ho avuto più sue notizie dal Novembre dell’ 81, sapete, un tizio dai capelli rossi, nato nel 1911 a Tilden Nebraska.

Ma abbiamo deciso che Paolo era il sostituo perfetto 🙂

Adesso veniamo al dunque, premetto che non ho chiesto ancora ai ragazzi de La Reception come vedono l’intera faccenda e se anche loro possono essere daccordo su di un progetto così folle.

Perchè non creare un paio di Ambasciatori della Tech, che, sotto una valida Supervisione raccolgano e scambino i materiali tra i vari terminali tecnici dei vari gruppi disseminati in tutto il globo terracqueo nel tentativo di scegliere, unire, scartare o semplicemente affinare le varie tecniche di Auditing sviluppate in questi ultimi anni di modo di aver un vero Ponte funzionante perfettamente da Clear a OT?

Da parte mia non trovo nessun tipo di problema a far visionare i materiali che abbiamo compilato in questi anni e spero che anche altri gruppi possano fare la stessa cosa.

Ho avuto modo di vedere i benefici del lavoro fatto da Paolo sui materiali che ci ha aiutato a sviluppare e la cosa mi ha stupito in maniera molto piacevole.
E’ stato in grado di rendere l’Auditing più scorrevole ed efficace, possiamo migliorare ancora?

Quindi, caro David Effe, potrebbe essere questo uno scopo, per te, sufficientemente interessante per farti muovere velocemente sul Ponte in Italia sotto la guida dei nostri abili C/S?

Chi altri potrebbe essere interessato ad un progetto del genere?

Tenete conto del fatto che la cosa, se decisa ed approvata, deve necessariamente essere gestita da un personaggio tecnico di grande spessore, direi almeno, di uno spessore tra i 30 ed i 40 centimetri 🙂 .

Non mi dispiacerebbe che ad un simile progetto aderissero varie persone e per fare un nome tra i tanti nomino Silvia Kusada.

Tenete conto che nelle nostre ricerche abbiamo preso vari spunti tra molte persone che hanno lavorato nel campo della ricerca e dello sviluppo di tecnologie di Auditing dopo che Ron si è dato alla macchia.

Molti di questi hanno pubblicato i loro lavori sul web ed abbiamo cercato di individuare le cose più funzionali e scartare quelle che producevano scarsi risultati, il tutto con la tecnica della sperimentazione.

Ti ringrazio comunque per l’invito a visionare le tecniche e gli esercizi di telepatia, ma ho navigato tra ricerche telepatiche e remote viewing quanto basta per capire che non portano molto lontato.

Io non considero l’Universo MEST un illusione, lo considero un Illusione Ingannevole e dal mondo dal quale provengo la telepatia è il metodo standard di comunicare.

Con Affetto

Richard

375 commenti

Archiviato in Casa Minelli, LRH, OT, Richard, Scientology indipendente

Mariah NEW OT4 e Luc NEW OT2 verso l’alto !

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

fuochi

Grandi notizie Condomini !

Mariah ha attestato OT4

e LUC ha attestato OT2

OTTIMO LAVORO

GRANDISSIMO PASS !

Ecco i loro Successi:

infinito2

OT IV Attest

Mariah

In questo gradino del ponte ho eliminato gli ultimi residui di

droghe, che mi restimolavano ancora. Sono andata attraverso a dei

periodi e momenti del passato in cui le droghe mi avevano e

continuavano a causarmi attenuazione analitica, sonnolenza e

stupidità, che continuava a persistere nel tempo nonostante i

gradini precedenti che avevo fatto. Adesso mi sento libera sia

fisicamente che mentalmente, da questa condizione ed ho liberato

anche la carica di questo livello di caso che si era incollata al mio

corpo. Grazie al mio auditor e alle prossime sedute.

ARC Mariah.

luc

SUCCESSO OT 2

luc

In questo livello, ho visto e confrontato davvero molta carica, la quale, risulta in oppressione false credenze e falsi postulati. Nel maneggiare potevo percepire l’irrealtà sparire ed il ritorno graduale della knowingnes riguardo alla traccia ed al suo contenuto. Il tempo per me ha assunto un significato totalmente diverso, non è più uno “scorrere” od un cambiamente perpetuo, ma una mia creazione continua ed ecco che quindi in quanto senza tempo posso percepire il tempo andare veloce o piano a discrezione. Ho la sensazione di essere molto più qui rispetto a prima e posso osservare il MEST per come è.

Per concludere, ecco una poesia senza pensiero che mi è “arrivata” dopo una session su OT 2:

Un attimo di eternità o un eternità di attimi?

Poco importa, quando sei l’infinito di quel’attimo.

Un ringraziamento al C/S sempre bravissimo e presente, ed ovviamente ad LRH ed i suoi collaboratori per tutto il lavoro fatto.

ARC

Luc

10 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, OT, Scientology indipendente, SUCCESSI

Richard : Elogio alla SEA ORG

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

In questo periodo “vacanziero” sembra che il traffico nell’androne delle scale della reception stia rallentando….

Niente di più’ vero, in questo periodo, e’ in atto un vero e proprio cambiamento più incentrato sul “Fare qualcosa a riguardo”

piuttosto che ” stiamo a vedere “.

Quindi grazie a tutti per tutte le bellissime notizie che mi state dando in questi giorni.

Richard ha pensato bene di mandarmi e mandarvi questo messaggio, la sveglia sta suonando ed e’ ora di entrare in azione.

We Come Back !

Francesco

 

sea

 

Elogio alla Sea Org

AD 64

 

 

 

Ciao ragazzi.

Ho scelto questo argomento perchè nella Sea Organization c’è sempre stato qualcosa che mi ha terribilmente affascinato.

Non si tratta del contratto da un miliardo di anni che ti viene fatto firmare, quello appare piuttosto ridicolo all’inizio, ma per lo scopo che viene celato dietro a questa particolare organizzazione.

Per dartene una spiegazione devo chiarire alcuni termini del discorso che sto per affrontare, termini coi quali voi tutti avete una notevole familiarità.

Abbiamo Dianetics con le sue quattro dinamiche, la prima ovvero un semplice corpo, la seconda cioè due o più corpi in un ambito familiare, la terza, più corpi ancora legati da uno scopo comune e l’insieme di tutti i corpi esistenti sul pianeta terra che costituiscono la quarta dinamica chiamata anche umanità.

Queste quattro dinamiche funzionano sotto la direzione di un solo scopo: “sopravvivi” e questa sopravvivenza è regolata all’interno della Dicotomia Dolore/Piacere.

Questo è il regno dell’A R C.

Niente di troppo difficile sino a qui, se non fosse per il fatto che alcuni gruppi si considerano di molto superiori agli altri.

Ma dal punto di vista della quarta dinamica sono dei semplici agglomerati di corpi con un’etichetta appesa al collo.

Entrando nell’ambito di Scientology, le dinamiche, pur mantenendo il numero progressivo di quelle che le precedono, assumono una valenza differente.

La loro dimensione aumenta sino a raggiungere i confini dell’Universo conosciuto.

Aumentando poco per volta la propria consapevolezza, si riesce a comprendere che di qualsiasi gruppo si sia fatto parte, altro non era che un “pretendere”, ossia, una pretesa di appartenere a quel particolare gruppo.

Procedendo in questa direzione, ad un certo punto può apparire chiaro che la razza umana, cioè quella particolare razza di animali parlanti, altro non è che un semplice gruppo del regno animale che è a sua volta un gruppo appartenente a milioni di specie di vita che oggi occupano il Pianeta Terra, la quinta dinamica.

Qui possiamo notare quanto sia selettivo ed egocentrico l’animale parlante che spesso occupa la posizione della prima dinamica.

Ma non era ancora questo il punto al quale volevo arrivare.

Se lasci che la tua consapevolezza aumenti ancora di un poco ed espandi i confini della tua mente, puoi osservare quanto si sia stati selettivi nella scelta del campo da gioco o se preferisci, del campo di battaglia.

La sesta dinamica, un intero universo con miliardi di pianeti e di stelle… sembra quasi casuale che oggi noi tutti ci si ritrovi sulla Terra, posto anche simpatico se non fosse per via di alcuni personaggi che fanno di tutto per rovinarlo ed inquinarlo.

Questo Pianeta offre il materiale da costruzione per le varie forme di vita ed è un luogo idoneo per lasciar espandere la vita stessa.

Adesso, per meglio valutare lo scopo della Sea Org, diventa d’obbligo cambiare totalmente reame; sì, è necessario spostarsi sulla dinamica successiva, dinamica che per la sua ampiezza contiene tutte quelle sottostanti.

Questa è il regno dei cieli, il regno dello spirito e della spiritualità, la Settima Dinamica.

Quel particolare non-luogo dal quale l’artista attinge ad una magica fonte quella particolare essenza che userà per la creazione della sua opera d’arte.

Non è una dinamica qualunque, è la prima delle dinamiche per eccellenza, là dove Conoscenza, Responsabilità e Controllo cominciano ad essere veramente in esistenza e sono a disposizione di tutti per farne l’uso migliore.

Il triangolo di ARC non cessa di esistere, ma si trasforma nel triangolo di KRC.

Ora, tornando alla Sea Org ed al motivo per cui mi ha sempre affascinato: il perchè risiede proprio in questa dinamica.

Operando da questo punto, Spazio e Tempo non sono assolutamente la stessa cosa che incontriamo all’interno dell’Universo Fisico.

Il contratto da un miliardo di anni diventa un totale non-senso e si trasforma in qualcosa come: “Una ferrea volontà di rimettere in esistenza il lato Spirituale dell’Uomo” o di far andar bene le cose in quella direzione o di trasformare l’Entheta in Theta.

Pensaci, come potrebbe essere possibile mettere l’Etica In sul Pianeta Terra e poi sull’Intero Universo se non si opera dalla Settima Dinamica?

Forse Scientology non ha ancora compreso se stessa, il libretto “La via della Felicità” è una cosa simpatica ma l’impatto che ottiene sulla società è quasi ridicolo.

Ci sono persone tra voi che pur non avendo firmato alcun contratto stanno comunque operando su questa dinamica con lo scopo più alto che possa esserci su questo Pianeta da molti secoli a questa parte.

“Far rinascere la Spiritualità”!

Kali-yuga viene definito come un periodo di tempo (ere) in cui la Spiritualità cadrà in rovina per lasciar posto ad ipocrisia e conflitti.

Io credo che questo periodo possa cominciare a cessare di esistere.

Ogni singolo Essere che opera per far rinascere un era spirituale sta facendo un enorme passo, non importa a quale credo religioso appartenga o quale dottrina stia seguendo, e Scientology dovrebbe essere la Filosofia Religiosa che, allineando le varie linee di comunicazione con le Fedi e le Religioni presenti sulla Terra, potrebbe fare la differenza.

Ebbene, questo è quello che mi ha sempre affascinato della Sea Organization e credo ancora in quello scopo: è ciò di cui l’umanità ha bisogno.

Ho nominato Scientology Filosofia Religiosa e non Religione perchè la Religione limita un Essere e lo confina all’interno di un gruppo cioè una terza dinamica e questo non gli dà la possibilità di espandersi al di fuori di esso.

Un barbuto Tedesco un tempo disse che le Religioni sono un veleno: “Le religioni sono l’oppio dei popoli”. Aveva perfettamente ragione ma non ha mai terminato la sua equazione; avrebbe dovuto aggiungere che sebbene le Religioni siano l’oppio dei popoli, la Politica li incatena e la Guerra è ciò che li rende completamente schiavi.

Ma probabilmente aveva bisogno di reclutare il proprio esercito.

Ora, persone sagge come il Presidente degli Stati Uniti o il Santo Padre potrebbero aggiungere ancora qualcosa a quell’equazione affermando che: “Le religioni posso essere delle droghe perchè portano al fanatismo, ma se prese in piccole dosi potrebbero essere dei buoni medicinali per la cura dello Spirito”.

Beh, una simile cosa detta da due personaggi così importanti e conosciuti avrebbe sicuramente il giusto peso.

L’ultimo passo dovrebbe essere dedicato alla vera Conoscenza.

Per terminare voglio dire che la Settima Dinamica, nonostante si stia lentamente riprendendo, sta ancora rantolando e c’è bisogno di ogni aiuto possibile per farla ritornare al suo originale splendore.

Ho bisogno del tuo aiuto!

 

Richard

SO1996

227 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, OT, Richard, Scientology indipendente, Sea Org

TONINA PAGNOTTINA Attesta il Grado 0 !!!

Siete Scientologist indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

comunicazione

Ci piacciono i Successi, diventano anche un po nostri, e lasciano spazio a nuovi successi….

Nella Vita in generale, in ogni campo dove operiamo, la ripresa di se stessi

ci indirizza verso un essere consapevole di essere consapevole.

Sono grato a tutti coloro che si stanno impegnando affinché’ una Scientologi libera al di fuori dei monopoli

cresca sempre più’.

Brava Tonina Pagnottina ! Bravo Giovanni !

Avanti tutta !

Francesco

 

——————–

 

 

SUCCESSO

Un paio di settimane fa ho attestato il Grado 0…

Ero contentissima, avevo realizzato un sacco di cose, mi piaceva come mi sentivo, ma decisi di non scrivere alcun successo. Decisi che, questa volta, avrei aspettato di vedere quanto quelle realizzazioni mi avrebbero veramente cambiato la vita, o quanto sarebbero state “passeggere”. Faccio un esempio: capisco che mangiare carboidrati la sera mi fa male; inizio a cucinare altro… però, parliamoci chiaramente, la pasta è la cosa più semplice e veloce da fare, e dopo un po’ torno a mangiarla. Credo sia un esempio molto comune.

Quindi ho aspettato di vedere cosa sarebbe successo, comportandomi normalmente, e mi sono goduta lo spettacolo del mio giocoliere che non ha fatto altro che muovere altre 18.000 palline!!!!

Mi sento proprio bene!!! Ho sistemato situazioni che erano in pending da mesi…semplicemente comunicando!! Mi sono accorta di quanto il mio modo di comunicare stia cambiando, di quanto si possa imparare ascoltando realmente le persone e il loro punto di vista, di quanto le puoi aiutare anche solo stando li, interessandoti a loro. Ho capito che non nessuno mi obbliga a parlare di quello che non voglio, che io posso decidere!! Cioè, è fantastico!! Posso DECIDERE!!! E posso anche decidere di affrontare qualcosa di brutto, imparando a osservarlo e prendendolo semplicemente per quello che è!! E’ una mia scelta! Io decido di confrontarlo! E tra l’altro è una decisione che sto continuando a prendere perché non mi fa più paura…

Credo di essere diventata più responsabile, nel vero senso della parola! Mi prendo le mie responsabilità e non mi spaventa il fatto di farlo!

Ho imparato a darmi dei riconoscimenti, e una bella pacca sulla spalla quando faccio qualcosa di positivo! E mi fa sentire bene, quindi lo faccio anche con gli altri, e do un sacco di pacche sulle spalle!!

E quando faccio qualcosa di brutto? Lo osservo, rimedio, e bom, fine del ciclo. E’ semplice. E mi fa ridere pensare a questa parola, “semplice”. Ma è così, non c’è bisogno di lanciarsi a terra e strapparsi tutti i capelli; vedilo, fa qualcosa per migliorare la situazione. PUOI farlo! Ne sei in grado! Sei in gamba, fallo!!

E quindi, ogni tanto, adesso decido anche di fare qualcosa che non è perfettamente ottimale! L’ho deciso io!!! E poi, ottimale per chi? Sicura di esser te a pensare che non sia proprio un’idea perfetta….?

Accetta il fatto che sei in grado di dire delle cose giuste e ascoltati! Non farti fermare, e soprattutto non farti fermare da te stessa, e fallo!!! Questo ti da una grande responsabilità, ti da un sacco di potere…e credo che sia assolutamente fantastico!!

E quanto riguarda gli altri… devono continuare a non rompermi le palle, io sono un carro armato!!!

 

Per far capire quanto sia potente quello che sto facendo racconterò questo aneddoto:

Sto lavorando in un bar. Un paio di settimane fa mi sono ritrovata a chiacchierare con dei clienti fino all’alba. Il giorno dopo chiesi ad uno di loro che fosse successo, come mai non era mai capitato prima, mi ero proprio divertita!
E lui mi disse che dipendeva da me, che non riusciva a comprendere che cosa mi fosse successo. Raccontò che mi aveva sempre vista in un certo modo finchè, circa due settimane prima, entrando, lo salutai. Disse che il mio “ciao” era diverso, che la risata era diversa, che il modo di parlare, le battute, gli atteggiamenti erano diversi. Ero diventata la luna piena dopo un mese di eclissi!!

Giusto l’altro ieri un altro cliente mi disse esattamente la stessa cosa chiedendomi che fosse successo…

Signori, non ho sbattuto la testa, non mi drogo e non sono pazza….ho iniziato il ponte!!!

Uno stravolgimento tale che persino dei clienti se ne sono resi conto….WOW!!! Mica male!!

 

E ora sì, vorrei scrivere due righe per ringraziare il mio auditor, LRH, famiglia, amici… ma ho deciso di fare qualcosa di nuovo: usarle per dare un bel riconoscimento a me stessa!!
Brava!!! Sei stata proprio brava!! Brava perché nessuno ti ha spinta, TU hai deciso di intraprendere questa strada, brava perché non stai mollando, brava perché decidi di confrontare anche quello che non avresti voluto, brava perché te lo stai godendo, brava perché ti stai divertendo, brava perché stai applicando quello che impari e, sopratutto, brava perché finalmente ti dici di esser brava!!

Svegliati al mattino e di una cosa che ti piace di te stesso, e vai a letto la sera pensando ad una cosa buona che hai fatto durante il giorno!

Ragazzi….ma la vita non è meravigliosa???? 😀 Puoi fare in modo che sia assolutamente meravigliosa!!!! Hai il potere di farlo! ….ahahahaha fantastico!!!!

 

 

14 commenti

Archiviato in Casa Minelli, LRH, Scientology indipendente, SUCCESSI

Scopi e felicità – di David Mayo

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !
David Mayo
David Mayo e’ sempre molto illuminante e spiazzante per la semplicità’ e leggerezza
con la quale dimostra in modo chiaro e non con tecnicismi
la comprensione della tech,
ed altrettanto semplicemente riesce a rendertela reale come se sia solo li da osservare.
Mi sembra molto appropriato ed inerente
a cio’ che ultimamente si sia presentato sul Blog, nel nostro piccolo
angolo di Web, nella sezione “Chi sarà’ il più’ Scientologo del reame” ? 😀
Scherzo ovviamente, i successi sono materiale da cui apprendere, arricchiscono
ognuno di noi e sicuramente creano meno “materiale” sul quale discutere.
I gruppi indipendenti Italiani sono decisamente al lavoro, e tutti questi OT attest e successi 
derivanti da Persone che hanno ripreso in mano le lattine ne sono la dimostrazione.
Avanti Tutta e pronti per la prova costume !
Francesco

Scopi e felicità – di David Mayo

Traduzione: Stellabruna
Quando parliamo di scopi, parliamo di una persona che prende una decisione di essere qualcosa, di fare qualcosa, o di avere qualcosa e che cerca di ottenerlo. Molto più semplicemente, uno scopo è una decisione o un postulato: i due termini tendono ad essere sinonimi.
Recentemente la gente mi chiede perché non audiamo sugli scopi. E’ una domanda interessante, anche se non usiamo procedimenti chiamati “procedimenti sugli scopi”, in effetti non si può audire qualcuno su niente che non siano gli scopi.
Visto che le persone stanno cercando di ottenere diverse cose nella loro vita, l’auditing che ricevono dovrebbe essere diretto ad aiutarli a raggiungere quegli scopi, o a rimuovere gli ostacoli che impedirebbero loro di raggiungerli.
A volte, l’auditing è stato visto come uno sforzo di liberarsi di qualcosa di indesiderato. Oppure come uno sforzo di liberarsi di qualcosa chiamato “bank”, o di occuparsi di un “caso”. Questi sono solo alcuni aspetti di ciò che cerchiamo di fare con l’auditing. Molto più importante, stiamo cercando di aiutare le persone a creare nuove abilità o a riabilitare e aumentare quelle che hanno già. Perciò il vero obiettivo dell’auditing ha a che fare con il portare al raggiungimento di scopi.
Qualche anno fa esisteva una specifica procedura di auditing chiamata “Processing sugli scopi” – una tecnica speciale che spesso destava l’interesse delle persone solo per il suo nome. “Processing sugli scopi” suggerisce aiuto nel raggiungerli, ma non era veramente questo ciò che la procedura era  progettata a fare. Una persona faceva la lista degli scopi che aveva avuto nel passato, l’auditor trovava il più carico e lo percorreva. La teoria alla base di questa tecnica era che se una persona avesse avuto uno scopo molto carico nel passato, sarebbe rimasto bloccato nel passato su quello scopo; oppure bloccato cercando di raggiungere uno scopo molto vecchio; o forse bloccato nel fallimento di raggiungere quello scopo, che avrebbe influenzato le sue azioni nel presente. Come tale, l’uso di questo procedimento fu limitato perché dipendeva dal fatto che l’individuo fosse bloccato o no in uno scopo del passato.
Molti speravano di scoprire precisamente quale fosse il loro scopo facendo il “processing sugli scopi”, e di riuscire poi a raggiungerlo. Alcuni cercavano di scoprire il loro SCOPO come se fosse qualcosa di magico, e se LO avessero scoperto, la vita sarebbe migliorata. E per certi versi questo è vero, a patto che si realizzi che lo scopo di una persona è qualsiasi cosa essa decida che sia – qualsiasi cosa voglia fare al momento, o per la vita.
Scoperta e conseguimenti appartengono al regno dei guadagni positivi ed è in questa direzione che l’auditing rende meglio. Se una persona ha scopi di auditing di migliorare abilità specifiche ha più probabilità di avere successo. Troppa concentrazione sul liberarsi delle cose tende ad essere limitante.
Per ottenere la vera felicità attraverso il raggiungimento di uno scopo, bisogna capire la composizione della felicità. C’è una definizione di felicità che la descrive come il superamento di ostacoli verso uno scopo. Questo può essere vero, ma la felicità non si verifica necessariamente superando ostacoli. Deve esserci più di questo nella felicità. Per portare felicità, uno scopo deve essere utile o di valore – e deve andare a beneficio degli altri. Questo porta immediatamente uno scopo, o la felicità, fuori dal regno dell’egoismo, o del mero interesse verso sé stessi.
Recentemente alla radio ho sentito un commento di qualcuno che si riferiva agli anni sessanta come alla decade dell’ “io” perché a quel tempo le persone erano impegnate a trovare sé stesse e ad essere sé stesse. Ma essere sé stessi non basta a rendere felici. Bisogna anche fare qualcosa di valore, e perché succeda è necessario interagire ed aiutare gli altri.
Ci sono alcune cose che influenzano il fatto che una persona raggiungerà con successo i suoi scopi o no. La personalità di base e la visione della vita sono importanti nel raggiungimento degli scopi. Se qualcuno decide di adottare uno scopo in grande contrasto con la sua personalità e con le cose che gli piace fare, è improbabile che quello scopo venga raggiunto – emergeranno un sacco di motivi per non fare cose in direzione di quello scopo e farà invece ciò che vuole fare veramente. Un tale scopo non è effettivamente uno scopo personale, ma è un’idea che la persona ha deciso di adottare. Un ovvio esempio è quello di una persona che accetta come scopo ciò che altri vogliono che lui faccia.
La questione di stabilire uno scopo è semplice, se si usa un approccio semplice. Ma a volte si stabiliscono degli scopi basati su ciò che si crede farebbe piacere ad altri o sarebbe approvato da altri. E questo è uno sbaglio. Per stabilire con successo uno scopo, bisogna essere sinceri.
Per realizzare i vostri scopi, è necessario che stabiliate cosa volete fare davvero. Poi immaginate quale beneficio potrebbero trarne gli altri. Se fate così, farete emergere uno scopo che potrete raggiungere e nel farlo trarrete puro piacere.
Da tanto si sa che le persone non agiscono al loro pieno potenziale (o al massimo delle loro abilità). Penso che in gran parte non sia solo a causa di engram o aberrazioni. Penso sia anche perché non hanno formulato uno scopo che corrisponda a ciò che vorrebbero fare e che sia a beneficio degli altri. Penso sia questa la chiave della felicità: prefiggetevi di fare qualcosa in cui siete capaci e che vi piaccia fare e che aiuta voi e gli altri allo stesso tempo. Allora avrete una vita felice.
C’è una profonda relazione tra stabilire il vostro scopo, raggiungerlo, aiutare altri, la felicità e la sopravvivenza. E penso che una semplicissima strada per essere più vivi sia semplicemente revisionare le cose verso cui stiamo andando.
Spesso quanto parliamo di un procedimento o di un esercizio, siamo d’accordo che il fenomeno finale non dovrebbe essere noto. Ma sto per suggerirvi un esercizio e anche per dirvi quale sarà il probabile fenomeno finale, perché sarà utile.
Nel determinare uno scopo, andate attraverso una serie di scopi e chiedetevi:
– questo scopo va a mio beneficio?
– questo scopo va a beneficio di altri?
– questo scopo è qualcosa che mi piacerebbe fare?
Guarderete questi scopi e probabilmente finirete per realizzare che avete avuto uno scopo per tutto il tempo, e che ci stavate lavorando, e che lo avete sempre saputo.
Anche se questo potrebbe suonare come se non ci fosse nessuna scoperta o lezione in questo piccolo esercizio, in esso c’è che ora potete essere certi su quale scopo avete. Che sia o meno la cosa giusta o sia o meno nelle vostre capacità raggiungerlo, potrete divertirvi lavorandoci su.
Spero che queste parole siano utili.
Dal giornale AAC 1984-86

46 commenti

Archiviato in Casa Minelli, David Mayo, Scientology indipendente

Tonina Pagnottina alla Riscossa !

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

felicita-1

Gli Scientologist Indipedendenti, come li intendiamo noi qui a “casa Minelli”, non li valutiamo, ma si autovalutano IN BASE ALLE PROPRIE AZIONI.

Gran differenza rispetto alla tendenza media della Cof$ dove si valutava una volta in base allo STATUS ed ultimamente in base a quanto il portafoglio sia a Fisarmonica.

Dico questo poiché, in base a quello che ho potuto osservare personalmente, l’attestazione di Tony Pacati del suo OTV ha causato un effetto, ossia una nuova Causa ! hahaha….

Effettivamente, il seguente successo arriva proprio dalle sue mura domestiche, dove Tonina Pagnottina ( Ad Honorem) ha deciso di riprendere un’avventura, accompagnata da Giovanni Bonzani, alla conquista di se stessa.

Complimenti !

Avanti tutta !!!!

Francesco

31.05.14

SUCCESSO

Wow… non avevo capito niente!

Più vado avanti più mi accorgo che non avevo capito niente!

La mia vita si sta ribaltando come fossi un giocoliere che fa volteggiare 10.000 palline alla velocità della luce!

Ho capito il perché di certi miei comportamenti che mi avevano condizionato tutta la vita! E’ stato impressionante!

L’altra sera, ripensando ad alcuni episodi della mia vita, con questa nuova consapevolezza, ho iniziato a rider tanto da dover premere il viso nel cuscino per paura di svegliare tutta la famiglia!

Mi ritrovo a pensare alle cose che sto capendo e a dirmi “ah… ops… mi sa che non avevo proprio capito nulla” e a ridere come una pazza!!

Sto imparando tantissimo! Mi è persino tornata la voglia di mettermi a studiare!!

Ho voglia di star bene!!

Sono un po’ arrabbiata perché credo di non riuscire a trasmettere l’entusiasmo che ho addosso!
Proverò così: immaginiamo di stare affogando.. l’acqua è alta, sporca, non si vede nulla, è fredda.. Poi succede qualcosa, la cima della testa è asciutta. Asciutta? Com’è possibile che sia asciutta se stai affogando?

…aspetta… forse… forse…

Non pensare! Non fermarti a pensare, fallo!

Allunga le gambe per darti la spinta! Ma, le gambe erano piegate; ti eri accorta che le gambe erano piegate? Allora la spinta che serve non deve nemmeno essere esagerata….

Lo fai!

…ahahahah oh Dio!! Ma… che è successo?? C’è il campo di fiori più bello che tu abbia mai visto qui!!!

E’ meraviglioso!!!

E… guardi in basso… non era un bicchiere d’acqua, ma una tazzina da caffè!!! Così piccola da essere di uno gnomo!!! Meraviglioso!! Ed è tutto così bello che anche quella tazzina è bella!! Guarda che decorazioni!! E forse è di qualcuno… e così conoscerai persino uno gnomo!!! Ahahahaha ma è fantastico!!!

L’avresti mai detto?? E’ uno spettacolo incredibile!
E… cosa c’è lì? Un cinema? Che film è?
Ma è la tua vita!! E guardi… e ridi! Capisci i perché, vedi le cose per quello che sono, e ridi!
Veramente quella scena ti imbarazzava? Guardala bene… è ridicola, ti fa ridere a crepapelle! E lì? Che piangevi tanto perché avevi 8.000 motivi per piangere? Guardala bene.. ora sai il vero perché! E una tenera risata esce anche lì!

E’ meraviglioso… ragazzi, è assolutamente meraviglioso!!

E quello? Quello che ti faceva tanto arrabbiare, quella persona che ti irritava tanto? Sorridi e pensi, citando un’amica, “ma fate tutti quello che volete, basta che non mi rompete i coglioni! Io sto bene così!!”

E guardi e pensi “ahahaha, poveretto, sbagliavo, l’ho prosciugato!” “Oh Dio, sono stata pessima” e ti spiace, ma sorridi, non pesa più!!

Grazie!! Grazie all’HGC 21 che mi ha ispirata, grazie al mio auditor Giovanni Bonzani, che spero sappia l’essere meraviglioso che è! La sua capacità di mettere a proprio agio è strabiliante! E’ un uomo splendido!

Grazie a LRH…come hanno fatto a venirti in mente certe cose proprio non riesco a immaginarlo!

Grazie a mia mamma, l’amica con cui posso parlare di queste cose! E al mio vecchio, burbero e saggio papone, che non mi ha mai invalidato niente, anche quando pensavo di esser pazza ad avere certi pensieri, considerazioni, percezioni…e lui si limitava a guardarmi con sguardo comprensivo.

Sapete una cosa? Non sono più arrabbiata!!

Grazie ai miei altri “zii”, fonte di grandissima ispirazione!!

E perché vi scrivo questo successo? Perché ho capito che anche quello che penso io è importante! E quando le cose sono belle è giusto condividerle!!

Ora, quando mi guardo allo specchio, se ignoro la cellulite, mi piaccio anche! Questo sorriso mi dona proprio!

Il perché mi circondavo di certe persone..ahahaha che pirla!!

Voglio essere la persona di cui sarei orgogliosa essere amica, e accanto a me voglio persone che guardandosi allo specchio sono orgogliose di quello che sono!

Guardalo per quello che è..guardalo e ridici su!!

E’ meraviglioso!!!

19 commenti

Archiviato in Casa Minelli, LRH, Scientology indipendente, SUCCESSI

“Non importa dove tu vada o ti nasconda, questo Universo ti troverà “

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

Ecco un messaggio da Richard, come il cantar del gallo che da’ il buon giorno,

alle ore 5:16 ci ha lasciato questo suo scritto,

un suo successo e alcune sue illuminanti riflessioni.

La frase che ho utilizzato nel titolo e’ incredibilmente potente, incredibilmente semplice,

incredibilmente vera.

Buona Lettura.

Francesco

hokusai-la-grande-onda

Ciao Ragazzi.

È molto che non ci si sente ma stò ammirando i vostri progressi e la perizia con cui Paolo ha agevolato l’Auditing.

Penso che la sua SP Declare andrebbe cambiata con la nomina ad Ufficiale Leale, così come per molti di voi.

Ma volevo parlarvi di un piccolo successo avvenuto tempo fa durante un’azione di OT X.

La filosofia sulla quale questa azione si basa è la seguente: “Non importa dove tu vada o ti nasconda, questo Universo ti troverà e se solo avrai una ferita la ingrandirà e la renderà purulenta”.

Forse queste non sono le parole esatte ma credo che rendano l’idea.

L’azione che viene svolta ad un certo punto dell’Auditing consiste di andare a visitare alcune persone e sfiorarle con un lieve tocco mentale.

La cosa non dovrebbe produrre alcuna reazione e questo starebbe a significare che ogni tipo di carica è definitivamente svanito, l’attitudine da usare sarebbe uno “zero” perfetto.

Ma ammetto di aver pianto, non perchè ci fosse molta carica residua, ma per l’enorme dolore percepito attraverso quel leggero tocco.

Voglio far presente che questa azione non avviene all’interno di questo Universo, d’altra parte anche nei libri di Ron si asserisce che il Pianeta conosciuto come Blito P3 non esiste.

L’azione successiva per rimuovere quelle poche tracce di tristezza è stata piuttosto veloce ed efficace, ma una comunicazione mi è rimasta in sospeso.

Il dolore col quale mi sono scontrato ha a che fare con la perdita, ho notato che è la cosa che si insinua maggiormente in profondità, qulcosa che non può essere risolto con una semplice pacca sulla spalla o con qualche parola di conforto, ma mi impongo un tentativo nella speranza di dare anche solo un minimo aiuto a chi ha perso qualcuno, sia che esso sia un genitore, un partner oppure un figlio.

Si, hai perso qualcuno e un particolare dolore ha cominciato a lacerarti dall’interno, ti ha fatto cambiare e i tuoi sogni ne hanno subito le conseguenze.
Questo Laido Universo ha fatto di tutto per farti sentire in colpa e farti introvertire.
Ti ha lasciato pensare che avresti dovuto essere più presente, che avresti potuto fare qualcosa di più….e che forse è stata colpa tua.

Non gli credere, questo Universo è Menzognero ed stato strutturato per farti sentire così ed il tempo alleggerisce solo vagamente il disagio che ancora alberga dentro di te.

Puoi fare solo una cosa, giungere alla Verità, cioè: “Tu non hai mai perso quel meraviglioso frammento di Te Stesso”!

E questo nessuno mai te lo potrà togliere.

Qualcuno tempo fa ha domandato se ci fosse da risolvere una particolare amnesia sulla traccia, ebbene, è così.

Si tratta di quella particolare amnesia che non ti concede di vedere pienamente come era la tua esistenza prima di finire in un Corpo su questo Pianeta.

All’inizio questo Universo era un particolare luogo dove un Thetan poteva entrarci con il massimo della consapevolezza, poteva schizzare a folle velocità attraverso le onde dell’oceano come se fosse un proiettile inarrestabile.
Poteva poi spiccare il volo ed ammirare il panorama da una notevole altezza.

Era un ottimo luogo per rimediare alla propria Havingness.

Spero che questo vi invogli sempre di più a continuare perchè quello stato è alla nostra portata.

Con Affetto

Richard

64 commenti

Archiviato in Casa Minelli, Richard, Scientology indipendente, SUCCESSI

Una Pioggia di Attest OT !

 

SIETE SCIENTOLOGIST INDIPENDENTI ? PENSATE CON LA VOSTRA TESTA !liquid diamond (2)

E’ proprio vero, una armoniosa pioggia di attest dei livelli OT ha colpito l’Italia,

Oggi 2 persone hanno attestato OTV,uno di questi energumeni

e’ nientepopodimeno che l’illustre Tony Pacati !

Ieri mio Papa’, Guido Minelli, ha attestato OTV,

Amarillo ha attestato OTII, due Indipendenti hanno attestato OTII,

uno ha completato SOLO NOTS ed ha incominciato l’OTVIII di Richard.

Beh, che dire ! Ottimo lavoro !

Complimenti ad Ignazio Tidu che ha fatto una grandiosa tripletta questa week !

Complimenti a Paolo Facchinetti che continua imperterrito nella sua Torre D’avorio

a seguire come Snr C/S gli OT.

Ecco a voi un po’ di Successi !

———————————————————-

infinito2

e DUE! e vai!

Mi ricordo da bambino che mi piaceva scavare la terra con la paletta; nello stesso modo ora mi sono divertito a scavare, ma con due lattine. E più scavavo e più c’era materiale da scavare. Ma da dove vengono tutte quelle read? Beh, per la verità qualche idea ce l’ho da dove vengono… ed il materiale ne parla; ma più di qualche idea questa è una certezza, che d’altronde è anche la comprensione del livello stesso.

Cosa posso dire di più se non la felicità di questo nuovo gradino raggiunto in tutta tranquillità, da casa, senza affanno né patemi, gustandomelo giorno dopo giorno senza ARCX o PTP dovuti a pressioni o richieste irreali?

Certo avere sul cammino un Angelo custode come Paolo, che non si è mai arrabbiato neppure quando sbagliavo le istruzioni, ma anzi con ARC mi indirizzava a capire e proseguire oltre gli ostacoli, è una fortuna non da poco.

In session spesso la mente mi andava a Ron, sul come diavolo aveva fatto a scoprire e inventare tutto il meccanismo… Solo trovare gli item è una cosa impensabile, figuriamoci poi metterli nella giusta sequenza: penso che sia più facile vincere un terno al lotto che anche solo avvicinarsi ad una sequenza corretta.

Accanto a tutto ciò non posso dimenticare Lareception che, tutta discreta, aspetta con entusiasmo di vedere i risultati degli amici. Di sicuro è diventata un dato stabile di presenza non trascurabile per l’ottenimento dei risultati, dei successi e della prosecuzione sul ponte.

Grazie a tutti.

Amarillo

 

———————————

S&D

SUCCESSO DI OT 1

Questi semplici procedimenti portano l’essere a “VEDERE” se stesso come Thetan in relazione ad altri e alla vita in generale . (Universo Fisico Compreso)

Mi rendo conto di avere, continuamente, realizzazioni nell’Auditing e nella VITA e di questo sono contento.

Non vedo l’ora di iniziare il prossimo livello e ringrazio il C/S per il sostegno datomi.

 

Mister X

 

———————-

maschera

 

Successo di OT II

 

In questo livello ho constatato l’esistenza di fenomeni che creano effetti molto dannosi sui Thetan.

Questo Livello e’ molto importante per il futuro di noi esseri spirituali e deve essere fatto al più presto da tutti i Clear.

Penso che tenere fermo un Clear per anni, senza far fare ciò’ ( a prescindere da qualsiasi giustificazione ) sia un tradimento verso la vita in generale.

Ho un nuovo punto di vista sia spirituale che tecnico.

Ho maneggiato anche delle cariche particolari.

Ho un ringraziamento per RON, per tutta la ricerca ed il lavoro svolto nel riuscire a mettere giù i corretti dati per liberare gli esseri.

Ringrazio anche il C/S Paolo e Ignazio per l’aiuto.

 

Mister X

 

——————————————–

aura

Successo di OTV

 

Oggi ho attestato il mio OT V !!!

Ho chiuso un ciclo aperto molti anni fa nella Cof$.

Fare Auditing nel campo Indipendente e’ veramente molto più’ libero e Theta che non nell’ambiente super corrotto dell’attuale chiesa.

Mi sento molto bene, il mio spazio e’ Libero !

Ignazio e’ un Auditor molto bravo, la sua Beingness da Auditor e’ perfetta !

L’HGC qui’ e’ veramente eccezionale , siamo un gruppo fantastico !

Grazie Ignazio, Grazie RON.

Vi voglio bene.

Guido Minelli

 

———————————–

 

E questo ora lo dedico a tutti voi !

LRH

“La via verso OT”

Hco Information Letter 10 agosto 1963

“La via verso OT è una via di knowingness che ritorna gradualmente,
un liberarsi graduale dell’amnesia, uno sbarazzarsi graduale dell’irrealtà.

L’irrealtà è il risultato dell’invalidazione tramite forza.
Colpisci un essere con forza sufficiente, arreca una sufficiente rottura di ARC, e tutto diventa irreale.

Ma con il ritorno della knowingness, l’irrealtà svanisce, lasciando una persona con una maggiore conoscenza di chi è, dov’è e perchè.

Ciò che è, è: non è quello che qualcuno altro dice che è.

Posso aiutarti moltissimo e darti la tecnologia ed una mappa; ma è la tua irrealtà che svanirà e la tua knowingness che tornerà.

Ora i cancelli sono aperti, spalancati.
Ma l’unico che potrà attraversare quella via e affrontare il percorso per te, sei tu stesso.”

LRH

 

 

61 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, LRH, OT, Richard, Scientology indipendente, SUCCESSI, Tecnologia Standard

Dentro l’antologia delle compilazioni di Scientology.

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la vostra Testa !

 

uovo-di-pasqua-pulcino

 

Buona Pasqua,

in questa giornata di Festa, ho pensato ri rompervi le uova nel paniere con questo scritto di Dan Koon che mi e’ stato consigliato da un amico prezioso, sia per me che per ognuno di voi.

Colgo l’occasione per farvi i più’ sinceri auguri, per ringraziarvi del supporto costante alla Reception ed al suo sviluppo, per ringraziarvi per tutto ciò’ che fate al di fuori del blog, affinché’ una Scientology Libera al di fuori dei monopoli, scusate la battuta ma oggi ci sta benissimo, sia Risorta (!) dalle ceneri di ciò’ che per noi era come casa, la Cof$.

Buona Lettura

Francesco

———————————————

dan-koon

Dentro l’antologia delle compilazioni di Scientology.

4 Maggio 2010 – 23:06:32

Di Dan Koon

Trad: Drako

Ogni tanto si trova qualcuno che scrive di persone che alterano la tech di LRH, che cambiano cose di LRH e che perciò distorcono il soggetto. Una cosa da sapere giusto all’inizio, è che LRH aveva persone che lo aiutavano nella ricerca e nella compilazione fin dall’inizio, persino prima della pubblicazione del Book One (Dianetica). Se date un’occhiata nel Volume Tecnico I, troverete menzioni su un’unità di compilazione e menzioni della prima Fondazione Hubbard di Ricerca di Dianetica.

In tutti i Volumi Tecnici originali (stampa originale del 1976) vi era ogni genere di HCOB (Hubbard Communication Office Bulletins) con la firma di altri, oltre quella di LRH. Non ricordo se siano state tutte rimosse, ma LRH non sembra abbia mai avuto problemi con le persone che davano contributi al soggetto, nonostante alcune persone possano pensare il contrario.

Con la formazione del management della SO, le persone della Divisione Tecnica e di quella delle Qualificazioni hanno continuato a dare aiuto nella scrittura degli HCOB e nell’auditing di ricerca. I Commodore’s Staff Aides (Aiuti dello Staff del Commodoro) per le Divisioni 4 e 5, CS-4 e CS-5, hanno spesso scritto i bollettini, così come lo fecero altre persone. Per quel che ne so, si basavano sempre su un ordine di LRH di “scrivere un bollettino così e cosà [correlato ad uno specifico argomento – di solito relativo a qualche soggetto tecnico o a qualche scoperta che era appena saltata fuori]”. La persona l’avrebbe scritto e l’avrebbe inviato a LRH con un CSW (Completed Staff Work, Lavoro dello Staff Completato, cioè: richiesta di autorizzazione) per avere l’okay. LRH lo avrebbe riguardato e lo avrebbe avallato così com’era o lo avrebbe modificato in qualcosa e poi ne avrebbe autorizzata l’emissione. I due nomi che per lo più avrete visto sulle pubblicazioni di quel periodo sono quelli di Ron Shaffran (CS-4) e di John Eastment (CS-5). La firma per la pubblicazione in genere diceva “[Nome, Posto] per L. Ron Hubbard Fondatore (o Commodoro)” oppure “per ordine di L. Ron Hubbard Fondatore”.

Nel 1978, LRH viveva a La Quinta e stava girando i filmati tecnici. Vi era un’unità di compilazione dei libri, che in genere si supponeva stesse trascrivendo tutte le conferenze di LRH così che potessero essere distribuite in forma scritta come la Serie delle Ricerche e Scoperte (Research and Discovery Series). Si occupavano anche della riedizione dei libri di LRH. Ma non vi era nessuna unità che lo aiutasse con le nuove compilazioni. Perciò lui formò un’unità chiamata LRH Technical Compilations, che venne poi conosciuta come RTC. Nel 1982, RTC venne in seguito modificato in RTRC (LRH Technical Research and Compilations), quando dalla chiesa venne creata la società e l’attuale Religious Technology Center si accaparrò quelle iniziali.

Ad ogni modo, quella fu la prima unità di compilazione ufficiale che LRH ha avuto a partire probabilmente dai primi giorni di Dianetica. Il capo dell’unità era Phoebe Maurer, che fu per molto tempo un membro della SO fin dai primi giorni del Sea Project (tempi addietro lei aveva lavorato per un tipo di nome Charlie Finley che aveva sviluppato la Blue Cross o modello di assicurazione medica Blue Shield e che in seguito fu il colorito ed eccentrico proprietario della squadra di baseball degli Athletics di Kansas City/Oakland. Phoebe conosceva una gran quantità di storielle su Charlie).

In quel periodo LRH stava lavorando su una gran quantità di cose e RTC lo ha facilitato enormemente. In quell’autunno (1978) iniziò a sviluppare il “Super Power”, che è una serie di 12 rundown intesi per migliorare le capacità dei membri dello staff, per renderli più efficienti. RTRC (userò questa denominazione per evitare confusioni con l’attuale RTC, anche se in quei primi tempi veniva chiamata RTC) aiutò nel mettere insieme le pubblicazioni. Uno dei rundown venne chiamato “Lista Di Riparazione di Etica”, ed era inteso come aiuto ad una persona nel risolvere i problemi e la carica che lei aveva per quanto riguarda le azioni di etica e di giustizia, non solo in Scientology, ma nella vita. LRH iniziò ad osservare questo argomento e ad inviare dispacci a RTRC (di fatto a Phoebe) e l’unità iniziò a mettere insieme la lista di riparazione, seguendo le direttive di LRH. Lui aveva detto che la lista avrebbe dovuto comprendere “A, B, C … X, Y, Z” e così via e che avrebbe elencato come occuparsi di ciascun argomento. RTRC si sarebbe occupato di mettere insieme una pubblicazione con l’appropriata intestazione e l’appropriata firma e l’avrebbe rinviata a LRH per l’approvazione così da inviarla e sperimentarla sul gruppo. LRH l’avrebbe approvata, poi RTRC avrebbe tenuto un briefing sul rundown con gli auditor di Qual e Qual avrebbe poi iniziato ad audirlo su alcuni membri dello staff come esperimento pilota. RTRC avrebbe monitorato l’auditing pilota, raccogliendo i rapporti provenienti dagli auditor sui loro pc pilota e tutte le informazioni sarebbero state utilizzate per modificare la pubblicazione, aggiungendo nuove domande o eliminando quelle inappropriate giungendo sostanzialmente ad una pubblicazione che era funzionale e che raggiungeva il risultato desiderato di un pc che veniva liberato dalla sua BPC (By-Passed Charge, carica oltrepassata) sul soggetto dell’etica. L’esperimento pilota veniva eseguito su abbastanza persone così da giungere ad una pubblicazione o ad un rundown funzionale, qualsiasi cosa si sperimentasse. Alcuni rundown o azioni vennero sperimentati su molte persone, altri su meno persone. Il “Purification Rundown”, iniziato nel 1979, venne sperimentato su centinaia di persone, come lo fu anche il “Key to Life Course”. La “Lista Di Riparazione di Etica” venne sperimentata, forse, su più o meno 30 persone.

In quel periodo vi era un messaggero che era un auditor di Classe VIII ed era la connessione principale tra LRH e RTRC. Lei manteneva in funzione il traffico di informazioni tecniche con LRH e lo sviluppava con lui, poi riportava ad RTRC le sue note o le sue conversazioni sull’argomento registrate su nastro e le sviluppava con loro, trasmetteva le ulteriori istruzioni di LRH e via dicendo. In questo modo, una piccola unità formata in tal modo fu in grado di assistere LRH nella sua ricerca tecnica.

Una gran quantità di materiale tecnico iniziò ad essere eseguito immediatamente. Molti dei rundown del “Super Power” vennero scritti e sperimentati, differenti fenomeni sull’e-meter vennero chiariti e si iniziò a sviluppare “NOTs”. Più tardi in quello stesso autunno, LRH chiamò gli auditor affinché venissero addestrati sul “Super Power” così che sarebbero stati in grado di applicarlo allo staff delle org. La prima cosa di cui voleva essere sicuro era che i loro TRs fossero a posto e quando non lo erano, ciò dava il via a un gran lavoro sull’addestramento sui TRs, in cui era coinvolto il nuovo Snr C/S Int David Mayo. E da ciò derivarono il “Corso della Valutazione” (chiamato “World out of Communication”) e il “Life Orientation Course”, il “Purification Rundown” e ogni genere di materiale simile di LRH. Il 1978 e il 1979 furono delle grandi annate per la tech e ciò fu dovuto principalmente alla formazione di un’unità di “comps tech” (compilazione tecnica) che avrebbe assistito LRH.

Vennero aggiunte altre persone ad RTC, che erano dei buoni auditor ed in grado di scrivere, che lo aiutarono nella compilazione e nella sperimentazione pilota dei rundown che saltavano fuori in quel periodo. In quei giorni LRH era praticamente sempre sulle linee. Qualsiasi compilazione tecnica scritta in quel periodo veniva direttamente vista e rivista da lui. In quel periodo vi furono anche numerosi ordini di compilare altre pubblicazioni e rundown su cui non si lavorò a causa di altre priorità o di carenza di personale nell’unità che vi potesse lavorare sopra. Questi vennero messi in un registro per occuparsene in seguito.

Nel febbraio del 1980, LRH uscì dalle linee e le pubblicazioni tecniche vennero autorizzate dal Messaggero per la Tech e/o da David Mayo. LRH tornò sulle linee alla fine del 1981/inizi del 1982. Durante quel periodo, febbraio 1980 – dicembre 1981, vennero pubblicati degli ottimi bollettini ed alcuni terribili (di m****). Quando LRH tornò sulle linee cancellò questi ultimi. In quel periodo si venne a formare l’attuale RTRC come struttura e posizione sull’org board. Venne posta nell’Ufficio del Snr C/S Int anche se in precedenza era stata posta nell’Ufficio Personale di LRH. Bel colpo.

Phoebe rimase l’unica costante nell’unità. Arrivò dell’altro personale (rimarchevole fu Russ Williams) e se ne andò, ma lei godeva di una gran fiducia da parte di LRH e sapeva come redigere le compilazioni molto bene. Nel 1984, LRH sviluppò il “FPRD (False Purpose Rundown, il Rundown sui Falsi Scopi) basato sul dato che gli O/W (atti overt e withhold) si avevano sulla scia di uno scopo malvagio e che quello scopo malvagio si veniva a formare nel bel mezzo di una confusione nello sforzo di risolvere quella confusione. RTRC e il Senior Case Supervisor International, Ray Mithoff, fondamentalmente effettuarono la sperimentazione pilota, lo misero per iscritto, ottennero l’avallo di LRH e poi lo diffusero. La linea con LRH non era così diretta come era stata a La Quinta perché LRH non abitava sempre nello stesso posto. Tuttavia, lui vide e rivide ogni pubblicazione, per quanto ne so, e tutti i rundown furono basati direttamente su sue indicazioni e scritti. Ogni cosa venne sperimentata e messa a posto prima di essere diffusa ampiamente.

Nel 1986 LRH morì e vi fu una lotta di potere tra DM e Pat Broeker. RTRC passò un periodo molto duro in cui nulla poteva essere autorizzato e nulla uscì dall’unità per circa un anno. Fu un caos fuori di testa. Molto del personale cambiò. Phoebe perse ogni interesse nel gioco dopo la morte di LRH e morì alla fine del 1986. (?)

Nel 1987 DM cacciò Broeker e le linee di compilazione vennero nuovamente riaperte. Fin dalla formazione di RTRC nel 1978, LRH aveva inviato fiumi di ordini, idee, avvisi e fiumi di altre compilazioni e pubblicazioni simili che lui voleva venissero fatte, così come avvisi su come fare gli scritti tecnici e su come compilarli. Questi ultimi avvisi vennero messi nei pacchi degli hat che venivano studiati dal personale che lavorava nell’unità.

Dopo anni di pubblicazioni inviate a LRH, si erano imparate certe cose su cosa non fare in una compilazione e su cosa ci si aspettava e queste cose vennero messe in una lista di verifica che veniva seguita religiosamente nel preparare le pubblicazioni tecniche. Gli aspetti basilari di una compilazione erano: a) ricerca, b) compilazione, c) sperimentazione pilota (se necessaria) e d) amministrazione (il che significava la pubblicazione stessa – come scrivere il CSW, il lavoro dello staff completato, come mettere insieme il tutto così che potesse essere rivisto velocemente).

Diciamo, per esempio, che vi era un ordine di compilare un HCOB (Hubbard Communication Office Bulletin) X. I ragazzi della ricerca avrebbero scovato ogni cosa che potevano trovare su quel soggetto, avrebbero preso persone all’org di Londra o di Washington DC che lavorassero all’e-meter a casa loro per trovare ogni cosa che LRH aveva detto sulla materia. Qualche volta avrebbero messo insieme parecchia spazzatura (uh!, dati di ricerca) in cui il compilatore sarebbe poi rimasto immerso per giorni per arrivare ad estrarre quel che LRH intendeva che la pubblicazione dovesse includere. Poi lui avrebbe scritto la pubblicazione. Se si trattava di un’azione di auditing, la cosa sarebbe stata sperimentata e la pubblicazione o il rundown sarebbe stato modificato in base ai risultati derivanti dalla sperimentazione pilota. Una volta che ogni cosa fosse stata fatta, sarebbe stata stilata una richiesta che riassumeva la ricerca, annotando una reference verificata di LRH per ogni singolo punto eseguito nella pubblicazione, un sommario dei risultati della ricerca pilota ed ogni cosa accuratamente etichettata, blah, blah, blah. Il punto era che le persone avevano preso il lavoro molto seriamente.

La richiesta sarebbe poi stata inviata ad RTC per l’autorizzazione. Per le pubblicazioni tecniche questo significava che sarebbe stata inviata a chiunque allora fosse stato il Snr C/S Int, poi all’Inspettore Generale per Tech (Ray Mithoff) e poi al Chairman of the Board (DM). Le richieste per le policy letter andavano dall’IG Admin (Marc Yager) e le richieste OSA all’IG Ethics (Marty Rathbun). Un esempio (ammetto estremo) di come le pubblicazioni venissero esaminate accadeva durante la compilazione di un mucchio di avvisi di LRH su come OSA si supponeva dovesse operare. Un OSA Network Order che era stato sottoposto all’avallo venne discusso per 3 giorni sulla base del collocamento di una singola virgola, perché quella virgola avrebbe cambiato il significato della pubblicazione. Ora, che quello fosse o meno folle, io non lo so, ho solo ascoltato le conversazioni. Ma quel livello di esame era pressoché di routine. Le persone che lavoravano nell’unità davano veramente l’anima per farla andar bene e se non ci riuscivano non era certo per mancanza di sforzi o di sincerità. Quelli che non volevano coinvolgersi completamente nel loro lavoro finivano da qualche altra parte.

A partire dal 1987 le due persone centrali dell’unità furono Dan Koon e Sue Koon. L’impegno passò dal riuscire a star dietro al corrente traffico di LRH (ovviamente) all’avere a che fare con l’arretrato degli ordini pubblicati durante tutta la sua vita che non erano stati utilizzati. La prima più grande evoluzione fu quella di compilare i fogli di verifica dei corsi per l’addestramento nell’Accademia. Questo includeva il maneggiare ogni HCOB che necessitava di essere aggiornato o riaggiustato in qualche modo così che venisse incluso nel foglio di verifica. In tal modo, vennero completamente rifatti ed espansi i fogli di verifica di tutti i Gradi Espansi Inferiori così da includere ogni singolo procedimento che avrebbe potuto saltar fuori in ciascun grado. Dopo di ciò, hanno aggiornato i libri sull’E-Meter, preparato dei servizi introduttivi per l’auditing di Book One, hanno ottenuto i corsi per i Corsi Avanzati aggiornati e poi, nel 1990, hanno stabilito di rivedere il   SHSBC (Saint Hill Special Briefing Course). Come si evince, la forza del lavoro dell’unità stava aggiornando i corsi di addestramento e fondamentalmente consolidando ogni cosa che LRH aveva di già fatto.

Qui è dove entriamo nella questione che rende nervose molte persone – in che modo questi tizi di RTRC hanno giocherellato con la tech di LRH? Perché ci sono dei bollettini che vengono emessi anni dopo che LRH ha abbandonato il corpo? Qui vi è la risposta: in ogni caso, vi era un ordine di LRH su quel che si doveva fare. Qualche volta vi era stato un intenso traffico di LRH su un particolare argomento, come per molti dei “Super Power Rundown” o per i corsi “Key to Life” e “Life Orientation Course”. Qualche volta vi era solo un ordine per “fate una pubblicazione su [una cosa qualsiasi]”.

Non è mai stato pubblicato niente che LRH non abbia espressamente ordinato. Ed ogni cosa era stata fatta seguendo la sequenza delineata più sopra di “ricerca, compilazione, sperimentazione pilota e richiesta d’avallo” e poi sottoposta alla “ricerca del pelo nell’uovo” [principalmente da parte di Ray Mithoff e di DM] per ogni centimetro della loro esistenza (in alcuni casi in modo folle).

Un enorme progetto di compilazione fu la pubblicazione dei corsi “KTL” e “LOC” alla metà degli anni ’90. Era un qualcosa iniziata da LRH nel 1979, ma mai portata a termine fino al 1990.

Il rifacimento del SHSBC del 1991 fondamentalmente comprese tutte le compilazioni non confidenziali non ancora fatte. Questo corso include tutti i libri di LRH e gli HCOB dei Volumi Tecnici e tutte le 465 conferenze del SHSBC di LRH. Molti dei primi fogli di verifica avevano escluso fino a 150 conferenze, così queste vennero tutte nuovamente incluse, ad eccezione di una che io ricordo sugli episodi della traccia intera, che venne ritenuta come una out-PR.

Per RTRC gli anni 1987-1991 furono il periodo più produttivo e l’unità venne largamente protetta dal caos che sembrava mantener occupato il resto dell’org [Commodore’s Messenger Org International]. Lo staff venne per lo più lasciato da solo a fare il proprio lavoro e ne fecero molto.

Nel 1994, vennero ripubblicati i “NOTs” dopo essere stati ricompilati, come Dianetica Espansa.

Il 1995 venne principalmente trascorso nella compilazione dell’ora-quasi-mitico Dizionario di Scientology. Venne fatta una versione, ma si trattava di spazzatura e prima che potesse essere onestamente rivista e risistemata, venne ritardata da quella che venne chiamata l’Età d’Oro della Tech. Passerò oltre le battute sulle ore di auditing che sono state necessarie per riparare l’addestramento degli auditor e che hanno portato alle compilazioni.

Il 5 settembre 1971 LRH tenne una conferenza, “Un Discorso su una Qual Basilare” (“A Talk on a Basic Qual”), e durante questa conferenza parlò della preparazione di un libro di esercizi che prendeva ogni azione di auditing e la trasformava in un esercizio che sarebbe potuto essere usato per addestrare gli auditor nel fare correttamente le azioni di auditing. L’idea era di prendere ogni azione che sarebbe potuta essere richiesta ad un auditor e di creare un esercizio pratico che lui avrebbe potuto fare per imparare a fare l’azione. L’anno precedente LRH aveva scritto un HCOB intitolato “Dianetic Command Training Drills” (esercizi di addestramento sui comandi di Dianetica), che faceva parte del vecchio “Hubbard Standard Dianetics Course”. Questo conteneva una serie di 4 diversi esercizi che portavano lo studente attraverso un graduale apprendimento di come audire Dianetica. Prima imparava i differenti comandi dandoli ad un muro fino a che li conosceva. Poi, li dava con l’e-meter e il suo set-up di auditing, poi con un coach che gli dava risposte e alla fine in una seduta proforma con un preclear e risposte all’e-meter come se si trattasse di una seduta vera. Più o meno nello stesso periodo, LRH stava addestrando gli auditor a consegnare i “Rundow degli L” e in una conferenza ai Classe XII parlò di un altro esercizio in cui un coach avrebbe presentato una situazione chiedendo “Cosa faresti?” e lo studente avrebbe dovuto dare la risposta corretta.

Basandosi su quelle referenze principali, nel 1996 RTRC mise insieme i pacchi degli esercizi che coprono ogni azione di auditing, dal far volare i rudimenti al come percorrere i procedimenti per maneggiare le liste di correzione. Questi vennero tutti incorporati nei fogli di verifica nuovamente rivisti per l’addestramento dei Livelli dell’Accademia.

Il modo in cui questi esercizi vennero compilati fu quello di presentare innanzitutto quali fossero le azioni di auditing, poi di prendere i bollettini di LRH che trattavano le azioni e poi di convertire tutto ciò in varie fasi di esercizi che seguissero la sequenza di: 1) imparare i comandi, 2) sapere che risposta dare in ogni situazione, 3) sapere come fare le azioni in sequenza usando l’e-meter e 4) fare l’azione in una seduta “in vivo”. Una volta che un esercizio era stato fatto, sarebbe stato sperimentato dagli auditor, rivisto come necessario e poi pubblicato.

Ovviamente, quel che precede i Livelli dell’Accademia sono i fondamenti dell’addestramento dell’auditor, che sono i TRs e l’addestramento all’E-Meter. E’ su questi corsi che le persone impazziscono. Una volta che sono passate attraverso di essi, se lo fanno, il resto del programma è abbastanza semplice. I problemi con questi corsi sono 1) arbitrari sul fatto che i TRs dello studente siano o meno accettabili invece di compararli semplicemente al film che LRH ha fatto che mostra quali siano gli standard per ogni esercizio, 2) inclusione degli esercizi con l’e-meter per il cui completamento potrebbe volerci molto tempo, ma che poi non viene quasi mai usato nell’auditing reale, che di base relega ore e ore di tempo del corso ad eseguire un esercizio di admin (gestione amministrativa) che non verrà mai usata. Quelle due cose corrette potrebbero tagliare la quantità di tempo necessario all’addestramento per lo meno della metà.

Oltre a quello, non vi è nessun particolare errore rispetto la pubblicazione originale della “Golden Age of Tech”. Notate che ho detto “originale”. Il problema, ed è uno significativo, è che ci sono differenti livelli di abilità degli auditor e che gli esercizi della GAT sono stati applicati ad ogni livello di abilità, il che, quando date realmente un’occhiata al tutto, non ha alcun senso.

Nel 1978, quando LRH mise per la prima volta RTRC a ricompilare i Livelli dell’Accademia, lui disse che un auditor di Classe IV si supponeva che fosse un meccanico che poteva fare certe azioni. Quello era ciò che si supponeva dovesse insegnare la “Golden Age of Tech” (dopo che lo studente aveva imparato i TRs e l’uso dell’E-Meter, ovviamente).

Al di sotto di quel livello di abilità dell’auditor, di fatto avete persone che imparano ad audire Dianetica nello stile del Book One e questo dovrebbe realmente essere il livello d’entrata per gli auditor. Dovrebbero imparare come audire un’altra persona usando solo la comunicazione e non un sacco di altre cose come l’e-meter e le procedure complesse.

Poi avete l’auditor addestrato dell’Accademia, che include il Classe V di “Dianetica della Nuova Era”.

Ora, al di sopra di questo avete il SHSBC (Class VI Auditor Course), che è una comprensione del soggetto completamente differente. E’ un corso molto più lungo e molto più simile ad un livello universitario in termini di ore di scuola, anche se può essere fatto in un anno o meno di lavoro. Lo studente del Briefing Course studia la completa estensione filosofica e tecnica di Scientology, il che è una dannata quantità di materiale. (Ad ogni modo, le persone che sputtanano e si lagnano di Scientology stanno, per il 99% delle volte, sputando sull’organizzazione o sull’orribile auditing che hanno ricevuto, non sui reali principi filosofici o sulla tecnologia stessa. Da quel che ho letto su questi comitati, si tratta di questo). In ogni caso, il SHSBC sarebbe un altro livello di esercizi per l’auditor, specialmente alla luce del fatto che sul SHSBC, LRH dice più e più volte che l’“auditing è quello con cui potete farla franca”. In altre parole, qualsiasi cosa abbiate fatto che abbia migliorato il preclear veniva considerato valido, essendo l’intera idea di Scientology volta a innalzare l’abilità a migliorare le condizioni. Perciò, se avevate fatto qualcosa come auditor che non sarebbe strettamente rientrata nel modo convenzionale di fare le cose, ma avevate tuttavia ottenuto un buon risultato sul vostro preclear, buon per voi. Ciò era incomprensibile nello schema del Corso di Classe VI, che include migliaia di pagine di materiali scritti e parecchie centinaia di conferenze. E’ una dannata quantità di materiale. (Ad ogni modo, chiunque pensi che LRH fosse solo un artista dell’imbroglio, nessuno, non importa quando disperato nell’evitare un onesto lavoro quotidiano, si sarebbe cimentato nel problema di mettere tutto quel materiale insieme nel corso di più di 20 anni solo per spillare denaro a qualche povero babbeo. Inoltre, tutto il materiale fluisce in una sequenza logica di progressione dal libro più vecchio via via fino alla fine).

Ovviamente, sulla prima conferenza del Corso di Auditor di Classe VIII lui dice empaticamente, “L’auditing NON è quello con cui ve la cavate”. Bene, quello avrebbe bisogno di un completo altro livello di esercizi e addestramento per l’auditor.

Ma l’evoluzione della “Golden Age of Tech” è stata applicata a tutto l’addestramento dell’auditor a partire dal Classe 0 in su. Gli esercizi GAT (Golden Age of Tech) sono intesi per prendere in considerazione il livello di duplicazione, cosa che fanno. Ma al di sopra di quello vi è la reale comprensione e quella non è ottenibile sui Livelli dell’Accademia. Per questo avete bisogno del SHSBC. E poi al di sopra della comprensione ottenete il giudizio e per quello avete bisogno del Corso di Auditor di Classe VIII. Ciascuno richiederebbe il proprio livello di esercizi e la propria tipologia di esercizi per ottenere un auditor appropriatamente addestrato. E’ stato compilato solo il primo livello.

Ovviamente, niente di quanto sopra ha a che fare sul fatto che di fatto l’auditing funzioni o meno o che sia o meno possibile utilizzarlo per migliorare una condizione nella vita di qualcuno. Compete ad ogni individuo decidere ciò per conto proprio. Ma ad ogni modo non potete farlo solo parlando o pensandoci così come non potreste comprendere il sesso solo parlandone.

Probabilmente al riguardo vi sarebbe molto di più da scrivere in ulteriori articoli se vi fosse dell’interesse sul soggetto. (Si tratta di compilazioni, non copulazioni).

121 commenti

Archiviato in Casa Minelli, LRH, Scientology indipendente, Tecnologia Standard

GPMs: L’Avventurosa Routine 2-12 Uno studio nella Tech GPM degli anni ’60.

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

gesu vs satana, battaglia, bene e male 149086

 

Introduzione: Paolo Facchinetti

Traduzione: Drako

 

Francesco mi ha chiesto di scrivere un’introduzione a questo scritto di Clearbird sull’R-12. A chi segue da qualche tempo questo blog tornerà in mente un altro scritto pubblicato qualche tempo fa di John McMaster sulla S&D. I due soggetti sono perfettamente compatibili. Il periodo storico è sempre gli anni 60. L’R-12 viene prima delle S&D e leggendo attentamente questo scritto si capisce il collegamento. Sono curioso di leggere i commenti. Posso aggiungere due cose:

–      Chi ha fatto il SHSBC ha studiato qualche centinaio di nastri riguardanti l’auditing dei GPM reali e delle R2-12, ma senza che nel ponte “standard” esista una qualsiasi applicazione pratica.

–      Nel mio Advanced Ability Center negli anni 80 le R2-12 erano utilizzate con grande successo ad ogni livello del ponte, grazie alla tecnologia di Dianasis sviluppata da Irene Munford che adattava l’auditing della R2-12 alle moderne leggi del Listing and Nulling, più qualche sua personale invenzione.

 

Buona lettura!

 

 GPMs: L’Avventurosa Routine 2-12

Uno studio nella Tech GPM degli anni ’60.

Di Clearbird

La Routine 2-12 era stata intesa come un procedimento di livello iniziale per il trattamento delle GPM. E’ stata presentata a Saint Hill nel novembre del 1962. Ha mantenuto molte delle promesse ed ha portato a profitti di grande magnitudo. Tuttavia, a quel tempo, non fu possibile trovare un approccio che potesse essere eseguito uniformemente dagli auditor; così come non era possibile che tutti i preclear potessero percorrere il procedimento. Di conseguenza, la R2-12 portò a parecchi disastri. Morti premature e malattie mentali sono riportati come i tremendi “effetti secondari” del percorrere il programma nel campo in modo poco professionale. Questo articolo si basa sull’analisi di rilevanti conferenze e HCOB del periodo 1962-63 e di racconti dei diretti interessati trovati nei gruppi su internet e altrove. La mia speranza è che l’articolo sia comprensibile ai lettori non addestrati nella tech.

Nei Volumi Tecnici troverete, alla data del 23 Novembre 1962, il principale bollettino che tratta il procedimento R2-12. Inizia in questo modo: “Questa procedura deve essere fatta su ogni preclear di HGC, ogni studente di ogni corso che sia un preclear, il prima possibile e assolutamente prima del Prepcheck o dei CCH. Fatta correttamente porterà a termine il caso senza alcun risultato o il caso lento e garantirà risultati più veloci al caso veloce. TUTTI i Casi devono eseguirla immediatamente”.

 

Le Basi della R2-12

L’obiettivo del procedimento è di trattare i problemi di vecchia data sui quali il preclear sta seduto. Il problema apparentemente più grande è quando, in tempo presente, il preclear si trova in opposizione con persone o identità che lui percepisce come ostili o antagoniste. Se questo suona familiare agli Scientologist dei giorni nostri non è un caso. Che i casi non si avvantaggiassero della presenza di problemi di maggiore importanza lo si sapeva dagli anni ’50. Dopo il breve regno della R2-12, lo stesso dato dei “casi che non avanzano in presenza di importanti problemi del tempo presente” divenne un’intricata parte del trattamento della soppressione e del sentirsi soppressi nella tech PTS/SP.

In base alla tech PTS, il trattamento delle principali relazioni-problema è in assoluto prioritario. Ma di solito “il problema”viene identificato provando che “l’altro tizio” ha completamente torto e designandolo/a come una persona soppressiva. Questo ha molto spesso confuso le persone causando loro il rifiuto della tech PTS. A dir la verità, è una ipersemplificazione di quel che sta accadendo poiché si prende in considerazione solo un lato del problema.

La teoria della R2-12, come sembra, va molto oltre quel punto. Chiaramente indirizza il preclear verso l’altro, e molto spesso nascosto, lato del problema. Questa teoria è più realista, anche se potrebbe trattarsi di una verità alla quale non tutti i preclear sono pronti. La R2-12 si rivolge ad entrambi i lati del problema. Fa ballare il tango a due; prende un conflitto tra personalità per creare un problema di grande magnitudo poiché un problema è intenzione contro contro-intenzione; scopo contro contro-scopo; o identità contro contro-identità.

Quel che la R2-12 voleva maneggiare era di identificare completamente le due identità in conflitto e far sì che in seduta entrambe si scaricassero una contro l’altra. In una conferenza intitolata “R2-12, Teoria e Pratica II” (SHSBC 621129) Ron ne tratta i fondamenti. Qui vi è la sua spiegazione di come si correla alle GPM:

“Ora, perché viene chiamata … una Massa di Problemi sugli scopi? Si tratta di una massa che è composta di identità che si oppongono a identità. E sono così accuratamente una di fronte all’altra in opposizione sulla traccia che non si spostano di una virgola. Stanno solo là ed alla fine formano una enorme grande e vistosa massa nera”.

Inoltre, il bollettino R2-12 dice:”La Massa dei Problemi sugli Scopi consiste di Item (valenze) uno in opposizione all’altro. Un paio di questi Item, uno in opposizione all’altro, costituisce un problema specifico”.

In altre parole, la persona percepita come soppressiva costituisce, nella mente del preclear, uno dei lati del problema e sta corrispondendo ad una valenza, identità o il cosiddetto Item Affidabile (Reliable Item). Si tratta, di regola, di un conflitto molto vecchio che è stato restimolato da circostanze del presente. Ron continua dando un esempio in cui una persona nella valenza di un piromane è in conflitto con La Compagnia Nazionale delle Assicurazioni:

“Se questo tipo ha la sua attenzione, la sua overtness, fissata su ogni cosa del tempo presente, allora noi presupponiamo che quella cosa del tempo presente rappresenta un pezzo della GPM. E che, nascosta e fuori vista, vi è la sua parte in opposizione. Questa persona non si domanda mai CHI o cosa si opporrebbe alla National Insurance Company. Non se lo domanda mai, perché innanzitutto lui è Joe Jones, si sta opponendo alla National Insurance Company, ha agganciato il terminale “piromane” ed il terminale che si oppone è “assicuratori”. Vedete, è un bel gioco ed è seppellito proprio là nella GPM. Ma nel tempo presente questa cosa è così agganciata che questo individuo è stato audito in continuazione con un problema del tempo presente. In seduta lui sempre, in qualche parte di qualche seduta, avrà il suo pensiero fissato sulla National Insurance Company. Giudicherà tutto quanto in base al come si correla con la National Insurance Company. Vorrà migliorare così da poter essere sufficientemente potente da spazzar via il tetto dell’edificio. Tutto il suo auditing si sta focalizzando su questo. In altre parole, la sua fissazione sul tempo presente è tale che non andrà mai indietro sulla traccia. Lui sta cercando di audire se stesso su una cosa o su un’altra. In altre parole, sta drammatizzando l’altro peso del manubrio, vedete? Quell’altra palla là che si sta opponendo a quella cosa, “assicuratori”. Ora, la National Insurance Company non fa parte del bank. E’ un key-in. E’ un sostituto per, un aggancio a questa cosa della GPM che la mantiene continuamente in restimolazione”.

Il Manubrio dei pesi è un’illustrazione grafica dei due lati in opposizione che nella GPM vanno a costituire una dicotomia. Illustra anche l’uguale dimensione e forza delle identità opposte che è necessaria affinché la GPM rimanga un equilibrio di forze.

Nella citazione abbiamo:

Terminale in Opposizione: Assicuratore.

Proprio terminale: Piromane.

 

Due nemici naturali che si stanno vicendevolmente combattendo.

 

In altre parole, la R2-12 fornisce la motivazione sottesa del perché alcune persone hanno un effetto soppressivo DEEP (che interessa Decisioni, Emozioni, Energie e Polarità) su un certo caso mentre altre persone apparentemente altrettanto cattive hanno poco o niente effetto sul medesimo caso, poiché il preclear può semplicemente dare il benservito a quell’altro. Tutto si riconduce all’identità con la quale il preclear sta operando e allo scopo che sta perseguendo in modo reattivo. Nel maneggiamento moderno della PTS, le cose che la R2-12 attacca direttamente vengono portate con calma allo sganciamento (key-out) e il preclear viene istruito a star lontano dal terminale soppressivo poiché questi gli gira intorno in carne ed ossa. Ma questo trattamento di sganciamento/disconnessione trascura completamente un punto importante e tende a far sì che i preclear vedano se stessi come vittime innocenti. E’ una tech limitata.

 

Auditing R2-12

Il procedimento era un procedimento di Routine 2 perché a quel tempo era stato progettato per essere fatto da auditor di Classe II. Aveva 12 passi e perciò è stato chiamato R2-12. In contrasto coi procedimenti R3 (come l’R3 Criss Cross* o R3GA*) la procedura non ricercava gli scopi principali che stanno dietro le GPM che facevano sì che i giochi e le guerre continuassero all’interno della GPM e che sono la base intorno alla quale viene costruita l’intera GPM. Si cercavano soltanto i terminali (valenze) in opposizione nel tempo presente e li si confrontava coi propri terminali (valenze). Una volta che questi venivano confrontati, il procedimento era completo. In seduta non veniva fatto nient’altro per scaricare ulteriormente la coppia.

Come menzionato, la R2-12 è uno dei procedimenti più duri che possiate trovare nei Volumi Tecnici. Non cercate di percorrerla a casa. Tempi addietro, avreste potuto incontrare dei veterani che orgogliosamente si vantavano “Sono stato audito sulla 2-12 e sono sopravvissuto!”. Essere passati attraverso questo era visto come un simbolo d’onore e una prova di resistenza. Come mai il procedimento era così duro? Una buona parte della spiegazione consiste del fatto che a quei tempi l’auditing era stato solo parzialmente codificato. Cose che in seguito gli auditor rispettavano come leggi basilari, come il listing, quando il procedimento giunse alla programmazione e all’esecuzione di azioni, furono lezioni che Ron imparò in modo duro durante l’auditing di ricerca, inclusa la R2-12. In altre parole, il modo in cui la R2-12 veniva eseguita era in evidente violazione della Serie del C/S degli anni ’70 e della Legge del Listing and Nulling del 1968.

Il titolo completo dell’HCOB dà anche un’indicazione: “R2-12. Procedura d’Apertura tramite Rock Slam*”. La cosa che principalmente l’auditor cercava era un’identità (Item Affidabile) che dava un rock slam. E una volta che si era trovata un’opposizione che faceva rock slam, si sarebbe dovuto cercare una valenza che faceva rock slam che il preclear occupava. Oggi il significato di “rock slam” è “scopo malvagio” o area o personaggio di estrema natura distruttiva. Nel 1962 i rock slam erano visti (correttamente) come una condizione di gioco estrema che esisteva sui due lati della dicotomia. Era l’indicatore caratteristico della zona di guerra che esisteva tra il terminale e il terminale in opposizione. Vi era poca preoccupazione del caos che veniva sollevato dalla valutazione della zona di guerra. Una volta che era stato acceso un rock slam, il procedimento era completo; “il preclear poteva essere mandato dall’esaminatore” (non ve n’era nessuno nel 1962).

Una dicotomia in una GPM consiste in genere di due identità che sono nemici naturali.

Nel cercare identità che facciano rock slam, l’auditor cercava di localizzare due terminali in una condizione di gioco estrema, nemici che si saltavano reciprocamente alla gola. Il preclear può avere un lungo storico nell’essere uno dei due in opposizione all’altro. Molte volte il preclear ha occupato entrambe le identità in differenti punti della storia della sua traccia intera.

 

Inoltre, il modo principale con cui venivano scaricate le valenze nella R2-12 era attraverso il fare liste. L’idea era che, una volta che il preclear faceva listing, i lock si sarebbero staccati dall’item centrale, la valenza centrale che il preclear stava o occupando o alla quale si stava opponendo. Il bollettino inoltre dichiara: “Completate la lista come in ogni listing. Non fermatevi solo perché il preclear divaga o piange”. Apparentemente, il Listing fatto sulla R2-12 potrebbe rivelarsi una faccenda brutale di “forzare il preclear”. Fare il listing come quello al giorno d’oggi è ovviamente un “no no” e un “alto crimine tecnico” in base alle regole della tech standard. Guardando in retrospettiva dalle Leggi del Listing and Nulling (1968) questa era una un’azione senza fine di overlisting forzando il preclear. Ciò era soggetto al rischio di restimolare nel bank ogni genere di altre cose. Altre identità, altri conflitti, altre GPM.

Alan C. Walter, che era un auditor ricercatore negli anni ’60, lo ha messo in tal modo per iscritto in un gruppo in rete (ACT 2002):

“La ragione [per il sorgere di problemi] era il modo in cui venivano fatti il listing and nulling. In quei giorni facevamo lunghe liste DEEP (che interessavano Decisioni, Emozioni, Energie e Polarità). Era una bazzeccola il far liste di 2-3.000 item. E questo era molto prima di qualsiasi forma di lista di correzione. Solo quelli più in forma sopravvivevano”.

Seguendo le Leggi del Listing and Nulling del 1968, un auditor di solito trova l’item corretto su una lista di 10 item. L’andare oltre alla ricerca dell’item viene considerato un overrun.

Nel 1962, in base alla citazione precedente, non erano insolite le liste di migliaia di item. Non veniva visto come un’out tech, ma come un modo di scaricare e stabilire gli Item Affidabili, le identità centrali in guerra. Alcuni auditor che non seguivano alla lettera queste, a posteriori, orribili istruzioni alla fine ottenevano dei successi migliori. Ascoltate questa storia di “Huggie”. “Huggie” è il nomignolo di un auditor del campo dei vecchi tempi, della Nuova Zelanda. La sua iniziale esperienza con la R2-12 venne pubblicata sul sito di ACT nel 2002:

“Ero un auditor del campo a circa 800Km dalla HASI (l’organizzazione più vicina). Ho dovuto comprenderla per bene o sarei morto di fame. Ero quasi arrivato all’“esaurito” per l’aver ascoltato tutta quella merda caotica delle vite dei preclear, qualche volta aiutandoli a vederla sotto una luce maggiormente causativa, ma spesso rimanendo proprio bloccato all’inferno, incapace di vedere dove fosse l’errore.

L’ho amata, quando la R2-12 è saltata fuori. Ora, non dovevo più tracciare quelle giungle di mer*a, né ascoltarli all’infinito. Solo ottenere l’item, il terminale e bilanciare le opposizioni. (Il che significa entrare nelle dicotomie che regolano questo mondo). Non avevo nessuno che mi dicesse di non valutare un item sbagliato. Non dovevo arrivare a tollerare un ago sporco in crescendo quando mi immaginavo di aver fatto qualcosa di sbagliato nell’ultimo minuto o altro. Non si deve avere il cervello di uno scienziato della NASA per riuscire a capirlo.

Avevo un’OPPORTUNITA’ con essa. Ho richiamato un preclear con insuccessi dopo l’altro e tra ottobre e febbraio ho fatto abbastanza denaro da andare a Saint Hill.

Quando sono arrivato là, sono rimasto schoccato nello scoprire che non stavano più facendo la R2-12. Quando ho iniziato a vantarmi di essa, tutti mi hanno raccontato dei propri fallimenti e mi dicevano “non sai che ha seppellito chiunque l’abbia percorsa; perciò sarebbe meglio che ci dessi un taglio”. Maledizione, ero proprio un ignorante, non avevo avuto NESSUNO che mi diceva quanto fosse PESSIMA, così avevo continuato ad arare ottenendo buoni risultati e denaro. Ho osservato alcuni degli studenti che erano stati messi sotto controllo sulla R2-12 e mi sono morsicato la lingua per impedirmi dallo scommettere con loro che avrei potuto raddrizzare il tutto. Ma questa è stata una buona lezione nei miei primi tempi”. Firmato Huggie.

Apparentemente, Huggie potrebbe fare il lavoro della R2-12 e noi potremmo solo speculare su come si sia discostato dalla versione pubblica. Forse non ha fatto overlist. Forse ha prestato più attenzione quando ha individuato gli antagonisti. Forse ha semplicemente lasciato che il preclear ne parlasse, scaricando il caso restimolato permettendo che il preclear facesse “itsa” su quel che aveva trovato.

Un altro preclear, audito sulla R2-12 da un esperto auditor della California, ha avuto questi drammatici commenti:

“Sono stato audito sulla R2-12 e non è andata male. Ho ottenuto che della carica svanisse. Ma ho percorso delle GPM molto calde con la R3M o qualche procedimento del genere e mi sembrava che la R2-12 fosse per me un gradiente basso e troppo superficiale”.

Huggie della Nuova Zelanda in seguito ebbe alcune esperienze molto negative con l’auditing della GPM che ha riassunto senza mezzi termini in questo modo in un post su ACT:

“Ho sempre detto ‘più è semplice, meglio è’. Potete imbottire le vostre GMP complesse che hanno ucciso il mio amore e far impazzire il mio migliore amico”. (Chiedo scusa per il linguaggio franco).

Ovviamente questo non è stato necessariamente quel che lui ha fatto, ma quel che stava accadendo intorno a lui in quei momenti. Per ovvie ragioni, casualità e episodi come quelli erano intollerabili e finì che l’uso della R2-12 venne sospeso di lì a pochi mesi. Intorno al 1965 venne sospesa tutta la ricerca sulle Vere GPM come storie dell’orrore che continuavano ad accumularsi. Invece, vennero seguite le GPM Implant dove l’auditor avrebbe avuto una serie di scopi completamente mappata che avrebbe potuto seguire. Gli implant sono episodi di sopraffazione, di solito tramite strumenti elettronici, in cui verrebbe “impiantata” nel bank della persona una lunga lista di scopi artificiali da un “team di implantatori”. Gli implant tendono ad imitare le vere GPM, ma non avviene che si abbiamo come risultato del preclear che vive i propri scopi personali e tutte le sue esperienze e i conflitti che gli scopi hanno portato. Si può presupporre che tutta la ricerca sulle GPM sia stata abbandonata dopo numerosi episodi di alto rischio verso Ron personalmente e verso Scientology in generale. Fu, invece, un engram di gruppo di magnitudo. Anche queste storie sono state fino ad ora tenute nascoste, fa sembrare ordinaria la tragica morteLisa McPherson nella metà degli anni ’90.

 

La Potenza delle GPM.

Sembra ovvio che l’uso della R2-12 e degli altri procedimenti sulle GPM colpisca alcuni casi di alto voltaggio. Si tratta di una carica di una magnitudo di cui ad oggi non abbiamo mai sentito parlare. In base ad una conferenza di Ron Hubbard “La GPM propria di un preclear ha il potere e la velocità, rispetto a una GPM impiantata, di qualcosa come 1.000 o 100.000 a 1” (SHSBC 630811).

Nell’HCOB 9-28-63, Hubbard l’ha messa in questo modo:”I veri scopi e item del preclear sono parecchie migliaia di volte più aberrativi dell’Implant di GPM. E’ quasi divertente notare quanto duramente lavorino gli Implanters, quanti overt lascino accumulare e notare anche che se non fosse per la personale Massa dei Problemi sugli Scopi propria di un Thetan, non potrebbero avere nessun effetto negativo su niente. Come lavorano duramente. E tutto per niente. Non sono la fonte dell’aberrazione. Fanno semplicemente sembrare l’universo meno piacevole. Per quanto riguarda il creare aberrazione, non lo possono fare. Cose simili a Luci per il sonno, Schermi, Proiettori di false immagini, Implant di scopi, sono completamente innocui comparati alle masse dei Problemi degli Scopi proprie del Thetan.

Uno aberra se stesso. E se non lo ha fatto, nessun altro lo potrebbe fare. Qualsiasi cosa che preoccupi il preclear o riduca la sua capacità o potenziale di vita deve essere trovata in Veri Item o Scopi, non in engram o implant. Queste non sono cause primarie. Soltanto gli scopi e gli item personali del preclear sono essenzialmente in grado di causare il problema. Gli scopi e gli item personali del Pc sono la strada finale verso OT”.

Ovviamente, è importante dare un’occhiata più da vicino a tali aree per scoprire se ci siano modi sicuri per avere accesso e scaricare questo caso delle GPM. Sembra che le ripercussioni della ricerca avute sul gruppo durante gli anni ’60 abbia reso tutti introversi, incluso Ron. Ron non ha più rivisto l’area ma ha intrapreso un’altra via per audire gli implant e le entità che appare piuttosto essere uno smorto modo di estrarre carica dal caso indirizzandosi ad altri fattori invece che alle cattive scelte auto-determinate della persona, ai postulati, ai giochi aberrati e alle guerre che provengono dagli eoni della sua traccia del tempo.

 

R2-12 e Oltre.

Una motivazione del perché sia di valore dare un’altra occhiata alla R2-12, è che ha a che fare con “clear e pericolo presente”. Non ha a che fare con gli scopi né con gli item dei fogli blu dei line plot. Ha a che fare con l’impatto delle GPM sulla vita e sulle relazioni giornaliere.

La razionalità che il procedimento produce può essere utilizzata nei trattamenti PTS esperti, se non di già fatti. Gli abili maneggiatori di PTS possono aver dubbi su quel che il preclear fa al fine di scoprire il conflitto SP. Questo sta indirizzandosi all’altro lato del problema. Ci si può anche rivolgere alla beingness personale del preclear, diciamo, applicando le condizioni di etica e via dicendo.

Non vede alcun problema tecnico nel trovare i due lati della situazione PTS, utilizzando le abilità del moderno Listing and Nulling. Potrebbe non essere richiesta fino a che nel tempo non venga provato che l’esistente tech PTS è insufficiente. E’ un futuro livello superiore. Trovate l’opposizione, il nemico, l’SP, l’antagonista; poi trovate in che beingness si trova il preclear che è in opposizione a quella e potreste scaricare i due lati usando procedimenti moderni, come il percorrere confronto e responsabilità, etc.

Ad un certo punto il preclear dovrebbe essere in grado di assumersi la responsabilità di entrambi i lati del conflitto. Omettendo completamente di osservare il proprio lato di tale conflitto alla fine porta a condizioni di gioco del proprio. Si potrebbe teorizzare che uno dei motivi per i quali la Chiesa di Scientology è diventata così combattiva e isolata sia dovuto all’unilateralità dei loro trattamenti della PTS. Inoltre, poiché molti Freezoner hanno carica sulla CoS come esiste ad oggi, in qualche caso può anche essere benefico trattare la Chiesa come un terminale in opposizione e partire da lì.

Una cosa che sembra essere stata imparata da numerosi ricercatori nella Freezone, è che non è saggio cercare di affrontare i differenti livelli dell’inizio della GPM sui fogli blu dei line plot e tutti in una volta. Vi è vera carica nella GPM! Alto Voltaggio! Invece, si può avere a che fare con un conflitto alla volta, usando questa definizione presa dal bollettino R2-12: “La Massa del Problema sugli Scopi consiste di Item (valenze) in opposizione una all’altra. Una coppia di questi item, in opposizione uno all’altro, costituisce un problema specifico”.

Utilizzando questa definizione, si può affrontare una GPM avendo a che fare con un problema ben definito alla volta. Questo è il corretto gradiente. Una volta che una dicotomia è completamente scaricata, non vi è alcun pericolo nel cercare la successiva correlata. Se si cerca di seguire subito i fogli blu dei line plot, vi sono troppe biforcazioni lungo la strada per trovare con sicurezza quell’unica via.

 

La scoperta delle GPM è stata una scoperta originale che Ron fece intorno al 1961. A mio parere, è del livello di scoperte come gli engram e i gradi. Di fatto, io la ritengo al di sopra di quelle. Le masse e le significanze contenute nella mente, chiamate GPM, sono le registrazioni compresse di conflitti persistenti attraverso i quali la persona è passata ed ha perso. Riflettono quel che la persona è stata, ha fatto e ha avuto fin dagli inizi del tempo. Quando si inizia a mandare in pezzi queste masse, si mette in comparazione (in ordine inverso) ciò che il preclear ha fatto per tutta la durata di questo universo ed anche prima di questo. La scoperta delle GPM è derivata dai procedimenti d’indirizzamento degli scopi, come gli Scopi SOP menzionati nel bollettino sui TRs. Si trovò che gli scopi erano bandiere rosse che sventolavano su un caso. Portarono a più importanti aree di conflitto, carica e aberrazione. (Gli scopi possono anche essere utilizzati come un punto d’entrata per i casi, ad un livello più basso, ad ogni modo. Vi è una tecnica per utilizzare gli scopi come punti d’entrata che è andata completamente persa). Dagli scopi di auditing, l’intera anatomia delle GPM fu scoperta pezzo dopo pezzo. Tuttavia, i fondamenti della tech non erano idonei a maneggiare la carica incontrata. Usando le parole di Alan Walter, durante quella ricerca “eravamo illitterati spirituali”.

“Non potremmo occuparci delle ascensioni”. Negli anni di pratica il gruppo di ricerca dell’originale Saint Hill Special Briefing Course è passato attraverso numerosi episodi engramici (come abbandoni, suicidi e serie malattie). Alla fine ciò è risultato nel fatto che l’intera ricerca è stata abbandonata.

E’ tempo di cercare di affrontare l’area con quel che conosciamo. Ho visto che le GPM sono le vere barriere all’essere OT. La prossima vera barriera che si conosca. Gli scopi in conflitto e le identità in guerra, i giochi aberrati in cui risulta si trovino, sono gli elementi che formano le GPM. La risposta a come e perché siamo scesi lungo la spirale discendente si trova all’interno. Audire le GPM è “mettere in parallelo quel che la mente sta facendo” ed ha fatto per eoni. Mettere in parallelo la mente del preclear è una regola di base per una programmazione e un auditing di successo dei casi. Oggi, abbiamo le regole di standard tech come le regole di base che seguite per ottenere i migliori risultati con i procedimenti. Abbiamo “F/N ogni cosa”, “le leggi del listing and nulling”, abbiamo “il fenomeno finale di un procedimento”, etc. etc.

Dalla serie del C/S conosciamo l’importanza dei set-up e delle riparazioni. Il tenere tutto questo in considerazione rende abbastanza possibile sviluppare la tech come era intesa. La spirale discendente che la traccia delle GPM descrive, è il come siamo diventati meno ambiziosi, meno potenti ed abbiamo perso parti di noi stessi. E’ tempo di voltarci indietro, confrontare quel che è accaduto e passo dopo passo riprendere la lunga strada del ritorno alla nostra vera beingness. Questo era il mio sogno originario quando sono entrato in Scientology e lo è ancora. Forse è anche il vostro.

 

230 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, Scientology indipendente, Uncategorized