Archivi tag: ron hubbard

Da Sun Tzu a Lao Tzi; Il Cambiamento di Marty Rathbun -C’e’ un Elefante nella Stanza

Siete Scientologist Indipendenti ? Pensate con la VOSTRA testa !

marty

Da Sun Tzu a Lao Tzi

il Cambiamento di Marty Rathbun

Questo è il post che Marty Rathbun ha pubblicato per le critiche ricevute a seguito dell’articolo pubblicato qualche giorno fa, che a sua volta LaReception ha pubblicato con il titolo “E’ Spirito di Qualità o di Quantità”? Il percorso di Rathbun prosegue quindi dritto e spedito nella direzione di una Scientology libera e consapevole della sua storia fatta, di molte luci ma anche di molte ombre. Da parte nostra noi abbiamo sempre detto e ribadito che uscire dalla Chiesa di Scientology è un percorso di distacco dai fanatismi e intolleranza della chiesa, che parte con l’assegnazione di tutte le responsabilità delle soppressioni e atrocità che avvengono nella Chiesa di Scientology al Management attuale ed in particolare al suo capo, ma che passa poi da una riconsiderazione completa delle proprie responsabilità all’interno di quella storia (“diventare più onesti” dice David Mayo) e una riconsiderazione di tutta la storia di Scintology, cercando di individuare quei meccanismi che hanno permesso una simile degenerazione. Sinceramente non pensavo che Rathbun procedesse così velocemente e intelligentemente su quel sentiero. Siamo tutti noi in un “divenire” per cui non possiamo sapere dove lui andrà a parare alla fine, certamente essere passati dall’esaltazione del Generale cinese Sun Tzu e della sua arte della guerra all’apprezzamento di Lao Tzi e della sua filosofia del Tao ci pare uno sviluppo assolutamente promettente, per nulla conflittuale, anzi propedeutico, con il procedere con l’auditing e i livelli OT.

 

C’è un Elefante Nella Stanza

di Marty Rathbun

 

elefantenella stanza

Elefante nella stanza

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Elefante nella stanza (en. Elephant in the room) è un’espressione tipica della lingua inglese per indicare una verità che, per quanto ovvia e appariscente, viene ignorata o minimizzata. L’espressione può riferirsi anche ad un problema molto noto ma di cui nessuno vuole discutere.[1] L’idea alla base è che un elefante dentro una stanza sarebbe impossibile da ignorare; quindi, le persone all’interno della stanza fanno finta che questo non sia presente, evitando così di affrontare un problema più che palese.

Il primo uso attestato della frase, in qualità di similitudine, è registrato nell’Oxford English Dictionary, che rimanda ad un articolo del New York Times del 20 giugno 1959: “Finanziare le scuole è diventato un problema più o meno uguale ad avere un elefante in salotto. È così grande che non si può semplicemente ignorarlo”.[2]

 

C’è un Elefante Nella Stanza

 

Se la gente vuole sapere perché recentemente, tutto all’improvviso, c’è stato così tanto rumore nel campo indipendente sulle mie spaventose opinioni eretiche, sarebbe doveroso che si faccia come Ron ricorda nella tecnologia di auditing e cioè “di guardare un po’ prima”.

Un Elefante nella Stanza: Un idioma metaforico che nella lingua inglese sta a significare una verità evidente che o è stata ignorata o non ha avuto seguito. L’espressione idiomatica vale anche per un evidente problema o rischio che nessuno vuole vedere o discutere – Wikipedia

 

Nel mio libro Che Cosa C’è Che Non Va In Scientology? Guarire Attraverso la Comprensione vi è un vero e proprio branco di elefanti che marcia nella casa di Scientology indipendente. Oggi identificherò uno di questi elefanti.

 

C’è il Capitolo XIII Reversal (Capovolgimento, rovesciamento, Inversione). … In quel capitolo ho detto chiaramente dove e come un capovolgimento di importanza critica è entrato nello schema di Scientology che dà la possibilità di trasformarla da una tecnologia che libera la mente e lo spirito ad una che imprigiona gli esseri all’interno di una mentalità settaria.

 

Nell’anno successivo alla pubblicazione del libro, non un singolo Scientologo praticante indipendente ha originato una sola parola circa le piuttosto evidenti ed estese implicazioni di ciò che avevo trattato in quel capitolo. Alcuni hanno disconnesso da me, alcuni mi hanno assegnato delle basse condizioni di etica – incluso ‘Tradimento’ per aver affermato dei fatti che potevano essere in conflitto con le opinioni di L. Ron Hubbard. Per me, tali azioni non hanno fatto altro che confermare ciò che è contenuto nel capitolo citato del mio libro. Il “capovolgimento” è evidentemente efficace e presente sia dentro che fuori la chiesa ufficiale. Io sono sempre più convinto che la via di uscita non passa attraverso il conformismo, la sottomissione, il fanatismo e l’auto-indotta cecità. Questa ignoranza auto-indotta relegherà la ‘Scientology Indipendente’ allo stesso ruolo che ha giocato nel corso degli ultimi 30 anni: un mero parassita attaccato alla Chiesa di Scientology.

 

Una “Scientology Indipendente” di quel tipo continuerà a camminare a passo di marcia (con un superficiale distinzione egoicamente asserita tra sé stessa e la Chiesa) verso l’abbandono del soggetto, quando il sostegno dei disaffezionati dalla chiesa a poco a poco si esaurirà. Nessuna integrazione, quindi nessuna capacità di attrarre nuovi studenti. Nessuna evoluzione, quindi continui inevitabili conflitti su chi è ‘più standard’ in un soggetto che si presta a infinite discussioni su questo punto. Nessuna trascendenza, e quindi alla fine nessun “muoversi un po’ più in alto” (ndt il titolo del blog di MR). Dianetics e Scientology non sarebbero mai stati sviluppate se L. Ron Hubbard fosse stato un conformista.

 

Dal libro di Marty, traduzione di Indipendologo .

Di nuovo, Hubbard era completamente in linea con quanto scritto nel Tao:

Getta via moralità e giustizia, e vedrai che le persone faranno le cose giuste… Più proibizioni tu hai, meno virtuose saranno le persone … Io ho lasciato andare la legge e le persone sono diventate oneste.

Comunque, con l’avvento di volumi di policy, che hanno creato strati gerarchici di restrizioni sul gruppo ed il controllo usando una forma di polizia aggressiva sulla morale degli individui, la promessa della sanità e della felicità di un gruppo e di una sociatà chiarite venne rimpiazzata. I nuovi paradigmi della dottrina che venivano seguiti, in esseza, stabilivano che l’unico modo per ottenere una “società chiarita” fosse attraverso l’utilizzo di un gruppo controllato in modo stretto e disciplinato di conseguenza e la cui sopravvivenza doveva prendere il sopravvento su ogni cosa e su qualsiasi altra considerazione. Mentre venivano scritti volumi su come dovevano essere portate avanti le organizzazioni di Scientology per raggiungere la promessa del Clearing e dell’OT, non importa quanto la si voglia condire, le policy di Scientology hanno creato e richiesto l’uso di una forza, che a meno che uno non sia in un totale negazionismo, non è altro che una polizia che fa rispettare cose che sono state proibite, in modo da proteggere le persone buone da coloro che sembra siano dedite al malvagio.

Sono ben consapevole che queste mie visioni delle cose saranno condannate da molti Scientologist, sia corporativi che non.

Ma io ritengo che se uno esamina spassionatamente il fatto su come sono stati e vengono trattati i Clear e gli OT, e come abbiano così docilmente accettato di essere trattati in quei modi, e come loro si stiano comportando all’interno della Scientology Inc., l’ignorare o il negare che Hubbard abbia in qualche modo dato forza a quei trattamenti e a quei comportamenti sarebbe condannare gli Scientologists a ripetere una storia della quale devono sistematicamente rimanere ignoranti ma in qualche modo perpetrare.

Non sto dicendo qui che Hubbard abbia sbagliato nel reagire all’opposizione nel modo in cui ha reagito. E non sto neppure dicendo che non sia stato corretto l’aver preso memoria di queste sue reazioni tramutandole in “policy”. Ma io affermo che se le policy di Hubbard vengono prese LETTERALMENTE, al di fuori del tempo e del contesto nel quale sono state generate, si diventa facendolo un estremista. Con l’estremismo si perdono i benefici potenziali che altrimenti si acquisirebbero dall’applicazione delle scoperte fatte da Hubbard.

E’ mia opinione che non vi sia luogo peggiore dei più alti livelli del Ponte, i Livelli OT dove l’essere letterali e l’essere estremisti diventano incredibilmente dannosi.

70 commenti

Archiviato in Casa Minelli, DATI STABILI, David Mayo, LRH, Marty Rathbun, OT, Scientology indipendente, Uncategorized

Chi c’è dietro a Scientology? parte I

Siete Scientologist indipendenti? Pensate con la vostra testa!

Quest’anno non ci sara’ il post dedicato al Natale, informazioni importantissime riguardo a Scientology

devono essere divulgate ad ampio raggio e questo post necessita di piu’ parti per poter essere seguito.

Vi mando un abbraccione virtuale, vi auguro Buon Natale, mangiate una fetta di Panettone alla mia salute.

Un ringraziamento speciale a tutti coloro che contribuiscono a mantenere La Reception

un onesto porto di mare dove non si paga dazio e dove gli Scientologist possono trovare la propria via verso la propria Liberta’ Spirituale.

Un Grande inchino per Simon, Indispensabile Compagno di Merenda.

Non smettero’ mai di ringraziarvi.

Francesco

PTS o SP? In molti si sono fatti questa domanda pensando al lavoro svolto da David Miscavige in questi ultimi decenni; è un grande PTS o un SP della Traccia Intera?

La domanda, se per alcuni ha avuto risposta, per altri è ancora pendente.

Richard ha scritto nel suo ultimo post che DM non è un SP, una sua cognition? Tanto di cappello a Richard perché è proprio ciò che Ron Hubbard scriveva tanto tempo fa riguardo agli Psicotici (SP). 

Dall’HCO PL del 5 Aprile 1965 – MANEGGIARE LA PERSONA SOPPRESSIVA, LA BASE DELL’INSANIA.

“…La persona soppressiva (che in passato abbiamo chiamato Mercante di Paura o Mercante di Caos e che ora possiamo chiamare tecnicamente Persona Soppressiva) non riesce a sopportare l’idea di Scientology.  Se le persone migliorassero, la persona soppressiva avrebbe perso. La persona soppressiva risponde a ciò attaccando Scientology di nascosto o in modo manifesto. Scientology è, secondo lei, la sua mortale nemica perché disfa il “bel lavoro” che lei ha fatto nel mettere le persone giù dove dovrebbero stare…

Se ti senti un po’ disperso leggendo questa lettera di policy, allora renditi conto che essa tratta di un essere la cui “protezione mimetica” consiste nel disperdere gli altri e rimanere così invisibile

La persona soppressiva che visibilmente cerca di abbattere le persone o Scientology è facile da individuare. Nel far questo fa un gran baccano…

Si vede un caso che va su e giù. All’altro lato del caso, non vista dall’auditor, c’è la persona soppressiva…

Chiunque si può “infuriare” e fracassare alcune sedie quando una persona soppressiva oltrepassa i limiti. Ma in questo si può vedere un senso. Infuriarsi non fa di una persona un pazzo. Ciò che contraddistingue la pazzia sono le azioni dannose prive di visibili motivi sensati…

Perciò stai attento a chi chiami persona soppressiva. La persona connessa a una persona soppressiva può essere l’unica in collera visibile…

Dovresti avere qualche esperienza in proposito: la donnina timida, che raramente cambia espressione e che è molto virtuosa, connessa a qualcuno che da in escandescenze…”

Quindi Ron ci ha messo in guardia un altra volta, e lo ha fatto molto tempo fa. La vera persona soppressiva è INVISIBILE e tale deve rimanere per poter svolgere al meglio il suo lavoro distruttivo. Sono le persone intorno a lui quelle che scalpitano e si dimenano, che urlano e prendono a botte le cose e le persone … vi ricorda qualcuno?  Ora scopriamo chi si nasconde dietro a Scientology e chi muove le fila dei burattini che la rappresentano.

I fattori da tenere in considerazione sono molteplici, innanzi tutto dobbiamo essere disposti a rimuovere dati falsi inerenti ad avvenimenti nella Chiesa di Scientology.

Primo tra tutti il come e quando e’ morto LRH.

Da indipendenti dobbiamo anche essere disposti a guardare oltre e mi riferisco a DM .

Definito SP Number ONE, Implanter degli Implante e cosi’ via…

Che faccia fareste se scopriste che non e’ altro che un BURATTINO,

che in cambio di FAMA, SOLDI e “POTERE”

sta eseguendo alla perfezione “Ordini dall’alto” ?

Alla fine di questo Post diviso in piu’ parti credo che anche la vostra domanda sara’:

” Ma le persone che erano li al tempo con DM, per quale motivo non dicono esattamente cosa e’ successo ? Quale e’ il loro vero scopo ? “

Buona lettura.

CHI C’E’ DIETRO A SCIENTOLOGY? PRIMA PARTE

CST tree

Il Religious Technology Center (RTC) ha il controllo sull’uso del marchi e sulla “Tecnologia Avanzata”, ma solo con l’approvazione e la continua benedizione di CST (che fa affari sotto al nome di L. Ron Hubbard Library).

Benché la Chiesa di Scientology Internazionale (CSI) abbia autorità manageriale sulle organizzazioni di Scientology più basse, CSI è strettamente “middle management”, ed è semplicemente senza poteri se gli manca l’uso dei lavori a marchio e i marchi.

CST è unica, nel fatto che è la sola corporazione di Scientology conosciuta che abbia “Direttori Speciali”. Il loro ruolo esatto è sconosciuto, ma sembra detengano molto potere.

Quindi, chi SONO queste persone segrete al potere?

La risposta breve è: nessuno lo sa! – perlomeno, nessuno al di fuori del piccolo circolo di coloro che sono al controllo.

Il motivo perché nessuno sa, deriva dalle leggi corporative della California e dai codici dell’IRS. In California, solo i membri delle corporazioni religiose hanno accesso ai documenti corporativi che nominano i fiduciari, i direttori, i direttori speciali e gli ufficiali. E la Chiesa di Spiritual Technology è stata formata specificamente per non AVERE NESSUN MEMBRO. In questo modo è stato il direttore di CST che si è assicurato che le identità delle persone che la dirigono rimangano protette per sempre.

CHI L’HA FORMATA PER ESSERE UN SEGRETO? CHI SONO I FONDATORI?

Ci sono Quattro co-fondatori: Sherman Lenske, Meade Emory (un ex assistente di un Commissario dell’IRS), Lyman Spurlock e Leon Misterek. Dei Quattro, solo Lyman Spurlock dice di essere uno scientologo. Gli altri tre sono avvocati fiscali e testamentari.

stephen-a-lenske-meade-emory-sherman-d-lenske-lyman-spurlock

Benché i Quattro siano nominati come co-fondatori in una sentenza di una corte degli Stati Uniti del 1992 (vedi QUI), Sherman Lenske è nominato come il gestore unico negli articoli della corporazione.

FONDATORE N°1 Sherman Lenske, stando ai file della corte degli Stati Uniti e ai suoi testimoni, l’avvocato Sherman Lenske non è uno Scientologo, ma nel Maggio del 1981 – dopo che L. Ron Hubbard era scomparso, per non essere mai più visto vivo – Lenske apparì sulle scene, dichiarando di essere “L’avvocato personale” di L. Ron Hubbard. Poco meno di due mesi dopo – circa il 13 Luglio dell’81 – Mary Sue Hubbard venne deposta dalla sua posizione di controllore, dalla quale controllava la struttura corporativa di Scientology , i suoi copyright e marchi d’impresa.

Nei mesi a seguire la deposizione di Mary Sue Hubbard, Lenske divenne il principale strumento della ristrutturazione di tutte le corporazioni di Scientology. E, il 28 Maggio del 1982, Lenske, Meade Emory, Lyman Spurlock e Leon Misterek, fondarono CST – che divenne di li a poco il controllore di ogni proprietà intellettuale che L. Ron Hubbard e Mary Sue Hubbard avessero controllato fino ad allora.

L’uomo del mistero Sherman Lenske, è stato invisibile per tutti i 15 anni del suo ufficio, dietro alle scene della struttura di potere di Scientology. La maggioranza degli scientologist non hanno mai sentito parlare di Lenske, e tantomeno saputo quanto controllo avesse avuto su Scientology. Ma lui ha occupato una posizione unica ed è stato parte di ogni entità che abbia mai controllato i copyright e i marchi, pur non avendo mai avuto a che fare con Scientology ed L. Ron Hubbard. Fu anche l’avvocato testamentario che scrisse i voleri di L. Ron Hubbard – volontà che hanno reso Norman F. Starkey il fiduciario e l’esecutore dei beni di L. Ron Hubbard, il quale donò ogni cosa a CST.

Nella sentenza della corte del 1992, Lenske venne nominato come uno dei “Direttori Speciali” di CST, assieme a Stephen Lenske (fratello di Sherman) e a Lawrence Heller, un ex socio dell’ufficio legale dei fratelli Lenske.

Se queste tre persone detengono ancora le loro posizioni di “Direttori Speciali” non è dato sapere. Ripetute telefonate e fax all’ufficio dei Lenske, che chiedevano riguardo ai loro ruoli attuali nel comando di CST, rimasero senza risposta.

FONDATORE N°2: Meade Emory. Lui è un co-fondatore di CST e forse c’erano pochi altri candidati per quella posizione in tutto il pianeta. Come Lenske, anche Emory non è uno Scientologo, ma Meade Emory servì dal 1970 al 1972 come consigliere legislativo per la commissione sulla tassazione del congresso degli Stati Uniti. Ed era stato un ex assistente di un commissario dell’IRS. Questa connessione da sola fa alzare le sopracciglia di molti scientologist di lungo corso. Che però rimangono del tutto sbalorditi quando scoprono in che anni Emory fece questo lavoro per l’IRS: 1975-77.

Perché questi anni sono così significativi? Perché fu in quegli stessi anni che i documenti dell’IRS venivano rubati da un dipendente dell’IRS chiamato Gerald Wolfe, e venivano passati segretamente al Guardian Office di Scientology. Come risultato, nel 1977 l’FBI fece dei raid nei quartieri generali di Scientology, i quali portarono alla dissoluzione del Guardian Office e alla deposizione di Mary Sue Hubbard.

A seguire, meno di anno dopo la deposizione di Mary Sue Hubbard, Meade Emory fondo CST assieme agli altri. E CST finì in controllo di ogni cosa che Mary Sue e il Guardian Office  avevano precedentemente controllato. Coincidenza? Quando è stato contattato riguardo all’attuale leadership di CST, Emory declinò ogni commento.

FONDATORE N°3: Leon Misterek, avvocato di Seattle (e non Scientologo), è poco conosciuto. Misterek venne contattato, ma non ha fatto commenti sul suo coinvolgimento nell’establishment di CST, eccetto dire che fu durante un periodo quando era socio nello studio legale di Meade Emory. In risposta a un successivo tentativo, Misterek disse, “Non ho voglia di perdere tempo  nel farmi rinfrescare la memoria”.  Declinò anche qualsiasi commento sull’attuale dirigenza di CST, dicendo solo che non poteva essere di “nessun aiuto”.

FONDATORE N°4: Lyman Spurlock. È l’unico scientologo coinvolto come fondatore di CST. La sentenza della corte degli Stati Uniti del 1992 dice che Spurlock “è il presidente di CST, uno dei suoi Direttori Speciali e uno dei suoi fiduciari”. Il documento continua così: “è anche un fiduciario di RTC”. Ma non è finita. Se Spurlock è ancora in queste posizioni (e chi lo potrebbe rimuovere?), sta anche indossando questi Hat, perché nel 1996 è risaputo che si è identificato in una lettera come “L’Ufficiale degli Adempimenti Fiscali” per RTC. Ancora non siete confusi? Beh, lo abbiamo tracciato per voi come aiuto, così che possiate seguirci:

  1. Spurlock, come co-fondatore di CST, apparentemente si è insignito come fiduciario di CST.
  2. Poi, come fiduciario, si è eletto Direttore.
  3. E, infine, come Direttore è stato in grado di eleggere se stesso come Presidente (Un Ufficiale Corporativo). Chiaro no?!

Come abbia fatto a diventare un fiduciario di RTC non lo sappiamo. Ma come fiduciario, se si vuole eleggere “Ufficiale degli Adempimenti Fiscali” chi glielo può impedire?

C’è un altro elemento inquietante nella sentenza del 1992 che nomina Spurlock come Presidente di CST; quello stesso documento di corte dice che CST ha scritto che il Segretario della corporazione (un’altra importante posizione ufficiale della corporazione) era Leo Johnson. Ma abbiamo appreso che nel 1992 a Leo Johnson gli era stata diagnosticata una demenza in stato avanzato, al punto che non era in grado di formulare semplici frasi. Com’è allora che avrebbe potuto gestire il lavoro vitale e importante di segretario corporativo? Colui che tiene i registri?

Se ancora oggi Spurlock detiene i poteri mostrati nella carta non è dato sapere. Non siamo riusciti a trovare numeri di telefono intestati a CST. Ripetute chiamate alla Chiesa di Scientology Internationl (CSI) e al Religious Technology Center (RTC), nel tentativo di parlare con Lyman Spurlock, non hanno avuto esito. I receptionist in entrambi i luoghi si sono rifiutati di dirci se Spurlock sia rintracciabile e non ci hanno mai richiamato.

COSA STANNO NASCONDENDO?

Perchè nessuno dei fondatori di CST è in grado di rispondere a delle semplici domande sull’attuale dirigenza della corporazione?

Perché hanno fondato CST in modo che il pubblico non venisse a conoscenza su chi sono i leader?? Perché non ci hanno mai richiamato? Non lo sappiamo.

È certo che l’IRS sa chi sono gli atuali leader; gli condedono l’esenzione fiscale, e i precedenti accordi segreti con l’IRS richiedono un certo quantitivo di rapporti annuali da sottoporre all’IRS su tutte le entità collegate a Scientology. E’ virtualmente certo che la leadership di CST sia parte di ciò che deve venire rapportato.

Continua…

25 commenti

Archiviato in Casa Minelli